Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Un approccio concettuale e linguistico all’indicizzazione. Riflessioni e proposte sugli strumenti indicali

Giuliano Genetasio

Note de l’auteur

Tesi di Dottorato

Dottorato di ricerca in “Scienze bibliografiche, archivistiche, documentarie e per la conservazione e il restauro dei beni librari e archivistici” (XXIV ciclo)
Università degli Studi di Udine

Tesi discussa il 21 maggio 2012
Tutor prof. Mauro Guerrini, co-tutor prof. Alberto Petrucciani

Texte intégral

1La ricerca si è fondata su due premesse: 1) le carenze teoriche generalizzate della teoria indicale, ovvero l’assenza di una visione solida, unitaria e soddisfacente della natura, delle finalità e degli strumenti dell’indicizzazione, degli elementi dell’universo bibliografico e delle registrazioni bibliografiche che dovrebbero rifletterlo; tali carenze teoriche hanno inciso enormemente sull’accesso bibliografico nel corso dei decenni e si sono a loro volta tradotte in strumenti indicali insoddisfacenti e tra loro insufficientemente integrati, soprattutto per quanto riguarda l’indicizzazione per soggetto; 2) l’inadeguatezza tecnologica di regole catalografiche e linguaggi documentari (o più correttamente, lingue documentarie), ancora per certi versi basati sulla logica lineare e fissa dell’ambiente cartaceo.

2A partire da queste premesse, la ricerca ha teso ad offrire: 1) una visione complessiva e unitaria dell’indicizzazione; 2) un approfondimento teorico di alcuni elementi dell’universo bibliografico; 3) una serie di proposte per la revisione degli strumenti e delle strutture indicali (registrazioni bibliogafiche e loro elementi); 4) una visione dell’indicizzazione adeguata ai cambiamenti tecnologici dell’ambiente catalografico odierno.

3L’ambiente analizzato dalla ricerca è quello degli OPAC tradizionali; benché la ricerca abbia tenuto conto almeno in parte delle funzioni e di alcuni elementi tipici del web sociale, non è invece stata estesa all’universo del web semantico e agli argomenti aesso correlati (SKOS, Linked Data, etc.).

 

4Tali obiettivi sono stati perseguiti attraverso due approcci metodologici distinti ma correlati: 1) un approccio concettuale all’indicizzazione che delineasse uno schema ideale degli elementi dell’universo bibliografico (in termini di entità, relazioni, attributi, funzioni, ecc.) e delle strutture catalografiche che dovrebbero rappresentarli, sulla base di una discussione di tali elementi e strutture e in modo particolare di quelli relativi all’indicizzazione per soggetto; 2) un approccio linguistico all’indicizzazione, che analizzasse i rapporti tra linguaggio e indicizzazione ovvero che affrontasse lo studio degli strumenti di indicizzazione in quanto lingue (documentarie), con il duplice obiettivo di fornire una particolare prospettiva d’analisi dell’indicizzazione e di avanzare alcune proposte volte al miglioramento linguistico degli strumenti di indicizzazione.

5Per quanto riguarda l’approccio concettuale, l’utilizzo di modelli concettuali per la catalogazione non è in sé una novità, risalendo almeno agli anni Ottanta e affermandosi alla fine degli anni Novanta con FRBR. Tranne alcune eccezioni, la ricerca non ha generalmente preso in considerazione i modelli dell’IFLA che hanno esteso FRBR all’analisi delle registrazioni di autorità: FRAD e FRSAD.

6Per quanto riguarda l’approccio linguistico all’indicizzazione, l’idea per il suo sviluppo è nata dal lavoro al modello concettuale, e in particolare dall’idea di Tom Delsey secondo cui sarebbe stato opportuno modellare concettualmente le relazioni semantiche tipiche dei thesauri e le relazioni “sintattiche” tra i diversi elementi delle stringhe di soggetto, per poi continuare autonomamente attraverso uno studio della linguistica applicata all’indicizzazione. Nemmeno l’applicazione della linguistica agli strumenti indicali è, in sé, una novità: vi sono molti autori nell’ambito della teoria dell’indicizzazione e della linguistica che, soprattutto a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, hanno applicato analisi e metodologie linguistiche all’indicizzazione, nonché un intero filone della linguistica dedicata all’applicazione automatizzata dell’indicizzazione (linguistica computazionale).

7Benché del tutto autonomi, gli approcci concettuale e linguistico concorrono a costituire un unico quadro teorico dell’indicizzazione e nel corso della ricerca non mancano riferimenti reciproci tra i due approcci. Occorre infine sottolineare i principali limiti intrinseci agli approcci proposti: la modellazione concettuale è per definizione una schematizzazione dell’universo bibliografico, con tutti i limiti che ciò comporta: rischio di riduzionismo, arbitrarietà, ecc.; l’approccio linguistico all’indicizzazione, invece, ha il limite di prendere in considerazione soltanto un aspetto dell’indicizzazione – il linguaggio, aspetto fondamentale e che pure non esaurisce la totalità delle problematiche inerenti l’indicizzazione.

 

8Tra gli elementi innovativi dell’approccio concettuale vi sono: un modello concettuale basato su FRBR ma che differisce rispetto a esso in più punti, con l’introduzione di diverse entità nuove rispetto a FRBR (Tempo, Contenuto editoriale, Tipo di persona, Tipo di testo, Tipo di ente e Tipo di risorsa); una trattazione esplicita e dettagliata delle relazioni semantiche tipiche dell’indicizzazione per soggetto, le quali vengono estese però anche agli elementi della catalogazione per autore; un’approfondita discussione della nozione di soggetto e dei suoi diversi aspetti, con l’elaborazione di indici di soggetto differenziati (“circalità” estensionale e intensionale, punti di vista, tema e rema); al di là del modello concettuale vero e proprio, un’articolata tassonomia degli elementi indicali che dovrebbero comparire nelle registrazioni bibliografiche. Inoltre, a differenza di FRBR il modello concettuale elaborato non si limita a un’analisi dell’universo bibliografico così come rappresentato dalle attuali registrazioni bibliografiche, ma mira a fornire un quadro ideale della rappresentazione indicale dell’universo bibliografico, proponendo, laddove opportuno, elementi indicali differenti rispetto a quelli presenti nelle attuali registrazioni bibliografiche.

9Tra gli elementi innovativi dell’approccio linguistico vi sono: una visione unificata e integralmente semantica dell’indicizzazione, con la formulazione di un modello di lingua documentaria che si pone come base per l’indicizzazione nella sua totalità (per autore e per soggetto) ― non soltanto le relazioni semantiche tipiche della linguistica, ma anche le relazioni tipicamente bibliografiche potrebbero essere rappresentate come parte della medesima rete sindetica; un’ampia trattazione delle relazioni semantiche delle lingue documentarie, con la proposta di varie tipologie di relazioni tradizionalmente non prese in considerazione dalla teoria dell’indicizzazione (relazioni gerarchiche specificate sulla base delle relazioni sintagmatiche; relazioni semiche e sememiche; relazioni tra nominalizzazioni; relazioni di omotassia; un’articolata tassonomia delle relazioni sintagmatiche); una visione degli elementi del lessico della lingua documentaria come costituiti idealmente da una serie di componenti che è possibile distinguere e registrare separatamente, a cui si accompagna uno studio dettagliato delle relazioni sintagmatiche tra queste componenti.

Auteur

Università degli Studi di Udine

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search