Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA UNIVERSITARIA ALLA BIBLIOTECONOMIA E ALLE BIBLIOTECHE: RASSEGNA DELLE RICERCHE PRESENTATE AL SEMINARIO. CONFRONTI E PROSPETTIVE

Maria Teresa Biagetti

Maria Teresa Biagetti

Texte intégral

1Nell’ambito del gruppo di lavori che mi sono stati assegnati, ho individuato sostanzialmente due filoni, che rappresentano altrettante aree di sviluppo della Biblioteconomia, concepita come un vasto campo disciplinare, all’interno del quale trovano spazio anche le riflessioni sul ruolo delle biblioteche nel contesto della società dell’informazione e nell’ambito del quale si possono mettere in evidenza elementi di raccordo con la Scienza dell’informazione.

  • 1 Le slides della conferenza di Paola Gargiulo, Gestione dei dati della ricerca e il ruolo delle bibl (...)

2Il primo filone di ricerche è connesso alle nuove funzioni che le biblioteche e i bibliotecari possono assumere nella gestione dei dati delle ricerche scientifiche, in relazione al configurarsi di un nuovo scenario scientifico, la E-Science, E-Research, o Cyberinfrastructure. Desidero subito citare la conferenza tenuta il 19 aprile 2013 da Paola Gargiulo (CINECA, ex CASPUR), proprio su questo tema, e sul ruolo che le biblioteche e i bibliotecari possono svolgere nell’ambito della E-Science, per il ciclo di conferenze di Biblioteconomia e Scienza dell’informazione da me curato (Biblioteche, libri, documenti: dall’informazione alla conoscenza).1 In vari campi disciplinari — dalle scienze esatte come Astronomia e Fisica, alle scienze umane e sociali, come Sociologia, Archeologia e Storia dell’arte — si ricorre sempre più spesso all’uso di reti condivise di strumenti per l’elaborazione e il calcolo, strumenti così costosi che non potrebbero essere sostenuti da alcuna istituzione da sola. La E-Science comporta quindi la condivisione degli strumenti per la ricerca, delle bibliografie, ma soprattutto dei dati e dei risultati ottenuti, e il loro riuso. Essa si basa su sistemi GRID (Grid computing), infrastrutture per il calcolo distribuito, che consentono di condividere le risorse per l’elaborazione complessa di dati quantitativamente rilevanti. In particolare, gli scienziati manifestano la necessità di condividere, e poter riusare, i dati derivanti da ricerche molto costose: dati provenienti da ricerche sperimentali che hanno bisogno di ingenti risorse economiche (come per le sequenze dei geni), oppure dati provenienti da simulazioni (come i dati climatici), i risultati di data mining, ecc. Oltre ai risultati in sé, i dati delle ricerche sono costituiti da tutti gli appunti, i diari di lavoro, le interviste nella versione completa, le collezioni di immagini acquisite durante le ricerche, ma anche da software, algoritmi, flussi di lavoro, e tutti i dati raccolti durante l’esecuzione di un progetto di ricerca, a partire dal bando per il finanziamento. Si tratta di una massa di dati che, se vengono organizzati e strutturati, costituiscono informazioni e producono conoscenza. Sono coinvolte in quest’attività le problematiche legate alla cura dei dati (data curation): descrizione con metadati, archiviazione e gestione, condivisione e riutilizzo; e alla preservazione dei dati (data preservation): preservazione a lungo termine, migrazione dei dati in formati più adatti, metadati gestionali e amministrativi.

3Negli USA, in Gran Bretagna e nell’Europa del nord, sta prendendo vita la figura del bibliotecario-gestore dei dati della ricerca, il data librarian, che lavora a stretto contatto con i ricercatori di una università, ad esempio, a supporto sia dell’attività di ricerca, selezionando gli articoli scientifici rilevanti per i ricercatori, come già faceva in realtà il documentalista, che realizzava la disseminazione selettiva dell’informazione. Ma all’attività tradizionale del documentalista, si affianca oggi la consulenza relativamente alla valutazione della ricerca e all’uso di strumenti bibliometrici, alla pubblicazione dei dati in depositi istituzionali o in riviste ad accesso aperto, e la consulenza sui problemi legati al diritto d’autore. Inoltre, il data librarian fornisce consigli sui formati da adottare, sugli strumenti di storage e sulle modalità di preservazione.

