Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Muscae Moriturae Donatistae Circumvolant

 | 
Alessandro Rossi

5. Conclusioni

Texte intégral

1Il lungo percorso fin qui proposto necessita alfine di una sintesi; indipendentemente dai risultati conseguiti, alcuni dei quali inevitabilmente interlocutori, va verificato fino a che punto l’analisi del materiale documentario abbia mantenuto fede a quei caratteri di novità metodologica sulla cui individuazione si è articolato questo progetto di lavoro.

5.1. Del confine tra storia e storiografia

2Da questo punto di vista, il primo capitolo rimane anche il più significativo, poiché le informazioni di cui oggi si dispone a proposito dello scisma d’Africa sono infatti, a partire dalle più antiche, il risultato di una rielaborazione semiotica: le opere di Ottato di Milevi e Agostino di Ippona presentano una selezione e organizzazione delle informazioni che corrisponde già a un processo di intermediazione storiografica tra gli avvenimenti e chi ne recepisce la narrazione.

3Si tratta di una elaborazione con caratteristiche specifiche troppo spesso sottovalutate: se nessuna ricostruzione storiografica può andare esente dal rapportarsi alla contemporaneità di chi la realizza, è pur vero che in questo caso particolare le fonti si presentano esplicitamente e univocamente come strumenti al servizio di una delle parti in conflitto e dunque fanno uso, nella descrizione degli avvenimenti che riferiscono, di chiavi di lettura e di filtri interpretativi fortemente orientati.

  • 1 Un confine, comunque, rimasto assai labile e non sempre rispettato anche nel xxi secolo: si ripens (...)

4Proprio per quanto riguarda il “donatismo”, non solo al momento della ripresa dell’indagine nel xvi secolo ma, come si è visto, almeno fino al xix è rimasto del tutto indefinito il confine tra “fonte” e ri-costruzione narrativa1: sul processo di riconoscimento di senso e significato degli avvenimenti ha finito con l’imporsi quello di attribuzione di senso e significato del prodotto finale della loro rimodulazione tardoantica. Nessun concreto progresso nella ricerca pare possibile, se si prescinde dalla presa di coscienza di quanto in profondità la “storia del donatismo” abbia finito in realtà con il coincidere con la “storia delle narrazioni aventi per oggetto il donatismo”: l’ermeneutica del sospetto, per riprendere una felice espressione di Maureen Tilley più volte richiamata nel corso di questo lavoro, deve insomma essere rivolta, prima ancora che alle fonti antiche, ai risultati della ricerca e della ricostruzione storiografica moderna.

5La messa a punto di questa sorta di “vaccinazione preventiva” ha costituito la preoccupazione costante nel corso di tutta la mia ricerca.

5.2. Spunti di aggiornamento

6Le necessità tipiche della produzione scientifica odierna, che restringono i tempi di elaborazione delle pubblicazioni, hanno prodotto una cesura pericolosissima tra la ricerca storiografica e le acquisizioni delle altre scienze: aver dedicato la seconda metà del primo capitolo a questa esigenza di aggiornamento è stato un altro dei passaggi che ha consentito di mettere a fuoco quanto la ricostruzione storiografica del “donatismo” risentisse ancora, alla fine del Novecento, dell’influenza di chiavi di lettura elaborate tra l’inizio e la metà di quello stesso secolo, e ormai superate.

7Nemmeno questo, evidentemente, garantisce allo storico una irraggiungibile e peraltro illusoria neutralità: ma un tale aggiornamento gli offre almeno la possibilità di applicare finalmente chiavi di lettura nuove alle fonti, in modo da approfondire la conoscenza critica del passato.

