Version classiqueVersion mobile

«E nadi contra suberna». Essere “trovatori” oggi

 | 
Monica Longobardi
, 
Estelle Ceccarini

La poesia dei confini di Joan-Luc Sauvaigo

Olivier Pasquetti

Texte intégral

1Il tema della «frontiera» con il quale desidero qui affrontare l’opera di Joan-Luc Sauvaigo è un concetto spesso astratto e vasto nella sua rappresentazione. Esso consente generalmente in letteratura di distinguere un’opera da un’altra, di differenziare due autori o di separare due scuole o due movimenti letterari, più spesso rappresentativi di epoche diverse. Stando alla storia e alla teoria della letteratura, dunque, si può constatare una tendenza alla razionalizzazione di questa disciplina che permette di sceverare con chiarezza le tendenze dalle opere scritte. Allo stesso modo, quanto a riferimenti, modelli, intertesto ma anche a corrispondenze, numerosi sono gli scrittori che compongono in rapporto agli autori del loro tempo, ai principi della loro epoca, contribuendo così consapevolmente o meno ai paradigmi della critica.

2Questa stessa nozione di «frontiera» applicata alla letteratura porta generalmente in sé un parametro di flessibilità, di assenza di rigidità quanto alla demarcazione tra due scritti che si è indotti a differenziare per genere, per stile, per contenuto tematico o qualsiasi altro criterio che consenta la distinzione. Con questa idea intendiamo che il passaggio da un movimento ad un altro non si stabilisce mai in modo categorico e osserviamo continuamente quello che potremmo chiamare un periodo di transizione durante il quale vediamo schiudersi i precursori del movimento da seguire.

3La letteratura occitana risponde a questi principi di chiarimento della sua storia ed è abbastanza facile distinguere quali furono le grandi linee della letteratura dai tempi dei trovatori fino ad oggi. La seconda metà del XX secolo vede invece un exploit della produzione occitana in tutti i suoi aspetti e nel quale diventa difficile distinguere tendenze maggioritarie all’interno degli scritti. Joan-Luc Sauvaigo, scrittore di espressione occitana nato nel 1950 a Nizza, è uno di quelli che meglio illustrano questo arcipelago di produzioni e che, di conseguenza, respinge incessantemente i confini prestabiliti della letteratura occitana. Con lui, infatti, essi diventano piuttosto uno strumento al servizio della sua creazione e arriva a spingere la sua riflessione fino a posizionare il quid occitano tra radicamento e universalità.

4Bisogna innanzitutto precisare che il messaggio del poeta nizzardo non conosce frontiere per quanto riguarda i suoi mezzi di espressione. Scrittore certamente, è infatti autore di sette raccolte poetiche, Joan-Luc Sauvaigo si esprime anche attraverso la pittura e più precisamente l’acquerello; attraverso la musica, in quanto ha prodotto una quindicina di CD; attraverso il fumetto – è l’autore del primo fumetto pubblicato in occitano – e come direttore e animatore di riviste culturali. Il suo messaggio, posto sotto il segno della contestazione e dell’impegno ideologico, occupa un posto preponderante in tutte queste diverse discipline artistiche. Queste ultime non possono in alcun caso essere dissociate da parte di chiunque desideri spiegarne il contenuto e tendono così ad essere complementari nella trasmissione della sua idea poetica.

  • 1 Gardy 1992: 113.

5«L’incessante ricerca dell’alterità» così la definisce Philippe Gardy quando evoca nel suo libro Une écriture en archipel: cinquante ans de poésie occitane1 uno dei principi di scrittura che guida la produzione di Sauvaigo. La ricerca dell’alterità comprende due pratiche che consistono, sia nel merito che nella forma, nello scavalcare quegli stereotipi legati ai localismi e quindi nell’immaginare il carattere di ciò che è diverso, come l’esercizio ad aprirsi alle altre culture fino ad appropriarsene, il che, di conseguenza, veste la scrittura di un abito originale.

  • 2 Seba! = il titolo di quest’opera è anche il nome di un gioco dei bambini nizzardi, dire seba signi (...)

6Miscela dei generi o evoluzione permanente della sua penna, Sauvaigo ridisegna continuamente i contorni della letteratura dialettale nizzarda. Il contesto che prevale nella creazione delle sue sette principali raccolte poetiche è sempre diverso. Infatti, se si guarda più da vicino alle sue forti opere letterarie che sono Seba!2 (Sauvaigo 1972), Mon Fiu es un bèu jorn per morir (Sauvaigo 1974, a), Quieta Còla (Sauvaigo 1976), Sus la Brua (Sauvaigo 1984), Un Sera Fodrat de Verd’Espera (Sauvaigo 1993), Faulas de Nissa (Sauvaigo 2015) e Crònicas Sotrani (Sauvaigo 2017), la ricerca della alterità, per riprendere l’espressione utilizzata da Philippe Gardy, si traduce in un costante cambiamento del genere e dello stile di scrittura dovuto al contesto in cui scrive. In Sauvaigo, l’esercizio costante di nuova ideazione, gioca un ruolo fondamentale in ogni sua opera. Seba, pubblicato nel 1972, contiene poesie composte essenzialmente tra il 1965 e il 1969. I riferimenti in questa opera sono legati alle letture di cui si nutrì l’autore nel tempo della sua adolescenza e rimandano ad un’ispirazione bucolica e surrealista. Dopo Seba, Joan-Luc Sauvaigo pubblica due opere di prosa poetica che sono Mon Fiu es un beu jorn per morir (1974) e Quieta Còla (1976). Queste due pubblicazioni travalicano la funzione puramente letteraria; intendiamo qui il piacere puro di scrivere e testimoniano per quanto riguarda la prima delle due, del militantismo occitano dell’epoca, legato agli anni che l’autore trascorse a Aix-en-Provence (1971-1974) partecipando alle attività di Lotta Occitana. Invece, Quieta Còla fa riferimento al suo ritorno a Nizza, simboleggiato da questa «collina tranquilla» che si oppone all’impegno quasi rivoluzionario di cui aveva dato prova negli anni passati. Quest’opera segna così, a livello della sua scrittura, la fine dei due primi capitoli (surrealismo e attivismo). Questa pubblicazione del 1976 si nutre anche del doloroso distacco e di tutto il disagio psicologico legato alla morte per overdose di alcuni amici o di alcune conoscenze. Quieta Còla si inserisce dunque nella continuità di un tutto mondo che crolla agli occhi dell’autore. Egli stesso evoca in un paragrafo a carattere meta-testuale quella frontiera tra l’ispirazione alla quale ricorre per i suoi primi scritti e quella che lo guiderà in seguito:

