Version classiqueVersion mobile

Muscae Moriturae Donatistae Circumvolant

 | 
Alessandro Rossi

1. Tra storia, storiografia e aggiornamenti

Texte intégral

1.1 Qualche spunto critico

  • 1 “Africa settentrionale” è un termine molto impreciso: nel corso della plurisecolare dominazione ro (...)
  • 2 Andrebbero certo precisati anche i criteri con cui si definisce la categoria dell’inutilità: ma qu (...)

1A far data dalla fine del secolo scorso la pubblicazione di alcuni saggi particolarmente stimolanti ha in qualche modo riaperto la vexata quaestio dell’interpretazione dello scisma donatista in Africa settentrionale1: se infatti la ricostruzione degli avvenimenti, almeno sulla scorta dei documenti che ci sono pervenuti, può ormai basarsi su alcuni punti fermi, è sull’interpretazione dei singoli episodi e dell’intero fenomeno che la critica storica ha evidentemente ancora molto da dire. Pare perciò opportuno, in questa sede, ripercorrere a grandi linee le premesse metodologiche della fioritura di studi sul donatismo che, specie dopo il secondo dopoguerra, ha offerto chiavi di lettura molto diversificate e spesso tra loro in polemica. Questo lavoro di ricostruzione critica si rende particolarmente necessario, a mio avviso, proprio in funzione della quantità di saggi pubblicati in questi ultimi anni, oltre che della varietà delle tesi sostenute: il lettore troverà, nelle note a fondo pagina o nella bibliografia finale, una sorprendente quantità di titoli, non tutti di immediata reperibilità (e, a onor del vero, non tutti di utile consultazione…2).

2Prima di entrare nel merito di questo lavoro, occorre comunque giustificare al lettore l’adozione e l’impiego di alcune scelte di carattere metodologico-critico.

1.2 Premesse

1.2.1 «There is more continuity here than initially meets the eye3»: riflessioni preliminari sull’uso delle fonti in questo studio

  • 3 Eno1993, p. 167.
  • 4 “Secondaria” è riferito al fatto che nessuna delle opere pervenute, composte da esponenti della pa (...)

3È d’uso, in questo genere di indagine, dichiarare preliminarmente i criteri secondo i quali le fonti antiche saranno escusse ed analizzate: di solito, uno dei parametri principali consiste nel rispetto della successione cronologica nella composizione di questi testi. Per quanto riguarda però l’oggetto del presente studio, questo criterio rischia di essere sterile: se si eccettuano testi di secondaria importanza4, la maggior parte delle informazioni che ci sono pervenute risiede in opere di autori dichiaratamente e spesso programmaticamente ostili alla pars Donati. Ora, sebbene questa sia la principale limitazione delle fonti su quasi tutti i movimenti che nel corso dei primi secoli finirono col trovarsi ai margini, se non in aperta contrapposizione, con la Grande Chiesa, tuttavia il caso della pars Donati presenta alcune particolarità che ne rendono unica la condizione:

  • malgrado la possibilità di individuare tracce di presenza donatista5 anche in altre aree del bacino mediterraneo occidentale, il fenomeno è, nel suo sorgere e nei suoi sviluppi, strettamente legato all’area africana. A partire da questa constatazione non sembrerebbe sbagliato utilizzare, come discrimine per la selezione delle fonti, il criterio geografico: eppure, come sarà possibile verificare nel corso della riflessione, esso va usato con molta precauzione, perché proprio le caratteristiche teologiche ed ecclesiologiche della questione hanno reso “trasparenti” molte altre informazioni, nel senso che esse risultavano di secondaria o nulla importanza per i contemporanei, e come tali essi le riferivano spesso in modo del tutto accidentale. Allora è possibile ritenere che fonti extra-africane abbiano conservato informazioni forse di seconda mano, ma non per questo meno attendibili o utili per lo storico moderno: il fatto che queste informazioni non siano immediatamente confrontabili con altre fornite da autori africani potrebbe semplicemente dipendere dalla valutazione e dalla impostazione polemica di questi ultimi.
  • la cifra caratteristica dello scontro tra pars Donati e pars Caeciliani risiede nelle rispettive ecclesiologie: questo comportò per gli eresiologi coevi un notevole problema di ordine concettuale. La manualistica e buona parte della trattatistica antiereticali antiche si ponevano come obiettivo quello di fornire ai propri lettori/fedeli uno strumento di facile utilizzo, capace di consentire con semplicità l’individuazione di tesi eretiche e la loro standardizzata confutazione6. Manuali ad uso interno, dunque, più che opere destinate ad un pubblico “eretico” da convertire: proprio questa impostazione ha fatto sì che per gli autori antichi il donatismo presentasse difficoltà quasi insormontabili nella sua descrizione e nella selezione delle informazioni da conservare. Sul piano teologico, infatti, se si esclude un supposto, momentaneo avvicinamento all’arianesimo di Donato il Grande del tutto privo di conseguenze, fino a Agostino la pars Caeciliani ritenne di non avere nulla da rimproverare ai propri avversari: anche quando, sull’onda delle posizioni agostiniane e della legislazione imperiale, gli aderenti al donatismo furono dichiarati haeretici, a venir loro rimproverata era pur sempre una deviazione di carattere ecclesiologico, resa più grave dall’obstinatio ormai perdurante da un secolo. Le fonti sull’ecclesiologia donatista sono per lo più indirette: si tratta di testi di polemica antieretica e di matrice cattolica, di manualistica antieretica della stessa matrice, e di testi di origine donatista il cui focus interno non è però centrato – almeno esplicitamente - sull’ecclesiologia. Perciò, nel tentativo di ricavarne qualche informazione proprio su questo tema, si è costretti con le fonti ad un uso i cui criteri guida sono inevitabilmente assai flessibili. Spesso fonti di diversa provenienza geografica e di consistente distanza cronologica devono essere discusse insieme per poter offrire qualche traccia della riflessione ecclesiologica caratteristica della pars Donati.
  • benché la polemica tra le due partes abbia registrato una durata superiore al secolo, è da tenere sempre a mente che essa ha presentato, dal punto di vista della riflessione teorica, una sostanziale immobilità. Non solo il motivo del contendere rimase strettamente legato alle contrapposte visioni ecclesiologiche, ma anche gli argomenti portati a sostegno delle rispettive posizioni sembrano essersi cristallizzati nel tempo. Specialmente dal punto di vista della pars Donati, tutto riconduceva inevitabilmente al passato, al momento preciso dell’elezione e consacrazione di Ceciliano a vescovo di Cartagine e primate della provincia d’Africa: la continuità secolare nell’utilizzo delle medesime argomentazioni e dei medesimi elementi di prova rende inevitabile, per comprenderne esattamente la portata ed il significato, un continuo confronto di fonti pur tra loro cronologicamente distanti che difficilmente può, allo stato attuale della documentazione, seguire criteri rigidi e predeterminati.
  • 7 Utilizzo questo termine sulla base delle tesi di Karl Weick, per cui rimando al suo principale tes (...)

4I criteri fin qui esposti sono già stati enucleati, tutto sommato, dalle ricerche precedenti: ma le caratteristiche della documentazione che ci è stata trasmessa impongono un ulteriore salto di qualità nell’individuazione di una strumentazione concettuale capace di proporre per quelle lontane vicende una interpretazione che vada oltre quella offerta da Ottato di Milevi e Agostino di Ippona. Non è sufficiente, insomma, riconoscere la dimensione polemica delle ricostruzioni storiografiche antiche per liberarsi delle chiavi interpretative elaborate dai loro autori: non si può semplicemente porsi in ascolto delle fonti “come se fosse la prima volta” per sentirsi al riparo dalle attribuzioni di significato operate già da chi le ha trasmesse. Una attribuzione di significato è ormai contenuta nella stessa selezione delle informazioni su cui basare la ricostruzione degli avvenimenti: dunque, occorre individuare quali operazioni di “sense-making7” siano state praticate da Ottato e Agostino fin dalla raccolta dei materiali, e perciò rischia di essere inutile un lavoro di riflessione critica che si preoccupi solo di destrutturare il successivo processo di attribuzione di senso, in chiave polemica, da parte di questi autori. Le notizie tramandate sono state selezionate a discapito di altre: in questo modo, il processo di attribuzione di significato ha orientato la ricostruzione dei fatti ben prima del processo di interpretazione che si è tradotto nel loro uso a fini polemici. Dunque il consueto lavoro di estrazione delle informazioni, per liberarle dalla “cornice” in cui gli obiettivi polemici le avevano contestualizzate, non è di per sé sufficiente a garantire il controllo critico nella attribuzione di significato: si rischia, come purtroppo è accaduto ancora per tutto il Novecento, di porre alle fonti le stesse domande che posero loro Ottato ed Agostino, finendo così per dare, quasi senza rendersi conto del corto circuito metodologico, le stesse risposte.

  • 8 Il riferimento è all’introduzione di Mazza1973, p. VII.
  • 9 Per la disamina di status quaestionis precedenti, cfr. Romero1982b (poco maneggevole, data l’impos (...)
  • 10 Faccio mia, in questa premessa, la riflessione con cui Yves Modéran giustifica l’ampiezza profusa (...)

5Mi è parso estremamente istruttivo in questa ottica il lavoro di rilettura delle interpretazioni storiografiche prodotte dal xvi secolo fino alla fine del xvii, che ho sintetizzato nel paragrafo 1.3.1: da esso risulta evidente come la storiografia contemporanea abbia radici assai remote nel suo modo di procedere rispetto ad alcuni temi, e come queste radici affondino in profondità proprio fino all’impostazione degli autori antichi. Parafrasando una felice espressione di Mario Mazza, si può sostenere che molti equivoci avrebbero potuto essere evitati, anche nella storiografia moderna, con una più serrata analisi delle varie interpretazioni del donatismo e delle «raison d’être8» loro, oltre che del donatismo stesso; prospettare perciò una rilettura di quelle fonti con una rinnovata coscienza critica e un più attento controllo metodologico può contribuire significativamente alla ricostruzione della autocomprensione da parte donatista delle vicende africane del quarto secolo. Non ho proposto un analogo quadro di sistema per quanto riguarda la letteratura scientifica degli ultimi due secoli, trattandosi di un lavoro già ben svolto da altri9: mi è sembrata tuttavia utile una messa a fuoco sulle principali chiavi interpretative proposte nel Novecento, perché il dibattito ha risentito dopo gli anni ’70 di una certa sclerotizzazione nell’aggiornamento dei suoi fondamenti10.

1.2.2 Nomina nuda tenemus? La questione terminologica, o “dei donatisti e dei circoncellioni”

  • 11 Gen 2, 19.

6… adduxit ea ad Adam, ut videret quid vocaret ea; omne enim, quod vocavit Adam animae viventis, ipsum est nomen eius11: certo ad ogni storico che si occupi della dissidenza religiosa piacerebbe trovarsi nell’adamitica condizione di dare un nome nuovo a tutte le cose, o almeno a quelle delle quali deve occuparsi. Invece è per lo più costretto a servirsi di una terminologia formatasi attraverso la lenta concrezione di due progressioni distinte, che tendono però ad intersecarsi: da una parte la polemica antica, spesso giunta fino a noi unicamente nelle testimonianze di una sola della parti in contesa; dall’altra, l’opera degli storici che lo hanno preceduto: col loro lavoro essi non solo hanno già esplorato tutte le denominazioni possibili, ma hanno ormai caricato quei nomi di significati da cui sarebbe utopistico liberarli.

7Vorrebbe lo storico contemporaneo disporre, se non proprio dell’adamitica novità di tutte le cose, almeno dell’indipendenza di giudizio, insomma di una salvaguardia dai pre-concetti di chi lo ha preceduto: invece si trova costretto ad usare termini già carichi di giudizio, spesso consumati da una ricerca storiografica e da una narrazione che traggono le proprie origini fin dai Centuriatori di Magdeburgo o da Cesare Baronio, cioè da quasi cinque secoli di stratificazioni semantiche talora radicate ancora nella polemica contemporanea.

  • 12 Cfr. Tabbernee 2007, pp. 358-360.

8“Donatismo” è il termine più frequentemente usato per definire l’oggetto di questa riflessione, specialmente nelle opere di carattere più generale. Tuttavia, negli ultimi decenni lo sforzo operato dagli studiosi per individuare un linguaggio che sapesse porsi in modo «historically correct» di fronte agli avvenimenti da esaminare ha condotto alla rimessa in discussione di questo vocabolo. L’uso tradizionale degli eresiologi antichi era quello di caratterizzare sette, movimenti ed eresie attraverso nomi che si richiamassero a un fondatore eponimo del gruppo: in questo modo, già dal punto di vista terminologico sarebbe risultato chiaro al lettore come essi si differenziassero dall’ortodossia, il cui eponimo era il Cristo stesso. Altre modalità di denominazione, meno frequenti ma non meno significative, potevano far riferimento a specificità nel culto (ad esempio, per gli Artotiriti12), all’origine geografica (Eresia dei Frigi, Catafrigi…), a nomi derivati da scelte di carattere teologico (Patripassiani, Monofisiti…).

  • 13 Benché mutili, ci sono pervenuti gli atti di questa Conferenza: i GestConlCart sono stati editi ne (...)
  • 14 Una disamina recente e abbastanza completa, pur senza presentare novità interpretative di rilievo, (...)
  • 15 Shawa 1992.
  • 16 Dopo la stesura di queste considerazioni ho potuto consultare, grazie alla cortesia dell’autore ch (...)

9Come è evidente, adottare oggi il medesimo criterio nell’attribuzione dei nomi significa esporsi al rischio di una sorta di pre-comprensione dei fenomeni, appiattendo il giudizio dei moderni su quello degli eresiologi antichi; è altrettanto evidente che nessuno storico moderno degno di rispetto sarebbe così ingenuo da lasciarsi influenzare da un nome «historically uncorrect», ma la questione è stata più volte posta con forza: in gioco non è tanto l’influenza che il sostantivo “donatismo” potrebbe esercitare su un ricercatore moderno (o sui suoi lettori), quanto il fatto che la scelta di un nome diverso può esprimere con chiarezza il nuovo modo di intendere il fenomeno da parte di chi lo indaga. Nella tradizione storiografica l’uso del termine “donatista” e dei suoi derivati ha finito con il consentire per un effetto di trascinamento l’utilizzo del nome di “cattolici” per gli oppositori di questo movimento, quasi scontatamente: questa però non è assolutamente una scelta neutrale, specialmente se si tiene conto del fatto che in questo specifico conflitto il termine “cattolico” indicava, pressoché in automatico, chi fosse nel giusto; ad esempio ancora un secolo dopo l’inizio dello scisma e nel pieno di quello che potrebbe essere considerato il momento più alto del confronto, cioè alla Collatio cartaginese del 411, a più riprese i contendenti rivendicano per sé il nome di “cattolici”, ovviamente rifiutando di riconoscerlo all’avversario13 e rinfacciandogli invece la responsabilità dello scisma col richiamo al vero fondatore della “setta”: pars Donati contro pars Caeciliani, cecilianisti contro donatisti…. Entrambe le parti rivendicano dunque con forza il diritto a fregiarsi del nome di “cattolici”, né i donatisti sono mai stati disponibili a rinunciarvi14. Così Brent D. Shaw, molto recentemente, ha avanzato una proposta apparentemente condivisibile15: focalizzando l’attenzione sulle caratteristiche dei due schieramenti, ha proposto di lasciare ai vincitori il nome di “cattolici”, volendo in ciò riconoscere, senza giudizio di merito (in fondo, curiosamente, una posizione assai simile a quella del presidente della Collatio, Marcellino), il loro continuo richiamo ad una concezione di chiesa la cui universalità venisse intesa come una comunione nell’ortodossia tra chiese geograficamente estese su tutto il mondo; mentre ha proposto per quelli che comunemente sono chiamati “donatisti” l’adozione del termine “africani”, sottolineando così la loro concezione di una chiesa che, se necessario, poteva anche essere considerata come ristretta alla sola Africa, e comunque caratterizzata da un più rigoroso radicamento nella tradizione locale. È una proposta che tuttavia presenta molti lati discutibili: i “cattolici” non hanno mai rinunciato alla rivendicazione della dignità e dell’autonomia della chiesa africana, mantenendosi in questo nel solco della tradizione ciprianea; né d’altra parte gli “africani” hanno mai rinunciato alla rivendicazione per sé del nome di “cattolici”, attribuendogli certo un significato meno legato all’espansione geografica della chiesa di quanto non facessero gli avversari16. Insomma, se usato con poca prudenza anche questo modo di indicare i due schieramenti rischia di tradursi in una pre-comprensione, in un pre-giudizio.

10Poiché in ogni caso l’indagine storiografica non si traduce solo in saggi specialistici, ma trova altresì il suo punto di cristallizzazione nelle grandi raccolte enciclopediche, l’introduzione di termini che si allontanino dalla tradizione rischia di generare più confusione di quanta ne possa risolvere, pur anche escludendo le opere di divulgazione dal perimetro della presente riflessione. Con quali termini allora indicare l’oggetto di questo studio, cercando di sfuggire ai rischi di equivoci e di pre-comprensioni? Sarebbe opportuno far riferimento a quegli appellativi che i contendenti stessi riconoscevano come adeguati: ma in una disputa di carattere teologico, proprio l’uso di queste denominazioni non è neutro… come si è visto più sopra, qualificare il proprio avversario con un termine diverso da “cristiano” significa già averne affermato l’estraneità alla vera religione: nessuno può accettare per sé un nome che lo discrimini in tal modo. Solo gli avversari chiamavano così i circumcelliones, che per sé preferivano il nome di agonistici: eppure, solo col primo termine si è sicuri di non essere fraintesi tra i lettori moderni, mentre l’uso del secondo va sempre motivato, almeno con una perifrasi; quale nome può allora usare lo storico, senza che esso finisca col fargli prendere parte in questa contesa? Nemmeno mi pare opportuno utilizzare la definizione di “scismatica” in riferimento alla pars Donati, perché anch’essa contenente quello che, da parte di uno storico, sarebbe un giudizio a priori e per di più di merito.

  • 17 A rigor di logica, sarebbe più opportuno parlare in questo caso di pars Maiorini: ma la figura di (...)
  • 18 Pertanto nel corso di questa ricerca “donatista” e “cecilianista” avranno solo il valore di sinoni (...)
  • 19 Cfr. Lancel 1972-1991, III p. 1004. Rifiutando il termine “donatisti”, durante la Conferenza del 4 (...)

11Così, il lettore si troverà di fronte quella che mi è parsa la soluzione più neutra per qualificare i contendenti, cioè quella che originariamente essi stessi, polemicamente e reciprocamente, applicarono ai propri avversari: pars Caeciliani per i sostenitori del successore di Mensurio consacrato da Felice di Abthugnos, e pars Donati per i sostenitori di Maiorino17, consacrato da Secondo di Tigisi e dai numidi18; donatistas nos appellandos esse credunt cum, si nominum paternorum ratio vertitur, et ego eos dicere possum, immo palam aperteque designo mensuristas et caecilianistas esse, rivendica Petiliano di Costantina19.

  • 20 La questione delle denominazioni ha visto una recente polemica tra Brent D. Shaw (Shaw 1992) e Rob (...)

12Ho cercato soprattutto di evitare il termine “cattolico” che era per l’appunto tra i protagonisti conteso; ma le necessità di chiarezza, talvolta, mi hanno costretto ad un uso meno preciso, per cui l’immediatezza della riflessione e la scorrevolezza del testo prevalessero sulla puntigliosa neutralità della terminologia adottata. Di questo, in anticipo, devo chieder venia20: trovandomi comunque in buona compagnia se già Agostino, sedici secoli fa, risolveva in questo modo la discussione sulle denominazioni col donatista Cresconio, affermando che

  • 21 Augustinus CCresc 2, 1, 2.

quanto minus nos laborare debemus de regulis derivandorum nominum, quando sive illud sive illud dicamus, intellegitur sine ambiguitate quod dicimus21.

1.2.3 «Toujours le donatisme !»

  • 22 Févrierb 1966a.
  • 23 Si tratta di Tengström1964.

13L’esclamazione introduttiva di questo paragrafo costituisce più un’appropriazione indebita che una citazione: è tratta dal titolo di un articolo/recensione di Paul-Albert Février22 che, prendendo le mosse dalla pubblicazione, due anni prima, di uno dei capisaldi degli studi sul donatismo a metà del secolo scorso23, richiamò gli studiosi alla necessità di una contestualizzazione delle indagini che tenesse finalmente conto della realtà socioeconomica e politica nella quale il movimento donatista aveva espresso le proprie posizioni ecclesiologiche, prima ancora che teologiche. Nel contempo, con una sostenuta vis polemica, Février richiamava anche ad un attento confronto tra le risultanze degli studi archeologici, linguistici, economici e di storia dell’agricoltura con i documenti letterari che ci sono pervenuti: a suo avviso,

«l’historien a besoin du théologien et le théologien a tout autant besoin de l’historien.»

  • 24 Frend 1952b.

14Banalità? Nelle brevi pagine della sua recensione, Février dimostrava a più riprese come un accostamento “imprudente” a campi poco conosciuti potesse condurre a risultati inattendibili: bersaglio preferito delle sue critiche fu un altro studio di William H.C. Frend allora uscito da poco e destinato, come si usa dire, a “fare epoca”24. Février contestava a Frend la tendenza a trarre conclusioni affrettate sulla base di assunzioni criticamente indimostrate; ci sarà modo, nel corso della riflessione, di tornare su questi temi: ora interessa mettere a fuoco l’impostazione sulla cui base si intende condurre il lavoro.

15«Toujours le donatisme»… secondo Février, in sostanza, l’ottica con la quale gli studiosi della metà del secolo scorso si volgevano all’analisi delle condizioni sociali, politiche, economiche ed etniche dell’Africa romana risentiva di una serie di pre-giudizi derivanti da una impostazione prevalentemente “teologica” e filologica; ma, dietro lo stimolo dei grandi studi di Frend e della scuola di orientamento marxista, nel decennio successivo l’ottica teologica è stata trascurata in favore di un approccio ritenuto più “scientifico”, almeno nel senso che allora si dava a questo termine.

16Così, si sono venuti affermando alcuni solidissimi luoghi comuni sul donatismo che per forza d’inerzia, come spesso accade nell’indagine scientifica, non solo hanno acquisito l’indiscutibilità delle verità cartesianamente ritenute chiare ed evidenti per sé stesse, ma mantengono la propria granitica capacità di influenza sul pubblico non specialista. Di seguito, in modo molto sintetico, prospetto un rapido elenco di questi luoghi comuni che mi propongo di discutere con maggiore profondità analitica nel corso di questo capitolo:

  • donatismo come opposizione etnica: il donatismo, nella sua essenza, rivelerebbe l’ostilità “etnica” dell’elemento autoctono berbero/numida nei confronti della dominazione romana. Le difficoltà riferite da Agostino, costretto ad utilizzare un mediatore che conoscesse la parlata delle popolazioni dell’interno, unite al rapporto equivoco tra una parte della gerarchia donatista con un personaggio del calibro di Gildone, prima comes imperiale e poi capo di una rivolta repressa nel sangue, sarebbero i fondamenti di questa interpretazione.
  • donatismo come rivoluzione sociale: una seconda linea interpretativa, spesso accostata alla precedente, vede nel movimento donatista, ed in special modo nel discusso ed affascinante fenomeno dei circoncellioni, il segno di una rivolta sociale. Il mondo dei piccoli produttori dell’interno, dei braccianti e degli stagionali rovinati dalla crisi, dalle trasformazioni dell’economia e della proprietà agraria, avrebbe presentato sotto le forme di uno scisma religioso la propria rivolta nei confronti di uno sfruttamento divenuto intollerabile. Le notizie riferite alle gesta dei circoncellioni costituirebbero allora, pur filtrate dallo specchio deformante delle fonti antiche (ostili sul piano ecclesiastico, impaurite su quello socioeconomico e incerte su quello politico), la testimonianza di un vero e proprio tentativo rivoluzionario.
  • donatismo come fenomeno rurale: infine, non si può dimenticare questo terzo tentativo di spiegazione, che definirei per comodità “geografico”. Riassumendo i primi due, propone di interpretare lo scisma come il segno più visibile della lacerazione, nel tessuto della società nordafricana tardoantica, tra città e campagna, tra zone costiere urbane (abitate in prevalenza dall’elemento romanizzato, ove si parlava il latino e si concentravano proprietari terrieri, artigiani e commercianti) e zone rurali interne (abitate in prevalenza da agricoltori, estranei alla lingua latina ed alla romanizzazione quando non apertamente ad essa ostili, impoveriti dalla concentrazione latifondistica e dalle crisi economiche).
  • 25 Si veda a questo proposito la chiusa della durissima presa di posizione di Mandouze 1986 nei confr (...)

17Come si vede, le spiegazioni riconducono il fenomeno donatista a una sorta di sovrastruttura, marxianamente parlando, a una apparenza di più o meno scarsa consistenza autonoma sotto cui si celerebbero realtà assai più concrete e “storiche”. Osservate a distanza di tre/quattro decenni, queste ipotesi manifestano la stretta dipendenza dal mondo che le ha formulate: uno studioso non è certo estraneo all’epoca nella quale vive… Così, la scuola marxista ha insistito nella ricerca degli aspetti rivoluzionari, almeno per quanto potessero essere rinvenuti in una società preindustriale, mentre molti studiosi di area occidentale dimostrarono una sensibilità sui temi etnici e politici che evidentemente derivava anche dall’attualità caratterizzata, negli anni del secondo dopoguerra, dalle lotte per l’indipendenza delle ex colonie, con il loro corollario di rifiuto della lingua e della cultura dei dominatori europei. La storiografia recente del donatismo africano, com’è del resto prevedibile, ci racconta molto della storia europea del secondo Novecento: ma, in special modo, ci racconta del tentativo tipicamente novecentesco di spiegare i fenomeni religiosi senza far ricorso alle categorie della religione25.

  • 26 Geertz 1966.

18Ho parlato, all’inizio di questo paragrafo, di una “appropriazione indebita” nei confronti di Février: egli infatti lamentava il peso della tradizionale interpretazione «théologique et philologique», che a suo avviso costituiva una vera e propria precomprensione degli aspetti socioeconomici ed etnici del fenomeno; in qualche modo ribaltando il suo pensiero, credo sia oggi giunto il momento di liberare gli studi sul donatismo dall’ingombrante fardello costituito non da queste ricerche, ma da quella sorta di vulgata che anche tra gli studiosi si è venuta costituendo e che ha finito con lo stemperare le possibilità di spiegazione e interpretazione del fenomeno attraverso le categorie religiose che, non lo si dimentichi, erano le sole cui coscientemente si richiamavano i protagonisti del tempo. Proprio negli anni della fioritura delle interpretazioni etnico/socio/economiche, Clifford Geertz ricordava agli studiosi la necessità di considerare il modo in cui non solo l’universo religioso potesse costituirsi come espressione simbolica della vita concreta e delle sue esigenze, ma anche che esso, già nel suo costituirsi, diveniva uno degli attori principali nel modellare la realtà stessa26.

Si direbbe anche che più i sentieri sono battuti, più sono numerosi coloro che vi si avventurano senza che se ne tragga alcun profitto per lo storico,

  • 27 «On dirait même que plus le sentiers sont battus, plus nombreux sont ceux qui s’y aventurent sans (...)
  • 28 Tilley 1991b; Tilley 1997a, che costituisce una anticipazione del successivo e più ampio Tilley 19 (...)

19ammoniva Février27 : ma a partire dalla fine del Novecento la comparsa di alcuni studi di grande interesse ha consentito di riportare gradualmente il centro dell’attenzione sugli aspetti più strettamente religiosi del fenomeno donatista. Di questi studi si discuterà in seguito, ma qui meritano di essere ricordati cursoriamente almeno i lavori di Maureen A. Tilley e Remo Cacitti28, che a mio avviso hanno il merito principale di questo risultato. Malgrado la ricca bibliografia ormai disponibile sul fenomeno donatista (buona parte della quale sembra purtroppo confermare il giudizio di Février), può essere ancora utile incamminarsi su sentieri già battuti.

1.2.4 «Il n’existe pas d’histoire objective, uniquement une histoire tendancieuse : il faut en prendre conscience…»29

  • 29 Tratto da Deman 1975, pp. 14-15.

20Le polemiche di carattere metodologico lasciano spesso al lettore la sensazione di trovarsi di fronte a processi di astrazione scarsamente controllabili, indistinguibili per il profano da questioni di lana caprina; nel contempo, però, la storia degli studi sullo scisma africano ha presentato un terreno di esercizio per la critica storiografica capace di suscitare grandi interessi ed altrettanto estesi dibattiti, incomprensibili senza una visione d’insieme.

21Due sono stati in sostanza i padri nobili della ricerca sul donatismo e sul movimento circoncellionico: da una parte il dibattito teologico sull’ecclesiologia all’interno della lunga «querelle» interconfessionale nell’Europa moderna, dall’altra l’applicazione di metodi e conclusioni delle cosiddette “scienze esatte” all’indagine storiografica, che prese le sue mosse nell’età positivistica e ancora fa sentire il proprio, non sempre benefico, influsso. Prima di affrontare la disamina di questi due percorsi di sviluppo della ricerca, è opportuno offrire al lettore un iniziale punto di partenza con qualche pretesa di solidità.

  • 30 Finley 1974, p. 16.

22Così come è proprio di molti aspetti della storia antica, occorre infatti tenere presenti le caratteristiche peculiari delle fonti di cui disponiamo su fenomeni tanto distanti nel tempo e nello spazio: ci si potrà così rendere conto di come non solo quasi tutte le informazioni su cui si esercita l’acribia degli storici siano di fonte letteraria, ma anche di come esse siano in buona misura espressione di una sola delle parti in causa, quella cattolica. Esse, inoltre, coprono frammentariamente un arco cronologico di circa un secolo, per cui anche solo la pretesa di incrociarle tra loro fa correre il rischio di uno stravolgimento anacronistico: quella che un grande storico del mondo antico quale Moses I. Finley ha definito una “tecnica aneddotica consistente nel pescare un esempio o due, come se essi potessero costituire solide prove30”. Purtroppo, il fatto di disporre di un così ridotto numero di fonti costringe anche a questo genere di operazioni: ma occorre sempre tenere presente, in termini metodologici, il rischio che si sta correndo.

