Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Frammenti semantici. Riflessioni su descrizioni archivistiche e web semantico: il caso dell’archivio Giovanni Testori

Salvatore Vassallo

Note de l’auteur

Tesi di Dottorato

Dottorato di ricerca in “Scienze bibliografiche, archivistiche e documentarie e per la conservazione e restauro dei beni librari ed archivistici” (XXI ciclo)
Università degli studi di Firenze

Tesi discussa il 2 Luglio 2010
Tutor prof. Mauro Guerrini, co-tutor prof. Giovanni Solimine

Texte intégral

1La ricerca ha avuto per oggetto di studio la possibilità di esprimere dati archivistici (descrizioni archivistiche in senso lato, guide, censimenti, inventari, record di autorità e, in particolare, tutte le descrizioni conformi agli standard descrittivi archivistici) direttamente nei termini del web semantico e come linked data. L’output web permette di rappresentare i dati, mantenendo un’adeguata granularità informativa, rendendoli in un certo senso autoesplicativi (soprattutto per la macchina) e facilmente ricercabili, collegabili e esportabili.

 

2Una simile riflessione è nata a partire da un caso concreto, rappresentato dall’archivio Giovanni Testori, ma è stata poi generalizzata e estesa con applicazioni pratiche, che vanno dalla creazione automatica di interfacce software flessibili, alla creazione di strumenti di corredo e di ricerca di nuova generazione fino a fornire soluzioni per l’interscambio dei dati archivistici in particolar modo fra i grossi sistemi informativi aggregatori di dati. I vantaggi di un simile approccio risultano quindi risiedere principalmente:

  • nella costruzione di sistemi informativi più robusti e flessibili;

  • nell’utilizzo dei linked data per l’importazione e l’esportazione, finalizzati alla condivisione delle informazioni;

  • nella possibilità di integrare mondi diversi (archivi, biblioteche e musei) della galassia dei beni culturali.

3Una prospettiva di questo genere non è però esente da aspetti critici, studiati nell’ambito di gruppi di ricerca, di seminari e convegni, con l’obiettivo:

  • di garantire l’interoperabilità linguistica ( non solo la grammatica e la sintassi, ma anche la semantica);

  • di favorire la convergenza tra standard descrittivi differenti, ma evitando di schiacciare esigenze descrittive differenti e di identificare come identici entità e elementi che sono solo parzialmente simili;

  • di definire un articolato sistema di identificatori persistenti;

  • di assicurare la creazione di sistemi descrittivi integrati che affianchino ai linked data un robusto meccanismo di caching e di sincronizzazione.

4La tesi ha analizzato e studiato queste criticità spesso sottovalutate, includendo alcuni scenari di utilizzo.

Auteur

Università degli studi di Firenze

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search