  • 3 Sauvaigo 2007: 5. «I primi tre quaderni (pubblicati allora in extenso grazie all’amichevole iniziat (...)

Lu primiers tres quadèrns (publicats alora in extenso gauga l’amistadosa iniciativa de RòbertLafònt) fan de testimònis d’aquela época que princípia dau 1965 a Nissa e Luceram amb l’eiretatge de Dada e li promessas de la còntra-cultura, e s’acaba en lo 1974 a-z’Ais, Fotz, Marselha dintre lo patòs de la «génération tordue», lo suicidi dei «Indians urbans», li drògas que tuan, la mòrt dau pantai occitan, la dau desidèri revolucionari (…) Alora retorn a Nissa. Pèr quauques ans, a èstre basta un cançonaire, un escarabochaire de «comix», un esquasi-ferroviar.3

7Nel 1984, grazie alla propria casa editrice, Sauvaigo pubblica una nuova raccolta, Sus La Brua (Al Confine), che secondo noi si impone come l’opera più compiuta da un punto di vista poetico. Questa pubblicazione, composta tra il 1978 e il 1984, segna un ritorno alla letteratura, ma priva di impegno. Infatti, in questo libro, il desiderio di scrivere è l’unico principio che guida la sua penna. Succede a quest’opera quello che potremmo definire una traversata del deserto poetica. Infatti, dal 1984 al 1990, l’attività creatrice rallentata di Sauvaigo è dovuta essenzialmente alla perdita di quelli che considerava suoi fratelli e con cui aveva fondato il suo gruppo di musica l’Ontàrio Blues Banda. Tra il 1991 e il 1993 riprende la scrittura e crea piccoli testi semplici che assomigliano agli haiku. Questi saranno pubblicati nel 1993 con il titolo di Un Sera Fodrat de verd’Espera (Una notte foderata di verde speranza). Nel 2015 pubblica Faulas de Nissa (Favole di Nizza) che si impone come compimento di un lavoro scaglionato su una ventina d’anni e che materializza la passione e il desiderio provati dal poeta per Nizza. Recentemente sono state pubblicate le Crònicas Sotrani (Cronache Sotterranee) una sorta di racconto in abyme scritto per la maggior parte durante l’estate 2012 e in cui la ricerca dell’alterità che Philippe Gardy sottolineava è portata al suo culmine.

  • 4 Sauvaigo 2007: 5. «la scrittura di uno quasi scrittore».

8Nelle confluenze delle idee e dei simboli, dunque, la poesia dei confini di Joan-Luc Sauvaigo esprime prima di tutto la posizione di uno scrittore «al confine» di tutto, che è ma non appartiene, che fa poesia ma non è poeta. In continua ricerca di un ubi consistam, anche fosse reale, i suoi scritti pongono domande sulla situazione dello scrittore occitano, per di più occitano nizzardo. Una scrittura del complesso si sviluppa così intorno alla difficoltà di creare in occitano, e in particolare si mette in dubbio l’identità dello scrittore finendo per non considerarsi tale. Ed è così che tutta una retorica portata da questo tema è visibile nella sua opera, «l’escriptura di un quasi escrivan»4 e propone in tal modo una riflessione su un’eventuale frontiera tra essere o non essere scrittore.

Un còp èra un fantauma de poeta, besson a.sincònico e i.legítimo5

  • 5 Sauvaigo 2017: 9. «C’era una volta, un fantasma di poeta, gemello a.sincronico e i.legittimo».

9Nell’opera di Sauvaigo, l’idea di essere un poeta illegittimo è continuamente veicolata per mezzo di riflessioni meta-testuali centrati sulla convinzione di collocarsi al limite dell’universo della creazione e di evolversi alla periferia dei generi e delle idee. Nel brano seguente, con l’immagine della «muòstra raubada» [l’orologio rubato] che ci rinvia ad una forte creazione della letteratura dialettale nizzarda del XIX secolo, l’autore nizzardo si stima per la sua volontà escluso dal mondo degli autori.

  • 6 Sauvaigo 2017: 24. «E parlando dell’orologio, già da un po’ è stato rubato l’orologio, o magari reg (...)

E parlant relòri, fa ja quauqu temps que la muòstra es raubada, ò regalada, ò rota, ò esregolada, ò perduda, se’n avisa plus; es lo sempre parier sentiment que lo fa estar un pauc fuòra, sus l’òrle.6

10L’insieme della creazione in nizzardo qui è simbolizzato da un’opera di Rosalinde Rancher, L’Orologio rubato. Con questa analogia l’autore associa alla produzione in nizzardo diversi aggettivi con tendenza piuttosto negativa Di tutti gli scritti, l’unica sfera in cui lo scrittore si evolve è quella che si delinea sotto i tratti della solitudine, dello scetticismo o addirittura del nichilismo, dell’assenza di considerazione e di credibilità nei confronti di ciò che può creare. Talvolta, questa oscura riflessione appare in uno slancio di autodeterminazione che amplifica il lato illegittimo dello scrittore e ha come conseguenza di allontanare continuamente le frontiere del suo mondo.

