Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Le Carte di Tordi: dalla tesi al catalogo, catalogazione degli autografi conservati presso la nuova biblioteca pubblica “Luigi Fumi” di Orvieto

Comune di Orvieto — Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto

Emanuela Luciani

Texte intégral

  • 1 Progetto e saggio di catalogazione degli autografi di Domenico Tordi conservati alla Biblioteca Com (...)

1Il progetto di ricerca rappresenta la naturale prosecuzione del lavoro di tesi di laurea, che aveva avuto per oggetto la catalogazione degli autografi del Fondo Tordi della Biblioteca “Luigi Fumi” di Orvieto.1

2Oltre all’intenso lavoro di ordinamento, necessario per organizzare un tipo di materiale forzatamente accatastato nel corso dei lunghi anni di collezionismo librario del bibliofilo Tordi, si è dovuto ragionare e meditare su efficaci standard descrittivi catalografici. Il confronto tra regole di catalogazione di materiale minore, italiane ed internazionali, ha portato ad un modello scelto da noi come standard al quale far riferimento per il materiale da trattare. L’obiettivo della ricerca era quello di studiare il fondo quasi inesplorato degli autografi donati da Domenico Tordi alla biblioteca di Orvieto. Il bibliofilo e collezionista, nativo di Orvieto ma la cui attività lavorativa si svolse per lo più a Firenze, muore nel 1933 e lascia un imponente fondo librario e documentario in donazione alla Biblioteca Pubblica di Orvieto. Subito dopo la morte e sulla base del suo testamento olografo del 1930, la Biblioteca diviene luogo sicuro per la conservazione di un interessantissimo patrimonio bibliografico. Nasce così il Fondo Tordi eterogeneo e discontinuo, composto da manoscritti membranacei e cartacei, incunaboli, cinquecentine, volumi a stampa e autografi. Mentre tutto il fondo librario, nel corso degli anni a seguire la donazione, fu sistematicamente catalogato, quello minore fu ordinato solo parzialmente. Il Fondo degli autografi è una raccolta mista di carte sciolte, lettere e cartoline, di molti personaggi più o meno conosciuti, vissuti dal XV al XX secolo. Tra i documenti più antichi: le lettere della famiglia De Medici. Tra i letterati e poeti: Vittorio Alfieri, Giuseppe Giusti, Gabriele D’Annunzio, Giosuè Carducci, Giacomo Leopardi, Pietro Giordani e molti altri. Tra gli uomini di scienza: Antonio Meucci, Luigi Cremona, De Vico Francesco, Alessandro Palagi, Caterina Scarpellini. Tra gli uomini politici: Bixio Nino, Giovanni Battista Niccolini, Benedetto Cairoli, Cesare Cantù.

 

3Dall’analisi è emersa soprattutto la particolarità della collezione: la varietà e qualità dei documenti hanno infatti reso possibile la realizzazione di un catalogo.

4Dopo un ordinamento fisico degli autografi è stato necessario scegliere l’impostazione concettuale per la registrazione: decidere l’impalcatura, stabilire le relazioni tra le intestazioni e le descrizioni, individuare il criterio di compilazione delle schede, ovvero come riportare le informazioni fisiche e concettuali per l’identificazione del documento.

5Per il materiale minore, come gli autografi, non esistono delle regole precise di catalogazione a cui attenersi; per questo la struttura del catalogo e delle schede è stata decisa in base alle esigenze specifiche di questa raccolta. Si è ritenuto necessario adottare una modalità di registrazione standard, chiara nelle parti descrittive e di facile lettura. L’ordine scelto è quello alfabetico per cognome del personaggio; per ciascun mittente e/o destinatario sono elencati i documenti da lui scritti o a lui indirizzati.

 

6Il contributo dell’università, nello specifico attraverso la supervisione della professoressa Marielisa Rossi, consentì di elaborare l’impianto di ricerca di cui la biblioteca aveva bisogno e di rodare gli strumenti del mestiere. La volontà di continuare l’ordinamento degli autografi, dopo il primo sondaggio della tesi, ci ha indotto a completare il lavoro di riordinamento e catalogazione. Con fondi e finanziamenti vari, negli anni dal 2003 al 2007, ho avuto la possibilità di completare la catalogazione del nucleo principale del fondo, circa 2500 documenti.

7Grazie alla biblioteca che ha sostenuto e promosso il progetto, partendo da una tesi sperimentale si è voluto proseguire e completare con la pubblicazione del catalogo:

Le Carte di Tordi
a cura di Emanuela Luciani e Maria Luisa Salvadori.
Nuova Biblioteca Pubblica “L. Fumi”, Quaderno N. 2, 2007

Le Carte di Tordia cura di Emanuela Luciani e Maria Luisa Salvadori.Nuova Biblioteca Pubblica “L. Fumi”, Quaderno N. 2, 2007

8Subito dopo, proprio in occasione del 150° anniversario dalla nascita di Tordi, è stata allestita una mostra Tra biografia e collezionismo (22 dicembre 2007- 6 gennaio 2008), con esposizione dei documenti autografi e stampe e presentazione del catalogo. Nel febbraio 2011, è stata inaugurata la Sezione Storica della Nuova Biblioteca Pubblica Luigi Fumi e gli autografi del Fondo Tordi trovano una collocazione propria e specifica con possibilità di facile consultazione.

Notes

1 Progetto e saggio di catalogazione degli autografi di Domenico Tordi conservati alla Biblioteca Comunale di Orvieto, Tesi di laurea triennale, Corso di laurea in “Metodi e tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni librari”, Università degli studi di Roma “Tor Vergata” (Tesi discussa l’1 dicembre 2003. Relatrice prof.ssa Marielisa Rossi, correlatrice dott.ssa Maddalena Signorini). La tesi è stata resa possibile grazie alla disponibilità della direttrice della Biblioteca di Orvieto, Maria Luisa Salvadori.

Table des illustrations

Titre Le Carte di Tordia cura di Emanuela Luciani e Maria Luisa Salvadori.Nuova Biblioteca Pubblica “L. Fumi”, Quaderno N. 2, 2007
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1464/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 61k

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search