Introduzione

  • 1 L’exemplum è tratto da uno dei Sermones Vulgares di Jacques de Vitry; non mi risulta una loro edizi (...)

Audivi quod quidam sanctus homo, dum esset in choro,
vidit diabolum quasi sacco pleno
valde oneratum.
Dum autem adjuraret dyabolum ut diceret ei quid portaret ait:
“hec sunt sillabe et dictiones syncopate et versus psalmodie,
que isti clerici in hiis matutinis furati sunt Deo;
hec utique ad eorum accusationem diligenter reservo”...
1

  • 2 Nelle more del processo editoriale sono usciti alcuni studi di spiccato interesse, di cui ho dovuto (...)

1Questo volume costituisce la ripresa, con gli opportuni aggiornamenti bibliografici2, la riscrittura di alcune parti e soprattutto una generale revisione del testo, della tesi di dottorato all’Università di Torino da me conclusa nel 2010 e discussa nel maggio 2011.

2Il progetto che presentai nel 2007 prevedeva un’indagine sull’ecclesiologia “donatista”: per quanto poco mi convincesse questa formulazione, era ancora pur sempre quella che più pareva aderire al percorso che avevo in mente all’inizio della mia esplorazione. Era del resto una sorta di filo conduttore, un approssimativo portolano da usare in attesa di poter affrontare il mare aperto; avevo già da tempo individuato nelle informazioni sulla comunità “donatista” di Roma una interessante pista di ricerca, che pensavo potesse permettermi di superare le secche di una vulgata ormai plurisecolare sull’elaborazione teologica africana a proposito della chiesa. Grazie alla distanza prospettica indotta dal tempo trascorso dopo quell’esordio e dal lavoro compiuto, stendere ora queste poche righe di introduzione consente di mettere a fuoco la chiave di lettura che, affinandosi progressivamente, ha guidato l’analisi delle testimonianze proposta nei capitoli seguenti.

3Focalizzare l’indagine sull’ecclesiologia presuppone, infatti, la convinzione che proprio su questo piano si sia svolto il confronto tra le due comunità africane, separate da uno scisma che, dopo aver preso le mosse agli inizi del iv secolo, si protrasse almeno fino al crollo della dominazione romana in Africa, sotto la pressione dei Vandali. Come si vedrà nel corso della riflessione, questo orientamento è quello pressoché imposto alla ricerca moderna non solo da una lunga tradizione storiografica che risale fino al xvi secolo, ma dall’elaborazione presente nelle stesse fonti che ci sono pervenute. Ottato di Milevi e Agostino svilupparono la propria polemica antiereticale precisamente a partire da questo approccio: eppure esso era già anacronistico quando loro lo adottarono, e seguirlo ancora rischia di restringere le possibilità di comprensione del fenomeno.

4Il conflitto in terra d’Africa non esplose a proposito della elaborazione teologica di quanto fosse da intendersi per “chiesa”: questa costruzione semiotica è ben più tarda, e se ne trova traccia per la prima volta nell’opera, ormai perduta, di Parmeniano, successore di Donato il Grande sulla cattedra di Cartagine. Egli, con lucida coscienza, alla metà del iv secolo elaborò in termini teologici una costruzione identitaria che tuttavia gli era pervenuta già ben strutturata: la risposta di Ottato altro non fece che praticare una sorta di praescriptio haereticorum, impossessandosi dei risultati dell’ecclesiologia parmeniana (così come Agostino fece con quella di Ticonio) e riorientandoli in chiave catholica. Questo processo di trasformazione, alla cui luce quei testimoni hanno organizzato – conservandole fino a noi – le informazioni sulle origini dello scisma, ha generato una aberrazione prospettica, imponendo una chiave di lettura (e un modo di porre domande ai testi) estranea ai meccanismi di autocostruzione identitaria da cui quelle fonti sono sgorgate.

