Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Il futuro del libro nella percezione dei giovani lettori: un’indagine tra gli studenti del liceo classico “G. Berchet” di Milano

Ester Marinelli

Note de l’auteur

Tesi di Laurea triennale

Corso di laurea in “Scienze dei Beni Culturali”
Università degli studi di Milano

Tesi discussa il 27 febbraio 2013
Relatore prof. Fabio Venuda

Texte intégral

1Negli ultimi cinque secoli il libro è rimasto sempre pressoché identico a se stesso, almeno nella sua forma o “veste”. Tuttavia, da circa una decina d’anni, esso si sta confrontando con un nuovo concorrente, che mira a prenderne il posto: il libro elettronico. Molti i pareri a riguardo, da chi sostiene che l’ebook non possa nemmeno definirsi libro, a chi pensa che sia solo questione di tempo prima che il testo stampato scompaia definitivamente. La letteratura di riferimento individua diverse “variabili”, a favore o contro i nuovi dispositivi per la lettura, che influenzano sia la scelta dei lettori, sia quella delle case editrici, e che pertanto potrebbero portare o allo sviluppo del libro elettronico o alla persistenza di quello cartaceo. Tra tutte quelle possibili, si è scelto di considerare nel lavoro di tesi la variabile “lettore”, nell’opinione che, per quanto anche gli altri fattori siano validi, tutto comunque si riduca alla scelta che ogni lettore compie volta per volta. In particolare, si è voluto indagare il pensiero di una specifica categoria di lettori, quella dei giovani, nella convinzione che il futuro del libro risieda nella scelta che loro opereranno nei prossimi anni e che essi siano neutrali nel valutare i pro e i contro del libro elettronico e di quello stampato, dal momento che si avvalgono sia dell’uno che dell’altro per le loro letture. L’ipotesi da cui si è partiti è stata che nell’evoluzione tecnologica dei dispositivi dedicati per la lettura sarebbe risieduta la principale causa della scomparsa delle opere cartacee. Gli ebook cioè non solo dovrebbero offrire tutte le caratteristiche di un testo a stampa apprezzate dai lettori, ma anche un valore aggiunto che li renda più desiderabili e determini di conseguenza la scomparsa del concorrente cartaceo.

 

2Per queste ragioni, il tema è stato trattato sotto due prospettive: cosa il mercato dell’ebook offre attualmente e quali le opinioni dei giovani lettori. Nel primo capitolo dunque ci si è occupati del libro elettronico, di cui si sono fornite alcune delle principali definizioni date da diversi enti e autori, e si è tracciato un quadro delle principali interfacce software e hardware oggi presenti sul mercato, soffermandosi anche sui dispositivi dedicati detti di “terza generazione”, realizzati cioè con tecnologia HD o OLED. In seguito, si espongono le diverse modalità di fruizione di un testo, per sottolineare come un ebook non possa definirsi “libro” se non si presta ad essere letto in ogni modo e circostanza, e si riassumono i vantaggi e gli svantaggi del libro elettronico, sia nella sua componente software che hardware.

3La metodologia utilizzata, ossia il focus group, è affrontata nel secondo capitolo, in cui se ne descrivono le fasi fondamentali, il metodo di formulazione delle domande (questioning route) e i vantaggi di questo sistema rispetto ad altri ai fini della ricerca: un metodo flessibile (poiché consente ai soggetti di approfondire ciò di cui si sta discutendo), che permette di ottenere informazioni sul comportamento non verbale dei partecipanti e favorisce la libera espressione di opinioni (da sottolineare che in Italia non era mai stato condotto questo tipo d’indagine secondo la prospettiva di lettori cosi giovani). La “popolazione campione” è stata individuata nei ragazzi degli istituti superiori e precisamente negli studenti di un liceo classico, scelto nella convinzione che gli alunni di questo istituto fossero più portati alla lettura e, di conseguenza, più interessati e interessanti relativamente all’argomento d’indagine. Il liceo classico “G. Berchet” di Milano è stato preferito per l’aperta disponibilità e il sincero interesse dimostrato sia dagli insegnanti che dagli studenti coinvolti, nonché da una personale preferenza in quanto ex allieva dell’istituto. Per quanto riguarda i partecipanti, si è deciso di prendere soggetti appartenenti ad una stessa classe, per far sì che l’incontro avvenisse tra persone che già si conoscevano e pertanto in modo da favorire il più possibile la discussione. In particolare, si è scelta una classe che condivideva alunni impegnati nel servizio bibliotecario interno della scuola e si è deciso di sottoporre un questionario preliminare esclusivamente a tali ragazzi, con l’obiettivo di verificare che gli studenti individuati condividessero determinate caratteristiche, necessarie per selezionarli come partecipanti al focus group. Dei dieci studenti scelti, hanno partecipato alla sessione di discussione in otto. Per l’analisi dei dati si è scelto un approccio di tipo qualitativo.