5.3. Alla prova dei fatti

8Il secondo capitolo di questo lavoro, dedicato alle prime fasi dello scisma, è stato il banco di prova su cui sperimentare il tentativo di porre domande “nuove” a fonti già sottoposte da quattro secoli all’indagine storiografica. Lasciando sullo sfondo le interpretazioni moderne, con le quali è stato ovviamente necessario confrontarsi ma dalle quali sarebbe stato ormai improduttivo prendere le mosse, la prima operazione da compiere sul piano metodologico è stata quella di destrutturare la narrazione di Ottato e Agostino.

9Il problema, evidentemente, non poteva essere circoscritto all’esegesi degli avvenimenti offerta in queste fonti: a tale livello la manipolazione dell’informazione risulta tutto sommato ben riconoscibile e “sterilizzabile” nei suoi effetti - specialmente da parte di chi, per formazione e per distanza temporale, sia ben lontano dall’agone polemico rispetto al quale quegli autori modulavano le proprie interpretazioni.

10Una cautela di questo genere non avrebbe presentato alcun carattere innovativo: occorreva invece riuscire a individuare i meccanismi operanti nella selezione delle informazioni e nella loro strutturazione sul piano narrativo (si ripensi, a titolo d’esempio, all’analisi dello scambio epistolare tra Mensurio di Cartagine e Secondo di Tigisi proposto supra, § 2.2.2).

11Se Ottato dimostra già una notevole abilità nel confezionamento di un passato spendibile per obiettivi polemici suoi contemporanei, con Agostino questo processo si dispiega in tutta la sua potenza fabulatoria: dunque, riconoscere l’intervento interessato del narratore nella strutturazione della sequenza in cui le notizie vengono riportate e, ove possibile, anche nel loro ridimensionamento, offuscamento o esclusione è il solo mezzo che consente poi di sottoporre le informazioni - nella misura in cui si sia riusciti a riportarle in uno stato “neutro” - a una indagine che non si limiti a ripercorrere vie già battute.

12Se in questa fase un guadagno c’è stato, oltre a una più accurata ricostruzione di alcuni passaggi fondamentali (ad esempio, la sinodo romana del 313 e le modalità di intervento di Costantino: supra, § 2.3), esso va individuato nel tentativo di riconoscere senso e significato attribuiti a quegli avvenimenti da parte dei loro protagonisti. Il caso del “bacio di Lucilla” (supra, § 2.2.3) è forse il più immediatamente rievocabile in questo contesto: rispetto alla tradizionale lettura in chiave di “religiosità popolare” o addirittura di “superstizione”, esplicitamente suggerita da Ottato, è stato possibile riconoscere una delle prime manifestazioni di una concezione ecclesiologica che, superando la mediazione gerarchica istituzionale, costituisce una delle basi attorno a cui si articolò la lunga crisi africana (supra, § 2.5).

5.4. Contesti, cornici sfondi

13La rilettura delle prime fasi del conflitto ha così condotto a riconoscervi, fin dalla sua protostoria, la presenza di opzioni ecclesiologiche che la persecuzione dioclezianea e la successiva pace licinio-costantiniana avevano reso ormai inconciliabili. L’analisi, a questo punto, si è concentrata sul processo di costruzione identitaria dell’ecclesia martyrum: quanto alla catholica, questo processo ha dovuto attendere Ottato di Milevi, e dunque almeno mezzo secolo dall’inizio dello scisma, per trovare una elaborazione strutturata.

14La deformazione prospettica cui molte rappresentazioni odierne finiscono con il soggiacere è anche in questo caso determinata dall’inversione del percorso interpretativo: non è corretto, in altri termini, cercare di riconoscere la costruzione identitaria della pars Donati a partire da quella della pars Caeciliani così come essa è configurata nell’opera del milevitano. Le rispettive elaborazioni si sono formate secondo una scansione del tutto opposta: è stata la repressione costantiniana, seguita poi da quella di Costante I, a determinare l’autocomprensione donatista come “chiesa che patisce persecuzione”; solo in un secondo tempo, dopo aver finalmente definito il proprio rapporto con il potere imperiale, la pars Caeciliani è stata in grado di delineare e di riconoscersi in una identità chiaramente alternativa a quella “donatista”.

