Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

L’“information literacy” nelle biblioteche universitarie italiane

Stefano Passerini

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Storia e scienze della Documentazione”
Università degli Studi di Perugia

Tesi discussa il 15 febbraio 2011
Relatore prof. Andrea Capaccioni, correlatore prof. Franco Lorenzi

Texte intégral

1Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta del Novecento la società dell’informazione ha subito profonde trasformazioni a causa principalmente dello sviluppo della rete e dell’aumento della documentazione elettronica e digitale. Tutto ciò ha provocato dei cambiamenti in generale nell’organizzazione dell’informazione e, nello specifico, ha costretto le biblioteche a mettere in discussione la loro tradizionale mission. A fronte di ciò anche il rapporto tra la biblioteca e il suo pubblico è andato trasformandosi. In questo nuovo contesto è nata e si è sviluppata l’information literacy che ha il compito di analizzare le esigenze informative di un ambiente, un territorio o un’istituzione e di promuovere attività formative in grado di far acquisire quelle abilità e competenze informative necessarie a localizzare, valutare ed utilizzare efficacemente l’informazione. Negli anni Settanta si era diffuso il concetto di learning society e conseguentemente il tema della formazione permanente. Questo tema veniva utilizzato per indicare una società al passo con lo sviluppo tecnologico, sempre più complesso ed in costante evoluzione, dove le trasformazioni economiche, sociali e politiche, imponevano un prolungamento del processo formativo per tutto l’arco della vita (lifelong learning). La società dell’apprendimento impone alle biblioteche di qualsiasi tipologia profondi cambiamenti: il concetto di apprendimento esaminato comprende l’apprendimento nelle biblioteche concepito come un progresso intenzionale che dura tutta la vita di una persona, e che risponde continuamente alle sfide di una società in continua trasformazione anche attraverso l’aggiornamento costante delle conoscenze e delle capacità acquisite inizialmente. Dagli anni Novanta in poi è stato riconosciuto un ruolo nuovo ed esteso alle biblioteche pubbliche, che sono gradualmente divenute i maggiori centri per l’apprendimento permanente, mentre quelle universitarie e scolastiche sono normalmente prese come riferimento quando si parla di sviluppo del ruolo educativo. Questo nuovo ruolo delle biblioteche pubbliche è stato riconosciuto anche grazie all’IFLA e all’Unesco che nel 2000 hanno dato vita a un progetto legato ai temi dell’apprendimento lungo tutto l’arco della vita e rivolto alle biblioteche pubbliche stesse. L’IFLA combina il concetto di apprendimento con quello di alfabetizzazione, considerando quest’ultima come il risultato diretto dell’apprendimento continuo, in quanto secondo tale approccio le persone che sanno leggere e scrivere, sviluppano contemporaneamente anche la curiosità, l’autonomia e quindi la capacità di saper apprendere in modo permanente. In questo contesto è evidente il ruolo di primaria importanza assunto dall’information literacy. L’IFLA inoltre sostiene che l’attività delle biblioteche pubbliche non si limiti esclusivamente all’alfabetizzazione; esse devono assumere un ruolo attivo nell’apprendimento permanente e creare strumenti per le biblioteche e i bibliotecari per renderli agenti attivi del sistema formativo. Queste attività quindi dovrebbero consistere nell’individuare l’utenza di riferimento e stimolare in diversi modi l’apprendimento. Secondo l’IFLA, dovrebbero essere apportate quattro aree di cambiamento: strategia della biblioteca (che va inserita nella politica locale di lifelong learning), cooperazione con i docenti, nuova organizzazione degli spazi delle biblioteche e rinnovamento dei servizi, infine un cambiamento dei profili professionali. In quest’ottica le biblioteche potranno essere coinvolte in programmi di formazione e-learning, creare laboratori per l’apprendimento e altro ancora. Nella realizzazione della learning society, l’università riveste infatti un ruolo di primaria importanza grazie alla ricerca scientifica e alle attività didattiche permette la nascita e la trasmissione di un sapere critico. Per tal motivo essa deve poter disporre di un’offerta formativa ampia ed articolata che sappia rispondere all’evoluzione della domanda sociale di formazione ed ai mutamenti del sistema produttivo e del mercato del lavoro. In questa ottica la biblioteca universitaria ha assunto ormai da anni un nuovo ruolo: non è più soltanto il luogo della ricerca bibliografica ma è diventata un luogo di accesso all’informazione, attivo anche in ambito didattico. Il passaggio dalla politica del possesso a quella dell’accesso ha permesso alla biblioteca universitaria di superare la sua tradizionale vocazione alla conservazione, e di diventare un’organizzazione di servizio e un centro di risorse informative. Di conseguenza anche gli spazi della biblioteca sono stati ripensati in relazione al suo nuovo ruolo formativo: bisogna tener conto di spazi per attività di gruppo (lezioni, seminari, incontri). Così la biblioteca formativa passerà attraverso una programmazione di corsi, seminari e presentazioni delle nuove risorse della biblioteca, in modo tale da offrire costantemente all’utente un insieme di stimoli all’alfabetizzazione informativa.

