Version classiqueVersion mobile

Memorie di carta

 | 
Simona Inserra

Prefazione

Simona Inserra

Texte intégral

1Il volume che presento segue di un anno la pubblicazione di Per libri e scritture: contributi alla storia del libro e delle biblioteche nell’Italia meridionale tra XVI e XVIII secolo, curato da chi scrive e dato alle stampe nel marzo del 2018 grazie a un finanziamento del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania. Anche in questo caso, come nel lavoro precedente, si offrono ai lettori alcuni saggi uniti da un filo conduttore simile per tanti aspetti a quello che ha guidato la raccolta precedente.

2Il panorama, però, si è ampliato e i saggi che si presentano riguardano vicende e questioni relative a più ampie porzioni del territorio nazionale italiano, dal nord al sud, collegate a fenomeni di collezionismo librario, di fruizione pubblica e privata, di editoria, di manifattura e conservazione di materiale librario manoscritto e a stampa.

3Si raccolgono otto contributi di sette autrici, incentrati su specifici nuclei librari costruiti e conservati in vari luoghi d’Italia, in alcuni casi andati dispersi, su biblioteche o su eventi legati alla manifattura di libri; si affrontano questioni legate ai temi del movimento, degli acquisti, delle donazioni, della dispersione e della conservazione di manoscritti e libri antichi a stampa, anche in tempi a noi abbastanza vicini.

4Lo studio di frammenti di manoscritti, la creazione di inventari e cataloghi di biblioteche, le vicende di committenti e di piccoli editori locali, sino al focus intorno alle biblioteche circolanti: questi sono alcuni dei temi che emergono dalla lettura dei diversi contributi.

5I dati rintracciati negli elenchi di biblioteche inventariate, catalogate, tuttora esistenti oppure scomparse e ricostruibili, idealmente, grazie ad alcuni strumenti descrittivi che qui si offrono alla lettura, aprono molte riflessioni e veicolano alcuni interrogativi: siamo consapevoli delle potenzialità dei dati che tiriamo fuori dai frammenti, dagli elenchi e dagli inventari, dallo studio materiale dei singoli esemplari o di intere collezioni? In che modo e con quale spirito critico riusciamo a mettere al loro posto e poi a collegare tra loro nomi, date, luoghi, episodi, stratigrafie delle collezioni, nonché informazioni relative al costo dei libri e dei materiali utilizzati per la loro manifattura o per interventi storici di rilegatura e restauro?

6Riusciamo, grazie a questi elementi, a ricostruire la storia delle biblioteche e dei bibliotecari, delle collezioni, dei possessori, dell’uso degli esemplari nei diversi contesti storici e geografici?

7Noi crediamo di sì, o almeno riteniamo, col nostro lavoro, di riuscire a fornire elementi che potranno essere ulteriormente e utilmente elaborati da quanti si dedicano alla storia del libro, delle biblioteche, del commercio e del collezionismo librario: per questo ancora una volta abbiamo deciso di avviare indagini che riguardano collezioni e luoghi anche lontani tra loro, e non solo per motivi spazio-temporali, e presentarle insieme.

8La raccolta si apre con il saggio di Adriana Paolini, Fenomenologia del frammento. Lacerti di una Bibbia atlantica nella Biblioteca civica di Riva del Garda, nel quale l’autrice illustra le modalità di scoperta e di identificazione, durante il lavoro di riordino e il progetto di valorizzazione del fondo antico della Biblioteca di Riva del Garda, di alcuni frammenti di una Bibbia atlantica posseduta dagli istituti di conservazione trentini.

9Gli otto frammenti recuperati sono stati rinvenuti nelle coperte degli esemplari contenenti le opere di Alessandro Targini pubblicate nel 1521 a Venezia da Battista de’ Torti e recuperati in seguito al restauro dei volumi avvenuto tra il 1992 e il 1993. Tutti gli otto frammenti sono databili al XII secolo; nel contributo sono descritti dal punto di vista codicologico e paleografico ed è messa in luce la loro provenienza da una delle grandi Bibbie prodotte tra XI e inizio XIII secolo.

10Come apparirà chiaro dalla lettura del contributo, sembrerebbe che i frammenti abbiano fatto parte della legatura ab origine, poiché una mano cinquecentesca, la stessa che scrive una nota in uno degli esemplari, appone il titolo dell’opera su uno dei frammenti che, insieme agli altri, l’autrice descrive accuratamente nell’appendice al contributo.

11Il saggio di Valentina Sonzini ci porta in giorni più vicini ai nostri; è intitolato Le biblioteche circolanti liguri. Note per un approfondimento genovese e affronta il tema delle biblioteche circolanti liguri basandosi soprattutto sullo studio di alcuni numeri del Monitore, periodico genovese nato come supplemento del Giornale delle biblioteche, fondato da Eugenio Bianchi nel 1867. L’indagine, supportata dalla consultazione di alcuni opuscoli stampati a Genova e conservati all’interno della serie “Miscellanee liguri” della Biblioteca Universitaria di Genova, ha permesso di ripercorrere la storia delle biblioteche circolanti nel territorio genovese, di alcune delle quali sono stati anche rinvenuti i cataloghi e gli elenchi dei donatori che hanno contribuito all’arricchimento delle collezioni. Attraverso i documenti raccolti da Sonzini si mettono in un luce le attenzioni e gli sforzi rivolti all’educazione popolare, condotti da una parte della società ligure composta soprattutto da intellettuali appartenenti alle classi più abbienti.

