Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La biblioteca circolante di Angelo Fortunato Formiggini a Roma

Un’esperienza a cavallo tra biblioteca e editoria

Vittorio Ponzani

Note de l’auteur

Tesi di Dottorato

Dottorato di ricerca in “Scienze librarie e documentarie” (XXIV ciclo)
Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 6 giugno 2013
Tutor prof. Marco Santoro, co-tutor prof. Gianfranco Crupi

Texte intégral

1Il ruolo “atipico” di Angelo Fortunato Formiggini nella storia dell’editoria e della cultura italiana della prima metà del Novecento è ben rappresentato, oltre che dalla sua intera produzione editoriale, dalla creazione della Biblioteca circolante de «L’Italia che scrive», inaugurata a Roma il 1° aprile 1922 a Palazzo Doria e attiva almeno fino al 1939. Nata dall’idea di Formiggini di valorizzare i libri ricevuti in omaggio per recensione per la rivista di informazione bibliografica «L’Italia che scrive», la Biblioteca circolante si ampliò nel corso degli anni fino a mettere a disposizione dei lettori, all’inizio degli anni Trenta, una raccolta che contava circa 40.000 volumi e che ne faceva una delle più grandi biblioteche del suo tempo, se si escludono quelle governative.

2L’oggetto della presente ricerca è la ricostruzione della storia della biblioteca e l’analisi della fisionomia bibliografica della sua collezione libraria, sia in termini quantitativi che qualitativi. La costituzione della biblioteca circolante è stata certamente il risultato di un’operazione intelligente dal punto di vista commerciale e imprenditoriale, sostanzialmente colta, ma soprattutto generosa, per lo sforzo economico e personale di Formiggini, che in essa investì grandi risorse.

3Si evidenzia tuttavia, nel progetto formigginiano, anche una certa ambivalenza in quanto, nonostante le espressioni spesso entusiastiche utilizzate dall’editore in più occasioni su «L’Italia che scrive» e le rilevanti dimensioni assunte nel corso del tempo dalla biblioteca, questa si configurò in realtà come una operazione certamente coerente con la visione culturale di Formiggini e le sue strategie complessive di promozione del libro e della lettura, ma secondaria nell’economia complessiva della casa editrice e soprattutto incapace di incidere e di attrarre significativamente quella borghesia colta verso cui erano prevalentemente indirizzati i servizi della biblioteca e la sua collezione. Non esiste ad esempio alcuna testimonianza che nella sede della biblioteca si siano mai svolte attività culturali, letture pubbliche, presentazioni di libri, convegni o incontri, come invece spesso avveniva presso altri gabinetti di lettura o istituti simili dell’epoca.

4La Biblioteca circolante de «L’Italia che scrive» costituì la concretizzazione di un’idea che Formiggini perseguì per tutta la vita con grande lucidità e con tutti i mezzi a sua disposizione, l’idea cioè che fosse possibile promuovere la cultura solo coinvolgendo e realizzando un dialogo con tutte le diverse componenti sociali, ma che per fare questo fosse indispensabile adottare linguaggi e strumenti di comunicazione diversi, a seconda del livello di comprensione di ciascuna componente. A questo scopo, egli realizzò una impresa editoriale articolata e complessa, in grado da una parte di produrre cultura alta, destinata agli intellettuali e agli studiosi, ad esempio attraverso la creazione delle collane più erudite e di alcune riviste di filosofia; d’altra parte, a favore di una borghesia colta, che non poteva però considerarsi ceto intellettuale, Formiggini si impegnò a far conoscere quanto veniva pubblicato in Italia attraverso «L’Italia che scrive» e realizzò collane in cui l’approfondimento bibliografico era l’elemento caratterizzante, come ad esempio i Profili e le Guide bibliografiche. Infine, per le classi meno agiate, che fino a quel momento avevano avuto ben poche possibilità di accedere a qualsiasi forma di acculturamento o di formazione, oltre ad aver adottato una politica dei prezzi “popolare” per le proprie edizioni, Formiggini realizzò attraverso la sua biblioteca circolante una ricca offerta di narrativa popolare e di manualistica per l’autoformazione. Non sempre però è facilmente riconoscibile quali siano gli specifici destinatari di ogni iniziativa o di ogni collana formigginiana, perché si assiste spesso al mescolamento di istanze colte e popolari, sia per quanto attiene ai contenuti che per il linguaggio utilizzato. «L’Italia che scrive», ad esempio, è una rivista che senz’altro affronta, attraverso interventi o recensioni anche di intellettuali prestigiosi, temi di cultura “alta”, ma d’altra parte essa è programmaticamente destinata a un pubblico che sia il più vasto possibile, e per questo affianca alla riflessione colta uno stile ironico e diretto; la biblioteca circolante, d’altra parte, contiene certamente una quantità notevole di letteratura popolare e di consumo, ma raccoglie anche letteratura e saggistica di qualità.