  • 7 Sauvaigo 2017: 26. «felice nonostante la solitudine, di essere a volte un caca-bietola selvaggia [« (...)

content, ben qu’un pauc solet, d’èstre a torn a torn caga-blea sauvatge, ò mohïcan garibaldin, ò olivier palestinian, ò barronaire dau temps, ò sèrp, ò tartuga, ò can-goró, ò formigas d’Australia, ò nomade dau pantais, ò tendre natiu pervertit, ò fantaume pelegrin, ò poeta pigre
de fes es pròpi un puniment d’èstre
(lo poeta de Stratford a compendiat la question: ent ò nient!)7

11Va sottolineato che al termine di questa enumerazione, in cui i giochi di parole si intrecciano con certe immagini forti che si ritrovano nell’opera generale di Sauvaigo, anche il riferimento a Shakespeare si contraddistingue per un difetto di identificazione, in quanto l’espressione occitana utilizzata qui, ent ò nient, tradotta personalmente dall’autore da «essere o non essere» potrebbe anche riferirsi alla principale opera filosofica di Jean-Paul Sartre L’Essere e il Nulla. È infatti nella sua ultima raccolta pubblicata, le Crònicas Sotrani, che appare un’ambiguità quanto all’attribuzione dell’espressione ent ò nient che, pur affermata da Sauvaigo come quella del poeta di Stratford, quando leggiamo:

  • 8 Sauvaigo 2017: 28. «Ci eravamo diverti, al terrazzo del “Pastrouil” una sera del 1970, a tradurre i (...)

S’eravam amusats, a la terrassa dau “Pastrouil” un sera dau setanta, a tradurre en nissard un títolo de Sarte: “L’Être et le Néant”... l’ent e lo nonent ò l’ent e lo nient, l’òu e lo nonat abrat, lente e lo manco ren!8

12Da Shakespeare o da Sartre, Sauvaigo offusca l’identità dei «poeti mascherati» a partire dalla sua. Questa difficile identificazione dello scrittore si accompagna a tutta una dialettica in cui la parola «Degun» (nessuno) per indicare lo scrittore ritorna regolarmente. Quando effettua una riscrittura delle sue principali raccolte poetiche apparse sotto il titolo di Compendi derisòri dau desidèri (Sauvaigo, 2007), non omette di menzionare nella prefazione che egli stesso sottoscrive tale posizione:

  • 9 Sauvaigo 2007: 5. «Il nome del cronista? «Nessuno». Il poeta mascherato risponde in tal modo all’et (...)

Lo nom dau croniquista? «Degun». Lo poëta masquerat respònde ensinda au questionar identitari sempitèrn e rompe-balas.9

  • 10 Sauvaigo 2007: 187. Nessuno, «Il mio nome è Nessuno, Alias Nessuno»; «è successo così rapidamente e (...)

13Fin dai suoi primi scritti nel 1965, la problematica dell’identità dello scrittore appare costantemente in Sauvaigo ed è così regolare constatare questa aspirazione a voler cancellare ogni traccia che porti all’identificazione della sua autorialità. Oltre a ciò che viene prodotto e pubblicato, gli inediti non fanno eccezione ed è così che in uno di questi intitolato «Rocasparvièra», l’autore appare nuovamente sotto lo pseudonimo Degun, «lo mieu nom es Degun, alias Degun, «s’es debanat tant vito e m’a ‘scapat lo mieu nom».10

14Di fronte a questa assenza di declinazione di identità, appare allora l’idea di una dissociazione tra la persona reale e fisica che attiene al lui scrittore e quella che pertiene a momenti in cui non è in tale veste. Questa tendenza schizofrenica secondo cui l’ «io» è un altro ci ricorda le aspirazioni di alcuni grandi autori come Rimbaud (vedere le sue lettere di corrispondenza) e si trova chiaramente enunciata dallo stesso Sauvaigo.

  • 11 Sauvaigo 2017: 53. «Carissimo amico/ Le scrivevo dal posto nel quale sarò rimasto allora, da un alt (...)

Car amic caro,
V’escrivii d’a dont m’estaguerai en aquest ora, d’un autre ieu, d’un ja paradís, despí lo tabernacle denembrat de la fratelença exutòria
… ah si, aquel autre ieu dai vint-a-sièis, coma lo sonavan ja?
-lo sonavan pas, lo sublavan basta; alora firmava «Degun», en silenci…11

15L’invenzione di una lettera che avrebbe potuto scrivere all’età di ventisei anni apre le prospettive dello sguardo che porta su di sé e sulla sua opera passata un po’ all’immagine di un bilancio. Questa differenziazione di approccio dovuta alle due personalità che racchiude alimenta le riflessioni meta-testuali della sua letteratura. Dalla mancanza di identità del poeta chiamato «Degun» [Nessuno], la difficile percezione della persona porta anche con sé la questione, certamente immaginata per celia, della credibilità degli scritti e quella della loro autenticità.

  • 12 Sauvaigo 1974: 27-29. «Era prima della guerra/ quella che non abbiamo conosciuta ancora, ma che abb (...)

Era denant la guerra
Aquela qu’avèm pas encara conoissuda, mas qu’avèm ja facha.[…]
Era una sèra o denant una sèra, sabi manco.[…]
Ai denembrat se èri aquì.[…]
Alora ai parlat e ai dich li cauaus parieri que dii encuei ò sabi pus tant cen que digavi, e bensai sabi pas tant cen que dii encuei.
Era bèn denant la guerra, aquela que farai pas bensai pas perqué li serai pus quora petarà.12

16Tra illusione passata e futuro immaginato, quest’idea secondo cui l’«io» sarebbe un altro introduce anche nell’opera la nozione di irrealtà. Si delinea una frontiera tra mondo reale e irreale ed è molto spesso il secondo che meglio risponde alle aspirazioni poetiche di Sauvaigo. Non avremo il tempo qui di esaminare in modo esauriente le figure dell’irreale e del «Pantai» (del sogno) presenti nella sua opera e che sono lungi dall’essere trascurabili, ma daremo a titolo di esempio e di illustrazione le due citazioni che seguono e che permettono di leggere ciò che può essere per l’autore la bozza di una ricostituzione del reale e il percorso creativo in cui desidera iscriversi.

