Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La Biblioteca del Senato: dal catalogo metodico all’integrazione con il catalogo Camera

Elisabetta Castro

Note de l’auteur

Tesi di Diploma

Scuola di specializzazione in “Beni archivistici e librari”
La Sapienza Università di Roma

Tesi discussa il 24 gennaio 2011
Relatore prof. Alberto Petrucciani, correlatrice dott.ssa Manuela Ruisi

Texte intégral

1Lo studio è stato condotto ponendo come obiettivo iniziale l’indagine sulle possibilità e le modalità dell’integrazione dei cataloghi delle due biblioteche parlamentari italiane, avendo come punto di partenza la Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini”. Per comprendere lo status quo del catalogo, è stata svolta una ricerca storica sui vari strumenti di corredo che l’Istituto, nel corso degli anni, ha compilato per i suoi utenti. I risultati iniziali ci hanno indotto a dedicare maggiore attenzione a tale tipologia di materiale, in una prospettiva storica, indagando la ratio delle scelte compiute dai vari redattori, e abbiamo infine dedicato un breve spazio allo studio sull’integrazione dei cataloghi.

 

2Per la stesura del lavoro, oltre alla consultazione diretta e comparativa di detti strumenti, si sono esaminate le carte d’archivio, e ciò ci ha permesso di rinvenire alcuni documenti nei quali si testimonia che già nel primo trentennio del secolo scorso si manifestò l’esigenza della condivisione delle raccolte e del coordinamento tra le due biblioteche parlamentari, esigenze che stanno anche alla base della nascita del “Polo bibliotecario parlamentare”, così come lo conosciamo oggi. La storia più recente del catalogo, a partire dalla sua automazione dal 1994, è stata scritta grazie alla collaborazione con l’Ufficio per l’acquisizione e l’ordinamento dei libri, che, oltre ad averci guidato in alcune indagini, ha messo a disposizione della documentazione interna. Enucleiamo di seguito quelli che ci sono sembrati i risultati più interessanti relativi alle radici del “Polo bibliotecario parlamentare”, e alla singolare storia delle regole catalografiche.

  • 1 Documento conservato nel fondo Biblioteca, tra gli Incarti relativi all’anno 1927.

3Tra i faldoni dell’Archivio storico del Senato, è stata rintracciata una richiesta del direttore della Biblioteca della Camera, Enrico Damiani, datata 11 novembre 1927, nella quale si espone una delibera della Commissione della biblioteca: «[...] di coordinare, al fine di limitare le spese, gli acquisti di opere di eccezionale costo con quelli della Biblioteca del Senato, evitando in tal modo di acquistare quelle di cui si provveda la Biblioteca del Senato e invitando questa a fare altrettanto nei riguardi della nostra. Così, per cominciare, desidererebbe sapere se la Biblioteca del Senato ha acquistato o intende acquistare l’edizione Olschki del Milione di Marco Polo. In caso affermativo, non l’acquisteremmo noi; in caso negativo, l’acquisteremmo mettendola a disposizione anche della vostra Biblioteca»1.

4Non sappiamo quale fu la risposta, quel che è certo è che il volume fu acquistato dalla Biblioteca del Senato. Si tratta di un’edizione di Marco Polo, Il Milione, a cura di Luigi Foscolo Benedetto, Firenze: L. S. Olschki, 1928, opera pregevole, stampata in 600 esemplari numerati, di cui il Senato riuscì ad acquistare la copia n. 85.

5Non passa inosservato neanche che dal 1930 il Bollettino delle recenti accessioni fu pubblicato congiuntamente dalle due biblioteche parlamentari, non come giustapposizione degli elenchi delle registrazioni dei singoli istituti, ma come loro piena integrazione, dal momento che la descrizione bibliografica viene registrata una volta sola nel caso in cui l’opera relativa è posseduta da entrambe le biblioteche. Ciò ad ulteriore conferma che l’attuale configurazione del “Polo bibliotecario parlamentare”, l’integrazione dei servizi e dei cataloghi, altro non è che la realizzazione di una vocazione unitaria, colta da chi diresse i due istituti circa 80 anni fa; ma le situazioni contingenti, in primo luogo quelle della seconda guerra mondiale, bloccarono questo processo di unione, che riuscì a realizzarsi pienamente quando i tempi furono di nuovo maturi.

  • 2 Così ebbe a dire il direttore Pintor durante una commissione di vigilanza nel ‘26.
  • 3 Dal verbale della seduta della Commissione di vigilanza del 15 dicembre 1925.
  • 4 Dal verbale della seduta della Commissione di vigilanza del 15 dicembre 1925.