4In questo ambito di ricerche internazionali, si inseriscono due lavori di tesi di Master: la prima tesi si immette proprio nella scia delle tematiche che ho appena illustrato, e sottolinea il coinvolgimento dei bibliotecari e delle biblioteche nella gestione dei dati della ricerca scientifica. Si tratta della tesi di Master di II livello di Ewelina Melnarowicz, Because research data matters – a case at the Loughborough University Library - Il valore dei dati della ricerca: il caso della Loughborough University Library. Il lavoro affronta il tema della gestione dei dati delle ricerche scientifiche e dei ruoli e delle responsabilità coinvolti nella gestione dei dati, presentando l’analisi dell’attività svolta dalla biblioteca della Loughborough University (UK). La ricerca si fonda su un approccio qualitativo, ed è stata basata su interviste realizzate attraverso e-mail e videoconferenze; sono stati individuati come obiettivi sia l’esplorazione dei servizi di supporto alla gestione di dati della ricerca, che l’analisi dei ruoli, delle responsabilità e delle attività di lavoro, che la valutazione dei risultati delle attività intraprese. Per quanto riguarda i servizi di supporto alla gestione di dati della ricerca, nella università oggetto di studio, sono emersi sia il ruolo della biblioteca nella gestione dei dati, sia i problemi legati alla privacy delle ricerche e alla proprietà e alla custodia dei dati.

5Le risposte alle interviste hanno evidenziato la necessità di coordinare i processi di gestione dei dati, di stilare linee guida per accedere e riutilizzare i dati della ricerca, di fornire supporto ai ricercatori per l’archiviazione dei propri dati, e infine di designare quali responsabili per la gestione dei dati le biblioteche oppure gli uffici dell’Università che si occupano della ricerca.

6La trasformazione e l’arricchimento del ruolo dei bibliotecari è un tema attuale, che è stato toccato anche dalla tesi di laurea Magistrale di Stefano Passerini, L’Information Literacy nelle biblioteche universitarie italiane. La tesi affronta il tema del ruolo attivo che dovrebbero avere in particolare le biblioteche degli atenei nell’apprendimento permanente e nell’ acquisizione da parte degli utenti di competenze adatte a ritrovare, valutare e utilizzare le informazioni, cioè l’Information Literacy. Il ruolo dei bibliotecari si arricchisce di un’attività che contempla anche la formazione e la guida per gli utenti nell’acquisizione di specifiche capacità di ricerca e valutazione delle informazioni disponibili in rete, attraverso l’uso di OPAC e banche dati, ad esempio.

7La seconda tesi di Master incentrata sullo sviluppo della E-Science, intende applicare anche al settore umanistico il paradigma della E-Science, creando spazi di collaborazione tra gli studiosi, e individua la possibilità che le biblioteche digitali si offrano come co-laboratori per gli studiosi di scienze umanistiche. L’obiettivo della tesi di Andrea Zanni, Collaboratory Digital Libraries for Humanities in the Italian Context, è infatti quello di «[...] analizzare la possibilità di creare biblioteche digitali collaborative quali laboratori collettivi per le scienze umanistiche nel contesto italiano». Una collaboratory digital library è uno spazio per la collaborazione nelle ricerche, ed avrà bisogno quindi di strumenti per permettere la comunicazione tra i membri della comunità scientifica di riferimento. Concretamente, Zanni si propone di creare una biblioteca digitale di tipo collaborativo per il settore umanistico, adottando la modalità wiki, che consente la realizzazione dell’editing in forma cooperativa. È stata seguita una metodologia di tipo qualitativo, basata su focus groups e interviste a studiosi italiani del campo umanistico, tra i quali Umberto Eco, e cinque studiosi di Filologia e Letteratura. Nell’analisi viene messo in evidenza come gli umanisti siano più rispettosi dell’authorship, desiderino mantenere il dominio sui loro studi, e sulle proprie interpretazioni, e siano particolarmente attenti alla problematica della proprietà intellettuale. Il modello di biblioteca digitale collaborativa proposto si avvicina al Virtual Research Environment, il modello più usato in campo umanistico: uno spazio che offre anche servizi di annotazione ai testi, e tools per lavorare sui testi. Le risposte ottenute durante la ricerca sono state sostanzialmente positive, e si è dimostrata la possibilità di realizzare una digital library collaborativa, strutturata in diversi strati e molteplici servizi, ciascuno indipendente e opzionale, lasciando quindi alle diverse comunità di studiosi la possibilità di decidere se usarlo. Alla base vi sono i documenti digitalizzati, cui si aggiunge la possibilità di trascriverli applicando anche software OCR, di interpretarli (funzionalità importante, ad esempio, per la comunità dei filologi), darne un’edizione (nel caso di manoscritti) in modo collaborativo, marcarli utilizzando TEI, realizzare i legami ipertestuali, e infine aggiungere la letteratura critica, i commenti e le annotazioni.