23Fonti letterarie, si diceva: intendendo con questa espressione un insieme piuttosto eterogeneo di testi intenzionalmente messi per iscritto, e destinati ad ampia circolazione. Questo significa che quei testi sono redatti secondo convenzioni stilistiche, intenzioni e preoccupazioni decisamente distanti da quelle del moderno studioso: molti comportamenti, costumi, atteggiamenti, argomenti e tesi potevano assumere significati diametralmente opposti a seconda del contesto in cui si poneva il narratore; spesso il lettore moderno (e con lui lo storico) finisce col restare abbagliato dalla retorica antica, e con il lasciarsi sfuggire il modo in cui l’informazione è stata confezionata.

  • 31 Bartonb 1994, spec. pp. 50-51: «it was not a particular act but the emotion ascribed to that actio (...)
  • 32 Bauer 1934.
  • 33 Poneva con forza la questione David Benedict, pastore battista americano della seconda metà del xi (...)

24Per non lasciare nel regno dell’astrazione questo caveat, mi pare utile ricorrere ad un esempio concreto: in uno studio abbastanza recente, Carlin A. Barton analizza il ruolo svolto nella società romana da quelli che definisce «savage miracles» nel consentire di recuperare l’onore a chi lo avesse perso nelle vicende personali, politiche o militari, comprese anche le azioni criminali. Il caso di studio è costituito inizialmente da quei condannati che, nell’arena, venivano destinati ad una sorta di sacra rappresentazione: indossato un adeguato costume, e con una ricostruzione scenica conveniente, per avere salva la vita i condannati dovevano replicare il nobile gesto di Muzio Scevola, e bruciare da sé stessi la propria mano destra tenendola sul braciere. La forza di volontà dimostrata in un gesto tanto autodistruttivo avrebbe in qualche modo consentito al condannato di recuperare il proprio onore: su questa stessa linea Barton si offre di interpretare anche i nobili suicidi di Socrate, Catone e Seneca, piuttosto che le straordinarie azioni di asceti e martiri cristiani. Tuttavia, nota acutamente Barton, non esisteva alcun automatismo, alcuna garanzia circa il funzionamento di questo meccanismo31: dunque, non si può dimenticare che in una lotta tanto accesa quanto quella tra le due chiese d’Africa i comportamenti ascritti a colpa dell’avversario potrebbero aver ricevuto una lettura completamente opposta dai loro protagonisti, riscuotendo ben altra, positiva considerazione se compiuti dalla propria gente (talvolta, come si vedrà, è dimostrabile che questo sia accaduto). Il fatto di disporre della versione dei fatti di una sola delle parti in causa deve perciò, metodologicamente, mantenere in allarme lo storico: non dovrebbe essere una novità, dopo l’epocale opera di Walter Bauer32, ma nel passaggio a posse ad esse purtroppo non semper valet consequentia33

25La seconda metà dell’Ottocento ha visto nascere nuove metodologie d’indagine anche in campo storiografico, sostenendo progressivamente il ridimensionamento delle fonti letterarie a favore di sorgenti d’informazione più “oggettive”, almeno nel modo in cui questo termine poteva essere inteso in epoca positivistica. Se si tiene conto del contemporaneo processo di colonizzazione che, per quanto riguarda l’area di sviluppo dello scisma, è stata quasi interamente condotta dai francesi, si può comprendere come le campagne di scavo avviate dagli archeologi d’oltralpe, intensamente supportate dalle autorità coloniali, abbiano riversato sugli studiosi grandi quantità di dati. È di quest’epoca la formulazione di quei grandi repertori epigrafici che ancora oggi costituiscono una pietra miliare negli studi antichistici; ma si pensi anche agli scavi intrapresi alla ricerca di informazioni su edifici, aree urbane e necropolari.

  • 34 Sono significative le vicende che interessarono l’edizione dei Supplementa al CIL VIII, fino alla (...)

26Tuttavia si ricordi anche che lo spirito di grande collaborazione tra gli studiosi europei subì una pesante battuta d’arresto in occasione del primo conflitto mondiale34, e che le vicende relative al secondo, con il successivo processo di decolonizzazione, hanno portato ad avere tra le mani grandi quantità di informazioni, eppure ancora molto parziali e frammentarie. Ad esempio, le rovine di Cartagine hanno nuovamente attirato molte missioni di scavo, appena le condizioni politiche postcoloniali lo hanno consentito; ma l’esplorazione archeologica dell’interno, dei sistemi di coltivazione antichi o di quelli di irrigazione, tanto per fare un esempio, ha ancora un carattere poco sistematico, e trarre conclusioni dai dati oggi in possesso è quantomeno problematico (come si vedrà del resto nel seguito di questa riflessione).

1.3 Le tradizionali chiavi di lettura “religiosa”: una disamina critica

1.3.1 «Chi fuor li maggior tui?» (Dante, Inferno X, 42), o della storiografia “teologica”: chi è il vero donatista?

  • 35 GestConlCart 3, 238; 3, 243; 3, 244; cfr. Augustinus 3, 7, 9.
  • 36 L’ipponense, in modo un po’ omertoso, così riferisce l’episodio: nescio quas, sicut iactabatur, ca (...)

27Nell’incontro con Farinata degli Uberti, nobile fiorentino di parte ghibellina della generazione precedente, come avviene in ambiente aristocratico Dante Alighieri si qualifica dichiarando la propria ascendenza; durante la terza seduta della Collatio cartaginese del 411, con assai maggior veemenza ed insistenza, Petiliano di Costantina chiedeva ad Agostino di Tagaste quis te ordinavit ut episcopus esses35? È ancora a partire da una attribuzione di ascendenza che mille anni dopo il donatismo torna ad essere interessante: essa prende le mosse da una interrogazione assai più simile a quella di Petiliano che a quella dell’Alighieri, ed è una differenza che occorre mettere a fuoco. Quando risponde a Farinata, Dante rivendica con orgoglio la propria ascendenza («io ch’era d’ubidir disideroso, / non gliel celai, ma tutto gliel’apersi»: Inferno X, 43-44), mentre Petiliano con la sua insistita richiesta intende portare un attacco ad Agostino36. Il richiamo ad una ascendenza ritenuta squalificante (i “figli dei traditori” davanti ai “figli dei martiri”) viene usato da Petiliano come arma polemica nel dibattito: è su questa linea che nel corso del xvi e xvii secolo si muoverà la riscoperta storiografica del donatismo, in un reciproco scambio di accuse tra cattolici “papisti” e mondo riformato (nella sua più ampia accezione), o all’interno di quest’ultimo.

  • 37 Il riferimento qui è a Kriegbaum1986, pp. 18-21.
  • 38 Stapleton 1561, 1, 16. Si tratta di un fecondo teologo e polemista inglese di parte cattolica, le (...)

28Avrebbe tuttavia ben ragione il lettore di chiedersi se esista una qualche utilità nel ripercorrere quei lontani dibattiti: in fondo, uno degli status quaestionis più accurato finora disponibile37 prende le mosse dalla fine del xvii secolo, focalizzando la sua attenzione su opere di carattere storiografico e tralasciando quelle che ancora conservavano l’eco di antiche polemiche confessionali. Eppure sono convinto che questo sia un errore, e che sia invece estremamente istruttivo chiedersi, parafrasando Dante, “chi fuor li maggior nostri”, chi siano cioè i nostri antenati, chi abbia con le proprie scelte improntato le nostre appartenenze ed il nostro modo di accostarci alle vicende africane del iv-v secolo. Come si vedrà, l’analisi consente di individuare alcune modalità caratteristiche di approccio all’indagine che, applicate a partire dal xvi secolo, ancora influenzano in modo considerevole la ricerca del XXI. Ad esempio, e questo potrebbe sembrare a prima vista banale, l’utilizzo più frequente del donatismo come paradigma polemico consiste nel perverso gioco delle analogie: l’antico – decontestualizzato – per comprendere, spiegare e giudicare il moderno, insomma. Uno degli esempi didatticamente più efficaci potrebbe essere ricavato dall’opera di Thomas Stapleton38, che in un libello polemico dedica alla questione l’intero libro primo dal titolo interminabile, le cui ultime indicazioni sono: ostenditur quinam sint veri donatistae, catholici an protestantes. Al capitolo sedicesimo, dal titolo In quot articulis protestantes donatistae sint, Stapleton inizia una meticolosa disamina delle caratteristiche salienti del donatismo, e ad ognuna di esse associa come conclusione l’analogia con comportamenti e tesi del mondo protestante. L’antico per comprendere e giudicare il presente, s’è detto: se l’uso del procedimento per analogiam non rappresenta né una novità né tantomeno uno scandalo, questo capitoletto di una ventina di pagine è assai più significativo, poiché dimostra come si vada assestando in tutta Europa la cognizione del donatismo, dopo circa tre decenni di polemica interconfessionale. L’analisi delle fonti è ovviamente presto fatta: Ottato ed Agostino, decisamente più il secondo del primo. Non solo Agostino gode di assai maggior fama, ma costituisce una autorità per tutti i contendenti: questo evidentemente ne giustifica il più esteso impiego. Eppure, questo uso acritico della sua testimonianza anticipa i modi in cui, almeno fino alla metà del xx secolo, l’impiego delle fonti agostiniane ha continuato ad essere spesso appiattito sulle posizioni dell’ipponense…

29Quanto insomma risulta significativo è il modo di organizzare la materia, che si è cristallizzato a partire dal xvi secolo: per riprendere Stapleton, cui si attribuisce qui un valore prototipico, il donatismo viene caratterizzato solo da quegli aspetti che evidentemente risultano adeguati alla polemica antiereticale; il primo passaggio di una certa consistenza individua nella tendenza alle scissioni interne una delle sue matrici. Lo spunto polemico è visibilmente tratto da Agostino, ma non è questo che qui più interessa; proseguendo, Stapleton tratta l’argomento secondo questa scansione:

  • quella che potremmo chiamare la “questione del numero”: se la diffusione tra le masse sia cioè da considerarsi quale prova della ortodossia del movimento;
  • la rissosità e la propensione alla calunnia;
  • ciò che potrebbe essere riassunto come la “questione geografica”: se la vera fede possa considerarsi quella diffusa su tutto l’orbe o invece debba essere riconosciuta in quella limitata ad una sola area [l’Africa per i Donatisti, Ginevra e Wittemberg (due città, nemmeno le rispettive regioni...) per i protestanti];
  • l’accusa di uso distorto e capzioso delle fonti;
  • la pretesa ispirazione divina;
  • il rifiuto delle decisioni conciliari;
  • la questione della successione episcopale come garanzia dell’ortodossia;
  • l’uso della violenza, con tratti di insistita crudeltà;
  • il culto di falsi martiri, e la pretesa del loro valore probativo nella polemica;
  • la dimensione di ribellione politica.

30L’intera seconda parte del capitolo si gioca su un aspetto a prima vista sconcertante per la sensibilità moderna: rispondendo ad accuse di parte protestante, Stapleton rifiuta l’identificazione tra cattolicesimo e donatismo proclamando con fermezza che mai i cattolici hanno sostenuto il diritto alla libertà di coscienza, mai hanno ad essa sacrificato il diritto dell’autorità politica alla repressione delle devianze. Dopo aver sottolineato che per i cattolici questa autorità si esercita legittimamente solo sotto la guida della gerarchia e dei concili, Stapleton rinfaccia ai suoi interlocutori la medesima accusa da cui si è appena difeso:

annon haec et Lutheranorum in Germania, sicut etiam in Anglia, dum haeresis adhuc in cunis vagiret, vox communis erat?

31Di questo tema, tuttavia, si tratterà più avanti nel paragrafo.

32Davvero sarebbe ingeneroso muovere ai nostri antenati del xvi secolo l’accusa di essere troppo dipendenti da Agostino, la cui autorità era indiscussa; ma non si può dimenticare che l’ipponense fu coinvolto per decenni nella lotta con il donatismo: i suoi scritti hanno fini polemici e propagandistici, non sono una testimonianza neutra. Al più noto fratello Marco Tullio, impegnato in campagna elettorale, Q. Tullio Cicerone suggeriva nel suo delizioso manualetto di aver cura a che nei confronti degli altri candidati

  • 39 CicerobCP 13,52: existat aut sceleris aut libidinis aut largitionis accomodata ad eorum mores infa (...)

circoli un sospetto di infamia, per crimini, lussuria, sperperi, in accordo con la loro condotta di vita39.

  • 40 Cfr anche infra, § 1.3.3.
  • 41 Augustinus Ep 185; cfr. Diesner 1963, pp. 100-126.

33Nulla di male, in fondo: in politica e nelle contese religiose, come in amore e in guerra, tutto è permesso. Agostino, nella polemica antieretica, usava tutti i procedimenti che la retorica e l’arte della diatriba gli mettevano a disposizione40: non scriveva di storia, non era ovviamente una fonte neutra né si peritava di esserlo. Nelle sue lettere, come ad esempio quella famosa al comes Bonifacio41 nella quale riassume all’illustre interlocutore le caratteristiche dei suoi avversari donatisti, non si pone come obiettivo una narrazione imparziale: deve convincere, non informare.

34Anche i nostri più recenti antenati, gli intellettuali che nel xvi secolo si riaccostarono alla questione donatista, avevano gli stessi fini: nessun interesse a una ricostruzione critica del fenomeno donatista, ma lotta con un nemico presente, sentito come mortale. Alla consonanza di fini, poteva far riscontro la consonanza dei metodi: Agostino andava bene così com’era, e poteva essere assunto acriticamente come materiale per la polemica.

  • 42 Sparrow 1910: si tratta peraltro di un testo non privo di intuizioni, che meriterebbe una rivisita (...)

35Il problema è successivo: quando tra xviii e xix secolo nasce una storiografia moderna, tesa alla ricostruzione fedele ed alla comprensione del passato. Chi si accosta alle fonti (sempre quelle, inevitabilmente) lo fa sulla base di una tradizione interpretativa che si è ormai assestata: a poco serve smettere di citare i predecessori, cercare di ricostruirsi una sorta di verginità primigenia. Il modo di accostarsi alle fonti risente di quel “peccato originale”, insensibilmente ancora all’opera; si può, ad esempio, scorrere l’indice di un’opera per molti versi innovativa nei suoi contenuti, ed abbastanza trascurata in seguito per la sua impostazione teologica ormai demodé, per riconoscere l’impianto cinquecentesco ancora in essere: centralità della posizione agostiniana, articolazione dei contenuti secondo la struttura della polemica dell’ipponense. Il riferimento, in questo caso, è all’opera del reverendo William J. Sparrow Simpson42, pubblicata all’inizio del xx secolo, il cui indice (da cui escludo alcuni capitoli di excursus centrati sulle elaborazioni teologiche di Agostino) è così strutturato:

1. The Beginning of Donatism; 2. The Donatists and the Emperor Constantine; 3. The Donatists under the Constantine’s Successors; 4. St. Optatus’ Reply to the Donatists; 5. Internal Troubles of the Donatists; 6. St. Augustine and the Donatists; 8. The Councils and the Donatists; 10. The Great Conference; 11. After the Conference; 14. St. Augustine on Toleration.

36Come si può osservare, l’impianto ricorda molto da vicino i criteri di narrazione usati quasi quattro secoli prima da Stapleton, rivisti però secondo un principio diacronico: dimensione politica del problema (capp. 2, 3), questione del diritto alla repressione da parte del potere secolare supportato dalla Chiesa (cap. 14), rapporto con le deliberazioni conciliari (capp. 8-10), tendenza alle divisioni interne.

37Occorre ora riprendere la disamina dalla interpretazione per analogiam: sempre procedendo attraverso riferimenti a opere che possano offrire esempi significativi, un passaggio fondamentale per la materia è offerto, circa un secolo dopo Stapleton, da Swen G. Dietz. Nell’introduzione a una delle prime opere specificamente dedicate ai circoncellioni dalla indagine storiografica europea (anche in questo caso, un’opera del tutto compilatoria che si limita a riassumere le informazioni fornite da Ottato e da Agostino), egli si chiedeva retoricamente quale senso potesse avere prestare attenzione a

  • 43 Id genus sectarios, quorum omnis memoria, quin imo ipsa nomina quibusdam sepulta iam oblivione ess (...)

questa stirpe di settari, di cui perfino il ricordo, se non addirittura gli stessi nomi, risulta ormai coperto dall’oblio43.

  • 44 Ne cita però un altro titolo in seguito, dimostrando di conoscerne l’opera; si tratta di Danaeus 1 (...)

38A tale dubbio significativamente rispondeva con un richiamo all’attualità, sostenendo l’assimilabilità tra gli errores ed i facinora di quegli antichi eretici e le azioni «della setta degli anabattisti»; insomma proponeva di applicare una chiave di lettura moderna ad un fenomeno di tredici secoli prima e, viceversa, di leggere l’attualità alla luce di quei lontani eventi: una forma di anacronismo in cui l’argomentazione per analogia trova come s’è visto il proprio spazio naturale. In questa sua posizione, pur senza citarlo esplicitamente, Dietz dipendeva da un precedente lavoro di Lambert Daneau44: nel trattare del donatismo, ed in special modo della questione del ri-battesimo di chi provenisse dalla catholica, anche quest’ultimo associava “l’errore” donatista alle posizioni degli anabattisti: nihil novum

39Del resto anche nell’edizione dell’agostiniano De haeresibus da lui curata nel 1595 Daneau, dopo aver parlato della repressione del donatismo, aggiunge:

  • 45 Daneau 1595, pp. 209-210 (nota 1 di commento al cap. 69 del De haeresibus di Agostino): postea tam (...)

…tuttavia questa eresia sarebbe stata stroncata, se i disgraziati e folli anabattisti non l’avessero richiamata ai nostri tempi dall’Infero nel quale si trovava…45.

  • 46 J. Cauvin, Defensio orthodoxae fidei de sacra Trinitate contra prodigiosos errores Michaelis Serve (...)
  • 47 Si noti come, alla luce di questo dibattito, si espliciti in tutta la sua portata il senso del già (...)
  • 48 Long 1677.
  • 49 Tuttavia, Long aveva in qualche modo già messo sull’avviso il lettore della necessità di tenere in (...)
  • 50 Long 1677, p. 104.
  • 51 Long 1677, p. 136.

40Sicuramente egli aveva ben presente il lungo, appassionato e drammatico dibattito scatenato dal rogo ginevrino di Michele Serveto del 1553, sulla cui eco Sébastien Castellion si fece portavoce dello sconcerto suscitato in ambito riformato dall’uso della forza nella repressione della devianza religiosa: quella per cui Calvino, già nel titolo della sua replica, aveva accusato Serveto di prodigiosi errores, sostenendo che gli eretici meritassero una repressione fondata sulla pena capitale46. Nel contesto di questa polemica il precedente della repressione nei confronti dei donatisti, con l’autorevole avallo dell’agostiniano compelle intrare, giocava evidentemente un ruolo di primo piano47. Significativo, a questo proposito, è anche il lavoro di ricostruzione storiografica del pastore anglicano Thomas Long, che a distanza più di un secolo dalle vicende ginevrine dedicava un corposo volume, non più un semplice pamphlet, alla storia del donatismo48: si tratta di un’opera apparentemente scoordinata, che risente dell’indecisione dell’autore sulla scelta tra una narrazione diacronica degli avvenimenti ed una analisi per temi. Gli spunti polemici sono ben dissimulati all’interno del testo49; solo qua e là, con una certa «nonchalance», Long fa uso del metodo analogico riferendosi ai «levellers50» o ai quaccheri51 e, forse unico tra gli autori del suo tempo, sente la necessità di motivarne l’uso:

  • 52 Long 1677, ultima parte dell’epistola dedicatoria: «the means to confute schism, is to reduce it t (...)

il metodo di confutazione di uno scisma consiste nel ricondurlo alla sua origine primigenia52.

  • 53 L’aggettivazione che qualifica Costantino è interessante, soprattutto perché permette di seguire n (...)
  • 54 Long 1677, pp. 22-30.
  • 55 Long 1677, pp. 148-151; l’impianto ideologico è dichiaratamente desunto da Agostino.

41Due passaggi dimostrano però un inaspettato “cambio di marcia”, quando l’attenzione si concentra su Costantino53. Nel primo di questi passaggi, gli interventi imperiali con la convocazione della sinodo romana e poi del Concilio di Arles vengono usati per confutare le pretese “papiste” di controllo sul potere politico54, nel secondo viene riaffermato il diritto/dovere da parte dell’autorità politica di reprimere la dissidenza religiosa55, e a sostegno di questa tesi Long aggiunge una lunga appendice in cui riporta, organizzandola su base diacronica, la legislazione imperiale antidonatista. È alla luce di queste esigenze che la struttura del libro diventa esplicita nella funzionalità al dibattito suo contemporaneo. Sempre in quest’ottica, possono essere richiamati:

  • per l’area area anglofona, l’opera del puritano Thomas Edwards che, nella chiusa della introduttiva Epistle to the Reader, dichiaratamente riprende l’impianto argomentativo dell’ipponense giungendo a teorizzare esplicitamente l’erroneità della posizione di quanti invocassero libertà di coscienza56;
  • in area francofona, l’analoga rivendicazione, questa volta formulata da parte cattolica contro i protestanti, avanzata dal giansenista Philippe Goibaud-Dubois (già celebre per le sue traduzioni di Agostino), che pubblicò il suo pamphlet nello stesso anno della revoca dell’Editto di Nantes57. Il suo intervento condensa a questo proposito l’elaborazione della scuola di Port-Royal in quegli anni.

42Né i centuriatori di Magdeburgo, né il cardinal Baronio si erano scostati, nel loro commento, dalla ricostruzione agostiniana degli avvenimenti antichi; anche nella polemica tra Francis Baudouin e Calvino, l’uso dei materiali ottaziani ed agostiniani è più in chiave di dibattito storiografico anche se, nella lettera a Joanni Lucanio, alias Calvino che Baudouin premise alla sua prima edizione di Ottato, l’implicita accusa di “donatismo” al riformatore ginevrino sembra trasparire in più pagine, come ad esempio nell’invocazione:

  • 58 La lettera a Calvino era già contenuta nella prima edizione dell’opera di Ottato da parte di Baudo (...)

en quo statim Africanae illius reformationis tragoedia evasit? Utinam nostra aetas similem epitafin non videat aut catastrophen suae fabulae58!

43L’uso delle vicende africane all’interno della polemica interconfessionale ebbe particolare rigoglio in area anglosassone, ove la contiguità fisica tra anglicani e cattolici e il mutevole appoggio dell’autorità politica stimolarono evidentemente questa pratica; a titolo di esempio vanno almeno ricordati, per le posizioni espresse:

  • 59 Cfr. almeno Gifford 1590 e Barrow 1591; su questo dibattito, è utile Carlson 1966, pp. 365-367.

44- lo scambio di pamphlet tra il puritano George Gifford e il congregazionista “browniano” Henry Barrow, interrotto dalla esecuzione capitale di quest’ultimo nel 1593; tra gli argomenti del dibattito, anche il diritto-dovere del sovrano di imporre ai sudditi recalcitranti la retta fede59;

  • 60 Lucilla 1686; a p. 4 l’anonimo polemista conclude icasticamente, dopo aver sinteticamente trattato (...)

45- l’interessante, seppur brevissimo, pamphlet di parte “papista” apparso anonimo nel 168660, che istituiva non solo un prevedibile e ormai scontato parallelo tra donatisti e protestanti, ma una più stretta associazione tra la nobildonna cartaginese Lucilla, una delle prime attiviste dello scisma, e la regina Elisabetta. Nel corso dello stesso anno, il noto teologo e polemista anglicano William Sherlock diede alle stampe una sapida risposta, ritorcendo sui cattolici l’accusa di essere scismatici: Sherlock, già nel sottotitolo, individuava in Elisabetta la sovrana

  • 61 «Who had authority, in her own Kingdoms, to reform the Church»: Sherlock 1686. Ribaltando il primo (...)

che possiede l’autorità, nel suo proprio regno, di riformare la chiesa61,

46cosa che non solo la differenziava da Lucilla, ma implicitamente ne poneva l’azione sullo stesso piano di quella di Costantino;

  • 62 Lowth 1696, dove la questione donatista è toccata solo in funzione del presunto rifiuto di Costant (...)
  • 63 Lowth 1704.

47- a testimonianza della ricchezza di spunti offerta dalla riscoperta delle vicende d’Africa, infine, si può citare l’opera del presbitero anglicano Simon Lowth che, partendo da una disamina dei rapporti tenuti da Costantino e poi da Costanzo II nei confronti della chiesa, sostenne la necessità della sua autonomia dal potere politico62; nell’approfondimento del lavoro di documentazione storica delle sue tesi, egli pubblicò pochi anni dopo un altro studio, dove la ricostruzione della crisi donatista trova ben più ampio risalto63.

  • 64 Trevor 1741.
  • 65 Agate 1708, pp. 90-101; l’impianto dimostrativo segue molto da vicino l’organizzazione già data al (...)
  • 66 Agate 1708, pp. 98 ss.: si riferisce ad una serie di conferenze/dibattito con i suoi interlocutori (...)

48I donatisti rimasero paradigma negativo anche nel xviii secolo, quando secondo lo stesso modello John Trevor, dopo una breve quanto ripetitiva ricostruzione storica dello scisma africano, istituì un polemico parallelo tra il predicatore metodista George Whitefield da una parte, «il superbo fariseo» e «lo scismatico donatista» dall’altra64. All’interno del dibattito nella chiesa riformata delle isole britanniche, l’uso analogizzante del donatismo a fini polemici dimostra la propria fecondità: mi pare utile ancora richiamare qui almeno una delle opere più significative di un prolisso e farraginoso polemista episcopaliano, John Agate. Lo schema della sua riflessione, per quanto riguarda l’uso del donatismo, è abbastanza scontato: essendo stato assimilato dai suoi avversari a due negatività paradigmatiche (nel curioso accostamento tra i gesuiti e gli scismatici africani), egli ribatte ripagando i suoi interlocutori della stessa moneta nel corso di un parallelo protratto meticolosamente per dodici pagine65; la novità, nel recupero dell’antico a fini polemici, consiste nell’accostamento tra l’atteggiamento dei suoi interlocutori moderni66 e quello dei donatisti alla Collatio cartaginese del 411 (letto acriticamente, come di consueto, alla luce di Agostino).

  • 67 Wiseman 1839, poi ripetutamente ripubblicato a partire dalla raccolta curata dallo stesso Wiseman (...)
  • 68 A puro titolo di esempio, cfr. l’immediatamente successivo Palmera 1840.
  • 69 Per il peso che i suoi studi storici ebbero nel percorso che lo portò alla conversione, cfr. almen (...)
  • 70 Anche in questo caso, a puro titolo di esempio cfr. Gore 1905, e Lacey 1914, specialmente pp. 135- (...)

49Evidentemente questi spunti polemici in area anglosassone avevano una loro buona ragion d’essere se di nuovo, tra xix e xx secolo, l’uso strumentale della crisi africana tardo-imperiale in termini di polemica contemporanea offrì un altro esempio assai significativo a partire da un articolo del cardinale Nicholas P. S. Wiseman apparso nel 183967, che suscitò notevole scalpore68 e che sarebbe stato all’origine del percorso di conversione al cattolicesimo del pastore anglicano John H. Newman69, passando per la reazione anglicana che cercò di rigettare sui cattolici l’accusa di “donatismo” lanciata da Wiseman70.

  • 71 Attraverso l’analogia tra la nobildonna cartaginese Lucilla e Selina Shirley Hastings, contessa di (...)

50Tuttavia, un significativo cambiamento metodologico si avverte in molti lavori che appaiono a partire dalla metà del xix secolo: è possibile infatti osservarvi un rovesciamento dell’interpretazione analogica. Non più il donatismo come categoria per interpretare e giudicare il presente, ma quest’ultimo (o il più recente passato) per comprendere ed interpretare l’antico: anche in questa circostanza, ritengo sufficiente il ricorso ad un caso esemplare, di epoca ancora più vicina alla presente ma evidente erede di questa tradizione. Ronald A. Knox, scrivendo alla metà del xx secolo, è capace di un’impresa non comune: nel breve giro di poche pagine, può associare i donatisti contemporaneamente ai metodisti71, agli eretici medievali e agli anabattisti; riesce a definire i circoncellioni «i dervisci dello scisma», continua nelle analogie chiamando in causa i giansenisti, i camisardi e i puritani. Illuminante infine il giudizio conclusivo:

  • 72 I diversi passaggi cui si fa riferimento sono contenuti nel capitolo dedicato al donatismo in Knox(...)

[il donatismo] potrebbe essere stato designato dalla provvidenza per riflettere come in uno specchio, e ingranditi, i pericoli che avrebbero circondato la cristianità72.

51Concludendo, sia pur in un contesto scevro di contenuti polemici mi pare significativo ricordare il passaggio di un teologo presbiteriano africano contemporaneo, Steven Paas:

  • 73 «Donatism lived on, although in different forms and with different names, in medieval movements th (...)

il donatismo sopravvisse, benché in forme differenti e sotto altre denominazioni, nei movimenti medievali che esprimevano la necessità di una riforma. Nei tempi moderni, le idee donatiste si ritrovarono nell’anabattismo o nell’ala radicale della Riforma in Europa. Tuttavia, questa successione in area europea non deve far dimenticare come il donatismo abbia rappresentato un fenomeno originalmente africano73.

52A parte l’orgoglio africano, si vede come il donatismo continui a costituire anche ai nostri giorni un paradigma interpretativo basato più o meno esplicitamente sul principio dell’analogia…

  • 74 Benedict 1875.
  • 75 I cui aderenti sono ripetutamente chiamati, con evidente simpatia, «reformers»: ad es. Benedict 18 (...)

53In questa sede è infine opportuno ricordare uno studio ottocentesco che, proprio per la sua origine caratterizzata dalla marginalità confessionale e geografica, non ha goduto di alcuna fortuna nella storiografia europea dei secoli successivi: si tratta del lavoro di un pastore battista statunitense, David Benedict, raramente citato e mai veramente considerato74. L’autore, caratterizzato da un dichiarato feeling con il movimento donatista75 e da un durissimo giudizio polemico contro l’uso della forza a repressione della libertà religiosa (pur senza dimostrare conoscenza delle polemiche cinque/seicentesche sopra richiamate), relativamente alla critica delle fonti poneva una serie di questioni di notevole modernità; soprattutto problematizzava finalmente l’attendibilità e l’affidabilità dell’ipponense.

