Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA UNIVERSITARIA ALLA BIBLIOTECONOMIA E ALLE BIBLIOTECHE: RASSEGNA DELLE RICERCHE PRESENTATE AL SEMINARIO. CONFRONTI E PROSPETTIVE

Paul Gabriele Weston

Paul Gabriele Weston

Texte intégral

1«Oggi, nell’era della biblioteca ibrida, la costruzione, l’ampliamento, l’intermediazione e la fruizione delle collezioni, in forme diverse (analogiche e digitali), sono ancora al centro delle riflessioni sul concetto di prestazione di un servizio bibliotecario. La digitalizzazione dei supporti, l’invenzione e la diffusione di Internet stanno determinando una vera e propria rivoluzione della cultura, della comunicazione, della scienza, della ricerca e della società. In questo panorama non solo viene messo in dubbio il significato di collezione ma anche la sua necessità. Nasce l’interrogativo sulle modalità per trasferire i nostri principi biblioteconomici in questo nuovo mondo di cui ancora non conosciamo i limiti. Ci si chiede se il futuro della biblioteca sia o meno la collezione e se sarà sempre valida l’affermazione di Francis Miksa «a library, if anything, is a collection. If there is no collection, there is no library» (F. Miksa, The future of the reference II: a paradigm of academic library organization, «College & Research Libraries news», 50, Oct. 1989, pp. 780-790). Diventa, quindi, necessario condividere e cooperare su scala mondiale e in modo transettoriale.» La riflessione, che traggo dalla tesi di dottorato di Elisabetta Viti, riassume assai efficacemente uno dei connotati che caratterizzano gli elaborati che mi sono stati assegnati: l’attenzione al contesto e alla sua rappresentazione.

2Si parla, infatti, di contesto, con diverse declinazioni, nello studio che Elisabetta Castro ha dedicato alla conversione in formato elettronico del catalogo storico della biblioteca del Senato, così come del rapporto tra le manifestazioni della lettura e le rappresentazioni digitali si occupa il progetto di ricerca Leggere la lettura, finanziato dall’Università di Torino, che è oggetto della relazione di Arianna Ascenzi. E di contestualizzazione, questa volta riferito ai linguaggi del catalogo, ci si occupa, a ben vedere, nelle due tesi dedicate l’una, da Antonella Trombone, al modello concettuale di RDA-Resource Description and Access, e l’altra, da Elisabetta Viti, all’interoperabilità tra thesauri generali e thesauri specialistici. Infine, un’attenzione particolare all’evoluzione degli opac in funzione dei nuovi servizi resi possibili - e richiesti dall’utenza – con l’applicazione di soluzioni tecnologiche diffusamente adottate dai motori di ricerca e dai sistemi di social networking è rilevabile sia nella tesi di Antonella Iacono sulle prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici, sia nell’elaborato di Bianca Fugaldi, che sottopone ad una comparazione gli opac di alcuni sistemi bibliotecari universitari italiani e di un piccolo numero di opac stranieri.

3Procedendo da quest’ultima tesi, occorre premettere che, sebbene essa rappresenti la prova conclusiva di un corso di laurea triennale, per la quale in generale non ci si possono attendere lavori di particolare originalità, l’analisi comparativa effettuata da Bianca Fugaldi (Gli OPAC dei sistemi bibliotecari di alcune università italiane. Un’analisi comparata) è interessante perché dimostra la capacità della studentessa di confrontare, a partire da un esame delle funzionalità e dei servizi offerti dai singoli opac e del modo in cui i dati vengono aggregati e presentati a schermo, il catalogo elettronico dal punto di vista del lettore. La disponibilità della versione integrale della tesi (degli altri lavori viene resa disponibile una sintesi, talvolta anche ampia, ma comunque assai riduttiva rispetto alla complessità e all’estensione dell’elaborato originale) permette di apprezzare il metodo di lavoro seguito, consistente nella predisposizione di un ricco apparato di riproduzioni di schermate, che vengono via via illustrate, in modo semplice ed efficace. È lodevole l’obiettivo di fare emergere, dall’evidenziazione dei difetti strutturali e funzionali dei sistemi presi in esame, una serie di suggerimenti dal cui accoglimento potrebbe derivare una migliore efficacia dello strumento. Si avverte, tuttavia, la mancanza, e lo dico senza nulla togliere al merito del lavoro di Fugaldi, di una griglia che espliciti la metodologia dell’esame e, nello specifico, gli elementi messi a confronto da cui poter, infine, desumere un giudizio di virtuosità del singolo applicativo. Che questo schema sia presente nella mente dell’autrice, guidandola nella redazione della tesi appare evidente, come si desume dai riferimenti a contributi di Byrum, Guerrini, Galeffi, Marchitelli ed altri, che trattano di fattori di qualità dell’opac in termini generali o in riferimento a funzionalità specifiche. La formulazione esplicita della griglia avrebbe consentito di disporre di un modello applicabile anche in altri contesti, nonché di verificare quanto siano stati tenute in conto dai realizzatori dell’opac e dai responsabili dei sistemi bibliotecari le linee guida e le buone pratiche promosse dall’IFLA e da altre istituzioni nazionali ed internazionali.

  • 1 A. Scolari, OPAC & dintorni: essere o non essere nella rete, «DigItalia», V, 2010, 2, p. 29.

