Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Indagine sui non utenti e sugli utenti marginali della Biblioteca comunale di Crema

Nicola Marton Horvath

Note de l’auteur

Tesi di Laurea magistrale

Corso di laurea in “Archivistica e Biblioteconomia”
Università degli studi di Milano

Tesi discussa il 5 luglio 2012
Relatore prof. Fabio Venuda, correlatore prof. Giorgio Montecchi

Texte intégral

1La ricerca ha indagato le caratteristiche, gli atteggiamenti e le opinioni dei non utenti e degli utenti marginali della Biblioteca comunale di Crema (Cr). Se negli ultimi anni si è assistito ad una sempre maggiore attenzione rispetto alla misurazione delle performance e della soddisfazione dell’utenza delle biblioteche, pochi finora si sono interrogati su come raggiungere l’utenza potenziale che dei servizi della biblioteca non fa uso o ne fa un uso marginale. Questo è particolarmente evidente dalla rassegna della letteratura specifica sull’argomento, dove al numero limitato di studi sulla questione, si affianca la mancanza di una metodologia uniforme e condivisa, determinando un diverso approccio metodologico ad ogni livello: dalla scelta del metodo statistico da utilizzare alla definizione del campione di riferimento, dalla forma del questionario da adottare al metodo utilizzato nella presentazione dei dati. Registrata questa carenza, la scelta per la realizzazione di questo studio è stata quella di elaborare una metodologia che rispondesse alle valutazioni e problematicità emerse nella fase di studio del disegno di ricerca, e che potesse essere riproducibile anche in realtà diverse da quella in cui la ricerca è stata condotta.

 

2In primo luogo si segnala che la popolazione totale di riferimento è stata individuata nella popolazione del Comune, a cui i servizi di una Biblioteca comunale sono istituzionalmente rivolti. A questo punto si è posto il problema di determinare il campione di riferimento: chi è un non utente? Cosa lo distingue dall’utente marginale? Gli utenti marginali hanno tutti le stesse peculiarità o è possibile individuare alcune distinzioni al loro interno?

3A queste domande si è risposto elaborando le seguenti categorie:

  • non utente assoluto: abitante del Comune che non ha fatto alcun utilizzo della biblioteca negli ultimi dodici mesi e non è iscritto;

  • utente marginale 0.1: abitante del Comune che non ha utilizzato la biblioteca negli ultimi dodici mesi e risulta iscritto;

  • utente marginale 1.0: abitante del Comune che ha utilizzato la biblioteca, ma meno di tre volte negli ultimi dodici mesi e non risulta iscritto;

  • utente marginale 1.1: abitante del Comune che ha utilizzato la biblioteca, ma meno di tre volte negli ultimi dodici mesi e risulta iscritto.

4Se per quanto riguarda il non utente assoluto non sono necessarie particolari considerazioni, per gli utenti marginali il discrimine per differenziarli dal precedente è stato posto nell’aver avuto almeno un contatto con la biblioteca: non importa se sia stato per accedere all’emeroteca per leggere il giornale (casistica 1.0), se l’utente marginale si sia iscritto per fruire solo una volta, magari due anni fa, del servizio di prestito per il quale l’iscrizione era obbligatoria (casistica 0.1), o infine se sia venuto in biblioteca iscrivendosi il mese scorso perché la sua connessione internet per un paio di giorni non aveva funzionato (casistica 1.1); gli utenti marginali hanno avuto comunque un contatto con l’istituzione, non importa di che genere, ma non ne fanno un uso sostanziale.

