Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA UNIVERSITARIA ALLA BIBLIOTECONOMIA E ALLE BIBLIOTECHE: RASSEGNA DELLE RICERCHE PRESENTATE AL SEMINARIO. CONFRONTI E PROSPETTIVE

Maurizio Vivarelli

Maurizio Vivarelli

Texte intégral

1Le tesi che mi sono state assegnate per questa prima edizione del Seminario nazionale di biblioteconomia sono, in modo più o meno diretto, e con diversi gradi di approfondimento, riconducibili a tre linee di ricerca e di riflessione che nel corso degli ultimi anni hanno fortemente caratterizzato il dibattito nazionale ed internazionale.

2Il primo ambito è costituito da indagini riguardanti il tema classico della misurazione e valutazione dei servizi che la biblioteca rende disponibili, alla luce delle discontinuità e delle criticità che hanno investito e stanno investendo i paradigmi classici ed i loro esiti applicativi. Come è noto il modello concettuale di Frederick Wilfrid Lancaster, elaborato intorno agli anni Settanta del secolo scorso (The Measurement and Evaluation of Library Services, 1977), si fonda essenzialmente su strumenti di natura quantitativa; la riflessione recente sulla identità della biblioteca pubblica, e sugli elementi di crisi che la affliggono, ha obbligato la comunità scientifica ad avviare studi approfonditi, radicati nel campo delle scienze sociali, alla ricerca di principi e metodi in grado di garantire una corretta interpretazione delle profonde trasformazioni della identità della biblioteca pubblica contemporanea.

3Il secondo ambito, che al primo è strettamente correlato, si collega ad un altro tema di notevole rilevanza, relativo alla progettazione architettonica e biblioteconomica delle biblioteche, pubbliche in particolare. Anche in questo caso si è sviluppato un intenso dibattito, che in Italia trova il suo punto di snodo iniziale nelle opere di Paolo Traniello, ed in particolare Biblioteche e società (Bologna: Il Mulino, 2005).

4Il terzo ambito è riferito alle trasformazioni che stanno investendo la struttura, materiale e simbolica, del libro, e la configurazione cognitiva delle pratiche di lettura ad esso intimamente e costitutivamente connesse, e si collega ad un campo esplorato (tra le altre) dalle opere di Jean-François Gilmont, Gino Roncaglia, Robert Darnton.

5Del primo gruppo fanno parte i lavori Chiara Faggiolani, Nicola Marton Horvath, Moira Minafro, Elena Petroselli.

6Chiara Faggiolani ha proposto gli esiti di un percorso di studi, avviato con il dottorato di ricerca in Scienze librarie e documentarie della Sapienza di Roma, in un interessante lavoro dal titolo La ricerca qualitativa in biblioteca. Verso la biblioteconomia sociale. Il tema è di indubbio interesse, ed è stato trattato con una convincente maturità teorica e metodologica, partendo dal presupposto della sostanziale inadeguatezza dei metodi puramente quantitativi nel dar conto della varietà dei fenomeni (documentari ed extra-documentari) che nello spazio della biblioteca si situano; dunque, ritiene l’autrice, è indispensabile “uscire da una dimensione prettamente tecnicistica e lasciarsi andare a una riflessione articolata sul livello epistemologico”. I principi teorici utilizzati, radicati nel campo delle scienze sociali, si fondano sulla Grounded Theory Methodology, resa nota negli anni Sessanta del Novecento da Barney Glaser ed Anselm Strauss con il volume The Discovery of Grounded Theory. Strategies for Qualitative Research (Chicago: Aldine,1967). Questo orientamento, più ampiamente discusso da Faggiolani nel suo recente La ricerca qualitativa per le biblioteche. Verso la biblioteconomia sociale (Milano: Editrice Bibliografica, 2008), propone di individuare nella biblioteconomia sociale l’esito evolutivo naturale della biblioteconomia gestionale, aggiungendo ad esso una maggiore consapevolezza di natura metodologica ed interpretativa.

7Nicola Marton Horvath ha presentato i risultati della propria tesi di laurea magistrale in Archivistica e Biblioteconomia, discussa presso l’Università degli studi di Milano, con il titolo Indagine sui non utenti e sugli utenti marginali della Biblioteca comunale di Crema. La ricerca è stata effettuata utilizzando una metodologia mista, qualitativa e quantitativa, modellata di fatto direttamente sulle particolarità del peculiare campo di indagine, che ha avuto per oggetto «i motivi sul non utilizzo della biblioteca, le aspettative dei soggetti rispetto a cosa trovare in biblioteca, cosa porterebbe i soggetti ad utilizzare la biblioteca, quali siano i canali abituali per il reperimento delle informazioni ed infine a chi si rivolgano i soggetti nel caso abbiano necessità di un’informazione particolare”. L’esito più significativo del lavoro consiste dunque nel rendere disponibili dati che “possano essere in futuro impiegati per eventuali approfondimenti, e a questo scopo gli stessi sono resi disponibili per chiunque intenda sviluppare ulteriormente questo studio».