4Mi permetta Bianca Fugaldi una digressione a partire da una sua constatazione sulle difficoltà, da parte degli opac nazionali, «di competere con quelli stranieri, e statunitensi in particolare, che sono più semplici, efficienti e avanzati». A mio parere la linea di demarcazione tra i sistemi bibliotecari universitari italiani e gli omologhi stranieri non passa per la qualità dell’applicativo informatico, tanto più che numerosi atenei italiani fanno uso di prodotti sviluppati ed ampiamente utilizzati all’estero. Ciò che li rende meno efficaci è, piuttosto, l’incapacità di fare sistema, ossia di sviluppare un catalogo collettivo o cumulativo universitario nazionale, sul modello di SUDOC in Francia (<http://www.sudoc.abes.fr/​>) e di COPAC nel Regno Unito (<http://copac.ac.uk/​>). Quest’assenza, a cui solo in parte pone rimedio l’ottimo Catalogo italiano dei periodici-ACNP, contribuisce, unitamente ad altre assenze istituzionali e alla difficoltà di condividere gli standard diffusi nel resto del mondo, a rendere “opaco” nel web l’universo bibliotecario italiano, come correttamente nota Antonio Scolari: «Per raggiungere utenti remoti nella rete è oramai indispensabile partecipare a cataloghi di ambizione internazionale o mondiali; infatti solo in presenza di una massa critica di dati davvero significativa e col supporto di forti investimenti si può traguardare un obiettivo che la concorrenza dei motori di ricerca generalisti rende difficilmente raggiungibile»1. La mia preoccupazione, nel momento in cui stiamo parlando di studenti e di ricerca, non è tanto quella della conoscenza e della valorizzazione di un patrimonio librario spesso notevole, per non dire unico, quanto quella di garantire a coloro dei giovani che, per diverse ragioni, si rechino all’estero per proseguire gli studi o per trovarvi lavoro, di godere della considerazione e dal supporto che può derivare loro dall’apprezzamento per il contesto da cui provengono. In altri termini, essi sono costretti a far conto principalmente sulle proprie capacità nel misurarsi con colleghi provenienti da sedi più conosciute, il cui prestigio contribuisce a confezionare un biglietto da visita più facilmente spendibile. Per fortuna, occorre immediatamente aggiungere, la proverbiale capacità di adattamento degli italiani, unitamente al livello culturale generalmente alto, li rimette immediatamente in gioco.

  • 2 A. Iacono, Opac, utenti, rete. Prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici, «Bollettino AIB», (...)
  • 3 T. Giordano, Study on the economic and technical evolution of the scientific publication markets in (...)

5Delle prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici tratta, nella propria tesi, Antonella Iacono (Prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici), che già nel 2010 aveva pubblicato un interessante articolo sull’argomento2. Le coordinate all’interno delle quali muove la ricerca sono da un lato «l’ingresso in campo di nuove tecnologie, come quelle del web 2.0 e, oggi, dei linked data» e dall’altro lato l’affiancamento degli opac di nuova generazione (next generation catalogues), che in fin dei conti riprendono, aggiornandole e potenziandole, le caratteristiche e le funzionalità degli opac tradizionali, da parte dei cosiddetti “sistemi per la ricerca” (discovery tools), le cui finalità si differenziano dai precedenti, come appare evidente già dal loro nome. Nati in un ambiente essenzialmente digitale, in cui le fonti da cui pescare le informazioni sono l’editoria elettronica periodica e monografica e le banche dati, i discovery tools non hanno più come proprio riferimento la pubblicazione fisica, le cui caratteristiche formali costituiscono, invece, il punto di partenza delle descrizioni che sostanziano il catalogo, bensì l’informazione stessa, a cui si giunge in seguito all’indicizzazione full text della pubblicazione e/o per l’esecuzione preventiva di procedure di data mining. Ne consegue la crescente difficoltà, per questo strumento, di dar conto dei livelli bibliografici (ad esempio, collana, monografia, saggio) e dello stratificarsi delle edizioni, che insieme conferiscono al catalogo una struttura tridimensionale, mentre si impone un modello piatto, replica su scala ridotta del web, nel quale ogni oggetto è equivalente agli altri, a cui si aggiunge “di lato”. Lo strumento è sempre più frequentemente prodotto e reso disponibile come servizio alle biblioteche (talvolta a condizioni particolarmente favorevoli, se previste nell’ambito della fornitura di un consistente pacchetto di periodici elettronici e di banche dati) da parte dei grandi aggregatori di editoria digitale, tanto che alcuni produttori di applicativi gestionali hanno iniziato a loro volta a stringere accordi di esclusiva con editori e distributori, per non venire progressivamente emarginati dal mercato non essendo in grado di offrire, oltre al software, anche i contenuti. Il pericolo insito in queste concentrazioni è quello che le biblioteche, progressivamente, finiscano per agire come terminali di distribuzione dei grandi colossi editoriali e, considerando il fatto che questi strumenti sono costruiti in modo da facilitare l’accesso ai “propri” contenuti ed ostacolare l’accesso ai contenuti degli “altri”, per abdicare a quel ruolo di terzietà rispetto alle idee, ai produttori e ai lettori, che le ha rese, storicamente, presidio della democrazia di pensiero e di cittadinanza. Se a ciò si aggiunge la constatazione che gli accordi di cartello fra i grandi editori hanno fatto lievitare negli anni i costi di acquisizione delle pubblicazioni scientifiche, fino a raggiungere livelli insostenibili per le istituzioni universitarie e di ricerca, si giustifica la preoccupazione espressa da SPARC Europe nel documento di risposta allo studio promosso dalla Commissione Europea, preoccupazione fatta propria da INFER (Italian National Forum on Electronic Information Resources), per bocca del suo chairperson Tommaso Giordano: «Several unfair practices established during the years reinforced the monopolistic attitudes of the academic publishing sector: the practice of bundling is unacceptable and unsustainable for library acquisition budgets»3. Nel medesimo documento si sollecita il fermo e condiviso sostegno degli Stati membri dell’UE al movimento dell’Open Access e della pubblicazione dei prodotti della ricerca, opportunamente sottoposti alle procedure di peer review, nei repository istituzionali.