  • 13 Sauvaigo 1972: 34. «La donna/ che non avrei mai amata/ la mano che non avrei neanche stretta/ il pa (...)

La frema
qu’aurii manco aimada
la man qu’aurii manco serrada
lo pais
dont serii manco naissut
solàs?13

17L’incertezza circa il sollievo che potrebbe procurargli l’irrealtà della sua esistenza, incertezza segnata dal punto interrogativo, cancella ogni confine tra sentito reale e immaginato. Questa assenza di frontiere diventa reale quando si tratta di evocare da un punto di vista geografico un paese che non esiste territorialmente e nel quale l’autore non avrebbe nemmeno potuto evolversi.

  • 14 Sauvaigo 1974: 7. «Nel mio paese» cioè nel paese nel quale non sarei potuto nascere/ nel paese che (...)

«Dins lo mieu païs»
es à dire lo païs dont aurii poscut manco nàisser,
dins lo païs qu’avii certo manco chausit, mas qu’encuèi fau mieu (perqué cada torn actor e regardaire),
es à dire dins lo païs dont ai fach mieua una bòna part dei «privilègis» d’aquèu païs[…]
Dins lo mieu païs
Sensa frontièras.14

18Anche in questo caso, l’idea di incertezza sul ruolo proprio dell’autore, tra attore e spettatore, così come sulla scelta del paese che non è voluto ma assunto totalmente, è veicolata da un’evidenza che si costruisce nella rivendicazione del paese senza frontiere.

19Da tutte queste riflessioni sull’identità dello scrittore, sulla difficile delimitazione di chi sia e di che cosa produca, Sauvaigo vede tra i fattori e le cause che portano a questa problematica una triplice marginalità che associa alla sua situazione di scrittore occitano. In un articolo che scrive nel 1973 per la rivista allora diretta da Jean-Paul Sartre, Les Temps Modernes, Joan-Luc Sauvaigo affronta questa equazione a triplo livello che vive prima lo scrittore, ancor più lo scrittore occitano e massimamente lo scrittore occitano nizzardo. Definendo questo principio per mezzo dell’immagine che ritrae una «bambola russa», egli tenta da più di cinquant’anni di uscire da questa camicia di forza in cui il poeta rischia di restare imprigionato, sforzandosi perciò di conquistare i luoghi comuni della creazione mondiale. Questa situazione etnosociologica, oltre che linguistica e geografica, induce il nostro autore a porsi contemporaneamente al limite e al di là di tutto. In fondo fa come chi tenti di ricostituire il suo reale partendo dalla condizione di essere troppo difficilmente inseribile nella «realtà». In questo articolo scritto intorno ai vent’anni e intitolato «Dalla Scrittura alla parola», per ragioni storiche e una problematica culturale, denuncia il fardello esistenziale che grava sullo scrittore occitano nizzardo.

  • 15 Giordan 1970: 182.
  • 16 Sauvaigo 1973: 56. «per chi sta studiando letteratura occitana oggi, quello che segna di più, è que (...)

Pour qui se penche sur la littérature occitane aujourd’hui, ce qui frappe le plus, c’est cet état d’extrême isolement dans lequel se trouve le scripteur. C’est aussi la difficulté qu’éprouve ce scripteur d’assumer un statut limité, menacé, dont la relativité est le résultat d’un effort constant de production, entrepris il y a environ trente ans. […] Non seulement le scripteur occitan est isolé, du fait même qu’il «pratique l’écriture», (notons qu’il s’isole lui-même en acceptant les données de l’oppresseur: celui qui détient le savoir, et dans le cas occitan, où il est oppressé, encore, par d’autres «spécialistes»), du fait de ses antécédents historiques, de ses seuls efforts de survivance, mais de plus, il prolonge cet isolement. Il le prolonge par rapport à son rapport socio-culturel, mais plus largement, il s’insère difficilement dans la «réalité» contemporaine. Plus précisément, comme le dit Giordan, «être écrivain occitan, c’est éprouver de la difficulté à se situer par rapport à soi et, partant, par rapport à d’autres lieux de production, à d’autres cultures15».16

20La triplice marginalità dello scrittore occitano in cui opera e che viene analizzata in questo articolo del 1973 diventa una questione esistenziale. Praticando un’«arte triste» per riprendere le sue parole, Sauvaigo ritiene che la lingua d’oc, lingua di uno spazio colonizzato interiormente sia «messa in disparte ed incollata da un sistema giacobino che tende a creare il complesso del sotto-franchimand». Rimane comunque un fascino e un’attrazione per questo suo collocarsi ai confini della norma e ai limiti di un sistema che si definirà egemonico. Guardando all’esempio di Gustav-Adolf Mossa, pittore simbolista tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, grande pittore, anche del Carnevale di Nizza, nonostante la sua rinuncia a dipingere per le più grandi corti europee, Sauvaigo si compiace e forse anche si rassicura. Oltre all’influenza pittorica che può esercitare questo artista sul nostro autore, egli trova nella persona, nella carriera e nell’opera di Mossa l’espressione di uno squilibrio artistico ed esistenziale che tende a rivendicare. Una delle «Faulas de Nissa» è totalmente consacrata alla filiazione tra queste due persone, ma è in primo luogo l’elaborazione di un mondo di artisti inclassificabili, in quanto spiriti incessantemente ai limiti di tutto.

