Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Interoperabilità fra thesauri generali e thesauri specialistici in ambito economico-finanziario

Il caso del Nuovo soggettario. Sintesi e risultati di un progetto di ricerca1

Elisabetta Viti

Note de l’auteur

Tesi di Dottorato

Dottorato di ricerca in “Scienze bibliografiche, archivistiche, documentarie” (XXIV ciclo)
Università degli studi di Udine

Tesi discussa il 21 maggio 2012
Relatore prof. Mauro Guerrini, correlatore prof. Roberto Guarasci

Texte intégral

1La digitalizzazione dell’informazione, l’invenzione e la diffusione di Internet stanno determinando una vera e propria rivoluzione della cultura dell’informazione, della comunicazione, della scienza, della ricerca e della società. Ad oggi, diventa necessario condividere le risorse e cooperare su scala mondiale e in modo transettoriale. Le biblioteche diventano organi di mediazione che organizzano e presentano in modo razionale e amichevole il “diluvio” di immagini e di informazioni prodotte dai media elettronici, grazie anche a strumenti di organizzazione semantica, come il Nuovo soggettario, che offrono una struttura di base per costruire e organizzare portali tematici e coadiuvano le ricerche degli utenti in un ambiente virtuale.2 Questo progetto di ricerca si inserisce nella panoramica delle iniziative internazionali volte ad incrementare un colloquio semantico e tecnico tra strumenti di organizzazione della conoscenza che possono differire nella struttura, nel contesto disciplinare e nella lingua. A livello nazionale costituisce una prima sperimentazione originale e concreta per realizzare l’interoperabilità tra un thesaurus di carattere generale ed uno specialistico settoriale. Nel progetto di ricerca sono stati perseguiti i seguenti obiettivi: Individuazione di criteri e modalità di integrazione e colloquio tra il thesaurus generale multidisciplinare del Nuovo soggettario e il thesaurus ThESS (Thesaurus di economia e scienze sociali)3 della Biblioteca Mario Rostoni dell’Università Carlo Cattaneo-LIUC di Castellanza, specializzato anche nel settore economico-finanziario; creazione di un modello di interoperabilità semantica e tecnica per supportare la ricerca simultanea all’interno dei cataloghi on-line delle due biblioteche.

 

2Come prima fase della ricerca, è stato necessario individuare ed approfondire le peculiarità dei linguaggi specialistico-settoriali e delle loro componenti e chiarire i principi di concettualizzazione del Nuovo soggettario. Attraverso l’analisi della definizione unica elaborata da Farradane,4 ripresa poi dal GRIS,5 del rapporto tra concetto/termine/ significato/senso formulate da Frege e dei contributi della semeiotica contemporanea di Peirce e di Eco, si è cercato di puntualizzare i principi che sottendono alla categorizzazione ed alla strutturazione dei termini nei due thesauri.

  • 6 International Organization for Standardization, UNI/ISO 2788 : documentazione : linee guida per la (...)

3Nella teoria e nella pratica del Nuovo soggettario il concetto di definizione unica/tipica ed il rapporto concetto/termine/significato/senso hanno una loro chiara definizione, che si potrebbe così sintetizzare: un concetto è espresso da un termine che ha un significato (essenziale, di base, costante, neutrale) e sensi diversi nel contesto di specifici enunciati, che rappresentano il tema o topic del documento. Il principio di garanzia bibliografica è “a monte e a valle” del processo di indicizzazione e la terminologia viene valutata, acquisita e strutturata, prevalentemente, sulla base di definizioni tratte da dizionari ed enciclopedie e sul suo impiego nei diversi contesti documentari. Questo determina un linguaggio estremamente controllato, perché costruito con una stretta aderenza alle norme ISO,6 modulabile ed impiegabile in diversi ambiti. Invece, il thesaurus ThESS della LIUC è concepito come strumento che produce conoscenza e si inserisce nella catena degli interpretanti: la morfologia ed il significato dei termini vengono valutati ed assunti in base all’uso che viene fatto dagli specialisti di settore, dagli utenti della biblioteca e dalla produzione scientifica dei domini d’interesse. Questo seppur favorisce il linguaggio naturale dei lettori e quindi, nella fase di ricerca dell’informazione, le loro chiavi di interrogazione, talvolta, può penalizzare un’aderenza agli standard nella costruzione del vocabolario controllato (per es. nella scomposizione di concetti complessi).