8Moira Minafro (L’integrazione delle culture in biblioteca: le raccolte ed i servizi multiculturali), si è cimentata con un campo di indagine variegato, complesso, e dal rilevante valore etico e in senso ampio politico. Partendo dall’esame delle Linee guida per i servizi multiculturali nelle biblioteche pubbliche (a cura della Commissione nazionale Biblioteche pubbliche; testi di Lucia Bassanese, Domenico Ciccarello, Paolo Messina, Chiara Rabitti; traduzione italiana del documento IFLA Multicultural communities: guidelines for library services, a cura di Alberta Dellepiane e Adriana Pietrangeli, Roma: AIB, 2003), Minafro ha proposto una ampia ed esaustiva indagine comparativa, che ha innestato il tema specifico della multiculturalità nel contesto delle vicende che hanno caratterizzato la storia della biblioteca pubblica, con una specifica e peculiare attenzione al ruolo ed alla funzione degli operatori che nelle biblioteche esercitano la propria delicata attività professionale. Gli esiti del lavoro, utile anzitutto per la quantità delle informazioni rese disponibili, consistono nel mettere in evidenza la fondamentale importanza di una corretta programmazione dei servizi, che parta dalla «analisi della composizione etnica del territorio per capire chi sono gli interlocutori delle biblioteche», e che si prefigga il «coinvolgimento dei rappresentanti delle stesse per conoscere i reali bisogni delle popolazioni locali».

9Il lavoro di Elena Petroselli (L’istituto culturale e di documentazione Alessandro Lazzerini di Prato: un caso di studio), ha per oggetto la valutazione dell’impatto sociale, culturale ed economico conseguente all’inaugurazione nei locali dell’ex Fabbrica Campolmi della nuova biblioteca civica della città toscana, avvenuta nel 2009. Lo studio, che si appoggia metodologicamente all’opera di Allison Jane Pickard La ricerca qualitativa in biblioteca. Come migliorare i servizi attraverso gli studi sull’utenza (Milano: Editrice Bibliografica, 2010), ne applica i principi ad un studio di caso, nel quale lo strumento di indagine, l’intervista, è stata condotta su «differenti gruppi di soggetti, ognuno dei quali rappresenta un punto di vista differente»: il direttore della biblioteca, gli utenti, i direttori dei principali istituti culturali cittadini, i commercianti della zona in cui la struttura è insediata. L’indagine ha messo in evidenza «la continuità delle scelte biblioteconomiche principali» prima e dopo l’inaugurazione della nuova struttura; da ciò consegue che «i punti di forza della nuova biblioteca […] erano tali già presso i precedenti spazi”; più in generale oltre a concrete problematiche gestionali (quali ad es. la regolazione termica o la limitata disponibilità di parcheggi) è emersa con chiarezza, anche negli operatori culturali cittadini più qualificati, “una scarsa consapevolezza della complessità degli intenti del progetto biblioteconomico, dei suoi presupposti teorici o dei suoi riferimenti simbolici […] che si traduce in una lettura apparentemente superficiale, che recepisce esclusivamente i fatti concreti».

10Nel secondo ambito tematico si colloca il lavoro di Maria Chiara Sbiroli Spazio architettonico, servizi, qualità dell’esperienza: la progettazione delle nuove sedi bibliotecarie centrate sull’utente. L’analisi comparata proposta di recenti realizzazioni mette in primo luogo rilievo la centralità di alcuni fattori chiave, individuati nella scelta della localizzazione, nella progettazione dell’area di ingresso, nella scelta e nell’uso del colore, nella gestione del conflitto tra spazi di socialità e spazi di studio. In particolare l’analisi di Sbiroli si è rivolta all’analisi di due recenti biblioteche pubbliche italiane, quella di Castelfranco Emilia ed il Mabic (Maranello Biblioteca Cultura) di Maranello, ambedue in provincia di Modena, inaugurate rispettivamente nel 2009 e nel 2011. Nella conclusioni l’autrice rileva che, oltre i servizi bibliografici e documentari classicamente intesi, la biblioteca pubblica contemporanea deve riuscire a suscitare un «coinvolgimento emotivo» da ritenere «uno strumento fondamentale per la biblioteca contemporanea». Inoltre l’autrice sottolinea l’importanza della valutazione ex post dei progetti realizzati, per migliorare auspicabilmente i progetti futuri, sotto il profilo sia della qualità architettonica che di quella esperienziale.

