Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Gli OPAC dei sistemi bibliotecari di alcune università italiane. Un’analisi comparata

Bianca Fugaldi

Note de l’auteur

Tesi di Laurea triennale

Corso di laurea in “Storia e tutela dei beni archeologici, artistici, archivistici e librari”
Università degli studi di Firenze

Tesi discussa l’8 novembre 2011
Relatore prof. Mauro Guerrini, correlatore prof. Graziano Ruffini

Texte intégral

  • 1 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 1): «La progettazione delle visualiz (...)

1La ricerca si basa su un’analisi delle caratteristiche strutturali e funzionali degli OPAC dei sistemi bibliotecari di otto università italiane (Firenze, Pavia, Politecnico di Torino, Trento, Milano-Bicocca, Ca’ Foscari, Bolzano, Bocconi) e quattro straniere (Paris-Sorbonne, Harvard, Berkeley, North Carolina State University). Gli OPAC esaminati sono sufficientemente conformi alle linee guida per la visualizzazione degli OPAC emanate dall’IFLA. Nella loro progettazione sembra infatti che siano stati tenuti in debito conto i criteri di «leggibilità, grado di comprensione e navigabilità1».

 

2L’analisi dei singoli OPAC è stata svolta a partire dalle homepage dei relativi atenei, al fine di valutarne anche l’accessibilità, ed è emerso che solo poche (Firenze, Bolzano, Sorbona, North Carolina) contengono un link diretto al catalogo o al sistema bibliotecario di ateneo. Spesso si accede alla pagina web relativa alle biblioteche da un pulsante denominato Ateneo, Servizi o Biblioteca, che conduce alla pagina del sistema bibliotecario, che presenta numerosissimi link, pulsanti e frame che rendono difficoltoso il ritrovamento del link al catalogo. Come sostiene Mario Ceroti, «sarebbe opportuno invece creare, allestire un link diretto all’OPAC sulla homepage dell’università, visto che molti studenti accedono alle pagine web accademiche per consultare il catalogo elettronico: in questo modo potremmo facilitare, semplificare l’accesso dell’utente all’OPAC, risparmiandogli peregrinazioni virtuali spesso infruttuose, tra le pagine web di ateneo (percorsi che in molti casi si rivelano veri e propri labirinti e che richiedono numerosi passaggi prima di accedere al catalogo)2 ». La separazione dell’OPAC da altri cataloghi, come quelli dei periodici, delle risorse elettroniche e di documenti non testuali (immagini, video, musica), costituisce un secondo limite all’efficienza della ricerca, costringendo l’utente a interrogare più banche dati, anziché un unico archivio in grado di restituire all’utente record relativi a risorse diverse in maniera integrata. In molti casi, il reperimento delle risorse documentarie disponibili localmente risulta efficace, grazie ai servizi personalizzati, come la possibilità di salvare ed esportare il record, prenotare i documenti, verificare la situazione dei propri prestiti e rinnovare quelli scaduti, accedere al proprio scaffale elettronico, ricercare nel bollettino delle novità, in base a determinati criteri e interessi. E tanti OPAC hanno arricchito i record bibliografici con la rappresentazione delle copertine dei libri, i sommari, le recensioni, che dovrebbero consentire all’utente una scelta più consapevole dei documenti. In fase di ricerca, si dimostra carente la correzione degli eventuali errori di digitazione commessi dall’utente nel formulare la query o il suggerimento di alternative grafiche (stemming). La presentazione dei risultati è spesso povera e poco funzionale al reperimento della risorsa cercata. Per ovviare a questo inconveniente basterebbe ricorrere al raggruppamento dinamico dei risultati; a tal riguardo, si provi a effettuare una ricerca sull’OPAC della NCSU.

  • 3 <https://www.unibz.it/it/services/library/>.
  • 4 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 6.2): «Consentire agli utenti di ord (...)
  • 5 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 1.2): «Mostrare nel contesto i termi (...)

