Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

L’integrazione delle culture in biblioteca: le raccolte e i servizi multiculturali

Moira Minafro

Note de l’auteur

Tesi di Diploma

Scuola di specializzazione in “Beni archivistici e librari”
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 24 gennaio 2011
Relatrice prof.ssa Maria Teresa Biagetti, correlatore prof. Alberto Petrucciani

Texte intégral

1Le biblioteche sono sempre state coinvolte nel dibattito sul multiculturalismo perché considerate uno strumento di controllo sociale, ruolo dal quale si sono emancipate incominciando a offrire una gamma di servizi, non solo strettamente bibliotecari, a supporto delle minoranze. Lo scopo della ricerca è stato dunque quello di mettere a confronto le modalità di erogazione dei servizi multiculturali nelle biblioteche di diverse parti del pianeta, per individuare le caratteristiche comuni e le differenze.

 

  • 1 IFLA, Multicultural communities: guidelines for library services, IFLA, Section on Library Services (...)

2Per farlo, è stato innanzitutto analizzato il concetto di multiculturalismo sulla base dei principi fondamentali dettati dall’UNESCO nella Dichiarazione universale sulla diversità culturale e nel Manifesto per le biblioteche pubbliche, poi, sono state analizzate le Linee guida per i servizi multiculturali1 volute dall’IFLA, delle quali nel 2009 è uscita la terza edizione. Nei documenti citati e in quelli emanati dall’Unione europea, emerge un’idea comune di multiculturalismo, che propugna il rispetto dell’identità culturale della persona e la valorizzazione delle differenze, attraverso la rimozione di tutti gli ostacoli che ne impediscono la realizzazione. In campo biblioteconomico, questo significa proporre una varietà di servizi, risorse elettroniche e collezioni nelle lingue preferite dagli utenti che da un lato permettano alle minoranze di mantenere un contatto con il paese di origine, dall’altro le aiutino a inserirsi nel paese in cui si trovano a vivere. Oggi, in quasi tutti i paesi caratterizzati da diverse componenti etniche, i servizi multiculturali sono consolidati nei sistemi bibliotecari, ma non è sempre stato così: differenti scuole di pensiero e fasi storiche alterne hanno reso il loro sviluppo altalenante, quindi per comprenderne meglio l’evoluzione, i servizi multiculturali sono stati proiettati – nel contesto della tesi - nel più ampio contesto storico, culturale e sociale in cui si sono sviluppati. Ogni paese ha seguito un percorso diverso, legato alla sensibilità civile e istituzionale dello stesso.

3Nella tesi sono stati proposti una serie di esempi “virtuosi” di biblioteche o sistemi bibliotecari che organizzano i servizi multiculturali, per verificare se fanno riferimento alle Linee guida e per trovare eventuali elementi di originalità. Ciò che è emerso è particolarmente interessante: infatti, è stato possibile constatare che, nonostante premesse socioculturali molto diverse, singole realtà, distanti tra loro geograficamente e culturalmente, sono giunte in maniera autonoma a dare un aspetto molto simile ai servizi multiculturali. Il lungo dibattito sorto attorno a questo tema ha dato come frutto proprio le Linee guida che, al tempo stesso, sono il punto di convergenza di molteplici esperienze concrete, e il punto di riferimento imprescindibile per offrire dei servizi multiculturali adeguati. In estrema sintesi, i paesi extraeuropei di cultura anglosassone (USA, Canada, Australia), nonostante una forte radice culturale comune e alcune vicende storiche analoghe (migrazioni, schiavismo, la questione tuttora aperta dei nativi), hanno una configurazione completamente diversa.

4Il Canada ha sancito il bilinguismo già nel lontano 1867 e ha introdotto il concetto di multiculturalismo nella costituzione nel 1982. Qui l’erogazione dei servizi multiculturali è gestita a livello statale dalla National Library che fornisce alle biblioteche del paese gli strumenti e il know-how per il loro buon funzionamento.