6Tornando al contributo di Antonella Iacono, l’autrice indaga il processo informativo che si compie nel catalogo, seguendo passo dopo passo bisogni e azioni dell’utente, anche alla luce delle funzioni fondamentali del modello FRBR, per verificare se e a quali condizioni i linked data possano costituire la tecnologia più appropriata per la realizzazione di strumenti di mediazione efficienti. Se un primo vantaggio è insito senz’altro nella riduzione delle barriere cognitive, sia di natura linguistica (VIAF), sia di natura semantica (SKOS), non può essere sottovalutato il fatto che i linked data accrescono la possibilità di fornire un “contesto” per la ricerca, ossia un potenziamento di quelle relazioni che consentono all’opac «di trasformarsi da strumento di recupero dell’informazione a strumento di creazione di conoscenza e comprensione dell’informazione recuperata». Un’incursione nell’authority file Gemeinsame Normdatei (GND) della Deutsche National Bibliothek (ad esempio il record “Thomas Mann”, <http://d-nb.info/​gnd/​118577166>) permette di rilevare la grande varietà di dati grazie ai quali è possibile proseguire e approfondire la ricerca. Accanto ad un ampio numero di forme varianti del nome attestanti la notorietà dello scrittore, l’utente può disporre, ad esempio, dei nomi dei luoghi nei quali Mann ha vissuto, ciascuno dei quali è collegato ad una specifica notizia dalla quale risalire a materiale bibliografico e documentario sulla località, di altre informazioni biografiche, come i premi conseguiti, dei nomi dei parenti, ciascuno seguito dal grado di parentela e punto di accesso della corrispondente notizia di autorità. Se tali notizie non fossero sufficienti l’utente dispone del link diretto al lemma di Wikipedia e, se disponibile, del punto di accesso all’archivio personale dello scrittore. Fanno parte del contesto informativo anche alcuni esempi di opere collegate ai ruoli assunti dal personaggio in relazione ai prodotti editoriali (autore, interprete, compositore, collaboratore, soggetto, ecc.) con l’indicazione del numero delle notizie bibliografiche corrispondenti a ciascuna aggregazione.

7Mentre l’applicazione dei linked data ai punti di accesso alle notizie riscuote un consenso diffuso, lo stesso non può dirsi per quella che ancora oggi chiamiamo la descrizione bibliografica. Antonella Iacono si interroga sul ruolo e la struttura di un catalogo che applichi quella tecnologia a tutte le sue componenti finendo per gestire record atomizzati e decostruiti. È una questione di fondamentale rilevanza, sulla quale avremo modo di ritornare nel presentare la ricerca di Antonella Trombone su RDA.

8Nella propria ricerca Elisabetta Castro (La Biblioteca del Senato: dal catalogo metodico all’integrazione con il catalogo Camera) tratta due aspetti, diversi ma fra loro collegati, relativi alla conversione in formato elettronico del catalogo storico della Biblioteca del Senato, non soltanto come procedura di adeguamento dello strumento di mediazione all’attuale formato degli opac, ma in funzione della sua integrazione con quello della Camera. In primo luogo, essa ricostruisce l’iter di formazione del catalogo storico, attraverso l’analisi del ruolo che ebbero i bibliotecari che si succedettero nella direzione dell’istituzione. Dall’altra parte esamina le soluzioni che si rendono necessarie per conferire omogeneità ad uno strumento prodotto dalla convergenza di cataloghi creati applicando standard differenti. Tralasciando queste ultime, non perché non siano condivisibili o perché non possano fungere da guida per altre conversioni di fondi librari con caratteristiche simili, vi sono due questioni che credo meritino, in questa sede, di essere sottolineate.

  • 4 Sull’argomento si può vedere P. G. Weston-A. Galeffi, La catalogazione degli stampati alla Bibliote (...)