5Il primo processo di attribuzione di senso e significato a quanto stava avvenendo nelle comunità africane all’inizio del iv secolo non prese le mosse dalla riflessione teologica, ma dall’elaborazione operata nella catechesi e nella liturgia, entrambe a propria volta caratterizzate da una chiave di lettura di impronta strettamente martirologica. La conferma più interessante, da questo punto di vista, proviene dalle prime fonti di marca “donatista”: si tratta di tre Passiones, quelle relative a Isaac e Massimiano, a Donato e a Marculo. Le prime due costituiscono una esemplare testimonianza esplicita dell’origine omiletica di questo genere di testi, attraverso la mediazione del genere epistolare: la loro destinazione è chiaramente quella di incastonarsi in una celebrazione liturgica, e il loro scopo è quello di offrire una catechesi che si fa teologia della storia e preparazione al martirio. Sono queste le categorie attraverso le quali le comunità nordafricane hanno elaborato una prima interpretazione delle vicende dello scisma: la successiva riformulazione teologica, in chiave di riflessione ecclesiologica, non è perciò sufficiente a dare ragione di quanto ci è pervenuto su quegli anni. Non si può del resto dimenticare questo processo di filiazione, se si tiene conto che l’opera stessa di Parmeniano di Cartagine, che ha dato origine alla rilettura in chiave ecclesiologica dello scisma, era costituita da un gruppo di tractatus, ossia dalla trascrizione e probabilmente dalla sistemazione organica di alcune omelie: un «trait-d’union», dunque, con l’originaria elaborazione semiotica delle comunità donatiste.

  • 3 Cfr. infra, 2.2.3 nota 63.

6Prima di affidare al giudizio del lettore l’analisi così impostata, preme ancora di sgombrare il campo da un possibile equivoco: quella che ho proposto non è una distinzione che in qualche modo istituirebbe una differenza “gerarchica” tra questi processi di elaborazione, una sorta di pretesa che alla base della teologia “alta” si trovasse una costruzione semiotica proveniente dal “basso”, insomma una autocostruzione identitaria generata dalla base dei fedeli e poi assunta - con una presa di controllo radicale - dalle gerarchie, trasformandola in ecclesiologia “alta”. Una lettura di questo genere richiamerebbe assai da vicino quel “modello a due piani” di cui ha brillantemente parlato Peter Brown3, e sarebbe una imperdonabile semplificazione. La dimensione liturgica e quella della catechesi non sono infatti ambiti da cui le gerarchie risultino escluse: sono tuttavia quelli in cui più forte può presentarsi il contributo collettivo delle comunità, e questo è tanto più vero là dove ci si prenda briga di interpretare, liberi da sovrastrutture teologiche, le informazioni che ci sono giunte sulle pratiche cultuali collegate al culto dei martiri.

7I lacerti estratti dalle fonti antiche, liberati dalla cornice interpretativa in cui erano inseriti, possono dunque restituire una prospettiva diversa sugli avvenimenti cui si riferiscono: è la prospettiva da cui i protagonisti di quegli anni osservarono per la prima volta la propria storia, cercando di riconoscervi un significato a partire dal quale costruire il senso futuro del proprio cammino ecclesiale.

8Dato in Milano, nel dies natalis di Perpetua e Felicita (7 marzo 2012)

Notes

1 L’exemplum è tratto da uno dei Sermones Vulgares di Jacques de Vitry; non mi risulta una loro edizione integrale, per cui il riferimento è ancora a Crane 1890, p. 6, in cui l’exemplum è catalogato al nr. XIX. Per lo scioglimento delle abbreviazioni bibliografiche, cfr. la bibliografia finale.

2 Nelle more del processo editoriale sono usciti alcuni studi di spiccato interesse, di cui ho dovuto dar conto solo nelle note, al fine di salvaguardare la scorrevolezza del percorso d’indagine presentato. Soprattutto merita qui un richiamo specifico l’imponente opera di Shawa 2011, focalizzata su una chiave di lettura di tipo sociologico che, per quanto lontana dal mio approccio, offre conclusioni di notevole interesse. La “lontananza” cui faccio qui riferimento è relativa non solo alla prospettiva generale, sul piano metodologico, ma anche ad alcune prese di posizione per me non condivisibili, che prendono le proprie mosse dalla sostanziale svalutazione delle fonti extraafricane e dell’ultimo Agostino: esse riguardano l’interpretazione del fenomeno circoncellionico, al quale questo autore nega qualunque dimensione ascetico-monastica. Per ulteriori spunti rinvio alle note disseminate nei prossimi capitoli, ove ho inserito di volta in volta i rinvii più significativi.

3 Cfr. infra, 2.2.3 nota 63.