Version classiqueVersion mobile

Oltre l’istituzione

 | 
Davide Lasagno

Capitolo I. L’istituzione rafforzata: gli anni Sessanta

Texte intégral

I manicomi: uno sguardo d’insieme

L’ambiente manicomiale

  • 1 A. Cañedo Cervera, S. Collina, Ero pazzo, scusa, ero pazzo davvero, Edizioni Gruppo Abele, Torino (...)

1«Sono venuto a Torino, da mio fratello, a lavorare: ho fatto il manovale per un anno, poi sono andato a lavorare in fabbrica di fili elettrici. Poi sono andato dal commissario a dirgli che ero perseguitato, m’ha messo “manie di persecuzione” e m’ha mandato qua dentro. Ma io ero perseguitato davvero […]. Il commissario mi mise “manie di persecuzione” e m’ha mandato qui dentro. E ha fatto bene, ha fatto bene. Non ero in grado ai quei tempi di capire, fisicamente, ero ancora giovane […]. Il commissario ha fatto bene, perché mi ha messo “manie di persecuzione… la legge non mette ignoranza, la legge non mette ignoranza. Mi ha fregato, il commissario»1. Feliciano era entrato in manicomio nel 1961. Di lui sappiamo ben poco se non, per l’appunto, che forse soffriva di manie persecutorie e che a disporne il ricovero era stato un commissario di polizia.

2L’intervista di cui fa parte il breve brano appena citato è stata realizzata tra il marzo del 1995 e il maggio del 1996, nell’ambito di un progetto teso a verificare la condizione in cui si trovavano all’epoca trenta ex degenti dei manicomi torinesi, la maggior parte dei quali, sia pure formalmente dimessi, risiedeva ancora nelle varie “comunità ospiti” che a partire dalla fine degli anni Settanta erano sorte all’interno dell’area socio-sanitaria dell’ospedale psichiatrico di Collegno.

  • 2 A. Cañedo Cervera, S. Collina, Ero pazzo, scusa, ero pazzo davvero cit, p. 186.
  • 3 Ivi, p. 187.

3Alcuni degli intervistati, nel rievocare l’episodio del loro ricovero, non hanno esitato ad attribuirne la responsabilità alla propria famiglia o a uno in particolare dei suoi membri, di solito il padre. Come ha fatto Adriano, fuggito di casa all’età di ventun’anni, immediatamente ritrovato dal padre e quindi condotto a Collegno: «e poi voleva che tornassi a casa. Il giorno dopo mi ha detto: “se vuoi tornare a casa va bene”… “No, io a casa non ci torno: sto bene qui”… uno prima ti porta a Collegno e poi ti dice “se vuoi torna a casa?”… Eh no, scusa!»2. La vicenda di Riccardo vede invece come protagonisti entrambi i genitori: «loro mi hanno messo qua dentro e mi dice: “vai là a Collegno, stai un po’ di tempo…”. Io sono un ingenuo, ci sono cascato. Così loro se ne sono andati per loro conto, e io rimango qui e sono qui così, capisci? Eh, non c’è nessuno… eh, non so… chi è che si interessa di me»3.

  • 4 Ivi, p. 171.
  • 5 Ivi, p. 172.

4In altri casi, il ricordo appare decisamente più sfocato, le ragioni e le modalità del ricovero risultano del tutto incomprensibili, non solo a noi ma anche ai diretti interessati: «Mah… diventavo che perdevo i sensi – ha raccontato Giuseppina – cioè, come se svenivo […]. Non me lo ricordo neanche con che sistema mi ci hanno portato perché… io mi sono ritrovata lì eh… cioè, non so se mi hanno fatto qualche puntura per addormentarmi»4. Anche Giacomo non ha saputo dire perché fosse stato internato in manicomio: «non posso saperlo, non mi hanno detto niente. Non l’ho chiesto perché non mi sono ricordato, mi mettevo a piangere quando mi hanno portato lì dentro… e ho perso la memoria, ma non riuscivo a spiegarmi… […]. Mi hanno portato così senza motivo… non so perché… magari non stavo bene»5.

5Non è dato di sapere, naturalmente, sino a che punto i fatti riportati in quelle interviste corrispondessero alla realtà. Diverse variabili potrebbero aver contribuito a deformare in un modo o nell’altro il racconto: innanzitutto il lunghissimo tempo trascorso dal momento del ricovero; ma, più ancora della distanza temporale, c’è da considerare lo stress emotivo procurato da un avvenimento – il ricovero appunto – che i futuri degenti, già presumibilmente destabilizzati dalla malattia, non potevano non percepire fin da subito come drammatico, sia perché in genere era imposto da altri, sia per le modalità poliziesche con cui di solito esso avveniva.

  • 6 Legge 14 febbraio 1904, n. 36 “sui manicomi e sugli alienati”, art. 2, comma 2. In base alle dispo (...)

6Ad ogni modo, al di là delle singole vicende personali, sempre diverse tra loro, le procedure d’ammissione previste dalla legge erano soltanto due: quella ordinaria doveva necessariamente prendere avvio da una richiesta, che chiunque poteva inoltrare «nell’interesse degli infermi e della società» e che spettava al pretore autorizzare in via provvisoria «sulla presentazione di un certificato medico e di un atto di notorietà»6. In particolari con dizioni d’urgenza, invece, il ricovero poteva essere ordinato direttamente dall’autorità locale di pubblica sicurezza, anche senza l’autorizzazione del pretore. In casi del genere, il presunto alienato finiva di fatto per essere trasportato all’ospedale nel cellulare della polizia, o al limite in ambulanza, e il solo documento richiesto era il certificato medico.

7Giunto a destinazione, il futuro degente veniva accompagnato nella saletta di ammissione. Lì ad attenderlo c’era il dottore, seduto dietro la sua scrivania e in camice bianco, pronto per dare inizio al colloquio. Si trattava in realtà di un vero e proprio “interrogatorio”: tutte le risposte e le reazioni dell’ammalato erano annotate sulla cartella clinica e spesso interpretate come sintomi della malattia, i fatti riferiti dai congiunti venivano fedelmente registrati e alla luce anche del certificato medico esterno si cercava di pervenire ad una prima classificazione nosografica del paziente.

8Terminato l’interrogatorio, il neo-degente, ormai malato anche dal punto di vista burocratico, veniva trasferito nel reparto di osservazione, spesso e volentieri con qualche raggiro, con qualche piccola bugia detta per vincerne le comprensibili resistenze e per evitare che si verificassero fastidiosi contrattempi davanti ai parenti o al medico.

  • 7 Goffman ha descritto gli effetti psicologici di tali “spoliazioni”: «l’insieme delle proprietà per (...)
  • 8 “Regolamento Organico degli Ospedali Psichiatrici di Torino”, deliberato dal Consiglio di Amminist (...)

9Il cerimoniale proseguiva poi con la requisizione degli oggetti personali e degli abiti7 del neo-entrato da parte degli ispettori8, coadiuvati nell’operazione dalla suora capo reparto o dal capo infermiere. A quel punto, terminata anche la “vestizione”, il passaggio dalla pre-degenza alla degenza poteva considerarsi concluso a tutti gli effetti. Cominciava allora la fase dell’osservazione, che non poteva però protrarsi oltre i trenta giorni.

  • 9 Nella cartella clinica di una donna al terzo ricovero, alla quale era stata diagnosticata una form (...)

10Durante quel periodo il medico doveva cercare di stabilire se il nuovo venuto fosse o meno passibile di ricovero definitivo, se si trovasse cioè nelle condizioni stabilite dall’articolo 1 della legge giolittiana del 1904, articolo che imponeva la custodia in manicomio a tutte le persone affette per qualunque causa da alienazione mentale, ma soltanto se «pericolose a sé o agli altri o di pubblico scandalo». Poteva naturalmente capitare anche che, sia pure in assenza del requisito della pericolosità, si giungesse ugualmente a un’ammissione in via definitiva, magari solo perché il paziente in questione non aveva un altro posto dove andare oppure perché i suoi famigliari o i suoi parenti non volevano o non erano in grado di accoglierlo a casa propria né di prendersene cura in alcun modo9.

11Tutti gli ospiti giudicati, per una ragione o per l’altra, “competenti di ricovero” entro lo scadere della fase di osservazione venivano trasferiti all’interno del reparto ritenuto più adatto alle loro caratteristiche. L’assegnazione dei malati alle varie sezioni era regolata da criteri “misti”, che prendevano in considerazione parametri non soltanto medici: esistevano così reparti per epilettici e per alcolisti, ma anche per lavoratori, per pazienti cronici, per lungodegenti, per incontinenti tranquilli e per bambini. Gli uomini erano mantenuti rigidamente separati dalle donne. A queste ultime erano riservati per intero tre diversi ospedali, tra cui la vecchia sede cittadina di via Giulio, mentre gli uomini erano destinati tutti a Collegno.

  • 10 Cfr. D. De Caro, G. Gandiglio, E. Pascal, Il reparto aperto Villa Verde degli OO.PP. di Torino dop (...)
  • 11 Cfr. G. Petrone, Reinserimento sociale di degenti psichiatrici istituzionalizzati: analisi di un’e (...)

12Fino a quando alcuni di essi non furono trasformati, durante il periodo della contestazione anti-manicomiale del biennio 1968-1969, in comunità terapeutiche, i vari reparti del complesso ospedaliero torinese non presentavano tra loro differenze significative. Ne esisteva soltanto uno a regime almeno formalmente aperto, Villa Verde, inaugurato nel giugno del 196110; in tutti gli altri le porte restavano quasi sempre chiuse a chiave, le finestre erano protette da sbarre e da inferriate, gli orari di visita rigidamente definiti e limitati ad alcune decine di minuti al giorno e la vita quotidiana era scandita dalla monotonia di ritmi ripetitivi e sempre uguali a sé stessi: sveglia alle sei del mattino, somministrazione delle terapie alle sei e trenta, colazione attorno alle otto, poi qualche ora di “svago” in refettorio o in cortile e alle undici e trenta il pranzo; la cena era servita verso le diciassette e trenta e alle ventuno, dopo un po’ di televisione, i malati erano messi a letto11.

  • 12 Naturalmente, l’abitudine di concedere ai ricoverati piccole ricompense in cambio di favori person (...)

13La vita di reparto era ovunque sottoposta a una rigida disciplina; in genere, soltanto ai lavoratori e ai “tranquilli” veniva concessa la possibilità di circolare liberamente all’interno dell’ospedale e di recarsi ogni tanto al bar. Anche i malati che accettavano di collaborare a vario titolo con il personale, perlopiù in qualità di informatori, per svelare eventuali propositi di fuga di altri malati, o di piantoni, in sostituzione degli infermieri cui era affidato il turno di notte, venivano ricompensati con piccoli privilegi di carattere materiale, come sigarette o vino12.

14A tutti gli altri venivano invece imposte restrizioni proporzionate al loro presunto grado di pericolosità. Il regime più duro era senza dubbio quello in vigore nei reparti per “furiosi”, dove venivano trasferiti non solo i malati ritenuti più violenti ma anche quelli che si erano resi responsabili di gravi infrazioni al regolamento o che minacciavano con i loro comportamenti l’ordine e la tranquillità di altre sezioni. Proprio per il suo carattere eminentemente punitivo, il reparto “furia” – così era chiamato in gergo manicomiale – era diventato uno spauracchio per tutti i ricoverati e uno strumento di controllo e di dissuasione decisamente efficace nelle mani del personale.

  • 13 Si veda Associazione per la lotta contro le malattie mentali (a cura di), La fabbrica della follia (...)
  • 14 Ivi, pp. 39 e 49.

15Nell’ospedale di Collegno, il reparto “furiosi” era il numero 13. Verso la fine del 1969, a contestazione in corso, esso ospitava ancora all’incirca settantacinque malati, segnalandosi per i molti incidenti che si verificavano periodicamente al suo interno nonché per l’elevato numero di contenzioni che vi venivano praticate13. Sotto il profilo del degrado ambientale c’erano comunque sezioni la cui condizione pareva ancor più compromessa, in special modo quelle riservate a soggetti particolarmente deteriorati o con lunghi periodi di ospedalizzazione alle spalle: come la quinta – per lungodegenti – un vero e proprio «letamaio», con «muri scrostati», dormitori sovraffollati e un «odore acre di urina» che aleggiava su tutto; o la prima – per cronici – nella quale i letti erano disposti a trenta - quaranta centimetri gli uni dagli altri e i gabinetti, «sporchi e insufficienti», venivano chiusi durante tutta la notte, obbligando i ricoverati a servirsi di vasi che venivano svuotati soltanto al mattino14.

  • 15 In uno degli articoli in questione, Visita al manicomio di Collegno, pubblicato il 17 gennaio del (...)

16Già attorno alla metà degli anni Sessanta la situazione degli ospedali di Collegno e di via Giulio aveva attirato su di sé l’attenzione dei giornali. Persino il quotidiano “La Stampa”, in precedenza poco interessato a tali problemi, era arrivato a parlare di malate costrette a dormire negli scantinati, con «gli scarafaggi», e a sottolineare il carattere fatiscente delle attrezzature e dei locali a disposizione di medici e ricoverati. Si era trattato tuttavia di denunce parziali, avanzate con toni piuttosto concilianti15, che nel loro insieme erano sembrate inquadrarsi in una strategia tesa a sostenere la necessità di nuovi investimenti economici in campo manicomiale, in totale sintonia con gli analoghi propositi che da qualche tempo erano andati maturando in seno alla Giunta provinciale, e in special modo alla sua componente democristiana.

17Non si può negare che gli ospedali di via Giulio e di Collegno abbiano rappresentato a lungo, nell’opinione comune, i due manicomi torinesi per eccellenza; erano d’altra parte gli edifici più popolati, più vecchi e più imponenti dell’intero complesso manicomiale cittadino (anche se sarebbe forse più corretto dire provinciale). Non bisogna dimenticare, tuttavia, che nel corso del Novecento accanto ad essi ne erano sorti altri due, collocati entrambi non lontano dalla città, in centri della prima cintura, rispettivamente a Grugliasco e in borgata Savonera e che a completare il comprensorio ospedaliero si erano aggiunte col passare del tempo alcune strutture di dimensioni ridotte – le cosiddette Ville – destinate ad accogliere pazienti con esigenze particolari.

Un po’ di storia

  • 16 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 31.
  • 17 Si tenga presente, tuttavia, che una tale tendenza era destinata a venir meno solo con la progress (...)

18Lo “spedale dei pazzarelli” era un edificio di cento posti letto, situato nell’isola di San Isidoro, l’attuale via Piave. Era stato costruito nel 1729 per volere di Vittorio Amedeo II ma la sua gestione era stata affidata ad un ente religioso, la Confraternita del Santissimo Sudario e della Beata Vergine delle Grazie. Sebbene si trattasse di una struttura con caratteristiche ospiziali, sorta più per ragioni di ordine pubblico che non per effettive preoccupazioni sanitarie, la neonata istituzione costituiva per Torino «un fatto nuovo, e cioè» un primo passo verso «il superamento della segregazione indifferenziata»16. Fino ad allora era infatti prevalsa la tendenza a ricoverare gli alienati nelle carceri, negli ospizi di carità o negli ospedali generali, senza particolari distinzioni né con altre categorie d’individui ritenuti socialmente pericolosi, come delinquenti comuni, mendicanti, vagabondi o nemici politici, né con malati di altro genere17.

  • 18 Cfr. L. Roscioni, Il governo della follia cit.

19Nel corso del Settecento luoghi simili allo “spedale” di Torino apparvero in varie città della penisola. Nel 1755 il duca Francesco III d’Este trasformò l’ex lebbrosario San Lazzaro di Reggio Emilia in una casa d’accoglienza per “insensati”; qualche anno dopo, nel 1778, fu il turno di Alessandria, dove su iniziativa del vescovo della città venne inaugurato uno “spedale dei pazzerelli” direttamente ispirato a quello torinese, non solo per il nome ma anche nei regolamenti interni; a Milano la Pia Casa della Senavra fu adibita in via esclusiva al ricovero degli alienati a partire circa dal 1790 mentre i due ospedali Santa Dorotea di Firenze e Santa Maria della Pietà di Roma erano già stati destinati ad un’analoga funzione, rispettivamente, nella seconda metà del 1600 e addirittura nel 150018.

20La maggior parte di quelle strutture era stata creata allo scopo di liberare le strade dalla presenza di soggetti il cui comportamento era percepito come possibile fonte di pericolo per la cittadinanza o di scandalo per le famiglie di appartenenza. Non erano mancate tuttavia anche motivazioni sanitarie, che spesso si trovano espresse, sia pure con formule un po’ generiche, nei regolamenti o negli statuti. Al riguardo va però tenuto presente che la sensibilità medica del tempo considerava le alienazioni come malattie sostanzialmente incurabili e che di conseguenza nei primi ospedali riservati ai folli l’attività del medico, quando prevista, si limitava spesso alla cura della salute generale dei ricoverati.

  • 19 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima gue (...)
  • 20 G. Ajani, B. Maffiodo, La struttura e il bisogno: organizzazione interna ed evoluzione dell’istitu (...)

21A Torino, il medico dello “spedale” rimase a lungo in una posizione subordinata; poteva partecipare alle sedute più importanti della confraternita, era chiamato ad esprimersi sui casi di ammissione e di dimissione nonché sullo stato di salute dei ricoverati ma fu soltanto negli anni successivi alla dominazione napoleonica, grazie anche al progressivo diffondersi in Italia del nascente pensiero psichiatrico francese, che incominciò a manifestarsi la necessità di un intervento terapeutico sistematico e specificamente mirato alla cura della follia e che al personale sanitario venne quindi riconosciuto, sebbene in modo graduale e non privo di forti contraddizioni, un ruolo sempre più decisivo nell’organizzazione della vita istituzionale. Nel 1828, dopo che per circa un secolo l’assistenza sanitaria era stata affidata a medici esterni, si giunse finalmente, a seguito di un concorso pubblico diretto «ad accertare le conoscenze scientifiche dei candidati»19, all’assunzione di un medico primario e all’attivazione di un servizio sanitario «interno e ininterrotto»20 di cui furono chiamati a far parte, due anni dopo, anche un chirurgo, un assistente e un flebotomo.

22L’affermarsi di un approccio terapeutico sempre più definito nei suoi presupposti scientifici e culturali contribuì d’altra parte ad accentuare un insieme di problemi che si erano trascinati in forme più o meno gravi per alcuni decenni ma che a quel punto sembravano essersi trasformati in un ostacolo insormontabile all’applicazione delle nuove teorie mediche. In particolare, già nel 1827 le carenze strutturali e l’assenza di spazio nei locali del vecchio “spedale” avevano indotto la regia amministrazione a chiedere al sovrano il permesso per la costruzione di un edificio di dimensioni maggiori, ove fosse possibile attuare una netta separazione tra i sessi e una suddivisione dei malati secondo criteri clinici.

23Dai primi progetti del 1828 alla conclusione definitiva dei lavori dovette tuttavia passare più di un lustro. Il nuovo manicomio venne infatti inaugurato ufficialmente soltanto il 13 maggio del 1834: esso sorgeva sopra un terreno di circa sei giornate a forma di quadrilatero, ubicato ai margini di quella che allora era la parte edificata della città e delimitato da via della Consolata, da via Valdocco, da via San Massimo (l’attuale corso Regina Margherita) e da via delle Ghiacciaie (oggi via Giulio).

  • 21 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 36.
  • 22 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima gue (...)

24Ma «per effetto della continua crescita»21 della popolazione ricoverata, già pochi anni dopo la sua apertura quel grande stabilimento cominciò a dimostrarsi carente sotto il profilo della capienza e inadeguato dal punto di vista sanitario. Persino il neo-primario, Giovanni Stefano Bonacossa, in una memoria del 1843 ne denunciò alcuni limiti architettonici e igienici, tra i quali si possono qui ricordare l’eccessivo numero di piani, l’insalubrità degli ambienti, la povertà del regime alimentare e le scarse dimensioni dei cortili22. Alle critiche di Bonacossa fecero seguito quelle del direttore Lorenzo Ceppi, che nel 1851 si trovò costretto a constatare la saturazione della capacità ricettiva dell’ospedale e a dichiarare la conseguente impossibilità di far fronte a ulteriori richieste di ricovero. Tornò così d’attualità un’idea che risaliva al periodo dell’occupazione francese, ossia quella di trasferire una parte dei malati presso la Certosa di Collegno, un grande complesso situato alle porte della città, in piena campagna, e abitato fin dal 1641 da un gruppo di monaci certosini originari della Val di Susa. Con l’acquisto della Certosa, avvenuto nel 1856, il manicomio di Torino si dotava di una succursale di enormi dimensioni, provvista di aree verdi e di terreni agricoli, e destinata peraltro a ingrandirsi ulteriormente nel corso del tempo, tanto da arrivare a comprendere, sul finire del secolo, alcuni nuovi fabbricati, una casa coloniale e un certo numero di laboratori per l’ergoterapia.

  • 23 Cfr. E. Shorter, Storia della Psichiatria: dall’ospedale psichiatrico al Prozac, Masson, Milano 20 (...)

25Il periodo compreso tra l’ultimo quarto dell’Ottocento e l’inizio del Novecento fece registrare un impetuoso incremento della popolazione manicomiale torinese, passata dagli 841 individui ricoverati nel 1876 agli oltre 2.400 del 1910. Si trattava per la verità di un fenomeno di portata europea, riscontrabile, sia pure con intensità diversa a seconda dei casi, non solo in Italia ma anche in Germania, in Francia e in Inghilterra23 e alla cui base agivano molteplici motivazioni di carattere economico, sociale e sanitario. Nella vicenda italiana di fine Ottocento pesarono senza dubbio i costi sociali del processo di modernizzazione in atto in quella fase, alcuni dei quali, come la diffusione della pellagra nelle campagne e di alcolismo e sifilide nelle zone urbane, ebbero riflessi psichiatrici immediati, contribuendo ad esporre una massa via via crescente di persone ai pericoli della malattia mentale e dell’internamento in manicomio. Non va tuttavia trascurato neppure un secondo elemento, e cioè il fatto che in quegli anni la proliferazione di studi in campo psichiatrico, legata anche al graduale consolidarsi di una scuola freniatrica nazionale, aveva portato alla patologizzazione di comportamenti in precedenza piuttosto ben tollerati o comunque non ritenuti di rilevanza medica, rendendoli pertanto passibili di cura e di ricovero. Un processo che le disposizioni legislative del 1904 e del 1909 avrebbero addirittura avallato, indicando quale criterio per la custodia manicomiale coatta un non meglio precisato stato di alienazione mentale, unito, come si è già avuto modo di notare, ad altre due condizioni: la pericolosità sociale del folle o il pubblico scandalo derivante dalla sua condotta.

26Il “grande internamento” di fine Ottocento ripropose nei manicomi di Torino il problema della mancanza di posti letto. Data la situazione di sovraffollamento nella quale versavano, già nei primi anni del 1900, tanto la sede di via Giulio quanto la succursale di Collegno, prese immediatamente corpo l’ipotesi di ampliare l’apparato ospedaliero mediante la costruzione di ulteriori fabbricati. La Provincia, tenuta fin dal 1865 al mantenimento degli alienati poveri e detentrice, a seguito della riforma statutaria del 1909, del diritto a nominare la maggioranza dei consiglieri dell’Opera pia, divenuta a sua volta ente autonomo e svincolato dalla congregazione religiosa, fu la prima a muoversi in tal senso. Tra il 1910 e il 1913 essa progettò e portò a compimento il “Ricovero di Savonera”, una struttura capace di circa seicento posti letto che negli intendimenti degli amministratori provinciali avrebbe dovuto ospitare “maniaci tranquilli” ma che di fatto fu poi trasformata, come del resto anche la sede di via Giulio, in un nosocomio esclusivamente femminile. A Collegno furono invece trasferiti tutti gli uomini.

  • 24 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 60.