9La prima riguarda la scelta dei criteri adottati per la compilazione del catalogo, criteri che comprendono la descrizione delle pubblicazioni, la formulazione delle intestazioni e il formato delle schede. Fortunato Pintor, nel dirigere la Biblioteca tra il 1905 e il 1929, fu artefice del primo recupero intensivo dei dati catalografici preesistenti. Tra i criteri adottati per eseguire questo importante lavoro non fu certamente quello di attenersi ad una metodologia unitaria e di mirare alla realizzazione di uno strumento omogeneo e coerente: «È poi da fissare il modo di schedatura; a cui la Biblioteca provvede in parte con l’attaccatura dei venti cataloghi a stampa, e in parte con la trascrizione dei titoli. La commissione esamina i modelli che vengono presentati, di trascrizione a mano, e di copiatura dattilografica; e crede che non occorre adottare un unico sistema, tanto più che già ci sono migliaia di schede con i titoli, come si è detto, a stampa». Il numero rilevante di schede da trattare e la necessità di arrivare in breve tempo alla conclusione del lavoro sono due motivazioni, in sé comprensibili, per rinunciare ad interventi sicuramente assai complessi sui dati e probabilmente incompatibili con le carenze di personale. Il 1929, l’anno in cui la direzione passa a Corrado Chelazzi, si colloca all’interno di un arco temporale in cui hanno luogo avvenimenti di particolare importanza per la disciplina della catalogazione, sia in Italia che in ambito internazionale. L’obiettivo è quello di definire, una volta per tutte, delle regole internazionali di catalogazione, che consentano di colmare la distanza tra le due principali tradizioni: quella anglosassone dell’Anglo-American Code del 1908 e quella germanica delle Preussische Instruktionen. In Italia, nel 1922, vengono pubblicate le Regole per la compilazione del catalogo alfabetico, le quali costituiscono di fatto il primo codice catalografico a valenza nazionale. Due eventi, tra di loro collegati, mostrano quanta importanza venga attribuita all’obiettivo del codice internazionale. Il primo concerne la Biblioteca vaticana, la quale è oggetto di un approfondito sopralluogo da parte di un gruppo di bibliotecari esperti, per lo più di provenienza americana, coordinati da William Warner Bishop, la cosiddetta Cataloging expedition, nei quali è forte il convincimento che la visibilità che il prestigio di questa biblioteca avrebbe assicurato ai lavori del gruppo avrebbe potuto favorire l’aggregazione di un diffuso consenso internazionale intorno alle soluzioni ivi adottate. Questa commissione, d’accordo con la direzione della Biblioteca vaticana, in particolare con Eugène Tisserant, stabilisce che la riorganizzazione del settore degli stampati non possa che passare per l’individuazione di un nuovo insieme di regole catalografiche, che verranno in seguito pubblicate con il titolo di Norme per il catalogo degli stampati. La commissione guarda in primo luogo alle Regole italiane del 1922, che avrebbero potuto essere il modello di riferimento del nuovo codice, se non addirittura lo strumento catalografico adottato. Le ragioni per cui ciò non è avvenuto sono molteplici4, resta il fatto che attorno al codice italiano si viene coagulando un certo interesse, tanto che Nella Santovito Vichi ne propone l’adozione come codice di riferimento nell’elaborazione di un insieme di regole internazionali per la compilazione del catalogo alfabetico. È il 19 giugno 1929 e a Roma, nell’ambito del Primo Congresso mondiale delle biblioteche e di bibliografia, si tiene la seconda sezione dedicata, guarda caso, proprio alla questione della definizione di regole internazionali di catalogazione. Santovito Vichi interviene ricollegandosi da un lato alle numerose iniziative internazionali finalizzate alla semplificazione e all’adattamento dell’Anglo-American Code del 1908 e dall’altro lato alla sperimentazione delle Regole italiane in atto, già da sette anni, in biblioteche ricche di patrimoni antichi e particolarmente difficili da trattare, mettendo in evidenza le caratteristiche della normativa italiana, ritenute particolarmente adeguate a comparire in un codice unificato internazionale, in quanto i compilatori, pur avendo largamente desunto dal codice anglo-americano, non hanno fatto una scelta esclusiva, preferendo ricollegarsi alla tradizione delle Preussische Instruktionen quando quest’ultima appare più convincente, come nel caso delle opere di più di tre autori. Osserva inoltre che l’aver conservato la forma latina del nome per gli scrittori della classicità e quelli in lingua latina fioriti prima del 1200 è criterio più accettabile, in ambito internazionale, di quello che prevede la forma nella lingua di ciascuna agenzia catalografica. In tale contesto si colloca, dunque, l’azione di Corrado Chelazzi, il quale, con l’obiettivo di conferire al catalogo uniformità, prima avvia una serie di contatti con i funzionari della Vaticana e con i bibliotecari della Library of Congress (almeno ai fini della realizzazione della torre libraria), e poi decide di adottare le Norme vaticane. I problemi iniziano allorché Chelazzi decide di apportare a quel codice una serie di modifiche, che vengono trascritte su fogli bianchi interposti ad un esemplare delle norme vaticane appositamente rilegato e ancora di più quando adotta per le schede un formato diverso sia da quello prescritto dal precedente direttore, sia da quello adottato dalla Vaticana, detto internazionale per la sua diffusa adozione. Entrambe le scelte si rivelano inopportune, in quanto ostacolo allo scambio di schede con altre istituzioni, nonché costose, per la necessità, ad esempio, di dotarsi di schedari di dimensioni differenti da quelli in commercio, i quali debbono essere pertanto realizzati appositamente. Elisabetta Castro sintetizza molto efficacemente la situazione quando scrive: «Pur essendo il nostro direttore legato strettamente al panorama internazionale e con una forte coscienza della necessità di una codifica e di un’uniformità, tali emendazioni mostrano chiaramente che le norme erano per lui applicabili unicamente entro i confini della stessa biblioteca. Con l’adozione delle regole catalografiche emendate, con uso esclusivamente interno, la biblioteca iniziava ad essere uguale solo a se stessa, traendo dall’interno le origini della sua stessa coerenza».

10È una scelta questa, purtroppo, comune ad altre scelte effettuate nel corso degli anni dai responsabili del sistema bibliotecario italiano, che si sono preoccupati più della coerenza complessiva del catalogo nazionale e dell’individuazione di soluzioni in taluni casi forse anche più convincenti di quelle adottate dalla maggioranza delle istituzioni internazionali, che della risultante difficoltà di scambiare le schede, in particolare da quando l’adozione dei formati elettronici ha reso tale procedura molto conveniente e diffusamente praticata altrove. Nell’era di internet, l’adozione da parte delle biblioteche italiane di un formato differente da quelli standard implica, come già nel caso degli schedari della biblioteca del Senato, un maggior onere per il conseguimento dell’interoperabilità dei sistemi e per l’aggregazione dei dati e la necessità di un costante, faticoso lavoro di adeguamento dello standard nazionale ai nuovi protocolli di rete, e favorisce, alla lunga, l’opacità dei cataloghi italiani, dovuta alla loro assenza dai grandi sistemi di ricerca internazionali, come è stato fatto rilevare da più parti in un recente incontro su SBN tenutosi a Roma.