 

5Per raggiungere l’obiettivo della ricerca e reperire la documentazione necessaria a ricostruire le vicende della biblioteca circolante si sono riscontrate alcune gravi lacune: sono andati dispersi, ad esempio, tutti i documenti amministrativi o contabili relativi alla biblioteca, come pure i registri di inventario dei volumi e i registri dei prestiti. Sono invece risultate disponibili e particolarmente utili altre fonti, in particolare l’Archivio editoriale e l’Archivio familiare di Formiggini, conservati entrambi presso la Biblioteca universitaria Estense di Modena, come pure la ricca messe di informazioni e riflessioni pubblicate su «L’Italia che scrive» in un ventennio di attività e, più in generale, la documentazione reperita su monografie e riviste.

6Si è quindi ricostruito la storia della biblioteca circolante, dalla sua inaugurazione nel 1922 alla conclusione di questa esperienza, con la vendita della biblioteca ad Alfredo Fioroni, alla fine del 1936, dopo il fallimentare tentativo di donarla alla città di Roma tramite il Governatore Francesco Boncompagni Ludovisi. Ne sono state inoltre indagate le caratteristiche di servizio e confrontate con quelle di analoghe esperienze (biblioteche circolanti, biblioteche private, gabinetti di lettura, circoli filologici ecc.) attive nello stesso periodo o in quello immediatamente precedente, alle quali Formiggini può aver fatto riferimento come modello per le scelte organizzative della sua biblioteca. Sono state inoltre analizzate le modalità di acquisizione del materiale librario, individuando le fonti di approvvigionamento di libri utilizzate per arricchire la raccolta, al fine di renderla sempre più “competitiva” dal punto di vista imprenditoriale: in una prima fase sono stati integrati nella raccolta, e ne costituiscono il nucleo originario, i volumi ricevuti per recensione dalla rivista «L’Italia che scrive»; a questi si sono poi aggiunti quelli provenienti dall’acquisto di fondi privati, quando non di intere biblioteche circolanti già esistenti, come è dimostrato nel caso della Biblioteca circolante “Eppur si muove” di Napoli.

7Per l’analisi della raccolta libraria della biblioteca ci si è avvalsi dei cataloghi a stampa, in mancanza dei corrispettivi cataloghi a schede andati smarriti, al fine di verificare i criteri di scelta e le modalità di incremento della raccolta anche attraverso il confronto delle diverse edizioni disponibili, cioè quella del 1924 e la successiva del 1933, l’ultima curata da Formiggini prima della cessione della biblioteca a Fioroni. In questo modo è stato possibile evidenziare le tendenze culturali e i filoni letterari presenti nella raccolta, con particolare riferimento alla presenza di opere di letteratura italiana e straniera, di long sellers e di saggistica.

 

8A proposito della fisionomia generale della raccolta, Formiggini dichiara senza tentennamenti che il suo intendimento è quello di costituire una biblioteca di libri ameni e di cultura generale, che escluda quindi i libri specializzati in qualsiasi ambito («o, se qualcosa c’è, c’è per caso e non per la nostra espressa volontà»). Questo non significa però che la biblioteca non abbia o non voglia avere una peculiare identità e un suo carattere, ma semplicemente – afferma Formiggini – che «l’idea di mettere insieme una Biblioteca circolante con carattere universale sarebbe un assurdo».

9Nell’edizione a stampa del catalogo del 1933, che rappresenta il momento di massima espansione della biblioteca, prima della involuzione che porterà Formiggini a cederla pochi anni dopo, sono presenti oltre 17.000 titoli di circa 8000 autori, un numero che sembra corrispondere ai 40.000 volumi dichiarati da Formiggini in diverse occasioni, se si tiene conto delle opere in più volumi e dei quelle, magari maggiormente richieste, conservate in più copie.