1.3.2 Conclusioni provvisorie, o “del metodo, dei padri e dell’oggi”

54La disamina fin qui condotta permette di gettar luce su alcune caratteristiche dell’indagine storiografica rimaste finora implicite: come è emerso, il fuoco dell’attenzione di chi si è occupato del donatismo e dei circoncellioni fino al xix secolo è stato centrato su tre aspetti fondamentali, consonanti con l’impostazione delle fonti antiche; l’interesse per questa indagine, altrimenti confinabile a una curiosità erudita, è motivato dal fatto che questi tre “peccati originali” ancora insensibilmente influenzano la ricerca moderna.

55Così, riassumendo, si è visto come una prima lente focale, con cui nel xvi secolo ci si è accostati alla crisi africana del IV, ha puntato la propria attenzione al movimento circoncellionico sull’onda delle problematiche angosciosamente sollevate dall’esperimento anabattista di Münster e dalle rivolte contadine in Germania: queste problematiche sollecitarono la riflessione sulle questioni poste da movimenti che solo in parte, e talora per nulla, accettavano una guida da parte delle gerarchie (cattoliche o riformate che fossero), ed erano pronte a passare dalla protesta di carattere religioso alla rivoluzione di carattere sociale e politico. L’ansiosa necessità della disamina dell’avventura circoncellionica non poteva essere disgiunta dalla inevitabile condanna: in questo caso, «of course», l’impostazione offerta da Ottato ed Agostino si dimostrava perfettamente funzionale a bisogni di tal genere.

56Viene poi la seconda lente prospettica che è stata individuata nelle pagine precedenti: nel corso dei rivolgimenti portati dalla Riforma, le diverse chiese si trovano a doversi confrontare con la questione dei rapporti col potere politico, e soprattutto con la liceità dell’uso di questa alleanza per sfruttarne la forza a fini repressivi. Il dibattito tra Calvino e Castellion è esemplare da questo punto di vista: anche in tal caso, è completa la consonanza tra le intenzioni degli autori delle fonti antiche, cioè ancora Ottato ed Agostino, e le esigenze dei loro interpreti più moderni.

57Infine, soprattutto in ambito anglosassone, si presenta la terza lente prospettica: il riconoscimento da parte della monarchia visto come fonte di legittimazione di una gerarchia contrapposta a un’altra, nel dibattito tra due chiese più che tra due teologie. Non è necessario, pure in questo caso, dilungarsi ancora: si tratta anche qui di una preoccupazione del tutto analoga a quella di Ottato e di Agostino, e ciò finisce con lo spiegare come mai la ricostruzione storiografica del donatismo e del movimento circoncellionico abbiano finito con il ritrovarsi appiattite sulle loro fonti.

58Queste tre vie di approccio hanno finito con il condizionare la ricerca, mi pare, fino alla fine del xx secolo: benché la storiografia novecentesca si sia sforzata di porre interrogativi nuovi alle fonti, secondo criteri che verranno escussi nel paragrafi successivi, non appena si volgesse lo sguardo agli aspetti più tipicamente religiosi si è tornati a formulare le stesse domande enunciate nei secoli precedenti, quasi secondo le stesse modalità, ottenendo perciò risposte del tutto ripetitive.

  • 76 Cfr. supra, nota 22.
  • 77 Cfr. supra, nota 9.

59Quando il già richiamato Février76 lamentava la necessità di svincolare la ricerca storiografica da chiavi di lettura troppo influenzate dalla teologia, evidentemente, possedeva più di una buona ragione; ma le proposte avanzate nel corso del xx secolo, avendo in buona parte smarrito la dimensione tipicamente religiosa (e soprattutto cristiana) del fenomeno, hanno a mio avviso condotto a risultati quanto meno provvisori. Nei paragrafi seguenti, senza ripetere il lavoro già svolto da altri77, si offrirà invece una panoramica degli sviluppi nelle conoscenze in campi come la storia dell’economia antica, l’antropologia, la linguistica, l’analisi sociologica, l’archeologia e le discipline antichistiche, che negli ultimi decenni hanno avuto un poderoso sviluppo: è interessante osservare come, nell’ambito degli studi di storia del cristianesimo antico, la meritevole prosecuzione delle indagini sortite nella prima metà del xx secolo dal tentativo di raccordo con altre branche della ricerca abbia per decenni continuato a ruotare su acquisizioni che potevano costituire lo “stato dell’arte” negli anni Cinquanta/Settanta, ma che ora manifestano nelle discipline di riferimento una assodata obsolescenza.

60L’obiettivo di questo studio, come si vedrà nei capitoli successivi, è infine quello di tentare un’uscita da questo circolo vizioso e di leggere le fonti cercando di liberare la riflessione da domande e risposte già formulate da tempo; posto che la chiave di lettura principale su cui intendo basarmi è fornita dal ritorno ad una interpretazione in chiave storico-religiosa, le domande e le risposte da cui occorre liberarsi, come si è visto, attraversando tre secoli di conflitto religioso in Europa sono giunte a noi intatte nella formulazione loro data da Ottato di Milevi e da Agostino di Ippona nel corso del iv secolo.

1.3.3 Superbae et tumidae cervices haereticorum78: il donatismo come dimensione patologica, o “dell’ambizione e della follia”

  • 78 Augustinus Bapt 2, 3, 4.
  • 79 Per un breve quadro dell’impiego di queste tecniche, cfr. du Toit 1994; rimane indispensabile anch (...)
  • 80 Basti, anche qui a titolo di esempio, verificare la frequenza con cui in Augustinus CGaud ritornin (...)
  • 81 Sull’utilizzo di questa accusa cfr. almeno Ruggiero 2002b ; in ambito romanistico, è fondamentale (...)
  • 82 Così anche Seeck 1920-1922, vol. 3 (1921) pp. 318-380.

61Tipico della storiografia antica, retoricamente e moralisticamente impostata, è il ricorso a categorie psicologiche come l’invidia, l’influenza di matrone potenti o dissolute, la sete di denaro o di potere, la rabbia o la follia per spiegare i comportamenti dell’avversario79. Tuttavia, se non fa specie trovare già operante in Ottato o Agostino la vituperatio, impostata sulla contrapposizione tra la rabida furoris audacia dei donatisti e la paterna/paternalistica mansuetudo dell’imperatore Costantino80, è interessante osservare l’evoluzione che questo genere di spiegazione ha avuto fino ai nostri giorni: si muove così dal riutilizzo di materiale polemico ereditato dal mondo pagano, con l’accusa di follia81, passando per la testardaggine che sembra caratterizzare l’immagine dei donatisti come recepiti dalla critica storiografica82 almeno fino alla metà del xx secolo: la presentazione consuetudinaria dei donatisti, e a maggior ragione dei circoncellioni, attraverso la categoria etico/psicologizzante del “fanatismo” risponde ancora a questo modello.

62Come acutamente notava Jacques Bels, in uno studio che comunque risente di un’impostazione abbastanza confessionale, già nella riflessione dell’ipponense

  • 83 Bels 1975, p. 177: «à aucun moment, la notion de folie ne suggère l’idée d’excuse ou d’irresponsab (...)

in nessun momento il concetto di “follia” suggerisce l’idea di una scusante o di una assenza di colpa per incapacità. Essa al contrario designa il concetto di responsabilità legata ad una scelta volontaria. “Follia” indica il rifiuto cosciente del vero messaggio di Dio83.

63Tuttavia molta della storiografia moderna non ha tenuto conto di questa distinzione nell’accogliere le accuse di Agostino o, quand’anche l’abbia fatto, le ha acriticamente portate alle estreme conseguenze: ad esempio risulta significativo, alla metà del secolo scorso, l’imbarazzante Vincenzo Monachino quando parla di

  • 84 Monachino 1950-1951, p. 115.

ostinazione cieca e furente contro la verità conosciuta84,

64o dei donatisti che

  • 85 Monachino 1950-1951, p. 109; ma tutto l’articolo risente del peso assegnato ai motivi di rivalsa p (...)

prendono sempre più l’aspetto di forsennati ciechi ad ogni evidenza, ostinati nel partito preso, sordi ad ogni voce della coscienza, della giustizia, della verità e del dovere85;

65d’altronde, a suo avviso,

  • 86 Monachino 1950-1951, p. 115.

i capi del periodo 316-321 certamente non erano in buona fede86

66e

  • 87 Monachino 1950-1951, p. 117.

non bisogna andare troppo per il sottile e richiedere coerenza di principi e di condotta ai capi donatisti: essi sono semplicemente degli opportunisti87.

67Credo sia appropriato riportare qui il rapido riassunto che Paolo Mastandrea offre dell’uso da parte donatista di questa stessa terminologia:

  • 88 Mastandrea 1995, p. 46.

ben nutrito il repertorio dell’ingiuria verso il persecutore… vi possono entrare le accuse di rabies, di furor, soprattutto di insania, che toccano direttamente Macario – il persecutore per eccellenza – in PaMar 4.16, e scandiscono poi le tappe salienti del secondo racconto: sono insana le armi dell’imperatore (a sua volta identificato con il diavolo), è una insania la pretesa di unire le due chiese con la forza, la diuturna furoris insania dei traditori si oppone alla tolerantiae pertinacia del santo88.

  • 89 Noakes 2006, p. 86. Sempre a titolo di esempio, mi pare si possa richiamare in questa sede la curi (...)

68Evidentemente entrambe le parti in conflitto facevano uso del medesimo lessico polemico, e richiamare l’attenzione su questi aspetti parrebbe quasi una caduta nella banalità; tuttavia, anche nel xxi secolo sembra rendersi necessario un richiamo metodologico al mantenimento delle distanze dall’apologetica, soprattutto nell’aggettivazione utilizzata: qualificare ad esempio come «stolid» la posizione dei donatisti e come «subtly» la risposta agostiniana89, specie tenendo presente che solo di quest’ultima disponiamo, mi sembra appartenere più a quest’ambito che a quello della storiografia.

69Lo stesso valga per il ricorso alle motivazioni di tipo psicologico, peculiari della letteratura moralista: ad esempio ancora Kenneth Noakes può scrivere che

  • 90 «The importance of personal antipathies in helping to shape the course of history must not be over (...)

non può essere trascurata l’importanza delle antipatie personali nel contribuire a delineare il corso degli avvenimenti. Noi sappiamo quanto siano stati importanti i sentimenti personali e le rivalità nelle prime fasi dello sviluppo del donatismo90;

70mentre

  • 91 «Their opposition (dei donatisti) were a mixture of factors caused by animosity towards Augustine» (...)

… la loro opposizione [dei donatisti] derivava da una miscela di fattori basati sull’avversione nei confronti di Agostino91

71Ammesso e non concesso che si possano usare categorie di questo genere nell’indagine storiografica, è significativo che ad essere trascinati dalle antipatie personali nelle proprie posizioni polemiche siano sempre e solo i donatisti, mentre i controversisti cattolici risulterebbero immuni da questi sentimenti, tutti compresi invece nella paterna (o piuttosto paternalistica) disponibilità di marca costantiniana.

1.4 Lingua, identità, resistenza

72Si deve a William H. C. Frend uno degli studi più significativi ed esaustivi sul fenomeno del donatismo: apparso per la prima volta nel 1952, ad esso va riconosciuto il merito di aver esplorato con grande dispiego di mezzi il contesto nel quale lo scisma ha preso le mosse e si è sviluppato. Nella sua lunga vita di studioso, Frend ha dedicato ripetutamente attenzione al movimento donatista, producendo una bibliografia imponente e tutt’ora imprescindibile, soprattutto per la sua visione d’insieme. Fino alla metà del secolo, anche a suo avviso, il percorso della ricerca storiografica era rimasto bloccato nelle secche del dibattito teologico; egli propose perciò di riconoscere, alla radice dello scisma, l’influenza di un sistema di concause così articolate:

  • la tensione etnico-linguistica tra l’elemento berbero-libico dell’interno e quello romanizzato della costa: essa avrebbe marcato non solo una difficoltà comunicativa, ma una ostilità spinta fino alla vera e propria resistenza culturale nei confronti della colonizzazione romana92;
  • ampiamente sovrapponibile alla precedente, ma non coincidente, la tensione tra i grandi proprietari terrieri e una vasta categoria di lavoratori agricoli impoveriti dalle crisi del iii secolo. A questi andrebbero aggiunti i numerosi esponenti del ceto medio, rovinati dalla stessa crisi: costretti ad una discesa nella scala sociale, spesso espulsi dalle città a causa della loro precarietà economica, essi avrebbero in buona parte ripudiato il loro anelito all’integrazione nel mondo romano, e si sarebbero saldati alla base della protesta antiromana93;
  • il ruolo della crisi economica del iii secolo avrebbe influenzato la concezione donatista della santità, dal cui perimetro sarebbero stati esclusi gli elementi privilegiati della società, i grandi possidenti agrari e in generale i divites; Frend sostiene esplicitamente che
  • le caratteristiche tradizionali del culto punico di Baal/Saturno: la romanizzazione di questo culto avrebbe spinto nella seconda metà del iii secolo grandi folle di numidi verso il cristianesimo, percepito nei suoi caratteri messianici come culto ostile all’impero94; in questo passaggio, tuttavia, il sostrato tradizionale avrebbe conservato un peso notevole, tale da determinare in seguito il sorgere dello scisma donatista e, soprattutto, lo sviluppo del movimento circoncellionico, da Frend visti come intimamente connessi. È all’interno di questo contesto, per esempio, che lo studioso inquadra la speciale importanza assunta nella contesa dal culto dei martiri95.
  • 96 «The Bible and the Christian gospel may have had the same electric effect in Mediterranean countri (...)

la Bibbia e il vangelo cristiano devono aver avuto nelle contrade mediterranee del terzo secolo lo stesso effetto che ha oggi il comunismo marxista nell’Europa centrale96;

73L’analisi di Frend si basa su due assunti di base che, nei decenni successivi, sono stati a più riprese e secondo ottiche diverse rimessi in discussione: da una parte l’interpretazione del plurilinguismo in Africa e Numidia come segno e strumento di una contrapposizione etnica, culturale ed economico-politica; dall’altra il ruolo della crisi economica nella seconda metà del iii secolo e delle successive trasformazioni come generatrici di una profonda contrapposizione che, riducendo il peso del ceto medio, avrebbero polarizzato la società africana tra il ristretto numero dei latifondisti, dei mercanti e dei funzionari, rimasti dominanti nella zona urbanizzata costiera, e la grande maggioranza degli abitanti dell’interno, progressivamente spossessati e respinti ai margini del mondo romanizzato. Nella sua analisi, a onor del vero, Frend non proponeva interpretazioni originali, poiché in buona parte le chiavi di lettura da lui proposte erano già state avanzate nei decenni precedenti; due meriti gli vanno però sicuramente ascritti: una sistemazione estremamente efficace di queste interpretazioni, e l’ampiezza dell’indagine a loro supporto. Per farsi un’idea di quale potesse essere la vulgata corrente tra gli studiosi prima della comparsa del suo studio nel 1952, è possibile ad esempio riferirsi al lavoro altrimenti superato di Robert Pierce Beaver, che nel 1935 così sintetizzava le cause dello scisma:

  • 97 «The distressed element of the population saw in the Donatist cause a spiritual and moral justific (...)

gli strati più deboli della popolazione videro nella causa donatista una giustificazione morale e spirituale per la propria rivolta, e il donatismo approfittò di questa rivolta che pure non era compresa nel suo programma originario97.

1.4.1 Aristoteles Poenorum98: il problema della lingua o “del donatismo e della questione etnica”

  • 98 È la sprezzante definizione che, in riferimento alla sua “africanità”, attribuirebbe ad Agostino i (...)

74In questo paragrafo si prenderà in esame lo sviluppo degli studi che hanno focalizzato la propria attenzione sull’aspetto linguistico ed etnico, lasciando ai paragrafi successivi l’aggiornamento sugli altri campi della ricerca storiografica.

  • 99 Jonesa 1959a, pp. 282-286 (tesi poi confluita in Jonesa 1964, esemplare per la consueta linearità: (...)
  • 100 Mandouze 1976.
  • 101 Gli autori sono citati in ordine di pubblicazione: Simonb 1946; Lecerf 1955; Simonb 1955; Brown 19 (...)
  • 102 Green 1951. Ancora su queste basi si muove, ad esempio, la pur lucida sintesi contenuta nell’intro (...)
  • 103 Bénabou 1976; Thébert 1978; Bénabou 1978. Un utile e stimolante quadro del dibattito e delle prosp (...)
  • 104 A proposito della questione linguistica in queste lettere, cfr. Opelt 1985.
  • 105 Fernándezb 1991, in uno studio assai più dipendente da Millar 1968 e Vattioni 1968 di quanto non l (...)
  • 106 Per un rapido sguardo d’insieme, cfr. Adams 2003, pp. 200 ss.; sull’importanza di questo contribut (...)
  • 107 Per una bibliografia recente degli studi sulla civiltà fenicio-punica, cfr. Egea 2004.

75Pochi anni dopo la pubblicazione di The Donatist Church, Arnold H. M. Jones faceva già notare che, a quel che ne sappiamo, l’intera produzione teologica e polemica donatista si sviluppa in lingua latina99: dunque, questa lingua non poteva essere semplicemente sentita come quella dell’oppressivo dominatore coloniale. Nel 1974, ad un congresso madrileno i cui atti furono pubblicati due anni dopo, André Mandouze poteva già tracciare un primo, importantissimo status quaestionis sul dibattito seguito alla pubblicazione dell’opera maggiore di Frend100: è significativo che, in un campo così marcato dal riferimento agli studi di sociologia ed etnolinguistica, il rapporto con queste altre branche della scienza si sia fossilizzato a questo punto per gli storici del cristianesimo. Oltre ai tre testi già citati, la questione della lingua vede, in ambito cristianistico, il ricorso più o meno sporadico agli articoli di Marcel Simon, Jean Lecerf, Peter Brown, Fergus Millar, Francesco Vattioni101, e alla raccolta di passi agostiniani analizzati da William M. Green102: significa, in sostanza, essersi fermati ai risultati già acquisiti alla metà degli anni ’70, quando divampò la polemica tra Marcel Bénabou e Yvon Thébert sull’interpretazione delle specificità africane in termini di “resistenza” al dominio romano103. Dal punto di vista delle fonti disponibili, nel frattempo, qualcosa è cambiato: ad esempio, rispetto alla raccolta di Green e solo per restare nell’ambito letterario, oltre alle nuove lettere di Agostino pubblicate da Johannes Divjak alla metà del decennio successivo104 sono state individuate ulteriori testimonianze provenienti da altri autori105, e una diversa sensibilità ha condotto alla riscoperta di una serie di epigrafi bilingui latino-puniche di cui, in anni precedenti, era stata edita la sola versione latina106. Il quadro che emerge dai nuovi studi107 muta sostanzialmente l’interpretazione tradizionale della questione linguistica africana nel iv secolo: proprio l’analisi delle fonti epigrafiche consente di ricostruire una condizione di multilinguismo nella quale non si può semplicisticamente parlare di una lingua dei vinti e di una dei vincitori, o di una forma di “resistenza” di carattere identitario veicolata dalla lunga durata delle parlate preromane.

76Sami Bargaoui riassume in modo molto chiaro le opposte chiavi di lettura con cui sono state interpretate le fonti pervenute: da una parte chi, fino agli anni ‘60/’70 del secolo scorso, parlava di “persistenze/sopravvivenze”, capaci di testimoniare una sorta di carattere indigeno legato a una

  • 108 «… personnalité berbère de base, immuable et continue, mais prête cependant à s’effacer devant des (...)

identità berbera di fondo, invariabile e duratura, e tuttavia pronta a sottomettersi alle culture superiori come quelle punica, greca, latina, araba ed infine francese108;

  • 109 Brett 1997, p. 50 invita a non cadere nella trappola «of simply telling the story of the victims o (...)
  • 110 Chiaramente funzionale, questa interpretazione, alla giustificazione ideologica dell’imperialismo (...)
  • 111 Non sarebbe corretto dimenticare, tra i “padri nobili” di questa rivalutazione del mondo berbero, (...)
  • 112 Chaker 1989. Sarebbe tuttavia ingeneroso banalizzarne in questo modo l’attività: Salem Chaker è in (...)
  • 113 La questione è stata, anche in questo caso, adeguatamente riassunta da Sebaï 2005, pp. 47 ss.; que (...)

77dall’altra chi, a partire dal processo di decolonizzazione, vedeva nella continuità delle parlate pre-romane il segno più evidente di una sorda, incrollabile e soprattutto cosciente “resistenza”, capace di manifestarsi anche sul piano culturale oltre che su quello militare109. Non sarebbe corretto ridurre il dibattito ad una pura questione lessicale: se le “sopravvivenze” testimoniano della visione otto/novecentesca eurocentrica e colonialista, che considerava l’incontro tra romanità e culture locali nei termini dell’affermazione di una civiltà superiore su una inferiore110, e se la “resistenza” parla il linguaggio della faticosa costruzione identitaria nordafricana durante e soprattutto dopo le lotte di indipendenza del xx secolo, non si può dimenticare come l’interesse per il mondo berbero sollevato da Bénabou111 sia stato declinato, dalla storiografia successiva, in direzione di una costruzione identitaria maghrebina concorrenziale rispetto al modello panarabo contemporaneo. A questo proposito credo sia significativo richiamare a titolo di esempio l’impianto che Salem Chaker assegna alla voce «arabisation», da lui curata nell’Encyclopédie Berbère112: viene essenzialmente esclusa la continuità del neo-punico fino al momento della conquista araba, mentre si insiste su una nozione di “lingua berbera” che avrebbe implicitamente conservato caratteri di sostanziale uniformità dall’età romana fino ai nostri giorni in funzione di resistenza identitaria113.

  • 114 Fernándezb 2004, p. 409: «los católicos hablaban en latín y solo en latín, las iglesias donatistas (...)
  • 115 Mi pare d’altra parte eloquente l’incertezza lessicale di Santiago Fernández Ardanaz nella definiz (...)

78È evidente come molti aspetti di questo dibattito abbiano intersecato lungamente la riflessione sulla “romanizzazione” dell’Africa, di cui si parlerà nel prossimo paragrafo; qui va tuttavia ricordato come, sebbene in ambito storiografico e in quello degli studi di antropologia linguistica gli speculari concetti di “sopravvivenza” e “resistenza” siano stati prudentemente abbandonati, nel campo dell’indagine storico-religiosa essi mantengano ancora la vitalità degli anni ’70: a un congresso di pochi anni fa, Santiago Fernández Ardanaz poteva ancora esordire sostenendo la radicale polarizzazione linguistica tra cattolici-latini e donatisti-punici114. Secondo questo studioso, la più decisiva iniziativa di Agostino sarebbe stata quella di comprendere e far comprendere ai cattolici la necessità di una penetrazione negli strati popolari basata appunto sull’utilizzo del «púnico o africano115».

79L’avanzamento degli studi in ambito sociologico e antropologico ha impostato in modo nuovo la conoscenza e i metodi di indagine per quanto riguarda le società caratterizzate dalla contemporanea presenza di più lingue: questo ha sostanzialmente imposto l’abbandono di schemi basati su contrapposizioni troppo nette, poiché le infinite sfumature attraverso le quali avviene il contatto tra lingue e culture diverse non si lasciano rinchiudere nell’economia binaria della dominazione e dell’asservimento.

  • 116 «La culture romaine est à la fois une et multiple, en ce sens qu’il n’y a pas une culture romaine, (...)

La cultura romana è contemporaneamente unitaria e molteplice, nel senso in cui non c’è una sola cultura romana, cioè quella di Roma, che tutte le province si sforzerebbero di imitare … ma una varietà di modi nell’essere romani116:

80è sulla base di questo approccio che anche nel campo di questa indagine mi propongo di prendere in esame la questione del punico/libico in relazione allo scisma d’Africa.

  • 117 Cfr. almeno, per uno sguardo generale, Lassere 1988. Sulle «traduzioni» nelle epigrafi neo-puniche (...)
  • 118 Per tutta questa parte, cfr. Adams 2003, pp. 200-246. Mi pare significativo richiamare un esempio (...)
  • 119 Traina 2006, p. 153 osserva che «non a caso si è parlato di una “civiltà dell’Africa romana” … o, (...)
  • 120 D’altronde il latino stesso risponde a varianti di tipo regionale, segno evidente della sua vitali (...)

81I romano-punici che nelle epigrafi dimostrano di possedere nomi punici nei testi in quella lingua, e nomi propriamente romani nella versione latina, già presentano ben più di una semplice “traduzione117”: ma ancor più significativa è la tendenza a superare la logica della traduzione, che è pur sempre indice dell’alterità rispetto alla lingua nella quale si traduce, per passare al tentativo di rendere i medesimi concetti attraverso le espressioni idiomatiche tipiche di ciascuna delle due lingue118. Si tratta evidentemente di un processo di implementazione che conduce alla costruzione di una identità poliedrica, ma non irrisolta nelle sue componenti: quella a sud del Mediterraneo si dimostra essere una civiltà afro-romana119, un modo specificamente regionale di essere e sentirsi “romani120”, e questo rende poco attendibile la chiave di lettura che proponeva di vedere nella persistenza del punico una forma di resistenza identitaria contro la dominazione romana, e soprattutto di postularne la naturale convergenza verso la dissidenza religiosa della pars Donati.

  • 121 È interessante la figura del grammaticus Victor, che nei Gesta apud Zenophilum consularem tramanda (...)
  • 122 Per quest’ultimo caso occorre riferirsi a quella parte di epigrafi bilingui che inizialmente erano (...)

82Non è questo il luogo per una disamina approfondita dei risultati della ricerca sociolinguistica ed etnografica degli ultimi trent’anni: ma è indispensabile almeno riassumerne le conclusioni più significative per la contestualizzazione dello scisma donatista. In primo luogo, occorre accettare la rimessa in discussione del diffuso luogo comune di una marcata differenza a livello sociale tra chi parlava il latino e chi il neo-punico: le testimonianze epigrafiche sopra ricordate raccontano di processi di ascesa sociale che nell’arco di tre-quattro generazioni potevano dirsi completati, ma è interessante anche notare come la progressiva latinizzazione dei testi e dell’onomastica non corrisponda ad un brusco abbandono, ad un rinnegamento dell’identità precedente121; anzi, proprio la presenza numericamente significativa di epigrafi bilingui dimostra la conservazione delle interazioni sociali pregresse e il desiderio di confermarne la validità. Del resto, se la lunga durata del punico fosse da attribuirsi ad una “resistenza” antiromana risulterebbero inspiegabili trasformazioni come l’introduzione di una forma scritta corsiva con inserimento delle vocali, e poi il passaggio ad una scrittura che faceva uso dell’alfabeto latino per rendere testi in punico122; epigrafi bilingui non sono poi esclusiva dei ceti più abbienti, quanto meno per un fenomeno di mimesi culturale da parte dei ceti medi ed emergenti: anche in questo caso occorre dunque sfumare le più radicate convinzioni in materia.

  • 123 È stata da tempo abbandonata, tra gli studiosi, la percezione del greco come lingua della cultura (...)

83Deve inoltre essere ricordato come le interazioni sociali in area nordafricana, non diversamente da molte altre regioni dell’impero, non fossero ristrette a due sole lingue: almeno nelle regioni costiere non è da trascurarsi la conoscenza del greco123, in quelle dell’interno è certa la presenza di parlate tribali di ceppo camito-semitico, sebbene sia ancora oggetto di discussione se vedere in queste parlate una forma unitaria e strettamente affine al berbero moderno, e soprattutto se la loro durata possa essere considerata una forma di cosciente resistenza culturale al dominio romano.

  • 124 Adams 2003, pp. 356 ss.

84È necessario infine tener conto che in una società caratterizzata dalla presenza di molti individui bilingui non necessariamente il rapporto con la seconda lingua risponde per tutti alle stesse esigenze, allo stesso vissuto o alle medesime costruzioni identitarie: significativo è l’uso del greco in questa chiave. La presenza di fenomeni di «code-switching» nelle epigrafi del Mediterraneo occidentale, nelle quali compaiano singoli termini o espressioni greche, è spesso collegata all’affermazione identitaria in termini professionali, piuttosto che etnici: essa caratterizza in modo speciale due gruppi socialmente molto diversi come i medici e le prostitute124.

  • 125 Cfr. Lentin 2004, p. 342-343.
  • 126 Per un aggiornamento in questo campo, cfr. Amadasi 2002/2003.
  • 127 Adams 2003, pp. 218-219 e 512-515. Ho utilizzato Adams perché più recente: ma il dibattito interpr (...)
  • 128 Nell’ambito degli studi di sociolinguistica, il termine ha ricevuto definizioni diverse; tuttavia, (...)

85Non sempre i rapporti tra lingue diverse devono poi essere letti in termini di competizione: esistono infinite gradazioni in cui una seconda lingua possa essere conosciuta ed impiegata e, quanto meno, c’è una differenza talvolta poco considerata tra la capacità di scrivere in una lingua diversa dalla propria e quella di esprimersi oralmente125. A proposito delle epigrafi africane bilingui del iii/iv secolo è stato da tempo osservato e discusso come, all’interno del processo di latinizzazione onomastica126, i nomi propri latini siano spesso correttamente conservati al nominativo nel testo latino, e invece riportati al vocativo in quello punico. Secondo l’analisi di James N. Adams, soggetti di lingua madre neo-punica avrebbero appreso il proprio nome latino per via orale, non scritta: poiché nella parlata i nomi dovevano essere espressi nella maggioranza delle situazioni al vocativo, è declinata in questo caso che essi assunsero la propria connotazione identitaria nella parlata neo-punica127. Si tratta evidentemente di una platea di soggetti in grado di parlare latino a un livello sintattico e lessicale probabilmente molto povero, ma coscientemente intenzionati a lasciarne memoria: eppure questo non significa che ci si trovi di fronte a persone in grado di parlare indifferentemente due lingue. È stato osservato che in ambienti e società bilingui spesso i due idiomi sono utilizzati per aree di significazione diverse: la lingua degli affetti, ad esempio, rispetto a quella delle relazioni sociali; la lingua degli affari rispetto a quella dell’amministrazione della giustizia, o nel caso tardo-romano quella dell’esercito rispetto a quella della società di provenienza o a quella di acquartieramento. Non è solo una questione di contenuti: la scelta di esprimersi in una lingua piuttosto che in un’altra, o il fenomeno del «code-switching», cioè dell’uso di espressioni più o meno idiomatiche in una lingua diversa da quella di riferimento (in questo caso, ad esempio, proprio l’uso del termine «code-switching» costituisce, autoreferenzialmente, un fenomeno di «code-switching»…128), possono costituire a seconda dei contesti sia una strategia di esclusione di una parte degli ascoltatori, sia al contrario un mezzo per aumentare la comprensibilità della comunicazione.