2In questo contesto, anche il ruolo del bibliotecario si è trasformato assumendo connotati da formatore e da guida per l’utente; il suo compito oggi è quello di rendere l’utente autonomo nella ricerca e nell’utilizzo dell’informazione attraverso l’acquisizione di specifiche abilità informative. Lo stesso bibliotecario dovrà accettare la sfida posta in essere dal ruolo educativo, dovrà saper apprendere e continuamente aggiornarsi per migliorare le proprie capacità da insegnante. Il servizio di reference giocherà così un ruolo decisivo essendo da sempre il servizio più partecipativo, interattivo, didattico, orientato alle informazioni ed in grado di rendere l’utente indipendente nella ricerca. Il bibliotecario, però, per assolvere al meglio le sue nuove funzioni deve acquisire competenze adeguate come afferma l’Association of College & Research Libraries (ACRL) e l’International Federation of Library Association (IFLA). In Italia, sembrano essere poco utilizzati i pacchetti formativi e i tutorial fondati sul web, creati dalle biblioteche delle università e di ricerca; nonostante questo sembra che si cominci a intravedere una nuova attenzione verso le più recenti applicazioni relative all’e-learning che permettono la realizzazione di pacchetti per la formazione degli utenti, accessibili liberamente a distanza.

3L’information literacy nelle università, a livello internazionale, si fonda su due fattori importanti: competenza tecnica e conoscenza critica. Per la prima possiamo osservare che è sempre più alto il numero degli studenti universitari che sanno utilizzare il computer e navigare su internet mentre per la seconda risulta notevolmente meno diffuso tra gli utenti un uso consapevole delle tecnologie. L’OCLC Reports del 2006 sostiene che l’89% degli studenti universitari utilizza i motori di ricerca per iniziare una ricerca delle informazioni, il 2% a partire da una biblioteca online; inoltre il 93% degli studenti rimangono soddisfatti o molto soddisfatti per il loro utilizzo del motore di ricerca. L’apparente facilità con la quale viene utilizzato un computer per le proprie ricerche, in realtà, nasconde seri problemi; i giovani spendono poco tempo per valutare aspetti come la rilevanza, l’accuratezza e l’autorità dell’informazione acquisita su internet. L’information literacy rappresenta il rimedio per gestire il problema della qualità dell’informazione. La grande sfida che si prospetta per le università è quella di accompagnare, da un lato, i propri studenti nell’ambito tecnologico e, dall’altro, proporre un approccio a strumenti tecnologici, tecniche ed istruzioni per l’uso prendendosi cura anche delle loro capacità critiche. Il ricorso alle attività di information literacy è cresciuto notevolmente con l’avvento di internet e il libero accesso all’informazione. Quest’ultimo però presenta un profondo divario (digital divide) tra paesi ricchi e poveri. Uno dei principali compiti delle biblioteche pubbliche è quello di superare questo divario attraverso la promozione di iniziative. Gli obiettivi della mia ricerca, dato il contesto, sono stati dunque quelli di indagare la diffusione di iniziative di information literacy promosse dalle università italiane.