27Nonostante «il riordino così attuato permette[sse] un utilizzo più razionale delle strutture contenitive»24 e malgrado la disponibilità del nuovo “Ricovero di Savonera” avesse fatto aumentare sensibilmente la capienza complessiva del comprensorio manicomiale, l’inarrestabile incremento della popolazione ricoverata, salita nel frattempo a circa 3.000 malati, determinò ancora una volta una situazione di crisi dovuta all’eccessivo affollamento dei locali. Il consiglio di amministrazione dell’Opera pia avviò allora una serie di contatti con la deputazione provinciale, allo scopo di sollecitare presso quest’ultima la costruzione di un altro grande manicomio. Tra i due enti si pervenne in breve tempo a un accordo informale, in base al quale la Provincia s’impegnava ad accollarsi tutti gli oneri finanziari del progetto, confermando però all’Opera pia le responsabilità di gestione del futuro ospedale. Acquisiti i terreni, i lavori ebbero inizio abbastanza rapidamente, nell’autunno del 1916, ma sia per il protrarsi del conflitto mondiale sia per le varie vicissitudini che nell’immediato dopoguerra travagliarono il manicomio, essi poterono essere terminati soltanto nel 1931. Il complesso, che sorgeva a Grugliasco, un piccolo centro abitato non lontano da Collegno, venne denominato “Istituto interprovinciale Vittorio Emanuele III per infermi di mente”: era formato da un insieme di edifici destinatiad ospitare le cucine, la Direzione e la camera mortuaria e da quattro grandi padiglioni per le ammalate con oltre 700 posti letto.

  • 25 D. De Caro, G. Gandiglio, E. Pascal, Il reparto aperto Villa Verde degli OO.PP. di Torino dopo tre (...)
  • 26 Dei 789 pazienti ricoverati a Collegno nel 1963, ad esempio, soltanto 400 furono dimessi entro un (...)

28A quel punto l’apparato manicomiale di Torino aveva raggiunto dimensioni ragguardevoli e se si eccettuano l’edificazione, a metà degli anni Trenta, di un reparto per paganti in proprio, le Ville Regina Margherita, e le ristrutturazioni resesi necessarie al termine della Seconda guerra mondiale, non si verificarono altri ampliamenti di rilievo fino al 1961, quando entrò in funzione Villa Verde, un piccolo «reparto aperto» riservato alla cura di disturbi psichiatrici considerati minori. Proprio la particolare natura delle forme cliniche trattate, in prevalenza sindromi alcoliche e psiconevrosi che non richiedevano lunghi periodi di ospedalizzazione, fece sì che in quella struttura, nonostante la disponibilità di soli 88 posti letto, si effettuassero ben 3.809 ammissioni entro i primi sei anni di attività e che la durata delle degenze si mantenesse sempre piuttosto bassa, quasi mai «superiore ai 35-45 giorni»25. Un dato particolarmente interessante, soprattutto tenendo presente che negli altri istituti gestiti dall’Opera pia i ricoveri duravano in media molto più a lungo26. Villa Verde, nella sostanza, pur facendo parte dei manicomi di Torino dal punto di vista amministrativo, funzionava in modo simile a una clinica privata: non solo per la sua propensione a «selezionare i [pazienti] in accettazione», rifiutando i casi di «manifesta pericolosità», di «minorazione e di grave deficienza psichica», ma anche per il fatto di essere convenzionata con quasi tutti i principali enti mutualistici, tra cui la mutua aziendale della FIAT, e con l’Istituto nazionale assistenza infortuni sul lavoro, l’INAIL.

29Nel 1964, per effetto dell’apertura di due nuovi reparti, Villa Certosa, uno psicogerontocomio maschile, e Villa Azzurra, adibito a istituto medico-psico-pedagogico per bambini e bambine e collocato all’interno dello stabilimento ospedaliero di Grugliasco, la capacità ricettiva totale dei manicomi torinesi toccava il suo massimo storico. Pure la popolazione internata, dopo la sensibile flessione verificatasi durante la guerra, aveva ripreso a salire, passando dai 3.700 degenti del 1952 ai 4.200 del 1955, per arrivare al picco del 1966, anno in cui i ricoverati erano ben 4.773. Nel biennio seguente il trend subiva invece un’inversione decisa e destinata a protrarsi, come vedremo, lungo tutti gli anni Settanta (grafici 1 e 2).

Grafico 1: popolazione ricoverata negli OO.PP. torinesi tra il 1874 e il 1968

Grafico 2: popolazione ricoverata negli OO.PP. torinesi tra il 1957 e il 1968

30Il terzo grafico, relativo al movimento delle entrate e delle uscite nei quattro manicomi torinesi a regime chiuso (Savonera, Grugliasco, via Giulio e Collegno) tra il 1957 e il 1968, mette in evidenza un netto calo delle ammissioni fino al 1961, seguito da una breve ripresa conclusasi nel 1963 e poi da una nuova anche se meno marcata diminuzione. Le uscite hanno avuto invece un andamento complessivamente più altalenante, caratterizzato da un continuo e ravvicinato alternarsi di momenti di crescita e di momenti di calo. Più interessante, tuttavia, è il confronto tra le due variabili prese in esame. Come si vede, infatti, a partire dalla fine del 1963 la linea continua delle entrate si situa sempre al di sotto di quella puntinata delle uscite, cosa che segnala una riduzione costante, lungo quel periodo, della popolazione ricoverata nelle quattro strutture considerate: si noti però che a causare una tale diminuzione era stato soprattutto il trasferimento di alcune centinaia di degenti anziani presso Villa Certosa, aperta appunto nel 1964, e in altre istituzioni geriatriche convenzionate con la Provincia e comunque non dipendenti dall’Opera pia. Dei 1.579 ammessi nel 1965 (865 al primo ricovero e 714 recidivi) è anche possibile precisare la professione e il luogo di nascita: si trattava per il 37% di operai, per il 28% di casalinghe e per il 9% di agricoltori. I professionisti erano poco più del 3%. I nati al nord costituivano la netta maggioranza, con oltre il 76%, mentre dal sud e dalle isole proveniva all’incirca il 17% degli entrati. Dei 1.468 dimessi in quello stesso anno si può invece prendere in considerazione la durata del ricovero, che risultava inferiore ai 12 mesi per oltre l’80% dei casi, compresa tra 1 e 3 anni per l’8,9% e superiore ai 36 mesi per il restante 9,8%.

Grafico 3: entrati-dimessi/deceduti nei manicomi a regime chiuso

  • 27 I dati inseriti nella Tabella 1 sono tratti da: Presidenza degli OO.PP. di Torino, Relazione infor (...)

31Ad aumentare in modo incessante era stato, dalla fine degli anni Cinquanta, anche il personale dipendente, che nel 1967, come si evince dalla tabella 1, era composto da 1.456 tra infermieri – circa un migliaio – sanitari, amministrativi e addetti ai servizi generali (uscieri, portinai, cuochi, dispensieri, cantinieri, coloni, operai, lavandai ecc.), con una spesa per l’Opera pia pari a circa il 70% del bilancio totale. Ciononostante permanevano all’interno dei manicomi alcune evidenti situazioni di squilibrio: ad esempio, poiché i medici psichiatri in servizio erano quarantatre, sette dei quali senza reparto (il direttore sanitario e i sei vicedirettori), ognuno di essi era chiamato a provvedere in media a circa 130 malati, ma con punte, a Collegno, superiori addirittura a 360. Considerando poi l’intero organico, il rapporto infermieri-degenti era di circa 1 a 4,7; il rapporto effettivo, tenuto conto sia dei turni sia degli assenti per malattia o per ferie, era però molto più basso, pressappoco di 1 a 9, e comunque inferiore a quello degli ospedali di altre grandi città come Roma, Napoli, Genova o Milano27.

Tabella 1 personale dipendente negli OO.PP. torinesi dal 1957 al 1967

32Attorno al 1968 quella torinese si presentava quindi come una delle più imponenti istituzioni manicomiali d’Italia. In poco più di due secoli si era passati dal piccolo “spedale dei pazzerelli”, con i suoi cento posti letto, a un comprensorio di enormi dimensioni, capace di ospitare quasi cinquemila malati e nel quale lavoravano poco meno di mille e cinquecento persone: un vero e proprio gigante, insomma, o una specie di “Brasilia” psichiatrica, per riprendere uno dei più efficaci appellativi che gli sarebbero stati attribuiti in momenti non lontani a venire, nel bel mezzo della crisi che doveva travolgere i manicomi di Torino a partire dal dicembre del 1968.

Le terapie tra innovazione e tradizione

  • 28 D. Bonino, G. Gamna, Studio comparativo degli effetti della LSD 25 e della psilocibina in un grupp (...)

Ore 9: dopo mezz’ora circa dall’inizio, diventa inquieta, cammina per il camerone ripetendo: “mi sento svenire, perché compatite nulla”. Tocca le altre malate, dice di sentirsi perseguitata indicando due infermiere che le sono accanto; ma non sa spiegare il perché di tale sentimento. Sa di trovarsi in un ospedale […]. Vuole scrivere ma subito cambia proposito; vuole mangiare. Attenzione fugace, incapace di concentrarsi su di un argomento […]. Ore 10: […] suda abbondantemente, rossa in viso. Ricorda d’improvviso la morte del marito […]. Sente piangere il bambino di notte (ricordo delirante). Rammenta tre figli. Improvvisa inquietudine psicomotoria e grida ad alta voce “vitto e tranquillità”. Ore 13: l’ammalata si guarda di continuo allo specchio gli occhi, se li sfrega. Afferma anche di trovarsi patita e diversa. Ha coscienza che qualcosa di anormale va accadendo. Continua a chiedere di essere lasciata tranquilla […]. Ore 16: ha scritto due lettere ai parenti, invocando aiuto. Continua a lamentarsi che la morte è vicina. Accusa stiramenti alle palpebre […]. Ore 19.45: si sente meglio. Critica il suo precedente delirio di fecondità asserendo che novecento nascite sono impossibili per una donna. Suda abbondantemente e le si arrossa il volto. Ore 20.30: racconta dietro invito la storia della sua vita: la morte del marito in un cementificio, la nascita dei figli. La morte del marito la lasciò poverissima e fu così costretta alla prostituzione: due aborti nel 1937 […]. Insiste [nel sostenere] la legalità del suo mestiere di prostituta28.

33All’inizio del 1964, a quattordici donne ricoverate negli ospedali psichiatrici di Torino e «affette da sindromi schizofreniche di vecchia data» furono somministrate, a distanza di una settimana l’una dall’altra e a fini comparativi, due diverse sostanze psicotrope, la LSD-25 e la psilocibina.

34Il brano riportato più sopra rappresenta per l’appunto il resoconto dettagliato degli effetti della LSD-25 su Lucia, una donna che all’epoca aveva 53 anni e che da 16 si trovava rinchiusa in manicomio.

  • 29 In merito si può vedere anche: G. Gamna, U. Fornari, L. Gobbi, F. Vercellino, G. Luciano, A. Fusar (...)
  • 30 D. Healy, The Creation of Psychopharmacology, Harvard University Press, London 2002, p. 182.
  • 31 In quell’anno lo psichiatra tedesco Kurt Beringer aveva associato il comportamento indotto dalla m (...)

35Nel capoluogo piemontese, esperimenti del genere furono piuttosto frequenti lungo tutti gli anni Sessanta29. Si trattava per la verità di una prassi diffusa non solo a Torino. Infatti, poco dopo la scoperta da parte del chimico svizzero Albert Hoffman delle proprietà allucinogene della LSD-25, avvenuta nel 1943, le droghe psichedeliche erano state introdotte anche nella pratica psichiatrica e impiegate sia come possibili terapie per le neurosi, per i disturbi della personalità e per le dipendenze da alcol30 sia come mezzo per creare in soggetti psicologicamente sani sintomatologie di tipo psicotico, nella speranza che tali “psicosi indotte” potessero in qualche modo aiutare a comprendere meglio la natura di quelle spontanee. A risvegliare l’interesse scientifico nei confronti delle psicosi chimiche, conosciute già dal 192731, non aveva però contribuito solo la sintesi della LSD-25. L’evento decisivo in tal senso si era invece verificato alcuni anni dopo la scoperta di Hoffman, verso il 1952, al termine di una ricca stagione di ricerche che aveva portato alla nascita della psicofarmacologia e che ora proveremo a seguire almeno nei suoi sviluppi essenziali. Per farlo, però, dobbiamo tornare alla fine degli anni Quaranta.

36In quel periodo Henri Laborit, un chirurgo militare al servizio della marina francese, stava conducendo una serie di studi nel tentativo di trovare nuovi agenti farmacologici capaci di potenziare l’effetto degli anestetici tradizionali. Dopo aver sperimentato senza successo alcuni antistaminici, nel giugno del 1951 Laborit decise di chiedere alla casa farmaceutica Rhône-Poulenc un campione di un composto, denominato 4560 RP, che il chimico Paul Charpentier aveva da poco sintetizzato proprio a partire da un antistaminico già noto, la promazina, e che si era nel frattempo dimostrato piuttosto efficace come antiemetico, come anticolinergico e come sedativo. Il chirurgo francese impiegò quel composto in qualità di preanestetico, con risultati che gli parvero del tutto soddisfacenti, notando però come esso determinasse nei pazienti una sorta d’indifferenza verso il mondo circostante, una specie di “atarassia”, come si sarebbe cominciato a dire di lì a poco.

37A sviluppare le osservazioni di Laborit sugli effetti calmanti del 4560 RP furono poi due psichiatri del manicomio parigino di Sainte-Anne, Jean Delay e Pierre Deniker, ai quali si devono i primi tentativi di somministrare il nuovo farmaco da solo invece che in “cocktail” con altre sostanze, com’era stato fatto sino ad allora. Gli esperimenti condotti al Sainte-Anne evidenziarono la capacità della clorpromazina, nome che lo stesso Paul Charpentier aveva assegnato alla sua personale “creazione”, di tranquillizzare i pazienti agitati o iperattivi e di agire con efficacia su alcuni sintomi psicotici come il delirio e gli stati confusionali.

38Ulteriori indagini rivelarono ben presto che la clorpromazina era anche in grado di bloccare gli effetti della LSD-25. Fu quello l’evento decisivo cui si accennava prima, l’episodio cioè che diede un impulso determinante al successivo sviluppo delle ricerche sulle psicosi indotte. La possibilità di determinare uno stato psicotico in modo artificiale, attraverso l’uso di sostanze psicotrope, e di risolverlo nell’arco di pochi minuti, grazie a farmaci come la clorpromazina, alimentò infatti la speranza che la follia potesse essere finalmente studiata con maggiore sistematicità e con un approccio più “scientifico” e rigoroso rispetto al passato.

  • 32 Cfr. D. Healy, The Creation of Psychopharmacology cit., p. 193.
  • 33 Ivi, pp. 102-103.

39Ma l’entusiasmo iniziale doveva in realtà durare lo spazio di qualche anno. Poco alla volta crebbe attorno alle psicosi indotte un clima di scetticismo, sostenuto anche dall’emergere di una crescente mole di dati sperimentali che sembravano suggerire l’esistenza di differenze profonde tra le alterazioni provocate attraverso i farmaci e i quadri sintomatologici delle patologie spontanee32. La condanna sociale cui la LSD-25 andò gradualmente incontro nel corso del tempo per i suoi usiextra-clinici e per gli effetti collaterali ad essa connessi33 contribuì poi all’eclissi definitiva di quel filone di ricerca.

40Intanto, però, con la scoperta delle proprietà antipsicotiche della clorpromazina era ufficialmente nata la psicofarmacologia. La sperimentazione psichiatrica della 4560 RP, iniziata a Parigi nel marzo del 1952, proseguì poi a Lione, dove attorno al 1954 venne fondato il Comité Lyonnais de Recherches et Thérapeutiques en Psychiatrie – un gruppo di studio che nel giro di qualche anno fu in grado di fornire i primi dati relativi al problema delle «ricadute» – e successivamente nell’ospedale psichiatrico di Basilea, dove sembra che l’introduzione del nuovo farmaco abbia favorito una rapida trasformazione dell’ambiente interno, concorrendo anche a far dimezzare la durata media delle degenze.

41Nel 1955, con il nome commerciale di Thorazine la clorpromazina venne lanciata anche sul mercato americano, dove essa ottenne un successo di vendite immediato, nonostante lo psichiatra tedesco Heinz Lehmann fosse da poco riuscito a rilevarne i cosiddetti sintomi extrapiramidali, ossia un insieme di effetti collaterali tra i quali era stata evidenziata anche una parziale perdita di controllo sui movimenti del corpo in apparenza analoga a quella indotta dalla sindrome di Parkinson, e malgrado la forte concorrenza di un altro medicinale appena commercializzato e che sembrava essere piuttosto simile, il Miltown.

  • 34 L’imipramina era nota fin dal 1940 ma le sue proprietà nella cura della depressione erano state in (...)
  • 35 Cfr. P. Black (a cura di), Drugs and the Brain, Johns Hopkins Press, Baltimore 1969, p. 174. Per I (...)

42Negli Stati Uniti, la diffusione degli psicofarmaci antipsicotici, cui si aggiunsero in seguito gli antidepressivi triciclici come l’imipramina34 e poi anche gli ansiolitici, coincise con un decremento della popolazione ricoverata negli ospedali psichiatrici pubblici così marcato che ancora oggi, nell’ambito della letteratura specialistica sull’argomento, può capitare d’imbattersi in ragionamenti tesi a stabilire tra quei due fenomeni non solo rapporti di concomitanza temporale ma addirittura relazioni di quasi causalità diretta. Le serie statistiche di cui si dispone al riguardo risultano effettivamente abbastanza sorprendenti. Esse dimostrano infatti che il numero dei ricoverati nei manicomi americani è cominciato a scendere proprio nel 1956, dopo appena un anno dall’introduzione della Thorazine, e che quella tendenza si è poi protratta in modo inarrestabile per oltre tre decenni, portando, nel solo periodo compreso tra il 1955 e il 1970, ad una riduzione della popolazione manicomiale complessiva pari a circa 221 mila unità35.

  • 36 Si vedano in particolare: P. E. Bertoli, L. Cagliero, P. Cacciari, E. Pascal, Influenza della rese (...)

43Diversamente da quelli statunitensi, ma in linea con quanto si stava verificando su scala nazionale, i manicomi torinesi continuarono ad accogliere nuovi pazienti per tutti gli anni Sessanta mentre i mediciche lavoravano al loro interno proseguivano di pari passo nella sperimentazione dei vari medicinali messi via via a disposizione dalle case farmaceutiche. Poco alla volta, oltre alle sostanze psicotrope come la LSD-25 o la psilocibina, di cui si è già detto in precedenza, furono testate sui ricoverati, con scopi e metodologie diverse a seconda dei casi, anche alcune molecole ad azione prevalentemente antipsicotica, come la reserpina, la clorpromazina e il tioxantene, o anti-depressiva, come la RO 4-157536, posta in commercio verso il 1960 con il nome di Laroxyl.

44Non bisogna pensare, però, che tutti gli psichiatri ospedalieri di Torino fossero impegnati sul fronte della ricerca scientifica. A pubblicare con una certa regolarità era forse una decina, su un totale di circa cinquanta, e la sede di tali pubblicazioni era quasi sempre rappresentata, salvo rare eccezioni, dagli Annali di Freniatria e di Scienze Affini, vale a dire dalla rivista ufficiale dei manicomi cittadini.

  • 37 Si tenga presente che negli anni Sessanta la ricerca sulla trasmissione sinaptica tra neuroni del (...)

45Se si sfogliano gli indici di quella rivista relativi agli anni compresi tra il 1961 e il 1969, si noterà come essa abbia sempre dedicato molto spazio a ricerche di carattere psicofarmacologico, ma soprattutto si potrà registrare una mancanza quasi totale di contributi non ispirati ad orientamenti di matrice organicista. Naturalmente, non si trattava più dell’organicismo anatomico e positivista che si era affermato a livello europeo nella seconda metà del diciannovesimo secolo, quanto piuttosto di una sua versione “moderna”, arricchita da metodi e da strumenti d’indagine nuovi, come ad esempio l’elettroencefalografia, e che proprio gli sviluppi della psicofarmacologia e poco più tardi anche delle neuroscienze avevano contribuito a rendere sempre più sensibile agli aspetti biochimici e bioelettrici della fisiologia cerebrale. Ma il cuore pulsante di quell’organicismo rinnovato rimaneva pur sempre l’idea che le patologie psichiatriche andassero considerate come malattie a carico dell’encefalo: con la sola differenza rispetto al passato che adesso l’origine o la causa prima di tali malattie si riteneva dovesse essere ricercata in ipotetiche alterazioni biologiche di cui peraltro si faticava non poco a comprendere l’esatta natura37.

46Il fatto che durante gli anni Sessanta gli psichiatri manicomiali torinesi sembrassero confermare la loro adesione ad un organicismo di stampo biologico non impedì che all’interno dei manicomi seguitassero ad essere praticati tutti i vecchi metodi di cura: non soltanto quelli che almeno in linea di principio si accordavano abbastanza bene con una visione organicista della psichiatria, come l’elettroshock o l’insulinoterapia, ma anche quelli che se ne distanziavano completamente, come la cosiddetta ergoterapia, o terapia del lavoro.

47Nel corso della prima metà del 1800 la terapia occupazionale aveva rappresentato uno dei fondamenti del “trattamento morale” della follia, espressione coniata dallo psichiatra francese Philippe Pinel per designare un complesso di metodi pedagogico-curativi intimamente connessi ad un particolare modo – morale per l’appunto – di concepire la natura dei fenomeni psichici.

  • 38 Robert Castel ha parlato a tale proposito di “prima medicina sociale”: «è falso pretendere che – s (...)
  • 39 Cfr. F. De Peri, Il medico e il folle: istituzione psichiatrica, sapere scientifico e pensiero med (...)

48Occorre sottolineare al riguardo come le dottrine morali implicassero un rapporto strettissimo e consequenziale tra il problema eziologico e quello terapeutico: dato cioè che l’alienazione mentale era supposta consistere in profonde alterazioni della volontà individuale dovute principalmente all’influenza negativa di fattori sociali38 – dissolutezza, miseria, dispiaceri, cattive abitudini, vita familiare disordinata – si pensava che alle cure spettasse innanzitutto il compito di allontanare il malato dal suo ambiente di vita, ritenuto potenzialmente patogeno, obbligandolo nel contempo ad un’esistenza rigidamente regolamentata, organizzata e tranquilla. Di qui la codificazione di una terapeutica incardinata sul principio dell’isolamento manicomiale e concepita come una sorta di processo rieducativo che doveva condurre l’alienato al ravvedimento e quindi al conseguente recupero della sua integrità mentale39.

  • 40 Esquirol, il più celebre tra gli epigoni di Pinel, riteneva addirittura che il manicomio, se posto (...)
  • 41 F. Barale, M. Bertani, V. Gallese, S. Mistura, A. Zamperini (a cura di), Psiche, Dizionario storic (...)

49Nell’ambito delle teorie morali il manicomio era considerato in sé e per sé come strumento di guarigione40, non solo perché giudicato capace di sottrarre i malati di mente ai «pericoli della vita sociale e delle passioni»41 ma anche in quanto luogo privilegiato dell’osservazione clinica dei sintomi da parte del medico e della materializzazione di quei principi di carattere morale che si riteneva dovessero essere inculcati al folle per ricondurlo alla ragione e all’equilibrio interiori.

50Un ruolo curativo di rilievo – come si è detto – spettava poi al lavoro, in specie a quello agricolo, di cui si apprezzava la capacità di avvicinare l’uomo malato ad un mondo agreste spesso idealizzato come fonte di virtù salutari e come mezzo per ristabilire la naturalità delle passioni.

51Teorizzata già da Pinel al principio dell’Ottocento, l’ergoterapia si era ben presto diffusa nella grande maggioranza dei manicomi europei, riuscendo anche a sopravvivere al progressivo declino delle dottrine morali e al parallelo imporsi di approcci di tipo organicista, come quelli del tedesco Wilhelm Griesinger o dei francesi Jean Martin Charcot, celebre per i suoi studi sull’isteria, e Benedict Augustin Morel, padre della teoria ereditaria della “degenerescenza”.

  • 42 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima gue (...)

52Anche a Torino, tra il 1875 e il 1877, con la creazione di una colonia agricola presso la sede ospedaliera di Collegno si era dato corso ad un primo tentativo di organizzazione sistematica del lavoro rurale42. Con il passare del tempo, nella zona immediatamente antistante la casa coloniale erano stati poi creati vari laboratori ergoterapici.

  • 43 Ci si può fare un’idea circa le dimensioni di quel fenomeno se si considera che nell’ambito della (...)

