Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RASSEGNA DELLE RICERCHE

La bibliometria: metodi e strumenti per la misurazione della ricerca scientifica e delle raccolte bibliotecarie

Tamara Anziliero

Note de l’auteur

Corso di laurea magistrale in “Archivistica e Biblioteconomia”
Università Ca’ Foscari di Venezia
Tesi discussa il 29 ottobre 2012
Relatore prof. Riccardo Ridi

Texte intégral

1Il lavoro si è posto come obiettivo principale l’analisi di quella specifica metodologia di valutazione rappresentata dalla bibliometria. In particolare, l’intenzione è stata quella di fornire un quadro il più possibile completo dei metodi e degli strumenti bibliometrici impiegati per la valutazione e gestione delle collezioni bibliotecarie e per la misurazione della ricerca scientifica. L’argomento è stato affrontato tenendo sempre come punto di riferimento la biblioteca, nel tentativo più generale di definire non solo le opportunità offerte ma anche le nuove sfide che la bibliometria pone alla biblioteche, soprattutto sotto il profilo del ruolo che esse svolgono all’interno del processo di comunicazione scientifica.

2L’approccio di tipo quantitativo all’analisi valutativa offerto dalla bibliometria, che rappresenta in qualche modo garanzia di oggettività dei risultati, ha fatto di questa metodologia, basata sul conteggio delle pubblicazioni e degli elementi estrapolati dalle unità bibliografiche, uno strumento efficace e in continua espansione nell’ambito sia della valutazione della ricerca scientifica sia in quello delle politiche documentarie in biblioteca. I dati provenienti dall’analisi bibliometrica sono utili infatti per tutte le operazioni che riguardano non solo la politica di selezione, di acquisizione, di accesso e di uso delle collezioni bibliografiche, ma anche per quelle di scarto e di conservazione del materiale. Le informazioni di queste analisi sono una base scientifica e oggettiva che aiuta i responsabili della biblioteca a pianificare, ottimizzare e razionalizzare le risorse strumentali, finanziarie e umane. Inoltre, con l’estensione dei metodi bibliometrici allo studio della comunicazione mediata dalla rete di hyperlink che popolano il web, si è iniziato ad applicare l’analisi citazionale, il più noto dei metodi bibliometrici, al contesto delle biblioteche digitali, allo scopo di determinare impatto e ranking di documenti e riviste ad uso dell’utenza della biblioteca.

 

3Si è scelto di utilizzare per questo lavoro una metodologia d’indagine capace di far emergere luci e ombre della bibliometria, dei metodi e degli strumenti bibliometrici; nel concreto, tale impostazione ha significato mettere in evidenza sia i punti di forza sia i punti di criticità già a partire dall’unità informativa di base dell’analisi citazionale: la citazione bibliografica.

4La difficoltà principale è stata sicuramente quella di aver dovuto guardare oltre i facili entusiasmi che accompagnano questa metodologia di valutazione, che la presentano quasi come una sorta di panacea capace di risolvere ogni problema di tipo valutativo, e di considerare invece la disciplina per quello che effettivamente è, cioè un metodo di valutazione che, rispetto alla tradizionale revisione dei pari, è certamente più veloce, più economico e per certi aspetti più obiettivo, ma procede inevitabilmente, e non può essere altrimenti, ad una semplificazione di una realtà che invece è molto più complessa.

5Il lavoro si apre con un ampio capitolo completamente dedicato alla definizione della disciplina, anche in rapporto con quelle metrologie che pur presentando delle differenze metodologiche si distinguono per avere finalità e ambiti di ricerca contigui ma diversi rispetto alla bibliometria; all’evoluzione storica della disciplina, alle basi matematiche, ai fondamenti teorici e alle principali applicazioni della bibliometria, che vanno dalla costruzione di mappe dettagliate delle specificità scientifiche (cartografia della scienza) all’analisi delle tipologie di connessioni ipertestuali e dei modelli di utilizzo delle risorse della rete. Ampio spazio viene inoltre dato all’applicazione più importante ai fini di questo lavoro, vale a dire all’impiego dei metodi bibliometrici nella valutazione e nella gestione delle collezioni bibliotecarie sia cartacee che digitali. In tale contesto, particolare importanza è stata data ai due concetti bibliometrici considerati fondamentali per efficacia valutativa e sui quali è stato possibile ricavare modelli generali di analisi: la distribuzione statistica e l’obsolescenza delle pubblicazioni.

6La trattazione si è fatta più approfondita a partire dal capitolo 3 in cui viene presentato il metodo dell’analisi citazionale che rappresenta la base anche dei due capitoli successivi. Il metodo dell’analisi citazionale è stato al centro di un processo di perfezionamento che, pur mantenendone inalterata la metodologia, ha dilatato l’unità informativa su cui poggia il metodo stesso. In altre parole, il metodo non si avvale solo ed esclusivamente della citazione diretta, vale a dire della citazione di un documento precedente da parte di uno successivo, ma nel tempo ha sviluppato delle tecniche più raffinate ed efficaci, capaci cioè, spingendo l’analisi ancora più in profondità, di far emergere e misurare un numero sempre maggiore di nessi significativi e rappresentativi del grado di affinità tra i documenti. In questo capitolo sono state analizzate proprio queste tecniche, vale a dire l’analisi delle co-citazioni (co-citation analysis) e l’analisi degli accoppiamenti bibliografici (bibliographic coupling analysis), non prima però di avere esaminato il significato e il ruolo di quello che rappresenta il fulcro del metodo, nonché il fenomeno di base su cui sono costruiti gli indicatori bibliometrici più utilizzati: la citazione bibliografica.

7Il capitolo successivo è dedicato invece a quello speciale repertorio bibliografico rappresentato dall’indice di citazioni, a cui la bibliometria deve parte del suo sviluppo e della sua fortuna, a quello strumento cioè che elenca tutti i riferimenti bibliografici contenuti in un corpus selezionato di documenti e abbina ad ogni singola pubblicazione citata il documento citante. Il capitolo si apre con una breve panoramica storica dello strumento bibliografico, allo scopo di far emergere le sue ampie finalità applicative che, nel corso dei secoli, sono passate dall’ambito giuridico-religioso a quello biblioteconomico, del recupero e dell’organizzazione dell’informazione, storico e valutativo della ricerca. Con Garfield e il suo SCI (Science Citation Index), l’indice di citazioni diventerà quello strumento moderno conosciuto attualmente, dalle grandi potenzialità bibliometriche e rivoluzionario come sistema di information retrieval, che l’avvento del web ha saputo ulteriormente sviluppare e che l’integrazione nella piattaforma Web of Knowledge ha trasformato in quel database multidisciplinare chiamato WoS, che rappresenta il più frequente punto di partenza per l’analisi citazionale. La fortuna di WoS ha inoltre contribuito alla nascita di altri database citazionali multidisciplinari come Scopus, di proprietà dell’editore Elsevier, e Google Scholar, quest’ultimo ancora più innovativo rispetto ai precedenti, perché più alto è il suo livello di integrazione bibliografica anche con risorse non disponibili in formato digitale, ma soprattutto perché capace di sfruttare le enormi opportunità offerte dal mondo open access. In questo capitolo i tre database multidisciplinari WoS, Scopus e Google Scholar sono descritti in modo analitico, mentre ricevono una trattazione più sommaria quei database che, pur essendo identici per funzionalità e struttura ai precedenti, sono specializzati in specifici ambiti disciplinari. L’ultimo paragrafo del capitolo è stato invece dedicato ai criteri di selezione dei materiali inseriti negli indici di citazioni, un aspetto questo per niente trascurabile poiché oltre a modificare direttamente il grado di copertura dello strumento, influenza indirettamente, fino anche ad arrivare a falsare, i valori degli indicatori bibliometrici, che proprio per il fatto di essere calcolati sulla base dei dati estratti da questi repertori citazionali, risentono delle scelte di inclusione o esclusione dei materiali da indicizzare effettuate dai curatori.

8Nel capitolo 5 vengono trattati nel dettaglio i più noti e più diffusi indicatori bibliometrici di tipo citazionale suddivisi in primari (numero di pubblicazioni e di citazioni) e secondari o derivati (IF, H-Index, Eigenfactor, Article Influence Score, SJR, SNIP), di cui vengono discussi i punti di forza e le criticità.

9Nel capitolo 6 sono invece analizzate le innovative metriche basate sull’analisi dei link e sul download dei documenti elettronici, frutto dell’applicazione di gran parte del bagaglio teorico e pratico accumulato in molti decenni dalla bibliometria allo studio della struttura del Web. In questo capitolo sono inoltre trattati i progetti internazionali per la definizione di standard comuni e metodi condivisi di raccolta e analisi dei dati d’uso (COUNTER, MESUR e SUSHI), iniziative cioè accomunate da un’esigenza di normalizzazione che la crescita esponenziale della letteratura scientifica online ha reso una stringente necessità.

10Il capitolo 7 è incentrato su alcune considerazioni riguardanti le sfide, ma anche le opportunità, che l’impiego della bibliometria pone a biblioteche e a bibliotecari specie di università e centri di ricerca nel più vasto processo di comunicazione e valutazione delle ricerca scientifica.