11L’ultimo dei progetti di quest’ambito è proposto dalla Associazione Culturale Terzo Piano di Montevarchi (AR), dal titolo Comunicazione e produzione culturale delle biblioteche contemporanee: il caso di studio Ginestra Fabbrica della Conoscenza, e descrive le linee di intervento grafico e comunicativo connesse al progetto di riorganizzazione della biblioteca comunale di Montevarchi negli spazi del complesso architettonico La Ginestra, in un ambiente destinato ad ospitare anche produzioni culturali di natura “laboratoriale” e performativa. Per questo è stato elaborato un progetto per far comprendere gli elementi di novità che caratterizzano gli spazi ed i servizi della struttura, prendendo in esame significative esperienze recenti (tra cui biblioteca San Giovanni di Pesaro, Multiplo di Cavriago, Barbican Centre di Londra, biblioteca Salaborsa di Bologna, biblioteca San Giorgio di Pistoia, il Pertini di Cinisello Balsamo). Tra i prodotti realizzati da segnalare i filmati di Una storia per tutti, curato dall’associazione Macma, (<http://www.fabbricaginestra.it/​una-storia-per-tutti-leggiamo-la-ginestra-video-interviste>), nel quale personalità significative della vita sociale e culturale di Montevarchi (l’ostetrica, il parroco, lo studente, il preside, l’insegnate, lo studioso) raccontano le proprie passioni di lettura, ed il Progetto Semplice, curato da Letizia Doni con foto di Fabio Mirulla (<http://www.fabbricaginestra.it/​progetto-semplice-omaggio-a-bruno-munari>), che si ispira al celebre articolo di Bruno Munari Ricerca della comodità in una poltrona scomoda, pubblicato da «Domus» nel 1944. In questo caso i cittadini di Montevarchi, in occasione del mercato cittadino, sono stati invitati a trovare la propria posizione di lettura in una poltrona, lasciando prefigurare in questo modo l’idea di uno spazio della biblioteca ospitale, amichevole, creativo.

12Il terzo gruppo comprende il lavoro di Ester Marinelli (Il futuro del libro nella percezione dei giovani lettori: un’indagine tra gli studenti del Liceo classico “G. Berchet” di Milano), che espone metodi e risultati di una indagine condotta su un gruppo di un gruppo di 10 studenti del liceo milanese, scelti sulla base dell’interesse mostrato per il progetto e per una dichiarata passione per le nuove tecnologie applicate alla lettura. Il lavoro, al di là delle intenzioni dell’autrice ed al di là degli esiti teorici e metodologici conseguiti attraverso l’indagine, mette in evidenza soprattutto le problematiche connesse alla gestione concettuale dell’oggetto “libro”, anche in un istituto dalla solida tradizione come il Berchet, i cui studenti sembrano mostrare prevalentemente una esclusiva curiosità per gli elementi di novità tecnologica indotti dalla diffusione dell’ e-book, senza riuscire a percepire, interpretare ed elaborare, con adeguata consapevolezza critica, i valori simbolici e metaforici che sono intimamente connessi ad un oggetto tra i più rilevanti nella storia culturale dell’umanità.

13Il lavoro di Elena Ranfa (Il “lettore ibrido”. Teorie e pratiche della lettura nei momenti di transizione. Passaggi dal manoscritto al libro elettronico), si pone come obiettivo principale quello di interpretare la natura di «momenti di transizione, di passaggio, nei quali pratiche e strumenti che sembravano consolidati e forse immutabili, subiscono trasformazioni profonde, vere e proprie “rivoluzioni” che condizionano, in maniera più o meno consapevole, la sua vita». Per questo motivo Ranfa introduce gli elementi di cambiamento che stanno investendo il libro, la lettura, la biblioteca, nella loro cangiante riconfigurazione digitale ed ipertestuale, ponendo al centro della trattazione il concetto di “ibridazione”. In una estesa ricognizione vengono discussi gli studi della Scuola di Toronto, a partire dal celebre Oralità e scrittura di Walter J. Ong (1987), nel quadro più ampio delle teorie di Harold Innis, Marshall McLuhan, Derrick De Kerchkove, estendendo l’indagine fino ad includere studiosi quali Jack Goody, Eric Havelock, Maryanne Wolf, Gunther Kress, Stanley Fish, approdando infine all’estetica della ricezione di Ernst Robert Jauss e Wolfgang Iser, ed alla figura del lector in fabula di Umberto Eco. Successivamente vengono trattate le questioni connesse alla forma ed al concetto di libro, avvalendosi, tra gli altri, degli studi di David Finkelstein e Alistair McCllery, e, per quanto riguarda la testualità elettronica, di Jay David Bolter. Infine viene esaminata l’ibridazione del modello concettuale, biblioteconomico, organizzativo, della biblioteca pubblica, cercando di mettere in evidenza «le conseguenze rilevabili non solo nelle pratiche di lettura ma anche nella selezione dei supporti»; in quest’ultimo ambito l’autrice ha fatto riferimento agli strumenti della semiotica (ed in senso più specifico della socio-semiotica), con i quali tracciato un’analisi della biblioteca in quanto testo e spazio, in cui inscrivere ed attualizzare l’identità di un nuovo “lettore modello”.

14Si può concludere rilevando come i lavori ed i progetti insistano, tutti, con diversi livelli di approfondimento e di maturità teorico-metodologica, su questioni e temi centrali nella riflessione biblioteconomica contemporanea, che certamente non può continuare a confidare solo sulla propria tradizionale identità disciplinare definitasi in età contemporanea, a partire, “grosso modo”, da Martin Schrettinger ed Antonio Panizzi, e deve necessariamente individuare (magari riscoprendoli) concetti, principi, prospettive interpretative, che sappiano adeguatamente contestualizzarsi in un ambito storico-culturale di grande e mutevole complessità.

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search