53Alle soglie degli anni Sessanta in quei laboratori lavoravano centinaia di degenti, impiegati in qualità di materassai, tipografi, falegnami, rilegatori, tessitori, fabbri, decoratori e in altre svariate mansioni di carattere artigianale. Quanto alla colonia, essa era notevolmente cresciuta e le sue attività si erano a poco a poco diversificate: oltre alla coltivazione di grano, di segale e di avena43, si praticava in quel periodo l’allevamento di suini e di bovini e tutto ciò che ne risultava, dal latte agli insaccati fino alle carni, era usato nelle cucine del manicomio per soddisfare le esigenze alimentari degli oltre quattromila ricoverati.

  • 44 Colloquio dell’autore con il dottor Annibale Crosignani in data 3 marzo 2007.

54Le donne prendevano parte all’ergoterapia principalmente come lavandaie o facendo piccoli lavoretti di taglio e cucito che servivano alla produzione di coperte, uniformi, grembiuli, camici, tovaglie, fodere e di quant’altro potesse rivelarsi utile in qualche modo al sostentamento dell’istituzione. Pare addirittura che alcune delle merci confezionate dalle malate dell’ospedale di via Giulio venissero poi immesse illegalmente sul mercato e vendute a prezzi ribassati nelle boutique della città44.

  • 45 D. De Caro, L’Ospedale psichiatrico, oggi e domani, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vo (...)
  • 46 OO.PP. di Torino, Direzione sanitaria, Progetto per la ristrutturazione degli Ospedali psichiatric (...)

55Ma l’aspetto che destava le maggiori preoccupazioni era in realtà un altro: ormai era piuttosto evidente anche agli occhi della direzione sanitaria come proprio a causa dell’ergoterapia molti ricoverati potenzialmente dimissibili finissero invece per restare internati oltre il necessario, «adibiti a lavori dai quali [era] sempre più difficile separarli»45. La terapia occupazionale pareva insomma essersi trasformata in un vero e proprio ostacolo alla risocializzazione dei degenti. Il problema rimase insoluto per tutti gli anni Sessanta, tanto che ancora nel dicembre del 1968, in una dettagliata relazione indirizzata al consiglio di amministrazione dell’Opera pia, il direttore sanitario doveva prendere atto di come «l’organizzazione di un’ergoterapia efficiente e centrata su criteri moderni» non avesse incontrato fino a quel punto «una realizzazione decisiva»46.

  • 47 Ciò non significa che i manicomi torinesi costituissero un sistema economico chiuso e autosufficie (...)

56I perché di una simile situazione sono difficili a dirsi. Forse non contava solo la gestione poco oculata dell’ergoterapia ma anche le scarse opportunità d’inserimento lavorativo esterno di cui disponevano allora i ricoverati, sia per la mancanza di specifiche tutele legislative sia per il persistere di un diffuso pregiudizio sociale circa la presunta pericolosità dei folli. Senza dimenticare un secondo fattore e cioè la convenienza economica rappresentata, per gli ospedali, dalla possibilità di “trattenere” i malati per impiegarli nella produzione di beni e di servizi che, se acquisiti a prezzo di mercato, avrebbero fatto lievitare in modo imprevedibile i costi assistenziali, mettendo a rischio, probabilmente, persino la sopravvivenza futura dell’istituzione47.

57Con tutto questo non s’intende affermare che la terapia occupazionale avesse solo effetti negativi. Infatti, anche se a lungo andare poteva rivelarsi un freno al reinserimento in società, a breve termine essa garantiva ai degenti qualche indubbio beneficio: un po’ di denaro e soprattutto, dal momento che diverse attività ergoterapiche si svolgevano al di là delle mura di cinta, maggiori opportunità di muoversi per i reparti e di uscire dall’ospedale, sottraendosi così, almeno per qualche ora, alla monotona routine della vita manicomiale.

Prevenire o escludere?

Le origini del Centro d’igiene mentale di Torino

  • 48 Archivio Generale della Provincia di Torino [d’ora in poi AGP TO], categoria 5, classe 07, fascico (...)

58Nonostante la riforma statutaria del 1909 le avesse attribuito il diritto a nominare la maggioranza del consiglio di amministrazione dell’Opera pia, negli anni successivi la Provincia non riuscì quasi mai ad «interferire in maniera organica e decisiva sulle scelte amministrative e tecniche»48 dell’ente assistenziale e il suo ruolo in campo psichiatrico restò sostanzialmente limitato al pagamento delle rette manicomiali, così com’era stato disposto dalla «legge comunale e provinciale» del marzo 1865. Persino negli edifici di sua proprietà – Savonera e Grugliasco – non le fu mai possibile assumersi alcuna responsabilità gestionale diretta, non solo per la pochissima esperienza maturata in passato nel settore psichiatrico, ma soprattutto per la mancanza delle risorse umane e scientifiche necessarie a tale compito.

  • 49 “Regolamento del Servizio provinciale di assistenza psico-medico-sociale”, art. 1. Deliberazione 2 (...)
  • 50 Cfr. AGP TO, Verbali del Consiglio Provinciale [d’ora in poi VCP], 1957, vol. iii, p. 1 sgg.

59Nel torinese si era così venuta a creare una situazione di monopolio assistenziale che la Provincia fu in grado di modificare soltanto nel 1958, mediante la creazione di una nuova rete di servizi psichiatrici, denominata Centro d’igiene mentale, con funzioni di «diagnosi precoce», di «cura dei fenomeni psicopatici non caratterizzati da pericolosità sociale o comunque non suscettibili di trattamento ospedaliero» e di «assistenza ai dimessi dagli Ospedali psichiatrici»49. Perlomeno dal punto di vista delle finalità, il CIM non si poneva dunque in concorrenza immediata con i manicomi ma mirava piuttosto a integrarne l’attività agendo su un versante rimasto fino ad allora quasi del tutto scoperto: quello della profilassi e della riabilitazione. C’era inoltre la concreta speranza che un’organizzazione di carattere extra-ospedaliero così concepita potesse garantire, in prospettiva, maggiori possibilità di guarigione per i disturbi psichici in fase iniziale e quindi anche una diminuzione dei potenziali “clienti” del manicomio, con un conseguente risparmio per le finanze provinciali50.

  • 51 Costituzione della Lega Italiana di Igiene e Profilassi Mentale. Resoconto ufficiale della seduta (...)

60Strutture simili al CIM torinese esistevano già in gran parte del territorio nazionale. Molte di esse erano state create verso la fine degli anni i Venti su impulso della LIPIM, la Lega italiana d’igiene e di profilassi mentale, associazione costituitasi a Bologna nell’ottobre del 1924 con l’obiettivo appunto di «promuovere […] l’istituzione di dispensari per la diagnosi precoce e cura ambulatoria dei predisposti alle malattie nervose e mentali»51. Il programma espresso dalla LIPIM, nella quale militavano autorevoli esponenti del movimento eugenetico italiano, aveva preso le mosse dalla constatazione del fallimento terapeutico dell’ospedale psichiatrico – considerato incapace di individuare tempestivamente i sintomi della malattia mentale – proponendo in alternativa un modello d’intervento nel quale all’assistenza di tipo manicomiale si affiancassero iniziative ispirate al concetto di prevenzione, le sole ritenute in grado di contrastare, nel lungo periodo, la progressiva “degenerazione della razza”.

61A distanza di trent’anni da quelle prime esperienze, il CIM di Torino – come si è visto – traeva ancora dalla profilassi la sua principale ragion d’essere. Dal punto di vista amministrativo, esso era posto alle dirette dipendenze della Provincia, che ne aveva fortemente voluto la costituzione sia per le ragioni economiche cui si è accennato sia per il sincero convincimento che le cure, per risultare efficaci, dovessero essere «praticate in fase precoce», quando il malato era ancora «apparentemente sano». Un convincimento dietro il quale non si celava più, naturalmente, alcun progetto politico-sanitario di matrice eugenetica.

Uno sviluppo impetuoso: il CIM negli anni Sessanta

62Il Centro d’igiene mentale fu reso operativo a partire dal maggio del 1958. All’inizio, il personale in organico era composto soltanto da due medici, da uno psicologo, da otto fra assistenti sociali e “assistenti sanitarie visitatrici” e da un direttore sanitario, carica per la quale era stato designato il dott. Angelo Lusso, neuropsichiatra infantile e libero docente in clinica delle malattie nervose e mentali. A dispetto della relativa scarsità di risorse, il CIM dimostrò da subito una marcata tendenza espansiva quanto al numero delle prestazioni erogate. Come si evince dalla tabella sottostante, infatti, esse erano salite dalle 3.783 del primo anno alle 21.510 del 1960, per assestarsi grosso modo su quell’ordine di grandezza fino al 1963 e poi aumentare ancora fino alle quasi 50.000 del 1965.

  • 52 Fonte: Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera, 1966. Si veda anche AGP TO (...)

Tabella 2: prestazioni erogate dal CIM tra il 1958 e il 196552

  • 53 Cfr. A. Lusso, Sintesi di 3 anni di funzionamento del Servizio di Assistenza, in “Minerva Medicops (...)

63Sotto la voce “prestazioni” cadeva in realtà un insieme piuttosto eterogeneo di servizi, tra cui visite domiciliari, esami psicologici, elettroencefalografici ed elettrocardiografici, iniezioni, sessioni di psicoterapia individuale e di gruppo, lezioni di psicomotricità e addirittura trattamenti oculistici. Il tutto rivolto a una massa crescente d’individui. Nel 1965 – si veda per questo ancora la Tabella 2 – i soggetti assistiti dal CIM furono più di 5.500, dei quali solo una minima parte era stata ricoverata in precedenza negli Ospedali psichiatrici. Per il resto si trattava di persone prive di trascorsi manicomiali, affidate al Centro da enti d’assistenza vari, dalle mutue, dal Tribunale minorile o dalle forze di pubblica sicurezza53.

  • 54 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 1.
  • 55 A. Lusso, A. Cera Morbilli, Esperienze di lavoro nei Centri di lavoro protetto, in “Minerva Medico (...)
  • 56 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 18.
  • 57 Ibidem.
  • 58 Ibidem.

64Per far fronte ad una tale incessante crescita delle richieste d’intervento, il CIM dovette presto dotarsi di una rete capillare di ambulatori entro cui poter espletare in modo adeguato le proprie funzioni di prevenzione a vasto raggio. Oltre alla sede centrale di via Giovanni da Verrazzano a Torino, furono così aperti altri sei dispensari periferici, situati in luoghi considerati «topograficamente adatti per la convergenza di mezzidi comunicazione»54, come Chieri, Pinerolo, Ivrea, Susa, Torre Pellice e Pont Canavese. C’erano poi due Centri di lavoro protetto, nei quali persone con un’età compresa tra i 16 e i 65 anni – ex-degenti dei manicomi, insufficienti mentali lievi o anche solo soggetti “difficili” segnalati dalle famiglie di appartenenza – venivano avviate con scopi riabilitativi e risocializzanti ad attività di lavoro di «tipo prevalentemente artigianale»55. La sede maschile era collocata «in un ampio appezzamento di terreno soleggiato, in pianura, ai margini della città» e comprendeva «un edificio con mensa e soggiorno, una serra […], coltivazioni varie, laboratori di falegnameria, tipografia, legatoria, […] uffici e ambulatori»56; quella femminile si trovava invece in un grande fabbricato e vi si svolgevano «lavori di cucito, tessitura, lavatura con macchina, stiratura, ricamo, magazzinaggio e maglieria»57. Sebbene in quei Centri si praticasse, stando almeno alle dichiarazioni dei responsabili, una forma di «lavoro per il paziente quale ergoterapia e non a scopo di produzione»58, molti dei beni che vi venivano realizzati trovavano in seguito un impiego concreto in diverse attività gestite dalla Provincia: la cartellonistica segnaletica, tanto per fare un esempio, era usata nella manutenzione delle strade mentre i capi da “corredo”, lenzuola, divise, asciugamani, federe e così via, servivano a rifornire istituti di ricovero, ospedali ed enti di assistenza. Per i pazienti era anche previsto un salario di modesta entità, che poteva variare dalle 700 alle 1.000 lire al giorno, integrato dai pasti e dalle assicurazioni INPS e INAIL, entrambe a carico dell’amministrazione provinciale. Tra il 1958 e il 1965 si avvicendarono al lavoro protetto poco meno di 390 persone, 124 delle quali poterono essere avviate ad occupazioni esterne; le restanti, ad eccezione di quelle ancora in forza nel 1965, furono riaccolte in famiglia o dovettero rientrare in manicomio per l’aggravarsi delle loro condizioni psicofisiche o perché incorse in episodi recidivanti.

  • 59 Cfr. AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-445, «relazione sulla comunità alloggio di via S (...)

65Al Centro d’igiene mentale facevano inoltre capo un istituto di addestramento professionale femminile, un servizio specializzato per la prevenzione dei suicidi, un «centro etilisti», in realtà poco più di una mensa, peraltro funzionante a «regime ridotto», i tre reparti neuropsichiatrici presenti negli ospedali civili di Ivrea, Pinerolo e Chieri nonché, infine, alcune comunità alloggio per ragazzi con disturbi psichici, insufficienza mentale o problemi caratteriali59.

Il circuito dell’emarginazione: CIM e medicina scolastica

  • 60 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 5.

66Si è accennato più volte alle finalità preventive con cui era nato il CIM. Fu proprio per tale sua vocazione alla profilassi che il Centro venne presto chiamato ad occuparsi dei servizi di medicina scolastica. Già nel 1958, infatti, la Provincia gli affidò il compito di effettuare una serie di indagini nelle scuole elementari, allo scopo di individuare gli alunni con «scolarità insufficiente» o con anomalie psico-intelletive e di favorirne il recupero attraverso l’adozione di «provvedimenti assistenziali vagliati per ogni singolo caso»60.

  • 61 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-445, «commissione igiene e sanità per lo studio dell’ (...)
  • 62 Cfr. A. Lusso, Indagini annuali sistematiche eseguite sulle scolaresche delle prime classi element (...)

67Le indagini si articolavano di norma in più fasi nettamente distinte: in primo luogo, alle varie Direzioni didattiche provinciali venivano inviati appositi moduli ideati dal dott. Lusso, per mezzo dei quali i maestri dovevano comunicare al Centro le «note salienti della personalità degli allievi con riscontrato insuccesso scolare»61. Successivamente, uno psicologo somministrava a tutti i bambini segnalati un «test mentale di livello» mentre gli assistenti sociali procedevano, mediante un colloquio con i familiari, alla raccolta dei dati «anamnestici, ambientali e personali». Le informazioni così ottenute venivano poi valutate e usate come base per una relazione finale, cui seguivano, se ritenuti necessari, ulteriori accertamenti di carattere diagnostico. Il laborioso procedimento terminava con un “consiglio” agli insegnanti circa l’indirizzo scolastico da dare agli allievi: a seconda dei deficit intellettivi riscontrati poteva essere suggerito l’affidamento a classi differenziali, a classi speciali o a istituti ortofrenici62.

  • 63 Archivio Storico del Comune di Torino [di seguito ASC TO], Fondo Ente Comunale di Assistenza, Cart (...)

68Verso la fine del 1966 il CIM aveva potuto esaminare circa 9.100 minori. In più del 10% dei casi era stata diagnosticata un’insufficienza mentale «di vario grado» ed era stato proposto l’inserimento in istituzioni medico-educative specializzate. Per la precisione, 366 bambini erano stati assegnati alle classi speciali a orientamento montessoriano sorte a partire dal 1958 e presenti in quel periodo in 11 comuni della provincia63, come dimostra la tabella 3, mentre un numero ancora superiore era stato affidato ad istituti a convitto permanente o a seminternato, nei quali risultavano ricoverati, nel dicembre del 1966, 1.156 ragazzi. Qui non è però possibile stabilire con certezza quanti di quei 1.156 ricoveri fossero stati consigliati direttamente dal CIM. Dalla tabella 4 si nota tuttavia un rilevante incremento delle presenze negli anni successivi all’entrata in funzione del Centro (maggio 1958).

  • 64 Archivio privato del dottor Annibale Crosignani (di seguito APC) «commissione provinciale per l’as (...)

69Nel 1968 le classi speciali istituite dalla Provincia erano addirittura aumentate, passando dalle 39 del 1966 a più di 50. Così si esprimeva al riguardo la Commissione provinciale per l’assistenza psichiatrica: «un intero complesso di strutture e di servizi del Centro psico-medico-sociale (il CIM) è dedicato al settore, sempre più vasto e socialmente importante, della neuropsichiatria infantile […]. Nell’anno 1967 la Provincia di Torino è giunta a disporre provvidenze per ben 1.825 minori insufficienti mentali o subnormali […]. Si è così giunti ad affidare un sempre maggior numero di [bambini] ad istituti medico-pedagogici convenzionati […] e quindi controllati e guidati nell’impostazione dal Servizio psico-medico-sociale. E si è pure giunti ad avviare un numero di minori sempre crescente alle classi speciali diurne, promosse e sorrette in ogni possibile modo dalla Provincia, che formano ormai una rete molto estesa»64.

  • 65 Circolare del Provveditorato agli Studi di Torino n. 489 prot. n. 11042 del 22 novembre 1969, cita (...)

70Se oltre alle classi speciali si prendono in considerazione anche quelle differenziali, allora la tendenza ad un incremento numerico costante appare ancora più evidente. In base ai dati del Provveditorato agli Studi, infatti, le classi differenziali e speciali della provincia di Torino erano salite da 64 a 490 in appena cinque anni – dal dicembre 1964 all’anno scolastico 1969/70 – con un aumento superiore al 760%65. Esse accoglievano complessivamente il 3,5% di tutti gli alunni delle scuole elementari, con picchi che in alcune zone periferiche del capoluogo sfioravano il 20%. C’erano però anche nove Direzioni didattiche nelle quali tutti gli iscritti risultavano frequentare classi ordinarie: ben sei avevano sede in centri agricoli di piccole dimensioni, come Azeglio e Settimo Vittone, mentre soltanto tre si trovavano a Torino (tra cui il liceo classico Alfieri, uno dei più prestigiosi della città).

  • 66 S. Musso, Il lungo miracolo economico. Industria economia e società (1950-70), in Storia di Torino (...)
  • 67 D.P.R. 22 dicembre 1967 n. 1518, “Regolamento per l’applicazione del titolo III del D.P.R. 11 febb (...)
  • 68 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 43.

71Il disadattamento scolastico, in definitiva, pareva essersi concentrato da un lato nelle aree suburbane torinesi, dov’era molto forte la presenza di popolazione immigrata, e dall’altro lato in alcuni comuni della cintura, specialmente in quelli interessati, nel corso degli anni Sessanta, da un intenso sviluppo demografico e nel cui territorio «erano situati importanti impianti industriali»66 (a Settimo gli alunni inseriti in classispeciali e differenziali erano quasi il 5%, a Venaria il 9,5%). Un disadattamento che non era però legato soltanto alla minorazione psichica. Infatti, se le classi speciali dovevano essere riservate, secondo quanto disposto dalla legge, ai soggetti con «anormalità somatopsichiche», la frequenza di quelle differenziali era aperta anche ai bambini «ipodotati intellettuali non gravi o con anomalie del comportamento»67. È quasi superfluo sottolineare come criteri del genere potessero comprendere in pratica qualsiasi tipo di patologia organica e le più diverse forme di riottosità e di ribellismo giovanili; d’altro canto neppure l’amministrazione provinciale aveva mai fatto mistero di come la maggior parte dei minori ospitati in istituto vi si trovasse non tanto per via di specifici disturbi intellettivi o psicologici quanto per il fatto di appartenere a nuclei familiari composti da immigrati e considerati, forse proprio per questo, di «carente estrazione socio-ambientale»68 o incapaci di fornire «sufficienti garanzie» sul piano educativo.

  • 69 Commissione igiene e sanità per lo studio dell’assistenza psichiatrica in provincia di Torino, Rel (...)

72Così non è forse un caso se nella provincia di Torino l’eccessiva presenza di bambini figli d’immigrati, in particolare meridionali, all’interno delle classi speciali e differenziali finì col diventare, alle soglie degli anni Settanta, uno degli argomenti chiave contro quel modello d’istruzione. Per il momento, tuttavia, niente di tutto ciò era ancora nell’aria; anzi, nel maggio del 1968 il CIM era giunto addirittura a manifestare l’esigenza di potenziare i propri dépistages attraverso l’adozione di strumenti d’indagine che consentissero di monitorare non solo i bambini ma persino le madri e fin dalla gravidanza, in modo tale da poter individuare i futuri disturbati psichici ben prima che l’obbligo scolastico li rendesse disponibili per accertamenti sistematici69. Un progetto ambizioso ma destinato, come vedremo, a rimanere incompiuto.

Tabella 3: alunni frequentanti le classi speciali montessoriane della provincia di Torino alla fine del 1966

Tabella 4: minori ricoverati in istituti a spese della Provincia di Torino dal 1952 al 1966

Scandali e progetti di riforma

I manicomi italiani? «Bolge dantesche»

  • 70 I dati si trovano in G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera, (...)

73Terminata la Seconda guerra mondiale, all’interno degli ospedali psichiatrici italiani si ripropose in termini ancor più marcati che in passato la tendenza a un incremento costante della popolazione ricoverata. Le degenze annuali – date dalla somma dei presenti al primo gennaio e dagli entrati nel corso dell’anno – passarono dalle 122.660 del 1955 alle 170 mila circa del 1965, senza che nello stesso arco di tempo la rete ospedaliera nazionale subisse alcun adeguamento strutturale di rilievo. A metà degli anni Sessanta la disponibilità di posti letto risultava ancora di gran lunga inferiore a quella di quasi tutti i paesi dell’Europa occidentale: essa, infatti, era pari a 1,78 posti ogni 1.000 abitanti, a fronte dei 3,45 dell’Inghilterra, dei 3,34 della Svizzera e dei 4,35 della Svezia. In Italia persistevano inoltre evidenti squilibri di carattere geografico. Nelle regioni del Sud il quoziente dei posti letto per mille abitanti raramente superava la cifra di 1,5 mentre al Centro e al Nord esso era quasi sempre superiore a 2, con picchi di 2,87 in Toscana e di 3,28 in Friuli Venezia Giulia. C’erano poi ben 29 province e due regioni – Basilicata e Valle d’Aosta – del tutto sprovviste di ospedali psichiatrici70.

  • 71 Modifiche alla legislazione psichiatrica erano state apportate in Australia, Canada, Egitto, Inghi (...)

74Una situazione che appare ancor più deficitaria se si considera come fosse proprio il manicomio a rappresentare il centro dell’assistenza psichiatrica italiana del periodo. Se all’estero – in Francia con il settore, in Inghilterra con il movimento delle comunità terapeutiche di Maxwell Jones, negli Stati Uniti con i Community Mental Health Centers – si era tentato, a partire dal secondo dopoguerra, di proporre modelli assistenziali più “aperti” o addirittura di tipo territoriale, cioè fondati anche su servizi e strutture extraospedaliere, in Italia le poche esperienze del genere erano sorte in ritardo e soprattutto per effetto di iniziative isolate, sviluppatesi nella più totale assenza di una programmazione politico-sanitaria globale. Persino la presenza dei Centri d’igiene mentale, di cui alcune province si erano dotate nel corso del tempo, non era espressamente prevista dalle norme di legge allora vigenti. Infatti, a differenza di quanto si era verificato altrove71 negli anni successivi alla fine della guerra, in Italia non era stato possibile, nonostante le proposte concrete in tal senso non mancassero, pervenire a una sia pur parziale revisione del quadro legislativo di riferimento in materia di assistenza psichiatrica, che rimaneva pertanto quello approvato al principio del secolo e completamente centrato sullo strumento del ricovero manicomiale coatto.

  • 72 Sulla ricezione della psicologia e della psicanalisi nella cultura italiana si può vedere il volum (...)
  • 73 G. Jervis, Introduzione a: A. B. Hollingshead, F. C. Redlich, Classi sociali e malattie mentali, E (...)

75Anche sul piano culturale, va rilevato come per tutti gli anni Sessanta l’orientamento dominante all’interno della psichiatria italiana fosse rimasto grosso modo quello di derivazione organicista. La diffusione delle dottrine freudiane – che peraltro, almeno nella loro versione ortodossa, sottendevano una visione della malattia mentale non troppo diversa da quella insita negli approcci biologici e organicisti, vale a dire sostanzialmente astorica, individuale e naturalistica – era stata a lungo frenata dall’opposizione delle gerarchie ecclesiastiche e del regime fascista; un’opposizione culminata, nel 1934, con la soppressione della Rivista Italiana di Psicoanalisi, fondata due anni prima dall’ebreo triestino Edoardo Weiss, costretto a sua volta ad emigrare negli Stati Uniti nel 1939, dopo l’emanazione delle leggi razziali72. La Psicopatologia Generale di Karl Jaspers, testo cardine della psichiatria fenomenologica e antipositivista, era stato tradotto in italiano soltanto nel 1964, ad oltre mezzo secolo dall’uscita dell’originale (1913). Prima della pubblicazione da parte di Einaudi del volume di Hollingshead e Redlich, Classi Sociali e Malattie Mentali, anche la psichiatria sociale era, per usare le parole di Giovanni Jervis, che di quel libro aveva curato la prefazione, «poco praticata e poco nota»73. Eppure si trattava di un indirizzo di ricerca assai fecondo, che aveva prodotto, a partire dalle inchieste epidemiologiche di Faris e Dunham sulla distribuzione della schizofrenia a Chicago verso la fine degli anni Trenta, una mole non trascurabile di contributi, concorrendo a far maturare un’attenzione via via più forte nei confronti dei rapporti tra disturbi psichiatrici e fattori ambientali.

  • 74 Così, ad esempio, si erano espressi al riguardo Tanzi e Lugaro: «la legge del 1904, elaborata da G (...)

76In quel periodo, tuttavia, l’interesse degli psichiatri ospedalieri italiani sembrava essersi orientato con decisione, piuttosto che su questioni dottrinali e teoriche, verso la rivendicazione di una riforma del settore manicomiale, come se il tanto auspicato rinnovamento del costume psichiatrico nazionale dovesse per forza di cose comportare, prima ancora che un processo di riqualificazione tecnica e di aggiornamento culturale degli addetti ai lavori, una preliminare modificazione degli assetti istituzionali consolidati. Quasi non si contano le tavole rotonde, i convegni, i dibattiti organizzati su quel tema a cavallo tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio del decennio seguente, spesso proprio su impulso degli psichiatri ospedalieri, che dal 1959 si erano riuniti nell’AMOPI, l’Associazione medici delle organizzazioni psichiatriche italiane. Ma se l’inadeguatezza della legislazione giolittiana era già stata sottolineata a più riprese da molti autorevoli alienisti degli anni Dieci e Venti74, a quel punto ad alimentare il malumore dei medici si andavano aggiungendo anche i sempre più frequenti episodi di cronaca che si verificavano all’interno dei manicomi italiani e che immancabilmente finivano per esporre tutto il sistema assistenziale alle critiche aspre e sovente generalizzate della stampa e del mondo politico. Tra l’estate e l’autunno del 1965 il ravvicinato susseguirsi di avvenimenti drammatici con degenti psichiatrici come protagonisti assunse addirittura la forma di una vera e propria escalation. Il 27 luglio venivano arrestati due medici e un infermiere del manicomio di Perugia con l’accusa di omicidio colposo nei confronti di un paziente epilettico deceduto dopo essere rimasto per oltre trenta ore legato al letto di contenzione. Il 7 ottobre la “Gazzetta del Popolo” denunciava «ammanchi per milioni» nel magazzino farmaceutico e nelle dispense dell’ospedale di Voghera. Due giorni dopo, per effetto di iniezioni cardiotoniche praticate con medicinali poi risultati scaduti, morivano nel manicomio di Bergamo otto anziane ammalate. C’erano poi anche fatti al limite del grottesco, trame quasi da commedia verrebbe da dire, se non fosse che gli interpreti del caso erano persone in carne ed ossa, vittime reali di “cospirazioni domestiche”, dell’invidia di amici, di semplici conoscenti o di colleghi di lavoro; ma, soprattutto, dell’eccessiva leggerezza che le autorità competenti dimostravano, in varie circostanze, nel disporre l’internamento manicomiale, complice anche una legislazione in materia assai più votata alla protezione della società dai presunti pericoli della follia che non alla tutela delle esigenze sanitarie dei malati. Al riguardo il settimanale «L’Espresso» usciva il 5 dicembre 1965 con un articolo ad effetto: «a Napoli – recitava il titolo – la magistratura ha accertato che è molto facile far rinchiudere i sani di mente in manicomio». Il testo, poi, presentava tutto un campionario d’individui che, malgrado la loro integrità psichica, erano stati internati per le più strampalate motivazioni: c’era l’anziana signora dai modiun po’austeri incapace di accettare la relazione della figlia con un uomo sposato e di vent’anni più grande; c’era il commerciante accusato dai concorrenti del negozio di fronte di soffrire di manie persecutorie e di «dare in escandescenze»; c’era la madre «petulante» invisa alla prole per questioni di eredità; c’era il mercante di stoffe sospettato dai vicini di casa d’intenzioni omicide nei confronti della moglie. Tutte vicende, insomma, con al centro persone comuni, e che proprio per questo dovevano servire a dimostrare, nelle intenzioni del giornale, quanto le inefficienze del sistema psichiatrico italiano, in mancanza di una riforma immediata dell’intero settore, avrebbero potuto ripercuotersi negativamente sulla vita di ogni singolo cittadino, compresi coloro che, come i personaggi dell’articolo, erano o si reputavano «sani di mente».

  • 75 Cfr. G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera cit., pp. 19-105.

77A dire il vero un progetto concreto di riforma esisteva già. Era stato presentato il 23 luglio del 1965 al Presidente del Consiglio Aldo Moro dal ministro della sanità, il socialista Luigi Mariotti, autore anche di uno schema di disegno di legge per la riorganizzazione degli ospedali generali, la cui oggettiva situazione di crisi, segnalata dagli organi d’informazione con frequenza e intensità crescenti fin dalla fine della Seconda guerra mondiale75, appariva ora ancor più evidente soprattutto alla luce del processo di modernizzazione economica vissuto dal paese negli anni non lontani del boom. Cardine della riforma era il trasferimento degli ospedali e degli ambulatori dalle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza agli Enti ospedalieri, soggetti di diritto pubblico prima inesistenti e che si era stabilito dovessero essere dotati di consigli di amministrazione nominati dalle Regioni, dalle Province e dai Comuni. Lo schema di legge sugli ospedali psichiatrici non prevedeva invece la creazione di alcun nuovo ente, trovandosi la maggior parte dei manicomi italiani già sotto il controllo diretto delle amministrazioni provinciali. Non mancavano tuttavia elementi di grande novità, tra cui l’obbligo per le Province di «istituire e mantenere appositi servizi di igiene e profilassi mentale», l’introduzione del ricovero volontario, la sostituzione del casellario giudiziario con l’anagrafe psichiatrica, il ridimensionamento dei manicomi ad un massimo di 500 posti letto e, infine, l’abrogazione della vecchia normativa del 1904.

  • 76 G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera cit., p. 178.

78Il 20 settembre del 1965, intervenendo ad un convegno milanese dell’Associazione italiana volontari del sangue, il Ministro Mariotti così spiegava le ragioni della riforma: «esistono ospedali psichiatrici dove il medico la mattina va a sentire dalla suora se c’è qualcosa di nuovo e poi sparisce. Abbiamo oggi degli ospedali psichiatrici che somigliano a veri e propri lager germanici, a […] delle bolge dantesche. I malati di mente […] sono considerati uomini irrecuperabili e sono anche schedati […] nel casellario giudiziario presso il Tribunale, come se fossero rei comuni. Bisogna introdurre in questo mondo degli elementi che stabiliscano un rapporto nuovo tra malato e medico […] . Per questo abbiamo presentato una legge sulla riforma degli ospedali psichiatrici, la cui regolamentazione risale [ad una normativa] del 1904, […] in base alla quale si considera il malato di mente come […] una minaccia per la società»76.

79La risposta dell’AMOPI a quelle dichiarazioni non si fece attendere troppo a lungo. Nel marzo del 1966, attraverso un supplemento alla rivista ufficiale dell’associazione, il «Bollettino», veniva proposta una serie di modifiche e di emendamenti alla legge e si precisava la posizione degli iscritti di fronte alla questione della riforma. Alla soddisfazione per lo spirito d’iniziativa dimostrato dal senatore Mariotti si mescolava però un certo risentimento per le polemiche seguite al convegno dell’AVIS:

  • 77 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, (...)

I medici degli ospedali psichiatrici italiani – si legge nell’editoriale di apertura – che per due generazioni hanno chiesto invano [una nuova] legislazione psichiatrica, hanno trovato finalmente un Ministro che si è reso conto di questa urgenza e che è riuscito a suscitare l’attenzione dell’opinione pubblica. Ma noi medici non siamo d’accordo sui metodi che sono stati usati per ottenere questa attenzione e riteniamo che tra le motivazioni addotte per segnalare la necessità di una nuova legge, alcune siano non pertinenti, altre presentate con tendenziosità: la denuncia di deficienze che dipendono da reati di singoli o da inosservanza delle leggi comuni, la generalizzazione di sporadici episodi o di situazioni locali, le critiche espresse con coloriture terrificanti e spinte sul filo della diffamazione. Se il Ministro ha ritenuto che solo con questo stile fosse possibile smuovere le acque stagnanti dell’opinione pubblica e stimolare la pigrizia dei legislatori, certamente avrà avuto le sue ragioni. Noi non siamo politici e non siamo in grado di capire tutte le ragioni dei Ministri: non possiamo quindi esimerci dal manifestare la nostra meraviglia ed il nostro dissenso per questo costume […]. E non accettiamo […] che qualcuno fraintenda o finga di fraintendere il nostro atteggiamento critico, suggerendo nei nostri confronti il sospetto – come troppo spesso si usa in Italia verso gli oppositori – di essere reazionari, conservatori di privilegi, arroccati in una corporativistica difesa di prestigi e tradizioni. E con ancor maggiore decisione ci ribelleremmo a chi tentasse in qualche modo di strumentalizzare, per più o meno scoperti fini di immobilismo o di freno, questa nostra posizione di responsabile e meditata critica77.

80Nonostante le polemiche, un dialogo tra politici e tecnici sulla trasformazione dell’assistenza psichiatrica era stato finalmente aperto e con il passare del tempo le diffidenze reciproche dovevano lasciar spazio a una sempre maggiore cooperazione. Anche se a quel punto la strada verso l’approvazione definitiva della legge era ancora lunga, nell’immediato la prospettiva di un qualche mutamento a livello legislativo, unita alla maggiore attenzione dei media sull’argomento, fece da pungolo per l’intero sistema, portando alcune amministrazioni provinciali a rinnovare, spesso solo superficialmente, le strutture di ricovero esistenti o, come nel caso di Torino, a riconsiderare frettolosamente vecchi progetti di edificazione manicomiale.

Un compromesso politico

  • 78 Informazioni più dettagliate sulla sede di Grugliasco nel periodo della guerra e negli anni della (...)

81La guerra aveva lasciato segni profondissimi anche sugli ospedali psichiatrici torinesi. L’improvviso peggioramento delle condizioni igieniche e alimentari aveva causato un marcato incremento della mortalità media annua tra i ricoverati, molti dei quali, per giunta, erano stati trasferiti a scopo precauzionale presso altri istituti del centro e del nord Italia, con la conseguenza che la popolazione manicomiale complessiva aveva fatto registrare una brusca diminuzione, stimabile all’incirca in 1.000-1.100 individui tra il 1939 a la fine degli anni Quaranta. Alcune strutture, poi, erano state danneggiate dai bombardamenti anglo-americani abbattutisi sul capoluogo piemontese a partire dall’autunno del 1942 mentre altre, in particolare i padiglioni A e D della sede femminile di Grugliasco, erano state requisite prima dalla prefettura torinese e in un secondo momento dal Comando militare tedesco, che le aveva usate per ospitarvi la Croce Rossa. L’occupazione di quei locali era continuata ben oltre la fine del conflitto, da parte della Croce Rossa britannica fino al luglio del 1945 e successivamente da parte dell’UNRRA, lo United Nation Relief Rehabilitation Administration, che vi aveva stabilito un campo di smistamento per profughi ebrei provenienti dall’Europa dell’est. Tra il 1951 e il 1952, infine, anche il padiglione C era stato requisito e riservato ad accogliere un gruppo di alluvionati del Polesine78.

82Il lavori di ripristino del complesso grugliaschese, il più colpito dagli attacchi aerei, poterono così prendere il via soltanto molto tempo dopo la conclusione delle ostilità, nel 1953, per terminare nel novembre dell’anno seguente, quando ebbe luogo una modesta cerimonia di inaugurazione alla presenza del presidente della Provincia, Giuseppe Grosso. Intanto, grazie anche al rientro degli ammalati precedentemente trasferiti, il numero dei ricoverati aveva ripreso a salire, giungendo a sfiorare, nel 1955, i livelli dell’anteguerra. La forte ripresa degli internamenti ripropose con urgenza il problema dell’ampliamento della capacità ricettiva dei manicomi: al riguardo la strategia della Provincia prevedeva la costruzione di nuove strutture a Grugliasco, per un totale di 1.200 posti letto, e il parallelo sgombero della sede cittadina di via Giulio, con “retrocessione” dell’area al Comune, previo pagamento da parte di quest’ultimo all’Opera pia, che ne era proprietaria, di una somma pari a circa un miliardo di lire. Nonostante si fondasse su un accordo triangolare definito nelle sue linee generali già nell’estate del 1956, il programma si trascinò per alcuni anni senza poter mai essere messo in pratica, anche perché nel gennaio del 1961 la Sovrintendenza ai monumenti aveva posto sugli edifici di via Giulio un vincolo storico-artistico che non solo ne avrebbe impedito la demolizione ma che soprattutto avrebbe reso impossibile la connessa rivendita dell’area ai privati. Sfumata l’ipotesi di uno sfollamento a breve termine del manicomio cittadino, la Provincia diede comunque corso ai vecchi propositi di ingrandire l’ospedale di Grugliasco, affidando, nel settembre del 1963, all’ing. Augusto Cavallari Murat e agli architetti Sergio Nicola e Augusto Romano il compito di predisporre un progetto di massima per l’ampliamento.

  • 79 “La Stampa”, Un dramma nella crisi degli ospedali: il manicomio femminile di via Giulio, 9 aprile (...)

83Due anni dopo, quel progetto non era ancora passato alla sua fase esecutiva. Fu allora “La Stampa” a cercare di smuovere le acque attraverso una campagna scandalistica sulle condizioni del manicomio di via Giulio; in due differenti articoli79 pubblicati nell’aprile del 1965 il quotidiano della FIAT riportava alcune brevi interviste nelle quali assessori comunali e provinciali e amministratori dell’Opera pia manifestavano tutto il loro sdegno e la loro preoccupazione per quella che ormai pareva essere diventata a tutti gli effetti «una vergogna per la città». Se per il prof. Dellepiane, assessore all’igiene della Provincia, la sede di via Giulio era un «obbrobrio indegno degli uomini e della civiltà», per il suo omologo del Comune, prof. Franchi, essa si era addirittura trasformata in un «incubo»; secondo il direttore degli ospedali psichiatrici De Caro si trattava invece del problema principale «nel quadro delle esigenze ospedaliere della città» mentre per l’ing. Actis Perinetti, titolare dell’assessorato provinciale al patrimonio, era giunto il momento di agire, perché in quel manicomio le ammalate «stavano peggio che in un carcere».

  • 80 Cfr. A. Castagnoli, Le istituzioni locali e le classi dirigenti dal dopoguerra alla metà degli ann (...)

84In uno dei due articoli in questione l’autore abbozzava anche una rapida analisi dei ritardi e delle inefficienze del sistema ospedaliero torinese, facendone risalire le origini all’improvviso e disordinato sviluppo della città negli anni del dopoguerra, alla grande «espansione industriale» e al connesso aumento della popolazione residente, alla mancata creazione dei «servizi essenziali per ospitare la massa dei nuovi cittadini»; senza accennare, però, al fatto che le tre Giunte centriste succedutesi al governo della Provincia dal 1951 e guidate dal democristiano e accademico Giuseppe Grosso avevano deliberatamente incanalato la maggior parte delle risorse finanziarie disponibili nella politica delle grandi vie di comunicazione80; una politica coincisa con la strategia della motorizzazione di massa perseguita da Vittorio Valletta e che, sebbene fosse stata dettata dalla necessità di spezzare l’isolamento geografico in cui si trovava allora Torino, a lungo andare aveva forse finito per sottrarre energie programmatiche e risorse materiali proprio agli ospedali psichiatrici.

85“La Stampa”, ad ogni modo, sembrava non avere troppi dubbi neppure sulla soluzione da dare al problema: occorreva – come “suggerito” perentoriamente da un articolo del 6 maggio 1965 – «costruire un nuovo ospedale psichiatrico per chiudere il vecchio manicomio». Si trattava, né più né meno, del programma delineato dalla Giunta nel 1963 e sul quale la commissione tecnica incaricata allora di svilupparne i dettagli stava ancora lavorando, senza essere riuscita, tuttavia, a pervenire nel frattempo a un risultato concreto che non si limitasse a ribadire le direttive di massima ricevute dall’amministrazione provinciale due anni prima, ossia: capienza di milleduecento posti letto e destinazione delle strutture a ricovero per malati acuti di entrambi i sessi.

  • 81 AGP TO, VCP, 1965, vol. ii, p. 1.867.
  • 82 La frase è di Luciano Brean – responsabile delle questioni legate alla salute per il gruppo consil (...)

86A quel punto, però, all’interno del Consiglio la posizione del gruppo comunista, originariamente favorevole al progetto, era in parte mutata. Lo aveva fatto intendere a chiare lettere il consigliere Luigi Ruffa: «qualcuno potrebbe obiettare – aveva affermato in riferimento alla costituzione, nel 1963, della commissione tecnica – che la delibera è stata approvata anche da noi. È vero, ma subito ci siamo pentiti. Si può tornare sulle decisioni prese»81. Non che nei consiglieri del PCI fosse maturata d’un tratto una sorta di ostilità di principio nei confronti dell’ospedale psichiatrico in quanto tale. Tutt’altro. Semplicemente non lo si considerava più «come unica possibile struttura per il trattamento delle malattie mentali» ma solo come un «momento, e non sempre indispensabile, del complesso delle cure»82; c’era stato, in sostanza, un avvicinamento graduale ai dettami della cosiddetta psichiatria di settore, un modello assistenziale nato in Francia sul finire della Seconda guerra mondiale e improntato all’idea che gli ospedali psichiatrici dovessero essere ridimensionati, collegati strettamente ad una determinata porzione di territorio, il settore per l’appunto, e affiancati da un insieme di servizi di carattere extra-murale, come dispensari, ambulatori diurni e notturni, centri di lavoro protetto e comunità alloggio.

  • 83 AGP TO, VCP, 1966, vol. iii, p. 7.512.
  • 84 Ivi, p. 7.526. Nonostante l’accordo, il giudizio dei comunisti sul nuovo ospedale restava del tutt (...)

87Quanto a Torino, il casus belli era rappresentato proprio dalle dimensioni del futuro ospedale, dimensioni che i comunisti, in ossequio ai principi della psichiatria settoriale, consideravano ormai del tutto eccessive. E tuttavia, a causa anche del polverone mediatico sollevato da “La Stampa” prima e successivamente, a settembre, dalle dichiarazioni del ministro Mariotti al convegno milanese dell’AVIS, un accordo fu trovato abbastanza rapidamente. Già nel gennaio del 1966 si era fatto cenno, in una comunicazione del presidente della Provincia al Consiglio, a un ospedale nettamente più piccolo rispetto a quello previsto in origine, di circa 500 posti. Nel giugno dello stesso anno, poi, quando il Consiglio fu chiamato a deliberare, il progetto prevedeva «una ricettività di 502 pazienti, con 539 posti letto, 37 dei quali sistemati in un centro clinico comprendente la direzione sanitaria, i servizi di accettazione e di pronto soccorso psichiatrico, gli ambulatori diagnostici e terapeutici, gli ambulatori di analisi e di ricerche, nonché i reparti radiologico, chirurgico e per terapie particolari […], e 502 in padiglioni destinati a cinque divisioni ospedaliere […] comprendenti ciascuna quattro unità divisionali di 28 posti letto»83. Il consigliere comunista e medico, Luciano Brean, così spiegava i termini del compromesso: «per il nostro gruppo vi è stato fin dall’inizio un meditato e coraggioso ripensamento critico […]. L’accettazione forzata di quest’ospedale è appunto il prezzo che abbiamo ritenuto di dover pagare, nostro malgrado, al fine di poter stabilire una qualche forma di collaborazione, di colloquio, con la maggioranza; al fine di far accettare quelle soluzioni alternative più avanzate che noi avevamo indicato come prioritarie e che sono i nostri nuovi reparti annessi agli ospedali generali»84.

88Reparti di quel tipo sarebbero poi stati effettivamente aperti presso gli ospedali di Pinerolo, Chieri, Ivrea e Carmagnola e affidati, come si è accennato, al Centro di igiene mentale.

Il rinnovamento della psichiatria italiana

Il dibattito italiano sulla psichiatria di settore

  • 85 Al riguardo si veda: E. Balduzzi, Parigi 1964. Considerazioni e commenti sull’evoluzione assistenz (...)

89Il 22 marzo del 1963 veniva organizzata a Firenze, su iniziativa del direttore sanitario degli ospedali psichiatrici locali, prof. Mario Nistri, una tavola rotonda sull’assistenza psichiatrica a settore. Era presente il gotha della psichiatria toscana dell’epoca: i direttori degli OO.PP. di Arezzo, Lucca e Pistoia, professori Benvenuti, Gherarducci e Mattioli-Foggia, il titolare della cattedra di psichiatria presso l’Università di Firenze, prof. Chiaramonti, il dott. Sini, direttore sanitario dell’ospedale di Prato e, in rappresentanza dell’AMOPI, il dott. Beluffi, membro del consiglio direttivo, e i dottori Cotti, Coen Giordana, Novello e Barucci, delegati, rispettivamente, delle sezioni Emilia Romagna, Liguria, Triveneto e Toscana. Per la sua riconosciuta competenza in materia, come moderatore era stato chiamato il prof. Georges Daumézon, médecin chef dell’ospedale psichiatrico di Sainte-Anne, a Parigi, dove dal 1957 era in funzione il settore pilota del XIII arrondissement85, gestito da Lébovici e Paumelle.

  • 86 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, (...)
  • 87 Ivi, p. 12.

90Altri incontri del genere si erano tenuti nei mesi precedenti. Il 13 gennaio, al termine di una riunione della sezione toscana dell’AMOPI, indetta per discutere questioni legislative, i partecipanti avevano auspicato che i «problemi congiunti dell’igiene […] mentale, della terapia ospedaliera e dell’assistenza ai dimessi ven[issero] risolti tenendo conto dei moderni concetti di organizzazione a settore topografico»86; posizione sostanzialmente ribadita due mesi dopo in un Simposio interregionale sulla riforma psichiatrica, organizzato il 10 marzo a Bologna dall’Unione regionale delle Province emiliane e dalle sezioni toscana ed emiliana dell’AMOPI87.

91Nel corso di quelle riunioni erano emersi, naturalmente, anche atteggiamenti più cauti e prudenti – in certi casi radicalmente ostili – verso le nuove proposte; alcuni avevano infatti manifestato il timore che un eventuale ridimensionamento delle strutture di ricovero esistenti, con la connessa creazione di apparati extraospedalieri disseminati sul territorio, così come “richiesto” dalla dottrina settoriale, si sarebbe potuto tradurre, a lungo andare, in un peggioramento del servizio, in un incremento dei costi e in una forte perdita di prestigio da parte dell’ospedale psichiatrico tradizionale, inteso non solo come istituzione di cura ma anche come centro di ricerca scientifica e di aggiornamento professionale per gli addetti ai lavori. Obiezioni alle quali era stata contrapposta la tesi secondo cui l’impostazione settoriale, lungi dal determinare una progressiva svalutazione degli ospedali, avrebbe invece finito col giovare proprio a questi ultimi, i quali, riformati nella gestione, ridotti nelle dimensioni e sgravati dal peso di tutti i pazienti non psichiatrici, in particolare degli anziani, sarebbero riusciti ad adempiere meglio alle loro funzioni e a raggiungere, con il concorso dei servizi territoriali, una fascia di popolazione sempre più ampia.

92Che all’interno del mondo psichiatrico italiano i punti di vista sulla politica di settore non fossero niente affatto omogenei doveva peraltro essere confermato, in breve tempo, da due grandi convegni di respiro nazionale dedicati alla questione. Il primo, indetto dall’Unione regionale delle Province emiliane, si svolse a Bologna tra il 24 ed il 26 aprile del 1964 mentre il secondo ebbe luogo nel marzo dell’anno seguente a Varese, per volontà congiunta dell’amministrazione provinciale locale e dell’AMOPI.

  • 88 G. Padovani, L’evoluzione dell’ospedale psichiatrico, in Processo al Manicomio (Atti del Convegno (...)
  • 89 Ivi, p. 39. Si deve peraltro notare che le tesi di Padovani, pur ostili al settore, erano state ac (...)

93A Bologna era stato soprattutto Giorgio Padovani – direttore degli OO.PP. di Genova Quarto – a richiamare l’attenzione sul valore «educativo e formativo» dell’ospedale psichiatrico, sulla sua connaturata funzione terapeutica – «l’ospedale è un ambiente di per sé stesso curativo, in virtù delle norme che ne regolano la vita e dell’atmosfera che vi regna»88 – sui suoi successi nel campo della ricerca scientifica, sostenendo nel contempo la netta supremazia della pratica ospedaliera sull’igiene mentale e la conseguente necessità di affidare eventuali presidi territoriali a carattere profilattico, come quelli auspicati dai sostenitori del settore, alla guida e alla supervisione di uno psichiatra: «perché solo uno psichiatra – aveva detto – può avere la competenza per impartire le opportune direttive e per verificarne l’osservanza; perché solo uno psichiatra è in grado di stimolare e di orientare la ricerca clinico-scientifica» e perché, infine, «l’efficacia dell’igiene è subordinata alla conoscenza delle cause delle malattie mentali; ma queste non si possono studiare in modo completo ed approfondito [se non] negli ospedali psichiatrici»89.

  • 90 Secondo Padovani l’ospedale avrebbe dovuto letteralmente «prolungarsi nella collettività mediante (...)

94A Varese, invece, il compito di difendere l’ospedale psichiatrico tradizionale dalle critiche dei settorialisti era toccato – ironia della sorte, visto che di lì a qualche anno egli sarebbe passato su posizioni apertamente settoriali – al direttore degli OO.PP. di Torino, Diego De Caro. Nella sua relazione si ritrovavano più o meno le stesse argomentazioni addotte da Padovani, ma con una differenza sostanziale: se questi, infatti, aveva mostrato una netta predilezione per il cosiddetto sistema Kolb, termine che indicava un rapporto di stretta dipendenza dei servizi territoriali dall’organizzazione ospedaliera90, per De Caro, viceversa, l’igiene mentale avrebbe dovuto rimanere autonoma e separata dall’ospedale psichiatrico.

  • 91 D. De Caro, Realizzazioni e prospettive dell’assistenza psichiatrica ospedaliera ed extraospedalie (...)

Non si può contestare, intanto, che in altri settori della medicina le attività ambulatoriali periferiche, dispensariali, profilattiche, preventive e anche curative […] non si identificano affatto con le attività prettamente ospedaliere, che sono espletate da centri idonei e attrezzati. Esistono – e tutti li conosciamo – numerosi centri, ambulatori, dispensari per la profilassi, per esempio, della malattia reumatica, per i disturbi del ricambio, per il diabete, per le malattie veneree, per i disturbi ginecologici, per i tumori maligni. Ma forse con questo abbiamo soppresso la cura ospedaliera delle cardiopatie, del diabete, dei tumori maligni, delle ginecopatie? […] E allora perché non dovrebbe essere lo stesso per […] le affezioni psichiatriche? Perché si vuole a tutti i costi negare l’utilità, anzi, la necessità di un ospedale psichiatrico, chiamiamolo pure Centrale, Pilota, Centro Ospedaliero o simili, che svolga un’attività differente da quella che si può svolgere in periferia, nei piccoli ambulatori distaccati, nei dispensari […]? La creazione di piccoli ospedali periferici, di poche decine di letti, come cardine dell’assistenza settoriale, sui quali si accentri l’équipe socio-psichiatrica, non potrebbe sostituire in alcun modo le funzioni di un ospedale psichiatrico centrale91.

  • 92 Le Giornate psichiatriche di Sainte-Anne erano state organizzate dalla neonata Union des médecins (...)
  • 93 Si segnalano qui : H. Duchêne, Tâches d’hygiène mentale dans la psychiatrie de secteur, in “Inform (...)
  • 94 Cfr. ad esempio : A. Baker, R. Davies, P. Sivadon, Services psychiatriques et architecture, in “Ca (...)

95In entrambi i casi, dunque, sia pure da prospettive differenti, c’era stato un deciso rifiuto del principio cardine della politica settoriale: l’unità e l’indivisibilità della profilassi, della cura, e della post-cura. Un principio proclamato per la prima volta nell’ambito delle Journées psychiatriques di Sainte-Anne92, nel 1945, ripreso poi da numerosi articoli di psichiatri francesi93, “raccomandato” da svariati rapporti dell’Organizzazione mondiale della sanità94 e infine adottato ufficialmente dal Ministero della sanità francese con una circolare del 15 marzo 1960.

  • 95 C. Coen Giordana, Assistenza psichiatrica e organizzazione settoriale, in “Neuropsichiatria”, anno (...)

96Stando all’interpretazione che ne offrivano i più convinti settorialisti italiani, le parole d’ordine “unità e indivisibilità” volevano significare che le tre fasi del processo terapeutico – prevenzione, cura e post-cura – avrebbero dovuto essere affidate ad una medesima équipe pluridisciplinare, capace di farsi carico di tutti i potenziali pazienti di un determinato territorio, tanto dentro l’ospedale, qualora il ricovero si fosse rivelato assolutamente necessario, quanto al suo esterno, appoggiandosi a una rete capillarmente diffusa di strutture a carattere dispensariale. Si trattava in altri termini, per usare le parole di Coen Giordana, di «dividere il territorio per non [dover] dividere l’azione psichiatrica»95, contrastando, dunque, sia pratiche ospedaliere avulse dal contesto sociale sia, all’opposto, servizi d’igiene o di post-cura indipendenti dagli ospedali.

  • 96 Alla presidenza era stato eletto Ferdinando Barison, direttore dell’ospedale psichiatrico di Padov (...)
  • 97 E. Balduzzi, Significato e scopi dell’assistenza psichiatrica unitaria, in Atti del Convegno sulle (...)
  • 98 G. Padovani, Unità dei servizi psichiatrici e organizzazione settoriale, in “Neuropsichiatria”, an (...)

97Una sorta di sintesi tra istanze diverse, insomma, che però non riuscì mai ad attrarre su di sé l’unanimità dei consensi del mondo psichiatrico italiano. Persino in seno all’AMOPI, che dopo le elezioni interne dell’11 giugno 1963 aveva abbracciato in via ufficiale la dottrina del settore96, alcune importanti cariche sociali continuarono a essere ricoperte per molto tempo da psichiatri dichiaratamente ostili al nuovo indirizzo. Ma le ragioni della contrapposizione, anche al di fuori dei confini associativi, non erano legate soltanto a questioni di tecnica assistenziale: a dividere i settorialisti dagli psichiatri che si richiamavano ad una tradizione “ospedalocentrica” c’era soprattutto un modo differente di concepire l’eziologia dei disturbi psichici. In effetti, il timore che il settore comportasse «esclusivamente un’applicazione delle dottrine psicodinamiche e sociogeniche […], a tutto danno degli indirizzi di ricerca a impronta prevalentemente biologica»97, fu uno dei leit motiv che animarono il dibattito su quel tema per tutti gli anni Sessanta. Al riguardo si consideri ancora Padovani: «sul piano dottrinale e scientifico […] la concezione settoriale postula una preponderante importanza dei fattori sociopatologici nella genesi dei disturbi mentali: tesi sulla quale gli psichiatri – specie italiani – sono ben lungi dal concordare. È lecito temere, in conclusione, che la psichiatria – divenendo settoriale – diventi meno scientifica e meno libera. C’è il pericolo, insomma, che la settorizzazione della psichiatria finisca per significare la settarizzazione della psichiatria»98.

  • 99 Nel corso della Seconda guerra mondiale, l’ospedale psichiatrico di Saint-Alban, situato nel dipar (...)

98D’altro canto, che la politica del settore implicasse una maggiore attenzione ai risvolti sociali del disagio psichico era un dato insito nella storia di quel modello assistenziale fin dalle prime esperienze di “geopsichiatria”99 ed era stato ribadito in più di un’occasione da molti autorevoli specialisti italiani della materia.

  • 100 C. Coen Giordana, M. Barucci, F. Mori, Considerazioni a proposito di una moderna organizzazione as (...)

Tra le considerazioni fondamentali della psichiatria a settore territoriale sta anche il fatto che, per un efficiente aiuto a chi soffra di disturbi psichici, è necessario che lo psichiatra conosca profondamente l’ambiente sociale, economico e culturale di ciascun suo paziente: e questo tanto per un’efficace profilassi mentale quanto per una più esatta diagnosi […], una più proficua terapia [e] infine per un più agevole recupero sociale del paziente. Lo psichiatra, quindi, non dovrebbe più essere il titolare del reparto X o del reparto Y, dove passano gli uomini o le donne a seconda dei diversi tipi di alterazione del comportamento o le diverse fasi della malattia […], ma il medico che, con la sua équipe, si cura di tutti i servizi psichiatrici di un dato territorio di limitata estensione e perciò ne conosce a fondo la topografia, ha possibilità di valutarne le condizioni socio-economiche, è in rapporti stretti con i medici generici e con le varie autorità locali (sindaco, maestro, sacerdote), può avere elementi per consigliare o sconsigliare un dato tipo di attività lavorativa, può con maggiore sicurezza consigliare il ricovero o proporre la dimissione del paziente e può risolvere insomma i problemi psichiatrici del soggetto attraverso un’esatta valutazione della [sua] situazione psicologica e ambientale100.

99Ciò che si proponeva, in sostanza, non era soltanto una radicale trasformazione del sistema assistenziale (strutture più piccole, creazione di apparati extraospedalieri, collegamento tra interno ed esterno, continuità terapeutica) ma anche una completa revisione degli stili di lavoro consolidati: sia attraverso l’istituzione delle équipes – fatto che implicava la valorizzazione di un approccio pluridisciplinare e multiforme al problema psichico e che comportava inoltre una decisa distensione dei vincoli gerarchici rispetto alla rigida suddivisione delle competenze e dei ruoli in vigore nei reparti manicomiali – sia attraverso l’apertura della psichiatria ospedaliera alla dimensione sociale.

  • 101 L. Sinisi, Organizzazione psichiatrica ospedaliera: nuovi concetti ed orientamenti generali, in “N (...)
  • 102 Cfr. C. Nobile, L’igiene mentale, il settore, l’AMOPI, in “Bollettino dell’AMOPI”, anno IV, n. 1, (...)
  • 103 Cfr. G. Sogliani, B. Milani, S. Bernardi, Esperienze e prospettive di assistenza psichiatrica glob (...)

100Si è già accennato a come le tendenze territoriali della prospettiva settoriale avessero suscitato non poche perplessità, in particolare tra coloro che vi vedevano un’implicita svalutazione delle funzioni specifiche degli ospedali o, secondo una formula più solenne, della loro «antica e gloriosa tradizione»101. Ma quelle tendenze rappresentavano anche la principale ragione della diffidenza manifestata dai medici dei centri d’igiene mentale102, molti dei quali consideravano un eventuale accoglimento in sede legislativa delle proposte dell’AMOPI come un concreto pericolo per la loro autonomia, tanto sul piano operativo quanto su quello culturale. Va precisato, infatti, che una parte non irrilevante dei servizi d’igiene presenti sul territorio nazionale – ad esempio a Torino, Milano, Genova e Venezia103 – non aveva alcun rapporto di dipendenza né amministrativa né gestionale con gli ospedali psichiatrici e che in quei casi l’ipotesi settoriale avrebbe potuto portare a una stretta integrazione tra le due modalità assistenziali o quantomeno a una sovrapposizione delle rispettive competenze.

  • 104 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive, (...)
  • 105 Ibidem.
  • 106 Ibidem.
  • 107 Ivi, p. 146.

101Un punto di vista critico originale, completamente estraneo alle preoccupazioni degli “ospedalisti” e a quelle – appena illustrate – degli operatori dell’igiene mentale, era emerso durante il convegno di Varese da una comunicazione di Franco Basaglia, che fin dall’inizio degli anni Sessanta stava conducendo presso il manicomio di Gorizia un’esperienza di liberalizzazione interna ispirata al modello delle comunità terapeutiche inglesi. Pur non negando l’utilità dei servizi extraospedalieri, il suo intervento aveva per l’appunto sostenuto come prioritaria la trasformazione dell’ambiente manicomiale: difatti, «fintanto che l’ospedalizzazione […] incide sul malato mentale come minaccia incombente o come un avvenimento da cancellare […] risulterà inutile aprire ambulatori periferici che agirebbero con azioni profilattiche indispensabili, ma sempre muovendosi nel clima della paura e del rifiuto del ricovero»104. Ancor prima di dedicarsi al lavoro esterno era quindi necessario, secondo Basaglia, «distruggere l’immagine del manicomio come luogo di mortificazione e di vuoto emozionale»105. Solo allora sarebbe stato possibile pensare alla creazione di strutture territoriali, a patto, però, di basare anch’esse «sui principi di una comunità terapeutica in cui il malato possa sentirsi protetto e unito agli altri nella graduale riconquista del suo reinserimento […] sociale»106. Diversamente si sarebbe restati su un piano di «beneficenza gratuita, che il malato deve abituarsi – per un rispetto verso sé stesso – a rifiutare, o sul piano del semplice ambulatorio esterno, che inevitabilmente farà capo […] all’ospedale psichiatrico da cui dipende»107.

  • 108 E. Balduzzi, Psichiatria di comunità e politica di settore, in Atti del Colloque de Courchevel (25 (...)

102Considerando la molteplicità delle obiezioni, dei rilievi di carattere tecnico e organizzativo, delle resistenze culturali cui era andata incontro la proposta settoriale in Italia, in fondo non stupisce constatare come nel corso degli anni Sessanta e Settanta i tentativi di gestione unitaria dei servizi psichiatrici siano stati numericamente piuttosto limitati. L’esperienza più nota resta forse quella di Varese, dove a partire dal 1965 la provincia era stata suddivisa in sette settori ed erano stati creati, in punti del territorio ritenuti strategici, diversi dispensari e ambulatori controllati dal personale ospedaliero. Ancora nel 1968, tuttavia, nel solo manicomio di quella provincia non risultava esserci una suddivisione dei reparti secondo criteri settoriali. I pazienti, cioè, venivano assegnati alle varie sezioni secondo il tipo di patologia o il grado di pericolosità e soltanto il 16% di essi era curato «direttamente e unicamente dal proprio medico di settore»108.

103All’inizio del 1965, anche nella provincia di Padova aveva iniziato a operare, con «la fede e l’entusiasmo dei neofiti» e con «il desiderio di dimostrare […] che l’ospedale psichiatrico era una struttura inutile, dannosa e sostituibile», una prima équipe settoriale formata da medici, psicologi e assistenti sociali: il territorio di competenza comprendeva una zona urbana con circa 14.000 mila abitanti e una zona extra-urbana corrispondente al Comune di Albignasego, in cui all’epoca risiedevano all’incirca 16.000 persone, e le attività di cura si svolgevano sia dentro il manicomio sia in quattro ambulatori esterni appositamente creati. Al riguardo è interessante notare come, a distanza di cinque anni, la parte settorizzata della provincia – che nel frattempo si era ulteriormente espansa – facesse già registrare, rispetto al resto del territorio, percentuali decisamente più basse di ricoveri coatti, di primi ingressi e di reingressi in manicomio nonché un numero molto minore di giornate di degenza per cento abitanti.

104Al modello settoriale, infine, si ispirarono più o meno direttamente le ristrutturazioni del sistema assistenziale realizzate, con modalità e tempi di volta in volta diversi, ad Ancona, Bergamo, Modena, Venezia, Pesaro, Milano Parabiago e – come vedremo meglio più avanti – Torino.

Basaglia, Gorizia, prospettive antimanicomiali

  • 109 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive c (...)
  • 110 F. Basaglia, Conferenze brasiliane, Raffaello Cortina Editore, Milano 2000, p. 155.

105Alle soglie degli anni Sessanta il manicomio di Gorizia ospitava all’incirca 550 ammalati: 150 erano di nazionalità jugoslava, curati in Italia «per convenzione con il trattato di pace, a spese del Ministero degli esteri quale riparazione bellica»109; i restanti 400 erano per i tre quarti lungodegenti, cui si aggiungevano un centinaio di ospiti dei reparti di osservazione. Franco Basaglia assunse la direzione sanitaria di quell’ospedale nel 1961, dopo aver lavorato per alcuni anni presso la Clinica di malattie nervose e mentali dell’Università di Padova e aver conseguito, nel 1958, la libera docenza in Psichiatria. A distanza di quasi un ventennio, egli avrebbe descritto così le ragioni che lo avevano indotto ad abbandonare l’università per dedicarsi alla pratica ospedaliera, un’attività generalmente ritenuta dequalificante dagli stessi psichiatri e meno prestigiosa sul piano professionale rispetto alla più ambita carriera accademica: «io sono entrato nell’università tre volte e per tre volte ne sono stato cacciato. La prima volta, dopo tredici anni come assistente […], quando ero, come si dice, alla vigilia della cattedra, il professore mi disse: “ascolti, Basaglia, penso sia meglio che lei vada a lavorare in manicomio”. E così diventai direttore del manicomio di Gorizia»110.

  • 111 Ivi, pp. 155-156.

106Malgrado quell’iniziale “rifiuto”, il suo rapporto con le istituzioni universitarie era destinato a non interrompersi del tutto, dando vita nel corso del tempo ad una serie di riavvicinamenti periodici e di nuovi distacchi, di momenti d’entusiasmo e delusioni cocenti: «la seconda volta – seguiamo ancora il racconto di Basaglia – sull’onda della ribellione del Sessantotto fui incaricato dell’insegnamento di Igiene mentale all’Università di Parma, incarico che ho esercitato per otto anni, durante i quali sono stato isolato come un appestato. Fortunatamente avevo molti allievi che frequentavano le mie lezioni e così spero di aver “corrotto” un bel po’ di gente. La terza volta ho vinto il concorso nazionale per ordinario e mi hanno proposto la cattedra di neuropsichiatria geriatrica, con l’evidente volontà di emarginarmi. Ho preferito rifiutare e tornare in manicomio»111.

  • 112 M. Colucci, P. Di Vittorio, Franco Basaglia, Bruno Mondadori, Milano 2001, p. 22.
  • 113 Per un profilo, anche biografico, delle figure di Ludwig Binswanger e di Karl Jaspers si rimanda a (...)
  • 114 Le testimonianze cui ci si riferisce sono quelle di Agostino Pirella (in A. Pirella, Il giovane Ba (...)
  • 115 I saggi citati si trovano in: F. Basaglia, Scritti, vol. i, Einaudi, Torino 1981.

107Non si può certo affermare, d’altro canto, che gli interessi scientifici e la preparazione culturale di Basaglia corrispondessero esattamente ai canoni neurologici dominanti all’interno della psichiatria accademica italiana del periodo: fin dagli anni Cinquanta, infatti, egli si era avvicinato a correnti psichiatriche di ascendenza filosofica e antropologica, attraverso le opere di Karl Jaspers, di cui aveva apprezzato in particolare l’approccio metodologico, fondato com’era sul richiamo ad una costante partecipazione affettiva, ad un sistematico ascolto delle esperienze soggettive della persona malata da parte dello psichiatra, in contrasto radicale con l’approccio clinico tradizionale, teso invece alla riduzione del malato ad «un insieme di sintomi da classificare»112, da analizzare e da spiegare secondo schemi causali rigidamente mutuati dalle scienze naturali; ma poi anche attraverso Ludwig Binswanger, psichiatra svizzero nato a Kreuzlingen nel 1881 e protagonista, nel corso della sua vita, di un percorso di ricerca aperto ad istanze filosofiche – dalla fenomenologia di Husserl all’analitica esistenziale di Heidegger – e alle più diverse contaminazioni culturali, con radici nei lavori di Eugen Bleuler, di cui era stato assistente presso la clinica psichiatrica universitaria di Zurigo, di Carl Jung, sua guida ai tempi della tesi di specializzazione, di Freud, del russo Eugène Minkowski, dei suoi coetanei e compagni di cammino Erwin Straus e Viktor von Gebsattel. Un percorso eteroclito e multiforme, dunque, ma sfociato in un assunto dai contorni ben precisi: la sostanziale comprensibilità della schizofrenia; assunto legato peraltro ad una concezione esistenzialistica della malattia psichica, intesa non tanto come fatto patologico e abnorme, e quindi alieno da ogni effettiva possibilità di comprensione su di un piano razionale, quanto piuttosto come una delle possibili manifestazioni della presenza umana nel mondo. Di qui la codificazione, in Binswanger, di una metodologia, la Daseinsanalyse o analisi dell’esserci, centrata per l’appunto sull’indagine delle varie modalità con cui la persona malata si presenta ed esprime sé stessa nel mondo, in un costante sforzo di superare, mediante l’incontro con il vissuto reale del malato, con gli elementi peculiari e specifici della sua condizione, le rigide classificazioni nosografiche della psichiatria positivista113. Ma tra i riferimenti culturali di Basaglia si devono annoverare, oltre a Minkowski, che egli ebbe modo d’incontrare personalmente in più di un’occasione, riportandone sempre – come hannoricordato alcuni dei suoi più stretti collaboratori – un’impressione di «trepida simpatia» e di «ammirazione quasi adolescenziale»114, anche Jean Paul Sarte e Maurice Merleau-Ponty, le cui riflessioni sulla soggettività del corpo influenzarono nel profondo alcuni suoi scritti degli anni Cinquanta e Sessanta, a partire dai due saggi del 1956 su Il corpo nell’ipocondria e nella depersonalizzazione, per arrivare fino a Corpo, sguardo e silenzio: l’enigma della soggettività in psichiatria, del 1965, e al successivo L’ideologia del corpo come espressività nevrotica115.

  • 116 Cfr. M. Colucci, P. Di Vittorio, Franco Basaglia cit., p. 75.

108Il Basaglia che nel 1961 si apprestava a dirigere l’ospedale di Gorizia era quindi uno psichiatra “filosofo” – così lo aveva definito, sia pure ironicamente, il suo direttore di clinica – animato da una precisa volontà di rifondazione della psichiatria su basi fenomenologiche116, e soprattutto un uomo con alle spalle due precoci e deludenti esperienze istituzionali: quella universitaria, conclusasi con un brusco distacco, e quella, precedente, della prigione. E proprio il carcere doveva servirgli, anni dopo, come termine di paragone per descrivere il suo primo impatto con la realtà manicomiale:

  • 117 F. Basaglia, La giustizia che punisce, appunti sull’ideologia della punizione, in ID., Scritti, vo (...)

la prima volta che entrai in un carcere ero studente di medicina e vi entrai come prigioniero politico, quindi dalla parte dei reclusi. Era l’ora in cui si vuotavano i buglioli delle celle e la mia prima impressione fu di entrare in una enorme sala anatomica, dove la vita aveva l’aspetto e l’odore della morte. Il carcere mi appariva come un letamaio impregnato di un lezzo infernale, dove uomini con bidoni sulle spalle si avvicendavano a vuotarne il contenuto nelle fogne. Le squadre addette a questo lavoro erano costituite da detenuti privilegiati che potevano uscire dalle celle, il che rendeva evidente come, nel carcere, esistesse una stratificazione sociale su cui si fondava un tipo di vita completamente autonomo: la vita della segregazione. L’uomo e il carcere erano, in realtà, il carceriere e il carcerato e l’uno e l’altro avevano perso ogni qualifica umana, acquisendo lo stampo e l’impronta dell’istituzione. Dopo alcuni anni entrai in un’altra istituzione chiusa, il manicomio. Questa volta non come internato ma come direttore. Ero dalla parte del carceriere, ma la realtà che vedevo non era diversa: anche qui l’uomo aveva perso ogni dignità umana; anche il manicomio era un enorme letamaio.117

  • 118 F. Basaglia, Prefazione a M. Marsigli, La Marchesa e i demoni. Diario da un manicomio, Feltrinelli (...)
  • 119 F. Basaglia, Appunti di psichiatria istituzionale, in ID., Scritti, vol. ii cit., p. 61; pubblicat (...)

