Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Una biblioteca digitale co-laboratorio per le Scienze umanistiche

Andrea Zanni

Note de l’auteur

Tesi di Master

Master biennale internazionale in “Biblioteche Digitali (DILL)”
Università degli studi di Parma – Tallina Ülikool / Høgskolen I Oslo

Tesi discussa il 20 giugno 2010
Relatrice prof.ssa Anna Maria Tammaro

Texte intégral

1La tesi si è proposta di analizzare la possibilità di creare biblioteche digitali collaborative quali laboratori collettivi per le scienze umanistiche nel contesto italiano. Lo studio investiga dunque l’approccio alla collaborazione della comunità degli umanisti italiani, per esplorare la possibilità di strumenti collaborativi ad hoc per la disciplina. L’autore è partito dal presupposto di ricerca che la collaborazione (anche in ambito accademico) è veicolo di innovazione e sviluppo scientifico: come progetti collaborativi all’interno delle “scienze dure” sono serviti come efficaci piattaforme di ricerca e scoperta, allo stesso modo biblioteche digitali dedicate possono aiutare le alle “scienze molli” nel proprio compito di ricerca. Si tentava dunque di raggiungere due obiettivi principali: analizzare l’approccio alla collaborazione degli umanisti italiani; testare la proposta di un wiki come software (e modello) di riferimento per una eventuale biblioteca digitale collaborativa

 

2L’approccio della ricerca è qualitativo, attraverso case studies e focus groups: 5 interviste semi-strutturate (selezionati attraverso il metodo del snowball sampling) a membri delle Digital Humanities sono state fondamentali per saggiare l’approccio alla collaborazione nel contesto umanistico italiano, e ad indagare la possibilità di progetti collaborativi online per lo studio dei testi. Due precedenti interviste a key informants, sono servite a esplorare la disciplina e impostare il campo di ricerca: la prima, con Umberto Eco, è stata pubblicata online con licenza libera CC BY SA ed è disponibile all’indirizzo: <http://it.wikinews.org/​wiki/​Intervista_a_Umberto_Eco>.

 

3Riconoscendo che la storia di Internet e del web nasce con il preciso intento di creare una piattaforma per la collaborazione e la comunicazione, lo studio percorre alcune tappe fondamentali dell’evoluzione della collaborazione accademica online, con un occhio particolare alle scienze umanistiche: dal pioniere Padre Busa passando per le visioni di Vannevar Bush e Ted Nelson, senza dimenticare gli modelli importanti in altri ambiti, come la cultura open access del CERN e progetti collaborativi creati da amatori (nel senso ottimo del termine) come Wikipedia e Wikisource. Vengono studiate anche particolari forme di collaborazione: nei wiki, ad esempio, la scrittura avviene collettivamente su di una stessa pagina, cercando quindi un consenso unanime su’unica versione. Questo tipo di collaborazione estrema non sempre è compatibile con attività, tradizioni ed esigenze delle scienze umanistiche. Lo studio si sofferma dunque su tutti i possibili ostacoli alla collaborazione presenti nella cultura accademica (in questo caso, umanistica): the myth of the lonely scholar, la proprietà intellettuale, la non sempre facile attribuzione delle ricerche e dei propri contributi all’interno di progetti collaborativi, e l’importanza (epistemologica) dell’interpretazione critica e personale all’interno delle discipline umanistiche. Inoltre, vengono analizzati ostacoli di tipo politico, “sistemico” e burocratico, come i regolamenti dei concorsi che non danno valore alle pubblicazioni digitali, l’età avanzata di rettori che spesso comporta una resistenza alle nuove tecnologie e all’innovazione. Infine, la pressione alla pubblicazione, ben nota in ambito accademico con lo slogan “publish or perish”, non lascia spazio per lo sviluppo e la sperimentazione di progetti che non comportino una pubblicazione tradizionale. Emerge dunque dai dati raccolti un modello di biblioteca digitale co-laboratorio come rappresentato in figura:

4La biblioteca è strutturata a livelli, dove ad ogni livello corrisponde un’azione differente che la comunità può compiere sull’oggetto testo, cioè l’oggetto di lavoro della biblioteca co-laboratorio. Ogni livello permette inoltre un livello di collaborazione specifico per l’attività, che dunque può essere differente dal livello precedente o successivo. Se infatti è permessa una collaborazione di un certo tipo nella trascrizione di una scansione (per esempio, sarebbe possibile convergere ad una trascrizione unica, a meno che non si tratti di un manoscritto) questo non è possibile per quel che riguarda l’interpretazione di una pagina, o l’annotazione della stessa. Dunque, ad ogni livello la comunità può permettersi un livello di condivisione e collaborazione differente, convergendo o meno a versioni uniche, e lasciano libertà di interpretazione e fork soprattutto nei livelli superiori. Lo studio suggerisce che un sistema del genere gioverebbe dall’apertura dei materiali, sia nel senso specifico di open access, sia nel senso più generale di un approccio open alla ricerca (e quindi apertura del software per la scrittura collaborativa di codice sorgente, e apertura di procedure e workflow per discutere con la comunità di policy e linee guida).

Table des illustrations

URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1650/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 115k

Auteur

Università degli studi di Parma – Tallina Ülikool / Høgskolen I Oslo

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search