4La tesi è articolata in tre capitoli: il primo capitolo è focalizzato sul termine information literacy, il suo processo storico e il suo impatto socio-culturale. Il secondo capitolo ha preso in esame il nuovo ruolo assunto dalle biblioteche universitarie italiane e dai bibliotecari con l’introduzione dell’information literacy, le tecnologie a supporto dell’information literacy, e una ricerca volta ad indagare i servizi di information literacy messi a disposizione dalle università italiane. La ricerca da me sviluppata ha analizzato tutti gli atenei universitari italiani (80) ed è stata effettuata consultando le pagine web delle singole università e in particolare dei sistemi bibliotecari. Nell’analisi ho considerato come information literacy solo quei servizi di formazione programmati; di conseguenza sono stati esclusi i servizi di reference che includono servizi di assistenza nella ricerca bibliografica e orientamento all’interno della biblioteca. I termini utilizzati nell’analisi sono i seguenti: information literacy, competenza informativa, alfabetizzazione informativa, alfabetizzazione alla ricerca e all’uso dell’informazione, cultura dell’informazione. Il terzo e ultimo capitolo ha preso in esame un caso specifico: il progetto del Laboratorio di Informatica per le Scienze Umane dell’Università degli Studi di Perugia. Nell’ambito di questo progetto si sono intrapresi corsi di information literacy volti al conseguimento dell’idoneità informatica (divisa in idoneità informatica di base e competenze bibliografiche) da parte degli studenti ed è stata l’occasione per mettere in pratica quanto studiato per la preparazione della tesi.

 

5I risultati della ricerca hanno mostrato in primo luogo difficoltà terminologiche: solo le università di Cosenza, di Firenze, di L’Aquila, di Milano nelle sedi della Statale, della Bicocca e del Politecnico, di Modena-Reggio Emilia, di Parma, di Roma presso La Sapienza e di Trieste mettono a disposizione dei propri studenti attività di formazione riconducibili all’information literacy. Tra gli altri termini inseriti solo “competenza informativa” ha prodotto alcuni risultati nei portali dell’Università di Trieste e di Castellanza LIUC. La ricerca ha messo in evidenza che solo 22 atenei su gli 80 totali dispongono di attività o iniziative riconducibili all’information literacy. Il Sistema Bibliotecario dell’Università di Bologna appare il più interessato e sensibile alle tematiche trattate nella nostra ricerca per la completezza e la professionalità dell’offerta messa a disposizione dei propri utenti: iniziative di formazione, il corso di information literacy (tutorial che permette di acquisire una alfabetizzazione informativa in autoapprendimento), il tutorial catalogo periodici e il tutorial catalogo libri. Il ruolo guida che svolge l’Università di Bologna è testimoniato da alcuni atenei – Bolzano, Cosenza, ModenaReggio Emilia, Politecnico di Milano – che contengono nel proprio sito il link al corso di information literacy promosso da questa università. L’università di Castellanza LIUC ha intrapreso una stretta collaborazione tra scuole superiori e università, segno dell’importanza che viene riconosciuta all’information literacy.

6Nel loro complesso i risultati dell’analisi hanno messo in evidenza i differenti tipi di offerta informativa e le diverse modalità di fruizione. L’obiettivo comune di queste attività è di rendere gli utenti autonomi nell’utilizzo dei cataloghi in linea (OPAC), dei periodici elettronici e delle banche dati, nella ricerca bibliografica, nel reperimento delle risorse informative specialistiche, facilitare l’accesso degli utenti alla documentazione cartacea e a strumenti bibliografici elettronici ed innovativi, e, infine, indirizzare gli studenti che devono redigere relazioni e tesi di laurea verso le tecniche e le modalità più opportune per la redazione dei testi e delle citazioni bibliografiche.

Auteur

Università degli Studi di Perugia

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr