Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

FORMAZIONE UNIVERSITARIA, SCUOLE DI BIBLIOTECONOMIA E DOCUMENTAZIONE PROFESSIONE BIBLIOTECARIA

Formare alla biblioteca: riflessione sui percorsi universitari

Edoardo Barbieri

Texte intégral

1L’occasione offerta dai colleghi e amici Alberto Petrucciani e Giovanni Solimine di una riflessione sulla formazione universitaria dedicata al mondo delle biblioteche è quanto mai opportuna. Se posso dirlo in termini soggettivi, non solo da anni mi interrogo sulle finalità e i risultati — nel complesso positivi — dei corsi di Biblioteconomia base che tengo presso la sede di Brescia dell’Università Cattolica (in quella milanese mi occupo invece prevalentemente di Storia del libro e del Master in editoria), ma è di questi mesi una forte sollecitazione da parte dello IAL Lombardia per creare, in accordo con la Regione, un nuovo tipo di formazione di eccellenza per bibliotecari che, per legare più strettamente competenze universitarie e professionali, tende a superare anche la forma del Master per giungere a sperimentare moduli di formazione che integrino più chiaramente appunto l’aspetto storico, quello teorico e quello pratico.

2C’è stato chi, ormai diversi anni fa, per cambiare l’istruzione in Italia aveva proposto le tre fatidiche “i” (inglese, impresa, informatica). Per non essere certo da meno, vorrei invece proporre cinque “i” per la formazione del bibliotecario moderno.

3Identità. Penso che il bibliotecario sia un “portatore di cultura” nelle diverse realtà in cui opera. Per questo la sua formazione deve comprendere, oltre alla istruzione di base, un chiaro indirizzo di conoscenza della cultura nazionale basata sulla lingua e la letteratura italiana, la storia, la geografia, la storia dell’arte e della filosofia. Aggiungerei per non sbagliarmi un chiaro riferimento al mondo classico, almeno con la conoscenza della lingua e della letteratura latine, se non anche delle greche. La sua funzione, come gestore della formazione permanente degli adulti, deve affiancarsi a quella della scuola nel far diventare realmente un nuovo cittadino italiano anche chi non è nato nel nostro paese o ha un colore della pelle diverso da quello della maggior parte degli abitanti della penisola. Da questo punto di vista, cultura della tradizione e cultura civile in qualche modo si identificano.

4Innovazione. Già le biblioteche sono state spesso al centro dell’innovazione tecnologica: devono continuare a esserlo, senza pretendere che i bibliotecari diventino degli ingegneri informatici, ma persone capaci di comprendere come si siano modificati la ricerca e l’accesso all’informazione. Se le biblioteche di pubblica lettura gestiscono soprattutto la letteratura di svago (romanzi e hobbistica) si assiste a una trasformazione dei modi dell’intrattenimento, con lo sconfinamento dal racconto chiuso e scritto a quello aperto e dinamico (i videogiochi). Come la biblioteca saprà gestire questa problematica? Buoni corsi di informatica per bibliotecari, dunque.

5Internazionalizzazione. Non si tratta solo di tenere in università corsi in inglese, che pare molto spesso una trovata ridicola. Si tratta di insegnare realmente bene l’inglese (ma questo è un compito della scuola superiore!), così come le altre lingue, soprattutto europee. Non dovrebbero esserci più studenti universitari incapaci di ascoltare una conferenza in inglese, francese o spagnolo, o di sapersi muovere senza problemi in giro per il nostro continente. Ma si tratta anche (e oserei dire soprattutto, perché il resto lo può realmente fare anche una buona scuola di lingue) di acquisire una visione larga di quanto avviene ed è in gioco a livello europeo, mediterraneo, mondiale. Organizzare viaggi e visite di studio in Italia e all’estero può essere un primo passo in questa direzione.

6Interazione. A fianco della figura ridicola e letteraria del bibliotecario “topo di biblioteca” c’è quella, terribilmente reale, della “vestale della biblioteca”, sacerdotessa o sacerdote esoterica/o dotato di una propria lingua sacra (bibliotechese) e di un culto (si pensi a certa devozione ideologica all’open source…). Il bibliotecario deve essere invece un “animale relazionale”, che sa confrontarsi positivamente con gli altri “istituti della memoria” come l’archivio e il museo, pur conoscendone le differenze concettuali e funzionali. Deve saper dialogare con le istituzioni del territorio, imparando da un lato a servirle come professionista nella gestione delle fonti di informazione (e chi taglierà poi i fondi per la biblioteca?!), dall’altro a interagire con esse a livello organizzativo ed economico. Il bibliotecario è dunque un “animale sociale”.

7Ironia. Basta con i profeti dell’ultima novità orecchiata negli USA o di qualche slogan orecchiabile. Ogni tanto occorre saper ridere degli scopritori dell’acqua calda o dei farisei della millesima regola di catalogazione. Ciò che fa un vero professionista della biblioteca è la sua capacità di cogliere ciò che passa e ciò che resta. I diversi sistemi di software senz’altro passano, così come l’ultima teoria inventata, il valore sociale e culturale della biblioteca (e penso soprattutto a quelle di pubblica lettura: per le altre è più ovvio) invece resta! Bibliotecario con uno sguardo critico sulla realtà e il proprio lavoro.

8Spesso il mondo delle biblioteche (ma io preferisco ragionare su una realtà ibrida, fatta di competenze editoriali che si sommano a capacità informatiche e a professionalità bibliotecaria) è troppo chiuso in una sorta di torre d’avorio. La lingua parlata troppo autoreferenziale, un’impostazione di continua rivendicazione (che impedisce ogni ingresso ai giovani), una pretesa moralistica di autogiustificazione. Per quel che ho potuto vedere, mi sembra invece che — per ciò che concerne le biblioteche di pubblica lettura: per le biblioteche universitarie o quelle di conservazione il discorso sarebbe in parte diverso — nella prassi statunitense le realtà delle public library siano molto più vivaci, socialmente riconoscibili, certificate nella loro capacità di “fare cultura”. Da questo punto di vista è essenziale insegnare che anche il bibliotecario deve fare i conti con la realtà concreta, non con la proiezione dei nostri desiderata sulla realtà! Un elemento da tenere certo ben presente è quello della situazione economica assai difficile e della necessità di far quadrare i bilanci. Non si può immaginare la formazione del futuro bibliotecario a prescindere da tale dato, o farne un professionista del lamento: o tempora, o mores... Si possono e si devono invece indicare e guardare quelle realtà locali che hanno scelto di investire in cultura. Sono scelte messe in atto da alcune amministrazioni locali che mostrano e dimostrano che le biblioteche non sono morte, ma sono organismi vivi, essenziali per la realtà locale. Basti fare gli esempi della biblioteca civica di Rovereto in Trentino, o della biblioteca di Rezzato in provincia di Brescia, o del “Pertini” di Cinisello Balsamo vicino a Milano per avere la piena documentazione di quanto in questa situazione di crisi economica una biblioteca pubblica sappia dare come servizi ai cittadini!

9Allora si comprende, e finisco, che parte della questione è certamente politica, ma parte è un problema del bibliotecario. Occorre far diminuire l’atteggiamento puramente burocratico e tecnicista per fare del bibliotecario un vero imprenditore culturale. Non per farne un manager, ma semplicemente un esperto della cultura dotato di una certa intraprendenza, della capacità di prendere iniziativa, di assumersi responsabilità. Se riuscissimo a formare dei bibliotecari così credo che avremmo vinto una prima, decisiva, battaglia.

Auteur

Università Cattolica del Sacro Cuore — Milano

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search