86Per concludere, nel caso specifico della situazione nordafricana tra iv e v secolo si possono indicare alcuni elementi ormai acquisiti, che modificano il quadro tradizionale di una stretta alleanza in funzione antiromana tra chiesa donatista e popolazione di madrelingua neo-punica:

  • la situazione sul terreno varia in modo considerevole all’interno delle singole province. Quel che è certo è che non si può pensare ad aree di rigida monoglossia;
  • nelle aree più densamente popolate, che si tratti delle città o delle campagne a coltivazione più intensiva, non è corretto neppure parlare semplicemente di “bilinguismo”. È piuttosto più aderente alla realtà considerare la presenza di elementi capaci di parlare, se non scrivere, o almeno intendere il greco o le parlate tribali, con tutte le gradazioni di asimmetria immaginabili nei diversi contesti129;
  • da sottolineare che, proprio in base alle risultanze epigrafiche, non si può parlare di una polarizzazione tra un elemento urbano di lingua e cultura latine e un elemento di lingua e cultura punico/libiche130 attestato nelle zone rurali131;
  • se per una parte delle persone di elevata cultura le lingue locali (come il neo-punico nel nostro caso) sono espressione di provincialismo, per altri membri degli stessi gruppi di potere132 esse godono di una propria dignità e di uno status di alto livello culturale, come è possibile evincere, tra gli altri, dalla discussione tra Agostino e Maximus, grammaticus della città di Madaura133;
  • Agostino dimostra a più riprese di conoscere il punico134: tuttavia, riconosce la differenza tra un uso colloquiale o quello di citazioni ed etimologie all’interno di un discorso preparato e condotto in latino, e invece la conduzione un dibattito teologico direttamente in punico, per cui richiede la presenza di un interprete (cfr. punto successivo);
  • se l’episodio di Fussala135 dimostra la difficoltà di trovare ecclesiastici in grado di usare il punico come lingua della catechesi e del culto, nel caso delle plebi massaliensi - per cui Agostino propone al vescovo donatista Crispino di Calama un dibattito con contestuale traduzione in neo-punico per renderlo comprensibile agli astanti136 - occorre ricordare che la popolazione contesa tra i due vescovi, di lingua madre neo-punica, era in origine cattolica. Solo l’imposizione del vescovo donatista, nella sua acquisita qualità di conductor del fondo agricolo in questione, aveva potuto indurre quei fedeli al ribattesimo e al passaggio alla pars Donati137.

1.4.2 «A time for a paradigm shift?»138 Sull’attualità dell’interpretazione del donatismo come resistenza alla “romanizzazione”

  • 138 Riprendo qui la provocatoria domanda con cui Mattingly 2002 riassume la propria riflessione.
  • 139 Cfr. Jonesb 1997, specialmente per la considerazione dell’etnicità come uno dei diversi fattori at (...)
  • 140 Questione ben riassunta in Le Roux 2004, p. 296: «sur la romanisation plane depuis l’origine l’omb (...)
  • 141 Cfr. Webster 2001, p. 209; Mattingly 2004, pp. 5-7. In polemica con quest’ultimo studioso, Cecconi(...)
  • 142 Millett 1990. Nell’icastica formulazione di Sheldon 1982, p. 106, «la “romanizzazione” ha negato l (...)
  • 143 Benchè focalizzate sull’area britannica, sono interessanti dal punto di vista teorico le osservazi (...)
  • 144 Le Roux 2004, p. 294. Webster 1996b è utile per la rapida sintesi offerta dell’ipotesi metodologic (...)

87È stato tutto sommato piuttosto arbitrario occuparsi in maniera separata della questione linguistica in relazione al movimento donatista, come se essa potesse costituire un ambito a sé stante rispetto al tema più ampio della presunta resistenza “culturale” all’occupazione romana. Se rimane un errore di prospettiva la proiezione sul passato delle istanze di carattere identitario tipiche della contemporaneità, è altrettanto pericoloso ridurre alla dimensione etnica la complessa e proteiforme costruzione di identità individuali e sociali139, e tanto più di quelle religiose; la questione del rapporto tra lingue autoctone e lingua dei conquistatori è diventata sintomatica solo dopo la conquista coloniale del Nordafrica, e deriva con uno stretto rapporto di causa-effetto dalla volontà cosciente delle potenze europee di imporre la propria lingua ai popoli sottomessi. È in questa stessa ottica che è stato elaborato, a partire dagli inizi del xx secolo, il concetto di “romanizzazione”140: proposto originariamente dagli storici dell’arte, alla sua base si trovava l’idea che un modello culturale sostanzialmente unitario si fosse affermato sovrapponendosi a culture inferiori, soggetti passivi in questo processo141. Pur aggiornato dopo la metà del secolo, attraverso il riconoscimento del concetto di imitazione/assimilazione che restituiva agli autoctoni una dimensione attiva nel processo di acculturazione142, questo modello è stato rimesso in discussione sulla spinta esercitata dagli studi etnografici, antropologici, sociologici e linguistici: non solo la scuola marxista ha individuato il ruolo delle differenze sociali nel marcare le diversità indigene di risposta alla “romanizzazione”, ma è sostanzialmente entrato in crisi un modello che vedeva interagire due sole entità monolitiche come la cultura romana e quella nativa. È divenuto lecito ad esempio chiedersi “quale” cultura romana fosse quella con cui gli autoctoni entrassero in contatto, e si è reso necessario riconoscere l’influenza esercitata nei processi di interazione dalle differenze di status sociale e dai rapporti di forza tra i protagonisti. D’altra parte, gli studi antropologici più recenti hanno messo in discussione il significato stesso dell’adozione di una cultura - o anche solo di alcuni dei suoi costituenti – come indicatore di una omogeneizzazione: specialmente per quanto riguarda i risultati della ricerca archeologica, è divenuto chiaro che l’adozione di elementi della cultura materiale non comporta necessariamente adesione ai significati e ai valori di cui essi sono portatori nell’ambiente originario143. Insomma anche il dibattito, sopra ricordato, avviato dalla proposta di “decolonizzare” la storia, che ebbe il suo epicentro in Francia a partire dagli anni ’70 del Novecento, non avrebbe poi avuto i caratteri di novità che molti allora gli attribuirono, poiché rimaneva in fondo prigioniero della medesima concezione conflittuale tra due culture monolitiche, quella romana e quella indigena: la semplice inversione dei rapporti di forza, che valorizzava la capacità di “resistenza” dell’elemento indigeno, non stava però mettendo in discussione il paradigma dualistico sotteso al concetto di romanizzazione144.

  • 145 Oltre ai già citati Le Roux 2004 e Mattingly 2004, cfr. anche Crawley 2003; sono inoltre di grande (...)
  • 146 Mattingly 2002, p. 540. Significativa delle incertezze ancora vive tra gli storici è l’ambiguità, (...)
  • 147 In aggiunta ai già citati Le Roux 2004, che dà al proprio intervento un carattere ancora interlocu (...)
  • 148 Cfr. Hingley 2003, sebbene mi sembri eccessivo sostenere che questa chiave di lettura «have been i (...)

88Anche in questo caso, ovviamente, non è questa la sede per tracciare uno status quaestionis su un dibattito tanto ampio e ancora sostanzialmente in corso145; è però significativo che esso si svolga tra due estremi di diseguale portata: da una parte la proposta radicale di David Mattingly, che invita provocatoriamente all’abbandono dell’uso di un termine ormai irrimediabilmente segnato dalla propria evoluzione semantica146, dall’altra il tentativo ancora in corso di una risemantizzazione del termine, capace di escluderne le implicazioni imperialistiche moderne pur mantenendo la capacità di riassumere le caratteristiche fondamentali della civiltà romana147. In quest’ultima direzione è da prendere in considerazione il caveat lanciato da Richard Hingley: secondo questo studioso la chiave di lettura più attuale, basata sull’utilizzo del paradigma della globalizzazione per interpretare la negoziazione delle identità antiche, rischia semplicemente di condizionare nuovamente in senso eccessivamente contemporaneo il focus dello sforzo di comprensione dello storico148.

  • 149 Webster 2001.
  • 150 Webster 2001, p. 218: «asymmetric power relations».

89Più che il paradigma della globalizzazione, sembra essere utile uno strumento come quello proposto da Jane Webster, studiosa che mutua dall’antropologia moderna il concetto di “creolizzazione”, ad indicare non solo il prodotto della reciproca influenza tra due culture, ma anche la pluralità di significati che, a seconda dei contesti sociali e dei rapporti di potere, può assumere un medesimo aspetto di cultura materiale o linguistica149. Il dibattito seguito a questa recente proposta è ovviamente ancora alle sue prime battute: tuttavia, mi pare sia sfuggito ad alcuni commentatori come la proposta di Webster sottolinei che i processi di creolizzazione di una cultura operano sempre a partire da «rapporti di forza asimmetrici150», il che mi pare depotenziare l’accusa che le è stata mossa di

  • 151 Cecconi 2006a, p. 89.

attenuare, sino a perderla, la componente dominante romana151.

  • 152 Le Roux 2004, p. 300. Risulta utile, per una riflessione metodologica di più ampio respiro, anche (...)

90Patrick Le Roux ha evidenziato il valore euristico di questa chiave di lettura, se applicata alla storia dell’impero romano, proprio perché essa salvaguarda le fondamentali sfumature che caratterizzano un «adattamento accompagnato da resistenze152». Anche quest’ultimo studioso, dopo aver offerto attraverso il paradigma del meticciato un nuovo tassello al tentativo di comprensione dei processi culturali antichi, ha posto con forza la necessità di ridefinizione del concetto di “romanizzazione”: una ridefinizione tuttavia ancora lontana, per ora, dal momento della sintesi.

1.4.3 Progenies vaesana Iubae153: Firmo e Gildone tra insurrezione etnica, politica mediterrranea e “barbari mitriati”

  • 153 Claudianus Gild, v. 332.
  • 154 «Gildo»: PLRE 1, p. 395-396; «Gildo 1»: PCBE 1, p. 539. «Optatus 2»: PCBE 1, pp. 797-801. Il princ (...)
  • 155 Un quadro generale della questione è offerto nello studio di grande spessore curato da Modéran 198 (...)
  • 156 Monceaux 1901/1923, 4 p. 65: «Vrai barbare mitré, sans mesure ni scrupule, tout à ses passions sau (...)
  • 157 «Nubel»: PLRE 1, p. 633-634 e PCBE 1, p. 785. Per la discussa identificazione con «Nuvel»: PLRE 1, (...)
  • 158 «Flavius Stilicho»: PLRE 1, pp. 853-858.
  • 159 «Firmus 3»: PLRE 1, p. 340; «Firmus 1»: PCBE 1, p. 457; «Firmus 2»: Divjak 2004, coll. 29-30. Curi (...)
  • 160 «Mascezel»: PLRE 1, p. 566 e PCBE 1, p. 712.
  • 161 Cfr. Modéran 1989, pp. 840-841 e Blackhurst 2004, pp. 64-65. Una iscrizione trovata a Rusuguniae a (...)
  • 162 «Sammac»: PLRE 1, p. 801.
  • 163 «Romanus 3»: PLRE 1, p. 768; «Romanus 1»: PCBE 1, pp. 997-998.
  • 164 «Flavius Valentinianus 7»: PLRE 1, 933-934.
  • 165 La datazione non è ancora stata esattamente ricostruita: cfr. per i riferimenti bibliografici Gebb (...)
  • 166 In questi termini lo giudica ad esempio Kotula 1970; ma cfr. anche Rubin 1995, secondo il quale la (...)
  • 167 È quest’ultima la motivazione offerta da Zosimus IN 4, 16, 1-3 e da Ammianus RG 21, 5, 2 e 8, poi (...)
  • 168 Tilley 1997a, pp. 94 ss., con qualche ulteriore imprecisione (la repressione della rivolta fu oper (...)
  • 169 Augustinus EpPar 1, 10, 16 e 1, 11, 17; Augustinus LitPet 2, 83, 184; Augustinus Ep 87, 10.
  • 170 Augustinus LitPet 1, 2, 16-17 e 2, 23, 53, da cui si evince chiaramente che l’azione del vescovo d (...)
  • 171 Tilley rinvia a Optatus 2, 18-19, il quale riferisce di diversi episodi di violenza che verranno d (...)
  • 172 L’errore prospettico sarebbe ancora più evidente se avesse ragione, come credo, Modéran 1989, pp. (...)

91Questo assai rapido excursus sull’attuale dibattito storiografico consente ora di riprendere in modo più costruttivo la vexata quaestio di una attribuzione di significato allo scisma donatista in chiave di resistenza antiromana. Tradizionalmente l’argomento più forte a supporto di questa tesi viene riconosciuto, oltre che nella questione linguistico/etnica discussa nel paragrafo precedente, nel ruolo avuto da Ottato, vescovo donatista di Thamugadi, a fianco di Gildone154 nel corso della sua rivolta. Si tratta di un argomento la cui estrema debolezza è già stata riconosciuta da tempo155, ma che stenta ad affermarsi nell’opinione comune degli storici del donatismo: come si vedrà tra poco, proprio l’uso che ne fa Agostino lascia intendere che la posizione del «barbare mitré», come lo definì il cattolicissimo Paul Monceaux156, non fosse condivisa a livello generale dall’episcopato donatista. Credo tuttavia che la prova più decisiva risieda nella revisione del significato da attribuirsi alle scelte politiche dei figli di Nubel157 che successivamente capeggiarono due rivolte in terra africana, e del terzo che forse non ebbe la medesima occasione perché prudentemente fatto sopprimere da Stilicone158 prima che essa gli si potesse presentare. Firmo159, Gildone e Mascezel160 erano tra i figli di questo eminente iubaleno, già inserito nel gioco politico provinciale, forse figlio a sua volta di un vir perfectissimus e titolare del comando di un corpo militare romano161; essi salirono a turno rapidamente nella carriera amministrativa e militare romana: il primo, probabilmente responsabile dell’assassinio di un altro fratello, Sammac162, che aveva stabilito stretti legami con il comes Africae Romano163, trovandosi sbarrata da quest’ultimo la via di un riconoscimento da parte dell’imperatore Valentiniano164 si mise a capo di un’insurrezione quasi certamente nel 372-373165, che sembra aver interessato solo le due Mauretanie. È stata lungamente negata a Firmo la qualifica di usurpatore, ritenendolo semplicemente un capotribù: in altri termini, si è visto nella sua rivolta un episodio della “resistenza” indigena nei confronti del potere imperiale166, piuttosto che un episodio dei conflitti di potere interni alla società provinciale afro-romana. La sua rivolta, secondo molti storici, sarebbe poi stata appoggiata dai circoncellioni e sostenuta dal risentimento diffuso per l’onerosa tassazione167. Mi pare sintomatico il modo abbastanza scontato con cui è ancora proposto il sostegno donatista/circoncellionico a Firmo: ad esempio Maureen Tilley, in un lavoro recente che pur avendo molti meriti pecca di qualche approssimazione, parla a questo proposito di una «alleanza mauro-circoncellionico-donatista168», mentre l’unica fonte169 che associa i donatisti a Firmo, senza però far menzione dei circoncellioni, si limita a riferire di come essi si fossero rivolti a lui, che in quel momento era l’unica autorità effettiva sul terreno, per ottenere dalla forza pubblica la repressione dello scisma interno capeggiato da Rogato di Cartenna (vescovo?)170. Tilley, a sostegno del ruolo circoncellionico, offre solo un generico rinvio alle violenze attribuite ai donatisti in un paragrafo di Ottato di Milevi171 che tuttavia non ha alcun riferimento con l’insurrezione di Firmo: si tratta evidentemente di una inconscia proiezione su Firmo del sostegno che vent’anni dopo il vescovo donatista Ottato di Thamugadi avrebbe offerto alla rivolta di Gildone. Insomma, con evidente circolarità, sulla base della postulata alleanza sistematica tra donatisti e insorgenti diviene possibile riconoscere prove di questa coalizione anche là dove le fonti tacciono172.

  • 173 «Flavius Valentinianus 7»: PLRE 1, 933-934.
  • 174 Si tratta del padre del futuro imperatore, «Flavius Theodosius 3»: PLRE 1, 902-904.
  • 175 «Flavius Theodosius 4»: PLRE 1, pp. 904-905.
  • 176 «Flavius Valentinianus 8»: PLRE 1, pp. 934-935.
  • 177 «Magnus Maximus 39»: PLRE 1, pp. 588.
  • 178 Per una disamina della posizione assunta da Gildone in occasione delle usurpazioni di Magno Massim (...)
  • 179 Così gli è indirizzata una norma sull’adulterio in CTh 9.7.9. Dallo stato delle fonti, non è preci (...)
  • 180 Secondo Hieronymus Ep 79; Ep 123, 17 una figlia di Gildone sarebbe andata in sposa a un nipote del (...)

92Valentiniano173 inviò in Africa il magister equitum Flavio Teodosio174, con il compito di sedare la rivolta: con lui collaborò attivamente uno dei fratelli di Firmo, Gildone. Pochi anni dopo il futuro imperatore Teodosio175, memore dei rapporti intercorsi tra Gildone e il proprio omonimo padre, lo fece rientrare in scena nel gioco politico africano, mentre l’indebolito Augusto occidentale, il troppo giovane Valentiniano II176, si trovava messo in discussione dalla rivolta nelle Gallie di Magno Massimo177; nel complesso, la posizione di Gildone nei confronti di quest’ultimo sembra essere stata perlomeno ambigua178. Dopo la sconfitta di Massimo, comunque, Gildone risulta comes et magister utriusque militiae per Africam179 e, con riconoscimento ulteriore sul piano della politica matrimoniale, imparentato alla famiglia imperiale180; ma il quadro dei suoi rapporti con il vertice romano sembra essersi guastato dopo la morte di Teodosio il Grande: nel 397-398 interruppe i rifornimenti cerealicoli a Roma e, dichiarato hostis publicus dal senato, fu sconfitto da un corpo d’armata inviato da Stilicone agli ordini di un altro figlio di Nubel, Mascezel, cui Gildone aveva fatto assassinare due figli.

  • 181 Per una netta distinzione tra la rivolta di Firmo e quella di Gildone si è pronunciato da ultimo M (...)
  • 182 È la tesi sostenuta, da ultimo, da Blackhurst 2004; ma cfr. almeno Camerona 1970, specialmente pp. (...)

93Rispetto all’interpretazione più tradizionale, negli ultimi decenni si è progressivamente affermata una lettura degli avvenimenti che vede nella traiettoria politica dei tre fratelli (o almeno degli ultimi due, Gildone e Mascezel181) uno stretto inserimento nei giochi politici che le due corti ormai definitivamente separate, Ravenna e Costantinopoli, intrecciano a più livelli sul palcoscenico mediterraneo. Gildone, legato prima a Teodosio il Grande e poi al figlio e suo successore orientale, Arcadio, più che pensare ad una usurpazione effettiva sarebbe stato tentato dalle sirene bizantine, e la sua azione avrebbe avuto come scopo la sottrazione dell’Africa dall’orbita occidentale per condurla verso quella orientale182; suo fratello Mascezel, a propria volta, avrebbe rappresentato gli interessi di chi intendeva mantenere il legame con Ravenna, e soprattutto avrebbe consentito a Stilicone di riprendere l’Africa senza porsi in aperto contrasto con Costantinopoli, visto che l’azione di Mascezel poteva essere presentata come una vicenda interna ad una dinastia di reguli alleati.

  • 183 Modéran 1989, pp. 835-840.
  • 184 Modéran 1989, pp. 842-843; sulla defezione degli alleati alla battaglia dell’Ardalio, ibidem pp. 8 (...)

94All’interno dell’azione di entrambi i fratelli spesso viene sostenuta la fondamentale capacità di stabilire legami efficaci con la costellazione di tribù stanziate sui due versanti del limes: del resto, agli ordini di Teodosio il Vecchio lo stesso Gildone aveva assicurato la defezione di molti alleati autoctoni che prima sostenevano suo fratello Firmo, determinandone la sconfitta qualche decennio prima. Tuttavia Yves Modéran ha brillantemente dimostrato come l’immagine di un Gildone capace di coalizzare attorno a sé in funzione antiromana le tribù maure e africane (lungo un fronte di più di 4000 km) sia il risultato dell’elaborazione poetica di Claudiano, basata sull’imitazione di Lucano (da cui deriva l’elenco delle tribù alleate a Gildone, ricalcato sulle notizie riferite a Giuba) e di Sallustio per quanto riguarda le notazioni etnografiche183. Tutto quello che è possibile ricostruire dalle fonti, una volta depurate dell’elemento di amplificazione retorica, è riconducibile al sistema di alleanze epicoriche con cui l’autorità romana si assicurava usualmente contingenti di ausiliari locali: la conferma, del resto, verrebbe proprio dall’epilogo della vicenda quando Gildone, indebolito dalla defezione dei reparti regolari che si posero agli ordini di Mascezel, venne immediatamente abbandonato anche dagli alleati indigeni, che evidentemente non riconoscevano più in lui quel rappresentante dell’autorità romana verso cui avevano assunto i propri impegni184.

  • 185 Merita un richiamo qui un aspetto particolare del successo di questa scalata familiare: dopo la mo (...)
  • 186 «Fl. Honorius 3»: PLRE 1, 442.
  • 187 L’epiteto si trova nella praefatio di Claudianus ConsSt 3, vv. 21-22 (alter / Hannibal antiquo sae (...)
  • 188 Ware 2004. Si veda il giudizio dell’ormai classico Cameron 1970: «Anyone who has given the countle (...)
  • 189 Dewar 1994.

95Insomma, se pur sono presenti elementi del sistema tribale, essi sono tuttavia inquadrati nella tradizionale politica di gestione del territorio applicata da Roma nelle province di confine: personaggi dell’alta aristocrazia locale, come i tre figli di Nubel, trovano in questa politica lo spazio per le proprie ambizioni personali, tese a ritagliarsi un ruolo in un orizzonte più propriamente mediterraneo che semplicemente africano185. La propaganda politica di Claudiano, cantore della grandezza di Stilicone e Onorio186, trasforma Gildone in un alter Hannibal187, ma questo non ha nulla a che vedere con una espressione di autonomismo africano: il sistema delle analogie messo in campo dal poeta compara sì lo iubaleno all’antico nemico africano di Roma, ma nello stesso tempo lo accosta anche ad Atreo per quanto riguarda le sofferenze imposte ai suoi conterranei e familiari, dimostrando in questo modo la dimensione esclusivamente retorica di questi raffronti188. D’altronde, nell’opera di Claudiano godrà in seguito del prestigioso accostamento con Annibale anche il goto Alarico189 che, se difficilmente può essere considerato un campione dell’identità africana, aveva a propria volta aggredito Roma come Gildone aveva fatto affamandola con il blocco della flotta annonaria.

  • 190 Anche de Veer 1968, pp. 781-783 sostiene che Agostino tratti la questione come un argomento ad hom (...)
  • 191 Augustinus EpPar 2, 4, 8.
  • 192 Augustinus Ep 87, 4-5; argomentazione simile in Augustinus LitPet 2, 101, 232: quotquot ab Optato (...)
  • 193 Augustinus EpPar 2, 15, 34; Augustinus CCresc 3, 13, 16.
  • 194 Augustinus LitPet 2, 92, 209.
  • 195 Fra i tanti sostenitori di questa tesi, merita una menzione almeno Congar 1963a, p. 20 (nella stes (...)
  • 196 Jacques 1982.

96Nel caso di Gildone, le testimonianze di Agostino affermano esplicitamente il ruolo di sostegno svolto da un vescovo donatista, quell’Ottato di Thamugadi di cui si è fatto cenno all’inizio. Tuttavia, lo stesso Agostino sembra trattare con una certa prudenza l’argomento, nella sua polemica con i donatisti190: riconosciuto Ottato come Gildonis satelles in tutta l’Africa, la sua protervia è usata come argomento polemico contro la pretesa donatista di conservare la comunione solo con i puri191. Agostino rimprovera agli avversari di aver conservato la comunione con Ottato, e chiede retoricamente se in questo modo essi non debbano essere considerati macchiati delle sue stesse colpe192. Il vescovo di Thamugadi è anche annoverato tra gli esempi di pastori macchiati dal peccato in altri passi193; si afferma che sia morto in carcere, in seguito all’appoggio offerto all’usurpatore194. Decisamente troppo poco, a mio avviso, per dedurne un’alleanza sistemica sulla base di un comune sentimento antiromano195: forse Ottato di Thamugadi non sarà stato il solo vescovo a sostenere apertamente Gildone, ma risulta evidente dai cenni di Agostino che la sua posizione doveva essere rimasta abbastanza isolata. D’altra parte, il topos che associa l’eretico/scismatico all’usurpazione e all’eversione politica è scontato in Africa almeno dai tempi di Cipriano196, e non è quindi difficile riconoscere lo scopo delle insinuazioni agostiniane, al di là delle esplicite prese di posizione sul piano ecclesiologico.

  • 197 Questa posizione è stata sostenuta da Diesner 1962b; Tengström1964, pp. 84-90 lo considera del tut (...)

97L’aperto schieramento del vescovo di Thamugadi si rivela infine una scelta individuale indotta da questioni di opportunità politica197 e di interessi privati, forse anche sostenuta da legami di sangue, di parentela o di clan: ma nulla pare autorizzare anche in questo caso la convergenza sistematica tra donatismo e identità etnica animata da un sentimento antiromano.

98Sul piano politico-culturale, dunque, si possono trarre alcune schematiche conclusioni:

  • se è divenuto poco produttivo, per gli studiosi, continuare ad usare il paradigma della “resistenza alla romanizzazione” per spiegare le caratteristiche e le contraddizioni della società africana, ancor meno efficace risulta questo modello per spiegare i motivi del successo e della durata dello scisma donatista;
  • una interpretazione libera da preconcetti dimostra come anche specifici episodi, tali quello relativo a Ottato di Thamugadi, siano da considerarsi inadeguati a caratterizzare un atteggiamento programmaticamente ostile della pars Donati nei confronti del potere politico romano.
  • 198 La chiave identitaria è stata fondamentale per questo autore: oltre al testo di cui si discute qui (...)
  • 199 Akkache 2006.
  • 200 Illuminante la seguente riflessione: «quand bien même il n’y aurait pas eu – ce qui semble probabl (...)

99Mi sembra interessante concludere questo paragrafo con un richiamo al già citato Ahmed Akkache: esponente di spicco del partito comunista algerino, impegnato nella lotta contro l’occupazione francese e per questo condannato a morte nel 1957, protagonista poi della vita politica del suo paese fino alla contemporaneità e autore di diversi saggi sulla storia “rivoluzionaria” del suo popolo198, in un recente romanzo storico199 egli offre un’interpretazione che si presenta come la naturale, estrema conseguenza della chiave di lettura qui analizzata. Nella sua visione non è difficile riconoscere l’esigenza identitaria del suo stesso progetto politico: così il tradizionale ruolo delle aristocrazie tribali nelle campagne algerine, quello delle avanguardie rivoluzionarie e quello delle guide religiose locali contemporanee sono riconosciuti rispettivamente nei capi delle rivolte antiche, nei circoncellioni200 e nell’episcopato donatista uniti nella lotta contro l’oppressore. L’indipendenza attuale del suo paese sarebbe per lui il frutto di una ininterrotta resistenza alla dominazione coloniale straniera e di una lotta specificamente condotta contro i suoi “complici” indigeni; alla conclusione dell’opera, trattando dell’incapacità bizantina di riconquistare l’interno dopo aver abbattuto il regno dei vandali, scrive:

i contadini in armi, i guerrieri delle tribù sono tornati nell’oscurità.

  • 201 Akkache 2006, p. 157.

100Essi hanno compiuto la loro missione. Fedeli al messaggio degli antenati, essi non hanno lasciato requie al nemico. Grazie a loro Giugurta, Tacfarinas, Gildone e tanti altri combattenti senza paura potevano finalmente riposare in pace. La terra dell’Algeria antica era libera. L’impero romano d’Africa era crollato. Della sua presenza lungo sei secoli restano ormai soltanto le pietre delle città in rovina e la parola “roumi” che per lungo tempo, un tempo lungo fino ai giorni nostri, continuerà a indicare il colonizzatore straniero201.

1.5 Crisi economica, tensioni sociali e rivolte

1.5.1 L’economia africana tra sviluppo e recessione202

  • 202 Benchè rimanga del tutto arbitraria la distinzione tra gli aspetti culturali (lingua, cultura mate (...)
  • 203 La più recente discussione sulla periodizzazione e sul concetto stesso di “tardoantico” ha preso l (...)
  • 204 Un classico sostenitore di questa tesi fu Martroye 1904/1905.

101Lo sviluppo degli studi sul processo di dissoluzione della struttura politico-amministrativa dell’impero ha posto da molto tempo in evidenza l’importanza delle trasformazioni economiche e della struttura sociale nelle aree soggette alla dominazione romana: mentre il paradigma della crisi ha lasciato il posto a quello delle trasformazioni di lungo periodo, è contestualmente stata elaborata una chiave di lettura che ha spezzato lo schema illuministico dei tre evi sviluppando un modello di periodizzazione che riconosceva nel concetto di “tardo-antico” il proprio cardine. Anche su questo modello, negli ultimi anni, si è aperta una discussione critica di grande interesse, ma che sarebbe fuori luogo seguire in questo contesto203; ovviamente, più che su una questione di periodizzazione (significativa forse solo in un’ottica eurocentrica) qui interessa invece focalizzare l’attenzione sulla questione della presunta “crisi” che l’economia africana avrebbe attraversato tra iv e v secolo, individuata da molto tempo204 come uno dei fattori essenziali, se non il primo in assoluto, delle tensioni cui il donatismo avrebbe dato visibilità storiografica.

  • 205 Per una brillante disamina di questi sviluppi, cfr. Athanassiadi 2006.

