Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

Studio dell’efficacia dell’approccio qualitativo applicato all’analisi dell’utenza reale e potenziale dei servizi bibliotecari attraverso ricerca empirica

Chiara Faggiolani

Note de l’auteur

Tesi di Dottorato

Dottorato di ricerca in “Scienze librarie e documentarie” (XXIII ciclo)
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 4 maggio 2011
Tutor prof. Giovanni Solimine, co-tutor prof. Giovanni Paoloni

Texte intégral

1Nell’intento di andare oltre la valutazione dell’efficacia del servizio e con lo scopo di comprendere i problemi legati al posizionamento della biblioteca in un determinato contesto sociale, le motivazioni che spingono i cittadini a divenire utenti del servizio o al contrario ad abbandonarlo, da qualche tempo anche in Italia si cominciano ad applicare in biblioteca le tecniche di ricerca qualitative mutuate dalla metodologia della ricerca sociale.

  • 1 In tal senso pare opportuno precisare che in questa sede l’espressione “ricerca qualitativa” viene (...)

2La ricerca che si presenta aveva l’obiettivo di indagare in profondità i differenti orientamenti metodologici qualitativi1, riconducibili al paradigma interpretativista, che possono essere utilizzati con successo in biblioteca, non trascurando la ricaduta che tale arricchimento metodologico ha sulle finalità conoscitive della disciplina che se occupa e sul suo oggetto di studi.

 

3Per conseguire tale obiettivo la ricerca si è avvalsa di due diverse forme di approfondimento fortemente interrelate: una prettamente teorica sulla metodologia e le tecniche della ricerca sociale e l’altra di carattere pratico che, attraverso il metodo del caso di studio, ha previsto l’applicazione di tali strumenti in un’indagine empirica condotta tra il 2007 e il 2010 sull’utenza di quattro biblioteche del Sistema Bibliotecario Comunale di Perugia, evidenziandone il posizionamento e l’identità percepita da parte dell’utenza (cfr. figure 1, 2).

Figura 1 - Network view

Figura 1 - Network view

4La riflessione sull’utenza dei servizi bibliotecari e sulle metodologie di ricerca utili alla sua analisi si è così sviluppata attraverso il confronto continuo tra i risultati ottenuti sul campo, dal contatto diretto con gli utenti, coinvolti in numerose interviste in profondità e focus group, e un approfondimento teorico che potremmo definire “orizzontale” e che ha portato all’esplorazione di ambiti anche diversi da quello biblioteconomico: oltre che naturalmente la metodologia della ricerca sociale, ad esempio la psicologia sociale, la psicologia e la sociologia dei consumi.

Figura 2 - Mappa percettiva del posizionamento

Figura 2 - Mappa percettiva del posizionamento

5La ricerca si propone come una riflessione sugli ambiti di applicazione privilegiati dell’approccio qualitativo in biblioteca – dall’analisi dei bisogni alla segmentazione dei pubblici, dall’approfondimento dell’immagine percepita delle biblioteche alla misurazione dell’impatto sociale – e mette, inoltre, in evidenza il naturale potere di advocacy delle tecniche qualitative, come potenziale strumento di fund raising e people raising.

6La ricerca ha evidenziato inoltre la ricaduta che l’applicazione di questi strumenti può avere sulla disciplina. Proprio la centralità delle persone rispetto ai servizi porta a parlare di “biblioteconomia sociale” come la disciplina che si occupa della biblioteca come “sistema sociale complesso fatto dalle persone per le persone”. Una disciplina che alla transazione antepone la relazione, che rispetto alla qualità del servizio non si pone in modo autoreferenziale, perché il concetto di qualità è socialmente e storicamente determinato e che oltre al concetto di soddisfazione dell’utente rispetto alla mission istituzionale delle biblioteche, contempla anche, a livello più generale, il benessere dell’individuo e l’impatto che la frequentazione della biblioteca contribuisce a generare, tenendo in considerazione anche la dimensione simbolica, relazionale e sociale per essere in sintonia con l’evoluzione dei valori socialmente condivisi e fare in modo che le biblioteche riflettano lo spirito del tempo.

Notes

1 In tal senso pare opportuno precisare che in questa sede l’espressione “ricerca qualitativa” viene utilizzata nella sua accezione metodologica, ovvero come approccio all’indagine che adotta procedure analitiche che «non presuppongono la trasformazione dei fenomeni studiati in numeri (cioè la loro quantificazione) e il loro trattamento statistico, bensì procedure più informali, che si affidano alla capacità e alle risorse analitiche del ricercatore, come la concettualizzazione». Cfr. E. Cicognani, Psicologia sociale e ricerca qualitativa, Roma: Carocci, 2002, p. 7. In ambito biblioteconomico, con l’espressione “indagine qualitativa” si è fatto riferimento principalmente all’oggetto di studio dell’indagine: la qualità del servizio erogato dalla biblioteca, intesa come soddisfazione dell’utente ed efficacia del servizio, rilevata sovente attraverso strumenti quantitativi (il questionario).

Table des illustrations

Titre Figura 1 - Network view
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1383/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 220k
Titre Figura 2 - Mappa percettiva del posizionamento
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1383/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 132k

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search