Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

IL CONTRIBUTO DELLA RICERCA UNIVERSITARIA ALLA BIBLIOTECONOMIA E ALLE BIBLIOTECHE: RASSEGNA DELLE RICERCHE PRESENTATE AL SEMINARIO. CONFRONTI E PROSPETTIVE

Lorenzo Baldacchini

Lorenzo Baldacchini

Texte intégral

1Pur se considerata da qualcuno una sorta di “parente povero” della biblioteconomia, la storia delle biblioteche — mi verrebbe da chiedermi se sarebbe più opportuno usare il singolare, biblioteca, ma mi trattengo – è risultata invece presente in modo significativo nelle ricerche che sono state presentate al Seminario. È noto poi come questo campo di ricerca possa essere declinato in molti modi. Sappiamo che c’è una storia interna ed una esterna della biblioteca, che si possono privilegiare gli aspetti delle raccolte, della loro formazione e dello sviluppo, in base ad un determinato progetto culturale, che, soprattutto se visto sotto il profilo dell’istituzione che regge la biblioteca, diventa anche un disegno politico. E, last but not least, la storia dei professionals, i bibliotecari. Un tema specifico, anche se non del tutto separato, è rappresentato dalle biblioteche private. I principali esponenti delle nostre discipline hanno tutti dato contributi importanti nella discussione.

2Qualunque sia il taglio privilegiato da una ricerca in questo campo non si può negare che esistano dei momenti “topici” della storia delle biblioteche in Italia. Uno di questi è rappresentato senza dubbio dalle soppressioni e devoluzioni delle collezioni di enti e congregazioni religiose, tema che infatti attraversa come un filo rosso una buona metà della decina di lavori che mi sono stati affidati e che possono rientrare nella classe “Storia delle biblioteche” (si ricorda che si è scelto di escludere la storia del libro in quanto tema non strettamente biblioteconomico).

3In particolare i lavori di Ardolino, Bruni, Proietto, Sabba e Triglia (esattamente il 50%), analizzando collezioni che sono state ecclesiastiche, si incontrano inevitabilmente col momento delle soppressioni. Si tratta di ricerche che si basano tutte sulla ricognizione di vecchi inventari e cataloghi e, partendo quasi tutte da lavori che hanno avuto una diversa destinazione accademica — tesi triennali, magistrali, perfino vecchio ordinamento e di dottorato —, sono inevitabilmente di diverso livello e profondità.

  • 1 Per una ricostruzione e per una diagnostica bibliografica dell’antica raccolta libraria di Monterip (...)

4Quella di Fiammetta Sabba (Ricostruzione della biblioteca settecentesca del Convento di S. Francesco del Monte di Perugia), l’unica ad essere classificata come “libera ricerca”, è il tentativo di ricostruire la Biblioteca di San Francesco del Monte di Perugia. Si tratta, credo, dell’unico lavoro già oggetto di una pubblicazione1. Il lavoro non si limita ad analizzare la documentazione inventariale, cercando invece di formulare ipotesi di carattere generale e riflessioni sulla natura del lavoro bibliografico. Una di queste riflessioni merita di essere citata. La Sabba si spinge ad affermare che la bibliografia finisce per coincidere con la storia della cultura, come somma di documenti che diventano monumenti. Tesi magari non pienamente condivisibile, ma senza dubbio coraggiosa. Del resto la stessa autrice la stempera osservando che nessuna pubblicistica bibliografica segnala mai tutto. Ed è altrettanto vero, aggiungerei io, che neppure le biblioteche più ricche arrivano mai a possedere tutto. Ma qui forse andrebbe chiarito il valore che si vuole dare al termine cultura. Perché è certo che, se lo prendiamo in senso antropologico, una equivalenza con la bibliografia non sarebbe certo proponibile. A proposito delle soppressioni, il lavoro si sofferma su alcuni effetti, determinati da un certo zelo rivoluzionario giacobino, sulle collezioni incamerate dallo Stato.