102Il paradigma della crisi è stato messo in discussione proprio a partire dall’elaborazione di un modello storiografico che, basandosi sulla “lunga durata”, ha preferito sostituirlo con quello della progressiva trasformazione: a differenza della prima, accusata di portare con sé la duplice valenza della frattura più o meno repentina e della decadenza, questa seconda chiave interpretativa intende salvaguardare l’idea di un processo evolutivo di lungo periodo, depotenziato nei suoi aspetti drammatici e anzi valorizzato nella sua capacità di generazione di nuove strutture di organizzazione sociale e di produzione/distribuzione della ricchezza. Tuttavia, mentre in Europa i secoli centrali del primo millennio d.C. venivano riletti come la culla della formazione degli stati nazionali e del mondo moderno (in cui qualcuno ha creduto di riconoscere, non senza ragione, l’ideologica proiezione nel passato di un baricentro perfettamente sovrapponibile alla geografia della nascente Unione Europea205), l’interpretazione delle vicende africane è rimasta durevolmente inchiodata al paradigma del naufragio: la lunga crisi donatista, insomma, rimaneva per gli interpreti il preludio ad una netta cesura, alla fine del cristianesimo e della romanità in terra d’Africa; non la sola causa, certo, ma comunque il segno di un rifiuto rispetto al mondo romano che si identificava col cattolicesimo, e di una estraneità alla “civiltà” dei conquistatori che, in termini economici e sociali, si sarebbe tradotta nel rigetto del modello di sfruttamento del territorio e di organizzazione del lavoro portato dalla colonizzazione d’oltremare.

103Gli studi più recenti hanno rimesso in discussione le basi su cui questa visione si fondava: nei seguenti paragrafi, in una scansione piuttosto arbitraria ma resa indispensabile dalla necessità di chiarezza espositiva, verranno successivamente trattate le questioni relative all’ormai abbandonato modello della crisi urbana e all’impoverimento/asservimento delle masse contadine nel corso del iv secolo.

1.5.2 Il ruolo della civiltà urbana

  • 206 Per una visione d’insieme e un rapido aggiornamento bibliografico, cfr. Mattingly 1995, pp. 184 ss (...)
  • 207 Leveau 1983 offre un panorama delle diverse modalità di organizzazione dello spazio rurale, artico (...)

104Se è innegabile che il modello di sfruttamento del territorio e di generazione/concentrazione della ricchezza su cui si basava il mondo ellenistico/romano aveva il proprio perno nella città, molti studi hanno rivalutato il precedente processo di urbanizzazione punico e quello autoctono206: all’arrivo dei conquistatori romani, l’Africa non era insomma un’immensa distesa di pascoli abitata da nomadi, ma le forme dello sfruttamento agricolo, del latifondo e della stanzializzazione delle popolazioni erano in alcune regioni già avviate da lungo tempo207. Questo è tanto più vero se si considera la lentezza della trasformazione delle istituzioni urbane puniche in quelle romane: si tratta di un conservatorismo che esprime, più che una resistenza al conquistatore, l’efficacia della macchina/città già esistente nello sviluppo e nello sfruttamento del suo territorio. Dunque, in modo analogo al resto dell’occidente, l’affermazione del modello urbano non può semplicisticamente essere considerata il risultato della ”romanizzazione”, né il suo declino l’esito di un rigetto identitario.

  • 208 Di certo, oltre al pregiudizio classicista occorre ricordare almeno cursoriamente l’influenza dete (...)
  • 209 Per quanto riguarda il dibattito teorico, incardinato anche in questo caso sulla contrapposizione (...)
  • 210 In un lavoro di grande spessore recentemente pubblicato, pur escludendo dall’analisi la Numidia e (...)

105La diffusa percezione di una repentina crisi dell’urbanizzazione classica è stata rimessa in discussione dai risultati delle campagne di scavo condotte a partire dagli anni ’70 del secolo scorso: il quadro che ne è emerso muta radicalmente il contesto nel quale si muovevano i protagonisti dello scisma in Africa. In primo luogo, ci si è resi conto di come le campagne di scavo precedenti la seconda guerra mondiale avessero operato sulla base di un radicato pregiudizio classicista, semplicemente ignorando o addirittura rimuovendo gli strati superiori degli sterri ritenendoli insignificanti ai fini della ricerca208. Inoltre, nessuna attenzione veniva un tempo prestata agli elementi di cultura materiale, destinati alla rimozione senza essere registrati in alcuna forma: questo ha reso estremamente difficoltosa la ricostruzione delle trasformazioni economiche, limitando per decenni le fonti materiali all’epigrafia e ai resti monumentali. Negli ultimi due decenni del secolo scorso è tuttavia stato messo in discussione il concetto stesso di una cesura netta nella storia dell’urbanizzazione in Africa, lasciando spazio all’idea di una trasformazione della città tardo antica caratterizzata da modelli diversi da quelli del passato, tanto da sfuggire così nel suo significato alla disamina degli archeologi precedenti. Nemmeno in questo caso è possibile tracciare qui uno status quaestionis, se non in maniera estremamente approssimativa209: non solo è stata vivacissima la discussione a livello teorico, ma la pubblicazione dei risultati delle campagne di scavo degli ultimi trent’anni ha prodotto una quantità di materiale sterminata, di cui sarebbe impossibile anche solo dare un panorama superficiale210. Ci si limiterà pertanto, nello spirito di questo capitolo, a fornire gli elementi utili per un aggiornamento della “cornice” in cui situare lo studio dello scisma africano.

  • 211 In una regione tanto fortemente urbanizzata, sono del tutto comprensibili differenze anche marcate (...)
  • 212 Kleinwächter 2001 ha offerto una visione molto interessante dello sviluppo di un vero e proprio po (...)
  • 213 Per l’analisi di questo processo, cfr. Leone 2007, pp. 45-66; per il iv secolo e le abitazioni del (...)
  • 214 Secondo Thébert 2003, pp.482-483 i prodromi di questo processo risalirebbero addirittura all’età s (...)
  • 215 Leone 2007, pp. 66-82 e 93-96.

106Al di là delle idee preconcette che in qualche modo precedevano la stessa indagine archeologica, va sottolineato come la nozione di crisi del modello urbano trovasse il proprio fondamento nell’oggettivo declino delle tradizionali zone foranee a partire dalla metà/fine del iv secolo211, spesso successivamente trasformate in zone artigianali quando non in necropoli: gli scavi e le osservazioni più recenti hanno consentito di cogliere però in questo degrado il segno di una trasformazione di lungo periodo, iniziata allora e proseguita anche successivamente alla conquista araba. In effetti, dopo una forte azione di restauro iniziata in età tetrarchica e proseguita almeno nelle prime fasi della dominazione costantiniana, la città classica vede lentamente spostarsi il baricentro della vita civile e monumentale dal complesso foro/basilica/capitolium a quello degli edifici costituito da terme/teatri/ippodromi/anfiteatri/archi trionfali, sui quali si concentrano l’evergetismo privato e l’investimento pubblico212. Alcuni di questi impieghi (si pensi a uno dei più onerosi, secondo le testimonianze letterarie: il finanziamento dei giochi circensi) lasciano ben poche tracce archeologiche; ma, in contemporanea, va segnalata anche la tendenza a una forte crescita delle dimensioni e delle decorazioni degli edifici privati. La diffusione di ambienti destinati specificamente al ricevimento di clienti e visitatori, comprensibile nelle abitazioni dei maggiorenti ma ben attestata anche in quelle del ceto medio, testimonia di un trasferimento nell’ambito del privato delle esigenze di prestigio che un tempo venivano tradotte nella monumentalità delle costruzioni pubbliche213. Anche la tendenza alla riduzione dimensionale degli impianti termali, iniziata nella seconda metà del iv secolo214 e proseguita ancora in età bizantina, viene ormai interpretata in chiave di espressione di nuove esigenze sociali, più che di ridimensionamento delle risorse finanziarie disponibili o di calo demografico nelle zone urbane: le terme diventano luogo di aggregazione identitaria e incontro di gruppi già organizzati all’interno della comunità cittadina, espressione al contempo del prestigio rivendicato da queste stesse associazioni215.

  • 216 Thébert 1983, pp. 106-107 e 110- 112; Lepelley 2006, p. 19; più specificamente, Leone 2006 e Leone(...)
  • 217 Interessante la disamina di questi processi contenuta in Sears 2007, pp. 93 ss.; sebbene non sia r (...)

107Occorre inoltre considerare che il iv secolo vede l’esplosione dell’attività edilizia di un nuovo soggetto (duplice, nel caso africano), costituito dalla chiesa: l’edificazione di grandi basiliche e dei complessi immobiliari ad esse attigui non si limita a costituire un nuovo modo di allocazione delle risorse destinate agli edifici monumentali, ma riorganizza lo spazio urbano216; solo a partire dalle leggi teodosiane di fine secolo si comincerà – senza troppa convinzione, del resto - a costruire sopra i templi pagani, tradizionalmente posizionati nell’area foranea217: nella maggior parte dei casi, le costruzioni dedicate al culto cristiano sorgono sulle antiche aree necropolari (in stretto rapporto, evidentemente, con il culto dei martiri) o nel suburbio, accelerando l’abbandono e la decadenza degli antichi monumenti in centro città.

  • 218 Leone 2007, pp. 284-286.

108Infine, anche per quanto riguarda la spoliazione dei vetusti edifici foranei e dei templi dopo la loro chiusura al culto occorre considerare che questa attività non necessariamente comporta una decadenza dell’intera città: il reimpiego di materiali da costruzione pregiati e della produzione statuaria precedente sembra aver corrisposto alle esigenze di decoro e prestigio delle nuove costruzioni, pubbliche e private. D’altra parte, si va rafforzando l’ipotesi che queste attività fossero accuratamente disciplinate e controllate dalle autorità, almeno in epoca bizantina218.

  • 219 Il concetto di stasi, piuttosto che di crisi, per quanto riguarda il iii secolo in Africa è stato (...)
  • 220 Le istituzioni amministrative centrali e periferiche erano ancora in efficienza alla vigilia della (...)
  • 221 Lepelley 2006, pp. 19-20; una utile sintesi sulla problematica periodizzazione dello sviluppo urba (...)
  • 222 Forse è troppo ottimistica la presa di posizione di Modéran 1996 (cfr. Lepelley 2006, p. 21); però (...)

109Il quadro che emerge, dunque, è quello di un fenomeno urbano che, ripresosi dalla stasi seguita all’età severiana219, per tutto il quarto secolo offre un panorama di ricchezza e di trasformazione; sono stati anche ridimensionati gli effetti della presunta fuga dei maggiorenti dagli incarichi delle istituzioni cittadine220. Solo dopo l’invasione vandala è dato di registrare un lento processo di decadimento, dovuto anche alle confische che colpirono i tradizionali finanziatori dell’evergetismo cittadino, cioè gli aristocratici e i vescovi cattolici221: ma, benché ancora poco si sappia dell’evoluzione urbana sotto la dominazione dei nuovi venuti, dopo la riconquista bizantina il tessuto urbano è ancora in grado di manifestare una ripresa e, in alcuni casi, uno sviluppo significativo222.

1.5.3 L’ossimorica tela di Penelope: crisi economica, “lotta di classe”, rivolta sociale

  • 223 Per una disamina critica di questa tendenza è ancora valido Carrié 1982; a partire da un’analisi d (...)
  • 224 Su questa base Mazzarino 1962, p. 419 spiega il movimento circoncellionico.

110L’elemento di gran lunga più importante nell’offrire sostegno al paradigma della crisi è stato individuato nei processi di concentrazione latifondistica, di indebolimento della media e piccola proprietà agraria e di progressiva riduzione alla condizione di “servitù della gleba” dei coloni africani223. Il lettore che intenda seguire la panoramica offerta nelle pagine che seguono, scorrendo anche le note a piè di pagina, avrà il diritto di sentirsi un po’ disorientato: solo a dar retta agli studi degli ultimi cinque decenni, e confidando nel prestigio dei molti autori, il quadro dell’economia africana nel iv secolo si presenta più come una sistematica trama di contraddizioni che altro. Le campagne africane, e in special modo quelle numidiche, sarebbero state minacciate secondo gli uni dalla pressione dei nomadi, che per altri invece sarebbero stati ben integrati nel meccanismo dello sfruttamento delle risorse naturali; folle di disoccupati senza terra, eredità di un’esplosione demografica del iii secolo (non ancora riassorbita come forza lavoro per carenza di opportunità224), avrebbero per alcuni vagato senza meta nelle pianure coltivate, insieme a contadini spossessati dalla accumulazione latifondistica; per altri invece i coloni, nel corso del iv secolo, sarebbero stati trasformati in servi della gleba per reagire alla carenza di manodopera dovuta al crollo demografico…

111Le problematiche connesse alle trasformazioni, intimamente legate al processo di mutazione della società tardo antica e della forma stessa del potere nel quale essa si esprimeva, hanno suscitato da lungo tempo l’appassionata discussione di studiosi di ogni scuola, rendendo assolutamente velleitaria qualsiasi ambizione, in questa sede, di una disamina che anche solo da lontano voglia offrire un panorama adeguato: perciò, ancor più che nei paragrafi precedenti, si renderà necessaria una schematizzazione molto accentuata, con rimandi bibliografici ridotti all’indispensabile. Il fuoco dell’interesse rimane centrato sull’area nordafricana, con le sue particolari specificità, e sul iv secolo: quel che occorre in sostanza appurare è se i nuovi approcci storiografici all’economia e alla società di quell’area e di quel tempo offrano ancora sostegno a teorie che spiegavano il successo e la durata dello scisma donatista come espressione in chiave religiosa delle tensioni generate da irrigiditi contrasti sociali in ordine alla produzione e distribuzione della ricchezza.

112Schematizzando all’estremo, le fratture che ancora nei decenni centrali del secolo scorso venivano riconosciute nella società africana possono così essere riassunte:

  • una significativa dicotomia225, in parte già trattata nei paragrafi precedenti, tra città (abitata dai grandi possidenti agrari e dall’elemento “romanizzato” della popolazione) e campagna: qui essa verrà trattata non più come luogo per eccellenza dell’identità etnica e linguistica, secondo l’ottica in cui queste sono state affrontate sopra, ma secondo quella dello sfruttamento crescente di masse contadine vieppiù impoverite e indirizzate verso la servitù della gleba;
  • una dicotomia in voga fra xix e xx secolo, ancora riconosciuta da molti, vedeva la contrapposizione nelle campagne tra elemento più o meno “romanizzato”, ma caratterizzato dalla stanzializzazione, e elemento nomade (anche in questo caso portatore di istanze identitarie autoctone) respinto con alterne vicende verso sud, cioè verso le montagne e le terre più aride, o rinchiuso in vere e proprie “riserve indiane”: il crollo del sistema difensivo lungo il limes ne avrebbe determinato la rivincita;
  • intermedia tra le due precedenti, la supposta dicotomia “geografica” tra montagna e pianura: in sostanza, tra aree assoggettabili allo sviluppo agricolo e aree su cui era possibile solo un’economia di carattere nomade o seminomade, basata sulla pastorizia.
  • 226 Una sintesi particolareggiata di queste tesi è rappresentata da Deman 1975, specialmente alle pp. (...)
  • 227 Una esposizione classica, comunque caratterizzata dal consueto equilibrio dell’autore, è offerta d (...)
  • 228 Fu la tesi, fra gli altri, di Martroye 1904/1905; tra i più rappresentativi sostenitori si conside (...)

113Attraverso queste chiavi226, è stata spesso proposta una lettura secondo il paradigma della crisi dell’economia africana227: una crisi legata, oltre ai fattori interni appena elencati, a presunte mutazioni climatiche, alla pressione dei nomadi di provenienza orientale e allo spopolamento generalizzato dell’impero, che facendo mancare le braccia da lavoro avrebbe costretto anche la fiorente agricoltura di quelle terre a un vero e proprio «downsizing». La somma concomitante di questi fattori, il cui peso è stato variamente riconosciuto a seconda delle scuole di pensiero, avrebbe generato nella società africana tensioni assai più elevate che nei secoli precedenti: in questo quadro, lo scisma sarebbe stato l’espressione in chiave religiosa di una crisi sociale, a sua volta più o meno associata da parte dei diversi storici alle istanze identitarie e indipendentistiche di cui si è già trattato228.

  • 229 Tra i più significativi sostenitori di questa tesi, cfr. almeno Courtois 1955.
  • 230 Rimane fondamentale, nella sua fulminante concisione, Leveau 1977. Cfr. anche gli importanti lavor (...)
  • 231 Carrié 1982; Carrié 1983, p. 230.
  • 232 La meccanizzazione agricola trovava, ancora negli anni ’50, forti limiti sui terreni in pendenza e (...)

114Fin dagli anni ’70, con la progressiva presa di coscienza dell’influenza che l’esperienza coloniale aveva esercitato sull’interpretazione dei fenomeni del iv secolo, la questione della frattura tra campagne sottoposte a sfruttamento stanziale e montagne confinate alla pastorizia229 è stata rimessa in discussione con dovizia di argomenti230: è in primo luogo possibile riconoscere l’influenza delle chiavi di lettura elaborate per il territorio europeo altomedievale e incautamente applicate all’Africa del basso impero231. A questa prima considerazione occorre aggiungere le difficoltà incontrate dai coloni francesi nello sfruttamento delle risorse agrarie nordafricane: l’impostazione capitalistica della messa a coltura delle pianure algerine aveva tracciato un confine ideale che inevitabilmente risentiva delle peculiarità tecnologiche dell’agricoltura moderna, mentre le caratteristiche di sfruttamento antico dei terreni vedevano una forte compenetrazione tra gli stanziali e i nomadi dediti alla pastorizia232.

  • 233 Sono basilari, a questo proposito, i lavori già richiamati di Ph. Leveau, per cui cfr. le indicazi (...)
  • 234 Si consulti ad esempio, già degli anni ’70, Whittakera 1978; Hitchner 1994 analizza le trasformazi (...)

115Anche per quanto riguarda il contrasto frequentemente richiamato tra nomadi e sedentari, il filtro ideologico ha oscurato e deformato la realtà antica233: in effetti, non solo dei nomadi si aveva bisogno come lavoratori stagionali al momento del raccolto, ma le stesse teorizzazioni agronomiche latine davano grande importanza allo sfruttamento delle terre coltivate poste a riposo e dei terreni marginali attraverso la pastorizia, a sua volta forma di creazione di ricchezza234.

  • 235 De Martino 2001, nel tracciare una breve sintesi di questa ipotesi storiografica (da cui si discos (...)
  • 236 Secondo Vera1992, il primo elemento di squilibrio del sistema economico africano andrebbe riconosc (...)

116Quanto alla questione del mutamento di condizione giuridica, e soprattutto di vita materiale, negli ultimi tre decenni si è sviluppato un dibattito di grande spessore, troppo spesso ignorato nei suoi sviluppi dagli storici del cristianesimo, sull’interpretazione del fenomeno che va sotto il nome di “colonato”. Due sono le direzioni in cui questo dibattito si è incanalato: da una parte, l’individuazione nei processi di fissazione alla terra dei contadini liberi (innescata dalla legislazione dioclezianea) di un fenomeno comparabile alla servitù della gleba235; dall’altra, sempre a partire dal medesimo processo, l’individuazione di un mutamento non tanto nelle dimensioni della ricchezza prodotta, quanto nei modi della sua redistribuzione236. Insomma, chi non crede in un impoverimento complessivo dell’Africa vede tuttavia un impoverimento drammatico delle masse contadine spossessate, se non della terra, del frutto del proprio lavoro secondo rapporti di forza progressivamente sbilanciati a favore dei grandi possidenti.

  • 237 Sulla viticultura africana è utile Lequément 1980, e curiosa risulta l’appendice sulla continuità (...)
  • 238 Questa tesi è stata avanzata in modo molto circostanziato da Kehoe 1988, specialmente pp. 71-116; (...)

117Alcune considerazioni di carattere agronomico possono offrire una utile possibilità di orientamento: le modalità stesse dello sfruttamento agricolo dei suoli africani richiedevano, insieme a un’abbondante disponibilità di operarii nelle stagioni del raccolto, anche quella di manodopera specializzata nelle colture che, a partire dal I sec. d.C., costituiscono una delle più spettacolari forme di sviluppo dal mondo antico: l’ulivo e la vite237. Si tratta di coltivazioni che richiedono un discreto investimento di capitale iniziale, e la cui resa comincia a diventare interessante solo dopo alcuni anni: ma nel corso di tutto il ciclo di vita delle piante, errati trattamenti possono compromettere l’annata se non addirittura le piantagioni stesse. Dato lo straordinario sviluppo di queste coltivazioni, è agevole comprendere come, pur in presenza di estese proprietà, il panorama agricolo africano vedesse un impiego di manodopera schiavile decisamente meno intenso rispetto ad altre aree del Mediterraneo; inoltre, diventa comprensibile come le forme più convenienti di gestione della proprietà agraria si siano realizzate secondo modalità che consentivano la compartecipazione diretta dei contadini a quote del reddito prodotto, quando non alla partecipazione diretta nell’investimento iniziale238.

  • 239 Jonesa 1958, pp. 294 ss.; molto lucido Vera 1986, pp. 284-286.
  • 240 Carrié 1983, pp. 217-218.

118Anche la diffusa percezione di una particolare estensione del latifondo come forma della proprietà terriera in Africa andrebbe rivisto: già negli anni ’50 Jones aveva riconosciuto239 la necessità di trarre adeguate conclusioni dalla presenza di una forte frammentazione/parcellizzazione anche nei patrimoni terrieri di notevole consistenza; sarebbero numerose le testimonianze che portano a ricostruire un panorama costituito da innumerevoli fondi di modesta superficie, su cui sarebbe stato difficile praticare una coltivazione di tipo estensivo, tipica del latifondo a conduzione schiavile. Infine, va ricordato come la percezione distorta di una forte concentrazione delle terre in poche mani sia stata favorita dalla legislazione tardo imperiale: se per motivi fiscali si faceva carico ai grandi proprietari dell’esazione/garanzia sul gettito fiscale di aree molto estese (rendendoli così capitularii), ciò non significa affatto che questi soggetti le possedessero sotto tutti i punti di vista240.

  • 241 Lepelley 1989, p. 263 invita però a sfumare questa convinzione, basandosi sull’analisi di document (...)
  • 242 Jonesa 1964, comunque, ritiene che l’impatto di questi abbandoni sulla ricchezza complessiva dell’ (...)
  • 243 A conferma, cfr. Vera 1986. Si può qui citare, «en passant», anche l’innovativa interpretazione di (...)

119È proprio per motivi fiscali, d’altra parte, che la legislazione tardo imperiale finì con l’imporre quella fissazione ai suoli dei coloni che da molti viene considerata come la vera origine della servità della gleba: ma, senza considerare la variabilità con cui questa legislazione venne messa in pratica a seconda delle esigenze, essa non sembra aver mai oltrepassato la sua natura di carattere fiscale241. La tesi di un legame alla terra in funzione degli interessi dei grandi proprietari terrieri si basa infine sulla convinzione che si sia verificato un drammatico calo demografico: a sua volta, questo viene desunto dall’insistenza con cui la legislazione tardo imperiale fa riferimento agli agri deserti, cioè a terre una volta coltivate e poi abbandonate242; questa tesi, evidentemente, contrasta con la visione di masse spossessate, espulse dalla terra e condannate a un ritorno al nomadismo243.

  • 244 Già citato più volte, in questo caso rimando nuovamente al quadro offerto in Mattingly 1995; si pu (...)
  • 245 Tuttavia, va almeno segnalata la posizione contraria espressa, in una sintesi recente, da De Marti (...)
  • 246 Lepelley 1983a affronta un caso di episcopalis audientia gestito da Agostino a proposito di una ca (...)
  • 247 Può essere utile la sintesi offerta da Marcone 2001, con specifico riferimento all’Africa alle pp. (...)

120In conclusione: se è certo che, nel pieno accordo di tutti gli studiosi, il iv secolo abbia visto una profonda trasformazione dell’economia africana, pochi altri sono i punti su cui è possibile trovare un consenso sufficientemente ampio. Si può però prendere atto, anche e soprattutto grazie all’interesse che l’archeologia va vieppiù mostrando nei confronti degli elementi di cultura materiale244, che in quell’epoca sia giunta a compimento la trasformazione da un’agricoltura prevalentemente cerealicola a una in cui una frazione consistente della ricchezza prodotta dipendeva dalle colture viticole e olearie; si può dare per assodata la progressiva parcellizzazione delle aziende agricole245, e la tendenza da parte dei proprietari e dei conductores ad assicurarsi rendite fisse, scaricando sui contadini il rischio delle fluttuazioni provocate dall’andamento dei raccolti e da quello dei prezzi. Le condizioni di vita materiale delle masse contadine non sembrano quantomeno essere significativamente peggiorate, se non in presenza di andamenti climatici molto negativi: quanto alla mutazione dei rapporti tra liberi coloni e domini, essa sembra comunque essere stata meno penalizzante di quanto la legislazione imperiale, anche nell’interpretazione più restrittiva, sembri suggerire246. Insomma, non certo un quadro idilliaco247: ma nemmeno un panorama catastrofico, capace di generare quelle polarizzazioni sociali, economiche ed etniche che si vogliono troppo spesso vedere come causa/spiegazione del donatismo e, in special modo, del movimento circoncellionico.

121Questo era, in ultima analisi, lo scopo della tanto lunga quanto inevitabile disamina condotta in questi paragrafi: ricondurre l’analisi di un fenomeno religioso, in prima istanza, entro i confini della sua stessa storia. È certo innegabile che i donatisti fossero immersi nella vita economica e sociale del proprio tempo: mi pare però si possa concludere, dopo più di un secolo di dibattito, che istituire dei rapporti di causa/effetto sia una forzatura. Così, al termine di questa carrellata, credo si possa riproporre quanto Jones aveva già definito mezzo secolo fa, e fare di questa formulazione la più precisa cornice delle analisi che verranno condotte nei prossimi capitoli:

  • 248 A supporto di questa significativa considerazione, è da richiamare almeno lo studio di Lepelley 19 (...)
  • 249 Jonesa 1964, p. 1424. A conclusioni consimili giunge, per altra e meno convincente via, Cataudella(...)

è abbastanza verosimile che i contadini i quali formavano le bande religiose dei circoncellioni fossero lieti di approfittare della lotta religiosa per intimidire e strapazzare gli agrari e gli usurai che per caso erano cattolici… ma questi incidenti erano soltanto parte di una campagna più ampia di terrorismo, nella quale gli incidenti principali erano il sequestro delle chiese cattoliche e il rapimento e il maltrattamento dei chierici cattolici. Vi era abbondanza di proprietari terrieri donatisti248, i quali difficilmente sarebbero rimasti fedeli alla causa se fossero stati assoggettati a un tale trattamento. E vi sono testimonianze che i proprietari cattolici non erano molestati se permettevano ai propri fittavoli libertà di culto249.

Notes

1 “Africa settentrionale” è un termine molto impreciso: nel corso della plurisecolare dominazione romana sul Mediterraneo, la costa meridionale ha visto notevoli variazioni nelle linee di demarcazione tra le diverse province. Propriamente, “Africa” andrebbe inteso solo in riferimento all’omonima provincia della Proconsolare, con capitale Cartagine e corrispondente approssimativamente a una parte delle attuali Tunisia e Algeria: ma, anche in questo caso, i confini sono variati nel tempo. Oltretutto, benchè l’organizzazione territoriale della chiesa cristiana abbia ricalcato approssimativamente quella dell’amministrazione provinciale, non sempre ne ha seguito le variazioni: ad esempio, è stata spesso fonte di errori tra gli studiosi del cristianesimo di quest’epoca la situazione della diocesi di Ippona al tempo di Agostino, quando la città risultava amministrativamente dipendere dalla Proconsolare (si trovava in un’area chiamata, appunto, Numidia Consularis), mentre ecclesiasticamente dipendeva dal primate di Numidia. Non è qui necessario offrire un quadro particolareggiato della questione: a questo proposito, rinvio alla valida sintesi di Duvala 2006, pp. 121-123. Quanto all’uso dei termini “Africa” e “Nord Africa” nella presente dissertazione, essi vanno intesi come riferiti all’area geografica che dalla costa occidentale del golfo della Sirte (antica Bizacena) si estende fino alle coste atlantiche: in altri termini, rimangono escluse la Cirenaica e l’Egitto. Questa scelta è motivata, oltre che dalle necessità espositive, da due considerazioni di fondo: in primis, anche nel mondo antico era sentita la differenziazione, non solo amministrativa, tra le due macroaree (a occidente di lingua e cultura prevalentemente latine, a oriente greche), e d’altra parte il primate già nel iii secolo poteva convocare a concilio i vescovi di tutta quest’area; in secundis, è nell’area occidentale che si localizza la questione donatista. Ho invece evitato l’uso, che si va diffondendo, di termini moderni come “Maghreb”: non solo si tratta di una connotazione geografica troppo recente, ma essa è inscindibile da problematiche di carattere ideologico che proiettano sul mondo antico le ombre di questioni contemporanee, correndo il rischio di inquinarne involontariamente l’interpretazione (questo tema è trattato più approfonditamente infra, § 1.4.3).

2 Andrebbero certo precisati anche i criteri con cui si definisce la categoria dell’inutilità: ma questo aprirebbe la via a un atteggiamento polemico che mi pare fuori luogo in questo contesto. Di certo, la disamina critica di una parte considerevole della bibliografia prodotta negli ultimi decenni non può non registrare la moltiplicazione di studi caratterizzati da un impianto sostanzialmente compilatorio o compendiale, con una focalizzazione assai ristretta sulla produzione più recente (quando non semplicemente monoautorale…).

3 Eno1993, p. 167.

4 “Secondaria” è riferito al fatto che nessuna delle opere pervenute, composte da esponenti della pars Donati, può al pari delle fonti avversarie essere considerata come una riflessione di intento storiografico (sia pur caratterizzato dall’impostazione polemica); in sostanza, quel che possediamo è categorizzabile sotto quattro rubriche:
- Passiones di martiri donatisti o “donatistizzate”
- Opere di carattere teologico (Ticonio), solo indirettamente utilizzabili per la ricostruzione del conflitto
- Lacerti di opere di carattere polemico, ricostruibili solo a partire da quanto riportato negli scritti di Ottato di Milevi e Agostino di Tagaste al fine di confutarle
- Omelie di attribuzione “donatista”, che consentono di ricostruire frammenti di catechesi quotidiana, ma poco offrono sul piano della ricostruzione storiografica.