3Nel contesto italiano, gli OPAC dell’Università di Bolzano e della Bocconi costituiscono due modelli virtuosi, poiché presentano molte delle caratteristiche tipiche dei cataloghi di nuova generazione (stemming, ordinamento dei risultati per relevance ranking, raggruppamento dinamico dei risultati, visualizzazione di commenti e recensioni generati dagli utenti, documenti full-text). La pagina web della biblioteca della Libera Università di Bolzano3 presenta in massima evidenza il form per la ricerca nel catalogo. Nello stesso form si trovano i link a vari servizi: Primo (interroga simultaneamente il catalogo tradizionale, la collezione delle riviste cartacee ed elettroniche e un indice di articoli di diversi editori), Banche dati, Ebooks, Metalib (ricerca contemporaneamente in diverse banche dati online), Refworks ed Endnote Web (programmi per la produzione di bibliografie personali), Turnitin (strumento antiplagio), Reserve Collection (per cercare il materiale didattico delle lezioni dell’Università di Bolzano), RPS: UNIBZ Research Publication Server (per cercare le pubblicazioni dei docenti e dei ricercatori dell’Università di Bolzano). Immettendo una parola chiave nella maschera di ricerca, si ottiene una lista di risultati molto simile a quelle di WorldCat e Amazon. Dei pulsanti consentono di navigare nel catalogo, permettendo di tornare facilmente alla home, ricercare nelle banche dati, apporre dei tag, accedere all’help in linea, scegliere la lingua dell’interfaccia (tedesco, inglese, italiano), autenticarsi per accedere a servizi personalizzati. I risultati sono ordinati di default per rilevanza, ma si può scegliere di ordinarli per data, autore, titolo, popolarità4. Le faccette consentono di raffinare la ricerca per: tipo di risorsa, biblioteca, argomento, data di creazione, lingua, creatore, titolo della rivista, suggerimenti per nuove ricerche generati dal sistema. È offerta la possibilità di abbonarsi ai feed RSS. Il record sintetico, che enfatizza i termini di ricerca evidenziandoli, come suggerito dalle Linee guida per la visualizzazione degli OPAC5, è corredato di copertina e indicazione del tipo di risorsa, delle localizzazioni, dei pulsanti Reviews & tags per postare recensioni e Altri servizi per cercare il full text di un documento digitale. È possibile aggiungere il record allo scaffale elettronico, inviarlo per e-mail, stamparlo, aggiungerlo a RefWorks ed Endnote. Il record analitico presenta il link al TOC-table of content, cioè la lista delle parti (a esempio, i capitoli) in cui è suddivisa un’opera.

4Più sofisticato si dimostra l’OPAC dell’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano6, che adotta il software Encore. Immettendo la parola chiave nella maschera di ricerca Google-like, vengono visualizzati i risultati relativi alle monografie, e un pulsante consente di indirizzare la query verso gli articoli. È possibile aggiungere i record al carrello e inviarli via e-mail, e accedere ai servizi per utenti autenticati. I risultati vengono ordinati di default per rilevanza, ma sono riordinabili per titolo e data, e sono corredati, già nella visualizzazione sintetica, di collocazione e disponibilità. A destra dello spazio contenente il campo per effettuare le ricerche, si trova un link per tornare al portale della biblioteca. Segue il totale dei record ritrovati, con la specifica di quanti vengono mostrati nella schermata, e i termini di ricerca utilizzati; a destra, con un semplice clic, si lancia la medesima ricerca su WorldCat. A sinistra compaiono le faccette per raffinare la ricerca, una lista di parole chiave utili per ampliarla, un altro link a WorldCat, e ulteriori suggerimenti per ricerche correlate. In calce vengono riportate le ricerche recentemente effettuate e i record visualizzati. È disponibile l’interfaccia in inglese. La ricerca avanzata offre in più la possibilità di effettuare ricerche complesse su due campi, scegliendo tra parola chiave, titolo, soggetto e autore; utilizzando gli operatori booleani, e selezionando una o più tipologie di risorse, una o più collezioni (fondi) particolari, una o più biblioteche, una o più lingue e l’anno di pubblicazione. Sono altresì disponibili tasti per il reset e per tornare al portale. I record sintetici sono corredati dell’immagine di copertina, dell’indicazione della tipologia della risorsa, della segnatura di collocazione, della durata della disponibilità, e di due funzioni - per i soli utenti autenticati - che solitamente non sono disponibili nei record sintetici ma diffuse in quelli analitici: richiedere il documento e aggiungerlo al carrello virtuale. Il record analitico, che può essere esportato in RefWorks, riporta una descrizione dettagliata del volume (descrizione fisica, note, collana, ISBN, soggetti) e offre la possibilità di aggiungere dei tag, nonché di effettuare il browsing dei risultati, accedendo al record precedente e al successivo. Grazie alla funzione Altre risorse si può visualizzare il record in un’altra pagina contenente l’URL stabile, un link a Google Books, il formato MARC, le aggiunte recenti relative alla query immessa. È inoltre possibile approfondire le ricerche sull’autore, grazie a un’integrazione con Wikipedia. È costantemente presente nelle diverse pagine un form per effettuare in qualsiasi momento una nuova ricerca.