11Il lavoro si conclude con un’esercitazione che ha avuto come obiettivo principale quello di dimostrare concretamente come possono essere applicati ad uno specifico set di dati bibliografici i metodi e gli strumenti bibliometrici più importanti analizzati nel corso della tesi. Sono stati utilizzati gli indicatori noti come primari (numero di pubblicazioni e di citazioni) per tratteggiare la fisionomia generale (la proporzione tra libri e riviste, la suddivisione in lingue, l’età, la percentuale di presenza nei vari indici di citazioni analizzati) e il quadro citazionale del set di dati di riferimento. Indicatori più evoluti, quelli noti come secondari, sono stati invece utilizzati per un set di dati più ristretto (ricavato effettuando un ranking su base citazionale) composto da autori e riviste, allo scopo di dimostrare soprattutto le discrepanze nei risultati forniti dagli indici di citazioni utilizzati (Web of Science, Scopus, Google Scholar) dovute essenzialmente al diverso grado di copertura di tali strumenti. Il capitolo si chiude con la rilevazione del numero, e la relativa percentuale, di documenti recuperati nel catalogo generale di Ca’ Foscari, in modo tale da non fare dell’esercitazione un lavoro di analisi relegato ad un piano astratto o un puro esercizio fine a se stesso bensì di ancorarla al contesto ben concreto di una specifica collezione bibliotecaria.

 

12Il risultato principale di questo lavoro è stato quello di aver dimostrato che le enormi potenzialità di questa metodologia sia nella valutazione della collezioni bibliotecarie sia della ricerca scientifica possono definirsi tali solo se si conoscono i limiti e le possibili distorsioni dei metodi e degli strumenti di rilevazione del dato bibliometrico. L’output bibliometrico non può in nessun caso venire considerato come un dato assoluto ma deve sempre essere relativizzato alla fonte dei dati su cui viene calcolato e, ai fini dell’analisi valutativa, inserito in un contesto dove trovano spazio altre metriche bibliometriche e metodologie di valutazione.

13Importante è stato inoltre far emergere come la bibliometria rappresenti una grande opportunità, ma anche come essa ponga nuove sfide per le biblioteche specie sotto il profilo del ruolo da loro svolto all’interno del processo di comunicazione scientifica che risulta notevolmente ridefinito e ampliato. Per le biblioteche accademiche e scientifiche si profila infatti un impiego della bibliometria che va ben oltre gli ambiti tradizionali d’applicazione già ampiamente collaudati e consolidati, ed è sostanzialmente finalizzato all’elaborazione di dati d’alta qualità a sostegno della valutazione della ricerca svolta all’interno di università e istituti di ricerca, ma che può arrivare fino a concretizzarsi in un vero e proprio nuovo servizio di “reference service di tipo bibliometrico”, a sostegno in questo caso del bisogno informativo di tipo bibliometrico dell’utenza composta soprattutto da ricercatori ma estendibile anche a studenti e dottorandi. La bibliometria nasce quindi sì in ambito biblioteconomico, come strumento di analisi dei meccanismi di crescita e obsolescenza della letteratura, ma sarà però la sua applicazione alla valutazione della ricerca unitamente all’innovazione tecnologica ad espanderne i confini e le potenzialità anche in biblioteca. Altro risultato raggiunto è stato quello di aver dimostrato che il futuro della bibliometria corre su di un doppio binario ed interseca, e non può essere altrimenti, quello delle biblioteche. Da una parte si assiste alla forte espansione di un filone degli studi bibliometrici che punta a correggere i problemi riscontrati negli indicatori tradizionali attraverso la creazione di metriche nuove e più raffinate applicate anche allo studio della comunicazione mediata dalla rete e che molto hanno a che fare col contesto delle biblioteche digitali, poiché vengono spesso utilizzate per determinare impatto e ranking di documenti e riviste ad uso dell’utenza della biblioteca. Dall’altra si assiste al proliferare di iniziative, di cui spesso sono responsabili le biblioteche, che tra l’altro assumono anche un ruolo attivo nelle tematiche inerenti alla pubblicazione open access, finalizzate allo sviluppo e alla gestione di depositi istituzionali, di repertori bibliografici cioè capaci di rendere conto, diversamente da quanto accade con i tradizionali strumenti di rilevazione del dato bibliometrico, delle caratteristiche peculiari di discipline come le scienze umane e sociali, e della realtà effettiva della ricerca nella singola università o nel singolo istituto.

Auteur

Università Ca’ Foscari di Venezia

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search