10La cospicua raccolta della biblioteca, nonostante sia stata costituita almeno in parte attraverso l’acquisizione di altre collezioni, come ad esempio quelle di biblioteche circolanti non più esistenti, riflette comunque gli interessi culturali di Formiggini e l’idea dello stesso editore di creare una biblioteca circolante destinata alla borghesia colta. Questo orientamento fu mantenuto con una certa coerenza non solo perché una parte della raccolta è costituita dalle pubblicazioni della casa editrice (anche se non sono presenti nella loro totalità), in particolare da quelle collane che esprimono compiutamente il medesimo spirito divulgativo e allo stesso tempo colto che ha improntato la creazione della biblioteca, ma anche perché almeno una parte della collezione è costituita dai libri ricevuti per recensione per la rivista «L’Italia che scrive» e, più in generale, perché l’indirizzo culturale che ha orientato la costituzione della raccolta corrisponde a quello che guidò Formiggini nella sua trentennale attività di editore. Il ritrovamento, presso la Biblioteca Estense, di oltre 500 volumi appartenenti alla Biblioteca dell’ICS è stato particolarmente importante non solo per poter analizzare i caratteri paratestuali di un numero significativo di esemplari di quella collezione, ma anche per cercare risposte ad alcuni interrogativi, altrimenti irrisolti, sulla organizzazione e il funzionamento della biblioteca formigginiana.

11Anche in relazione alla scarsità dei documenti amministrativi disponibili, si è ritenuto opportuno ampliare l’ambito di ricerca, approfondendo la vasta rete di relazioni che Formiggini stabilì con il mondo dei bibliotecari e delle biblioteche, considerate di volta in volta come clienti della sua casa editrice, luoghi di promozione e diffusione della lettura, interlocutori di alto livello nell’affrontare temi culturali, al fine di comprendere meglio l’iniziativa formigginiana, contestualizzandola nel sistema bibliotecario dell’epoca. L’interesse di Formiggini per le biblioteche, infatti, ha origine fin dagli anni precedenti alla Grande guerra, quando si occupò dell’allestimento di biblioteche da campo per i soldati, e proseguì nel periodo successivo scrivendo o commissionando ai suoi collaboratori articoli sulle biblioteche e sul mondo del libro da pubblicare su «L’Italia che scrive» e partecipando ai più importanti congressi dei bibliotecari.

12Al di là delle competenze teoriche ricavate dalla lettura di articoli e saggi pubblicati sulle riviste specializzate, infatti, la conoscenza che Formiggini ebbe del mondo delle biblioteche passò in gran parte proprio attraverso la partecipazione ai congressi bibliotecari, nazionali e internazionali, in cui si dibattevano i temi di maggiore interesse e attualità, e di conseguenza attraverso i rapporti umani, che spesso si trasformarono in vere e proprie amicizie, con i più importanti bibliotecari italiani dell’epoca, con i quali si confrontò spesso su tematiche relative alla circolazione del libro e alle modalità di organizzazione delle biblioteche. Formiggini partecipò infatti, oltre ai congressi dell’Associazione dei bibliotecari italiani, a quella che fu una delle manifestazioni più importanti del settore a livello internazionale, cioè al Primo Congresso mondiale delle biblioteche e di bibliografia, che si tenne tra Roma e Venezia dal 15 al 30 giugno 1929, dove fu coinvolto su due fronti: da una parte fu invitato a tenere una relazione, nella sezione dedicata a Industria del libro e bibliofilia, che intitolò Coscienza libraria e propaganda del libro, dall’altra fu incaricato dal Comitato esecutivo del Congresso di occuparsi della stampa e della divulgazione dei comunicati ufficiali del Congresso stesso, che Formiggini pubblicò regolarmente su «L’Italia che scrive».

13In conclusione, si può affermare che la Biblioteca circolante de «L’Italia che scrive» costituisce certamente un episodio significativo nella storia delle biblioteche italiane dal punto di vista della consistenza della raccolta e della durata in vita, ma deve essere complessivamente considerata una esperienza almeno parzialmente fallimentare, non solo per quanto riguarda l’impossibilità di trasformarsi in una vera e propria istituzione riconosciuta e in un interlocutore delle forze culturali del Paese, ma anche per quanto riguarda la sua fine “ingloriosa” che, al di là delle politiche antisemite del regime, del personale ostracismo di Gentile nei confronti di Formiggini e della superficialità che lo stesso Formiggini manifestò nella gestione degli aspetti imprenditoriali ed economici della sua azienda, è più probabilmente da ascrivere alla scelta, forse troppo in anticipo sui tempi, di avere scelto come pubblico di riferimento quello – certamente minoritario – costituito da una borghesia colta che non trovava soddisfazione alle proprie esigenze di lettura nelle biblioteche popolari ma che non fu pronta ad accogliere e a partecipare alla cultura bibliografica e tendenzialmente universalistica dell’editore Formiggini.

Auteur

Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search