Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Comunicazione e produzione culturale di un centro culturale con al suo interno i servizi di una biblioteca contemporanea. Il caso studio di Ginestra Fabbrica della Conoscenza

Cristiano Magi, Alessandro Panichi, Evelyne Bonazza et Vincenzo Estremo

Note de l’auteur

Progetto di ricerca coordinato dal prof. Maurizio Vivarelli dell’Università di Torino

Texte intégral

1Ginestra è un centro culturale, un luogo fisico adesso in ristrutturazione ma che ospiterà la nuova Biblioteca Comunale di Montevarchi, spazi per laboratori artistici e didattici votati alla creazione di produzioni originali, presentazioni e performance dal vivo. È un organismo di produzione di idee, arte e cultura: una rete multidisciplinare di soggetti, un centro di attività creative, dove sperimentare processi di apprendimento basati sull’imparare facendo. Luogo di antica memoria, è stata nel tempo, pur attraverso attività e funzioni diverse, un punto di aggregazione e coesione sociale, avendo ospitato dal VII al X secolo un monastero benedettino, poi divenuto hospitale per pellegrini e romei fino alla metà del Quattrocento. Dal 1866 alla prima guerra mondiale Ginestra è stata trasformata in filanda, ambiente di lavoro, di condivisione di esperienze e di comunicazione per moltissime famiglie protagoniste della storia locale del tempo. Solo nel 1978 l’Amministrazione Comunale di Montevarchi ha deciso di acquistare tutto il complesso edilizio allo scopo di farne un “luogo comune” per la città. Dopo una fase nella quale sono state ospitate attività culturali – nonostante Ginestra continui ad essere un organismo attivo – la struttura che ospiterà il centro culturale è attualmente in ristrutturazione, per adeguare gli ambienti e allestire gli spazi in modo che vi possa essere accolta anche la biblioteca cittadina. Nel tempo si sono alternate diverse figure professionali che hanno, con il loro lavoro, contribuito a delineare il progetto Ginestra Fabbrica della Conoscenza attraverso un processo di progettazione eterogeneo: da Anna Detheridge ad Artway of Thinking sino ad arrivare all’attuale tavolo di lavoro multidisciplinare composto da figure professionali diverse e coordinato dal Professore Maurizio Vivarelli dell’Università di Torino, del quale fa parte anche l’associazione Terzo Piano. Attualmente l’Associazione Terzo Piano si occupa del coordinamento dell’attività culturali – in dialogo anche con le associazioni del territorio – e sta portando avanti le attività di comunicazione del nuovo centro culturale, proseguendo un lavoro avviato da qualche anno e attivato attraverso un percorso di co-progettazione con la partecipazione di esperti, cittadini e membri dell’amministrazione.

 

2Oggetto dell’analisi sono stati gli strumenti di comunicazione e i linguaggi adottati da alcuni centri culturali e biblioteche, e in particolare da Ginestra Fabbrica della Conoscenza di Montevarchi, allo scopo di esplicitarne criticamente potenzialità e limiti, ma soprattutto di individuare buone pratiche che permettano sia di comunicare a un pubblico sempre più vasto, adottando mezzi espressivi e modalità rinnovate, sia di puntare a un innalzamento generale della qualità della comunicazione delle biblioteche e dei centri culturali, nell’ambito del linguaggio, degli stili e delle forme della grafica contemporanea. Parlando della comunicazione di Ginestra non ci si è potuti fermare solamente agli strumenti di comunicazione classici – considerando il web come parte di essi –, ma, come recita il titolo, abbiamo dovuto considerarli in relazione con l’aspetto della “produzione culturale”. Gli strumenti di comunicazione e i linguaggi si intrecciano infatti profondamente con le attività di produzione culturale di Ginestra. Queste produzioni diventano molto spesso, esse stesse, atti comunicativi. Abbiamo così progetti culturali che comunicano direttamente i valori e il senso di un progetto più ampio, quello proprio del centro culturale. Pensiamo in questo senso a Una storia per tutti ― leggiamo la Ginestra, progetto di video interviste documentarie che si interrogano sulla funzione del nuovo centro, assumendo la duplice funzione di prodotto culturale – con tutte le implicazioni relative ai linguaggi specifici del documentario, della ricerca antropologica e della produzione artistica – e di strumento comunicativo, divulgato attraverso il web e le televisioni locali. Stessa cosa vale per le produzioni teatrali originali – uno su tutti Il processo di Kafka – nate come frutto di laboratori di scrittura, regia e drammaturgia ma che poi si muovono autonome per i teatri e i centri performativi italiani, portando con sé il marchio del centro culturale che ne ha supportato, tra gli altri, la nascita. Lo stesso ovviamente vale per le fotografie e i video prodotti nell’ambito di un workshop guidato da un artista – citiamo in questo caso il progetto ReBuilding – sguardi sulla Ginestra, che ha portato alla produzione di una serie di video proiezioni allestite nel centro storico della città: le opere comunicano al tempo stesso l’attività del cantiere di ristrutturazione del centro culturale ma operano all’interno dei linguaggi specifici dell’arte contemporanea. Parte del processo di analisi è stato incentrato sulla comprensione di questo meccanismo. Attraverso indagini condotte su biblioteche e centri culturali – tra questi citiamo la Biblioteca San Giovanni di Pesaro, il Multiplo Cavriago, la Biblioteca di Magdeburg, il Barbican Centre di Londra, la Biblioteca Salaborsa di Bologna, la Biblioteca San Giorgio di Pistoia, il Pertini – la piazza dei saperi, il CCCB di Barcellona – che hanno sperimentato fattivamente tecniche comunicative nuove, si sono evidenziate le caratteristiche e le potenzialità di tali differenti modalità di comunicazione e produzione culturale, indispensabili per far sì che un centro culturale e una biblioteca siano ancora oggi luoghi di aggregazione e di crescita con finalità formative, educative, di alfabetizzazione e di libera espressione culturale, volte a migliorare la qualità della vita di una intera comunità. La comunicazione, nei casi considerati, è apparsa essenziale in un processo di condivisione e attualizzazione della memoria collettiva, che vede come primi protagonisti i cittadini, le comunità di riferimento, i numerosi interlocutori con cui la biblioteca – o il centro culturale – può interagire in un territorio, nel sistema delle istituzioni della cultura. Nel caso di Ginestra Fabbrica della Conoscenza la comunicazione si è intrecciata profondamente con le produzioni culturali originali, sviluppate attraverso processi di co-progettazione. Le produzioni che veicolano il marchio Ginestra hanno riguardato e riguardano diversi ambiti e media, seguendo una idea interdisciplinare, nella quale teatro, scrittura, cinema, documentario, fotografia, performance e altri linguaggi dialogano tra loro senza soluzione di continuità. Questa modalità rappresenta la novità che Ginestra vuole portare come esempio di buona pratica. I metodi di comunicazione utilizzati sono stati molto vari, sperimentati e testati direttamente sul campo. È stata sviluppata e/o adattata l’identità visiva del centro e poi si sono adottati svariati strumenti comunicativi, tra questi: Comunicazione cartacea; Comunicazione digitale; Altri media: TV, radio, giornali. Come già sottolineato ampio spazio è stato riservato alla comunicazione attraverso i progetti culturali e le produzioni originali di Ginestra. Per quanto riguarda l’aspetto produttivo è stata sperimentata e testata una modalità di co-progettazione, base dello sviluppo dei progetti Ginestra Fabbrica della Conoscenza, metodo di lavoro sviluppato negli anni e in continuo aggiornamento.

