Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La valutazione bibliometrica della ricerca nelle scienze umane

Luca Lanzillo

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Archivistica e biblioteconomia”
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 24 gennaio 2013
Relatore prof. Giovanni Solimine, correlatrice dott.ssa Chiara Faggiolani

Texte intégral

  • 1 Cfr. A. Cerroni, Scienza e società della conoscenza, Torino: UTET, 2006.
  • 2 La capofila è senz’altro la Gran Bretagna con il Research Assessment Exercise (RAE), ora divenuto R (...)

1Nella società contemporanea, nella quale alla conoscenza è attribuito un vero e proprio valore economico1, un tema molto sentito da parte dei governi nazionali è quello della valutazione della ricerca scientifica: se la produzione della conoscenza è un fattore di competitività internazionale, è necessario allora individuare, sostenere e potenziare le aree di eccellenza, nel tentativo di allocare le risorse a disposizione nella maniera più efficace ed efficiente possibile. Tenendo anche conto che alla proliferazione delle strutture accademiche e degli istituti di ricerca, avuta nel corso degli anni, non è seguito un relativo aumento dei finanziamenti (comprendenti anche i costi della gestione amministrativa). Dalla metà degli anni Ottanta sono stati perciò avviati una serie di esercizi nazionali di valutazione2 con l’obiettivo di verificare lo stato di salute e la qualità della ricerca scientifica pubblica. Gli strumenti di cui dispone oggi la comunità scientifica per valutare la qualità di una ricerca sono raggruppabili in due grandi famiglie: quella della “peer-review” (“revisione dei pari”, legata ad una valutazione di tipo qualitativo) e quella degli “indicatori bibliometrici” (legata ad una valutazione di tipo quantitativo).

  • 3 Oltre agli esercizi già citati, sono stati considerati anche l’European Reference Index for the Hum (...)
  • 4 Cfr. C. Faggiolani – G. Solimine, La valutazione della ricerca, la bibliometria e l’albero di Berto (...)

2Il primo obiettivo della ricerca è stato, pertanto, quello di capire origine e sviluppo di tali strumenti, individuarne le rispettive declinazioni, i pregi e i difetti, le differenze esistenti, il loro utilizzo nell’ambito dei principali esercizi nazionali di valutazione3. In particolare, lo studio ha focalizzato la propria attenzione sulla possibilità o meno di applicare gli indicatori bibliometrici per valutare la qualità della ricerca umanistica. La questione fondamentale è, infatti, la differenza strutturale4 esistente tra la ricerca condotta nelle cosiddette “scienze dure” (nelle quali gli indicatori bibliometrici sono applicati sistematicamente, non senza presentare criticità) e quella portata avanti nelle scienze umane (che rifiutano totalmente l’utilizzo della bibliometria): l’obiettivo è stato quello di definire quali siano queste differenze, capire le ragioni del “conflitto” tra scienze umane e bibliometria, cercando possibili soluzioni. Infine, si è cercato di comprendere quale possa essere il ruolo delle biblioteche e dei bibliotecari nell’ambito della valutazione della ricerca umanistica e come, grazie alle loro competenze, possano apportare un valore aggiunto in questi temi.

 

  • 5 Tramite il sito ROARS. Return On Academic ReSearch (<http://www.roars.it/online/>).
  • 6 Banca dati centralizzata che raccoglie in maniera sistematica i dati della produzione scientifica d (...)

3Dopo aver definito tali obiettivi, il primo passo è stato quello di effettuare una ricognizione della letteratura esistente sull’argomento, sia di carattere nazionale sia internazionale. Altrettanto importante è stato seguire il dibattito in atto nella comunità accademica italiana, soprattutto per un costante aggiornamento sullo stato dell’arte5. Per raggiungere il secondo obiettivo, alla riflessione teorica è seguita un’analisi quantitativa di un set di dati ben definito: la produzione scientifica di docenti e ricercatori della “Sapienza” afferenti alle aree CUN 10 (Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche: 6.226 prodotti) e 11 (Scienze storiche, filosofiche, psicologiche e pedagogiche: 4.068 prodotti, esclusi i settori scientifico-disciplinari di Psicologia e Scienze motorie: 4.000 prodotti, per i quali è già possibile ricorrere alla bibliometria), relativi al settennio 2004-2010 (lo stesso preso in considerazione dalla VQR italiana), presenti nel Catalogo U-Gov Ricerca6. Prima di procedere con l’analisi si è provveduto a normalizzare il più possibile i dati e a colmare le numerose lacune, sia interrogando i maggiori OPAC italiani e internazionali, sia consultando i cataloghi elettronici degli editori e i siti delle grandi librerie online.

 

  • 7 Cfr. D. Torres-Salinas – H. F. Moed, Library Catalog Analysis as a tool in studies of social scienc (...)