109Tra i possibili modelli cui ispirarsi per provare a modificare una situazione che gli ricordava «un campo di concentramento, un campo di eliminazione in cui l’internato non conosce né il perché né la durata della condanna»118, Basaglia scelse la comunità terapeutica anglosassone, opzione che voleva rappresentare non tanto un «adattamento» di proposte «già codificate» ma più che altro un «un punto di riferimento generico, capace di giustificare l’inizio di una […] negazione della realtà manicomiale» e «di ogni classificazione nosografica, le cui suddivisioni ed elaborazioni risultavano ideologiche rispetto alla condizione reale del malato»119.

  • 120 Come ha osservato giustamente Schittar, la comunità terapeutica non può «essere ridotta in schemi (...)
  • 121 Nel 1796 il quacchero William Tuke aveva aperto presso la città di York un “Ritiro” per alienati d (...)

110La nozione di “comunità terapeutica” era comparsa nel 1946 in Inghilterra120, paese che poteva vantare una lunga tradizione in materia di rinnovamento psichiatrico, dalla filantropia religiosa dei Tuke fino al sistema open-door di John Conolly e del di lui genero Henry Maudsley121, e nel quale si erano verificati, durante il secondo conflitto mondiale, alcuni tentativi di trasformazione istituzionale poi riconosciuti come prodromi della prospettiva comunitaria. Ci si riferisce in particolare al lavoro degli psichiatri inglesi del gruppo di Northfield presso l’omonimo ospedale e soprattutto alle attività «terapeutiche di gruppo» organizzate da Maxwell Jones dapprima in un reparto psicosomatico del Maudsley Hospital di Londra, riservato a personale appartenente alle forze armate e affetto dalla cosiddetta sindrome da sforzo (o astenia neurocircolatoria), e in seguito nel Reparto per le nevrosi industrialitenuta da Basaglia all’VIII Convegno nazionale dei comitati d’azione per la giustizia, pubblicata originariamente in “Quale Giustizia”, 9-10, La Nuova Italia, Firenze, 1971.

  • 122 Cfr. M. Jones, Ideologia e pratica della psichiatria sociale, Etas Kompass, Milano 1970, p. 26 (ed (...)

111del Belmont Hospital, istituito nel 1946 sulla scia di un’altra esperienza di successo ideata e gestita da Jones e rivolta ad ex prigionieri inglesi di guerra di ritorno dai campi di detenzione in Europa e nell’estremo oriente122.

  • 123 Si allude in particolare alla legge istitutiva del servizio sanitario nazionale, il National Healt (...)

112Negli anni Cinquanta le comunità terapeutiche inglesi avevano conosciuto una fase di intenso sviluppo, accompagnata e favorita da alcuni importanti cambiamenti a livello legislativo123 e da una costante tendenza alla “deistituzionalizzazione” dell’assistenza psichiatrica, con un graduale spostamento degli interventi verso il territorio, circostanza che aveva determinato una prima sensibile riduzione della popolazione internata nei manicomi. Il contesto italiano era invece nettamente diverso e attorno alla metà degli anni Sessanta – come si è visto – non era ancora stato possibile modificare la vecchia normativa giolittiana; inoltre, i grandi nosocomi pubblici, malgrado i ripetuti scandali da cui erano stati investiti e le sempre più frequenti critiche che venivano loro rivolte anche dall’interno del mondo psichiatrico, continuavano a rappresentare il baricentro del sistema assistenziale, che solo allora cominciava a far trasparire, in virtù delle nascenti esperienze settoriali, alcuni deboli segnali di mutamento.

  • 124 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive c (...)
  • 125 Ivi, p. 140.
  • 126 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive c (...)

113Quanto a Gorizia, l’opera di rinnovamento era proseguita ininterrottamente dal 1962, muovendosi lungo due direttrici principali: «la lotta contro l’istituzionalizzazione dell’ambiente esterno» al manicomio e «la lotta contro l’istituzionalizzazione dell’intero corpo sanitario»124. Sul piano concreto, si era giunti cioè ad una quasi completa apertura dell’ospedale, all’abolizione delle contenzioni fisiche, ottenuta anche grazie all’impiego dei farmaci125, alla sensibilizzazione della cittadinanza, alla creazione di gruppi di lavoro tra i ricoverati e infine alla costituzione, nel vecchio reparto “agitati”, di una comunità terapeutica maschile vera e propria, formata da «una cinquantina di malati […] appartenenti ad ogni forma psichiatrica, in prevalenza schizofrenici». Essi erano stati «scelti fra quelli che […] si erano dimostrati i meno adattabili e quindi dotati ancora di una buona dose di aggressività su cui si sarebbe potuto puntare»; godevano di «completa libertà di movimento […], dell’aiuto di due soli infermieri e di un terzo per il turno di notte»; erano «responsabili della loro organizzazione interna, pur avendo norme di base – comunitariamente stabilite – cui attenersi» e avevano «facoltà di decidere l’espulsione di qualche compagno» che si fosse rivelato «inadatto alla vita comunitaria, come dell’assunzione di nuovi affiliati»126.

  • 127 F. Basaglia, Conferenze Brasiliane cit., p. 111.

114Contemporaneamente, il lavoro pratico di umanizzazione e di smantellamento delle strutture manicomiali aveva fatto emergere, in Basaglia e nei suoi collaboratori, la consapevolezza della funzione politica e antiterapeutica del manicomio: «il fatto è che – avrebbe affermato molti anni dopo lo stesso Basaglia raccontando di quelle vicende in una delle sue celebri “conferenze brasiliane” – nella misura in cui il manicomio si umanizzava […] diventava evidente una serie di elementi di natura politica. [Esso] appariva come un’organizzazione totalmente inutile che controllava la devianza del povero, soprattutto la devianza improduttiva»127.

115Attorno alla “scoperta” della funzione custodialistica della psichiatria asilare dovevano svilupparsi, a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, le riflessioni collettive dalle quali sarebbero poi scaturiti, nel ’67 e nel ’68, i due volumi destinati a far conoscere le vicende dell’ospedale di Gorizia ad un pubblico non specialistico e di vaste dimensioni: Che cos’è la psichiatria? e, soprattutto, L’Istituzione negata. Giovanni Jervis, che si era aggregato all’équipe soltanto nel 1966, ha descritto quegli anni come un periodo di grande impegno sul piano dell’attività ospedaliera e di confronto crescente tra i vari membri del gruppo riguardo alle implicazioni teoriche e, in un secondo momento, più specificamente politiche legate alla progressiva apertura dei reparti e al consolidarsi delle comunità terapeutiche:

  • 128 G. Jervis, Il buon rieducatore. Scritti sugli usi della psichiatria e della psicanalisi, Feltrinel (...)

Ricordo i due anni fra il ’66 e la fine del ’68 come fra i più ricchi e belli della mia vita, ma anche come fra i più faticosi. Non tutto era facile: il clima del lavoro di Gorizia era di perpetua mobilitazione, fino al limite del volontarismo e a volte si aveva l’impressione di vivere in una cittadella in stato d’assedio. Basaglia richiedeva ai suoi collaboratori un’adesione incondizionata e non tollerava facilmente dissensi teorici e di linea, che tendeva a vivere drammaticamente come attacchi personali. Prima del mio arrivo, il gruppo dei medici allora intorno a Basaglia aveva conosciuto liti, scismi, espulsioni ed emarginazioni; mi resi conto rapidamente che anche nel gruppo attuale vi erano competitività e malumori che appesantivano molto il lavoro. E il lavoro era di per sé molto pesante, sia come ore che come impegno: io fra l’altro ero tenuto a fare, in quanto medico di sezione, frequentissimi turni di guardia, di 24 ore o (nei fine settimana) di 48 ore, da cui erano invece esentati sia il direttore che i primari […]. Il gruppo goriziano lavorò bene, e unito, fino al 1968. Ci riunivamo tutti i giorni, spesso due volte al giorno, e le nostre discussioni producevano un continuo flusso di idee e di proposte. Nel 1966 mancavano ancora nell’équipe un’analisi politica del lavoro e una reale attenzione ai problemi di linea, tanto che ricordo che quando, già nel 1967, mia moglie propose di inserire in uno dei testi di Cos’è la psichiatria? un riferimento a Marx, la cosa suscitò in alcuni perplessità e sospetto. Ma ben presto dalle discussioni nacque un tentativo collettivo di far avanzare un discorso più critico e più politicizzato: L’istituzione negata fu in questo senso – almeno secondo l’impressione che mi fece allora – una mescolanza quasi inestricabile di esaltazione comunitaristica e “antiautoritaria” e di attenzione critica […] ai problemi politici e culturali in gioco128.

  • 129 F. Basaglia, Le istituzioni della violenza, in ID. (a cura di) L’istituzione negata, rapporto da u (...)
  • 130 Sul tema si veda, tra gli altri, F. Basaglia, La maggioranza deviante, in ID. Scritti, vol. ii cit

116L’istituzione negata, pubblicata da Einaudi nel 1968, segnava per l’appunto il passaggio dalla comunità terapeutica alla lotta anti-istituzionale, da un approccio ancora di tipo tecnico e tutto interno alla pratica psichiatrica a una prospettiva più ampia, di natura politica: «per questo – scriveva Basaglia – rifiutiamo di proporre la comunità terapeutica come un modello istituzionale che verrebbe vissuto come […] una nuova tecnica risolutrice di conflitti. Il senso del nostro lavoro non può che continuare a muoversi in una dimensione negativa che è, in sé, distruzione e insieme superamento»129. Una volta chiarito che l’internato era in primo luogo un «uomo senza diritti», oggetto di una violenza originaria da parte del sistema sociale, un escluso posto al di fuori della «produzione, ai margini della vita associata» e spinto dentro il manicomio più per il suo scarso «potere contrattuale» che non per la «malattia in sé»; una volta chiarito che era proprio lo psichiatra, figura ibrida, un po’ medico e un po’ tutore dell’ordine pubblico130, a sancire quell’esclusione, sanzionandola come fatto scientifico e oscurandone dunque la vera natura di fenomeno dalle radici prevalentemente socioeconomiche; una volta chiarito tutto questo, si trattava, per Basaglia, di porre le condizioni affinché la comunità terapeutica non si trasformasse a sua volta in una nuova formula che sarebbe potuta risultare magari più accattivante del manicomio classico, perché percepita come moderna e meno brutale rispetto ad esso, ma che alla fine avrebbe mantenuto pur sempre i caratteri di una soluzione tecnica a problemi che invece si erano rivelati essere innanzitutto problemi sociali:

  • 131 F. Basaglia, Le istituzioni della violenza, in ID. (a cura di) L’istituzione negata, rapporto da u (...)

Consapevoli di questo, nel momento in cui la nostra azione pratica viene guardata e giudicata dal pubblico che in essa è direttamente coinvolto, ci si trova di fronte ad una scelta fondamentale: o enfatizziamo il nostro metodo di lavoro che – attraverso una prima fase distruttiva – è riuscito a costruire una nuova realtà istituzionale e ne proponiamo il modello come un modo di risolvere il problema delle istituzioni psichiatriche; o proponiamo la negazione come unica modalità attualmente possibile all’interno di un sistema politico-economico che assorbe in sé ogni affermazione, come nuovo strumento del proprio consolidamento. Nel primo caso è evidente che la conclusione sarebbe soltanto un’altra faccia della stessa realtà che abbiamo distrutto: la comunità terapeutica come nuovo modello istituzionale risulterebbe un perfezionamento tecnico all’interno sia del sistema psichiatrico tradizionale, che di quello socio-politico generale. Se la nostra azione di negazione è stata quella di evidenziare il malato mentale come uno degli esclusi, uno dei capri espiatori di un sistema contraddittorio, che in essi tenta di negare le proprie contraddizioni – ora il sistema stesso tende a dimostrarsi comprensivo nei confronti di questa esclusione palese: la comunità terapeutica come atto riparatorio, come risoluzione di conflitti sociali attraverso l’adattamento dei suoi membri alla violenza della società, può assolvere il suo compito terapeutico-integrante, facendo il gioco di coloro contro i quali era originariamente nata. Dopo il primo periodo di clandestinità, dove quest’azione poteva sfuggire al controllo e alla codificazione che l’avrebbe cristallizzata in ciò che doveva essere solo un passo del lungo processo di rovesciamento radicale, la comunità terapeutica è stata ora scoperta come si scopre un nuovo prodotto: guarisce di più come OMO lava più bianco. In questo caso, non solo i malati ma anche i medici e gli infermieri che hanno contribuito alla realizzazione di questa nuova dimensione istituzionale buona, si troverebbero prigionieri di una prigione senza sbarre, da loro stessi edificata, esclusi dalla realtà su cui presumevano di incidere; in attesa di essere reinseriti e reintegrati nel sistema, che si affretta ad otturare le falle più sfacciatamente evidenti, aprendone altre più sotterranee. L’unica possibilità che ci resti è di conservare il legame del malato con la sua storia – che è sempre storia di sopraffazioni e di violenze – mantenendo chiaro da dove provengano la sopraffazione e la violenza […]. Siamo perfettamente consci del rischio che stiamo correndo: essere sopraffatti da una struttura sociale basata sulla norma da essa stessa stabilita e oltre la quale si entra nelle sanzioni previste dal sistema. O ci lasciamo riassorbire e integrare, e la comunità terapeutica si manterrà nei limiti di una contestazione all’interno del sistema psichiatrico e politico senza intaccarne i valori […]; o continuiamo a minare – ora attraverso la comunità terapeutica domani attraverso nuove forme di contestazione e di rifiuto – la dinamica del potere come fonte di regressione, malattia, esclusione e istituzionalizzazione a tutti i livelli131.

  • 132 Nel settembre del 1968 un ricoverato in permesso di libera uscita aveva ucciso la moglie a colpi d (...)
  • 133 Sulla figura di Mario Tommasini si rimanda a F. Ongaro Basaglia, Vita e carriera di Mario Tommasin (...)

117A distanza di un anno circa dall’uscita de L’Istituzione negata, un po’ per i dissensi di linea emersi nel gruppo durante l’elaborazione collettiva del volume, un po’ per l’impossibilità di aprire, come avrebbe desiderato, i centri psichiatrici esterni programmati fin dal ’64 e un po’, forse, anche per la delusione provocatagli da un fatto di cronaca che gli era costato – ingiustamente – un rinvio a giudizio132, Basaglia decise di lasciare Gorizia e di trasferirsi a Colorno, in provincia di Parma, dove su iniziativa di un assessore alla sanità particolarmente dinamico, Mario Tommasini133, operaio ed ex partigiano, gli era stata offerta la direzione dell’ospedale psichiatrico locale. Il manicomio goriziano passò sotto la guida di Agostino Pirella e, a partire dal 1971, di Domenico Casagrande. Ma l’esperienza della comunità terapeutica era destinata a concludersi presto. Nell’autunno del ’72, infatti, a causa degli attriti sempre più frequenti con l’amministrazione provinciale e di una situazione che ormai sembrava essere giunta ad un punto morto, senza alcuna concreta possibilità di evolversi ulteriormente nella direzione auspicata, l’intera équipe rassegnava le dimissioni; un comunicato stampa del 20 ottobre spiegava così le ragioni di quel gesto tanto plateale:

  • 134 Pubblicato in F. Basaglia, Crimini di pace, in ID., Scritti, vol. II cit., pp. 261-262.

Partiti dall’ipotesi che il manicomio, oltre che servire da asilo per i malati di mente servisse come luogo di scarico per le persone genericamente devianti prive di soluzioni economiche e sociali, si è proceduto in questi anni alla lenta riabilitazione di chi era stato distrutto più dal lungo periodo di segregazione che dalla malattia in sé. Oggi non si può più accettare di continuare a mantenere la maggior parte dei degenti segregati in un’istituzione che, per il fatto stesso di non consentire aperture e sbocchi, li farebbe velocemente retrocedere al grado di istituzionalizzazione e di distruzione personale in cui li avevamo trovati. Non è qui il caso di indagare perché l’amministrazione provinciale di Gorizia si sia rifiutata di aprire i centri esterni proposti […] fin dal ’64 […] né di spiegare il suo atteggiamento concretamente negativista – al di là delle parole e delle dichiarazioni pubbliche – che ha sempre reso difficile ogni avvicinamento da parte dell’ospedale con gli enti locali con cui sarebbe stato possibile tessere una rete protettiva, sia in fase di post-cura che in fase preventiva, che avrebbe consentito e consentirebbe la finale riabilitazione di molti “volontari”, costretti invece a re-istituzionalizzarsi nella routine comunitaria. In questa situazione la nostra presenza nell’ospedale psichiatrico goriziano, oltre ad essere inutile, ci sembra dannosa per quei degenti – ed è la maggioranza – per i quali noi continuiamo a rappresentare, in qualità di psichiatri, la giustificazione al loro internamento. Se si tratta di persone per le quali non è stato possibile trovare una soluzione esterna, perché sole, perché povere, perché rifiutate, non per questo noi possiamo continuare a mantenerle rinchiuse nell’etichetta di ammalato mentale, con le conseguenze ed i significati che tale etichetta comporta134.

118Si chiudeva così la vicenda più nota e discussa nella storia della psichiatria italiana, con un gesto emblematico che, nell’andare al di là della comunità terapeutica, intendeva in realtà negare qualsiasi valore anche alle modalità meno brutali, come appunto quella comunitaria, di gestione della devianza e del disagio psichico attraverso lo strumento manicomiale; è ancora questo, forse, l’elemento più radicalmente innovativo di quell’esperienza, senz’altro la caratteristica che l’ha resa diversa sia dalle comunità terapeutiche anglosassoni sia dall’assistenza di ispirazione settoriale, modelli nati entrambi in alternativa alla psichiatria asilare e tuttavia incapaci di giungere sino al rifiuto del manicomio in ogni sua forma e sotto ogni possibile aspetto.

119L’esempio di Gorizia lasciava dunque in eredità un modo inedito e innovativo di fare psichiatria e soprattutto, attraverso l’intensa produzione intellettuale di Basaglia, una visione fortemente “demedicalizzata” della malattia mentale e un’analisi del manicomio come istituzione antiterapeutica e deputata al controllo e alla gestione della devianza delle classi disagiate; concetti sui quali, più o meno contemporaneamente, avevano cominciato a riflettere studiosi di diversa formazione e provenienza – si pensi ad esempio a Foucault per quel che concerne i rapporti tra scienza psichiatrica e controllo sociale o a Goffman, e in genere agli studi di microsociologia dell’ospedale psichiatrico, per il tema dell’istituzionalizzazione – e che erano destinati a raggiungere, non senza banalizzazioni e semplificazioni anche profonde, una fascia sempre più ampia di operatori del settore, di pubblici amministratori, di politici, di studenti, contribuendo in modo determinante a creare le condizioni culturali per la riforma del 1978, che avrebbe sancito la chiusura definitiva dei manicomi pubblici italiani.

La legge “Mariotti”

  • 135 Per una disamina critica di alcuni di essi si rinvia a G. Pantozzi, Storia delle idee e delle legg (...)
  • 136 L’articolo 53 del “Regolamento sui manicomi e sugli alienati”, approvato con Regio Decreto 16 agos (...)
  • 137 Era stato il codice “Rocco” (articolo 604) a stabilire l’obbligo di iscrizione al casellario giudi (...)

120Sebbene non del tutto assente già nel periodo compreso tra le due guerre mondiali, in Italia la richiesta di una riforma dell’assistenza psichiatrica cominciò a manifestarsi con intensità crescente a partire dall’inizio degli anni Cinquanta. I numerosi progetti di legge135 elaborati da quel momento fino alla metà del decennio successivo – e comunque quasi mai discussi in sede parlamentare – se da un lato presentavano alcuni elementi di innovazione rispetto al passato, dall’altro lato apparivano però ancora profondamente influenzati dalla vecchia normativa giolittiana. Molti di essi, ad esempio, introducevano il dispositivo prima assente del ricovero volontario136, senza tuttavia rinunciare a procedure d’internamento coattivo, talvolta anche per ragioni di pericolosità sociale o di pubblico scandalo; oppure abolivano il casellario giudiziale137, sostituendolo però con strumenti di registrazione affini, come anagrafi, casellari psichiatrici o semplici schedari. Si trattava, in sostanza, di progetti nei quali, pur notandosi un tentativo di imprimere al sistema dell’assistenza psichiatrica una più spiccata impronta sanitaria, non veniva del tutto meno l’impianto custodialistico e poliziesco della vecchia legislazione del 1904.

  • 138 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, (...)
  • 139 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico c (...)

121Su quella stessa falsariga si collocava anche lo schema di disegno di legge sulla salute mentale presentato dall’allora Ministro della Sanità Luigi Mariotti alla Presidenza del Consiglio nel luglio del 1965. L’articolo 27 riproponeva infatti il ricovero coercitivo per gli infermi ritenuti pericolosi o di pubblico scandalo, mentre l’articolo 35 istituiva l’Anagrafe psichiatrica, rendendovi però obbligatoria l’iscrizione soltanto per le persone che fossero state giudicate affette da uno qualsiasi dei disturbi compresi in un’apposita lista delle «malattie pregiudizievoli» alla società. «Volevamo dare il primo premio per la migliore invenzione di questa legislatura – avrebbe sarcasticamente commentato al riguardo l’AMOPI – alla “patente di cronicità” proposta dall’on. De Maria»; ma quel premio «spetta invece all’elenco delle malattie mentali pericolose»138 del Senatore Mariotti. «Più volte […] le abbiamo segnalati – precisava poi una lettera aperta dell’associazione al ministro – i motivi per i quali ci opponiamo a qualsiasi tipo di registrazione dei nostri ammalati ed i motivi per i quali considerare pericoloso un individuo in base ad una elencazione nosografica è un metodo non solo socialmente ingiusto ma anche scientificamente errato. Ben altri, Signor Ministro, sono i principi basilari della riforma: è superfluo ricordarle che l’iscrizione al casellario giudiziario non esiste per disposizione della vecchialegge del 1904, bensì ai sensi dell’articolo 604 del Codice di procedura penale istituito dal regime fascista negli anni Trenta».139

122Lo schema ministeriale venne approvato dal Governo soltanto nella seconda metà del 1967, per essere poi comunicato alla Presidenza del Senato il 20 settembre. Rispetto alla bozza originaria le modifiche apportate dal nuovo testo si limitavano alla creazione dell’ente ospedaliero psichiatrico; l’organizzazione prevista per il versante extra-murale dell’assistenza restava invece immutata: era cioè basata sui servizi d’igiene mentale, un insieme di strutture a carattere dispensariale e con compiti profilattici che l’articolo 4 stabiliva dovesse essere posto alle dipendenze delle province. Quanto alle procedure di ammissione, ritornava pervicacemente il leit motiv dell’obbligatorietà per motivi di pericolo o di pubblico scandalo; al contrario, la tanto criticata Anagrafe era stata soppressa, così come l’elenco delle malattie pregiudizievoli alla società. Attraverso una sorta di «mimetizzazione del vecchio casellario», come più tardi l’avrebbe definita l’AMOPI, il settimo comma dell’articolo 4 introduceva però l’obbligo, per gli ospedali psichiatrici, di comunicare all’autorità di pubblica sicurezza «la dimissione» delle persone precedentemente ricoverate in via coattiva o con modalità d’urgenza. Persisteva così una forma, sia pure più morbida, di controllo di polizia sui malati di mente:

  • 140 M. Barucci, G. Zeloni, M. Palazzuoli, l’Assistenza psichiatrica italiana cerca ancora la sua legge(...)

per giustificare queste misure – tale era la sconfortata previsione degli psichiatri italiani – sarà invocato certamente il diritto della società a difendersi […] e si porteranno le solite argomentazioni del carabiniere, del ferroviere o del maestro che debbono essere scelti tra persone che non abbiano avuto a che fare con gli ospedali psichiatrici. Noi sosteniamo invece che la tanto invocata difesa della società dai crimini dei dimessi [...] si attui solo attraverso un perfezionamento dei servizi di assistenza.140

123Non ci soffermeremo sugli altri pur numerosi rilievi critici mossi dall’AMOPI, né sui molti emendamenti suggeriti da quell’associazione al legislatore (circa 50) anche perché nel marzo del 1968, quando finalmente il Parlamento riuscì ad approvare la così a lungo attesa legge di riforma sull’assistenza psichiatrica, dell’iniziale disegno ministeriale era rimasto ben poco: 12 articoli, per la precisione, che si limitavano ad apportare le modifiche sulle quali il consenso si era rivelato essere pressoché unanime. Veniva cioè eliminato il casellario giudiziale, introdotto il ricovero volontario e, relativamente ai servizi d’igiene mentale, era stabilito quale tipologia di personale dovesse essere loro assegnata ma nessun cenno veniva fatto alla natura dei rapporti che essi avrebbero dovuto intrattenere con gli ospedali psichiatrici. Riguardo a questi ultimi, infine, la legge 18 marzo 1968, n. 431, non andava oltre lo stabilire una serie di cifre, tra cui il numero massimo di posti letto per ogni singola struttura, individuato in 625, e i rapporti minimali tra personale sanitario, personale di assistenza sociale e degenti. Il proposito di creare «enti ospedalieri per l’assistenza psichiatrica» – così come previsto in origine dall’articolo 8 del ddl del 1967 – era stato invece del tutto abbandonato: gli ospedali rimanevano pertanto saldamente nelle mani delle province, degli enti pubblici di assistenza e beneficenza e degli istituti ecclesiastici civilmente riconosciuti, decisione destinata a suscitare non pochi malumori tra gli psichiatri italiani, che in maggioranza avrebbero probabilmente preferito l’istituzione, anche nel loro settore, dell’ente ospedaliero, alla stregua di quanto avvenuto nell’ambito degli ospedali “generali” con l’approvazione della legge 12 febbraio 1968, n. 132.