  • 7 «L’efficacia del sistema dipende da quanto il modello pensato dal progettista si incontri con il mo (...)

5Il più innovativo tra gli OPAC considerati è però quello della NCSU. I risultati che il software Endeca garantisce sono più simili a quelli generati da una ricerca su Amazon, dunque più familiari per gli utenti7. Le funzioni più sorprendenti sono: la possibilità di chiedere assistenza al bibliotecario mediante una chat, inviare l’URL identificativo del record tramite sms, visualizzare le prime pagine di un volume (Google Preview), effettuare il browsing virtuale degli scaffali (Browse Shelf).

 

  • 8 Cfr. A. Marchitelli – G. Frigimelica, OPAC, cit. p. 28.
  • 9 Cfr. A. Iacono, Opac, utenti, rete. Prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici, «Bollettino (...)
  • 10 Gli altri due principi sono «l’importanza del contenuto e della struttura dei record nella ricerca, (...)

6L’origine del consistente divario, in termini di efficienza ed efficacia, esistente tra gli OPAC stranieri e italiani è rintracciabile nel ritardo con cui si è affermata l’automazione delle biblioteche in Italia, dove sono ancora molte le biblioteche che dispongono del solo catalogo cartaceo o che, pur dotate di un OPAC, non hanno completato il recupero catalografico del pregresso. La lentezza nella diffusione degli OPAC in Italia risente, da un lato, del ritardo con cui i sistemi di automazione si sono affermati negli enti pubblici, e dall’altro, dell’arretratezza del sistema bibliotecario italiano, caratterizzato dalla forte presenza di biblioteche storiche di conservazione, poco propense alla cooperazione e quindi alla creazione di sistemi integrati8. La sfida è creare cataloghi user friendly, che si facciano interpreti dei bisogni degli utenti e, allo stesso tempo autorevoli e coerenti9. Le Linee guida per la visualizzazione degli OPAC colgono questa necessità, stabilendo come principio «la supremazia assoluta dei bisogni degli utenti»10, i quali richiedono una rappresentazione bibliografica del documento arricchita di abstract, commenti, recensioni, sommari, immagini delle copertine, collegamenti a risorse online e a siti di bibliografie, full text. Dei record così ricchi fanno dell’OPAC uno strumento di promozione dei servizi erogati dalla biblioteca e della propria collezione libraria e investire in promozione è una necessità avvertita da qualsiasi biblioteca che voglia sopravvivere in un contesto come quello italiano, in cui lo sviluppo del servizio bibliotecario incontra degli ostacoli, da un lato, nel mancato investimento di fondi in cultura e informazione da parte delle istituzioni, dall’altro, nella scarsa abitudine alla lettura della stragrande maggioranza degli italiani.