4La seconda parte di questo progetto, più sperimentale ed innovativa, affronta il problema del colloquio semantico e tecnico tra due realtà thesaurali afferenti ad ambiti disciplinari diversi. Affinché il thesaurus generale multidisciplinare del Nuovo soggettario potesse colloquiare con ThESS, offrendo all’utente la possibilità di recuperare l’informazione interrogando due diversi “giacimenti documentari” indicizzati con strumenti differenti, è stato necessario circoscrivere un dominio disciplinare, l’Economia finanziaria, individuandone le componenti strutturali e funzionali, e stabilire delle equivalenze tra i termini dei due vocabolari controllati (identificando termini, significati e relazioni gerarchiche (talvolta anche associative) approssimativamente equivalenti). È stato costruito un corpus di circa 600 termini types di domino in lingua italiana ed in lingua inglese, che ha costituito la base di confronto tra il thesaurus del Nuovo soggettario e il thesaurus ThESS della LIUC. Le fonti terminologiche di riferimento sono state prese in considerazione secondo la seguente gerarchia: liste di termini già presenti (estrazione dal thesaurus del Nuovo soggettario secondo classe 332, estrazione dal Soggettario del ‘56); letteratura specialistica, in particolare riviste (si è estratta la terminologia dai titoli degli articoli degli ultimi 10 anni della rivista Bancaria e se ne è poi verificata la presenza in 14 riviste della banca dati ESSPER7 e negli OPAC della LIUC e della Bocconi); proposte e osservazioni di esperti.

5Questo corpus è stato acquisito nel Nuovo soggettario secondo diverse soluzioni morfologiche e semantiche e la terminologia di ESSPER è stata quella che ha offerto una casistica variegata sia da un punto di vista linguistico che formale. Sulla base dei risultati di questa analisi è stata prodotta una seconda lista di tutti i termini che sono stati strutturati all’interno del Nuovo soggettario e poi mappati concettualmente con i termini LIUC. Questa fase ha avuto lo scopo di rilevare le caratteristiche e le proprietà dei termini, mettendo in rilievo il rapporto termine/significato a seconda del contesto (contesto generale/contesto specifico), e di individuare i rapporti di equivalenza semantica tra le due realtà thesaurali che possono comportare anche disallineamenti.

6La mappatura intellettuale e la conversione in SKOS hanno prodotto un prototipo (consultabile all’URL <http://thesgest.bncf.firenze.sbn.it/​NSSKOS/​>) in cui sono stati attivati collegamenti, che individuano vari livelli di equivalenza terminologica e forme di navigabilità parallela tra i due thesauri. La conversione in SKOS ha peraltro offerto la possibilità di realizzare una prima sperimentazione sull’impiego semiautomatico del Nuovo soggettario per l’indicizzazione di documenti digitali, in analogia a quanto stanno sperimentando biblioteche nazionali di altri Paesi come la Deutsche National Bibliothek.

 

7L’interesse e l’attualità della tematica trattata sono dimostrati anche dalla pubblicazione del nuovo standard ISO 25964 sulla costruzione dei thesauri, la cui seconda parte è interamente dedicata all’interoperabilità tra strumenti di organizzazione della conoscenza.

8I risultati raggiunti sono valutabili:

  • • sul piano metodologico: è stato messa a punto un percorso per la costruzione di un modello di interoperabilità semantica e tecnica;