  • 17 Joan-Luc Sauvaigo evoca qui l’opera del pittore simbolista nizzardo Gustave-Adolphe Mossa.
  • 18 Sauvaigo 2015: 70. «Mi ero sentito vicino alla rivolta che volevo per forza immaginare. Quanto ben (...)

M’èri sentit pròch de la revòuta que l’i volii testardament endevinar, mi ressentian lu signes ostantatòris d’una ment rebela, pantaioa e un pauc sulfuroa, qu’avii retengut d’au «Retrach psicològico da l’autor»17, e tanben d’autres òpus tant significatius d’una vida libertina… qu’avii confondut emb una vida libertaria, ma! Mas l’anarquia a jamai passat la pòrta dau sieu salon borgés. Encuèi lo sabi, m’esbalhavi de mesclar lo fond e la forma, mas d’alora, avii sensa dubi besonh de provar emb Gusta-Dòlfo, la fratelença dei poetas «sus la brua».18

21Questa riflessione esistenziale sul posto dell’autore, tra l’interno e l’esterno, tra l’essere o non essere, tra le frontiere personali e i limiti della creatività si impone come una permanenza metatestuale dell’opera. Anche in questo tipo di riflessione e sull’interpretazione che ha della sua opera, Sauvaigo evoca la difficoltà o addirittura l’impossibilità di scrivere sul suo luogo, sulla sua città quando ci si vive. Paradosso del «nessuno è profeta nel suo paese», questo atteggiamento tra attrazione e repulsione, tra l’interno e l’esterno dei confini del paese immaginato fa della scrittura di Nizza un pilastro della sua triplice marginalità.

  • 19 Sauvaigo 2015: 26. «in quest’esilio, rinchiuso da dentro mi torna impossibile di scrivere bene a pr (...)

Pas pron de reculada en aquel exilh, barrat de dintre, m’es impossible ben escriure a prepaus de Nissa, a Nissa, bensai perqué siáu nissard… tròp nissard, ò pas pron (bò!), qualonquesiga, sus la brua! Mas vaga.19

22Oltre a questa problematica relativa al suo luogo, l’uso nell’opera di una dialettica cosmopolita colloca il nostro autore nella categoria degli scrittori occitani che, in modo confessato o meno, tentano di rispondere ad una domanda sottostante che rimane percettibile nella produzione contemporanea e che consiste nel produrre un’opera radicata contemporaneamente all’esterno. Attraverso il fragile equilibrio creato da questo interrogativo, emergono nell’opera due atteggiamenti che sono la contraddizione spinta a volte ai limiti della schizofrenia. Nel documentario-fiction che correalizza con Christian Passuello, Going back to Nissa la Bella, troviamo un esempio di questa problematica quando si dice:

  • 20 Sauvaigo-Passuello 1997: capitolo 3. «Come rimanere e resistere senza essere mistificati? Mi faccio (...)

Comment rester et résister sans être mystifiés? Je me pose cette question bien sûr, parce qu’au départ, il y a eu négation de mon identité. Pour celui qui reste, il n’est pas nécessaire de creuser ses racines pour trouver son identité, sa nissardité ou sa nissarditude, mais plutôt lui faut-il apprendre à assumer ses propres mutations, ses propres mythes, ses propres illusions, en un mot ses «pantais» [rêves].20

  • 21 Sauvaigo 2015: 69. «È possibile avere una creatività forte se non si può essere nello stesso tempo (...)

23Questa idea, enunciata nel documentario da una voce off, si ritrova scritta in occitano nel testo «Voluptat Dau Denembri» apparso nelle Faulas de Nissa. In conclusione di un ragionamento in cui sono abbordati, da un lato, il punto di vista ristretto e menzognero che il mondo può avere su Nizza e, dall’altro, la mancanza di diffusione della creazione dialettale nizzarda, Sauvaigo pone la domanda in questi termini: «Es possible d’aver una creativitat fòrta se non si pòu estre d’un temps parier enraiçat e fòra?»21

24In questo modo l’espressione delle frontiere esistenziali nella sua opera non si limita a quelle proprie e personali, ma si allarga, al di là dell’identità dello scrittore, a chiunque. Molto più che il tema dell’esistenza intorno all’identità rifiutata dell’individuo, la produzione di Sauvaigo inoltre cancella i confini dell’ideologia e della rivendicazione. L’uomo allora non è più al centro di questa cancellazione e di questa confusione, ma è l’idea che diventa oggetto del rifiuto della rivendicazione identitaria.

  • 22 Sauvaigo 2015: 52. «È l’immobilità, il problema, come nei camposanti, come l’identità./ «Sono stufo (...)

Es l’immobilitat, lo problema, coma en lu cementèris, coma l’identitat.
«J’en ai marre de l’identité!»
Lafont ditz tanben: «L’identitat deu si bolegar sensa pauva», qu’au senon mena au fascisme e a la mòrt.22

25Con questo rifiuto di una prospettiva chiusa e angusta, Sauvaigo porta la sua penna in tutte le sfere della creatività. A tal fine, l’immagine del «palhasso universal» che si costruisce e che rivendica gli fornisce un abito che lo veste tra radicamento, termine illustrato dalla tradizione molto nizzarda del palhasso (fantoccio) e universalità.

  • 23 Luchino-Ontàrio: 2000. «Vado e torno sotto la luna/ verso dove s’incamminano lentamente/ Le bestie, (...)

Vau e veni sota la luna
Devèrs d’ont s’encaminan plan
Bèstias, aubres, còdols, galinas
E tanben lo génere uman
Mi dion Nissard mas siau Judieu finda
Palestinian, Mòro, omosexual, anònimo
D’identitat minga
Siau un palhasso universal, basta un palhasso universal.23

26Dalla sua opera emerge l’idea che il poeta non ha una nazione e che la lingua utilizzata non è altro che il miglior mezzo che abbia trovato per esprimere la sua fede poetica. Questa enfasi sull’assenza di frontiere elevate nel corso dell’opera va messa in relazione con due altre idee. In primo luogo si argomenta che a forza di alimentarsi di letture, la sua opera intesserà collegamenti perpetui intertestuali tra diversi scrittori. Il poeta è quindi per definizione apolide proprio per la moltitudine di scrittori con cui si può identificare, procedimento favorito quando non ingabbiato in un’identità precisa:

  • 24 Sauvaigo 2015:17-18. «Mi sono sentito marsigliese pure io, alcune volte, e se leggo di nuovo Victor (...)

Mi siáu sentit marselhés finda ieu, quauqui fes, e se torni legir Victor Gelu, alora lo siáu mai pròpi. Cu s’es pas sentit de Monterey, liegent Steinbeck? Mèsfi, né, marselhés pas provençau! Qualora si pòu sentir d’a dont si vòuga quora lo poeta es un masc, e la vila un pantais, non!24

27La segonda idea da mettere in relazione con l’insistenza sull’assenza di frontiere nell’opera si concepisce nella relazione paradossale che Sauvaigo intrattiene con la sua città, Nizza, tra attrazione e repulsione, tra reale e immaginario, tra cancellazione e ricostruzione, tra città amata e città sognata. Questo paradosso è spinto al suo culmine quando nel 1974, in un articolo intitolato «Les Raisins de la tendresse» [le uve della tenerezza] (Sauvaigo 1974b), il nostro autore spiega le ragioni di un cambiamento di rotta nella sua scrittura. Secondo questa nuova prospettiva, egli osserverà la sua città non più come guardando verso la speranza che viene da occidente, ma addirittura verso l’est piemontese, rapporto storicamente problematico quanto ai confini geografici, ma che, tendendo a scomparire, si candidano a divenire fonte di ispirazione. Allora, il poeta, solo e senza legami, senza identità e senza paese, all’immagine delle opere che acquistano significato solo una volta l’ultimo capitolo scritto, fornisce una presentazione completa di chi è in uno di questi ultimi testi redatti fino ad oggi.

  • 25 Sauvaigo 2017: 62. «e se qualcuno mi dice artista (peggio ancora, se ci aggiunge l’aggettivo di un’ (...)

e se quauq’un mi ditz artista, (encara pèjor, se li rajonhe l’epitèto d’una identitat que mi prèsta), li respuòndi ren perqué es brave, plasent bensai, pas marrit dau segur, (manqueria pus que muòrde), mas en tant lo compliment mi rebafa li aurelhas, mi gratonha, m’enasprisse, mi malandrona e mi remanda, sabi pas perqué, a Jack Medecin e au Ma’mac the knife, en una encaronhada, a la Côte d’Azur, a París donca, mas tanben, e aquí sabi perqué, a l’image institucional que mi donan lu artistas contemporàneus qu’an fach l’escòla, e aquò mi descora tant, que ieu, que siáu pas pron beat, tròp jove, gaire filantròpico, tròp snob (!), encara pus pauc contemporàneu, tròp vièlh, e manco un profesional do lard, ò un «amic» dei políticos «faiçboc», (face-book), siáu pas lo tieu amic), io Luchino, «solet coma un pintre» sus la brua d’avant, (sabètz ben, v’autres!), exclús e autò-bandit d’ai partits, d’ai sindicats, d’ai ligas e d’ai corporacions, non-sòci fin-finala de minga combrícolas, de minga acacadèmias, de mingo mòtos, pilhant d’avança sus lu memòris dei estudents den-den, preferissi de mi bandir (s’aquò non vos desturba) AN.ARTISTA: l’anartistad’un art triste…
graine d’ananar.triste!25

28Tra rifiuto di una concezione dell’identità immutabile e rifiuto della rivendicazione d’identità, Joan-Luc Sauvaigo illustra con la sua poesia un’indipendenza di spirito e uno spirito d’indipendenza. Questo artista atipico, che si posiziona continuamente al margine di tutto, che è ma non appartiene, sempre in squilibrio, espone nei suoi scritti la problematica di una letteratura che si vuole al tempo stesso radicata e aperta al mondo. I cambiamenti radicali di cui dà prova e osservabili da un’opera all’altra, che siano di ordine stilistico, generico o ideologico a volte linguistico, fanno dell’insieme della sua produzione un arcipelago chimerico con il quale «porta la sua nizzardità su tutte le scene dell’utopia». Autore inclassificabile, opera difficilmente situabile, non resta che permanenze come il tema della donna, l’uso della fantasmagoria e il motivo dell’assenza del padre offrano a questo arcipelago creativo ponti che permettano di passare da un’isola all’altra.

Bibliographie

Letteratura primaria

Sauvaigo 1972 = Joan-Luc Sauvaigo, Seba, Toulouse, I.E.O, coll. «Messatges», 1972.

Sauvaigo 1973 = Joan-Luc Sauvaigo, «De l’Écriture à la parole», in Les Temps modernes, Paris, Les Presses d’aujourd’hui, 1973.

Sauvaigo 1974a = Joan-Luc Sauvaigo, Mon Fiu es un bèu jorn pèr morir, 2ème édition, bilingue, Paris, P.J. Oswald, coll. «Poésie d’Oc», 1974.

Sauvaigo 1974b = Joan-Luc Sauvaigo, «Les Raisins de la tendresse», in L’Estraça n°7, Nice, CCOC, février-mars 1975.

Sauvaigo 1976 = Joan-Luc Sauvaigo, Quièta còla e cia, Montpellier, Obradors, coll. «Lo Menard Saberut», 1976.

Sauvaigo 1984 = Joan-Luc Sauvaigo, Sus la brua, édition illustrée bilingue, Nice, Segurans, 1984.