7La tendenza evolutiva tuttora in atto riguarda l’adeguamento dell’OPAC al Web 2.0, che ha come fine quello di rendere il catalogo uno strumento di conversazione – e non più solo di comunicazione a senso unico – con gli utenti e tra gli utenti. Gli OPAC “partecipati”, sui quali vengono implementati gli strumenti tipici del social networking, coinvolgono attivamente l’utente nella vita del catalogo. Per dare a ogni utente il suo catalogo, è necessario che questo si presenti come uno strumento personalizzabile, gestibile dall’utente stesso, in base ai propri interessi e necessità. Dunque le biblioteche che offrono cataloghi tradizionali sono destinate a perdere i loro utenti in favore dei motori di ricerca e dei siti di social cataloguing. È infine auspicabile una maggiore integrazione del catalogo nel web che consenta di ottenere, attraverso l’adozione dei linked data, l’informazione catalografica dai motori di ricerca.

Notes

1 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 1): «La progettazione delle visualizzazioni dovrebbe essere guidata da linee guida generali per le buone pratiche nella progettazione di visualizzazione e criteri per l’effettiva visualizzazione a video per quanto concerne leggibilità, chiarezza, grado di comprensione, e navigabilità» (IFLA, Guidelines for On Line Public Access Catalogue (OPAC) Displays, The Hague, Netherlands: IFLA, 2005, p. 15, traduzione italiana tratta dal volume di A. Marchitelli e G. Frigimelica, Opac, Roma: AIB, 2012, p. 75). In realtà, la navigabilità è un requisito ancora mancante o non del tutto sviluppato in alcuni OPAC.

2 M. Ceroti, Ranganathan disatteso, «Biblioteche oggi», 28 (2010), 5, pp. 16-17, <http://www.bibliotecheoggi.it/2007/20071001601.pdf>.

3 <https://www.unibz.it/it/services/library/>.

4 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 6.2): «Consentire agli utenti di ordinare gli elementi desiderati e di determinare il contenuto che vogliono venga incluso. Consentire agli utenti di riordinare i record di ogni visualizzazione secondo altri criteri, per es. per identificativo dell’opera, per ordine cronologico di pubblicazione, per titolo, se la visualizzazione non è già ordinata per titolo» (IFLA, Guidelines for On Line Public Access Catalogue (OPAC) Displays, cit., p. 22; traduzione italiana cit., p. 86).

5 Linee guida per la visualizzazione degli OPAC (Raccomandazione 1.2): «Mostrare nel contesto i termini di ricerca immessi ed enfatizzarli nelle visualizzazioni ottenute, ad es. evidenziandoli» (IFLA, Guidelines for On Line Public Access Catalogue (OPAC) Displays, cit., p. 16, traduzione italiana cit., p. 77).

6 <http://lib.unibocconi.it/*ita>.

7 «L’efficacia del sistema dipende da quanto il modello pensato dal progettista si incontri con il modello concettuale che ha in mente l’utente, il quale ha, a sua volta, un proprio modello di ricerca fondato sulle sue abitudini, il suo stile di comportamento, le sue aspettative sull’organizzazione del catalogo e sulla struttura dei dati bibliografici» (L. Tronchin, I cataloghi elettronici delle biblioteche. Tendenze evolutive degli OPAC, Tesi di laurea in Biblioteconomia, Corso di laurea in conservazione dei beni culturali, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, 2008).

8 Cfr. A. Marchitelli – G. Frigimelica, OPAC, cit. p. 28.

9 Cfr. A. Iacono, Opac, utenti, rete. Prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici, «Bollettino AIB», 50, 2010, 1-2, p. 71, <http://bollettino.aib.it/article/view/5295>.

10 Gli altri due principi sono «l’importanza del contenuto e della struttura dei record nella ricerca, identificazione, selezione e ottenimento delle risorse» e «la necessità di seguire gli standard internazionali accettati sul contenuto e sulla struttura dell’informazione» (IFLA, Guidelines for On Line Public Access Catalogue (OPAC) Displays, cit. p. 15, traduzione italiana cit., p. 75).

Auteur

Università degli studi di Firenze

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search