4Sia la peer-review sia gli indicatori bibliometrici presentano le proprie criticità e, sebbene siano spesso visti come strumenti antitetici, in realtà sono fortemente legati tra loro e possono fornire risultati credibili solo se usati sinergicamente. Lo studio ha evidenziato poi come, al momento attuale e con gli strumenti ora disponibili, la bibliometria non sia applicabile nelle scienze umane: questo non significa però che non si possano studiare e sviluppare strumenti alternativi (filoni d’indagine interessanti risultano essere quello dell’editoria digitale e dell’open access e quello relativo alla Library Catalog Analysis7 e, in generale, alle statistiche legate all’uso).

  • 8 In realtà, l’analisi della produzione degli autori Sapienza ha rivelato come l’articolo su rivista (...)

5Le differenze strutturali tra le scienze umane e quelle dure possono essere sintetizzate in quattro ambiti: le modalità di pubblicazione (libro contro rivista8), la lingua adottata (lingue nazionali da una parte, inglese dall’altra), le tematiche affrontate (“universali” da una parte, “locali” dall’altra), i tempi della ricerca (l’una procede per progressiva accumulazione nel tempo, l’altra per sostituzione di teorie precedenti). L’analisi quantitativa della produzione degli autori Sapienza ha confermato questi elementi, ma ha anche messo in luce altre questioni: l’esiguo numero di pubblicazioni in formato elettronico (solo il 2% dei prodotti in Area 10, il 10% in Area 11); la mancanza di elementi identificativi univoci per una parte della produzione (il 12% dei prodotti di ciascuna area non presentano ISBN/ISSN, pochissimi hanno un Digital Object Identifier, DOI); la scarsa propensione alla co-autorialità (in entrambe le aree, i prodotti con almeno due autori sono poco più del 10%). Quest’ultimo dato richiama poi la questione della comunicazione della ricerca, carenza molto grande del settore umanistico: ne è un esempio la mancanza di aggiornamento di tantissime pagine web degli autori Sapienza, contenenti spesso solamente informazioni minime (indirizzo e-mail e SSD). La stessa lacunosità dei dati inseriti in U-Gov Ricerca mostra una certa riluttanza ad accettare di essere valutati: la valutazione è sicuramente una fase importante in qualunque attività, poiché permette di verificare il percorso fatto per potersi poi progettare al meglio. Ed è tanto più facile valutare quanto più ci sia un’efficiente comunicazione da parte di chi produce ricerca. In questo contesto i bibliotecari possono ricoprire un ruolo strategico grazie alle loro competenze: sono quotidianamente coinvolti in attività di valutazione; tramite l’attività di spoglio si possono individuare puntualmente i singoli contributi scientifici; hanno il modus operandi per organizzare e gestire gli archivi istituzionali degli atenei; possono supervisionare l’inserimento dei dati da parte degli autori, assistendoli e guidandoli.

Notes

1 Cfr. A. Cerroni, Scienza e società della conoscenza, Torino: UTET, 2006.

2 La capofila è senz’altro la Gran Bretagna con il Research Assessment Exercise (RAE), ora divenuto Research Excellence Framework (REF, <http://www.ref.ac.uk/>), modello per altri esercizi nazionali come l’Excellence in Research for Australia (ERA, <http://www.arc.gov.au/era/>) e l’italiana Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR 2004-2010, <http://www.anvur.org/index.php?option=com_content&view=article&id=28&Itemid=119&lang=it>).

3 Oltre agli esercizi già citati, sono stati considerati anche l’European Reference Index for the Humanities (ERIH, <http://www.esf.org/hosting-experts/scientific-review-groups/humanities/erih-european-reference-index-for-the-humanities.html>) e la Valutazione Triennale della Ricerca 2001-2003 (VTR 2001-2003, <http://vtr2006.cineca.it/>).

4 Cfr. C. Faggiolani – G. Solimine, La valutazione della ricerca, la bibliometria e l’albero di Bertoldo, «AIB studi», 52, 2012, 1, pp. 57-63, disponibile online su <http://aibstudi.aib.it/article/view/6290>.

5 Tramite il sito ROARS. Return On Academic ReSearch (<http://www.roars.it/online/>).

6 Banca dati centralizzata che raccoglie in maniera sistematica i dati della produzione scientifica della Sapienza, alimentando automaticamente la banca dati del MIUR-Cineca, <https://www.uniroma1.it/it/pagina/catalogo-della-ricerca>.

7 Cfr. D. Torres-Salinas – H. F. Moed, Library Catalog Analysis as a tool in studies of social sciences and humanities: An exploratory study of published book titles in Economics, «Journal of Informetrics», 3, 2009, 1, pp. 9-26, disponibile online su <http://eprints.rclis.org/12813/>.

8 In realtà, l’analisi della produzione degli autori Sapienza ha rivelato come l’articolo su rivista sia abbastanza diffuso tra gli umanisti (28% in Area 10, 34% in Area 11), ma manca il concetto di core journals, ossia un ristretto nucleo di riviste altamente qualificate: gli autori Sapienza hanno pubblicato su 1.232 riviste, dal livello di scientificità assai vario.

Auteur

La Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search