15In questo passaggio ho trovato decisiva la ricostruzione dei contesti nei quali, nella cornice del bacino mediterraneo, le repressioni antidonatiste venivano a inserirsi: si è trattato, nuovamente, di scardinare le modalità di confezionamento della narrazione di Ottato e di Agostino, che accuratamente restringono il panorama ai soli confini delle province d’Africa. Allargare l’orizzonte, riconoscere i tratti della costruzione identitaria di una chiesa perseguitata e inquadrarli nel lessico e nella sintassi narrativa delle analoghe esperienze cronologicamente vicine ha consentito, nel corso del terzo capitolo, di proseguire nella delineazione dell’elaborazione semiotica nell’autocomprensione di parte donatista; dalla lotta per le basiliche all’originale sistemazione parmenianea delle dotes ecclesiae, il modello esegetico ha affinato la propria capacità di interpretazione.

16Infine, il ruolo assunto dallo sviluppo del culto martiriale in questa costruzione identitaria ha condotto a riconoscere, nel quarto e ultimo capitolo, l’importanza dell’esperienza circoncellionica. Sia la cosiddetta “prassi suicidaria” sia le violenze anticattoliche, una volta depurate dal confezionamento narrativo operato da Ottato e da Agostino, hanno assunto una prospettiva del tutto diversa. In primo luogo, rispetto alla patente di insensatezza e di fanatismo loro attribuita dai due vescovi cecilianisti, è emersa la possibilità di riconoscere senso e significato nell’agire circoncellionico; in secondo luogo, è divenuto comprensibile il legame tra questa specifica costruzione identitaria e quella più genericamente donatista.

17L’ultimo spunto di analisi (supra, § 4.4) ha offerto una sorta di “prova del nove” delle chiavi di lettura proposte: nell’individuazione delle strategie di “normalizzazione” applicate dalla chiesa africana dopo la riunificazione forzata, seguita alla Collatio del 411, è stato possibile riconoscere quali fossero i tratti della costruzione identitaria donatista su cui l’episcopato cattolico riteneva fondamentale - e realizzabile - il proprio intervento, sia per impedire un recupero da parte delle gerarchie avversarie, sia per assicurare un completo assorbimento dei fedeli nella raggiunta unità, articolata secondo le parole d’ordine agostiniane pax, unitas e caritas.

5.5. Quod, si vita suppeditet …2

  • 2 Tacitus Hist 1, 1, 4.

18Resta da fare il punto, ormai, su quali vie siano state aperte a ricerche future: l’uso tutto sommato limitato che qui si è fatto del materiale documentario prodotto alla Collatio è solo un anticipo di quale lavoro si prospetti, nei prossimi anni, in direzione di una rilettura complessiva dei processi di autocomprensione della chiesa ex parte Donati.

19Il suo interesse, oltre che nella possibilità di accedere senza mediazioni e manipolazioni a una elaborazione originale in chiave identitaria, risiede anche nella possibilità di riconoscerne eventuali sviluppi rispetto alle condizioni di partenza o a quelle relative ai tempora Macariana e alla fioritura del movimento circoncellionico.

20Credo che vada accolta molto attentamente la percezione più volte riaffermata da Maureen Tilley a proposito di un errore prospettico nella ricostruzione dell’identità donatista, se interpretata come un monolite privo di sviluppi in una storia lunga un secolo; d’altra parte è difficile credere che l’episcopato donatista, costretto con la forza a partecipare alla Collatio, potesse pensare di avere la benché minima possibilità di veder riconosciute le proprie ragioni. Dunque, quanto espresso in quella sede dalla pars Donati doveva rispondere, assai più di quanto non si sia finora riconosciuto, a esigenze di carattere identitario, in vista di un futuro, sperato, rientro sulla scena.