5Una tesi di Dottorato è quella di Flavia Bruni (Dal convento di S. Pier Piccolo alla Biblioteca Città di Arezzo: un contributo agli studi di provenienza) che si occupa del percorso che ha portato 400 libri del convento servita di San Pier Piccolo a confluire nella Biblioteca della Città di Arezzo. Il rapporto diretto con tre inventari ha consentito di isolare alcune caratteristiche distintive delle raccolte, come le legature. Anche la gestione, in genere trascurata in questo tipo di ricerche, riceve qualche barlume di luce. I dati sulla classificazione dei libri e sulla censura, permettono anche di formulare qualche ipotesi sulle abitudini di lettura.

6L’analisi di fonti archivistiche e bibliografiche è pure alla base del lavoro di Enrico Pio Ardolino (Biblioteche monastiche soppresse: il caso della Basilica di S. Sebastiano alle catacombe di Roma, XVII-XIX sec.) sulla biblioteca della Basilica di San Sebastiano alle Catacombe di Roma, tesi di Diploma della Scuola di specializzazione in Beni archivistici e librari della Sapienza. Lo studio, che abbraccia il periodo dal Seicento alle soppressioni unitarie, si basa su un catalogo settecentesco posseduto dalla Nazionale romana e, attraverso le caratteristiche bibliologiche degli esemplari, arriva ad identificare quelli presenti nella Vittorio Emanuele II.

7Una tesi Magistrale discussa a Messina è quella di Ida Triglia (Il fondo antico della Biblioteca comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria: una riscoperta) sul fondo antico della Biblioteca comunale “Pietro Nava” di Reggio Calabria, circa 3000 volumi dal XVI al XIX secolo (ma c’è anche un incunabolo aldino, le Epistole e orazioni di santa Caterina, banco di prova del carattere corsivo). Anche qui si è rivelato fondamentale il confronto tra la ricognizione degli esemplari e i documenti presenti nell’Archivio della Biblioteca e nell’Archivio storico del Comune. Si sono potute rilevare provenienze dalle soppressioni e da donazioni: fatto comune a molte biblioteche civiche italiane, che solo molto di recente hanno cominciato ad incrementare le proprie raccolte grazie ad acquisti e quindi in base a scelte. Questo ci porterebbe ad amare riflessioni sulla loro effettiva “pubblicità”.

8Marcello Proietto (I libri delle biblioteche degli ordini francescani a Caltagirone in un catalogo a documento d’archivio), cultore della materia all’Università di Catania, si sofferma sui libri delle biblioteche francescane a Caltagirone, prendendo anche qui in esame un catalogo redatto dal consigliere delegato del Comune, prima deputato e poi presidente della Biblioteca comunale, e i documenti d’archivio. Il lavoro produce una serie di tabelle statistiche sulla natura bibliografica e tematica dei libri.

9Le altre ricerche, pur se molto diverse tra loro, hanno in comune il fatto di soffermarsi sul periodo postunitario. Anche qui abbiamo alcune interessanti tesi di Dottorato, come quella di Vittorio Ponzani (La biblioteca circolante di Angelo Fortunato Formiggini a Roma. Un’esperienza a cavallo tra biblioteca e editoria) sulla biblioteca circolante messa in piedi a Roma da Angelo Fortunato Formiggini tra il 1922 e il 1939 presso palazzo Doria, a partire dai libri avuti in dono da «L’Italia che scrive» e giunta a contare 40.000 volumi. Singolare esperienza, a cavallo tra biblioteca ed editoria, che contribuisce con questa vicenda inedita ad una migliore comprensione della controversa e contraddittoria figura dell’editore modenese, ma anche ad aggiungere un tassello alla ricostruzione delle travagliate origini della lettura pubblica nella Capitale. Il tentativo di Formiggini, nobile nelle intenzioni, era destinato a naufragare per la sostanziale inconsistenza di una borghesia colta, ma anche per l’ostilità di Giovanni Gentile. La ricerca si basa sostanzialmente sull’archivio editoriale Formiggini dell’Estense di Modena, biblioteca presso la quale Ponzani ha rinvenuto 500 esemplari sopravvissuti alla dispersione

