Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Il fondo antico della Biblioteca comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria: una riscoperta

Ida Triglia

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Civiltà letteraria dell’Italia medievale e moderna”
Università degli studi di Messina

Tesi discussa l’8 marzo 2012
Relatore prof. Carlo Donà, correlatore prof. Giuseppe Lipari

Texte intégral

1La ricerca verte sull’antico fondo librario conservato presso la Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria e sul suo recupero. Nata nel 1818 come Regia Biblioteca Ferdinandiana, l’attuale Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” cresce velocemente tra sedi differenti e, dopo aver superato il disastroso terremoto del 1908, trova una collocazione stabile nel 1928 grazie alla donazione di Giuseppe De Nava. Nel corso del XIX secolo il posseduto della Biblioteca è stato notevolmente incrementato: significative la donazione della biblioteca di Corrado Alvaro, l’acquisto dell’antico fondo librario del bibliofilo Pasquale Sandicchi, e il trasferimento di parte della biblioteca e dell’archivio di Umberto Zanotti Bianco. Nel 2010 è stato avviato e diretto da Maria Pia Mazzitelli un progetto di recupero del fondo antico conservato nei depositi della Biblioteca, con la mia collaborazione, quella di Liliana Baccellieri e di Giuseppina Scopelliti. Il lavoro di ricognizione è articolato in quattro fasi:

  1. Recupero

  2. Inventariazione in un catalogo elettronico locale

  3. Nuova collocazione

  4. Revisione

2La prima fase avviene nei depositi della Biblioteca, dove i volumi vengono recuperati; l’inventariazione permette di inserire nel catalogo elettronico i principali dati bibliografici dell’esemplare al quale è assegnato una nuova segnatura di collocazione; successivamente i volumi vengono ricondotti nei depositi, nella sede del reperimento, con un nuovo ordine; l’ultima fase infine, avviene ogni centinaio di libri inventariati, con lo scopo di appianare eventuali discrasie. Inoltre alcune collane smembrate, i cui volumi sono stati ritrovati in collocazioni e tempi differenti, sono state ricongiunte e classificate sotto un unico denominatore. Mediante collazione fra il catalogo elettronico redatto nel corso della ricognizione e la documentazione reperita presso l’Archivio della biblioteca e presso l’Archivio Storico del Comune di Reggio Calabria, si sono delineate alcune provenienze librarie riconducibili a soppressioni di enti ecclesiastici nel corso del XVIII-XIX secolo e a donazioni di privati durante il XX secolo. Il fondo a oggi consta di circa 3.000 esemplari, pubblicati fra il XVI e XIX secolo; il lavoro tuttavia è in fieri ed è destinato a crescere orientativamente di 2.000 unità. Obiettivo del progetto è la partecipazione al catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale per assicurare al patrimonio conservazione e rintracciabilità. La città è venuta a conoscenza dell’attività svolta grazie alla mostra I tesori da scoprire, nella primavera del 2011. La sezione finale della tesi è riservata ad una descrizione bibliologica e relativo apparato storico-letterario eseguita su alcuni campioni de fondo, offrendo spunti per future valutazioni circa l’antica circolazione libraria reggina.

Auteur

Università degli studi di Messina

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search