 

3I risultati del progetto sono stati un lento ma concreto avvicinamento e interesse intorno al nuovo centro culturale da parte degli utenti potenziali, cioè l’intera cittadinanza di Montevarchi e in senso ampio dell’intero Valdarno. Oltre a questo aspetto i progetti culturali avviati hanno permesso di attivare una rete molto dinamica di associazioni e singoli che hanno cominciato a lavorare insieme su attività culturali. Ginestra Fabbrica della Conoscenza è per sua natura aperta alle collaborazioni di singoli, associazioni, istituzioni e gruppi informali e tutti questi soggetti sono liberi di proporre progetti per il centro culturale. I progetti presentati e le proposte di collaborazione devono però essere coerenti con i principi e le parole chiave che Ginestra Fabbrica della Conoscenza si è data dopo un lungo percorso partecipativo che ha coinvolto cittadini, attività sociali, attività produttive, associazioni e istituzioni. Per trasformare questi principi generali – tra i quali ricordiamo l’apertura, l’imparare facendo, il bene comune – in azioni concrete sono stati sviluppati dei moduli standard di presentazione dei progetti che seguono le linee guida di Ginestra Fabbrica della Conoscenza e delle griglie valutative che aiutano nella valutazione e garantiscono uno standard dei progetti a marchio Ginestra. Si tratta di buone pratiche da seguire per la progettazione, sviluppate nel tempo a costo di errori e revisioni continue. La necessaria esigenza di innalzare il livello qualitativo dell’offerta culturale non deve infatti escludere una parte della cittadinanza che non ha, per formazione, gli strumenti critici che le permettano di valutare l’offerta stessa. Lo sforzo del centro culturale deve quindi essere quello di offrire, accanto alle attività, anche formazione e informazione, in modo da aumentare la consapevolezza e l’inclusione degli utenti. Utili sono anche esperienze come il bilancio sociale, sperimentato dalla Biblioteca San Giorgio di Pistoia, strumento di comunicazione e autoanalisi della valutazione di impatto, che va sicuramente nella direzione di un modello di trasparenza che può dare ai centri culturali la possibilità di migliorarsi e servire ancora di più la propria comunità di riferimento. Lo sforzo maggiore per Ginestra Fabbrica della Conoscenza è adesso rivolto alla comunicazione e alla condivisione di queste linee guida, cioè alla costruzione di un universo di senso comune che permetta di rendere concrete le parole chiave individuate negli anni dalla comunità. Rendere chiari questi passaggi e ampliare la condivisione del metodo sono alla base del successo del progetto Ginestra Fabbrica della Conoscenza e fondamentali per superare gli scetticismi e le difficoltà evidenziate durante il lavoro sul campo. Nella pagina “partecipa” del sito <www.fabbricaginestra.it>, sono presenti le linee guida, la descrizione del metodo di co-progettazione e i moduli per presentare progetti originali.

Auteurs

Terzo Piano – Associazione Culturale – Università di Torino

Terzo Piano – Associazione Culturale – Università di Torino

Terzo Piano – Associazione Culturale – Università di Torino

Terzo Piano – Associazione Culturale – Università di Torino

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search