Sauvaigo 1985 = Joan-Luc Sauvaigo, D’una Laupia, édition illustrée, chansons commentées et partitions de musique, préface de Robert LAFONT, Nice, Segurans, 1985.

Sauvaigo 1993 = Joan-Luc Sauvaigo, Un Sera fodrat de verd’espera, Nice, Z’éditions, 1993.

Sauvaigo 2001 = Joan-Luc Sauvaigo, L’Or d’en Mascoïnat, pièce de théâtre, Nice, Serre, coll. «Serre Classic», 2001.

Sauvaigo 2007 = Joan-Luc Sauvaigo, Compendi derisòri dau desideri, Montpeyroux, Jorn, 2007.

Sauvaigo 2015 = Joan-Luc Sauvaigo, Faulas de Nissa, Montpeyroux, Jorn, 2015.

Sauvaigo 2017 = Joan-Luc Sauvaigo, Crònicas sotrani, Nice, Stampa Ségurana, 2017.

Letteratura secondaria

Gardy 1992 = Philippe Gardy, Une Écriture en archipel : cinquante ans de poésie occitane (1940-1990), l’Eglise Neuve d’Issac, Fédérop, 1992.

Giordan 1971 = Henri Giordan, «Bilan et perspectives des études sur la littérature occitane», in Actes du VIe Congrès International de Langue et Littérature d’Oc et d’Etudes Franco-Provencales, Montpellier, Centre d’Estudis occitans, Revue des langues romanes, 1971.

Filmografia

Sauvaigo-Passuello 1997 = Joan-Luc Sauvaigo, Christian Passuello, Going Back to Nissa la Bella, Nice, V.H.S- DVD Films Etirables, 1997.

Notes

1 Gardy 1992: 113.

2 Seba! = il titolo di quest’opera è anche il nome di un gioco dei bambini nizzardi, dire seba significa ‘dire basta’; Mon Fiu es un bèu jorn per morir = ‘Figlio mio è un bel giorno per morire’; Quieta Còla = ‘Quieta collina’, Sus la Brua = ‘Sul confine?’; Un Sera Fodrat de Verd’Espera = ‘Una notte foderata di verde speranza’, Faulas de Nissa = ‘Favole di Nizza’ e Crònicas Sotrani = ‘Cronache sotteranee’.

3 Sauvaigo 2007: 5. «I primi tre quaderni (pubblicati allora in extenso grazie all’amichevole iniziativa di Robert Lafont) testimionano di quel periodo che inizia nel 1965 a Nizza, Luceram con l’eredità Dada e le promesse della controcultura e finì nel 1974 à Aix, Fos, Marseille, nel pathos della «generazione storta», il suicidio degli «Indiani urbani», le droghe che uccidono, la morte del «sogno» occitano e più generalmente quella del desiderio rivoluzionario… E allora… ritorno a Nizza. Durante alcuni anni essere soltanto un cantautore, uno che scarabocchia comics, un quasi-ferroviere».

4 Sauvaigo 2007: 5. «la scrittura di uno quasi scrittore».

5 Sauvaigo 2017: 9. «C’era una volta, un fantasma di poeta, gemello a.sincronico e i.legittimo».

6 Sauvaigo 2017: 24. «E parlando dell’orologio, già da un po’ è stato rubato l’orologio, o magari regalato, o ancora rotto, o perso, non se ne ricorda più: sempre quel sentimento che lo mantiene un po’ da parte, sull’orlo».

7 Sauvaigo 2017: 26. «felice nonostante la solitudine, di essere a volte un caca-bietola selvaggia [«caga-blea» è un nomignolo dato ai nizzardi perché mangiano molte bietole] o moicano garibaldino, o olivo palestinese, o vagabondo del tempo, o serpente, o tartaruga, o cane- guru [funziona in occitano come in italiano il gioco di parola con canguro], o formiche dell’Australia, o nomade del sogno, o tenero autoctono pervertito, o spirito pellerino, o poeta pigro/ a volte, è proprio una punizione di «essere»/ (il poeta di Stratford ha riassunto la questione: essere o non essere).»

8 Sauvaigo 2017: 28. «Ci eravamo diverti, al terrazzo del “Pastrouil” una sera del 1970, a tradurre in nizzardo un titolo di Sartre: “L’Essere e il Nulla”... l’essere e il non essere o l’essere e il niente, l’uovo e i pesciolini abbrustoliti, lenticchia e lo zero.»

9 Sauvaigo 2007: 5. «Il nome del cronista? «Nessuno». Il poeta mascherato risponde in tal modo all’eterno e noiosissimo interrogatorio sull’identità.

10 Sauvaigo 2007: 187. Nessuno, «Il mio nome è Nessuno, Alias Nessuno»; «è successo così rapidamente e il mio nome mi è sfuggito.»

11 Sauvaigo 2017: 53. «Carissimo amico/ Le scrivevo dal posto nel quale sarò rimasto allora, da un altro io, da un ex-paradiso, dal tabernacolo perduto di una fraternità che era uno sfogo / … ah sì, quell’altro io di 26 anni, come lo chiamavano già?/ Non lo chiamavano, anzi lo fischiavano un po’! allora firmava «Nessuno», in silenzio».

12 Sauvaigo 1974: 27-29. «Era prima della guerra/ quella che non abbiamo conosciuta ancora, ma che abbiamo già fatta […]/ Era una sera o prima di sera, non lo so neppure […] / Non mi ricordo se fossi presente o no. […] / Quindi ho parlato e ho detto le stesse cose che dico oggi o non so neanche quello che dicevo prima e magari non so più tanto ciò che dico oggi. / Era ben prima della guerra, quella che non farò perché non ci sarò più quando inizierà.»

13 Sauvaigo 1972: 34. «La donna/ che non avrei mai amata/ la mano che non avrei neanche stretta/ il paese/ dove non sarei neanche nato/ sollievo?»

