Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Il progetto di data integration del Centro internazionale di studi “Primo Levi”: modalità di restituzione sul web di descrizioni relative al patrimonio documentario per un accesso integrato a risorse di natura eterogenea

Cristina Zuccaro

Note de l’auteur

Project work

Biblioteche e archivi nella rete: ricerche interoperabili attraverso il web semantico e i Linked Open Data
Tesi di Master

Master di primo livello in “Formazione, gestione e conservazione di archivi digitali in ambito pubblico e privato”
Università degli Studi di Macerata

Tesi discussa il 18 gennaio 2013
Relatore prof. Pierluigi Feliciati

Texte intégral

1La ricerca è stata oggetto del project work (Modalità di restituzione sul Web delle descrizioni relative al patrimonio documentario del Centro internazionale di studi “Primo Levi”: per un accesso integrato a risorse di natura eterogenea) e della tesi finale di Master (Biblioteche e archivi nella rete: ricerche interoperabili attraverso il Web Semantico e i Linked Open Data). Il progetto dell’OPAC del Centro internazionale di studi “Primo Levi” è stato concepito e realizzato con la consulenza e la supervisione del professor Maurizio Vivarelli, docente di Biblioteconomia, Archivistica e Scienze documentarie presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Torino.

2I risultati dello sviluppo del catalogo, le caratteristiche informative e documentarie adattate alle esigenze del Centro “Primo Levi” e le più significative innovazioni sono state presentate nei seminari dei corsi di Biblioteconomia tenuti dal professor Vivarelli l’8 aprile 2010 e il 12 aprile 2012. Su «Culture del testo e del documento», n. 37, Gennaio-Aprile 2012, è stato pubblicato un articolo relativo al modello di gestione del patrimonio documentario del Centro, che ripercorrere le fasi di progettazione, creazione e sviluppo della raccolta, analizzando più a fondo lo strumento informatico scelto per contenere, organizzare e rendere accessibili le registrazioni bibliografiche e catalografiche: Cristina Zuccaro, Il catalogo del Centro internazionale di studi “Primo Levi” di Torino. Struttura, funzioni, linee di sviluppo.

  • 1 E. Hyvönen, Publishing and Using Cultural Heritage Linked Data on the Semantic Web, Palo Alto (CA, (...)

3«Cultural Heritage data is syntactically and semantically heterogeneous, multilingual, semantically rich, and highly interlinked. It is produced in a distributed, open fashion by museums, libraries, archives, and media organizations, as well as individual persons. Managing publication of such richness and variation of content on the Web, and at the same time supporting distributed, interoperable content creation processes, poses challenges where traditional publication approaches need to be re-thought. Application of the principles and technologies of Linked Data and the Semantic Web is a new, promising approach to address these problems […]. Contents of memory organizations are usually situated in different ‘silos’; the database are distributed at different locations and use different database system and schemas. […] Organizational boundaries of data create severe obstacles for information retrieval to end-users who have to know what content could be found in what collection, have to learn how to use different search systems, and have to query and collect data multiple times using different Web interfaces».1

4Il patrimonio informativo dei beni culturali – e in particolare le relazioni tra archivi, biblioteche e musei, con riferimento alla descrizione tramite strumenti informatici, ai paradigmi scientifici e descrittivi e agli standard di dominio – è un tema quanto mai attuale: una delle più importanti conseguenze di una mole sempre più cospicua di dati eterogenei sul web consiste infatti nella nascita di numerosi sistemi chiusi di informazioni, che non sono interoperabili in alcun modo e risultano difficilmente collegabili tra loro. D’altra parte, l’analisi e mappatura fra i metadati rivelano come la diversa granularità – in primo luogo per quanto riguarda i livelli descrittivi delle risorse informative – rappresenti un fattore particolarmente critico se esteso a sistemi dissimili e non omogenei, in cui è necessario salvaguardare insieme ai contenuti informativi anche tutti gli elementi di contesto. Il Centro internazionale di studi “Primo Levi” di Torino (<www.primolevi.it>) gestisce, fin dalla sua nascita nel 2008, una raccolta completamente dedicata alla vita e all’opera dello scrittore in cui sono conservati, oltre a varie opere di Primo Levi in italiano e in altre lingue, numerosi saggi critici. La descrizione delle risorse documentarie che costituiscono la raccolta è accessibile dal catalogo in linea, il risultato di uno sviluppo dell’applicativo Erasmo.Net2, e potenzia e potenzia le caratteristiche informative e documentarie, e integra in un unico ambiente documentario registrazioni di natura diversa ed eterogenea, non solo dal punto di vista documentario – monografie, periodici, spogli, opuscoli, ritagli stampa – ma anche per quanto riguarda l’organizzazione dei risultati e i contenuti informativi delle registrazioni stesse. Il catalogo consente infatti, oltre alle classiche modalità di ricerca secondo i criteri documentari consolidati, un accesso tematico attraverso un vocabolario controllato di parole chiave – predisposto ad hoc da uno dei più noti studiosi di Primo Levi, il critico letterario Domenico Scarpa, – pensato in forma duplice: per Opere, attraverso l’indicazione delle opere di Primo Levi cui la risorsa documentaria si riferisce (sia essa una recensione, un saggio critico o una traduzione); per parole chiave, sulla base delle peculiarità dell’opera leviana e dello sviluppo avutosi sinora, allo scopo di descrivere il contenuto dei testi critici su Levi nella maniera più esaustiva possibile. Nel corso del 2012 – in seguito alla costituzione di un archivio in cui, oltre alle carte dello scrittore, saranno conservati fondi personali di coloro che hanno avuto relazioni con Levi e che hanno deciso di donare o depositare i loro documenti presso l’istituto – è sorta la necessità di una riflessione sulle molteplici complessità legate all’uso del web come strumento di comunicazione e l’esigenza di ripensare i modelli di rappresentazione finora utilizzati, per offrire agli utenti vantaggi informativi particolarmente rilevanti e innovativi, sviluppando un’infrastruttura tecnologica in grado di garantire interoperabilità tra le descrizioni delle diverse tipologie documentarie (rispettando e mantenendo i contesti di origine e gli ambiti disciplinari), fortemente integrata con il sito web. La riflessione è partita dall’esame delle caratteristiche (documentarie e descrittive) di archivi considerati “impropri” come quelli personali, particolarmente eterogenei dal punto di vista delle tipologie documentarie, e in cui la distinzione tra biblioteca e archivio – o meglio tra collezione e archivio in senso proprio – non è cosi netta.