5 Per l’uso di questo termine, cfr. § 1.2.2.

6 Una rapida disamina delle caratteristiche di questo genere letterario è reperibile in McClure 1979.

7 Utilizzo questo termine sulla base delle tesi di Karl Weick, per cui rimando al suo principale testo di riferimento, Weick 1997, e al più recente Weick 2005.

8 Il riferimento è all’introduzione di Mazza1973, p. VII.

9 Per la disamina di status quaestionis precedenti, cfr. Romero1982b (poco maneggevole, data l’impostazione annalistica); Schulten 1984; Kriegbaum 1986, pp. 18-43; Garcia Mac Gaw 1994; Cecconi 1998; Barnard 2008, pp. 121-125. Rimane poi fondamentale, benchè circoscritto alle sole fonti ottaziane, Mazzucco1993. In un’ottica spiccatamente teologica (di ispirazione cattolica), e specificamente centrato sull’elaborazione agostiniana, può essere consultato Hakizimana 2006.

10 Faccio mia, in questa premessa, la riflessione con cui Yves Modéran giustifica l’ampiezza profusa nella disamina delle teorie precedenti: «… la seule démarche satisfaisante fut alors de revenir sur l’histoire proprement dite de chacune des théories remises en question et sur les étapes de leur formation, pour retrouver les origines des divergences qui nous séparaient et vérifier, en quelque sorte, le bien-fondé des interprétations nouvelles proposées. Si ces scrupules ont parfois alourdi l’ouvrage, ils ne nous semblent jamais avoir été gratuits et c’est même à plusieurs reprises à l’effort qu’ils imposèrent que ce livre doit d’avoir, du moins nous l’espérons, quelque originalité» (Modéran 2003a, pp. 20-21).

11 Gen 2, 19.

12 Cfr. Tabbernee 2007, pp. 358-360.

13 Benché mutili, ci sono pervenuti gli atti di questa Conferenza: i GestConlCart sono stati editi nelle SChr (nr. 194, 195, 224 e 373) da Serge Lancel, Paris 1972/1991; lo stesso ha curato l’edizione dei Gesta anche per il CCL (nr. 149A; Turnhout 1974).

14 Una disamina recente e abbastanza completa, pur senza presentare novità interpretative di rilievo, è reperibile in Pelltari 2009, che focalizza l’attenzione sull’uso alla Collatio della definizione di ecclesia veritatis come possibile alternativa a catholica. Più recente, ma di nessun ulteriore apporto sul piano dell’aggiornamento bibliografico, cfr. Grossi 2011.

15 Shawa 1992.

16 Dopo la stesura di queste considerazioni ho potuto consultare, grazie alla cortesia dell’autore che me ne ha fatto pervenire copia, un interessante status quaestionis curato da Giovanni Alberto Cecconi e altrimenti introvabile nelle biblioteche italiane. A proposito della proposta avanzata da Brent D. Shaw, egli scrive: «… resulta excesivo sostener que el uso de esta terminologia más convencional signifique, automáticamente, tomar partido por una perspectiva historíográfica. La reserva mayor tiene que ver, precisamente, con la ambigua alternativa de “cristianos de África”: no sólo no me parece probable, como en cambio sostiene Shaw, que tal fórmula hubiera sido aceptada por los donatistas (porque también ésa presupone una limitación de la percepción de ellos mismos, que dudo que tuvieran), además, si bien motivada con la tesis de la mayor radicación religiosa y cultural del donatismo en la realidad norteafricana tardoantigua, ésa termina por asumir, a mi juicio en términos controverdidos, una valencia ideológica y exclusiva tal vez no demasiado eclatante, pero que tampoco hace justicia a la comunidad de Optato de Milevi, Augustín y Aurelio de Cartago» (Cecconi 1998, p. 85).

17 A rigor di logica, sarebbe più opportuno parlare in questo caso di pars Maiorini: ma la figura di Maiorino viene presto offuscata da quella di Donato il Grande, vero organizzatore della sua chiesa. Già Ottato, con un anacronismo estremamente significativo, parlava di pars Donati in riferimento al primo ricorso presentato a Costantino, quando ancora era vivo Maiorino: si confronti il testo di Optatus 1, 22, 2 con l’informazione, corretta, offerta da Augustinus Ep 88, 2 e Augustinus BConl 3, 12, 24. Su questa parte, cfr. il commento di M. Labrousse nell’ed. critica di Optatus, vol. I, p. 222-223 nota 3.

18 Pertanto nel corso di questa ricerca “donatista” e “cecilianista” avranno solo il valore di sinonimi rispettivamente di “appartenente alla pars Donati” e “appartenente alla pars Caeciliani”.

19 Cfr. Lancel 1972-1991, III p. 1004. Rifiutando il termine “donatisti”, durante la Conferenza del 411 Petiliano di Costantina («Petilianus»: PCBE 1, pp. 855-868) afferma: episcopos nos veritatis Christi domini nostri et dicimus et saepe actis publicis dictum est; poco oltre l’exceptor dà lettura della notoria presentata il giorno prima dai vescovi della pars Donati, in cui essi si dichiarano episcopi et defensores ecclesiae veritatis (cfr. GestConlCart 2, 10 e 12; sui diversi significati assunti da catholicus nella controversia, cfr. Schindler 1992a). Come si vede, anche l’unica definizione che la pars Donati si dimostra disposta ad accettare per sé stessa non è utilizzabile dallo storico, a pena della rinuncia al proprio sforzo di neutralità… Cfr. anche infra, note 33 e 75.

20 La questione delle denominazioni ha visto una recente polemica tra Brent D. Shaw (Shaw 1992) e Robert A. Markus; riferendosi all’uso dei termini “cattolici” e “donatisti”, Markus scrive in una ironica chiusa: «ho fatto, e continuo a fare così, semplicemente, come un fatto di convenienza, usando i termini entro virgolette invisibili» (Markus 2007, p. 14 nota 4).

21 Augustinus CCresc 2, 1, 2.

22 Févrierb 1966a.

23 Si tratta di Tengström1964.

24 Frend 1952b.

25 Si veda a questo proposito la chiusa della durissima presa di posizione di Mandouze 1986 nei confronti di Frend 1952b: «l’origine rurale des donatistes en général et des circoncellions en particulier est-elle apparue à Frend et à ses émules comme un principe pouvant servir à expliquer l’ampleur du phénomène en question» (p. 195).

26 Geertz 1966.

27 «On dirait même que plus le sentiers sont battus, plus nombreux sont ceux qui s’y aventurent sans que le profit pour l’historien soit toujours évident» Févrierb 1966a, p. 228.

28 Tilley 1991b; Tilley 1997a, che costituisce una anticipazione del successivo e più ampio Tilley 1997b; Tilley 2001. Cacitti 2006 e Cacitti 2007.

29 Tratto da Deman 1975, pp. 14-15.

30 Finley 1974, p. 16.

31 Bartonb 1994, spec. pp. 50-51: «it was not a particular act but the emotion ascribed to that action which determined whether an act was valiant or cowardly, disciplined or licentious. There was no act that could not be interpreted as either or both… The very pleasure in suffering that the Romans admired in the gladiator, in a Regulus or Scevola, they might mock in a Christian…Self-mutilation could result in disgust as easily as admiration: the self sacrificing, self-castrating, self-flagellating Galli, worshoppers of Cybele, were often models, for the Romans, of all extremes of license and objects of contempt».

32 Bauer 1934.

33 Poneva con forza la questione David Benedict, pastore battista americano della seconda metà del xix sec. che in uno studio del tutto ignorato finora (Benedict 1875), eppure ricco di spunti interessanti, richiamava il lettore alla necessità di non lasciarsi influenzare, nella ricostruzione degli avvenimenti, dalla parzialità e tendenziosità delle fonti. La sua disamina, a tratti perfino aspra nei confronti di Agostino, merita una rivalutazione.

34 Sono significative le vicende che interessarono l’edizione dei Supplementa al CIL VIII, fino alla pubblicazione separata di nuovi reperti in altre raccolte che seguivano un criterio di ripartizione geografica basata sui confini coloniali e post-coloniali moderni, invece che su quelli antichi così come il CIL concepito da Theodor Mommsen. Per una rapida disamina della questione, cfr. Irmscher 1986, spec. pp. 327-328.

35 GestConlCart 3, 238; 3, 243; 3, 244; cfr. Augustinus 3, 7, 9.

36 L’ipponense, in modo un po’ omertoso, così riferisce l’episodio: nescio quas, sicut iactabatur, calumnias praeparantes (Augustinus BConl 3, 7, 9).

37 Il riferimento qui è a Kriegbaum1986, pp. 18-21.

38 Stapleton 1561, 1, 16. Si tratta di un fecondo teologo e polemista inglese di parte cattolica, le cui numerose opere sono state ripetutamente ristampate in tutta Europa nel xvii secolo; prosopografia in Mühlek 2000.

39 Cicerob CP 13,52: existat aut sceleris aut libidinis aut largitionis accomodata ad eorum mores infamia; sulle questioni critiche relative alla contestata attribuzione di questo scritto, è sempre utile Nardo1970.

40 Cfr anche infra, § 1.3.3.

41 Augustinus Ep 185; cfr. Diesner 1963, pp. 100-126.

42 Sparrow 1910: si tratta peraltro di un testo non privo di intuizioni, che meriterebbe una rivisitazione.

43 Id genus sectarios, quorum omnis memoria, quin imo ipsa nomina quibusdam sepulta iam oblivione esse videantur (Dietza1690, proemio); la prima opera dedicata ai circoncellioni mi risulta essere Staphylus 1548 (non vidi). Per quanto riguarda più in generale la storia del donatismo, la prima opera specificamente dedicata all’argomento mi risulta essere la dissertazione, già di notevole spessore, di Valesius 1659: si tratta dell’edizione, di riconosciuto valore filologico, dell’eusebiana Historia Ecclesiastica più volte ristampata fino alla sua inclusione nella Patrologia Graeca (20, Paris 1857).

44 Ne cita però un altro titolo in seguito, dimostrando di conoscerne l’opera; si tratta di Danaeus 1573, pp. 117-120 (= 15933, pp. 100-102). Su di lui cfr. Fatio1976; Bautz 1990i; Strohm1996. Nell’opera, come d’uso al tempo, la materia è organizzata in centuriae, radunando cioè le “eresie” per secolo di appartenenza (notevole la distinzione tra età pre- e post-costantiniana); rispetto alla prima edizione, che ne è priva, la seconda appare anche corredata da indici di apprezzabile modernità: uno in cui la materia è organizzata appunto in centuriae, l’altro invece in cui le eresie esaminate sono catalogate in ordine alfabetico.

45 Daneau 1595, pp. 209-210 (nota 1 di commento al cap. 69 del De haeresibus di Agostino): postea tamen iugulata est haec haeresis, atque conquieverat, nisi miseri et insani Anabaptistae eam ab inferis hoc nostro saeculo revocassent. I riferimenti alla repressione degli anabattisti proseguono nelle pagine seguenti, con approfondimento del diritto all’uso della forza nei loro confronti da parte di chi utriusque Dei tabulae custos est verus piusque magistratus, poiché ... ipsum (cioè l’argomentazione usata dai donatisti contro il ricorso alla forza delle armi imperiali da parte dei cattolici), sed alii verbis, Anabaptistae nobis hodie reponunt ... Che l’istituzione di un nesso tra anabattisti e donatisti fosse funzionale alle polemiche di quegli anni è testimoniato anche dal contemporaneo giudizio del teologo luterano Lucas Osiander: posset ne etiam Apelles quispiam Anabaptistarum mendacem et furiosum spiritum accuratius depingere: quam sese in Donatistis seu Circumcellionibus ipse depixit? (Osiander 1595, p. 192); su di lui, cfr. Ehmcer 1993.

46 J. Cauvin, Defensio orthodoxae fidei de sacra Trinitate contra prodigiosos errores Michaelis Serveti Hispani; ubi ostenditur haereticos iure gladii coercendos esse et nominatim de homine hoc tam impio iuste et merito sumptum Genevae fuisse supplicium, Genevae 1554. Il dibattito seguito a questa vicenda è sicuramente troppo lungo per essere investigato in questa sede: come primo orientamento, suggerisco la consultazione di Valente 2004; Mereu 20073, pp. 74-79; De Greef 2007, pp. 160-165. In ogni caso, meriterebbe una ripresa a sé stante almeno il De haereticis. An sint persequendi che Castellion pubblicò a Basilea (l’indicazione in ultima pagina di Magdeburgo come luogo di stampa era fittizia) nel 1554: ne ha offerto una ristampa anastatica con ampia introduzione Sape Van der Woude, Genève 1954. Ancora un secolo dopo, Melchior Leidekker sentiva il bisogno di tornare sulla questione spiegando come, a differenza dei papisti, la chiesa riformata si limitasse a perseguitare “giustamente” solo la blasfemia congiunta al rischio di disordini pubblici: ecclesia reformata … illam legem Dei secutam, quando blasfemias cum publicae pacis perturbatione junctas, non reliquit impunitas (Leydekker 1690, tomo 2, pp. 338; ma cfr. tutta l’argomentazione alle pp. 337-339). Accanto a quest’ultimo lavoro vale la pena di ricordare quello del teologo calvinista Herman Wits, che ne dipende in certa misura: la sua principale attrattiva è quella di costituire probabilmente la prima dispensa universitaria sull’argomento (cfr. Wits 1692, pp. 591-595).

47 Si noti come, alla luce di questo dibattito, si espliciti in tutta la sua portata il senso del già richiamato Stapleton, e la sua rivendicazione del diritto del potere politico alla repressione dell’eresia: addirittura questa rivendicazione diventa, sia per lui sia per i suoi interlocutori, uno dei discrimini della ortodossia.

48 Long 1677.

49 Tuttavia, Long aveva in qualche modo già messo sull’avviso il lettore della necessità di tenere in considerazione una interpretazione di tipo analogico dell’intera trattazione, inserendo nella prima di copertina questo caveat: mutato nomine de te, Anglia, narratur. D’altra parte, nell’epistola dedicatoria premessa alla sua esposizione Long esplicitava ancor meglio questo criterio: «if it be considered how exactly every scene of that horrid tragedy, which was first acted in the churches of Africa, hath been acted over, and (if I may so speak) over-acted in the church of England, it cannot be denied, that they who destroyed the church of England, and its defender, were the most natural off-spring of those donatists … or that the present sectaries, who so tenaciously adhere to the principles, and follow the practices of them that brought such confusion on the land in the former age, are their proper successors».

50 Long 1677, p. 104.

51 Long 1677, p. 136.

52 Long 1677, ultima parte dell’epistola dedicatoria: «the means to confute schism, is to reduce it to its original».

53 L’aggettivazione che qualifica Costantino è interessante, soprattutto perché permette di seguire nella sua formazione il mito che sottende ancora oggi tante interpretazioni dell’operato di questo imperatore: egli è «the good Constantine» che i donatisti «perpetually vexed» (dedicatoria); incontra grandi difficoltà nel gestire la situazione benché sia «wise and valiant» (p. 37), e subisce molte critiche per la sua «too great indulgence» (p. 38). È già operativo dunque lo schema storiografico che vede Costantino sollecitamente preoccuparsi della pace della chiesa, e solo controvoglia costretto all’uso della repressione, condotto a questo doloroso passo dalla protervia e dalla pervicacia degli scismatici sui quali soltanto deve ricadere la responsabilità dell’azione repressiva dello stato. La colpevolizzazione delle vittime non solo assolve i carnefici, ma ne esalta l’operato: è lo stesso Long a riprendere in chiusura con grande evidenza (pp. 149 ss.) la riflessione agostiniana, già tuttavia enunciata dallo stesso Costantino, del dovere da parte dell’autorità e dei vescovi di “correggere” i propri sottoposti; la stessa riflessione aveva del resto aperto l’opera, quando (nella dedicatoria) l’autore aveva sottolineato come «doubtless those bishops and clergymen were no persecutors, they did what was their duty, and by a reasonable restraint of men of corrupt principles, preserved the true christians in peace».

54 Long 1677, pp. 22-30.

55 Long 1677, pp. 148-151; l’impianto ideologico è dichiaratamente desunto da Agostino.

56 Edwards 1647.

57 Dubois 1685.

58 La lettera a Calvino era già contenuta nella prima edizione dell’opera di Ottato da parte di Baudouin (= Balduinus), comparsa a Parigi nel 1569 ; l’editio princeps è comunque quella maguntina di J. Dobneck (= Cochlaeus) del 1549. Su Baudouin, cfr. Turchetti 1984; sul conflitto con Calvino, cfr. anche De Greef 2008, pp. 195-196.

59 Cfr. almeno Gifford 1590 e Barrow 1591; su questo dibattito, è utile Carlson 1966, pp. 365-367.

60 Lucilla 1686; a p. 4 l’anonimo polemista conclude icasticamente, dopo aver sinteticamente trattato la posizione di Agostino sulla cattolicità della Chiesa: «have prelatical Protestants of Great Britain and Ireland any visible communion, in the Eucharist or other Divine Service, with any Christian Church on earth? If they have not, as undeniable, they are not in the Catholic Church…. Their schism is more contumacious, their calumnies against the Catholic Church more horrid, and their defection by heresy as well as schism, wider than was the Donatists».

61 «Who had authority, in her own Kingdoms, to reform the Church»: Sherlock 1686. Ribaltando il primo degli argomenti del suo avversario, ad esempio, Sherlock sottolineava che «an Anti-Bishop is one set up against another Lawfull Bishop, in the same Diocese». Insistendo sull’ordinazione “legittima” del vescovo, egli asseriva la dipendenza di questa condizione dalla fonte giuridica della legittimità stessa, cioè dalla volontà del sovrano: in questo modo, si può osservare come il dibattito cinque-seicentesco finisse con l’intersecare anche il percorso di formazione teoretica dell’assolutismo moderno. Già Stapleton, del resto, poteva dare per scontata l’associazione tra eresia e reato di lesa maestà. Per Sherlock, dunque, la macchia di illegittimità ricadrebbe sui vescovi fedeli a Roma, come quelli che «the Papists have in Ireland, as the Donatists had». D’altra parte per Sherlock la responsabilità dello scisma deve ricadere sui cattolici, che oltretutto avrebbero introdotto «new and strang Worship» nel Concilio di Trento: «and this is the reason not of our separating from, but of their flinging us out of their communion» (ibidem, p. 4). Cfr. anche Leydekker 1690, pp. 497 e 504; inoltre, proprio sulla base dei metodi usati dai papisti il medesimo autore li può associare ai donatisti, riservando alla propria pars la legittima eredità agostiniana: lector… intelleget, pontificios vere donatistas, at protestantes omnino augustinianos esse [ibidem, p. 562 (si tratta della Dissertatio tertia, per cui cfr. in bibliografia)]. Su Sherlock, prosopografia in Wennecker 1995.

62 Lowth 1696, dove la questione donatista è toccata solo in funzione del presunto rifiuto di Costantino a giudicare dei vescovi, in occasione della sinodo romana del 313 e del concilio di Arles del 314.

63 Lowth 1704.

64 Trevor 1741.

65 Agate 1708, pp. 90-101; l’impianto dimostrativo segue molto da vicino l’organizzazione già data alla materia da Stapleton, per cui cfr. supra, nota 38. Nel giro di poco tempo, le accuse di “donatismo” e di “gesuitismo” gli furono polemicamente ritorte contro da Withers 1708.

66 Agate 1708, pp. 98 ss.: si riferisce ad una serie di conferenze/dibattito con i suoi interlocutori. A titolo di curiosità segnalo come almeno alcuni di questi dibattiti, in consonanza coi tempi, si sarebbero tenuti in coffee houses o in sale da the: cfr. pp. 21-22.

67 Wiseman 1839, poi ripetutamente ripubblicato a partire dalla raccolta curata dallo stesso Wiseman 1853, vol. 2 pp. 201-262. L’articolo si inseriva nel dibattito avviato con il Movimento di Oxford, di cui era ispiratore l’allora reverendo Newman.

68 A puro titolo di esempio, cfr. l’immediatamente successivo Palmera 1840.

69 Per il peso che i suoi studi storici ebbero nel percorso che lo portò alla conversione, cfr. almeno Fergusonb 2003; per quanto riguarda la presente riflessione, cfr. specialmente pp. 658 ss.

70 Anche in questo caso, a puro titolo di esempio cfr. Gore 1905, e Lacey 1914, specialmente pp. 135-149; pur chiaramente schierato da parte cattolica, per avere un quadro delle modalità di questa discussione è comunque interessante, anche per la vivacità della verve polemica, il breve Fortescue 1917.

71 Attraverso l’analogia tra la nobildonna cartaginese Lucilla e Selina Shirley Hastings, contessa di Huntingdon (1707-1791) e fondatrice di un movimento ancora presente nel Regno Unito. Conclude con sarcastica, ostentata benevolenza Knox: «possa la terra non pesare su di lei: non fu l’ultima del suo genere».

72 I diversi passaggi cui si fa riferimento sono contenuti nel capitolo dedicato al donatismo in Knox 1950, pp. 73-99. Mezzo secolo dopo, uno sconcertante Shawb 1996 sostiene che i circoncellioni «introduced in the story of African church history the kind of violent witness to the kingdom of God that would resurface in a later century in Black liberation theology and its attendant movements of revolution» (p. 51).

73 «Donatism lived on, although in different forms and with different names, in medieval movements that demanded reform. In the Modern Time Donatist ideas continued in the Anabaptist or radical wing of the Reformation in Europe. This European sequel does not deny that Donatism originally was an African phenomenon» (Paas 2005, p.32). Si tratta comunque di un’opera divulgativa di buon livello: malgrado la bibliografia estremamente datata e ristretta all’area linguistica inglese ed olandese, ho ritenuto ugualmente di citarlo perché presenta alcune interessanti riflessioni. Il paradigma della fine del cristianesimo africano antico viene chiamato in causa da Botha1986, allo scopo di esortare alla riflessione circa la possibile fine del cristianesimo in Sud Africa: un intervento significativo se si pensa che fu scritto negli ultimi anni di vigenza della politica dell’apartheid in quel paese.

74 Benedict 1875.

75 I cui aderenti sono ripetutamente chiamati, con evidente simpatia, «reformers»: ad es. Benedict 1875, pp. 186; contrariamente alla consuetudine storiografica, viene sottolineata elogiativamente la tendenza donatista alla resistenza passiva: «nowhere in all Church history can be found a more non-resisting people under the assaults of their enemies except by arguments» (Benedict 1875, p. 35).

76 Cfr. supra, nota 22.

77 Cfr. supra, nota 9.

78 Augustinus Bapt 2, 3, 4.

79 Per un breve quadro dell’impiego di queste tecniche, cfr. du Toit 1994; rimane indispensabile anche la consultazione dell’ormai classico Jacques 1982.

80 Basti, anche qui a titolo di esempio, verificare la frequenza con cui in Augustinus CGaud ritornino termini come dementia o furor.

81 Sull’utilizzo di questa accusa cfr. almeno Ruggiero 2002b ; in ambito romanistico, è fondamentale Zuccotti 1992.

82 Così anche Seeck 1920-1922, vol. 3 (1921) pp. 318-380.

83 Bels 1975, p. 177: «à aucun moment, la notion de folie ne suggère l’idée d’excuse ou d’irresponsabilité. Elle désigne tout au contraire l’idée de responsabilité sous l’emprise d’un choix volontaire. La folie consiste à rejeter sciemment le vrai message de Dieu».

84 Monachino 1950-1951, p. 115.

85 Monachino 1950-1951, p. 109; ma tutto l’articolo risente del peso assegnato ai motivi di rivalsa personale, specialmente da parte dei vescovi numidi, come motore e causa prima della vicenda. Significativo, a p. 155, il passaggio nel quale Monachino, riaffermando la propria visione, la definisce «sentenza»: tanto per restare nell’ambito delle interpretazioni psicologizzanti, si potrebbe parlare di un lapsus freudiano…

86 Monachino 1950-1951, p. 115.

87 Monachino 1950-1951, p. 117.

88 Mastandrea 1995, p. 46.

89 Noakes 2006, p. 86. Sempre a titolo di esempio, mi pare si possa richiamare in questa sede la curiosa contraddizione in cui cade uno studioso di norma assai prudente e spesso richiamato nel corso della presente riflessione, Paolo Mastandrea, quando, nella recensione a Maierb 1987, dopo aver correttamente sostenuto che: «l’attitudine razionale e distaccata con cui lo storico dovrebbe osservare i fatti lontani cede talora il passo ad una inquietante tendenziosità… il sospetto… va addebitato in qualche misura ad un appiattimento per sovrapposizione narrativa con le fonti di parte cattolica», finisce però poche righe più sotto con l’affermare che «il fanatismo protervo dei settari non richiede sottolineature» (Mastandrea 1988, p. 88).

90 «The importance of personal antipathies in helping to shape the course of history must not be overlooked. We know how important such personal feelings and rivalries were in the very earliest days of the development of Donatism» (Noakes 2006, p. 83).

91 «Their opposition (dei donatisti) were a mixture of factors caused by animosity towards Augustine» (Noakes 2006, p. 86).

92 Secondo Frend 1952, p. 58, Agostino avrebbe genericamente definito “punica” la parlata locale, che lui identifica con il berbero/libico. Parte delle sue tesi era già stata avanzata in Frend 1942, e la prevalenza del berbero sul punico era stata poi sostenuta anche da Courtois 1950. Dopo la pubblicazione di Green 1951, una adeguata sintesi fu offerta da Simonb 1955, che sulla scorta di quest’ultimo studio espresse la propria posizione a favore della continuità del punico, e soprattutto dell’esattezza del riferimento agostiniano a questa parlata. A tutt’oggi, questa posizione è ancora condivisa dagli studiosi, specie dopo la pubblicazione di Millar 1968.

93 Riassume bene questa parte Kotula1976, pp. 347-348.

94 Frend 1952, pp. 81-86 ; 99-111. Cfr. specialmente p. 105-106: «when the cult of Saturn itself became romanized, Christianity would make an additional appeal to these individuals. Perhaps official favour was as ruinous to the African national religion in the third century as was official favour shown by Constantine to the Catholics in a.d. 312».

95 Frend 1952, p. 107: «martyrdom was their means to victory, in itself an act of vengeance, for martyrdom gave them hope of revenge thereafter, as the judges of the pagans».

96 «The Bible and the Christian gospel may have had the same electric effect in Mediterranean countries in the late third century a.d. as Marxian Communism has in Central Europe today» (Frend 1952, p. 110-11 nota 5).

97 «The distressed element of the population saw in the Donatist cause a spiritual and moral justification for its insurrection, and Donatism made willing use of that revolt wich had not been a part of its original policy» (Beaver 1935, p. 125).

98 È la sprezzante definizione che, in riferimento alla sua “africanità”, attribuirebbe ad Agostino il pelagianista Giuliano di Eclano: Augustinus CIul 3, 199.

99 Jonesa 1959a, pp. 282-286 (tesi poi confluita in Jonesa 1964, esemplare per la consueta linearità: «non vi è neppure molto di significativo nell’adesione della popolazione di lingua berbera e punica alla causa donatista. Qualsiasi chiesa che includesse le masse contadine era obbligata ad avere una maggioranza da loro costituita e i donatisti non erano orgogliosi di questo fatto. I loro capi erano di lingua latina, la loro letteratura era in latino, come pure le iscrizioni, perfino nelle chiese di campagna (p. 1420)». Le obiezioni di Jones all’idea che si potesse riconoscere nella formazione della dissidenza religiosa l’affermazione di una identità nazionale furono riprese, pochi anni dopo, da Meslin 1964: per quanto riguarda il donatismo, cfr. specialmente le pp. 10-11. Lo studioso francese fa risalire le origini di questa chiave di lettura all’opera di Arnold 1699-1703, che avrebbe influenzato la visione di Gibbon 1776-1789 a questo proposito; va inoltre ricordato, tra i creatori del “paradigma del naufragio”, Montesquieu 1734: nel secolo dei Lumi che andava costruendo la propria identità sull’antitesi con i «secoli bui», il tema della fine dell’impero romano poneva evidentemente interrogativi di forte impatto. Su quest’ultimo aspetto, ha scritto con la consueta brillantezza Momigliano1963a. Mario Mazza definisce Gibbon «un punto di approdo … piuttosto che un punto di partenza» (Mazza 1973, p. 520 nota 19), facendo risalire il paradigma della crisi fino all’Umanesimo (Mazza 1973, p. 19); sul tema della «Dekadenzidee» merita almeno un richiamo il classico Mazzarino1954, su cui cfr. Tessitore 2000, pp. 197-218.

100 Mandouze 1976.

101 Gli autori sono citati in ordine di pubblicazione: Simonb 1946; Lecerf 1955; Simonb 1955; Brown 1968; Millar 1968; Vattioni 1968. Si possono aggiungere a questo elenco il quasi sempre ignorato Saumagne 1959 (sulle stesse posizioni di Simon nella critica all’ipotesi “berbera” di Courtois) e, scarsamente citato in ambito storiografico ma ben noto tra i linguisti, Févriera 1956.

102 Green 1951. Ancora su queste basi si muove, ad esempio, la pur lucida sintesi contenuta nell’introduzione di Sears 2007, pp. 14-15; cfr. anche l’analisi offerta da Lepelley 2005b.

103 Bénabou 1976; Thébert 1978; Bénabou 1978. Un utile e stimolante quadro del dibattito e delle prospettive che ha aperto è fornito da Sebaï 2005, pp. 40 ss.; ma cfr. anche Mattingly 1995, pp. 169-170. Può ancora essere interessante confrontare questi due ultimi studi con lo status quaestionis offerto un quarto di secolo fa da Fentress 1982; cfr. inoltre le riflessioni polemiche della stessa studiosa sulla necessità di abbandonare una lettura eccessivamente “statica” dello sviluppo economico e dei rapporti con le popolazioni locali durante il lungo dominio romano: Fentress 1983. Thébert è poi tornato sulla questione in un lavoro dalla mole sterminata, pubblicato postumo e che idealmente riassume la sua lunga carriera di studioso (Thébert 2003): «le phénomène qui nous paraît essentiel est que la Grèce n’hellénise personne, et que Rome ne romanise personne. Ces deux centres, qui devinrent successivement les deux pôles majeurs du monde méditerranéen, sont simplemement les lieux essentiels d’elaboration d’une culture qui correspond aux besoins des sociétés méditerranéennes. Mais cette diffusion ne s’effectue pas dans l’abstrait, dans un milieu social idéalement homogène: elle prend des formes et une intensité differéntes suivant le niveu de développement des diverses régions et selon les classes sociales» (p. 27).

