Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Analisi della struttura e del modello concettuale di RDA – Resource description and access

Antonella Trombone

Note de l’auteur

Tesi di Diploma

Scuola di specializzazione in “Beni archivistici e librari”
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 28 marzo 2012
Relatore prof. Alberto Petrucciani, correlatore prof. Giovanni Solimine

Texte intégral

1Il lavoro di ricerca ha avuto l’obiettivo di analizzare il contenuto e la struttura di RDA: Resource description and access e di RDA Toolkit, la base dati che contiene RDA, ritenendo le nuove norme di rilevante interesse per le conseguenze, dirette e indirette, che avranno per i settori di ricerca della biblioteconomia, della documentazione e della scienza dell’informazione, oltre che per le loro estese applicazioni professionali anche in Italia. Il lavoro di revisione della seconda edizione delle Regole di catalogazione angloamericane aveva inizialmente condotto, nel 2004, alla redazione della prima bozza della terza edizione delle regole, ma già nel 2005 il Comitato di sviluppo decide un nuovo approccio al lavoro e cambia il titolo da AACR3 in RDA – Resource Description and Access. L’attuale organizzazione generale dell’opera viene definita nel 2007. Per il lavoro qui presentato si è inteso valutare i principi fondamentali del cambiamento che si basano sull’allineamento delle regole col modello teorico proposto da Functional Requirements for Bibliographic Records e Functional Requirements for Authority Data, ma propongono anche uno strumento normativo modulare e adattabile a diversi ambienti ed esigenze.

 

2Da un punto di vista metodologico, lo studio di RDA si è basato su RDA Toolkit, che è la base dati pubblicata online e consultabile in abbonamento, contenente sia il testo delle regole che altri strumenti utili per la loro consultazione e per il lavoro catalografico. Oltre alle regole stesse, una delle fonti per lo studio di RDA sono stati i vasti archivi del Joint Steering Committee per lo sviluppo di RDA, nei quali sono consultabili tutti i documenti del Comitato e dei gruppi di lavoro nazionali e associativi che hanno portato, nel tempo, all’elaborazione del testo definitivo delle nuove regole. Sono stati inoltre attivati canali diretti di confronto con alcuni membri del JSC e dell’American Library Association in merito al contenuto dei documenti non pubblicati, ad alcuni aspetti della metodologia e a singole parti del testo e dei commenti contenuti negli archivi che necessitavano approfondimenti.

3Durante il lavoro di ricerca sono emersi diversi spunti di analisi. Una parte del lavoro effettuato è consistito nell’esame dell’organizzazione e del funzionamento sia del testo che della base dati che lo contiene. Questa parte del lavoro è già stata pubblicata nel numero di marzo 2013 di “Biblioteche oggi”. L’indice di RDA si compone di sezioni e capitoli suddivisibili in due categorie di attività: registrazione di attributi delle entità e registrazione di relazioni tra le entità. I capitoli sono dedicati alle possibili funzioni-utente e contengono elencati gli elementi fondamentali e opzionali della descrizione delle diverse entità previste da FRBR e FRAD. Al fine di esemplificarne il funzionamento, sono state elaborate una serie di tabelle, in italiano, utili per la comprensione e l’applicazione delle norme. L’esame del testo di RDA ha rivelato come, in realtà, esso sia costituito da due diverse strutture: quella descritta dall’indice ufficiale e quella realmente presente nel testo delle regole, che contiene una suddivisione degli elementi della descrizione diversa da quella riportata nella Table of contents, ma di evidente utilità per l’uso delle norme. La ricostruzione dei titoli “non ufficiali” presenti solo nel testo ha rivelato una differente organizzazione interna delle norme, in netto contrasto con quella ufficiale riportata nell’indice, che è invece basata sui modelli concettuali citati. Le motivazioni di una siffatta organizzazione dell’opera sono state ricercate negli archivi di lavoro delle commissioni responsabili per l’elaborazione di RDA. Altro elemento di analisi è stato offerto dal metodo di lavoro implicitamente proposto da RDA, completamente nuovo rispetto alle precedenti regole. Scompare del tutto la descrizione bibliografica basata su International Standard Bibliographic Description, che costituisce la parte rilevante del testo delle AACR2, poiché in RDA non esistono norme di organizzazione descrittiva dei dati. Non possono, infatti, essere definite norme per la descrizione o per la visualizzazione dei dati le tavole di corrispondenza contenute in appendice al testo, che sono invece una mappatura tra gli elementi di RDA e i corrispondenti elementi di ISBD e MARC21. A ciò si aggiunga anche che, concettualmente, l’appendice è un’aggiunta al testo stesso e non una sua parte costituente. Gli elementi di RDA, invece, fuori di ogni struttura descrittiva hanno valore di dato singolo ed esportabile e possono essere utilizzati anche in ambienti non prettamente bibliotecari, che usano il web semantico per le esigenze informative più varie.