  • 3 «Flavius Marcellinus 2»: PCBE 1, pp.671-688.

21Solo due generazioni prima, infatti, le espulsioni, gli esili, le confische volute da Costante I non avevano impedito, al mutare delle condizioni politiche con l’ascesa al trono di Giuliano, il rientro dei vescovi e il loro reinsediamento. Pur consci, nel 411, dell’inevitabilità della loro condanna da parte del tribunus et notarius Marcellino3, l’arbitro nominato da Onorio e futuro amico di Agostino, i vescovi “donatisti” avevano l’occasione per gettare le basi di un prossimo rientro, se le condizioni storiche e politiche lo avessero consentito: credo che questa possa essere una chiave di lettura interessante di quanto da essi prodotto alla Collatio.

  • 4 Garcia Mac Gaw 2008.

22Non ho ritenuto opportuno, invece, trattare le questioni legate al dibattito sulla teologia sacramentale: in primo luogo, esse hanno già attirato l’attenzione di grandi studiosi, e una sistemazione come quella recentemente proposta da Carlos García Mac Gaw per quanto riguarda la questione battesimale4 mi sembra non necessiti di ulteriori interventi; in secondo luogo, la riflessione teologica - nella misura in cui essa può essere ricostruita sulla base del materiale documentario pervenuto - esprime una fase successiva dell’elaborazione identitaria: essa corrisponde a una sistemazione/sistematizzazione a posteriori, che avrebbe esulato dal centro di interesse adottato in questo studio.

5.6. Tabula gratulatoria

23L’elenco delle persone nei cui confronti ho contratto un qualche debito di riconoscenza, durante il percorso di ricerca che ha portato a questo libro, potrebbe probabilmente occupare uno spazio pari a quello destinato alla bibliografia. Ciononostante, desidero almeno ricordare qui quanti abbiano dato il contributo più significativo al mio lavoro.

24In primo luogo, vanno menzionati i professori:

  • Adele Monaci Castagno (Storia del Cristianesimo e delle Chiese - Università degli Studi di Torino): è stata mia tutor alla Scuola di Dottorato dell’Università di Torino e mi ha offerto un confronto sempre ricco di spunti e di suggerimenti. Insieme a lei, desidero ricordare i suoi colleghi del Dipartimento di Storia Giovanni Filoramo, Claudio Gianotto, Natale Spineto: gli incontri e i dibattiti organizzati regolarmente alla biblioteca Peterson sono stati uno stimolo costante e sempre ricco di spunti.
  • Remo Cacitti (Storia del Cristianesimo Antico / Letteratura Cristiana Antica, Università degli Studi di Milano), che da ormai trent’anni supporta le mie ricerche e offre ai miei lavori una lettura critica della quale, senza alcuna piaggeria, non saprei fare a meno. Per quanto riguarda questa ricerca, il debito nei sui confronti è ancora più ampio di quanto non mi sia accaduto in passato: la sua capacità di interpretazione dei fenomeni legati all’epopea circoncellionica ha non solo profondamente cambiato l’approccio metodologico all’argomento, ma ha indicato molte delle piste sulle quali mi sono avventurato. Non sempre questo debito emerge come dovrebbe dall’apparato delle note o dalle citazioni dirette: ma, semplicemente, questa ricerca - in particolar modo il quarto capitolo - non sarebbe stata pensabile senza le nuove prospettive da lui aperte5. Da ultimo, ma solo nella disposizione sulla pagina, gli sono debitore per la lunga e generosa amicizia di cui non gli sarò mai abbastanza grato.
  • Nicola Criniti (Storia Romana, Università degli Studi di Parma): a lui si deve la rilettura puntigliosa di ogni pagina, con una attenzione che definirei “bonariamente maniacale”. Ho cominciato a considerarlo un maestro quando ancora frequentavo il liceo, e da allora non ho mai smesso di avvalermi della sua competenza e della sua disponibilità: le sue conoscenze e la sua consulenza, specialmente per quanto riguarda il capitolo secondo, sono state fondamentali. Anche in questo caso, comunque, la sua amicizia costituisce la risorsa più importante cui so di poter fare liberamente ricorso.

