Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Dal cervello alla nuvola informatica: una descrizione della memoria personale nell’era digitale

Vincent Verdese

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Scienze archivistiche, documentarie e biblioteconomiche”
Università degli studi di Pavia

Tesi discussa il 24 febbraio 2012
Relatore prof. Paul Gabriele Weston, correlatrice dott.ssa Agnese Galeffi

Texte intégral

1Lo studio ha avuto come obiettivo principale l’analisi di alcuni aspetti della memoria personale nell’era digitale. La ricerca ha inteso dimostrare come i processi sottostanti alla memoria personale spazino dalla mente umana alla collettività con la mediazione della tecnologia. Si ipotizza che, mentre gli schemi cognitivi della nostra mente influenzano il nostro comportamento nel mondo digitale, la tecnologia in uso al giorno d’oggi plasmi il nostro modo di pensare, di ricordare e di dimenticare. Gli archivi privati, le biblioteche e le collezioni personali, prodotto finale e concreto di tutti questi processi, risentono sempre più di questi mutamenti. Le istituzioni culturali, quali gli archivi, le biblioteche e i musei come si comportano nei confronti di questo particolare patrimonio?

 

2Nell’ambito dei memory studies, anche solo riuscire a definire il proprio campo di studi risulta essere una sfida non indifferente. Il solo concetto di memoria personale è in costante evoluzione alla luce delle nuove ricerche che vengono eseguite all’interno delle varie discipline, ciascuna delle quali si concentra su particolari aspetti della memoria. Se da un lato la pluralità dei punti di vista porta a molteplici metodologie di ricerca, dall’altro la ricchezza di risultati consente di evidenziare alcune posizioni che sembrano convergere su punti comuni. Questi punti in comune sono emersi sia attraverso lo studio di alcune ricerche, sia tramite il confronto e l’analisi di casi di studio concreti sia in Europa sia al di fuori di essa. Per la memoria personale, ovvero per l’insieme di processi mentali, sociali e tecnologici che permettono all’individuo di ricordare e di dimenticare, si è partiti da un approccio neuro-cognitivo e psicologico per poi assumere un punto di vista filosofico. In seguito, sono stati studiati alcuni aspetti del carattere sociale della memoria personale, concentrandosi sul processo costruttivo di rappresentazione e narrazione dell’identità personale. Si sono poi analizzati non solo alcuni dispositivi tecnologici, quali il personal computer, lo smartphone e la nuvola informatica, ma anche oggetti digitali come i blog, le e-mail, le fotografie e gli e-book. Infine, si è cercato di capire come le istituzioni culturali prendano in considerazione il punto di vista dell’individuo nel processo di costruzione della memoria collettiva.

 

3Si precisa subito che, piuttosto che a raggiungere risultati concreti e indiscutibili, lo studio ha mirato a stimolare la riflessione sulla dialettica tra memoria individuale e memoria collettiva alla luce dell’adozione delle tecnologie digitali. Una difficoltà messa in avanti dalle discipline che sono state prese in considerazione, quali le neuroscienze, la psicologia e la sociologia è quella di distinguere tra memoria e immaginazione. Cercando di delimitare l’una dall’altra, ci si accorge ben presto che nell’individuo accedere al proprio passato significa rielaborarne la rappresentazione in maniera più o meno conscia. Questa rielaborazione è normale e dovuta alla concezione del sé, di solito in costante evoluzione durante la vita dell’individuo. Per esempio, quando non vi è questa rielaborazione, sia gli psicologi sia i filosofi concordano che si è in presenza non più di memoria, ma di un trauma. La memoria non è un oggetto o un contenitore, ma un processo.

4In questo processo, oltre alla concezione del sé dell’individuo intervengono altri agenti, come la percezione dell’ambiente sociale. L’interazione con gli altri contribuisce alla formazione della concezione identitaria dell’individuo. La persona ricorda in quanto parte di un gruppo. Questa affermazione diventa chiara se si pensa alle comunità che si creano sul web per progetti quali Wikipedia o Linux. Quello che succede in questi network è la stessa cosa che avviene nella mente di ciascuno di noi: siamo al tempo stesso consumatori e produttori. Questo punto di vista ha portato nel mondo anglosassone a coniare il termine prosumer, unendo a producer/produttore la parola consumer/consumatore. Sotto questa luce, fenomeni come la rapida espansione dei social network non sono una novità, ma costituiscono la trasposizione nella Rete di comportamenti che prima ne erano al di fuori o assumevano forme diverse (ad esempio i blog). In sintesi, per ricordare è anche necessario comunicare. Un altro agente da tenere in considerazione è la tecnologia. Studiando dispositivi come i personal computer, lo smartphone e la nuvola informatica, e analizzando l’utilizzo di oggetti digitali quali il blog, le mail, la fotografia digitale e gli e-book si è visto che il comportamento dell’individuo non è cambiato radicalmente rispetto a quanto accadeva con altri oggetti come il diario, le lettere e la fotografia analogica, ma si è invece evoluto coniugando a comportamenti già studiati l’influenza delle tecnologie digitali. Per quanto riguarda i comportamenti cognitivi, si sono considerati i meccanismi della memoria già messi in evidenza dalle neuroscienze e che si ritrovano nella gestione individuale degli oggetti digitali sopra citati; per presentare l’influenza delle tecnologie digitali si vedrà come l’adozione della nuvola informatica – o cloud computing – comporti un certo numero di incognite a lungo termine. A livello cognitivo, le neuroscienze hanno provato che meno si accede a un determinato ricordo, meno lo si include nella propria percezione identitaria e meno il ricordo sarà comunicato agli altri, aumentando così i rischi di oblio. La stessa cosa avviene con gli oggetti digitali utilizzati dall’individuo: la persona tende ad accedere sui suoi dispositivi a quello a cui dà più valore. Nel mondo digitale personale, questo significa che nonostante la proliferazione dell’informazione e le enormi capacità di memorizzazione dei dati, è probabile che a lungo termine sia conservato essenzialmente quello che è presente nella mente dell’individuo, ovvero tutto quello che ha un forte legame con la percezione identitaria dell’individuo (o meglio, con la concezione de sé) e che solitamente viene comunicato agli altri. Ad esempio non è un caso che la maggior parte degli utenti presti più attenzione a conservare le proprie fotografie invece delle proprie mail. Per quanto riguarda la nuvola informatica, che si basa su servizi forniti da terze parti in termini di infrastruttura, applicazioni web e software, sebbene a breve termine sia evidente come essa faciliti l’accesso e la conservazione degli oggetti digitali utilizzati dall’individuo, gli effetti che avrà a lungo termine non sono invece ancora chiari, in quanto l’individuo non è più l’unico responsabile della propria “memoria digitale”. In conclusione, se le istituzioni culturali hanno compreso e stanno valorizzando il ruolo della memoria personale, queste potrebbero trarre un particolare giovamento da una riflessione approfondita sulla sua stessa formazione (nell’ambito digitale e non), visto che poi saranno loro, nell’ambito della propria missione istituzionale, ad essere chiamate a tutelarla e valorizzarla.

Auteur

Università degli studi di Pavia

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search