4Su Open Metadata Registry sono già presenti i vocabolari controllati di varie tipologie di descrittori di RDA, a ognuno dei quali è assegnato uno Universal Resource Identifier. La modularità è, quindi, la caratteristica degli elementi della descrizione di RDA emersa durante il lavoro di ricerca. A parte gli elementi che RDA considera obbligatori per la descrizione basilare di una risorsa, tutti gli altri possono essere usati a discrezione dell’ente che adotta le regole. Inoltre, non esistono norme per l’organizzazione della visualizzazione degli elementi. Le uniche indicazioni precise sulla struttura e l’ordine dei dati messi in relazione tra loro si trovano nelle sezioni 5-10 e sono quelle sulle registrazioni delle relazioni tra le entità. Rispetto alle precedenti regole angloamericane, RDA nasce come testo normativo per la descrizione di risorse di ogni tipo - archivistiche, bibliografiche, museali, digitali - fruibili su ogni tipo di supporto, realizzate in ogni tipo di materiale. Altra differenza subito chiara è l’organizzazione del testo basata su due funzioni:

  • registrazione di attributi delle entità

  • registrazione di relazioni tra entità.

5Inoltre, le varie edizioni delle regole angloamericane e delle regole di catalogazione dell’American Library Association hanno sempre previsto che una parte del testo fosse dedicata alla descrizione e all’organizzazione delle notizie fornite sull’unità bibliografica catalogata, parte che in RDA è totalmente assente. Le appendici D ed E, infatti, non contengono norme descrittive, ma solo tabelle di corrispondenza tra le aree di ISBD, ad esempio, e gli elementi di RDA. Queste tabelle sembrano essere funzionali solo per la localizzazione dei detti elementi nell’ampio e articolato testo delle nuove regole.

6Dopo una prima parte che riguarda le definizioni dei termini chiave, le fonti e le modalità di registrazione dei dati, i capitoli si occupano dei singoli elementi necessari per la descrizione delle risorse. Vengono poi categorizzati gli elementi in base alla loro importanza nella descrizione, con l’obiettivo di rendere possibili descrizioni sia minimali sia dettagliate di una risorsa. Altra funzione dei capitoli è fornire norme per la costruzione dei punti d’accesso autorizzati, sempre usando gli elementi descrittivi stabiliti. Gli schemi descrittivi basati sulla casistica, sui tipi di pubblicazione, raggruppati in special rules o organizzati per materiali, qui non trovano riscontro. Il nuovo testo normativo organizzato per attributi e relazioni delle entità ha abbandonato la struttura delle AACR2, basata sul modello descrittivo di ISBD. Tuttavia, tra gli elementi di continuità tra le precedenti e le nuove norme troviamo la conservazione dell’ordine degli elementi e delle tipologie di opere descritte. Ciò dimostra la necessità di mantenere la tradizionale organizzazione delle tipologie di opere, evidentemente funzionale alle esigenze della catalogazione. Un altro aspetto rassicurante per il lavoro catalografico, ancora legato alle AACR2, è rappresentato dal fatto che RDA pone all’inizio del testo la sezione sulla registrazione di attributi di manifestazione ed esemplare, seguita dalla sezione sugli attributi di opera ed espressione. In questo modo viene invertito l’ordine di presentazione delle entità di FRBR, ma risulta rispettato l’ordine delle sezioni delle AACR2, che iniziano proprio con i capitoli sulla descrizione della manifestazione e dell’esemplare, seguiti da quelli sulle intestazioni, i titoli uniformi e i rinvii. In tutto il testo di RDA esistono, quindi, vari elementi di continuità con le Regole angloamericane. Non esiste, invece, alcun legame con lo standard ISBD: le norme elencano una serie di elementi descrittivi, non tutti indispensabili per la descrizione di una risorsa, ma non si occupano del loro ordine di presentazione, tranne che per la formulazione dei punti d’accesso autorizzati.