25A diverso titolo, mi sono stati di aiuto e di stimolo i professori Giovanni Bazzana e François Bovon (Harvard Divinity School, Boston MA), quest’ultimo specialmente per lo sviluppo delle ricerche sul culto delle reliquie del protomartire Stefano.

26Altri, cui devo riconoscenza per la lettura critica e i per preziosi suggerimenti, sono i dottori:

  • Matteo Dalvit (Università di Padova): ho fatto specialmente ricorso alle sue competenze nel campo dell’agiografia donatista.
  • Gianluca Mainino (Università di Pavia): alla sua pazienza devo la mia ancora claudicante alfabetizzazione nel mare magnum del diritto romano.
  • Gabriele Pelizzari (Università di Milano): oltre ad avermi letteralmente insegnato a “leggere” l’iconografia cristiana dei primi secoli, dalla sua consulenza dipende, in particolar modo, l’impianto del paragrafo 4.3.2 (rimane purtroppo solo mia, invece, la responsabilità delle sciocchezze che posso aver scritto in quel contesto...).
  • Il gruppo di colleghi torinesi conosciuti grazie alla Scuola di Dottorato, e in special modo: Roberto Alciati, Riccardo Ampio, Maria Chiara Giorda, Andrea Nicolotti, Rosa Maria Parrinello, Eliana Stori, Emiliano Rubens Urciuoli, Fabrizio Vecoli. Da ciascuno di loro, a diverso titolo e per le diverse competenze, ho appreso molto.

27Prezioso è stato poi il supporto offertomi dal personale delle biblioteche:

  • Dell’Università degli Studi Milano-Bicocca; uno speciale ringraziamento va al suo direttore dottor Maurizio di Girolamo e alla dottoressa Federica De Toffol, i quali desidero segnalare anche per la competenza con cui mi hanno assistito.
  • Dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e soprattutto dai signori Gabriele Barcellini, Samuele Lunghi e Davide Ubiali: la loro disponibilità è sempre stata pari alla gentilezza, e la frequentazione di quelle sale non ha mai tradito le aspettative.

28Desidero estendere la mia riconoscenza ai molti amici che mi hanno sostenuto con la loro stima e il loro affetto, senza dei quali il peso di questo lavoro sarebbe stato di gran lunga meno sopportabile: Ada Maurizia Morandi e Maria Assunta Casati, dell’ITIS “E. Molinari” di Milano, e tutti i miei ex studenti dello stesso istituto; Luca Candiani, Federico Caprioli, Eros Colombo, Corrado Locatelli, Elisabetta Parapini, che da tempo immemorabile mi sorreggono; Sara Casiraghi, Stefano Checconi, Erika Giusto: grazie a loro, le mie giornate non rischiano mai di cadere nel tedio…

29Infine, almeno un cenno anche alla pazienza della mia famiglia: a Laura, a sua madre Anna e ai nostri figli Lorenzo e Luca (in ordine di apparizione nella mia vita), ai miei genitori Angela e Franco, a mia sorella Alessandra e a suo marito Paolo va la mia gratitudine più sincera.

Notes

1 Un confine, comunque, rimasto assai labile e non sempre rispettato anche nel xxi secolo: si ripensi al caso limite costituito da Banfi 2005, per cui cfr. supra, § 2. 3. 2.

2 Tacitus Hist 1, 1, 4.

3 «Flavius Marcellinus 2»: PCBE 1, pp.671-688.

4 Garcia Mac Gaw 2008.

5 Il riferimento è, ancora una volta, a Cacitti 2006.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site

Acheter

Volume papier

amazon.fr