Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La comunicazione scientifica dal preprint al repository: il caso dello Scientific Information Service del CERN

Lorenza Salvatori

Note de l’auteur

Tesi di Diploma

Scuola di specializzazione in “Beni archivistici e librari”
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 24 Gennaio 2013
Relatrice prof.ssa Paola Castellucci, correlatori prof. Alberto Petrucciani e dott. Tullio Basaglia

Texte intégral

1Attraverso questa ricerca si è voluto affrontare il tema della comunicazione scientifica in relazione alle abitudini, alle necessità e al sistema di valori della comunità dei fisici, e in particolare dei fisici delle alte energie. Dall’analisi delle modalità sperimentali e innovative utilizzate in quest’ambito per la disseminazione dei risultati scientifici, messe a punto grazie anche a una stretta interazione tra i fisici e i bibliotecari, si è cercato di individuare le caratteristiche principali che hanno reso questo contesto così peculiare e di verificare se questo modello comunicativo fosse applicabile anche ad altre discipline.

 

2La prima parte del lavoro è stata dedicata allo studio della nascita e dell’evoluzione della letteratura grigia (LG), un vero e proprio “genere” della comunicazione scientifica. Consolidatasi in particolare negli ambiti della fisica e dell’astronomia, è divenuta progressivamente uno degli strumenti principali utilizzati dalla comunità scientifica per far circolare i risultati delle attività di ricerca con tempi molto più veloci di quanto l’editoria tradizionale potesse garantire. Si è fatto, dunque, da un lato un excursus di tipo storico – dalla seconda guerra mondiale, quando la LG, allora caratterizzata da vincoli di segretezza e da un alto grado di specializzazione, iniziò ad essere utilizzata diffusamente, fino ai giorni nostri, in cui le possibilità offerte dalla rete ne hanno permesso una distribuzione capillare – e dall’altro si è tracciato un quadro delle definizioni, delle tipologie e delle caratteristiche proprie di questo genere. Nella seconda parte della tesi si è invece ristretto il campo d’osservazione alla comunità dei fisici, individuando preliminarmente alcune modalità comportamentali caratterizzanti, e focalizzandosi poi sui nuovi modelli di comunicazione imperniati sulla LG, e sul preprint in particolare, che progressivamente hanno acquisito un ruolo assolutamente centrale in questo campo. A partire dalle testimonianze scritte – in forma di preprint – delle bibliotecarie che per prime all’interno dei grandi laboratori di fisica delle alte energie avevano lavorato su questo materiale documentario, si è analizzata la nascita e lo sviluppo di un sistema di gestione della LG che, pur nel mutamento avvenuto col passaggio “dalle carte alla rete”, ha mantenuto caratteristiche costanti nel corso del tempo. Sono stati scelti come casi rappresentativi ed esemplificativi di questo percorso quelli di SPIRES – primo database per la LG in materia di fisica delle alte energie – e di arXiv – primo ed “esemplare” repository, riferimento ineludibile per tutti i successivi preprint-server. Si è inoltre evidenziato come queste nuove forme di comunicazione scientifica abbiano costituito un potente stimolo anche per lo sviluppo del movimento open access, dal momento che venivano veicolate non dai canali editoriali commerciali, ma in larga misura da fonti community-based. Nell’ultimo capitolo, infine, è stato preso in esame il caso dello Scientific Information Service del CERN, esempio significativo e riuscito di collaborazione tra i differenti attori della produzione, gestione e fruizione della comunicazione scientifica. Sono state analizzate in dettaglio le procedure che hanno caratterizzato il sistema di distribuzione dei preprint tra gli anni Sessanta e gli anni Novanta, e poi lo sviluppo dei sistemi di gestione informatizzata delle risorse documentarie. Oltre alla descrizione delle “buone pratiche” messe in atto all’interno dell’istituzione, si è anche dato conto del ruolo di primaria importanza che il CERN ha avuto nella promozione dell’open access, visti principi che ne hanno ispirato la costituzione e l’attitudine collaborativa propria della comunità stessa.

 

3Lo studio, nel suo complesso, ha mostrato come la comunicazione nell’ambito della fisica delle alte energie nel suo processo di evoluzione ha mantenuto due costanti principali: la natura “grigia” della documentazione prodotta, rimasta tale anche con il passaggio al formato elettronico, e il ruolo dei bibliotecari che, raccogliendo la sfida derivante dal confronto con lo spazio nuovo della biblioteca digitale, hanno saputo mantenere una posizione centrale per la loro capacità di analizzare l’utenza e le sue necessità, sapendo offrire soluzioni adeguate a rispondere ai bisogni di quest’ultima. Allo stesso tempo ha evidenziato come, attraverso l’esempio della comunità dei fisici, la letteratura grigia sia divenuta un modello di comunicazione online valido ed esportabile anche in altri ambiti disciplinari.

Auteur

La Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search