 

  • 3 Il Centro studi “Primo Levi” utilizza per la descrizione dei fondi archivistici il software Archos (...)

5All’inizio del 2012 si è costituito un gruppo di lavoro, coordinato dal professor Maurizio Vivarelli, per esaminare le architetture e le logiche descrittive dei due software (Archos3 per la descrizione di archivi ed Erasmo per la catalogazione delle risorse documentarie) insieme agli sviluppatori dei due sistemi di descrizione, agli archivisti e ai bibliotecari dei due istituti, con lo scopo di dare origine a un modello coerente di struttura logico-informativa. Contemporaneamente sono iniziati i lavori di schedatura, descrizione e riordino di alcuni fondi di persona donati al Centro, ritenuti particolarmente adatti, per le tipologie dei documenti conservati, a fornire la base documentaria, complementare alla raccolta già costituita, per testare il modello (la fase di testing è ancora in corso). Una prima fase del lavoro è stata finalizzata allo sviluppo di forme di interrogazione condivisa tra i fondi archivistici versati al Centro e la raccolta, utilizzando gli indici tematici (Opere e Parole chiave) come “ponti” per un accesso integrato ai due ai due ambienti informativi. Il risultato che si e deciso di perseguire è, in estrema sintesi, quello di consentire agli utenti di recuperare, attraverso una voce d’indice condivisa, descrizioni di tipo biblioteconomico (opere, traduzioni, riduzioni teatrali o radiofoniche, saggi critici, recensioni, interviste) registrate nell’OPAC, e descrizioni di schede archivistiche (dattiloscritti, manoscritti, fotografie, ritagli stampa, oggetti) relative alla medesima opera (ad esempio Se questo è un uomo) o alla medesima area tematica (ad esempio Deportazione e Lager). A tal scopo sono stati cumulati gli indici tematici di matrice bibliografica (Opere e Parole chiave) con le voci tematiche (Keywords) utilizzate dal software di descrizione archivistica, che consente l’indicizzazione non solo per toponimi, antroponimi, persone ed enti, ma anche per soggetti, cercando di dar vita a un primo livello di interoperabilità, quello dei linguaggi di indicizzazione, attraverso l’utilizzo di termini indicali sovraordinati rispetto alle singole discipline, come quelli tematici, e integrando così le modalità classiche di conoscenza delle strutture archivistiche con strumenti nati al di fuori della disciplina archivistica.

 

6Il lavoro portato avanti finora dal Centro “Primo Levi” assume particolare rilevanza nella prospettiva di collaborazione con il Centro studi “Piero Gobetti” di Torino, per valorizzare le personalità e l’opera di Norberto Bobbio – il cui archivio e la cui biblioteca sono conservati presso il Centro Gobetti – e Primo Levi, e contestualmente, innovare e migliorare la qualità dei modelli di organizzazione concettuale, bibliografica e archivistica dei complessi documentari che presso i due Centri sono conservati, gestiti e resi disponibili per le diverse comunità di fruitori. L’obiettivo perseguito dai due istituti è infatti quello di definire un modello di organizzazione delle informazioni capace di integrare e valorizzare documenti di straordinario valore storico, culturale, comunicativo, in cui si oggettivano temi fondamentali per la memoria culturale del Novecento, e delineare un ambiente informativo e documentario che si qualifichi come territorio di dialogo, entro il quale sappiano confrontarsi, e comprendersi, i linguaggi dei documenti e quelli delle diverse comunità interpretative che a quei documenti vogliano fare riferimento. Un modello che da un lato garantisca il dialogo tra ambiti documentari tra loro eterogenei, e nello stesso tempo si integri alle esigenze connesse all’organizzazione dei contenuti documentari nella più generale cornice del web, e in particolare del web semantico, per esplorare analiticamente e approfonditamente i contenuti informativi delle diverse tipologie di risorse documentarie.

Notes

1 E. Hyvönen, Publishing and Using Cultural Heritage Linked Data on the Semantic Web, Palo Alto (CA, USA): Morgan & Claypool Publishers, 2012

2 <http://www.cs.erasmo.it/>. Gli URL relativi alle note sono stati consultati in data 18 giugno 2013.

3 Il Centro studi “Primo Levi” utilizza per la descrizione dei fondi archivistici il software Archos Metarchivi (<http://metarchivi.istoreto.it/>) creato e implementato dall’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Torino: un sistema integrato di catalogazione, archiviazione e ricerca, che opera sulle differenti tipologie di documenti appartenenti ai fondi e alle collezioni di diversi enti conservatori.

Auteur

Università degli Studi di Macerata

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search