104 A proposito della questione linguistica in queste lettere, cfr. Opelt 1985.

105 Fernándezb 1991, in uno studio assai più dipendente da Millar 1968 e Vattioni 1968 di quanto non lasci intendere, segnala il passaggio da 18 testi presi in esame da Green 1951 (ma Fernández erra nel conteggio, sono 23) ai 33 su cui conduce la propria analisi.

106 Per un rapido sguardo d’insieme, cfr. Adams 2003, pp. 200 ss.; sull’importanza di questo contributo d’insieme, anche in termini di accessibilità per i non specialisti, cfr. la lusinghiera recensione di Dickey 2003. Per l’edizione delle epigrafi puniche e bilingui, cfr. le raccolte in IPT; KAI (in quest’ultima raccolta, passim¸ sono riportate alcune iscrizioni assenti in IPT) e IAM. Molti di questi materiali sono ora accessibili, grazie al lavoro di alcuni studiosi dell’università olandese di Leiden, agli indirizzi web:
http://website.leidenuniv.nl/~jongelingk/projects/neopunic-inscr.html e
http://website.leidenuniv.nl/~jongelingk/projects/latpun/lpintro.html.

107 Per una bibliografia recente degli studi sulla civiltà fenicio-punica, cfr. Egea 2004.

108 «… personnalité berbère de base, immuable et continue, mais prête cependant à s’effacer devant des cultures supérieures, punique, grecque, latine, arabe et finalement française»: Bargaoui 2004, pp. 203-204. Per uno status quaestionis recente e complementare, cfr. Jaïdi 2004, pp. 24 ss. La posizione tradizionale, tipicamente “coloniale”, è ben espressa in Pottiera 2006, p. 18 (si tenga presente che queste pagine sono state composte alla fine degli anni ’30 del secolo scorso): «les Berbères portent en eux un désir de pérennité qui les pousse à résister passivement à l’envahisseur. Puis, peu à peu, ils prennent leur revanches…».

109 Brett 1997, p. 50 invita a non cadere nella trappola «of simply telling the story of the victims of Roman imperialism, as if there were no other role for the Berbers to play».

110 Chiaramente funzionale, questa interpretazione, alla giustificazione ideologica dell’imperialismo colonialista che si presentava come erede della “missione civilizzatrice” di Roma nei confronti delle culture “inferiori”, prive di autonoma capacità di sviluppo: è a questo proposito significativo, sul piano semantico, l’uso di un concetto quale “acculturazione”, capace di esprimere contemporaneamente un giudizio negativo sia sulla cultura indigena, sia sul livello superficiale dell’assimilazione passiva di una civiltà “superiore” (cfr. Webster 2001, p. 105). Su tutta la questione si consulti la disamina ancora attuale di Mackendrick 1980; oltre alla lucida sintesi in Mattingly 1995, si vedano anche Webster 2001, pp. 210-211 e infine Mattingly 2011, pp. 3-42.

111 Non sarebbe corretto dimenticare, tra i “padri nobili” di questa rivalutazione del mondo berbero, il precedente Laroui 1970 (che ha ricevuto diverse riedizioni: la più recente, Rabat 20014).

112 Chaker 1989. Sarebbe tuttavia ingeneroso banalizzarne in questo modo l’attività: Salem Chaker è infatti uno dei più importanti e stimati studiosi di linguistica maghrebina; il focus della sua analisi, centrato sull’indagine di stampo linguistico delle parlate berbere, dal punto di vista storiografico cerca di ricostruirne l’evoluzione nel corso di una storia di lunga durata [in Chaker 20002 sostiene una antichità del berbero che andrebbe ben oltre la prima colonizzazione punica, risalendo fino alla preistoria. Contra, cfr. ad esempio Galand 1996; lo stesso Lionel Galand ha recentemente rinnovato il suo invito a una maggior prudenza, sottolineando come, oltre alle difficoltà di datazione delle testimonianze finora ritrovate, occorra distinguere in termini metodologici tra “scrittura” e “alfabeto”: la presenza di semplici segni, anche se apparentemente corrispondenti a lettere dell’alfabeto, su supporti di vario genere non dimostrerebbe automaticamente l’esistenza di una vera e propria forma di “scrittura” (Galand 2007, specialmente p. 235)]. Nei suoi studi successivi, come ad esempio Chaker 2002/2003, il tema della lunga durata come segno di una opposizione identitaria a invasori e migranti è irrilevante rispetto alla disamina scientifica. Merita infine di essere citata, almeno a titolo di curiosità, la tesi di Slauti Taklit 2004 che fa derivare da forme berbere, attraverso la mediazione del punico, tutti gli alfabeti mediterranei.

113 La questione è stata, anche in questo caso, adeguatamente riassunta da Sebaï 2005, pp. 47 ss.; quel che preme sottolineare è che rimane fuorviante continuare a ragionare esclusivamente in termini di confronto/conflitto, quando occorre tener conto, come già sottolineava Thébert 1978, che l’interazione tra le diverse culture e lingue del Mediterraneo era operante da molti secoli, e che l’influsso della cultura greco-ellenistica si era esercitato sia sul mondo punico-cartaginese sia su quello numida ben prima che i romani conquistassero l’area. Sui rapporti tra libico-berbero e punico è ancora utile la sintesi di Lancel 1981, p. 273; diversi studi recenti, comunque, sostengono che la spinta espansiva del neo-punico si sarebbe esaurita nel corso del iii secolo, per cui vedi infra.

114 Fernándezb 2004, p. 409: «los católicos hablaban en latín y solo en latín, las iglesias donatistas contrarias a la cultura latina e imperial estaban profundamente encarnadas en su pueblo y habían adoptado, como única lengua, la materna, el púnico o africano». Questa tesi era già stata formulata dallo stesso autore in Fernándezb 1997.

115 Mi pare d’altra parte eloquente l’incertezza lessicale di Santiago Fernández Ardanaz nella definizione di questa lingua, specialmente alla luce degli sviluppi che la questione punico/berbera ha assunto negli ultimi cent’anni [essa annovera tra i propri padri nobili, oltre al già citato Frend, anche studiosi precedenti come Renan 1878 e Gsell 1920 (favorevoli all’ipotesi punica), o Courtois 1950 (sostenitore dell’ipotesi berbera)].

116 «La culture romaine est à la fois une et multiple, en ce sens qu’il n’y a pas une culture romaine, qui serait celle de Rome, et que toutes les provinces de l’empire s’efforceraient de copier … mais une moltitude de manières d’être romain»: Bargaoui 2004, p. 204.

117 Cfr. almeno, per uno sguardo generale, Lassere 1988. Sulle «traduzioni» nelle epigrafi neo-puniche, cfr. anche Bertinelli 1970 e De Simone 2003. «En dépit de la variété des substrats indigènes, punique, libyque, numide, berbère, de la diversité chronologique de l’évolution des statuts municipaux, l’identité africaine multiple s’exprime dans le cadre de l’onomastique romaine. Au fur et à mesure que les analyses s’affinent, les diagnostics de “résistance autochtone” pour qualifier les marques indigènes comme ceux de “collaboration de classe ” pour le nomenclatures apparemment italiennes qui, en fait, portent fréquemment une marque indigène non décelée, s’averent inadaptés; ils reflètent les idéologies de la fin du colonialisme. … La nécessité d’adaptation à un répertoire linguistique et à une nomenclature onomastique importés n’a constitué ni un obstacle à la romanisation ni une contrainte violente: un système onomastique n’a pas chassé l’autre, les deux se sont imbriqués. Cette conciliation constitue la vraie acculturation dont l’onomastique, symbole de la société, est le révélateur: au iiie siècle, un magistrat, curateur de la colonie de Carthage, ne s’appellait-il pas M. Virrius Flavius Jugurtha?» (Dondin 2005, p. 177).

118 Per tutta questa parte, cfr. Adams 2003, pp. 200-246. Mi pare significativo richiamare un esempio spesso citato, sia pure senza trarne tutte le conclusioni: Agostino chiama il proprio figlio “Adeodatus”, nome teoforico di chiara origine punica. Esso infatti corrisponde al punico “Mutumba’al/Iatanba’al” (= “dono del Signore”, “dono di Baal”); tuttavia, la resa più corrente in latino era offerta da “Saturninus” (per l’acquisita corrispondenza tra il punico Baal e il latino Saturno) o dal più sintetico “Donatus”. Dunque, la scelta di Agostino fu quella di un corrispondente latino che, pur conservando l’origine punica, testimoniasse di una precisa coscienza filologica: attestazione questa del raggiungimento di un livello sociale e culturale capace di esprimere una sintesi cosciente, più che il semplice appiattimento su una “traduzione” allofona. È altrettanto interessante il processo di resa epigrafica dei termini latini indicanti cariche pubbliche civili e militari, ove si rileva la stessa varietà di soluzioni, anche sofisticate (comparatio - translatio – transcriptio), già rilevate per il greco: cfr. Bertinelli 1970, pp. 33-56 e 84-88. Secondo Lassere 2000, p. 125 i nomi teoforici in Africa avrebbero visto l’apice dell’impiego durante l’alto impero, per poi registrare una «sensibile disaffezione». Rimane in ogni caso evidente il rischio insito nel sovrapporre “latinizzazione” (in senso strettamente linguistico) e “romanizzazione” in senso più ampiamente “culturale”; questo rischio diventa più chiaro quando si analizzino le trasformazioni nella vita materiale: per questo, cfr. infra in questo stesso capitolo.

119 Traina 2006, p. 153 osserva che «non a caso si è parlato di una “civiltà dell’Africa romana” … o, più di recente, di “romano-africani”, ma i protagonisti di questa civilisation non sono mai stati definiti “afro-romani”, a differenza dei “gallo-romani” celebrati dalla tradizione degli studi e considerati più o meno esplicitamente come più sviluppati».

120 D’altronde il latino stesso risponde a varianti di tipo regionale, segno evidente della sua vitalità in contesti diversi da quelli di origine: per una rapida disamina di questi fenomeni, cfr. Adams 2008, che tratta della situazione africana alle pp. 259-270 e 516-576.

121 È interessante la figura del grammaticus Victor, che nei Gesta apud Zenophilum consularem tramandati tra le appendici dell’opera di Ottato (non rientrando nell’edizione di Labrousse, occorre far riferimento ancora a Ziwsa 1893; il passo in questione si trova a p. 185, linee 4-13), richiesto di declinare la propria identità risponde con orgoglio di essere un professor romanarum litterarum, grammaticus latinus; figlio di un decurione cirtense, nipote di un militare del comitatus imperiale, Vittore termina la declinazione delle proprie generalità affermando che origo nostra de sanguine Mauro descendit, ove chiaramente si avverte l’assenza sia di una qualsiasi “vergogna” nei confronti di questa origine, sia al contrario di una rivendicazione identitaria antiromana («Victor 1»: PCBE 1, pp. 1152-1153; «Victor» in Kaster 1988, pp. 372-373; cfr. l’analisi della sua figura in Modéran 2003a, pp. 529-530.

122 Per quest’ultimo caso occorre riferirsi a quella parte di epigrafi bilingui che inizialmente erano state attribuite a una parlata che, a seconda degli studiosi, doveva essere più genericamente “libica” o più specificamente berbera: cfr. da ultimo sulla questione Adams 2003, pp. 230-235. Sono comunque testimoniate epigrafi bilingui punico/libiche: Millar 1968 aveva sostenuto la necessità di una maggior prudenza circa l’attribuzione di questi scarni lacerti di testo a una forma antica di berbero; cfr. anche Adams 2003, pp. 245-246. Per la definizione di “neo-punico” a partire dalle variazioni nella sua forma scritta dipendo da Jaïdi 2004, p. 22 ; le problematiche relative all’uso di queste definizioni sono state affrontate da Sznicer 1978.

123 È stata da tempo abbandonata, tra gli studiosi, la percezione del greco come lingua della cultura la cui conoscenza sarebbe da ricercarsi solo tra gli strati più elevati della società. Oltre al caso degli schiavi di lingua greca, per cui abbondano le testimonianze epigrafiche, occorre ricordare come questa lingua fosse diffusa in tutti gli scali commerciali che avessero un qualche rapporto con il Mediterraneo orientale. Inoltre, benché del tutto minoritaria, è pur sempre attestata epigraficamente nell’arco dei secoli la presenza di etruschi, celti, siriani, balcanici: cfr. le rispettive indicazioni bibliografiche in Mattingly 1995, pp. 172-173. Per la significativa presenza giudaica, spesso chiamata in causa per il suo presunto e persistente antiromanismo, cfr. la rapida ma circostanziata disamina di Solin 1991, che tra l’altro insiste sull’avanzato grado di “romanizzazione” degli ebrei d’Africa e sulla assenza da parte loro di posizioni antiromane; secondo Pietri 1990, il precoce uso del latino nella chiesa africana sarebbe il risultato della già avvenuta latinizzazione linguistica delle comunità della diaspora, a partire dalle quali si sarebbe costituito un duraturo giudeo-cristianesimo nella regione.

124 Adams 2003, pp. 356 ss.

125 Cfr. Lentin 2004, p. 342-343.

126 Per un aggiornamento in questo campo, cfr. Amadasi 2002/2003.

127 Adams 2003, pp. 218-219 e 512-515. Ho utilizzato Adams perché più recente: ma il dibattito interpretativo su questo aspetto risale ai primi decenni del xx secolo, per cui cfr. almeno le indicazioni bibliografiche nello stesso Adams 2003, p. 219 nota 429 e p. 513 nota 296.

128 Nell’ambito degli studi di sociolinguistica, il termine ha ricevuto definizioni diverse; tuttavia, per l’uso che se ne è fatto in questo paragrafo, credo che sia sufficiente l’esplicazione piuttosto generica che ne ho fornito. Per un approfondimento, oltre al più volte citato Adams 2003, pp. 18 ss., cfr. anche la messa a punto di Nilep 2006.

129 Cfr. Lentin 2004, pp. 346-347. Simonb 1946, pp. 93 ss. ritiene che punico e libico convivessero nelle stesse aree, e che non ci siano elementi sufficienti per decidere tra competizione, sostituzione o sovrapposizione; ma rimane incerta tra gli studiosi la valutazione sull’area di diffusione del neopunico e dei suoi rapporti con il libico-berbero specialmente nel iv secolo: ad esempio, Sznicer 1996 (ripreso quasi letteralmente in Sznicer 2002/2003) considera che la testimonianza agostiniana sia valida per l’area attorno a Ippona, ma che questo non sia necessariamente indicativo per la situazione nel resto del nord Africa. Ritiene in espansione il libico-berbero, e in arretramento il neo-punico Chaker 2002/2003, cui rinvio per una rapida disamina delle numerose varianti nelle parlate e soprattutto nelle modalità di scrittura; segnalo, a titolo esemplificativo, la riflessione di questo autore sull’uso contemporaneo nelle stesse aree di alfabeti diversi: giudicando inadeguate le spiegazioni tradizionali basate o sul concetto geografico di “aree di sovrapposizione” o su quello cronologico, egli propone come chiave interpretativa la differenza sociale dei dedicatari. Mi pare infine doveroso sottolineare come tra gli studiosi di linguistica sia più frequente, rispetto agli antropologi e agli etnologi, la tendenza a interpretare il multilinguismo in termini di competizione per il predominio piuttosto che di coesistenza e reciproco influsso tra parlate diverse.

130 Si è fatto fin qui di simili termini, in vista degli obiettivi piuttosto limitati di questa rassegna, un uso abbastanza generico; essi andrebbero meglio definiti tenendo almeno conto delle mutazioni indotte dalla diacronia: ad esempio, c’è differenza tra “punico” inteso come individuo proveniente dalla Fenicia ed appena installato su suolo africano, o come discendente da più generazioni da un simile antenato. Però anche le varianti diatopiche non dovrebbero essere sottovalutate: se non è così semplice tracciare il confine tra autoctoni e lontani discendenti da immigrazioni distanti nel tempo, c’è anche differenza tra chi proviene dalla Fenicia e chi, pur qualificato come “punico” per lingua e cultura, provenga da altre zone di colonizzazione come la Sardegna, la Sicilia o la penisola iberica (per tutta questa parte, rinvio alla lucida messa a punto di Ghaki 2005). Sull’annosa questione dell’etimologia di “berbero”, come derivata dal classico barbarus (su cui si era già espresso a più riprese Simon), segnalo la breve comunicazione di Colin 1954/1955, che rafforzando questa ipotesi nota come da quella radice greco/romana gli arabi abbiano tratto una serie di termini consimili per denominare diversi popoli eteroglossi con cui sono entrati in contatto in aree geografiche molto lontane tra loro (Maghreb/Nubia/Somalia).

131 Lo poteva considerare già scontato Millar 1968, p. 130; ma cfr. ancora Gasparri 1998, p. 34: «l’alterità della chiesa donatista nei confronti delle città è la spia più chiara della sua estraneità alla tradizione greco-romana».

132 Sulla presenza, costante e proporzionalmente rilevante almeno fino a tutto il iii secolo, di membri dei ceti più elevati in possesso di competenze bilingui, cfr. Jaïdi 2004, pp. 25-27. Credo si possa ormai considerare superata la posizione di Brown 1968, che vedeva nella valutazione positiva del punico da parte di Agostino soltanto il riconoscimento che si tributa a uno strumento di provvisoria utilità.

133 Augustinus Ep 16 e 17. «Maximus 3»: PCBE 1, pp. 733-734; «Maximus 28»: PLRE 1, p. 585; Mastandrea 1985; «Maximus» in Kaster 1988, p. 311. A titolo di curiosità, data la limitata attinenza con la presente riflessione, segnalo qui la rivendicazione di una “identità berbera” per Agostino operata, sotto forma di romanzo storico, da Ferrah 2004. Come nel caso di Akkache 2006, la riscoperta dell’ “africanità” in chiave identitaria contemporanea dimostra, in area maghrebina, un significativo connubio con un genere letterario – il romanzo storico – programmaticamente rivolto alla formazione dell’opinione pubblica. Anche il già richiamato Pottiera 2006 (prima edizione 1945) pp. 24-25, muovendo da obiettivi affatto opposti affermava senza esitazioni che Agostino «parlait aussi le berbère» e odiasse i conquistatori romani (pp. 56 ss.); ma, dopo aver utilizzato il tramite di Agostino per dimostrare l’iscrizione nel progetto provvidenziale del dominio francese sull’Algeria, concludeva (pp. 264-265) invitando ad offrire una traduzione berbera dell’ipponense come infallibile veicolo per la cristianizzazione dei berberi islamici…

134 Cfr. Green 1951, pp. 185 e 190.

135 Augustinus Ep 209, 2-3 e 20*, 3.

136 Augustinus Ep 66, 1-2; Augustinus LitPet 2, 83, 184; sulla vicenda, cfr. Frend 1983; Lancel 1983; Merdinger 1999 ; O’Daly 2004.

137 Sintesi in Fernándezb 1991, p. 144.

138 Riprendo qui la provocatoria domanda con cui Mattingly 2002 riassume la propria riflessione.

139 Cfr. Jonesb 1997, specialmente per la considerazione dell’etnicità come uno dei diversi fattori attraverso i quali le società costruiscono la propria identità. Cfr. anche Sheldon 1982, pp. 103 ss.; Fentress 1982 ; utile sintesi critica in Whittakerb 2009.

140 Questione ben riassunta in Le Roux 2004, p. 296: «sur la romanisation plane depuis l’origine l’ombre des expériences coloniales européennes, principalement anglaises et françaises… Le succès du mot a pris naissance dans le contexte d’une vision européocentrique triomphante de l’histoire, influencé aussi par le modèle de la russification imposée par les tsars à leur empire. Ensuite, la mise en question d’une romanisation réussie et civilisatrice a logiquement accompagnée le temps de la libération des peuples colonisés et des revendications nationales et identitaires de la décolonisation».

141 Cfr. Webster 2001, p. 209; Mattingly 2004, pp. 5-7. In polemica con quest’ultimo studioso, Cecconi 2006a, p. 88 segnala che «il dato che più lascia perplessi è che in quest’inizio di xxi secolo si affermi o si dia per scontato che continuano a prevalere visioni stereotipe e tradizionali sui benefici dell’impero romano come civiltà superiore impostasi sui popoli più arretrati oppure visioni sostanzialmente nazionaliste e filoimperialiste. Tali affermazioni sono in genere mal supportate da referenze bibliografiche precise di qualche rilevanza, mentre sono assai frequenti i richiami alle elaborazioni teoriche di Haverfield, di circa un secolo fa, anziché di suoi eventuali epigoni, come sarebbe sensato fare».

142 Millett 1990. Nell’icastica formulazione di Sheldon 1982, p. 106, «la “romanizzazione” ha negato l’importanza delle culture locali, la “resistenza” ha mascherato le loro divergenze e “l’acculturazione” ha negato le relazioni esistenti fra potenza politica ed economica, che condizionavano le due culture».

143 Benchè focalizzate sull’area britannica, sono interessanti dal punto di vista teorico le osservazioni di Cooper 1996 sui processi di adozione di elementi della cultura materiale nella transizione romano/sassone.

144 Le Roux 2004, p. 294. Webster 1996b è utile per la rapida sintesi offerta dell’ipotesi metodologica che, abbandonando la dicotomia tra storia “coloniale” e storia “decolonizzata”, si propone di rileggere l’esperienza romana alla luce di un paradigma “post-coloniale”, capace di superare l’eurocentrismo e la gabbia concettuale costituita dall’opposizione rigida tra passività e resistenza; un lucido ed aggiornato quadro metodologico è offerto in Mattingly 2011, pp. 3-42.

145 Oltre ai già citati Le Roux 2004 e Mattingly 2004, cfr. anche Crawley 2003; sono inoltre di grande utilità le riflessioni di Cecconi 2006a e Traina 2006.

146 Mattingly 2002, p. 540. Significativa delle incertezze ancora vive tra gli storici è l’ambiguità, su un tema tanto importante, riscontrabile nelle diverse posizioni assunte dai redattori in Keay 2001.

147 In aggiunta ai già citati Le Roux 2004, che dà al proprio intervento un carattere ancora interlocutorio, e Cecconi 2006a, è da segnalare l’interessante tentativo operato in questa direzione da Revell 2009.

148 Cfr. Hingley 2003, sebbene mi sembri eccessivo sostenere che questa chiave di lettura «have been introduced to our studies without any explicit discussion» (ibidem, p. 118); queste riflessioni sono state in seguito riprese con maggior approfondimento in Hingley 2005, spec. p. 14 ss. Segnalo, per una riflessione critica, le perplessità sul modus operandi di questo studioso espresse da Cecconi 2006a, p. 88 nota 40 e p. 90 nota 51.

149 Webster 2001.

150 Webster 2001, p. 218: «asymmetric power relations».

151 Cecconi 2006a, p. 89.

152 Le Roux 2004, p. 300. Risulta utile, per una riflessione metodologica di più ampio respiro, anche Barrett 1997; infine, può essere utile affiancare a queste proposte la chiave di lettura basata sul concetto di “discrepancy”, ben sintetizzata in Mattingly 2011, pp. 29 e 213.

153 Claudianus Gild, v. 332.

154 «Gildo»: PLRE 1, p. 395-396; «Gildo 1»: PCBE 1, p. 539. «Optatus 2»: PCBE 1, pp. 797-801. Il principale sostenitore di questa tesi è stato Frend 1952b, pp. 208-226; è ad esempio ancora il quadro proposto senza varianti da Gasparri 1998, p. 37: «Gildone finì … per guidare la rivolta in Nordafrica contro l’Impero, in stretto contatto con il vescovo numida Optato di Thamugadi, che all’epoca era il vero capo dei donatisti. Espressione dell’ala estrema del movimento, Optato organizzò militarmente i circumcellioni, facendone una forza considerevole, in grado non solo di terrorizzare, ma anche di controllare interi territori».

155 Un quadro generale della questione è offerto nello studio di grande spessore curato da Modéran 1989.

156 Monceaux 1901/1923, 4 p. 65: «Vrai barbare mitré, sans mesure ni scrupule, tout à ses passions sauvages: tyran impitoyable, cruel et farouche, mais d’une énergie indomptable, conducteur d’hommes, chef résolu, devant qui tous tremblaient. Optatus fut le conseiller de Gildon, son âme damnée, et souvent l’exécuteur de ses hautes oeuvres…»

157 «Nubel»: PLRE 1, p. 633-634 e PCBE 1, p. 785. Per la discussa identificazione con «Nuvel»: PLRE 1, 635-636 cfr. infra, nota 161.

158 «Flavius Stilicho»: PLRE 1, pp. 853-858.

159 «Firmus 3»: PLRE 1, p. 340; «Firmus 1»: PCBE 1, p. 457; «Firmus 2»: Divjak 2004, coll. 29-30. Curiosamente, l’Augustinus-Lexikon non prevede una voce per suo fratello Gildone, il cui legame col donatismo è stato più frequentemente chiamato in causa proprio a partire dall’ipponense.

160 «Mascezel»: PLRE 1, p. 566 e PCBE 1, p. 712.

161 Cfr. Modéran 1989, pp. 840-841 e Blackhurst 2004, pp. 64-65. Una iscrizione trovata a Rusuguniae associa Nubel alla deposizione di un frammento della vera croce (CIL VIII 9255 = ILCV 1822; una simile reliquia è ricordata, insieme a terra proveniente dai luoghi santi, anche in CIL VIII 20600 = ILCV 2068), segno probabile dell’inserimento di questo personaggio in un circuito politico vicino alla dinastia regnante. In PLRE 1, 635-636 viene però posta in discussione l’identificazione del dedicante Flavius Nuvel con il Nubel padre di Firmo e Gildone (PLRE 1, 633-634; cfr. le importanti osservazioni di Le Bohec 2004, p. 289), sebbene questa scelta sembri poco convincente a Matthews 1974, p. 104. L’identificazione è stata sostenuta per primo, credo, da Gsell 1902 ; è stata ribadita da Camps 1984, p. 185, il quale dedica alcune vivaci pagine alla ricostruzione dell’avanzamento nella carriera provinciale di questa gens che pure non rinuncia alla propria identità maura, così come dimostra l’onomastica delle sue diverse generazioni ; infine, è stata acriticamente riproposta da Shawa 2011, p. 39.

162 «Sammac»: PLRE 1, p. 801.

163 «Romanus 3»: PLRE 1, p. 768; «Romanus 1»: PCBE 1, pp. 997-998.

164 «Flavius Valentinianus 7»: PLRE 1, 933-934.

165 La datazione non è ancora stata esattamente ricostruita: cfr. per i riferimenti bibliografici Gebbia 1987, p. 118 nota 11. Blackhurst 2004, pp. 63-64 suggerisce che la rivolta di Firmo sia sostanzialmente stata determinata dagli interessi di Romano prima, e di Teodosio “il Vecchio” poi, che con la loro azione avrebbero provocato la crisi degli equilibri di potere nella regione («Flavius Theodosius 3»: PLRE 1, pp. 902-904; «Romanus 3»: PLRE 1, p. 768).

166 In questi termini lo giudica ad esempio Kotula 1970; ma cfr. anche Rubin 1995, secondo il quale la testimonianza di Ammiano renderebbe «perfectly clear that it was fundamentally an ethnic uprising, fuelled by the dynastic rivalries within one family of superficially Romanized Moorish kinglets» (p. 168).

167 È quest’ultima la motivazione offerta da Zosimus IN 4, 16, 1-3 e da Ammianus RG 21, 5, 2 e 8, poi entrata nella nozione comune.

168 Tilley 1997a, pp. 94 ss., con qualche ulteriore imprecisione (la repressione della rivolta fu opera del magister equitum Teodosio “il Vecchio”, inviato in Africa ad arrestare il comes Romano, inviso per le sue responsabilità e la sua inerzia nella vicenda, oltre che accusato di malversazioni; Teodosio fu a sua volta giustiziato a Cartagine nel 275: cfr. sinteticamente Curran 2008, p. 88). Analoga posizione è stata sostenuta da Gasparri 1998, pp. 37-41, anche in questo caso con qualche approssimazione (viene ad esempio omesso il ruolo di Gildone nella repressione di Firmo, e quello di Mascezel alla guida delle forze inviate da Stilicone. Cipriano collocato – p. 31- nel ii secolo, invece, deve essere il risultato di un refuso).

169 Augustinus EpPar 1, 10, 16 e 1, 11, 17; Augustinus LitPet 2, 83, 184; Augustinus Ep 87, 10.

170 Augustinus LitPet 1, 2, 16-17 e 2, 23, 53, da cui si evince chiaramente che l’azione del vescovo di Thamugadi è supportata dai militari e si svolge in un contesto di impiego della forza pubblica per la repressione dei dissidenti (… cum intolerabili potentatu etiam militibus sibi comitantibus …); si veda inoltre Augustinus CCresc 4, 58, 69. Del tutto tradizionale, in questo caso, il commento di Congar 1963b, p. 729-730: significativa la patente di fedeltà al potere imperiale che egli rilascia a Rogato senza alcuna prova, in questo imitato da Divjak 2004, col. 29 e Blackhurst 2004, p. 75. Per la sostanziale estraneità donatista all’insurrezione di Firmo sono ancora valide le considerazioni di Tengström 1964, pp. 79-83. «Rogatus 5»: PCBE 1, pp. 990-991, ove si sottolinea (nota 1) come l’attribuzione di una carica episcopale a questo personaggio sia solo il risultato di una - pur attendibile - deduzione logica.

171 Tilley rinvia a Optatus 2, 18-19, il quale riferisce di diversi episodi di violenza che verranno discussi infra, capitolo 4.

172 L’errore prospettico sarebbe ancora più evidente se avesse ragione, come credo, Modéran 1989, pp. 822 ss. che ritiene del tutto diverse le motivazioni e le prospettive politiche delle due sollevazioni. Il mito dell’“eterno Giugurta” (così ancora Gebbia 1987, p. 129: per una disamina di questo ormai insostenibile topos storiografico, cfr. Modéran 2003a, pp. 5 ss.; l’autore problematizza inoltre criticamente l’identificazione ormai usuale tra Mauri antichi e Berberi: ibidem p. 11 nota 36) e quello del donatismo come manifestazione di aspirazioni indipendentistiche finiscono con il costituire, autoreferenzialmente, l’uno l’improbabile sostegno dell’altro.