6La storia delle regole catalografiche della Biblioteca del Senato è legata al nome di Corrado Chelazzi. Prima di lui, le nuove acquisizioni venivano catalogate seguendo le “migliori”2 norme e anche per il recupero del pregresso non veniva seguita una metodologia unitaria e codificata, ma tutto era lasciato al buon senso3, e venivano utilizzate come schede del catalogo anche molte registrazioni tratte da diversi cataloghi a stampa: «È poi da fissare il modo di schedatura; a cui la Biblioteca provvede in parte con l’attaccatura dei venti cataloghi a stampa, e in parte con la trascrizione dei titoli. La commissione esamina i modelli che vengono presentati, di trascrizione a mano, e di copiatura dattilografica; e crede che non occorra adottare un unico sistema, tanto più che già ci sono migliaia di schede con i titoli, come si è detto, a stampa. Occorrerà, in ogni modo, una nuova macchina da scrivere, essendo logora quella che la Biblioteca possiede, e una macchina che sia particolarmente adatta all’impressione su un cartoncino»4.

7Chelazzi, che diresse l’Istituto dal 1929, fortemente integrato all’interno del dibattito biblioteconomico internazionale, per la registrazione nel catalogo sia del materiale corrente che del pregresso, comprese la necessità di seguire delle norme di catalogazione standardizzate, ed optò per le regole vaticane”, che si occupò di emendare in alcuni punti. L’interesse del nuovo direttore per il catalogo si inserisce all’interno di un suo più ampio progetto di rinnovamento generale della Biblioteca, in funzione dei servizi all’utenza. Furono quelli gli anni della costruzione della torre libraria, di nuovi locali per il personale e per le raccolte; e soprattutto in quegli anni furono allestite diverse sale di lettura: quella dei senatori specializzata in discipline giuridiche e quella di consultazione generale, detta anche metallica, perchè posta all’interno della torre libraria in metallo, e ciò rese più favorevole l’accesso all’utenza esterna, accettata con diverse limitazioni. Quando, dopo il secondo conflitto mondiale, Corrado Chelazzi lasciò la biblioteca con in corso il lavoro retrospettivo del catalogo, i suoi immediati successori ebbero piena coscienza della rivoluzione avvenuta, e cercarono di consolidare l’importante eredità di Chelazzi, rendendo però la biblioteca impermeabile ad ogni cambiamento che avveniva all’esterno, occupandosi, in quegli anni, unicamente della gestione del proprio patrimonio in funzione delle esigenze più immediate dell’utenza. Nel campo della registrazione bibliografica si scelse di mantenere l’adozione delle regole vaticane emendate: non sortirono alcun influsso nel modus operandi del catalogatore né le novità presenti in ambito italiano, come le regole italiane del ‘56 e la pubblicazione della BNI a partire dal 1958, né il dibattito internazionale apertosi in seguito alla definizione dei principi di Parigi, che portarono alla codificazione di vari codici catalografici in vari Paesi, né tantomeno la nascita delle ISBD, frutto della coscienza della necessità di un controllo bibliografico universale.

8Nel 1994 la Biblioteca del Senato iniziò l’automazione del catalogo e, poco tempo dopo, in occasione dell’apertura al pubblico nella nuova sede di Palazzo della Minerva, si rese necessaria una riflessione sui servizi da offrire ad un’utenza in crescita e variegata: l’Istituto si preparava ad un nuovo rinnovamento. Si optò per l’adozione di Aleph 500, scelta condivisa anche con la Biblioteca della Banca d’Italia e con quella della Camera, e solo in quell’occasione si abbandonarono le proprie regole catalografiche, in vigore per circa 70 anni, a vantaggio delle RICA, ma soprattutto ciò significò l’allineamento agli standard internazionali tramite l’adozione delle ISBD per la descrizione bibliografica. Nella prassi, questo comportò l’adozione del formato UNIMARC come interfaccia nativa per la catalogazione dei record relativi al materiale corrente, e il processo di migrazione per quei dati già contenuti negli archivi di TINLIB.

9In questi ultimi anni, le biblioteche parlamentari stanno scrivendo insieme le pagine successive della storia dei propri cataloghi, o meglio, forse, del proprio unico catalogo integrato. Grazie agli studi che il personale dei relativi uffici ha condotto circa gli usi dei campi e sottocampi UNIMARC, potranno essere fatte delle scelte oculate, per consegnare all’utente, non certo uno strumento perfetto, ma quello migliore possibile, tenendo sempre in conto che nessuna scelta grande è esente da rischi e l’eccessiva tendenza al perfezionismo genera stasi, e questo è l’unico rischio dal quale ogni biblioteca che non vuol perdere la propria vocazione deve stare lontana.

Notes

1 Documento conservato nel fondo Biblioteca, tra gli Incarti relativi all’anno 1927.

2 Così ebbe a dire il direttore Pintor durante una commissione di vigilanza nel ‘26.

3 Dal verbale della seduta della Commissione di vigilanza del 15 dicembre 1925.

4 Dal verbale della seduta della Commissione di vigilanza del 15 dicembre 1925.

Auteur

La Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search