5Una volta stabilito l’oggetto di interesse del presente studio si è passati a definire un metodo che permettesse la corretta raccolta ed analisi dei dati. Anche in questo caso si sono però evidenziate alcune problematicità: la mancanza di una lista di distribuzione che permettesse di conoscere a priori la distribuzione della caratteristica “non uso/uso marginale”all’interno della popolazione totale di riferimento, ha determinato l’impossibilità di darne una rappresentazione statisticamente predittiva. Per ovviare a questo problema è stato impiegato un metodo di “campionamento non probabilistico stratificato per quote”, dove, una volta individuate delle fasce di utenza (o meglio, di non utenza) che si è ritenuto essere omogenee al loro interno, utilizzando il fattore età per aggregare i vari strati (adolescenti 15-19; giovani 20-34; adulti 35-64; anziani >65), si è fissata la popolazione campione allo 0,5% e si è calcolato il peso di ciascuna delle fasce, in proporzione al numero di abitanti che quella stessa fascia ha tra la popolazione totale di riferimento, considerando anche il genere. Questo ha reso possibile conoscere preliminarmente il numero di interviste da condurre per ciascuna fascia in modo che il loro peso fosse proporzionale a quello che la stessa fascia occupa nella popolazione totale di riferimento. Questo approccio, oltre a garantire una rappresentazione ponderata del campione preso in esame, ha permesso anche di individuare alcuni luoghi dove fosse possibile condurre, con relativa facilità, le interviste vere e proprie per ciascuna fascia d’età.

6Per la raccolta dei dati è stata scelta la modalità del questionario autosomministrato a risposta aperta. Questa scelta è stata determinata dalla considerazione che, evitando qualsiasi tipo di suggestione, propria dei questionari a risposta chiusa, grazie a questo particolare strumento, si sarebbero potute ottenere una serie molto più ampia di risposte rispetto a quelle che il redattore avrebbe pensato di inserire in un questionario a risposta chiusa. L’impiego di questo strumento ha però posto un problema per il trattamento dei dati raccolti: partendo infatti da risposte aperte, l’unica maniera di analizzarle sarebbe stata quella di impiegare il metodo qualitativo, che permette un approccio approfondito su ciascuna intervista nel tentativo di mettere in evidenza gli aspetti che le distinguono le une dalle altre. Questo metodo tende cioè a dare una visione più attenta al particolare, all’analisi della singola intervista, a scapito di una visione organica dell’insieme. Nel momento del pre-test, operazione tesa a valutare la rispondenza dello strumento rispetto alle aspettative, ci si è però accorti che le risposte date dai soggetti tendevano ad aggregarsi attorno ad un numero limitato di opinioni, facendo emergere alcuni “nuclei di categorie” per ciascuna risposta. Questo ha determinato una revisione del metodo da impiegare per l’analisi dei dati. Si è quindi stabilito di muoversi in due momenti distinti: in primo luogo è stato impiegato il “metodo qualitativo” per riuscire ad evidenziare le diverse categorie di risposta ottenute a ciascuna domanda in modo da riuscire a normalizzarle per ottenere così delle “etichette” nominali. Questi dati nominali sono stati impiegati successivamente nell’analisi di tipo “quantitativo”, dove l’accento è spostato sulla visione d’insieme dei dati raccolti, nel tentativo di darne una descrizione sintetica.

7Come già accennato, lo strumento utilizzato per la raccolta dei dati è stato un questionario autosomministrato, a risposta aperta rispetto alle 6 domande sostanziali (quelle che per intenderci rappresentavano il nucleo fondamentale sul quale si desiderava avere un’opinione da parte degli intervistati). E’ stato strutturato in 15 quesiti divisi in: domande filtro per la selezione del campione, domande sostanziali, domande relative alla condizione sociodemografica ed una domanda di controllo. Per brevità si segnaleranno solamente le domande sostanziali relative agli “oggetti” a proposito dei quali si voleva ottenere una risposta da parte dei soggetti intervistati:

  • Non utilizzo/utilizzo poco la biblioteca. Perché? (Motivazione sul non utilizzo);

  • Sai dove si trova la biblioteca? Se sì, specificare (Localizzazione);

  • Cosa ti aspetti di trovare in biblioteca? (Immagine/rappresentazione della Biblioteca);

  • Come dovrebbe essere la biblioteca per essere più attraente per te? (Elementi che porterebbero ad utilizzare la biblioteca);

  • Come ti informi? (Canali di informazione);

  • A chi ti rivolgi se hai necessità di avere un’informazione / fare una ricerca? (Individuazione dei soggetti o degli strumenti che sopperiscono alle necessità di informazione).