11La seconda questione che merita di essere sottolineata è il fatto che la progettazione della conversione in forma elettronica del catalogo sia stata preceduta dell’indagine storica sui criteri di stratificazione dei cataloghi e sulle specificità di talune scelte catalografiche. Non credo che siano stati numerosi i progetti che abbiano seguito tale percorso, anche soltanto limitando il panorama alle biblioteche storiche. Per lo più ci si è soffermati sulle questioni tecniche della conversione e sull’individuazione delle fonti catalografiche, finendo per perdere di vista il contesto di provenienza dei dati originali. Debbo confessare che, riconsiderando a distanza di quasi vent’anni, le modalità di attuazione della conversione del catalogo degli stampati della Vaticana, la ricostruzione preventiva della storia del catalogo e delle norme ivi applicate non è stata condotta con l’attenzione che avrebbe richiesto. A quel tempo, si diede maggiore importanza, assieme alla questione del formato e alla parametrazione delle procedure (si tenga peraltro conto che il catalogo elettronico viveva allora la sua fase aurorale, almeno in Italia), all’analisi del rapporto tra le Norme del 1949 e gli standard allora di più recente diffusione, come le ISBD e le AACR2, tralasciando di esaminare con cura cosa avesse preceduto la realizzazione dell’imponente schedario in sala di consultazione. Una maggiore consapevolezza dei criteri di catalogazione sommaria adottati per il riversamento nello schedario di descrizioni precedenti, le cosiddette schede P (Provvisorie), avrebbe richiesto in fase di conversione un tassativo ricorso alla catalogazione “libro alla mano” e l’accertamento dell’esistenza di opere interne non catalogate.

  • 5 A. Gualandi, La logica antropobiologica della storia: una rilettura di ‘Urmensch und Spätkultur’, « (...)

12Il progetto di Arianna Ascenzi (Tra parole e immagini: come leggere la lettura), che trae origine da una ricerca sulla promozione della lettura a Torino, i cui risultati sono confluiti nella tesi di laurea di Sara Marchisio, prende avvio dal riconoscere all’atto del leggere una molteplice serie di funzioni. Accanto a quella conoscitivo-informativa, che rappresenta quella più ovvia, a cui si pensa immediatamente in relazione al libro, vi è la funzione emotivo-esperienziale, che viene sollecitata ogni volta che la parola si fa presenza, ossia stimola la nostra consapevolezza di essere “della” storia e “nella” storia. Questo cortocircuito dell’uomo con il sé, da cui scaturisce il senso nostalgico dell’esperienza esistenziale, è compendiato nelle leopardiane Ricordanze con mirabile efficacia: «Qui non è cosa / Ch’io vegga o senta, onde un’immagin dentro / Non torni, e un dolce rimembrar non sorga. / Dolce per se; ma con dolor sottentra / Il pensier del presente, un van desio / Del passato, ancor tristo, e il dire: io fui». La lettura assume dunque la dimensione della tridimensionalità: all’attorno alle cose si somma il leggere “dentro”, alla figura geometrica della circonferenza, si sostituisce quella di un solido, la sfera, al cui centro, nella “lettura” leopardiana è l’essere, la persona che diventa tale, diventa “umana” in quanto riconosce di essere nella storia, anzi di essere egli stesso storia, ossia la cumulazione, mediante un tessuto di sovrapposizioni e intrecci, di momenti vissuti. Nel 1933 Eugène Minkowski, che ha letto Essai sur les données immédiates de la conscience di Henri Bergson, pubblica Les temps vecu, una ricerca sull’esperienza personale del tempo destinata ad essere, nelle parole di R. D. Laing «the first serious attempt in psychiatry to reconstruct the other person’s lived experience» (The Divided Self). La riflessione di Minkowski si colloca all’interno delle sue ricerche sulla schizofrenia, patologia nella quale viene meno non tanto il contatto sensoriale dell’individuo con l’ambiente in cui vive, ma la dinamica stessa di questo contatto, ossia ciò che dà sostanza alla relazione del soggetto con l’altro. Ciò conduce all’idea di Binswanger, espressa nella sua fondamentale Grundformen und Erkenntnis menschlichen Daseins del 1942, che soltanto in un progetto di trascendenza si può risolvere il rifacimento di un mondo, comprese le alterazioni dell’esperienza vissuta di tempo, spazio, senso della propria corporeità e relazioni sociali, che altrimenti sfocerebbe nella malattia mentale: «l’uomo è un essere che non può comprendere se stesso senza trascendersi metaforicamente, senza “trans-ferire” (meta-pherein) sé nell’Altro»5.

  • 6 R. Harper, Nostalgia: an existential exploration of longing and fulfilment in the modern age, Cleve (...)
  • 7 Infanzia e storia. Distruzione dell’esperienza e origine della storia, Torino: Einaudi, 1979.

13Il saggio di Bruno Callieri La personalizzazione dell’occhio, pubblicato all’interno della raccolta intitolata Quando vince l’ombra, riprendendo la tematica husserliana della Leiblichkeit, della corporeità (si pensi alle analisi di Ideen II dedicate alla costituzione del corpo proprio, della sensazione tattile, del limite del proprio corpo esperito nel suo stagliarsi di contro ad altri corpi oggetto, ad altri corpi propri o ad altre parti del medesimo corpo, del medesimo sé incarnato: la mano contro la mano, una mia mano che tocca un’altra mia mano che è toccata, l’incrocio e la reciprocità del sentire e del percepire), parla di come l’occhio venga vissuto da un paziente come un organismo a sé stante, qualcosa di estraneo rispetto all’insieme dell’organismo in cui è inserito, un’entità dotata di propria vita, di propria intenzionalità, di propria autonomia. Questa alterità del corpo proprio, questa intenzionalità nell’intenzionalità, questo sdoppiarsi e rendersi estraneo di sé a sé li ritroviamo nel linguaggio della narrativa, laddove l’io narrante si sdoppia nell’io narrato, componendo e sublimando nel fluire della storia quelle pulsioni che, spingendosi al parossismo e assumendo le tonalità dell’ostilità aperta, si collocherebbero altrimenti entro il registro dell’assedio e della minaccia. Come non richiamare a questo punto il pensiero di Ralph Harper, che definisce quello della narrativa il linguaggio della nostalgia («Nostalgia combines bitterness and sweetness, the lost and the found, the far and the near, the new and the familiar, absence and presence. The past which is over and gone, from which we have been or are being removed, by some magic becomes present again for a short while. But its realness seems even more familiar, because renewed, than it ever was, more enchanting and more lovely»6, nonché le incursioni di Agamben sulle tematiche del linguaggio aurorale7?