173 «Flavius Valentinianus 7»: PLRE 1, 933-934.

174 Si tratta del padre del futuro imperatore, «Flavius Theodosius 3»: PLRE 1, 902-904.

175 «Flavius Theodosius 4»: PLRE 1, pp. 904-905.

176 «Flavius Valentinianus 8»: PLRE 1, pp. 934-935.

177 «Magnus Maximus 39»: PLRE 1, pp. 588.

178 Per una disamina della posizione assunta da Gildone in occasione delle usurpazioni di Magno Massimo e di Eugenio, cfr. da ultimo Gaggero1996.

179 Così gli è indirizzata una norma sull’adulterio in CTh 9.7.9. Dallo stato delle fonti, non è precisabile con sicurezza la datazione delle sue titolature: ad esempio, potrebbe aver ricoperto la carica di comes Africae già dal 385; per questo nelle righe precedenti ho utilizzato una formula estremamente generica.

180 Secondo Hieronymus Ep 79; Ep 123, 17 una figlia di Gildone sarebbe andata in sposa a un nipote della prima moglie di Teodosio («Salvina»: PLRE 1, p. 799; «Nebridius 3»: PLRE 1, p. 620).

181 Per una netta distinzione tra la rivolta di Firmo e quella di Gildone si è pronunciato da ultimo Modéran 2003a, pp. 477-480. Il ruolo giocato da Mascezel sulla scena politica della corte d’occidente, come rappresentante degli interessi di chi in Africa restava legato al governo di Onorio, e i suoi legami con il “partito milanese” sono stati lungamente sottovalutati, a partire dalla notizia sulla soppressione dei suoi figli: una interessante rilettura è stata proposta da Melani 1996.

182 È la tesi sostenuta, da ultimo, da Blackhurst 2004; ma cfr. almeno Camerona 1970, specialmente pp. 103-123. Modéran 1989 preferiva vedere invece in Gildone un «extraordinaire arriviste» (p. 865), estremamente abile nel costruirsi una carriera ed una ricchezza privata fuori del comune, ma limitato nel progetto politico ai suoi soli interessi personali. Così i suoi complici, quei satellites tra cui era annoverato Ottato di Thamugadi, sarebbero stati componenti di una societas Gildoniana che secondo questo studioso andrebbe tradotta in termini moderni come «maffia gildonienne» (ibidem).

183 Modéran 1989, pp. 835-840.

184 Modéran 1989, pp. 842-843; sulla defezione degli alleati alla battaglia dell’Ardalio, ibidem pp. 854-859.

185 Merita un richiamo qui un aspetto particolare del successo di questa scalata familiare: dopo la morte di Gildone e la soppressione di Mascezel, le donne della gens continuano a vivere circondate da grande rispetto alla corte imperiale, e i termini con cui Girolamo ne parla indicano ancora una influenza non disprezzabile; cfr. Modéran 1989, pp. 843-844.

186 «Fl. Honorius 3»: PLRE 1, 442.

187 L’epiteto si trova nella praefatio di Claudianus ConsSt 3, vv. 21-22 (alter / Hannibal antiquo saevior Hannibale); l’associazione è presente anche in Claudianus Gild, v. 83: ma nell’opera anche Brenno e Porsenna hanno un ruolo nelle similitudini, e nessuno dei due è assimilabile a pretese identitarie africane.

188 Ware 2004. Si veda il giudizio dell’ormai classico Cameron 1970: «Anyone who has given the countless historical allusions in Claudian’s work (especially his later work) more than passing attention will have recognized at once that his interest in the past is not historical at all, but rhetorical».

189 Dewar 1994.

190 Anche de Veer 1968, pp. 781-783 sostiene che Agostino tratti la questione come un argomento ad hominem. Sulla dubbia adesione di Ottato di Thamugadi al percorso politico di Gildone, e sulle motivazioni della rivolta di quest’ultimo, si vedano le complessivamente condivisibili pagine di Shawa 2011, pp. 36-46 e 54-60.

191 Augustinus EpPar 2, 4, 8.

192 Augustinus Ep 87, 4-5; argomentazione simile in Augustinus LitPet 2, 101, 232: quotquot ab Optato baptizati redierunt, Optati facti sunt.

193 Augustinus EpPar 2, 15, 34; Augustinus CCresc 3, 13, 16.

194 Augustinus LitPet 2, 92, 209.

195 Fra i tanti sostenitori di questa tesi, merita una menzione almeno Congar 1963a, p. 20 (nella stessa sede, contra De Veer 1968, pp. 781-783); in tutto questo paragrafo ho lasciato sullo sfondo, pur avendolo indicato come uno dei padri di questa teoria, Frend 1952b, secondo il quale Ottato avrebbe addirittura trascinato con sé buona parte dei donatisti di Numidia: la sua tesi era già stata serratamente sottoposta a critica da Tengström 1964, pp. 84-90, secondo il quale andrebbe anche sfumato perfino il sostegno ottaziano all’usurpazione di Gildone.

196 Jacques 1982.

197 Questa posizione è stata sostenuta da Diesner 1962b; Tengström1964, pp. 84-90 lo considera del tutto isolato rispetto ai suoi colleghi nell’episcopato. Del resto, l’unica azione “militare” specificamente attribuitagli è una spedizione in Bizacena allo scopo di soffocare lo scisma massimianista, riportando all’obbedienza i vescovi recalcitranti di quella provincia: cfr. Augustinus LitPet 1, 10, 11 e Augustinus CCresc 4, 24, 31.

198 La chiave identitaria è stata fondamentale per questo autore: oltre al testo di cui si discute qui, cfr. almeno Akkache 1968

199 Akkache 2006.

200 Illuminante la seguente riflessione: «quand bien même il n’y aurait pas eu – ce qui semble probable – de liaisons organisées entre les Numides et les autres peuples opprimés par Rome, on ne peut contester l’existence d’une direction insurrectionelle centralisée» (Akkache 2006, p. 89).

201 Akkache 2006, p. 157.

202 Benchè rimanga del tutto arbitraria la distinzione tra gli aspetti culturali (lingua, cultura materiale, mentalità, religione) e quelli strutturali (economia, commerci, organizzazione sociale, struttura della proprietà agraria etc.), ho seguito questa via nell’organizzazione dei § 1.3 e 1.4 per una questione di praticità espositiva. Nel farlo, mi sono ispirato alle ironiche considerazioni di Fentress 2006.

203 La più recente discussione sulla periodizzazione e sul concetto stesso di “tardoantico” ha preso le mosse dalla polemica, quanto circostanziata, posizione espressa in Giardina 1999; al dibattito che ne è seguito è stata dedicata una tavola rotonda nel 2000, i cui atti sono stati pubblicati nel numero 45 (2004) della rivista “Studi Storici”: cfr. Bowersock 2004; Cracco 2004; Marcone 2004; Giardina2004.

204 Un classico sostenitore di questa tesi fu Martroye 1904/1905.

205 Per una brillante disamina di questi sviluppi, cfr. Athanassiadi 2006.

206 Per una visione d’insieme e un rapido aggiornamento bibliografico, cfr. Mattingly 1995, pp. 184 ss.; l’attenzione sulle città a magistratura sufetale era già vivace negli anni ’70 del secolo scorso: cfr. a titolo di esempio Kotula1973. Lo stesso studioso in quegli anni aveva sottolineato la necessità di una revisione della diffusa convinzione di un declino dei curiales nelle città d’Africa: cfr. Kotula 1974.

207 Leveau 1983 offre un panorama delle diverse modalità di organizzazione dello spazio rurale, articolate su modelli autoctoni (centrati sul sistema dei villaggi) e “romani” (centrati sul sitema delle città irradiantesi attraverso le villae) che corrisponderebbero appunto all’opposizione tra mondo “urbano/romano” e mondo della resistenza culturale indigena (specialmente pp. 932-933).

208 Di certo, oltre al pregiudizio classicista occorre ricordare almeno cursoriamente l’influenza determinante nell’archeologia nordafricana sia delle ideologie coloniali, sia della formazione militare di buona parte dei ricercatori tra fine xix e inizio xx secolo: vale la pena di consultare, a questo proposito, almeno Févrierb 1985a e Mattingly 1996.

209 Per quanto riguarda il dibattito teorico, incardinato anche in questo caso sulla contrapposizione tra continuità e decadenza, mi limito a suggerire per un aggiornamento la consultazione di Thébert 1990; Ward-Perkins 1998. Liebeschuetz 2001b, proponendo un recupero critico della nozione di decadenza, richiama l’attenzione sul legame tra lo schema continuista, che afferma la scarsa significanza dei momenti di frattura e discontinuità, e le aspirazioni delle moderne società occidentali alla realizzazione di modelli d’interazione multiculturale (infine, cfr. Liebeschuetz 2006). Dal punto di vista dell’ipotesi continuista, oltre a Cameronb 2003 si può utilmente consultare il recentissimo Sears 2007, che offre tra l’altro uno sguardo molto attento all’influenza che la crisi donatista ha esercitato sulla trasformazione urbanistica delle città africane.

210 In un lavoro di grande spessore recentemente pubblicato, pur escludendo dall’analisi la Numidia e le due Mauretanie, Anna Leone ha raggiunto per le sole indicazioni bibliografiche le 51 pagine (Leone 2007, pp. 291-342). Il quadro riassuntivo che qui presento dipende in buona parte dal lavoro di questa studiosa, e riprende in sostanza le sue conclusioni (ibidem, pp. 281-287); credo che per un panorama più completo siano comunque da consultarsi il fondamentale Lepelley 1979/1981, che con una vasta ricerca condotta su fonti prevalentemente letterarie ed epigrafiche ha contribuito in maniera determinante all’individuazione del iv secolo come un periodo di grande sviluppo urbano in Africa; Lepelley 1992a ; Liebeschuetz 2001a , cui va riconosciuto il merito di aver riportato il dibattito sulla trasformazione di lunga durata nel quadro di un complessivo declino della città classica; Kleinwächter 2001, per cui rinvio alla lusinghiera recensione di Gros 2002; Lepelley 2006, ove lo studioso francese, pur avendo trovato conferma alle sue tesi espresse un quarto di secolo prima, riconosce nell’ultima fase del dominio romano, all’inizio del v secolo, l’avvio della lenta decadenza (su cui, peraltro, si era già espresso in Lepelley 1981b); Duvala 2006, con un quadro centrato soprattutto sugli aspetti architettonici, ma ben costruito anche per quanto riguarda la contestualizzazione, seppur limitatissimo (programmaticamente: cfr. p. 120) sul piano della bibliografia.

211 In una regione tanto fortemente urbanizzata, sono del tutto comprensibili differenze anche marcate tra una città e l’altra sia in termini di diacronia, sia in quelli di diatopia. In ogni caso, nel tentativo di riconoscere linee di tendenza, il passaggio da iv a v secolo costituisce un discrimine fondamentale: cfr. Leone 2007, pp. 82 ss. Sul rischio costituito da generalizzazioni troppo semplicistiche ha richiamato l’attenzione Cecconi 2006c.

212 Kleinwächter 2001 ha offerto una visione molto interessante dello sviluppo di un vero e proprio policentrismo nella città africana tardoantica, riconoscendovi anche una prosecuzione delle tradizionali funzioni giudiziarie ed amministrative.

213 Per l’analisi di questo processo, cfr. Leone 2007, pp. 45-66; per il iv secolo e le abitazioni del ceto medio, cfr. specialmente pp. 52 ss.

214 Secondo Thébert 2003, pp.482-483 i prodromi di questo processo risalirebbero addirittura all’età severiana.

215 Leone 2007, pp. 66-82 e 93-96.

216 Thébert 1983, pp. 106-107 e 110- 112; Lepelley 2006, p. 19; più specificamente, Leone 2006 e Leone 2007, pp. 37-39; Sears 2007, specialmente pp. 99-116.

217 Interessante la disamina di questi processi contenuta in Sears 2007, pp. 93 ss.; sebbene non sia ricostruibile su base documentaria una differente propensione di donatisti o cattolici nei confronti del riuso di templi pagani, secondo questo autore probabilmente la competizione tra le due confessioni è da annoverarsi tra le cause di questo riutilizzo, avendo generato una accresciuta necessità di spazi edificabili e di localizzazioni di prestigio. Tuttavia, lo stesso Gareth Sears ritiene che per la medesima ragione potrebbero essere state le posteriori necessità della chiesa ariana, sostenuta dai conquistatori vandali, ad accelerare il fenomeno: oltretutto, i nuovi dominatori sarebbero stati sicuramente più liberi rispetto alle resistenze esercitate dal patriziato urbano, antico committente di costruzione e restauro dei templi foranei e ad essi probabilmente ancora legato in termini di prestigio.

218 Leone 2007, pp. 284-286.

219 Il concetto di stasi, piuttosto che di crisi, per quanto riguarda il iii secolo in Africa è stato proposto da Thébert 1983; sta ultimamente facendosi strada la percezione di una risposta africana decisamente diversa a questa crisi: essa avrebbe costituito l’occasione per un salto di qualità nella produzione e esportazione dell’industria ceramica, con un effetto trainante su tutta l’economia della regione (per un aggiornamento, cfr. Ben Moussa 2007, pp.74-76). Thébert 2003, pp. 411-418 torna sulla questione sostenendo apertamente che il III secolo abbia rappresentato per l’Africa un periodo di grande espansione economica: «ce siècle est celui où le Maghreb établit définitivement sa suprématie sur l’Occident romain et noue des relations, decisive pour l’avenir, avec l’Orient» (ibidem, p. 412); interessante la prospettiva di Di Paola1999, pp. 86-95, che lega le caratteristiche e lo sviluppo del cursus publicus africano alle trasformazioni economiche in atto, traendone come conclusione la conferma di una fase di sviluppo economico nel corso del iv secolo.

220 Le istituzioni amministrative centrali e periferiche erano ancora in efficienza alla vigilia della conquista vandala, sebbene la corruzione sembri aver costituito il segno più evidente dell’incipiente crisi: cfr. Lepelley 1981a; Lepelley 2002. Per un quadro generale aggiornato, cfr. Cecconi 2006b.

221 Lepelley 2006, pp. 19-20; una utile sintesi sulla problematica periodizzazione dello sviluppo urbano in Africa si trova anche in Lepelley 2005a. L’interpretazione dei dati archeologici, ancora limitati, relativi al periodo della dominazione vandalica è tutt’ora oggetto di forti contrapposizioni: per un rapido sguardo d’insieme, cfr. Cecconi 2006b, p. 287 nota 8.

222 Forse è troppo ottimistica la presa di posizione di Modéran 1996 (cfr. Lepelley 2006, p. 21); però i forti investimenti giustinianei comportarono comunque una ripresa, anche se l’amplificazione che ne danno le fonti letterarie è da prendere con molta prudenza alla luce delle risultanze archeologiche. Sulla sostanziale continuità in questo campo tra tardo impero e dominazione vandala, caratterizzata da un lento e probabilmente impercettibile declino senza particolari fratture, cfr. Leone 2007, pp. 127-165 e 281 ss.

223 Per una disamina critica di questa tendenza è ancora valido Carrié 1982; a partire da un’analisi di carattere lessicale, Eibach 1977 ha offerto un quadro molto ampio della varietà di forme che genericamente vengono riportate sotto la voce «colonato». Offrendo un quadro della produzione storiografica sovietica della prima metà del secolo scorso, Pierre Gacic affermava che «en Afrique du Nord – à partir du iie siècle et jusqu’au ve – s’est crée une ‘infrastructure’ représentée par une classe de mécontents de leur situation économique et sociale. Cette classe englobait la plus grand partie de la population paysanne. Il y avait une mesure commune qui caractérisait tous les rustici, les paysans ayant perdu leur liberté, les tribus indigènes dépossédées et tous les colons sans distinction d’origine: c’était l’esclavage et la misère (Gacic 1957, p. 655)»; sulla linea di un vero e proprio conflitto di classe tra i grandi proprietari e coloni progressivamente assimilati alla condizione servile, cfr. Mazza 1973, pp. 205-216. In ogni caso, è all’opera di Frend 1952b che va riconosciuta, se non certo la paternità di questa teoria, il suo successo nell’ambito degli studi sul donatismo: cfr. almeno Mandouze 1986, p. 196.

224 Su questa base Mazzarino 1962, p. 419 spiega il movimento circoncellionico.

225 È a questo proposito che Mandouze 1986 coniò la felice espressione «le manicheisme historiographique des deux Afriques» (p. 197). Rubin 1995 sostiene la tesi dell’importanza prevalente della spiegazione socioeconomica (e della stretta connessione tra città/possidenti/latinofoni/chiesa cattolica), fino a vedere in Axido e Fasir «the chiefs of a well organized gang of brigands that gained popularity in the Numidian countryside by its Robin Hood tactics» (p. 167).

226 Una sintesi particolareggiata di queste tesi è rappresentata da Deman 1975, specialmente alle pp. 64 ss.; commentando la straordinaria ricchezza dei senatori di origine africana, l’autore ne deduce che «la classe sénatoriale africaine est un simptôme majeur du sous-développement africaine». Le tesi di questo autore, fondate sull’idea di un sostanziale sottosviluppo africano generato dall’avidità romana, hanno sollevato la dura e circostanziata polemica di Lassère 1979: si tratta di un lungo articolo, molto interessante soprattutto per le importanti questioni di metodo che vengono sollevate.

227 Una esposizione classica, comunque caratterizzata dal consueto equilibrio dell’autore, è offerta da Jonesa 1964, pp. 246-1258.

228 Fu la tesi, fra gli altri, di Martroye 1904/1905; tra i più rappresentativi sostenitori si considerino almeno Frend 1952b, Diesner 1954 e Diesner 1962a. Contra, si pronunciarono tra gli altri Jonesa 1959a e Tengström1964; per una rapidissima ricostruzione, cfr. Lepelley 1990b, pp. 347-348.

229 Tra i più significativi sostenitori di questa tesi, cfr. almeno Courtois 1955.

230 Rimane fondamentale, nella sua fulminante concisione, Leveau 1977. Cfr. anche gli importanti lavori di Févrierb 1985a; Leveau 1986 (utile soprattutto sul piano metodologico) e Leveau 1988.

231 Carrié 1982; Carrié 1983, p. 230.

232 La meccanizzazione agricola trovava, ancora negli anni ’50, forti limiti sui terreni in pendenza ed era sostanzialmente inefficace su suoli il cui strato fertile fosse molto ridotto in profondità: ma le tecnologie più arcaiche di cui si faceva uso nell’antichità risentivano assai meno di questi limiti, e la ricerca archeologica ha confermato l’estensione delle coltivazioni in età romana ben oltre i confini delle aree ad esse dedicate sotto la dominazione francese.

233 Sono basilari, a questo proposito, i lavori già richiamati di Ph. Leveau, per cui cfr. le indicazioni alla nota 230.

234 Si consulti ad esempio, già degli anni ’70, Whittakera 1978; Hitchner 1994 analizza le trasformazioni apportate all’economia di tipo nomade o seminomade (nelle diverse articolazioni che questa modellizzazione prevede: cfr. una rapidissima sintesi in Mattingly 1992, pp. 40-41) a seguito dei rapporti di interdipendenza instaurati col modello stanziale applicato dai romani. Benché focalizzato su un territorio estremamente limitato del nord Italia, è inoltre decisamente molto interessante sui criteri di conduzione delle zone pabulari e forestali all’interno di aziende di grandi dimensioni Dall’Aglio 2008 (l’area in questione è significativa perché assai attentamente studiata a partire dal ritrovamento della celeberrima Tabula alimentaria di Veleia, per cui sono fondamentali i lavori curati da Nicola Criniti e dalla sua scuola: per un primo approccio, oltre alla bibliografia in Criniti 2006, Criniti 2007b, Criniti 2008, pp. 74-80, sono utili gli aggiornamenti annui pubblicati dallo stesso studioso in “Ager Veleias”, rivista attiva dal 2006 e consultabile online all’indirizzo http://www.veleia.it). I rapporti conflittuali tra nomadi e sedentari secondo la visione tradizionale si sarebbero basati su un limes impermeabile, almeno nelle intenzioni, e sul contenimento basato principalmente sull’impiego della forza militare; negli anni ’70 del Novecento le tesi avanzate da Edward Luttwak hanno comportato, nel vivace dibattito che ne è seguito, una rimessa in discussione di questo modello, individuando una molteplicità di relazioni e soluzioni nei rapporti tra tribù nomadi, popoli di confine, barbari e autorità imperiale: cfr. Barbero 2006 e, più specificamente centrato sull’area africana, Mattingly 1992. Sebaï 2005, p. 8 richiama la funzione delle strutture del limes come strumenti di canalizzazione dei flussi di transumanza, a fini di controllo e tassazione, più che di difesa militare; il meccanismo della nomina di praefecti gentium come strumento di assimilazione, ancora efficiente alla fine del iv secolo, era stato già ben analizzato da Lepelley 1974.

235 De Martino 2001, nel tracciare una breve sintesi di questa ipotesi storiografica (da cui si discosta), ne individua l’origine negli studi dei grandi umanisti “Cuacio e Gotofredo, senza dimenticare Irnerio e la Glossa accursiana” (cfr. pp. 821-822).

236 Secondo Vera1992, il primo elemento di squilibrio del sistema economico africano andrebbe riconosciuto nell’estensione smodata della proprietà imperiale; le forme di frazionamento e affido in affitto o enfiteusi avrebbero perciò finito con il costituire una sorta di redistribuzione della ricchezza. Tuttavia, osserva l’autore, «non è detto che questa redistribuzione servisse anche a livellare le disparità interne della società africana» (p. 482).

237 Sulla viticultura africana è utile Lequément 1980, e curiosa risulta l’appendice sulla continuità di produzione e consumo, secondo modalità tipicamente “romane”, fino allo sbarco francese in Algeria. Sulla produzione e sui commerci di queste due fondamentali derrate, cfr. almeno Amouretti 1993; Brun 1999. Il volume delle esportazioni comportò contestualmente un forte aumento della produzione di ceramiche, e quindi una attività di carattere manifatturiero che a sua volta ebbe una incidenza spesso sottovalutata sul prodotto interno lordo e sulla necessità di manodopera in Nordafrica; inoltre, il peso delle esportazioni d’olio rispetto a quelle complessive sta venendo rivisto al ribasso, in considerazione dei nuovi studi proprio sulle ceramiche da trasporto: senza negare i notevoli volumi dell’olio, viene ormai riconosciuta l’importanza del vino e delle trasformazioni alimentari a base di pesce, compreso il garum, la cui produzione e commercio avrebbero avuto come base specialmente la Mauretania. Per quest’ultima parte, cfr. almeno Bonifay 2003 e Bonifay 2004; in generale, sull’agricoltura romana cfr. Marcone 2011, qui specialmente alle pp. 67-73 e 183-193.

238 Questa tesi è stata avanzata in modo molto circostanziato da Kehoe 1988, specialmente pp. 71-116; se ai contadini poteva essere richiesto un investimento di capitale proprio, ne derivano due conseguenze:
- non si dà investimento di capitale senza prospettiva di un ritorno adeguato: gli utili prodotti da quelle coltivazioni dovevano, sia pure in parte, remunerare il capitale dei coloni;
- perché i coloni potessero disporre di capitale proprio da reinvestire, è necessario che precedentemente i loro guadagni avessero superato la semplice sussistenza, consentendo quella che Adam Smith definiva una “accumulazione primaria”.
È evidente che una tesi di questo genere si fonda, in fin dei conti, sulla convinzione che lo sfruttamento agricolo si basasse su criteri di razionalità generale, se non proprio sui migliori principi agronomici; contro questa ipotesi De Martino 2001, pp. 814-819 individua nella scarsa razionalità del sistema di sfruttamento, che avrebbe portato a un rapido impoverimento della fertilità dei suoli, le cause della generale bassa produttività delle campagne nel iv secolo. Tuttavia, mi pare che questa seconda ipotesi, piuttosto diffusa in passato, risenta di una fondamentale ignoranza dei processi agricoli: un terreno sottoposto alla monocoltura cerealicola senza rotazione, sovescio o concimazione da deiezioni animali perde la capacità di restituire almeno la semente impiegata e l’equivalente del sostentamento di chi la lavora entro i primi tre anni, quindi prima anche delle scadenze più brevi nei contratti di affitto tra privati, che prevedevano la durata di un lustro; dunque, il processo di abbandono di terre divenute improduttive non avrebbe potuto protrarsi per un intero secolo.
Per la tendenza all’impiego di contadini liberi, attraverso contratti di affitto basati sul pagamento di una rendita, sia in forma monetaria sia sotto la fattispecie del tributo in natura, cfr. le analisi di Vera 1983 (specialmente pp. 502 ss.) e, più propriamente dedicato all’area africana, Vera 1986. Per questo studioso, inoltre, anche in quei casi in cui si ha testimonianza di un elevato numero di schiavi occorre considerare che essi venivano impiegati sui fondi «non in squadre, bensì come coloni. Questa è la specificità tardoantica della servitù rurale» (p. 508); in altri termini, dal modello della concentrazione schiavile negli ergastula si sarebbe passati alla parcellizzazione dei fondi e della manodopera sulla base del nucleo familiare, con corresponsioni di fitti in denaro o natura (cfr. anche Carlsen 1991b). Già Jonesa 1958 aveva sostenuto questa convergenza, ma nella opposta direzione di un «quasi-servile status» in cui sarebbero precipitati i coloni (p. 300); contro questa interpretazione, ancora molto diffusa, cfr. Carrie 1982 e Carrie 1983.

239 Jonesa 1958, pp. 294 ss.; molto lucido Vera 1986, pp. 284-286.

240 Carrié 1983, pp. 217-218.

241 Lepelley 1989, p. 263 invita però a sfumare questa convinzione, basandosi sull’analisi di documenti contenuti negli Spuria di Sulpicio passati inosservati. Contro questa tesi si schiera anche De Martino2001, pur sottolineando la mancanza di continuità tra il colonato tardoantico e la servitù della gleba altomedievale.

242 Jonesa 1964, comunque, ritiene che l’impatto di questi abbandoni sulla ricchezza complessiva dell’economia tardo-romana non debba essere sopravvalutato. Essi sarebbero dovuti all’eccessiva tassazione, che avrebbe reso antieconomica la coltivazione delle terre meno fertili e produttive: cfr. anche il precedente e più specifico Jonesa 1959b. Una delle tesi più innovative (e discusse) di Kehoe 1988 individua invece nel sistema delle imposizioni e degli sgravi fiscali una leva intelligentemente usata per indirizzare l’incremento della produzione o la scelta delle coltivazioni da impiantare. Pur con qualche “ingenuità”, Cataudella 1988 parla ancora di un «quadro drammatico di crisi», ma ritiene che, a causa del crollo demografico, l’immutato positivo rapporto tra produzione e popolazione abbia potuto veder confermata nella percezione degli antichi la prosperità dell’Africa; offre una visione decisamente più ottimistica Lepelley 1967a, che ritiene gli agri deserti limitati semplicemente alle normali condizioni naturali (p. 230).

243 A conferma, cfr. Vera 1986. Si può qui citare, «en passant», anche l’innovativa interpretazione di Ørsted 1994 che vede, accanto ad una gestione delle terre più ricche in termini «market oriented», la presenza di assegnazioni in chiave di criteri socio-assistenziali di terre meno appetibili, sia da parte pubblica sia da parte privata: «normally we label this combination (di criteri economici e criteri sociali) euergetism, but I do not believe this socio-economic conduct was exclusively restricted to urban areas. In my view, euergetism is an economic measure that functioned in a way not dissimilar from our modern public sectors (pp. 123-124)». Senza spingersi fino a questo punto, Vera 1992 sottolinea come appezzamenti marginali o esigui, privi di interesse per i locatari di alto profilo economico, fossero invece fondamentali per l’integrazione del reddito, anche a fini di semplice sopravvivenza, sia per i fittavoli nullatenenti sia per coloro che invece possedessero terre proprie di ridotta estensione.

244 Già citato più volte, in questo caso rimando nuovamente al quadro offerto in Mattingly 1995; si può anche consultare il più breve Lepelley 1995.

245 Tuttavia, va almeno segnalata la posizione contraria espressa, in una sintesi recente, da De Martino 2001, pp. 814-819.

246 Lepelley 1983a affronta un caso di episcopalis audientia gestito da Agostino a proposito di una causa in cui era in questione lo stato di libertà/schiavitù di alcuni coloni. Lo studioso francese ne conclude un irrigidimento delle condizioni di vita dei ceti più umili, che né le leggi né i principi religiosi riuscivano a temperare più di tanto. Credo che la situazione possa essere interpretata anche in modo opposto: ancora un secolo dopo l’inizio del processo di fissazione dei coloni alla terra, innescato da Diocleziano, è possibile a chi senta messa in pericolo la propria condizione di ingenuità ricorrere in sede giuridica e vedere riconosciuti i propri diritti. Il fatto che, per il tardo antico, noi si sia più informati su casi del genere non significa che essi fossero più numerosi; e se anche lo fossero, la reazione dei ceti umili attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla giurisprudenza dimostra la precisa coscienza del possesso di diritti garantiti dalla legge e dallo stato. Come sostiene Vera 1992, «la conflittualità tra conduttori e fittavoli doveva essere un fenomeno fisiologico, costante, anche se la tensione esplodeva solo sporadicamente in forme aperte» (p. 475).

247 Può essere utile la sintesi offerta da Marcone 2001, con specifico riferimento all’Africa alle pp. 828-832; pur molto prudente nelle prese di posizione, l’autore rimane convinto assertore di una generalizzata condizione di vita miserevole per i contadini. Un’altra sintesi criticamente ben strutturata, sebbene purtroppo meno aggiornata, è reperibile in Marcone 1998: l’importanza della prospettiva africana negli studi sul colonato è trattata alle pp. 27-47.

248 A supporto di questa significativa considerazione, è da richiamare almeno lo studio di Lepelley 1990b.

249 Jonesa 1964, p. 1424. A conclusioni consimili giunge, per altra e meno convincente via, Cataudella 1991.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search