10Pure tesi di Dottorato incentrata su una vicenda romana tra le due guerre è quella di Irene Maria Civita Mosillo (Il fondo dell’Istituto nazionale di cultura fascista) che tratta del fondo dell’Istituto nazionale di cultura fascista, che si rivela alla sua analisi non tanto espressione ideologica del regime, come pure ci si sarebbe legittimamente potuto attendere, ma piuttosto strumento personale di chi presiedeva l’Istituto.

11Tesi di laurea Triennale discussa a Roma Tor Vergata, ma non priva di qualche elemento di profondità, è quella di Emanuela Luciani (Le Carte di Tordi: dalla tesi al catalogo, catalogazione degli autografi conservati presso la Nuova Biblioteca Pubblica Luigi Fumi di Orvieto), che si occupa delle carte del collezionista Domenico Tordi presso la Biblioteca “Fumi” di Orvieto, con un esempio di ordinamento di materiale minore, in particolare con la catalogazione di una parte della ricca autografoteca.

12Enrica Di Martino (Biblioteche, strumenti e materiali per la didattica universitaria: dalla pergamena al digitale), nella sua tesi di Diploma affronta un tema ambizioso e originale: l’analisi della formazione della biblioteca universitaria, vista come strumento per la didattica. Pur se condizionata dall’ampiezza eccessiva dal punto di vista cronologico del tema (“dalla pergamena al digitale”) e con qualche ingenuità il lavoro riesce a seguire in parallelo i cambiamenti di metodo nella didattica e le trasformazioni della biblioteca.

13Infine Natale Vacalebre (La biblioteca del Collegio italo-albanese di Sant’Adriano, 1794-1923) affronta un tema apparentemente di nicchia, ma non privo di interesse: quello di una biblioteca per gli albanesi di Calabria. Viene analizzato il fondo del Collegio S. Adriano a S. Demetrio Corone (CS). Partendo da un catalogo del 1913 e dalle origini dell’Istituto, dapprima Seminario bizantino della Calabria Citra, poi Scuola laica, l’autore ricostruisce la vicenda di una raccolta che non seguì le sorti dell’istituzione, rimanendo nei fatti una biblioteca seminariale, ma un po’ abbandonata a se stessa, fatto purtroppo non isolato in una realtà meridionale, specie per quanto riguarda la cronica mancanza di personale professionalizzato.

14Se proprio si deve azzardare una sintesi del panorama offerto da queste ricerche, si può dire che insistono su una materia particolarmente abbondante e sparsa un po’ dovunque. Questo comporta un rischio notevole di frammentazione. Quindi questi lavori si possono paragonare – anche se la metafora è un po’ sfruttata – alle tessere di un mosaico. Tuttavia si coglie in tutte, anche se non nella stessa misura, l’esigenza di sfuggire alla dimensione localistica e celebrativa, della quale francamente non si sente più alcun bisogno, perché è ormai maturo il tempo per pensare ad una storia complessiva e scientificamente rigorosa delle biblioteche italiane. Nell’attesa si può suggerire a chi volesse frequentare questo filone di ricerca di pensare ad una prospettiva, attualmente quasi completamente assente, di tipo comparativo, almeno su scala nazionale.

Notes

1 Per una ricostruzione e per una diagnostica bibliografica dell’antica raccolta libraria di Monteripido, in Giacomo della Marca. Tra Monteprandone e Perugia. Lo Studium del Convento del Monte e la cultura dell’Osservanza francescana. Atti del Convegno Internazionale di studi, Monteripido, 5 novembre 2011. Perugia: Biblioteca del Monte; Firenze: SISMEL Edizioni del Galluzzo, 2012, pp. 175-194.

Auteur

Università di Bologna

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search