  • 8 La mémoire, l’histoire, l’oubli, Paris : Éditions du Seuil, 2000.

14Paul Ricoeur, infine, distingue tra segni e simboli linguistici: i primi hanno funzione solo nel linguaggio comunicativo, mentre i simboli permettono di esplorare il senso dell’esperienza umana, hanno un senso figurato verso cui il senso manifesto costituisce comunque una via d’accesso, come accade ad esempio nella metafora. La ricerca di questi sensi va effettuata, ad esempio, nelle opere letterarie, cercando di coglierne il senso profondo e l’intenzionalità da cui sono guidate. Il compito della lettura, in questa prospettiva, può essere inteso come quello di riaprire il linguaggio alla realtà riscoprendo il ruolo del soggetto8.

  • 9 T. Grimaldi, L’analisi concettuale da un punto di vista cognitivo, «Il Bibliotecario», 1995, 1.

15Le precedenti considerazioni evidenziano, nelle parole di Arianna Ascenzi, «che complessità e ricchezza identifichino due parole chiave non solo nell’analisi concettuale del leggere, ma soprattutto nell’ottica della sua promozione: la prima permette infatti un’analisi critica e la creazione di progetti di intervento basati su una forte consapevolezza e sulla capacità di tener conto delle sue varie implicazioni. La seconda identifica il senso stesso dell’azione e racchiude la più profonda motivazione per cui tanti soggetti lavorano in questa direzione». Per quanto riguarda i linguaggi della mediazione bibliografica, potrebbe forse tornare opportuno rileggere, con gli occhi del bibliotecario digitale, quanto scrive Teresa Grimaldi in un saggio di quasi vent’anni fa9.

16All’interoperabilità tra thesauri generali e specialistici è dedicata, come si diceva prima, la ricerca di Elisabetta Viti (Interoperabilità fra thesauri generali e thesauri specialistici in ambito economico-finanziario. Il caso del Nuovo soggettario. Sintesi e risultati di un progetto di ricerca), la quale prende in esame l’ambito economico-finanziario, servendosi di una parte del thesaurus ThESS della Biblioteca Rostoni della LIUC, che in Italia costituisce la realizzazione di maggior significato. Gli obiettivi dello studio sono chiaramente espressi: in primo luogo individuare criteri e modalità con cui ThESS e Nuovo Soggettario di Firenze, uno dei pochissimi esempi di thesaurus generale multidisciplinare, possano integrarsi e colloquiare e, successivamente, creare un modello di interoperabilità, sia a livello semantico che tecnico, in grado di supportare una ricerca lanciata contemporaneamente sui cataloghi elettronici delle due istituzioni.

17L’aspetto più interessante della ricerca non è, a mio avviso, quello tecnico, anche se le problematiche coinvolte nel far colloquiare sistemi diversi non sono banali, né di immediata soluzioni. Va detto però che l’esistenza di standard aperti e di protocolli che rendono possibile l’istituzione di relazioni tra entità oppure tra record, consente oggi una interazione tra sistemi diversi molto maggiore di quella che era consentita appena pochi anni fa. Quella che, invece, può essere considerata la vera scommessa da vincere è l’integrazione o anche più semplicemente l’interazione semantica tra strutture che rispondano ad ambiti diversi, a finalità tali da richiedere una diversa granularità, ad approcci che conferiscano alla struttura logica una diversa organizzazione e in definitiva anche una differente gerarchia. Un thesaurus presuppone una struttura logica organizzata in funzione di un uso specifico del linguaggio, di una concettualizzazione diversa dei termini, di una collocazione specifica di ciascun termine all’interno di una gerarchia propriamente definita. Non è sufficiente affermare che un gatto è un gatto qualunque sia l’uso che viene fatto di tale concetto, perché di un gatto potrebbe di volta in volta essere considerato rilevante il fatto che sia un felino, un animale da compagnia, un animale da pelliccia (ahimè), e così via. D’altronde il medesimo termine può avere accezioni diverse a seconda del contesto ad esso si fa riferimento: il focolare è il cuore della casa, la sua connotazione più intima, ma è anche la struttura dove la legna viene posta a bruciare. E nel collegare termini in lingue diverse occorre tener conto di questo scarto tra significato e significante se non si vuole tradire, anziché tradurre il termine originale: “home” e “house” potrebbero essere entrambi collegati al termine italiano “casa”, ma nessun inglese utilizzerebbe indifferentemente i due termini. Ragioni come quelle appena esposte dovrebbero portare a ritenere che un thesaurus possa avere unicamente un’applicazione di tipo specialistico, perché in un contesto omogeneo l’arbitrarietà dei significati dovrebbe essere meno rilevante, mentre dovrebbe prevalere la convenzione settoriale, il linguaggio delle tecniche di gaddiana memoria. Per questo l’esperimento della BNCF di dar vita ad un thesaurus generale e multidisciplinare ha causato più di qualche perplessità, ritenendo che comunque uno strumento del genere non possa consistere unicamente nella giustapposizione di thesauri differenti, ciascuno dei quali ideato e strutturato secondo le esigenze di selezionate categorie di utenti, che fanno riferimento a convenzioni, linguaggio, entità e finalità specifici. Consapevole di tali difficoltà, Viti analizza e illustra con molta attenzione i principi di concettualizzazione della terminologia nel Thesaurus del Soggettario, facendo riferimento in particolare alle teorie sul linguaggio di Pierce, per poi passare ad esaminare la struttura dell’altro thesaurus e i principi di concettualizzazione ivi applicati. Gioca un ruolo fondamentale l’osservazione che l’uso di un termine è giustificato dall’esistenza del documento e che il thesaurus non intende essere in alcun modo un’organizzazione della conoscenza, ma unicamente una organizzazione terminologica, e che dovrebbe generare direttamente conoscenza. Una specifica riflessione è dedicata al ruolo del lettore, sia nel modo in cui determina l’assegnazione della stringa, sia nel richiedere una diversa applicazione dei principi di concettualizzazione nei due strumenti. Il confronto tra i due thesauri, operato sia sul piano della struttura, che su quello semantico, rende possibile passare poi ad identificare i criteri di mappatura, cioè di comparazione sistematica tra i due vocabolari finalizzata ad individuare le corrispondenze tra termini, che possono essere non esistenti, equivalenti, in rapporto di uno a più di uno ed essere soggette a cardinalità. Infine, l’applicazione di SKOS ha permesso di fare emergere, accanto alle funzionalità positivamente risolte, una serie di problematicità riconducibili alla struttura di questo linguaggio.