14 Sauvaigo 1974: 7. «Nel mio paese» cioè nel paese nel quale non sarei potuto nascere/ nel paese che non avevo certo scelto io, ma che oggi faccio tutto mio (perché a volte attore, a volte spettatore) /Cioè nel quale ho fatto mia gran parte dei privilegi di quel paese/ […]/ Nel mio paese/ Senza confini.»

15 Giordan 1970: 182.

16 Sauvaigo 1973: 56. «per chi sta studiando letteratura occitana oggi, quello che segna di più, è questo stato di estremo isolamento in cui lo scrittore si trova. È anche la difficoltà che questo scrittore prova di assumere uno statuto limitato e minacciato, la cui relatività è il risultato di un costante sforzo di produzione intrapreso da circa trent’anni. [...] Non solo lo scrittore occitano è isolato, dal fatto stesso che “pratica la scrittura” (notiamo che si isola accettando i dati dell’oppressore: quello che detiene la conoscenza, e nel caso occitano, dove è oppresso, di nuovo, da altri “specialisti”), a causa dei suoi antecedenti storici, i suoi unici sforzi di sopravvivenza, ma inoltre, prolunga questo isolamento. Lo estende in relazione alla sua relazione socio-culturale, ma più ampiamente, è difficile adattarsi alla "realtà" contemporanea. Più precisamente, come dice Giordan, “Essere uno scrittore occitano significa trovare difficoltà nel situarsi in relazione a se stessi e, rispetto ad altri luoghi di produzione, ad altre culture”.»

17 Joan-Luc Sauvaigo evoca qui l’opera del pittore simbolista nizzardo Gustave-Adolphe Mossa.

18 Sauvaigo 2015: 70. «Mi ero sentito vicino alla rivolta che volevo per forza immaginare. Quanto bene mi procuravano i segni evidenti di una mente ribelle, sognatrice e un po’ solforosa, scoperti nel «Ritratto psicologico dell’autore», ma anche in altre opere così espressivi della vita libertina… che allora confondevo con la vita in libertà! Comunque l’anarchia non era mai entrata nel suo salotto borghese. Oggi lo so, facevo l’errore di mischiare il contenuto e la forma, ma allora avevo senza dubbio bisogno di provare con Gustav Adolf, la fratellenza dei poeti «marginali»

19 Sauvaigo 2015: 26. «in quest’esilio, rinchiuso da dentro mi torna impossibile di scrivere bene a proposto di Nizza, a Nizza, magari perché sono nizzardo… troppo nizzardo o anzi non abbastanza (boh!), comunque sia, al limite! Ma, andiamo.»

20 Sauvaigo-Passuello 1997: capitolo 3. «Come rimanere e resistere senza essere mistificati? Mi faccio questa domanda, naturalmente, perché all’inizio la mia identità è stata negata. Per chi rimane, non è necessario scavare le sue radici per trovare la sua identità, la sua nizzardità o la sua nizzarditudine, ma piuttosto deve imparare ad assumere le proprie mutazioni, i propri miti, le proprie illusioni, in una parola i suoi “pantais” [sogni]».

21 Sauvaigo 2015: 69. «È possibile avere una creatività forte se non si può essere nello stesso tempo dentro e fuori?».

22 Sauvaigo 2015: 52. «È l’immobilità, il problema, come nei camposanti, come l’identità./ «Sono stufo dell’identità!»/ Lafont dice anche «l’identità deve sempre evolvere, sennò conduce al fascismo e alla morte.»

23 Luchino-Ontàrio: 2000. «Vado e torno sotto la luna/ verso dove s’incamminano lentamente/ Le bestie, gli alberi, i sassi, le galline/ e anche il genere umano/ Mi chiamano Nizzardo, ma sono Ebreo pure/ Palestinese, Moro, omosessuale, anonimo/ Senza nessuna identità/ Sono un burattino universale, solo un burattino universale.»

24 Sauvaigo 2015:17-18. «Mi sono sentito marsigliese pure io, alcune volte, e se leggo di nuovo Victor Gelu, allora lo sono di nuovo. Chi non si è mai sentito di Monterey leggendo Steinbeck? Attenti, marsigliese, provenzale no! E allora, ci si può sentire di dove si voglia quando il poeta è un mago e la città un sogno, no!»

25 Sauvaigo 2017: 62. «e se qualcuno mi dice artista (peggio ancora, se ci aggiunge l’aggettivo di un’identità cui mi associa), non gli rispondo niente perché, magari è uno simpatico, amichevole, cattivo no per forza, ma intanto, il complimento mi ferisce l’orecchio, mi prude, mi irrita, mi mette a disagio e mi rimanda, non saprei dire perché a Jack Medecin e au Ma’Mac the knife, ad una puzza, alla Costa Azzura, ma anche, e proprio qui so il perché, all’immagine istituzionale che mi danno gli artisti contemporanei che finiscono la scuola e mi deprime a tal punto che io, non essendo abbastanza beat, troppo giovane, poco filantropo, troppo snob(!), ancora meno contemporaneo, troppo anziano e neanche un professionista di pancetta, né un «amico» dei politici «fesse-bouc» [ con c’è un gioco di parole attorno a “face-book”, scritto «faiçboc» (in fonetica occitana), che suona come «fesse-bouc» (in francese), cioè «culo-caprone»] (face-book non sarò mai il tuo amichetto), io Luchino, «solo come un pittore» sull’orlo, di un tempo (capite, voi!), escluso e bandito dai partiti politici, dai sindacati, dalle leghe e dalle corporazioni, non socio in pratica, di nessuna impresa, di nessuna accademia, di nessun movimento, prendendo un passo avanti sulle tesi degli studenti, preferisco autoproclamarmi (se non vi spiace), AN.ARTISTA: l’anartista di un’arte triste…/ grano d’ananar.triste!»

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search