8Come già anticipato, la somministrazione del questionario è avvenuta basandosi sulla stratificazione utilizzata per la rappresentazione ponderata del campione: per ogni fascia d’età sono stati individuati alcuni luoghi di aggregazione dove fosse possibile rintracciare con maggior facilità ciascuna di esse.

9Analisi dei dati

10L’analisi qualitativa è stata impiegata per mettere in luce gli elementi distintivi tra le varie “categorie di risposta” emerse. Solo a titolo esemplificativo si mostra come si è operato per individuare alcune delle categorie emerse alla domanda “Non utilizzo/utilizzo poco la Biblioteca. Perché?”

  • NO BISOGNO (NB) Soggetti che sostenevano di non aver bisogno, necessità, interesse ad utilizzare la biblioteca: “no bisogno”; “non mi serve”; “dopo gli studi non c’è più stato bisogno”; “non ne sento la necessità”.

  • ALTRA RISORSA (AR) La categoria comprende le risposte dove i soggetti asserivano di utilizzare risorse alternative alla biblioteca: “utilizzo altre fonti di informazione”; “preferisco attingere ad altri canali, solo per comodità”. Analizzando i dati raccolti si è però osservata una distinzione piuttosto marcata nel ricorso a risorse alternative, in particolare si sono evidenziate due accezioni nelle quali questo elemento poteva essere declinato. Si tratta del ricorso ad altri libri o l’utilizzo di internet: Internet (I) “uso internet non i libri”; “uso internet per i quotidiani e per informarmi”; “perché c’è internet”; “ormai c’è internet”; Altri Libri (AL) “i libri che leggo mi vengono regalati”; “siamo appassionati di libri e li compriamo”; “quando voglio leggere un libro lo compero, così non ho una scadenza”.

11Come sarà risultato evidente la ricchezza dei dati qualitativi è davvero inesauribile, se si considerano anche le possibili declinazioni presenti nelle risposte: dopo gli studi la biblioteca risulta superflua, tuttavia da alcuni intervistati viene identificata come fonte di informazione benché non ne facciano uso, altri la vedono superata da internet, altri ancora la identificano solo con i libri di cui molti sottolineano la volontà di possesso fisico/proprietà. Una volta stabilite le “categorie di risposta” per ciascuna domanda si è passati all’analisi quantitativa dei dati: innanzitutto si è data una descrizione della popolazione campione rispetto alle domande relative alla situazione sociodemografica. Quindi si è passati ad illustrare i dati relativi alle domande sostanziali: prima sulla totalità delle risposte ottenute, quindi passando ad analizzare ogni singola fascia d’età precedentemente illustrata.

 

12Attraverso l’analisi qualitativa preliminare è stato possibile mettere in luce alcuni aspetti peculiari della popolazione campione, andando di volta in volta ad illustrare alcuni elementi considerati esemplificativi del modo in cui i non utenti e gli utenti marginali percepiscono la biblioteca ed i suoi servizi. L’analisi di tipo quantitativo ha invece permesso di dare un rappresentazione sintetica dei dati, anche attraverso l’impiego di grafici e di crosstab dove è stato possibile incrociare più variabili contemporaneamente. Il risultato principale di questa ricerca, oltre a quello di riuscire a dare una descrizione articolata dei non utenti e degli utenti marginali della Biblioteca, permettendo così di mettere in evidenza alcuni elementi sui quali poter intervenire per poter raggiungere questo particolare segmento di utenza potenziale, è stato quello di elaborare un metodo che potesse essere applicato in situazioni analoghe a quella in cui è stato concepito. Questo è stato reso possibile grazie all’impiego di una metodologia ibrida, tra il metodo qualitativo e quello quantitativo che ha consentito di costruire uno strumento facilmente adattabile a diverse realtà.

Auteur

Università degli studi di Milano

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search