18Ad Elisabetta Viti va senz’altro il merito di essersi dedicata ad una serie di questioni connesse all’interoperabilità semantica che sono oggetto di crescente interesse, man mano che l’applicazione del digitale rende le discipline e i loro strumenti di lavoro improntate alla liquidità.

  • 10 A. Serrai, Biblioteche e bibliografia, Roma: Bulzoni, 1994, p. 184.

19La tesi con la quale si conclude questa rassegna è quella che Antonella Trombone (Analisi della struttura e del modello concettuale di RDA – Resource description and access) ha dedicato all’analisi della struttura e del modello concettuale di RDA. L’elaborazione di quella che doveva essere una nuova edizione, la terza, delle Anglo-American Cataloging Rules, fino a quando nel 2005 il comitato di esperti per la revisione delle norme, nel cambiare radicalmente l’approccio al lavoro, modifica in Resource Description and Access la sua denominazione, ha determinato nel mondo bibliotecario anglosassone ed internazionale dubbi ed inquietudini, come non è stato dato di osservare in occasione della pubblicazione di altri standard che grandemente hanno inciso sulla struttura e sulle funzioni dei sistemi di mediazione catalografica. Le discussioni sollevate dalla pubblicazione delle ISBD, ad esempio, si sono limitate, per lo più, ad obiettare sull’uso della punteggiatura convenzionale, ritenuta, non del tutto a torto, assai poco rispettosa del punto di vista dei lettori, ma sulla opportunità della scansione della descrizione in aree ed elementi, sulla successione delle informazioni e sulle modalità di utilizzo dello schema non vi sono state obiezioni di particolare rilievo, con l’eccezione di quelle dei catalogatori di libri antichi, assai dubbiosi sull’opportunità di introdurre il nuovo modello di descrizione in una procedura che in qualche modo aveva già consolidato una propria tradizione. Un giudizio particolarmente ostile viene espresso, ad esempio, con la consueta franchezza, da Alfredo Serrai che, nel commentare la pubblicazione del catalogo del fondo antico della Biblioteca Cencelli del S. Maria della Pietà in Roma ad opera di Varo Vecchiarelli e Lorenzo Baldacchini (ICCU, 1989), osserva: «Un catalogo pubblicato nel 1989 proprio dall’ICCU con il duplice proposito di applicare lo ISBD(A) e, nello stesso tempo, di evitarne i danni e le mutilazioni, credo rappresenti una delle migliori prove a sfavore di quella che si offre come una razionalizzazione delle tecniche descrittive, ma che risulta essere poi un metodo di ghigliottinamento, o meglio di vivisezione, del corpo letterario ed informativo dei testi frontespiziali delle edizioni, soprattutto latine, dei secoli XVI-XVIII. Non è chiaro, in fondo, perché i due Autori del catalogo – che pure scrivono una Premessa intelligente, abbiano adottato lo schema ISBD per macellare 380 opere antiche: forse quell’impiego era una delle condizioni per essere autorizzati a fare quel lavoro»10. Anche il formato MARC non è stato oggetto di particolari manifestazioni di ostilità, fin quando non è apparso evidente che la sua struttura rende particolarmente difficile il trattamento dei dati da parte dei motori di ricerca, contribuendo a fare dei cataloghi elettronici una parte non piccola del cosiddetto web sommerso. RDA, invece, è stata sin dal suo apparire al centro di un dibattito assai acceso e il tempo occorrente per la sua applicazione insolitamente lungo per le consuetudini anglosassoni, cosicché le biblioteche, anche quelle più impegnate nella sua elaborazione, come la Library of Congress, hanno dovuto ripetutamente posticiparne l’applicazione. Merita, tra l’altro, di essere sottolineato il fatto che, sebbene esse si rivolgano ad un ampio spettro di istituzioni che si occupano della descrizione di risorse culturali, fino ad oggi sono state oggetto di attenzione quasi unicamente da parte dei bibliotecari, coinvolgendo marginalmente gli altri potenziali utilizzatori.