  • • sul piano operativo:
    - il confronto e la mappatura tra i due thesauri rilevano affinità e differenze sia sul piano strutturale che semantico;
    - la conversione in SKOS del Nuovo soggettario fa emergere punti critici (intraducibilità di alcune relazioni specifiche all’interno del Nuovo soggettario e di alcuni legami di interoperabilità) e funzionalità positive (capacità del Nuovo soggettario di adeguarsi al mondo dei linked data);
    - la realizzazione del prototipo dimostra che sono possibili due sviluppi futuri: nell’OPAC BNCF, alla fine di una sequenza di record recuperati attraverso la ricerca per soggetto, poter visualizzare anche i record dell’OPAC LIUC sullo stesso soggetto; nel thesaurus del Nuovo soggettario, dal tasto in alto a destra “Notizie bibliografiche”, poter transitare non solo nell’OPAC BNCF ma anche in quello della LIUC e in futuro anche in altri OPAC;
    - l’esperimento di indicizzazione semiautomatica di documenti digitali (ad oggi non ancora concluso) sta dimostrando che le procedure che si avvalgono di strumenti di controllo terminologico per la validazione delle parole estratte automaticamente (come il thesaurus del Nuovo soggettario) hanno più successo, in fase di recupero dei documenti, rispetto a quelle che si limitano alla sola estrazione di parole chiave.

9Inoltre un buon margine di risultato si ottiene se l’indicizzazione semiautomatica si applica a contesti documentari relativi ad ambiti disciplinari molto formalizzati da un punto di vista linguistico, come quello dell’Economia finanziaria, e all’intervento dell’indicizzatore che, comunque, deve contribuire personalmente alla creazione di metadati semantici per l’allestimento della base di conoscenza. In particolare, la prima fase del processo di indicizzazione automatica consiste nella creazione di modelli di apprendimento che misurano la frequenza e la significatività dei termini e che vengono utilizzati nelle fasi successive come base di conoscenza tematica per l’estrazione di parole chiavi pertinenti e controllate. I modelli di apprendimento sono creati a partire da: un set di documenti digitali significativi di dominio, un set di metadati associati ai documenti in full text, una serie di parametri aggiuntivi che servono a raffinare il processo (vocabolario controllato, procedure di stemming, filtri linguistici, etc.).

Notes

1 Il contributo aggiorna e in parte sviluppa quanto elaborato per la tesi di Dottorato. Tutti i siti web sono stati controllati il 25 giugno 2013.

2 Su questi temi, cfr. K. Kempf, L’idea della collezione nell’età digitale: Lectio magistralis in Biblioteconomia: Firenze, Università degli studi Firenze, 5 marzo 2013, Firenze: Casalini Libri, 2013, pp. 88-136.

3 <http://thes.bncf.firenze.sbn.it/ricerca.php>, <http://www.biblio.liuc.it/pagineita.asp?codice=210>.

4 Si tratta di una definizione libera da associazioni non necessarie, aggiuntive, ossia una definizione che contiene soltanto le proprietà essenziali del concetto. Cfr. J. E. L. Farradane, Fundamental fallacies and new needs in classification, in: Theory of subject analysis : a sourcebook, Littleton (Colo.): Libraries unlimited, 1985, p. 199-209; Id., A scientific theory of classifications and indexing: further considerations, «The journal of documentation», 8, 1952, 2, pp. 73-92; Id., A scientific theory of classifications and indexing and its practical applications, «The journal of documentation», 6, 1950, 2, pp. 83-99.

5 <http://www.aib.it/aib/commiss/gris/guida.htm>.

6 International Organization for Standardization, UNI/ISO 2788 : documentazione : linee guida per la costruzione e lo sviluppo di thesauri monolingue, Milano: UNI, 1993; ANSI/NISO, Z39.19 : guidelines for the construction, format and management of monolingual controlled vocabulary, Bethesda (MD): NISO, 2005; British Standard Institution, BS 8723: 1-5 : structured vocabularies for information retrieval, London: British Standards Institution, 2005-2008; International Organization for Standardization, ISO 25964-1: information and documentation-thesauri and interoperability with other vocabularies. Part 1., Thesauri for information retrieval, Geneve: ISO, 2011; International Organization for Standardization, ISO/DIS 25964-2 [Draft]: information and documentation-thesauri and interoperability with other vocabularies. Part 2., Interoperability with other vocabularies / International Organization for Standardization, Geneve: ISO, 2012.

7 <http://www.biblio.liuc.it/scripts/essper/default.asp>.

Auteur

Università degli studi di Udine

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search