4Nel terzo capitolo ci si è occupati infine dei principali risultati prodotti da altre ricerche sullo stesso argomento: nello specifico, il focus group condotto presso l’Arizona State University Libraries nel 2007 da D. M. Carlock e A. M. Perry sulle percezioni e gli usi degli ebook; l’indagine per questionari presso il Queens College di New York condotta nel 2010 da N. M. Foasberg con gli studenti che avevano una qualche esperienza del formato; e uno dei tre focus group condotti presso la Biblioteca civica di Cologno Monzese nel 2010. Di seguito, si espongono i risultati del focus group tenutosi con gli studenti del liceo classico “G. Berchet” di Milano.

 

5Il focus group è stato chiamato a rispondere a cinque categorie di domande:

  1. domanda di apertura: è stato chiesto loro di presentarsi brevemente;

  2. domande introduttive:
    a) «cosa leggete per conto vostro?»,
    b) «cosa condiziona le vostre scelte?»,
    c) «in che momenti preferite leggere?»;

  3. domanda di transizione: «cosa è per voi un libro elettronico?»;

  4. domande sostanziali:
    a) «cosa dovrebbe essere per voi un ebook? Inteso sia come software che hardware.»,
    b) «che funzioni/caratteristiche vorreste che avesse il software? E il dispositivo fisico?»,
    c) «come e dove lo utilizzereste? Sola lettura o anche per vedere video, ascoltare musica, …? Lo portereste in spiaggia ad esempio?»,
    d) «usereste l’e-reader per leggere testi didattici?»,
    e) «quale sarebbe un prezzo accettabile per un supporto di lettura? E per un contenuto digitale?»;

  5. domanda finale: «sulla base di quanto detto, ritenete possibile la completa sostituzione del libro cartaceo con l’ebook, così come è stato definito nelle sue componenti software e hardware?».

1. Abitudini di lettura dei partecipanti alla discussione

6Dall’indagine è risultato che tutti gli otto studenti leggono principalmente romanzi, anche grandi classici. Relativamente a cosa condiziona le scelte, al di là della preferenza per un genere piuttosto che per un altro, la maggior parte ha affermato che dipende molto dal tempo che hanno a disposizione. In particolare, sette ragazzi su otto hanno affermato che la lettura costituisce la principale e prima attività di svago durante le vacanze, anche se non è la sola.

7Riguardo al momento della giornata in cui preferiscono dedicarsi alla lettura di un libro, in sei hanno detto di preferire la sera, perché vi si possono dedicare completamente senza distrazioni. Inoltre, sette studenti hanno affermato di avere sempre un libro con loro quando pensano di poter avere dei “tempi morti” da occupare; in particolare, quattro dei partecipanti leggono molto sui mezzi pubblici durante il viaggio da casa a scuola e viceversa.

8Si è inoltre domandato quanti di loro fossero soliti ascoltare musica durante la lettura: in cinque hanno dichiarato di farlo regolarmente, purché si tratti di qualcosa di conosciuto o non in italiano. Il quesito è servito come riscontro rispetto a quanto è emerso a proposito delle funzioni che un e-reader dovrebbe avere e all’uso che se ne potrebbe fare. In particolare, è stato interessante notare come tutti i ragazzi fossero concordi nel voler mantenere le diverse “attività” (ascoltare musica, leggere, ecc.) separate anche su un piano fisico, ossia avere dispositivi diversi per i differenti usi.

1.1 Come i “giovani lettori” vedono gli ebook

9Molti i commenti fatti sull’argomento. Uno dei partecipanti ha tuttavia ben riassunto i pro e i contro degli attuali dispositivi hardware e software: «il dispositivo è l’ebook reader: comodo da trasportare e con cui ci si può portar dietro molti libri. L’ebook è un testo, qualcosa che va letto su un dispositivo di almeno 7 pollici, e in alcuni casi, su uno smartphone. L’e-reader ha uno schermo ancora troppo grigio rispetto alla carta e a volte ha dei riflessi, mentre gli smartphone presentano problemi di adattabilità della pagina, soprattutto se è scritta in formato pdf». Nello specifico, quattro dei partecipanti si sono dimostrati scettici nei confronti di questi dispositivi, anche se una studentessa ha dichiarato che li vedrebbe più per una lettura di studio che per altri tipi di fruizione, mentre un ragazzo concepisce l’uso del dispositivo solo per una lettura leggera. I quattro studenti che invece hanno avuto modo di sperimentarli sono più aperti rispetto ad un loro futuro utilizzo su ampia scala, in particolare per una fruizione rilassata e in mobilità.