20A fronte di ciò, le agenzie bibliografiche dei Paesi europei sono apparse particolarmente interessate a giocare un ruolo nello sviluppo e nell’applicazione dello standard, dando vita al gruppo di interesse EURIG (il cui prossimo incontro si terrà nella seconda metà di settembre a Stoccolma), nel quale, un pò a sorpresa visti i non sempre facili rapporti tra la Francia e il mondo anglofono, è stata proprio Parigi a fungere da animatore. Dall’elenco dei Paesi che, almeno ufficialmente, hanno manifestato l’intenzione di passare dalle sperimentazioni all’applicazione, è assente l’Italia, che dopo aver pubblicato REICAT, non si è nemmeno troppo adoperata, per diverse ragioni, non ultime di natura economica, per renderne possibile la completa applicazione da parte delle biblioteche partecipanti a SBN, finendo, come è apparso evidente in recenti occasioni, per restare in mezzo al guado e pagare, ancora una volta, il prezzo dell’insufficiente attenzione mostrata negli anni verso gli standard adottati nel resto del mondo. RDA non è tuttavia un acronimo ignoto ai bibliotecari italiani, dal momento che in più occasioni, nell’ambito di iniziative promosse dall’Aib e anche dall’Università di Firenze, già dal 2007 (è di quell’anno il seminario di studio Il catalogo oggi: le norme catalografiche fra consolidamento e fluidità tenutosi a Modena presso la Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo) sono stati ospitati in Italia esperti (Tillett, Coyle, ecc.) a cui è stato chiesto di presentare dello standard sia il modello che gli aspetti tecnologici.

21Mentre resta ancora aperta la questione relativa al successo di RDA in biblioteca e soprattutto in altri ambiti, un fatto appare evidente: la fase di preparazione all’avvio della descrizione delle risorse con il nuovo strumento è stata oggetto di un’attenta organizzazione. Accanto ad RDA Toolkit, un sito dedicato alla presentazione dei testi, alla condivisione di esempi e allo sviluppo di profili per l’immissione di dati relativi a differenti tipologie di materiali e con diverso livello di descrizione, sono stati allestiti tutoriali, corsi a distanza, presentazioni audiovideo, test di autoverifica delle capacità dei catalogatori, centri di assistenza. È stato poi varato un programma capillare di formazione in presenza a cui è stato dato modo di partecipare a centinaia di bibliotecari, suddivisi per regione di provenienza e tipologia di istituzione di appartenenza. Le discussioni sulle questioni relative al transito dal formato MARC al nuovo standard, in un primo tempo ospitate in alcune tra le liste più seguite, sono state poi canalizzate su Bibframe, una iniziativa dedicata specificamente all’apertura dei cataloghi elettronici al mondo del web semantico. Non manca poi uno studio dei costi che una biblioteca dovrà sostenere per il passaggio ed un rendiconto dettagliato delle spese sostenute per tutte le attività di sviluppo, di promozione e di formazione. Questo modello organizzativo è affatto estraneo alle consuetudini nostrane. Si ricordava in precedenza l’esito incerto dell’applicazione integrale di REICAT, la cui elaborazione è stata, peraltro, oggetto negli anni di numerose iniziative volte a preparare il terreno al nuovo codice e a raccogliere suggerimenti e commenti dal “campo”. Sono mancate invece, accanto alla pubblicazione, le iniziative finalizzate ad organizzare gli interventi sul catalogo in una prospettiva nazionale: chi si occupa dei nomi, chi dei titoli, chi aggrega le edizioni delle opere, chi risponde alle domande, chi produce esempi e linee guida. L’applicazione di una struttura logica complessa come quella di REICAT ad un catalogo collettivo nazionale avrebbe senz’altro richiesto uno sforzo organizzativo di ben altro livello.

22Molto resterebbe da dire sulle conseguenze della frammentazione dei dati in seguito all’applicazione del nuovo modello, sulla difficoltà di garantire la corretta ed inequivocabile rappresentazione del contesto, sulla cooperazione tra le biblioteche e con il mondo esterno: sono tutte questioni analizzate, con competenza ed equilibrio, da Antonella Trombone, che le oltre mille pagine di RDA le ha lette e metabolizzate davvero.

Notes

1 A. Scolari, OPAC & dintorni: essere o non essere nella rete, «DigItalia», V, 2010, 2, p. 29.

2 A. Iacono, Opac, utenti, rete. Prospettive di sviluppo dei cataloghi elettronici, «Bollettino AIB», 50, 2010, 1/2, p. 77, <http://bollettino.aib.it/article/view/5295>.

3 T. Giordano, Study on the economic and technical evolution of the scientific publication markets in Europe. A response by SPARC Europe. http://ec.europa.eu/research/sciencesociety/document_library/pdf_06/italian-national-forum-on-electronic-information-resources_infer.pdf [link non disponibile: 05/09/2018].

4 Sull’argomento si può vedere P. G. Weston-A. Galeffi, La catalogazione degli stampati alla Biblioteca Vaticana dalla “cataloging expedition” del 1928 all’introduzione del catalogo elettronico, in Miscellanea in onore di S.E. Mons. Raffaele Farina, Città del Vaticano, 2013.

5 A. Gualandi, La logica antropobiologica della storia: una rilettura di ‘Urmensch und Spätkultur’, «Etica & Politica», XII, 2010, 2, p. 180.

6 R. Harper, Nostalgia: an existential exploration of longing and fulfilment in the modern age, Cleveland: Press of Western Reserve University, 1966, p. 28.

7 Infanzia e storia. Distruzione dell’esperienza e origine della storia, Torino: Einaudi, 1979.

8 La mémoire, l’histoire, l’oubli, Paris : Éditions du Seuil, 2000.

9 T. Grimaldi, L’analisi concettuale da un punto di vista cognitivo, «Il Bibliotecario», 1995, 1.

10 A. Serrai, Biblioteche e bibliografia, Roma: Bulzoni, 1994, p. 184.

Auteur

Università di Pavia

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search