8Un secondo gruppo di ricerche si inserisce nel settore dedicato allo studio degli strumenti per l’organizzazione dei documenti in rete e per la migliore fruizione delle fonti pubblicate in rete, ed è rappresentato dalla tesi di Dottorato di ricerca di Salvatore Vassallo e dalla tesi di Master di I livello di Cristina Zuccaro.

9La tesi di Dottorato di Salvatore Vassallo, Frammenti semantici. Riflessioni su descrizioni archivistiche e web semantico: il caso dell’archivio Giovanni Testori, affronta la tematica della fruizione delle fonti pubblicate in rete, sia in ambito archivistico che in ambito bibliografico, cioè di fonti del patrimonio culturale di natura eterogenea, utilizzando strumenti nuovi, appartenenti al Semantic web, per l’organizzazione della conoscenza e dei documenti in rete, come le ontologie e le mappe topiche. Nel lavoro si esamina la possibilità di utilizzare le Topic Maps e lo standard ISO 13250 per gestire le descrizioni archivistiche, con l’applicazione ad un archivio personale, quello dello storico e critico letterario Giovanni Testori. Nello specifico, la Tesi si occupa di verificare se e come gli standard di descrizione archivistica (qui cito solo ISAD(G) e ISAAR) possano essere espressi con il Data Model di Topic Maps e quanto ciò sia appropriato al fine di immettere i dati archivistici direttamente nel Web semantico. In effetti, dedicandosi in larga parte alla descrizione archivistica, il lavoro diverge parzialmente dall’ambito di cui oggi ci occupiamo. Vassallo dedica attenzione, inoltre, alle possibilità offerte dalla tecnologia Topic Maps nell’ambito delle Scienze umane, ad esempio per gestire e mettere in relazione tipologie differenti di beni del patrimonio culturale, che possono presentare caratteristiche ed esigenze descrittive diverse: un esempio è CeDECA - Centro di documentazione etnografica e della cultura storico rurale dell’area appenninica.

10Questo elemento ci riconduce alla sperimentazione della descrizione integrata di documenti eterogenei: carte d’archivio, monografie, saggi, recensioni, e al delicato tema dell’interoperabilità semantica tra musei, archivi, biblioteche, che è l’argomento trattato nel lavoro di tesi finale e project work di Cristina Zuccaro, Il progetto di data integration del Centro internazionale di studi “Primo Levi”: modalità di restituzione sul Web di descrizioni relative al patrimonio documentario per un accesso integrato a risorse di natura eterogenea. La tesi analizza le difficoltà che si incontrano nell’approntare sistemi di descrizione comuni ad archivi, biblioteche e musei, a causa della diversa granularità richiesta dalle differenti tipologie di documenti, e studia le possibilità di applicazione delle tecnologie del Semantic web e dei linked data alla descrizione delle risorse eterogenee, appartenenti ad archivi e biblioteche. Il patrimonio culturale presente in rete è fruibile attraverso sistemi di ricerca diversi e interfacce diverse, e si ritiene necessario un accesso integrato alle descrizioni dei documenti e il raggiungimento di una maggiore interoperabilità tra risorse eterogenee. La convergenza tra musei, archivi e biblioteche sembra essere possibile se si utilizzano gli strumenti del Web semantico, ad esempio le ontologie, che definiscono esplicitamente i significati intesi. L’analisi viene condotta prendendo come riferimento il lavoro svolto per il Centro internazionale di studi “Primo Levi” di Torino, che raccoglie materiale documentario costituito dalle opere dell’autore, racconti, saggi, poesie, in italiano e altre lingue e da saggi critici sull’autore. Tipologie eterogenee di documenti, come articoli scientifici e carte d’archivio, sono state indicizzate utilizzando semplici parole chiave, che possono fornire una base per l’interoperabilità di tipo semantico. Sul versante della ricerca, l’utente potrà recuperare le opere a stampa, gli articoli, le recensioni, i saggi critici, attraverso i consueti canali di ricerca, e ritrovare, attraverso il canale tematico, per “opere” e per parole chiave, i documenti che fanno riferimento alle opere di Primo Levi.

Notes

1 Le slides della conferenza di Paola Gargiulo, Gestione dei dati della ricerca e il ruolo delle biblioteche: quali sfide e quali prospettive, sono disponibili sul sito del Dipartimento di Scienze documentarie, linguistico-filologiche e geografiche, alla pagina <http://libriedocumenti.pbworks.com/>, curata dal bibliotecario, dott. Fabrizio Ciolli.

Auteur

Sapienza Università di Roma

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search