1.2 Cosa i ragazzi si aspettano dai dispositivi dedicati

1.2.1 Cosa dovrebbe essere un ebook

10In base alle aspettative degli intervistati, esso deve riprodurre fedelmente l’aspetto di un libro cartaceo e tutto ciò che con esso si può fare: prestarlo, conservarlo, tramandarlo. Pertanto, quello che si acquista dovrebbe essere di proprietà e l’aggiornamento dei diversi software gratuito, affinché un contenuto sia leggibile anche a distanza di molti anni. Inoltre, così come un libro stampato viene concepito dall’autore e dall’editore con una certa veste grafica, come ad esempio una certa impaginazione, anche l’ebook dovrebbe essere ideato e realizzato allo stesso modo. Riguardo alle caratteristiche e alle funzioni che il dispositivo dovrebbe avere, in primo luogo si sono ribadite quelle che esso ha già e che “funzionano”: la trasportabilità, il peso ridotto, l’alta capienza di contenuti, lo schermo non retroilluminato. Altre invece sono quelle che si dovrebbero perfezionare, come il segnalibro automatico nel punto in cui si interrompe la lettura, la facile leggibilità e la compatibilità di formato; in particolare, i formati dovrebbero essere tutti liberi.

11Modalità d’utilizzo per un libro elettronico.

12Pensando ai dispositivi di terza generazione che si sono orientati verso l’integrazione in un unico strumento di più funzioni (lettura, video, musica, giochi), è stato chiesto che tipo di uso ne avrebbero fatto e se gli ebook costituivano un valore aggiunto rispetto ai testi a stampa. Quattro di loro pensano che non siano aspetti rilevanti per un libro elettronico. È stato poi domandato se avrebbero maneggiato un dispositivo elettronico allo stesso modo di un libro, vale a dire se l’avrebbero portato ovunque, ad esempio in spiaggia. In cinque si sono detti certi di un utilizzo dello strumento in ogni situazione.

1.2.2 L’e-reader per la didattica.

13Il software per la lettura di testi didattici deve consentire di poter sottolineare ed evidenziare con colori diversi, scrivere appunti e prender nota nel punto in cui serve ricordarsi qualcosa (si presuppone dunque un dispositivo con display a colori, ma che non stanchi la vista). In secondo luogo, le librerie online dovrebbero consentire di acquistare solo certi capitoli dei libri, in pratica una specie di surrogato alla fotocopiatura. Infine, si è detto che le dimensioni del supporto dovrebbero essere adeguate: per sei di loro, sono quelle di un foglio A4. Per quanto riguarda i vocabolari, è stato detto che il software dovrebbe essere in grado di aprire l’equivalente di un’intera pagina di vocabolario, questo per non perdere l’apporto concettuale dato dall’imbattersi nelle voci che stanno attorno alla parola che si è cercata. Ciò comunque non è sufficiente per i dizionari di lingue, per i quali sarebbe più opportuno avere un dispositivo capace di tenere aperte un alto numero di pagine contemporaneamente, come le finestre su un computer.

1.2.3 Costi per supporti e contenuti

14Relativamente ai supporti, il prezzo è stato fissato dai ragazzi tra gli 80 e i 100€ per un normale ebook, mentre tra i 200 e i 300€ per un ereader pensato per la didattica. Per quanto riguarda i contenuti invece, i ragazzi si aspettano la quasi gratuità per le opere fuori diritti, mentre per le altre un prezzo ribassato di almeno un terzo rispetto all’equivalente cartaceo.

 

15Il libro elettronico costituisce, o costituirà, il libro di domani per le future generazioni?

16Sul fatto che l’ebook possa prendere il posto del libro cartaceo, i partecipanti al focus group sono certi che lo farà, se non già in questa generazione, quasi certamente nella prossima. Riguardo al cosa, secondo loro, determinerà il cambiamento, è loro convinzione che sarà la presa di posizione di una diversa educazione mentale a determinare l’avvento dei nuovi supporti per la lettura, non tanto il loro sviluppo tecnologico: come ci si è abituati ad utilizzare nuovi strumenti per la fruizione di cultura (ad esempio, quella di carattere generale attraverso la televisione), così le nuove generazioni impareranno, e stanno già imparando, ad usare gli e-reader, a prescindere dal loro grado di similarità con il libro cartaceo. Si è infine chiesto quali potrebbero essere gli effetti di un tale cambiamento e la risposta è stata che tale evento porterà progressivamente all’incapacità dei lettori di leggere testi impegnativi e all’inabilità degli autori a scrivere grandi opere. La maggior parte di loro ritiene infatti che un libro non sia solo il contenuto, ma anche il supporto su cui è scritto, perché quest’ultimo esercita una forte influenza sull’opera stessa.w

Auteur

Università degli studi di Milano

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search