5Negli Stati Uniti non è così, basti pensare che in alcuni Stati la segregazione razziale è rimasta in vigore fino agli anni Cinquanta. In realtà l’American Library Association aveva già da tempo tentato di abbattere il muro del razzismo, tuttavia, l’organizzazione dei servizi multiculturali, per molti anni è stata affidata soprattutto alla buona volontà dei bibliotecari, conseguendo risultati eccellenti: l’esempio più emblematico si trova a New York, alla Queen’s Library, la cui attività è considerata un modello da imitare.

6Anche in Australia, in seguito a un consistente flusso immigratorio dal secondo dopoguerra in poi, è giunto l’intervento del legislatore contro le discriminazioni razziali, i cui effetti si sono subito fatti sentire nel settore culturale. Ciascuno Stato federale gestisce i servizi nei territori di propria pertinenza, ma ci sono importanti iniziative coordinate a livello centrale, come il portale Mylanguage che mette a disposizione una grande quantità di risorse elettroniche in moltissime lingue.

7In Europa lo sviluppo e l’erogazione dei servizi sono molto eterogenei. La Gran Bretagna e la Germania hanno subito un’immigrazione di massa negli anni sessanta, dopo la fine del colonialismo, ma, anche se sono state adottate quasi subito politiche di inclusione sociale, le scarse risorse economiche a disposizione non hanno consentito uno sviluppo efficace dei servizi multiculturali fino agli anni novanta. Molto particolare è il caso dei paesi scandinavi che hanno generato delle iniziative a difesa delle culture autoctone, di per sé molto rare. Da questa necessità è maturata la consapevolezza che tutte le minoranze hanno la stessa dignità, di conseguenza hanno costituito i servizi multiculturali che sono coordinati a livello centralizzato dalle biblioteche nazionali, anche per via della conformazione del territorio. Qui, più che altrove, è evidente l’attenzione ai bisogni dei bambini, infatti la maggior parte delle iniziative si rivolge a essi. Per finire, la Spagna e l’Italia fino a circa trent’anni fa erano paesi di emigranti ma un miglioramento delle condizioni economiche ha invertito la tendenza e sono diventati a loro volta meta di molti immigrati. Questo ha fatto sì che il dibattito sul multiculturalismo si aprisse con forte ritardo rispetto agli altri paesi citati.

 

8Alla fine di questa panoramica abbiamo trovato pregi e difetti nei diversi approcci ai problemi concreti, abbiamo visto dove e come i principi dai quali siamo partiti sono stati seguiti e soprattutto, abbiamo trovato le procedure comuni a tutte le realtà in cui i servizi multiculturali funzionano meglio e che, non a caso, sono parte delle indicazioni fornite dall’IFLA nelle Guidelines. Innanzitutto sono fondamentali due cose: l’analisi della composizione etnica del territorio per capire chi sono gli interlocutori delle biblioteche, e il coinvolgimento dei rappresentanti delle stesse per conoscere i reali bisogni delle popolazioni locali; una volta stabilite le priorità e gli obiettivi, essi si possono raggiungere attraverso alcune iniziative; quelle più comuni sono le seguenti: l’incremento delle collezioni nelle lingue preferite dai residenti nel territorio di competenza, l’organizzazione di corsi di lingua gratuiti (in alcuni casi, come negli USA, sono istituzionali), la creazione di eventi culturali e sociali a tema in diverse lingue, un’offerta di risorse elettroniche su piattaforme multilingue; è auspicabile inoltre, la presenza di personale multietnico, in grado di fornire informazioni non solo bibliografiche anche ai nuovi immigrati.

Notes

1 IFLA, Multicultural communities: guidelines for library services, IFLA, Section on Library Services to Multicultural Populations, 1987. Edizioni successive: IFLA, Multicultural Communities. Guidelines for Library Services, 2nd edition revised, IFLA, Section on Library Services to Multicultural Populations, 1998, trad. it.: Linee Guida per i servizi multiculturali nelle biblioteche pubbliche, a cura di A. Delle Piane e A. Pietrangeli, Roma: AIB, 2003; Multicultural Communities: Guidelines for Library Services, 3rd edition, IFLA 2009, http://www.ifla.org/files/assets/library-services-to-multicultural-populations/publications/multicultural-communities-en.pdf. La traduzione italiana non è ancora disponibile.

Auteur

La Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search