Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La biblioteca del Collegio italo-albanese di Sant’Adriano (1794-1923)

Natale Vacalebre

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Storia e scienze della Documentazione”
Università degli Studi di Perugia

Tesi discussa l’1 luglio 2010
Relatore prof. Andrea Capaccioni, correlatrice prof.ssa Patrizia Angelucci

Texte intégral

1Durante i lavori di riordino del fondo antico della biblioteca del Collegio italo-albanese di Sant’Adriano in San Demetrio Corone, comune situato a nord della provincia di Cosenza, è stato rinvenuto un catalogo, datato 1913, contenente le registrazioni bibliografiche del patrimonio librario dell’istituto fino agli anni Venti del secolo appena trascorso. Il volume, conservatosi in discrete condizioni, è stato ritrovato all’interno del locale che ospita la raccolta libraria dell’ente, collocato su di una scaffalatura in legno assieme ad altri documenti archivistici (inventari di beni, registri di entrata e uscita, etc.) privi di un’ordinata collocazione, esposti all’umidità e agli agenti atmosferici. Il ritrovamento di questa “prima opera catalografica”, come viene definita dal suo compilatore, ha costituito lo spunto iniziale della ricerca. Al suo interno sono riportate le informazioni essenziali per tentare di effettuare una prima ricostruzione della raccolta libraria. Il lavoro di ricerca si è proposto di delineare, attraverso la documentazione informativa esistente, la storia della biblioteca del Collegio, ripercorrendo le tappe fondamentali che portarono alla sua costituzione e ai successivi sviluppi per poi continuare con l’indagare sulle vicende riguardanti la sua evoluzione storica tra i secoli XIX e XX. Attraverso il confronto tra le informazioni presenti all’interno del catalogo e quelle ricavabili dall’analisi dei volumi costituenti il fondo antico dell’attuale biblioteca è stato possibile, altresì, ricostruire la consistenza e la fisionomia culturale originari del corpus librario, evidenziando le relazioni e le corrispondenze tra la raccolta libraria e l’ente di riferimento; questo tipo di esame è indispensabile per comprendere la storia culturale della biblioteca, quella storia cioè, legata all’importanza e alla funzione che il patrimonio bibliografico ricoprì in relazione alla vita intellettuale dell’istituto di appartenenza.

 

2La ricerca è stata articolata in tre capitoli, nel primo dei quali si è tratto della storia istituzionale del Collegio, ricostruita criticamente attraverso documentazione bibliografica e archivistica, per mettere in evidenza il rapporto esistente tra la raccolta libraria e l’ente di appartenenza, l’importanza della stessa in relazione al territorio e le dinamiche di utilizzo e decadenza della biblioteca nel corso degli anni di esistenza dell’istituzione educativa. Nel secondo capitolo è stato analizzato il catalogo del 1913, riprodotto integralmente attraverso immagini fotografiche, attraverso il quale è stato possibile ricostruire la topografia della biblioteca, nonché la consistenza numerica del fondo fino agli anni immediatamente successivi alla Grande Guerra. Il terzo e ultimo capitolo si è basato sul raffronto tra le informazioni contenute nei due precedenti capitoli per poter infine effettuare la ricostruzione storica e l’analisi qualitativa della raccolta libraria dell’istituto.

 

3Da quanto esposto nei tre capitoli costituenti il lavoro di ricerca, si è visto come la biblioteca del Collegio di Sant’Adriano sia nata fondamentalmente come strumento ausiliare per gli studi condotti all’interno dell’istituto e come essa abbia seguito, da un determinato momento storico, una strada differente da quella dell’ente di riferimento. Dapprima seminario bizantino della Calabria Citra, il Collegio si trasformò nel tempo in scuola laica, accogliendo giovani anche non desiderosi di avviarsi al sacerdozio. Questo processo di laicizzazione iniziò al principio del XIX secolo, periodo in cui fu direttore il vescovo Domenico Bellusci, prelato di formazione liberale. Il progressivo abbandono della veste seminariale si manifestò marcatamente a metà dell’Ottocento, sulla scia dei moti insurrezionali per l’indipendenza italiana. In questo lasso di tempo l’amministrazione del Collegio fu retta, oltre che dal vescovopresidente, anche da un vice-presidente e da una commissione amministrativa interna. I contrasti tra queste figure, oltre a condurre l’istituto a una situazione economico-finanziaria estremamente precaria, accelerarono la trasformazione dell’ente in scuola laica. La biblioteca, creata tra il 1793 e il 1804 da mons. Francesco Bugliari, primo vescovo-presidente dell’istituto, era stata pensata come elemento di supporto per gli studi teologici, anche se, come testimonia la ratio studiorum voluta dal prelato, non mancavano elementi di cultura umanistica e scientifica nei programmi di studio. Negli anni del periodo napoleonico e della Restaurazione borbonica, la biblioteca mantenne probabilmente la sua fisionomia originaria. Il declino della raccolta ebbe inizio in seguito alla morte del vescovo Bellusci (1833), data a partire dalla quale il processo di laicizzazione del Collegio subì una notevole accelerazione, a causa soprattutto della pessima amministrazione dei vescovi successori, i quali fecero aumentare la diffidenza della comunità dell’istituto nei confronti del clero dirigente. In questo contesto, la biblioteca, vittima delle incurie degli amministratori ecclesiastici, continuò a mantenere la sua natura prevalentemente teologica; tale fattore causò una perdita di interesse e un inarrestabile abbassamento della frequentazione del patrimonio librario da parte di allievi e superiori. Con l’unità d’Italia la situazione rimase sostanzialmente immutata e la raccolta rimase legata all’istituzione seminariale originaria fino alla separazione del Collegio dal nuovo Regio Liceo (1923). La mancanza di documentazione relativa a figure di bibliotecari (o perlomeno di responsabili della raccolta), a una politica di acquisti e di implementazione, testimonia la mancanza di cure degli organi dirigenti dell’istituto nei confronti della raccolta libraria. Il ritrovamento del primo catalogo della biblioteca, compilato nel 1913 dal prof. Tinivella, docente di filosofia alla scuola normale del Collegio, ha reso possibile una ricostruzione del patrimonio bibliografico di Sant’Adriano e della sua fisionomia culturale, evidenziando appunto la mancanza di corrispondenze tra la nuova istituzione e la sua biblioteca. L’esame dell’attuale corpus librario ha potuto permettere, inoltre, di effettuare un’analisi storica dei fondi originari, ricostruendo in maniera critica la storia di questa biblioteca “immobile”, la quale passò dal grado di strumento ausiliario per il progresso degli studi, a quello, meno prestigioso, di semplice testimonianza storica. Al momento si auspica un progetto concreto di riordinamento e catalogazione del fondo antico dell’attuale biblioteca di Sant’Adriano, primo passo, si spera, per una riqualificazione effettiva di uno dei più antichi patrimoni librari scolastici della Calabria, nonché di un ente prestigioso come il Collegio italo-albanese di San Demetrio Corone.

Auteur

Università degli Studi di Perugia

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search