  • 141 Cfr. Atti del VI Congresso nazionale dell’AMOPI, Roma, 11 e 12 gennaio 1969, in “Bollettino dell’A (...)

124In anticipo di quasi un anno e mezzo sul previsto, l’11 e il 12 gennaio del 1969 si teneva a Roma, proprio per tentare un primo bilancio sugli effetti della mutata situazione giuridica, il VI Congresso nazionale dell’AMOPI, cui a quell’epoca risultava ormai iscritto circa il 95% dei medici degli OO.PP. italiani e dei servizi ad essi collegati. Il tenore propositivo degli interventi, tesi innanzitutto a valorizzare e a mettere in risalto le potenzialità della nuova normativa, denotava come la riforma – malgrado essa rappresentasse soltanto uno “stralcio” della ben più ampia ipotesi iniziale – fosse stata accolta in seno all’associazione con un certo entusiasmo, quasi si trattasse di una specie di atto liberatorio giunto a conclusione di un decennio di tentativi andati a vuoto e di occasioni mancate anche per l’oggettiva difficoltà di trovare un’intesa su una questione, come quella dell’assistenza psichiatrica, che si era rivelata essere al centro di interessi politici, amministrativi ed economici molteplici e spesso contrastanti. Non mancavano, naturalmente, malumori anche profondi verso questo o quel singolo aspetto della legge ma nel complesso era prevalente la soddisfazione per gli obiettivi raggiunti, e in particolar modo per la liberalizzazione dei ricoveri: una liberalizzazione ritenuta addirittura «favolosa», perché – come notava Mario Barucci nella sua relazione – grazie ad essa sarebbe stato finalmente possibile, per i cittadini italiani, «farsi curare in ospedale psichiatrico senza l’obbligo di mostrarsi pericolosi o scandalosi [e] di uscirne per proprio desiderio e non per concessione di un medico o per sentenza di un magistrato»141.

125Va precisato, d’altro canto, che proprio sul problema dei ricoveri aveva cominciato a focalizzarsi, già nelle settimane immediatamente successive all’approvazione della legge, l’attenzione del Consiglio direttivo dell’AMOPI. Una circolare interna del 3 aprile 1968 aveva caldamente raccomandato una pronta applicazione dell’articolo 4, «senza attendere disposizioni ulteriori da parte delle autorità sanitarie e della Magistratura», invito che pareva essere stato raccolto con discreta sollecitudine: in base ai dati forniti durante il Congresso, infatti, risultava che sulle 20.000 ammissioni in ospedale psichiatrico registrate in Italia tra il maggio e l’ottobre del 1968, quasi 4.000 erano avvenute su base spontanea e che inoltre, nello stesso periodo, molti ricoveri erano stati trasformati da “coatti” in “volontari”.

  • 142 OO.PP. di Torino, Direzione sanitaria, Progetto per la ristrutturazione degli ospedali psichiatric (...)

126A Torino, la nuova normativa, che peraltro – è bene puntualizzarlo – non aveva abrogato l’ordinamento giolittiano d’inizio secolo, offrì alla direzione sanitaria dei manicomi l’occasione per predisporre un articolato piano di ristrutturazione interna142. Esso prendeva le mosse dalla constatazione del «grave e graduale deterioramento» delle strutture assistenziali esistenti: dell’istituto di Savonera, «sorto con le caratteristiche del Ricovero» e rimasto tale nella sostanza, «fino a raggiungere un limite non tollerabile d’insufficienza persino igienica»; ma anche dell’ospedale di Collegno e di quello di via Giulio, che «nella prospettiva di un prossimo abbandono e[ra] stato lasciato gravemente deperire»; una situazione di progressivo declino ambientale, dunque, che secondo il direttore De Caro si ripercuoteva in termini negativi sulle attività terapeutiche, pregiudicando all’origine qualsiasi tentativo di migliorare il «regime istituzionale» e la qualità dei servizi ospedalieri. La soluzione proposta prevedeva in primo luogo il trasferimento in istituti idonei di tutti gli oltre mille e trecento pazienti giudicati non bisognosi di specifiche cure psichiatriche, misura che probabilmente avrebbe permesso da un lato di decongestionare gli affollatissimi locali dei manicomi e dall’altro lato di ridurre questi ultimi alle dimensioni massime stabilite dalla legge Mariotti. A tale scopo, però, si sarebbe resa necessaria anche una radicale riforma organizzativa, il cui cardine era rappresentato dalla separazione del «complesso ospedaliero in nove ospedali autonomi dal punto di vista sanitario».

127Difficilmente in quel momento l’Opera pia sarebbe stata in grado, anche ipotizzando una fattiva collaborazione da parte della Provincia, di mettere in pratica un programma di riassetto logistico ed amministrativo così complesso ed economicamente dispendioso, che richiedeva oltretutto l’assunzione di circa 350 infermieri e di oltre 100 tra sanitari, psicologi e assistenti sociali. Di lì a qualche giorno, comunque, il repentino sopraggiungere della contestazione antimanicomiale avrebbe fatto mutare la situazione, immettendo nel campo dell’assistenza psichiatrica nuovi soggetti e soprattutto contribuendo a dar voce ad istanze di cambiamento ben più radicali in confronto alla semplice razionalizzazione strutturale immaginata da De Caro.

Notes

1 A. Cañedo Cervera, S. Collina, Ero pazzo, scusa, ero pazzo davvero, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1997, p. 180.

2 A. Cañedo Cervera, S. Collina, Ero pazzo, scusa, ero pazzo davvero cit, p. 186.

3 Ivi, p. 187.

4 Ivi, p. 171.

5 Ivi, p. 172.

6 Legge 14 febbraio 1904, n. 36 “sui manicomi e sugli alienati”, art. 2, comma 2. In base alle disposizioni del successivo regolamento, approvato con il Regio Decreto 16 agosto 1909, n. 615, «il certificato [doveva] essere rilasciato da un medico esercente non vincolato da legami di parentela, entro il quarto grado civile, col malato o col direttore o proprietario del manicomio, né appartenente al manicomio stesso» (art. 38) e doveva attestare: «a) l’indole della infermità mentale, indicando i sintomi, l’origine, il decorso di essa; b) i fatti specifici enunciati in modo chiaro e particolareggiato, dai quali si deduc[esse] la manifesta tendenza dell’individuo a commettere violenza contro sé stesso o contro gli altri od a riuscire di pubblico scandalo; c) la necessità di ricoverare il malato in manicomio, attestando, ove occorr[esse], la necessità dell’immediato ricovero d’urgenza; d) la possibilità di trasportare l’alienato in manicomio per le condizioni fisiche in cui si trova[va] senza grave nocumento della sua salute» (art. 39). Quanto all’atto di notorietà, esso doveva risultare «dalle deposizioni giurate di quattro testimoni che [avessero] i requisiti di legge, che [fossero] riconosciuti come persone probe, degne di fede ed estranee alla famiglia dell’alienato, ma possibilmente dimoranti in prossimità della casa di quest’ultimo» (art. 40).

7 Goffman ha descritto gli effetti psicologici di tali “spoliazioni”: «l’insieme delle proprietà personali ha un particolare rapporto con il sé. L’individuo ritiene, di solito, di esercitare un controllo sul modo in cui appare agli occhi degli altri. Per questo ha bisogno di cosmetici, vestiti, e di strumenti per adattarli, aggiustarli e renderli più belli […]; in breve, l’uomo ha bisogno di un corredo per la propria identità per mezzo del quale poter manipolare la propria facciata personale […]. Ma, al momento dell’ammissione nelle istituzioni totali, l’individuo viene privato del suo aspetto abituale e del corredo e degli strumenti con cui conservarlo, soffrendo così di una mutilazione personale». Si veda E. Goffman, Asylums. Le istituzioni totali: la condizione sociale dei malati di mente e di altri internati, Einaudi, Torino 1968, pp. 49-50 (ed. or. Asylums. Essays on the social situation of mental patients and other inmates, Anchor Books, New York 1961).

8 “Regolamento Organico degli Ospedali Psichiatrici di Torino”, deliberato dal Consiglio di Amministrazione il 26 febbraio 1951 e omologato dal Ministero dell’Interno in data 14 maggio 1951, come da nota n. 26081/39, art. 193: «agli ispettori […] sono affidate le seguenti mansioni […]: provvedono al ritiro degli abiti e degli oggetti personali dei nuovi entrati, curandone con le dovute precauzioni igieniche la consegna al magazzino e alla disinfezione; custodiscono gli oggetti di minor valore e consegnano gli altri, dopo la registrazione, all’ufficio all’uopo designato dall’Amministrazione».

9 Nella cartella clinica di una donna al terzo ricovero, alla quale era stata diagnosticata una forma di schizofrenia paranoide, si può leggere ad esempio la seguente annotazione di un medico: «sarebbe dimissibile […]. Visto che il marito non vuol saperne di riprenderla, tenuto conto dei noti precedenti l’ammetto [al ricovero definitivo]». La cartella clinica è riportata in G. Petrone, Reinserimento sociale di degenti psichiatrici istituzionalizzati: analisi di un’esperienza, Tesi di specializzazione in Psicologia, Università degli Studi di Torino, Facoltà di Magistero, anno accademico 1972-1973, p. 204.

10 Cfr. D. De Caro, G. Gandiglio, E. Pascal, Il reparto aperto Villa Verde degli OO.PP. di Torino dopo tre anni di funzionamento, in “Annali di Freniatria e di Scienze Affini”, Edizioni Minerva Medica, Torino, vol. 77 n. 4, ottobre-dicembre 1964, pp. 455-474.

11 Cfr. G. Petrone, Reinserimento sociale di degenti psichiatrici istituzionalizzati: analisi di un’esperienza cit., pp. 59-60.

12 Naturalmente, l’abitudine di concedere ai ricoverati piccole ricompense in cambio di favori personali non era radicata soltanto tra gli infermieri di Torino. È stato ad esempio descritto un sistema raffinatissimo, in uso presso l’ospedale psichiatrico di Gorizia, «attraverso il quale l’infermiere di turno la notte si garantiva di essere svegliato ogni mezz’ora da un malato, per poter timbrare la sua scheda di presenza, così com’era d’obbligo. La tecnica consisteva nell’incaricare un malato di dividere il tabacco di una sigaretta dalle briciole di pane che vi erano state mescolate. L’esperienza aveva dimostrato che per questo lavoro di smistamento occorreva appunto mezz’ora, dopo di che il malato svegliava l’infermiere e riceveva in premio il tabacco». Si veda F. Basaglia (a cura di), L’Istituzione Negata: rapporto da un ospedale psichiatrico, Baldini&Castoldi, Milano 1998, p. 114.

13 Si veda Associazione per la lotta contro le malattie mentali (a cura di), La fabbrica della follia: relazione sul manicomio di Torino, Einaudi, Torino 1971, pp. 63-66.

14 Ivi, pp. 39 e 49.

15 In uno degli articoli in questione, Visita al manicomio di Collegno, pubblicato il 17 gennaio del 1966, si parlava ad esempio di malati contenuti, precisando però che, nonostante la fettuccia al polso, essi potevano «alzare le braccia per una trentina di centimetri» e sottolineando come un sedicenne, a dispetto delle sue tendenze aggressive e autolesive, fosse stato lasciato libero di circolare in refettorio con i compagni, «tenuto affettuosamente per un braccio da uno schizofrenico».

16 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 31.

17 Si tenga presente, tuttavia, che una tale tendenza era destinata a venir meno solo con la progressiva diffusione del manicomio ottocentesco e con lo sviluppo della psichiatria moderna. Nel caso del Piemonte sabaudo, ad esempio, ancora negli anni ’30 del 1800 si poteva registrare una marcata presenza di “insensati” sia negli ospizi sia all’interno delle prigioni. Al riguardo si veda: S. Montaldo, Manicomio e psichiatria nel Regno di Sardegna, 1820-1850, in AA.VV., Il Regio Manicomio di Torino: scienza, prassi e immaginario nell’Ottocento italiano, Edizioni Gruppo Abele, Torino 2007, pp. 15-16.

18 Cfr. L. Roscioni, Il governo della follia cit.

19 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima guerra mondiale, Tesi di Laurea in Storia del Risorgimento, Università degli Studi di Torino, Anno Accademico 2005/2006, p. 14.

20 G. Ajani, B. Maffiodo, La struttura e il bisogno: organizzazione interna ed evoluzione dell’istituzione manicomiale torinese nei secoli xvii e xix, in A. De Bernardi (a cura di), Follia, Psichiatria e Società, Franco Angeli, Milano 1982, p. 48.

21 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 36.

22 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima guerra mondiale cit., pp. 21-22.

23 Cfr. E. Shorter, Storia della Psichiatria: dall’ospedale psichiatrico al Prozac, Masson, Milano 2000, (ed. or. A History of Psychiatry: from the era of the Asylum to the age of Prozac, John Wiley & Sons, 1997).

24 M. Moraglio, Costruire il Manicomio cit., p. 60.

25 D. De Caro, G. Gandiglio, E. Pascal, Il reparto aperto Villa Verde degli OO.PP. di Torino dopo tre anni di funzionamento cit., in “Annali di Freniatria e di Scienze Affini”, p. 461.

26 Dei 789 pazienti ricoverati a Collegno nel 1963, ad esempio, soltanto 400 furono dimessi entro un mese mentre ben 234 rimasero internati per oltre un anno. A Villa Verde, invece, tra il giugno del 1963 e il maggio del 1964 soltanto in 9 casi su un totale di 730 ricoveri la degenza durò più di tre mesi. Cfr. D. De Caro, Analisi della situazione attuale e prospettive della assistenza ospedaliera psichiatrica nella provincia di Torino, Ospedali psichiatrici di Torino, 1968.

27 I dati inseriti nella Tabella 1 sono tratti da: Presidenza degli OO.PP. di Torino, Relazione informativa e programmatica al Presidente dell’Amministrazione provinciale di Torino, Ospedali Psichiatrici di Torino, 8 gennaio 1968.

28 D. Bonino, G. Gamna, Studio comparativo degli effetti della LSD 25 e della psilocibina in un gruppo di psicosi schizofreniche, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 77 n. 2, aprile-giugno 1964, pp. 127-128.

29 In merito si può vedere anche: G. Gamna, U. Fornari, L. Gobbi, F. Vercellino, G. Luciano, A. Fusari, Studio del valore diagnostico, psicopatologico e criminologico della LSD 25 in un gruppo di alcolisti cronici, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 79 n. 1, gennaio-marzo 1966, pp. 60-71.

30 D. Healy, The Creation of Psychopharmacology, Harvard University Press, London 2002, p. 182.

31 In quell’anno lo psichiatra tedesco Kurt Beringer aveva associato il comportamento indotto dalla mescalina alla psicosi schizofrenica. Cfr. K. Beringer, Der Meskalinrausch, Mongra, Gesamtgeb, 1927. Per un’esposizione divulgativa del problema si può vedere: V. Andreoli, Un Secolo di Follia, Rizzoli, Milano 2006, p. 157. Sulle psicosi indotte si veda anche: F. Alexander, S. Selesnick, Storia della Psichiatria, Newton Compton, Roma 1975, pp. 344-345 (ed. or. The History of Psychiatry, Estate Franz Alexander & Sheldon Selesnick, 1966) oppure L. Hollister, Chemical Psychoses: LSD and related drugs, Charles Thomas, Illinois 1968.

32 Cfr. D. Healy, The Creation of Psychopharmacology cit., p. 193.

33 Ivi, pp. 102-103.

34 L’imipramina era nota fin dal 1940 ma le sue proprietà nella cura della depressione erano state individuate soltanto nel 1957 dallo psichiatra svizzero Roland Kuhn.

35 Cfr. P. Black (a cura di), Drugs and the Brain, Johns Hopkins Press, Baltimore 1969, p. 174. Per I dati successivi al 1967: E. Shorter, Storia della Psichiatria cit., p. 275.

36 Si vedano in particolare: P. E. Bertoli, L. Cagliero, P. Cacciari, E. Pascal, Influenza della reserpina sull’attività ovarica, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 74 n. 4, dicembre 1961, pp. 572-575. P. E. Bertoli, L. Cagliero, P. Cacciari, E. Pascal, Influenza della clorpromazina sull’attività ovarica, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 75 n. 1, gennaio-marzo 1962, pp. 16-19. A. D’Alba, S. Dellarovere, E. Pascal, B. Treves, Risultati dell’impiego in psichiatria di un derivato del Tioxantene: il RO 4-0403, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 24-74 n. 2 , giugno 1961, pp. 204-212. G. Gandiglio, G. Gandiglio, E. Pascal, Sperimentazione clinica di un nuovo farmaco ad azione antidepressiva: RO 4-1575, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 75 n. 2, aprile-giugno 1962, pp. 234-243.

37 Si tenga presente che negli anni Sessanta la ricerca sulla trasmissione sinaptica tra neuroni del sistema nervoso centrale si trovava ancora nelle sue fasi iniziali e che i primi neurotrasmettitori (acetilcolina, noradrenalina, dopamina, serotonina) erano stati scoperti da poco. Al riguardo si può vedere la voce Neurotrasmettitori in: F. Barale, M. Bertani, V. Gallese, S. Mistura, A. Zamperini (a cura di), Psiche, Dizionario storico di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze, Einaudi, Torino 2007, vol. ii, pp. 743-748.

38 Robert Castel ha parlato a tale proposito di “prima medicina sociale”: «è falso pretendere che – salvo forse all’epoca dell’organicismo trionfante – la medicina mentale abbia trascurato le condizioni storiche e sociali che sono all’opera nella genesi della malattia: al contrario, esse sono la sua preoccupazione costante». R. Castel, L’ordine psichiatrico: l’epoca d’oro dell’alienismo, Feltrinelli, Milano 1980, p. 86 (ed. or. L’ordre psychiatrique: l’âge d’or de l’aliénisme, Les Editions de Minuit, Paris 1976).

39 Cfr. F. De Peri, Il medico e il folle: istituzione psichiatrica, sapere scientifico e pensiero medico fra Otto e Novecento, in Storia d’Italia, Annali 7, Einaudi, Torino 1984, p. 1069.

40 Esquirol, il più celebre tra gli epigoni di Pinel, riteneva addirittura che il manicomio, se posto nelle mani di un medico esperto, potesse rappresentare lo strumento terapeutico più efficace contro ogni forma di alienazione mentale. Cfr. J. E. Esquirol, Des Maladies Mentales considérées sous les rapports médical, hygiénique et médico-légal, Paris 1838, tomo II, p. 388.

41 F. Barale, M. Bertani, V. Gallese, S. Mistura, A. Zamperini (a cura di), Psiche, Dizionario storico di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze cit., p. 573.

42 M. Gillio, Per una storia del manicomio a Torino e Collegno dall’età carloalbertina alla prima guerra mondiale cit., pp. 94 e 95.

43 Ci si può fare un’idea circa le dimensioni di quel fenomeno se si considera che nell’ambito della campagna cerealicola del 1959-60 furono prodotti ben 535 quintali di grano e 25 di segale e che l’avena diede una resa per ettaro pari a circa 29 quintali a fronte di una media nazionale di soli 12-13. Cfr. Archivio Ospedali Psichiatrici di Torino [in seguito AOP TO], Verbali del consiglio di amministrazione dell’Opera pia ospedali psichiatrici [in seguito VCAOP], 1960, vol. ii, p. 106.

44 Colloquio dell’autore con il dottor Annibale Crosignani in data 3 marzo 2007.

45 D. De Caro, L’Ospedale psichiatrico, oggi e domani, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, vol. 24-74 n. 2, giugno 1961, p. 233.

46 OO.PP. di Torino, Direzione sanitaria, Progetto per la ristrutturazione degli Ospedali psichiatrici di Torino secondo i moderni indirizzi dell’assistenza e le nuove disposizioni legislative, Torino dicembre 1968, p. 17.

47 Ciò non significa che i manicomi torinesi costituissero un sistema economico chiuso e autosufficiente. C’erano invece rapporti frequenti e di varia natura con un discreto numero di imprese esterne e nel complesso quella manicomiale sembrava essere una realtà economicamente ben integrata sul territorio.

48 Archivio Generale della Provincia di Torino [d’ora in poi AGP TO], categoria 5, classe 07, fascicolo 1, «relazione riservata sull’assistenza agli infermi di mente nella provincia di Torino: rapporti fra la Provincia e l’Opera pia Ospedali Psichiatrici», p. 9.

49 “Regolamento del Servizio provinciale di assistenza psico-medico-sociale”, art. 1. Deliberazione 29 marzo 1960 n. 8-6569 approvato dalla GPA il 21 giugno 1960 n. 29656/3298.

50 Cfr. AGP TO, Verbali del Consiglio Provinciale [d’ora in poi VCP], 1957, vol. iii, p. 1 sgg.

51 Costituzione della Lega Italiana di Igiene e Profilassi Mentale. Resoconto ufficiale della seduta inaugurale. Bologna 19 ottobre 1924, in “Difesa Sociale”, II, novembre 1924, citato in: F. Cassata, Molti, Sani e Forti. L’eugenetica in Italia, Bollati Boringhieri, Torino 2006, p. 126.

52 Fonte: Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera, 1966. Si veda anche AGP TO, Categoria 5, classe 07, fascicolo 2, «relazione sull’attività dell’assessorato all’assistenza agli infermi di mente, ciechi e sordomuti e all’istruzione professionale dei minorati bisognosi».

53 Cfr. A. Lusso, Sintesi di 3 anni di funzionamento del Servizio di Assistenza, in “Minerva Medicopsicologica”, Edizioni Minerva Medica, Torino, vol. 2 n. 2, aprile-giugno 1961, pp. 43-44.

54 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 1.

55 A. Lusso, A. Cera Morbilli, Esperienze di lavoro nei Centri di lavoro protetto, in “Minerva Medicopsicologica”, vol. 7 n. 1, gennaio-marzo 1966, p. 27.

56 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 18.

57 Ibidem.

58 Ibidem.

59 Cfr. AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-445, «relazione sulla comunità alloggio di via Sostegno».

60 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 5.

61 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-445, «commissione igiene e sanità per lo studio dell’assistenza psichiatrica in provincia di Torino, relazione senza titolo» (1968), p. 7.

62 Cfr. A. Lusso, Indagini annuali sistematiche eseguite sulle scolaresche delle prime classi elementari della provincia di Torino, in “Minerva Medicopsicologica”, vol. 1 n. 1, settembre 1960.

63 Archivio Storico del Comune di Torino [di seguito ASC TO], Fondo Ente Comunale di Assistenza, Cartella 1060, Fascicolo 10, «riassunto dello studio “prospettive per l’apertura di un istituto neuropsicopedagogico provinciale”».