7ISBD ha elaborato un modello descrittivo delle informazioni bibliografiche che è stato alla base della cooperazione internazionale e dello scambio di dati tra biblioteche. In presenza di una descrizione realizzata in base al modello ISBD, è possibile individuare la funzione degli elementi indipendentemente dalla comprensione linguistica del loro significato, solo attraverso la loro posizione nelle frasi e la punteggiatura. Tuttavia i cataloghi online oggi consentono la visualizzazione dei dati sia in base al modello ISBD, sia attraverso un elenco degli elementi della descrizione introdotti da descrittori. Quest’ultima opzione di visualizzazione è quella attualmente preferita per gli OPAC perché considerata più comprensibile per gli utenti; la visualizzazione della descrizione in base al modello ISBD è, generalmente, un’opzione secondaria di visualizzazione dei dati. Il modello proposto da RDA consentirebbe di procedere verso una totale frammentazione delle informazioni in dati collegati, mentre invece la combinazione dei dati in fase di visualizzazione della ricerca sarebbe realizzata sul Web attraverso i software. Non verrebbe indicata, quindi, alcuna struttura sintattica tra gli elementi descrittivi. Tuttavia, i singoli elementi, o dati descrittivi, di una risorsa, senza essere inseriti in una struttura sintattica che esprime delle relazioni semantiche, rischiano di perdere la propria valenza informativa. Il tipo di contenuto (Content type) è un’informazione utile se visualizzata insieme con quella sul tipo di supporto di una risorsa, oppure se visualizzata in relazione al titolo dell’opera. La lingua in cui un’opera è espressa è un’informazione utile se visualizzata in relazione al titolo dell’opera. Questo perché le informazioni hanno significato se visualizzate attraverso una struttura che le metta in relazione in maniera logica. Il modello di descrizione delle risorse proposto da RDA richiede, invece, un cambiamento basilare che è il passaggio dalla catalogazione basata sulle frasi alla descrizione basata sugli elementi descrittivi singoli, dotati di legami sintattici quasi nulli. Si noti che anche gli attuali formati di visualizzazione basati sui singoli elementi, che oggi troviamo nei cataloghi online, mostrano in effetti dati estrapolati dalle aree di ISBD, parzialmente frammentabili perché catalogati analiticamente con formati Machine Readable Catalogue. Siamo tuttavia lontani dall’analiticità degli elementi della descrizione di RDA. La relazione di dipendenza reciproca tra le AACR2 e lo standard ISBD con la pubblicazione di RDA si interrompe. RDA considera ISBD più un formato di visualizzazione dei dati catalogati che un linguaggio descrittivo bibliografico, dichiarandosene, quindi, indipendente. Nei fatti risulta anche evidente la mancanza di armonizzazione e di contatto che si è verificata tra i gruppi che hanno lavorato, in pratica, parallelamente alla prima edizione di RDA nel 2010 e all’edizione del 2011 di ISBD. La macroscopica conseguenza è stata la mancanza di corrispondenza tra gli elementi della nuova area zero di ISBD e gli elementi di RDA Content type, Media type e Carrier type. Fortunatamente la riunione tenutasi a Glasgow nel 2011 tra il gruppo di revisione di ISBD e il Comitato direttivo di RDA ha riavviato i canali di confronto al fine di lavorare alla redazione di vocabolari condivisi tra le due comunità, indispensabili per l’uso degli elementi nell’ambiente dei dati collegati. Parallelamente agli sforzi di armonizzazione resta la constatazione che ISBD non potrebbe descrivere, né visualizzare, tutti gli elementi di RDA, in particolare tutte le entità FRBR e FRAD, i punti d’accesso autorizzati e le relazioni tra entità. Non sarebbe possibile, al momento, usare ISBD come sistema di visualizzazione unico dei dati catalogati con RDA, come non lo sarebbe per la catalogazione in base alle REICAT.

8I nuovi sistemi di visualizzazione delle ricerche degli utenti, le piattaforme di discovery che interrogano simultaneamente basi dati eterogenee per contenuto e localizzazione, tra le quali anche gli OPAC, oggi già non usano più i linguaggi delle nostre comunità professionali. La visualizzazione finale dei risultati della ricerca non è conforme con i nostri modelli, giudicati commercialmente poco chiari per gli utenti finali, oggi abituati all’apparente semplicità d’uso dei motori di ricerca. Il rischio che si sta correndo, sia al livello scientifico che al livello professionale, è quello di perdere l’occasione di proporre non solo un modello di descrizione delle risorse, ma anche un modello di visualizzazione di dati. Già in fase di catalogazione occorre avere chiaro quale sarà il modello di visualizzazione dei dati per l’utente finale, ovvero il sistema di comunicazione dei risultati della ricerca. ISBD fino a oggi ha fornito un linguaggio bibliografico e un modello di visualizzazione in grado di superare le barriere linguistiche, quindi utilizzabile come formato di scambio, tuttavia chiaro solo per gli addetti ai lavori. Come conseguenza, già i software applicativi per le biblioteche hanno elaborato delle visualizzazioni ibride e semplificate per gli utenti, ma che ancora seguono l’ordine delle aree e degli elementi stabiliti in fase di catalogazione.

 

9L’aspetto emerso in questa parte del lavoro di ricerca è che, in assenza di indicazioni derivanti dalle RDA e dalle comunità professionali, le decisioni sui modelli di visualizzazione dei dati possono oggi essere prese solo da chi sviluppa gli applicativi, le nuove piattaforme per i servizi bibliotecari o i già esistenti Integrated Library Systems. I nuovi contatti intrapresi tra le comunità FRBR, ISBD e RDA possono far sperare in un allineamento della metodologia di lavoro che porti a risultati concreti, come è avvenuto per la nuova area zero di ISBD, formulata sia come modello descrittivo che come proposta di visualizzazione dei dati sul tipo di contenuto e sul tipo di supporto delle risorse.

Auteur

La Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search