64 Archivio privato del dottor Annibale Crosignani (di seguito APC) «commissione provinciale per l’assistenza psichiatrica, relazione della sottocommissione giuridico-assistenziale».

65 Circolare del Provveditorato agli Studi di Torino n. 489 prot. n. 11042 del 22 novembre 1969, citata in Come si emarginano gli alunni nella provincia di Torino, in “Prospettive Assistenziali”, Torino, ottobre-dicembre 1972, n. 20.

66 S. Musso, Il lungo miracolo economico. Industria economia e società (1950-70), in Storia di Torino, IX, Gli anni della Repubblica, Einaudi, Torino 1999, p. 62.

67 D.P.R. 22 dicembre 1967 n. 1518, “Regolamento per l’applicazione del titolo III del D.P.R. 11 febbraio 1961 n. 264 relativo ai servizi di medicina scolastica”, art. 30. In precedenza, per l’assegnazione degli alunni alle classi speciali e differenziali si era fatto riferimento a due circolari del Ministero della Pubblica Istruzione: la n. 4525 del 9 luglio 1962, “Scuole speciali e classi differenziali”, e la n. 934 del 2 febbraio 1963, “Funzionamento delle scuole elementari speciali e delle classi differenziali”.

68 Provincia di Torino, L’assistenza psichiatrica extraospedaliera cit., p. 43.

69 Commissione igiene e sanità per lo studio dell’assistenza psichiatrica in provincia di Torino, Relazione senza titolo cit., p. 6.

70 I dati si trovano in G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera, supplemento del Notiziario dell’Amministrazione Sanitaria, Dicembre 1965, p. 191.

71 Modifiche alla legislazione psichiatrica erano state apportate in Australia, Canada, Egitto, Inghilterra, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Giappone, Messico, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, Svezia, Svizzera e USA.

72 Sulla ricezione della psicologia e della psicanalisi nella cultura italiana si può vedere il volume di L. Mecacci, Psicologia e Psicoanalisi nella cultura italiana del Novecento, Laterza, Roma - Bari 1998 (prima edizione in C. Stajano (a cura di), La cultura italiana del Novecento, Laterza, 1996). Il libro presenta inoltre un interessante resoconto della posizione del Partito Comunista italiano nei confronti di quelle discipline. Un testo più datato ma ancora fondamentale resta quello di M. David, La psicanalisi nella cultura italiana, Boringhieri, Torino 1970. Qualche informazione anche in R. Perron, Storia della psicanalisi, Armando Editore, Roma 1997 (ed. originale Histoire de la psychanalyse, Presses Universitaires de France, Paris 1988). Si tenga presente, infine, che nel 1923 anche la Società Freniatrica Italiana aveva preso posizione contro le tesi di Freud. Cfr. al riguardo gli Atti del Congresso di Roma, in “Rivista Sperimentale di Freniatria”, 1924.

73 G. Jervis, Introduzione a: A. B. Hollingshead, F. C. Redlich, Classi sociali e malattie mentali, Einaudi, Torino 1965, p. lv (ed. or. Social class and mental illness, Wiley, New York 1958).

74 Così, ad esempio, si erano espressi al riguardo Tanzi e Lugaro: «la legge del 1904, elaborata da Giolitti, più che gl’interessi degli alienati sembra avere a cuore l’avarizia o l’ingordigia delle amministrazioni pubbliche e degli speculatori privati». In E. Tanzi, E. Lugaro, Trattato delle malattie mentali, Società Editrice Libraria, Milano 1916, p. 818.

75 Cfr. G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera cit., pp. 19-105.

76 G. Giannelli, V. Raponi (a cura di), Libro Bianco sulla Riforma Ospedaliera cit., p. 178.

77 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, Supplemento al “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, anno IV, n. 2, marzo 1966, pp. 5-7.

78 Informazioni più dettagliate sulla sede di Grugliasco nel periodo della guerra e negli anni della ricostruzione in M. Moraglio, Costruire il manicomio cit., pp. 142-145.

79 “La Stampa”, Un dramma nella crisi degli ospedali: il manicomio femminile di via Giulio, 9 aprile 1965 ; “La Stampa”, Una vergogna per la città, 21 aprile 1965.

80 Cfr. A. Castagnoli, Le istituzioni locali e le classi dirigenti dal dopoguerra alla metà degli anni Ottanta, in Storia di Torino, IX, Gli anni della Repubblica cit., pp. 103-155.

81 AGP TO, VCP, 1965, vol. ii, p. 1.867.

82 La frase è di Luciano Brean – responsabile delle questioni legate alla salute per il gruppo consiliare comunista della Provincia di Torino– e fa parte di un articolo pubblicato il 6 febbraio del 1966 su “l’Unità”, intitolato I matti con due nasi del ministro di Sanità.

83 AGP TO, VCP, 1966, vol. iii, p. 7.512.

84 Ivi, p. 7.526. Nonostante l’accordo, il giudizio dei comunisti sul nuovo ospedale restava del tutto negativo: «noi abbiamo raggiunto – proseguiva Brean – la maturata convinzione che quest’ospedale, così com’è collocato e così com’è previsto nel suo funzionamento, prima di tutto non risolve nessuno dei problemi di fondo, né attuali né in prospettiva, della nostra assistenza psichiatrica. In secondo luogo non ci avvia verso una reale proiezione […] fuori dall’ospedale, com’era invece nei programmi di tutti i settori del Consiglio e com’è ormai doveroso per una corretta applicazione della moderna medicina scientifica».Ivi, p. 7.543.

85 Al riguardo si veda: E. Balduzzi, Parigi 1964. Considerazioni e commenti sull’evoluzione assistenziale della psichiatria francese, in “Neuropsichiatria”, anno XIX, Genova, luglio-settembre 1963, fasc. 3. Informazioni utili anche in APC, P. Paumelle, L’organizzazione del lavoro di équipe nel XIII arrondissement di Parigi, relazione dattiloscritta, Parigi 1966.

86 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, Supplemento al “Bollettino dell’AMOPI” cit., p. 20.

87 Ivi, p. 12.

88 G. Padovani, L’evoluzione dell’ospedale psichiatrico, in Processo al Manicomio (Atti del Convegno nazionale di Psichiatria Sociale, Bologna 24-26 aprile 1964), Leonardo Edizioni Scientifiche, Roma 1964, p. 37.

89 Ivi, p. 39. Si deve peraltro notare che le tesi di Padovani, pur ostili al settore, erano state accolte nella mozione finale, in cui si legge: «il Convegno Nazionale di Psichiatria Sociale […] ha innanzitutto posto in rilievo l’alto contributo d’insegnamento, di ricerca e di successi terapeutici che l’Ospedale Psichiatrico ha portato alla Scienza e alla Società […]»; e più avanti, in stridente contraddizione: «il Convegno si è espresso quindi in favore dell’organizzazione dei servizi psichiatrici sulla base del “settore territoriale”, rapportato a una popolazione che […] non superi comunque i 100.000 abitanti e nel quale si attui l’operatività dell’équipe nelle varie istituzioni preposte all’assistenza». Cfr. Processo al Manicomio cit., pp. 1-2.

90 Secondo Padovani l’ospedale avrebbe dovuto letteralmente «prolungarsi nella collettività mediante i suoi servizi extraospedalieri». Cfr. G. Padovani, L’evoluzione dell’ospedale psichiatrico cit., p. 37.

91 D. De Caro, Realizzazioni e prospettive dell’assistenza psichiatrica ospedaliera ed extraospedaliera nella provincia di Torino, in Atti del Convegno sulle realizzazioni e prospettive in tema di organizzazione unitaria dei servizi psichiatrici (Varese, 20-21 marzo 1965), La Tipografica Varese, Varese 1965, p. 163.

92 Le Giornate psichiatriche di Sainte-Anne erano state organizzate dalla neonata Union des médecins français per fare il punto sullo stato dell’assistenza psichiatrica francese all’indomani della guerra. Oltre al principio dell’unità e indivisibilità – enunciato da Georges Daumézon nel suo rapporto su le psychiatre dans la société – in quell’occasione era apparso per la prima volta il termine “settore”: « Je me souviens – ha raccontato in proposito Lucien Bonnafé, cui si deve appunto l’idea di settore psichiatrico – qu’à ce moment-là je prends la craie et, comme on enseigne les mathématiques modernes, je trace un ensemble dans le département, une zone, un secteur de population […], un secteur de population ici, l’hôpital est ici, un autre secteur de population ici […]. La nouvelle responsabilité du médecin des hôpitaux psychiatriques n’est plus la responsabilité hospitalière, elle est la charge de l’organisation de santé mentale dans un territoire donné, dans un secteur donné, et c’est comme ça que l’idée de psychiatrie de secteur a été parlée la première fois ». La citazione è tratta da: F. Fourquet, L. Murard, Histoire de la psychiatrie de secteur, Recherches, Paris 1980 (prima ed. 1975), p. 86.

93 Si segnalano qui : H. Duchêne, Tâches d’hygiène mentale dans la psychiatrie de secteur, in “Information Psychiatrique”, 35, 89, 1959 ; L. Bonnafé, G. Daumézon, Pour réfléchir à la relation médecin malade dans le futur service psychiatrique de secteur, in “Information Psychiatrique”, 35, 41, 1959. Per una bibliografia più completa si rinvia a C. Coen Giordana, M. Barucci, F. Mori, Considerazioni a proposito di una moderna organizzazione assistenziale psichiatrica e di sanità mentale (organizzazione a settore topografico), in “Neuropsichiatria”, anno XIX, Genova, aprile-giugno 1963, fasc. 2.

94 Cfr. ad esempio : A. Baker, R. Davies, P. Sivadon, Services psychiatriques et architecture, in “Cahiers de Santé publique”, n. 1, Organisation Mondiale de la Santé, Genève 1960.

95 C. Coen Giordana, Assistenza psichiatrica e organizzazione settoriale, in “Neuropsichiatria”, anno XXI, gennaio-marzo 1965, fasc. 1, p. 173.

96 Alla presidenza era stato eletto Ferdinando Barison, direttore dell’ospedale psichiatrico di Padova; la segreteria nazionale era stata affidata a Mario Barucci, anch’e gli settorialista della prima ora. Attraverso le “osservazioni e proposte dei medici degli ospedali psichiatrici italiani sui problemi della riforma psichiatrica”, documento del gennaio 1964, l’AMOPI aveva reso ufficiale la sua adesione alla politica di settore: «debbono essere riformati i servizi psichiatrici e non solo gli ospedali […]. Infatti, principio basilare della moderna assistenza psichiatrica […] è quello dell’unità e indivisibilità della profilassi, della cura […] e dell’assistenza para e post ospedaliera delle malattie mentali. Ne segue che l’ospedale deve essere inteso soltanto come momento o tappa non sempre indispensabile dell’assistenza psichiatrica». Cfr. E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, Supplemento al “Bollettino dell’AMOPI” cit., p. 20.

97 E. Balduzzi, Significato e scopi dell’assistenza psichiatrica unitaria, in Atti del Convegno sulle realizzazioni e prospettive in tema di organizzazione unitaria dei servizi psichiatrici cit., p. 33. L’autore attribuisce l’affermazione ai dottori Simonetti e Muratorio, della clinica psichiatrica di Pisa.

98 G. Padovani, Unità dei servizi psichiatrici e organizzazione settoriale, in “Neuropsichiatria”, anno XIX, luglio-settembre 1963, fasc. 3, p. 579.

99 Nel corso della Seconda guerra mondiale, l’ospedale psichiatrico di Saint-Alban, situato nel dipartimento della Lozère, nel cuore del Massiccio centrale, si era contraddistinto per il grande impegno profuso nella resistenza contro gli occupanti tedeschi. Al suo interno operavano medici antifascisti come François Tosquelles, esule catalano fuggito dalla Spagna dopo la vittoria di Franco, Lucien Bonnafé, militante comunista, Paul Balvet e più tardi anche Jean Oury. Sotto l’influenza degli scritti di Hermann Simon sulla “terapia più attiva”, nell’ospedale erano state organizzate attività riabilitative di stampo socio-psico-terapico basate sulla creazione di clubs, strutture di «raggruppamento orizzontale» contrapposte all’organizzazione gerarchica tradizionale e concepite come strumenti di autogestione della vita quotidiana ad uso dei malati; parallelamente al lavoro interno di désaliénation, cioè di liberalizzazione dell’ambiente ospedaliero e di umanizzazione dei rapporti tra personale curante e degenti, era andata sviluppandosi anche una forma di assistenza esterna simile a quella che più tardi sarebbe divenuta parte integrante della politica di settore, un’assistenza di tipo domiciliare e ambulatoriale, «une espèce de travail migrant – come l’ha descritta Bonnafé – qu’on a appelé la géopsychiatrie». Cfr. F. Fourquet, L. Murard, Histoire de la psychiatrie de secteur cit., p. 69. Si vedano anche: M. C. George, Y. Tourne, Le Secteur Psychiatrique, Presses Universitaires de France, Paris 1994; J. Ayme, La Psychothérapie institutionnelle: origine, histoire, tendances, in AA.VV., Pratiques institutionnelles et théorie des psychoses, l’Harmattan, Paris 1995 ; G. Daumézon, Comparsa e sviluppo della nozione di settore in Francia, in Processo al Manicomio cit., pp. 217-231.

100 C. Coen Giordana, M. Barucci, F. Mori, Considerazioni a proposito di una moderna organizzazione assistenziale psichiatrica e di sanità mentale (organizzazione a settore topografico), in “Neuropsichiatria” cit., p. 343. La questione è trattata anche in: C. Coen Giordana, M. Barucci, Ancora sull’unità dei servizi psichiatrici e sull’organizzazione settoriale, in “Neuropsichiatria”, anno XIX, ottobre-dicembre 1963, fasc. 4.

101 L. Sinisi, Organizzazione psichiatrica ospedaliera: nuovi concetti ed orientamenti generali, in “Neuropsichiatria”, anno XXII, gennaio-marzo 1966, fasc. 1, p. 159. Il medesimo concetto è ripreso da G. B. Belloni, Strutture e strumenti dell’assistenza psichiatrica, in Atti precongressuali del XXX Congresso nazionale della Società Italiana di Psichiatria, Milano, 12-17 ottobre 1968, p. 53.

102 Cfr. C. Nobile, L’igiene mentale, il settore, l’AMOPI, in “Bollettino dell’AMOPI”, anno IV, n. 1, gennaio 1966; G. Faiella, Il punto di vista dei Centri d’igiene mentale, in “Neuropsichiatria”, anno XXI, gennaio-marzo 1965, fasc. 1.

103 Cfr. G. Sogliani, B. Milani, S. Bernardi, Esperienze e prospettive di assistenza psichiatrica globale, in Processo al Manicomio cit., p. 193. Sull’organizzazione dei Centri d’igiene mentale si rimanda agli Atti del primo Convegno nazionale per i Centri d’igiene mentale: Torino, 16-17 maggio 1957, Minerva Medica, Torino 1960.

104 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive, in Atti del Convegno sulle realizzazioni e prospettive in tema di organizzazione unitaria dei servizi psichiatrici cit., p. 145.

105 Ibidem.

106 Ibidem.

107 Ivi, p. 146.

108 E. Balduzzi, Psichiatria di comunità e politica di settore, in Atti del Colloque de Courchevel (25, 26, 27 marzo 1968), pubblicati in “Note e riviste di psichiatria”, anno LXI, fasc. 1, gennaio-marzo 1968, p. 137.

109 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive cit., p. 132.

110 F. Basaglia, Conferenze brasiliane, Raffaello Cortina Editore, Milano 2000, p. 155.

111 Ivi, pp. 155-156.

112 M. Colucci, P. Di Vittorio, Franco Basaglia, Bruno Mondadori, Milano 2001, p. 22.

113 Per un profilo, anche biografico, delle figure di Ludwig Binswanger e di Karl Jaspers si rimanda alle voci corrispondenti in: F. Barale, M. Bertani, V. Gallese, S. Mistura, A. Zamperini (a cura di), Psiche: dizionario storico di psicologia, psichiatria, psicoanalisi e neuroscienze cit., pp. 152-155 e 600-603.

114 Le testimonianze cui ci si riferisce sono quelle di Agostino Pirella (in A. Pirella, Il giovane Basaglia e la critica della scienza, in AA.VV., Franco Basaglia, una teoria e una pratica per la trasformazione, numero speciale di “Sapere”, Dedalo, Bari, novembre-dicembre 1982, n. 851) e di Stefano Mistura (in S. Mistura, Introduzione a E. Minkowski, La schizofrenia, Einaudi, Torino 1998, ed. or. La schizophrénie. Psychopathologie des schizoïdes et des schizophrènes, Paris 1927): ad entrambe si fa cenno in M. Colucci, P. Di Vittorio, Franco Basaglia cit., pp. 44-45.

115 I saggi citati si trovano in: F. Basaglia, Scritti, vol. i, Einaudi, Torino 1981.

116 Cfr. M. Colucci, P. Di Vittorio, Franco Basaglia cit., p. 75.

117 F. Basaglia, La giustizia che punisce, appunti sull’ideologia della punizione, in ID., Scritti, vol. ii, Einaudi, Torino 1982, p. 185. Il brano citato fa parte di una relazione tenuta da Basaglia all’VIII Convegno nazionale dei comitati d’azione per la giustizia, pubblicata originariamente in “Quale Giustizia”, 9-10, La Nuova Italia, Firenze, 1971.

118 F. Basaglia, Prefazione a M. Marsigli, La Marchesa e i demoni. Diario da un manicomio, Feltrinelli, Milano 1973, in ID., Scritti, vol. ii cit., p. 212.

119 F. Basaglia, Appunti di psichiatria istituzionale, in ID., Scritti, vol. ii cit., p. 61; pubblicato in origine in “Recenti progressi in medicina”, 46, 5, 1969.

120 Come ha osservato giustamente Schittar, la comunità terapeutica non può «essere ridotta in schemi rigidi»; tuttavia, «essa trova la sua prima essenza nello […] sfruttamento a fini terapeutici di tutte le risorse dell’istituzione, concepita […] come un insieme organico non gerarchizzato di medici, pazienti e personale ausiliario». Cfr. L. Schittar, L’ideologia della comunità terapeutica, in F. Basaglia (a cura di), L’istituzione negata, rapporto da un ospedale psichiatrico cit., p. 159.

121 Nel 1796 il quacchero William Tuke aveva aperto presso la città di York un “Ritiro” per alienati divenuto celebre, attraverso gli scritti di Samuel Tuke, nipote del fondatore, per il regime di libertà che vi regnava e per l’uso limitato delle costrizioni fisiche. John Conolly deve invece la sua popolarità, prima ancora che ai metodi liberali con cui aveva diretto l’ospedale di Hanwell, alla pervicacia mostrata, durante tutta la sua vita, nel difendere i principi del no-restraint, vale a dire di un trattamento dei malati mentali di tipo umano, non violento e slegato dall’uso dei mezzi di contenzione. Al riguardo si veda: A. Pirella, D. Casagrande, John Conolly, dalla filantropia alla psichiatria sociale, in F. Basaglia (a cura di), Che cos’è la psichiatria, Baldini&Castoldi, Milano 1997 (prima ed. Amministrazione provinciale di Parma, 1967).

122 Cfr. M. Jones, Ideologia e pratica della psichiatria sociale, Etas Kompass, Milano 1970, p. 26 (ed. or. Social Psychiatry in Practice, Penguin Books, Harmondsworth, Middlesex 1968).

123 Si allude in particolare alla legge istitutiva del servizio sanitario nazionale, il National Health Service Act (1946) e al successivo New Mental Health Act (1959). Ivi, pp. 37-44.

124 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive cit., p. 133. Con il termine “istituzionalizzazione” Basaglia intendeva riferirsi al «complesso di danni derivati da un lungo soggiorno coatto quale quello nell’ospedale psichiatrico, quando l’istituto si basi su principi di autoritarismo e di coercizione». Ivi, p. 129.

125 Ivi, p. 140.

126 F. Basaglia, La Comunità Terapeutica come base di un servizio psichiatrico: realtà e prospettive cit., p. 144.

127 F. Basaglia, Conferenze Brasiliane cit., p. 111.

128 G. Jervis, Il buon rieducatore. Scritti sugli usi della psichiatria e della psicanalisi, Feltrinelli, Milano 1977, p. 20-22.

129 F. Basaglia, Le istituzioni della violenza, in ID. (a cura di) L’istituzione negata, rapporto da un ospedale psichiatrico cit., p. 149.

130 Sul tema si veda, tra gli altri, F. Basaglia, La maggioranza deviante, in ID. Scritti, vol. ii cit.

131 F. Basaglia, Le istituzioni della violenza, in ID. (a cura di) L’istituzione negata, rapporto da un ospedale psichiatrico cit., pp. 147-149.

132 Nel settembre del 1968 un ricoverato in permesso di libera uscita aveva ucciso la moglie a colpi di scure. Al momento del fatto Basaglia si trovava all’estero per ragioni di studio. Rinviato a giudizio, sarebbe stato poi assolto con formula piena.

133 Sulla figura di Mario Tommasini si rimanda a F. Ongaro Basaglia, Vita e carriera di Mario Tommasini burocrate proprio scomodo narrate da lui medesimo, Editori Riuniti, Roma 1991.

134 Pubblicato in F. Basaglia, Crimini di pace, in ID., Scritti, vol. II cit., pp. 261-262.

135 Per una disamina critica di alcuni di essi si rinvia a G. Pantozzi, Storia delle idee e delle leggi psichiatriche, Erickson, Trento 1994 e a P. G. Levi, A. Levi Tomassetti, Considerazioni sui progetti di legge per la riforma della legislazione italiana per la cura e la profilassi delle malattie mentali, in “Neuropsichiatria”, anno XVI, ottobre-dicembre 1960, fasc. 1.

136 L’articolo 53 del “Regolamento sui manicomi e sugli alienati”, approvato con Regio Decreto 16 agosto 1909, n. 615, contemplava la possibilità di ricovero volontario, ma solo per «individui maggiorenni» e coscienti «del proprio stato di alienazione parziale di mente». In quei casi al direttore del manicomio era data facoltà, in condizioni di assoluta urgenza e sotto la sua personale responsabilità, di «ricevere» tali individui «provvisoriamente in osservazione». Scaduti i termini di legge, però, i volontari dovevano essere dimessi oppure internati definitivamente come coatti.

137 Era stato il codice “Rocco” (articolo 604) a stabilire l’obbligo di iscrizione al casellario giudiziale per i provvedimenti di ricovero definitivo in manicomio.

138 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico, Supplemento al “Bollettino dell’AMOPI” cit., p. 41.

139 E. Balduzzi, M. Barucci, G. Zeloni (a cura di), Tecniche e Costume del Rinnovamento Psichiatrico cit., p. 43.

140 M. Barucci, G. Zeloni, M. Palazzuoli, l’Assistenza psichiatrica italiana cerca ancora la sua legge, Supplemento al “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, anno V, n. 5, settembre 1967, p. 13.

141 Cfr. Atti del VI Congresso nazionale dell’AMOPI, Roma, 11 e 12 gennaio 1969, in “Bollettino dell’AMOPI”, anno VII, n. 1, febbraio 1969, p. 11.

142 OO.PP. di Torino, Direzione sanitaria, Progetto per la ristrutturazione degli ospedali psichiatrici di Torino secondo i moderni indirizzi dell’assistenza e le nuove disposizioni legislative cit.

Table des illustrations

Légende Grafico 1: popolazione ricoverata negli OO.PP. torinesi tra il 1874 e il 1968
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 108k
Légende Grafico 2: popolazione ricoverata negli OO.PP. torinesi tra il 1957 e il 1968
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 88k
Légende Grafico 3: entrati-dimessi/deceduti nei manicomi a regime chiuso
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 118k
Légende Tabella 1 personale dipendente negli OO.PP. torinesi dal 1957 al 1967
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 56k
Légende Tabella 2: prestazioni erogate dal CIM tra il 1958 e il 196552
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 135k
Légende Tabella 3: alunni frequentanti le classi speciali montessoriane della provincia di Torino alla fine del 1966
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 122k
Légende Tabella 4: minori ricoverati in istituti a spese della Provincia di Torino dal 1952 al 1966
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/131/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 98k

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search