12Le biblioteche circolanti, nate in tutta Italia accanto alle biblioteche istituzionali, mettevano a disposizione di quanti si associavano libri e giornali, dietro il pagamento di un abbonamento che spesso aveva soprattutto un valore simbolico; esse si ponevano quindi come strumento di democratizzazione che consentiva a donne, fanciulli e operai di studiare e leggere corrispondendo una cifra mensile minima per avere libri in prestito e consultazione. Come emerso anche per altre biblioteche circolanti, il patrimonio librario raccolto mostrava un’aspirazione all’enciclopedismo insieme a interessi didattici e di formazione di base; sono numerose infatti le opere di carattere tecnico, di divulgazione, i romanzi e i libri per bambini.

13Francesca Aiello, Debora Maria Di Pietro e Silvia Tripodi hanno affrontato insieme l’impegnativa trascrizione del catalogo dei libri appartenuti al benedettino Luigi della Marra, segretario del vescovo catanese Giuseppe Benedetto Dusmet (1818-1894), conservato all’interno di un registro cartaceo dei primi del Novecento all’Archivio Diocesano di Catania; il registro contiene un lungo elenco di libri, poco più di 2700 voci, è organizzato in ordine alfabetico per autore e presenta interventi di mani diverse e relativi, presumibilmente, a momenti differenti.

14Quella di Luigi della Marra, come si comprenderà dalla lettura della prima parte del contributo, è una figura molto importante anche, ma non solo naturalmente, nel contesto del collezionismo librario catenese, soprattutto per le vicende legate a libri una volta appartenuti alla biblioteca del monastero dei benedettini di san Nicolò l’Arena e che, in seguito alla soppressione, avrebbero dovuto rimanere per intero nella disponibilità del Demanio, contribuendo a costituire, quindi, il nucleo principale della neonata biblioteca civica, oggi intitolata Biblioteche riunite “Civica e A. Ursino Recupero”. I dati in nostro possesso sono ancora insufficienti per trarre conclusioni definitive relativamente ai movimenti dei libri benedettini dentro e fuori la biblioteca monastica, pertanto questo contributo si colloca, nel contesto degli studi sui fondi librari dei benedettini catanesi, semplicemente come un tassello di una ricerca vasta e complessa, che avrà tempi lunghi e i cui risultati non siamo ancora in grado di anticipare.

15Segue un mio saggio incentrato su minime e tuttavia interessanti vicende di due figure di rilievo nel panorama culturale catanese a cavallo tra Otto e Novecento, entrambe fortemente legate alla biblioteca e al monastero benedettini: quella di Federico De Roberto, che ne fu bibliotecario per tredici anni, una volta divenuta civica, e quella di Luigi della Marra, sulla cui raccolta libraria si incentra il saggio precedente. Il contributo prende le mosse dallo studio di due documenti conservati all’Archivio Diocesano di Catania: una lettera inedita inviata da De Roberto a della Marra e una bozza di una missiva, incompleta peraltro, probabilmente di pugno del segretario del quasi ottantenne della Marra al più giovane De Roberto; da questi documenti emergono da un lato i rapporti che legavano l’intellettuale catanese al segretario di Dusmet, dall’altro si fa luce su episodi relativi alle attività di consulente editoriale di De Roberto per l’editore locale Galàtola.

16Rosa Parlavecchia propone un saggio attraverso il quale si approfondisce la conoscenza delle prime fasi di formazione della Biblioteca Provinciale di Salerno, istituita formalmente nel 1843.

17L’indagine della studiosa si basa sul ritrovamento e sull’analisi di una parte di documentazione archivistica inedita conservata presso l’Archivio di Stato di Salerno; si analizza l’inventario del primo nucleo di libri donati a favore dell’istituenda biblioteca da Francesco Cerenza, primo bibliotecario della Biblioteca Provinciale e professore di discipline filosofiche e matematiche presso il Real Liceo ‘Tasso’ di Salerno. Come si vedrà dalla lettura dell’elenco, si tratta di opere ricercate e di edizioni scelte che furono debitamente catalogate - come risulta dal primo catalogo a stampa della biblioteca datato 1882 - e che in gran parte sono sopravvissute alle complesse vicissitudini che hanno coinvolto la Biblioteca Provinciale nel corso degli anni.

18Segue un altro mio saggio ‘Accomodare, inquaternare, scrivere li libri’: pratiche di produzione, uso e consumo dei libri tra 1666 e 1716, nel quale mi concentro sulla biblioteca e sui libri, manoscritti e a stampa, dei monaci benedettini del monastero catanese di s. Nicolò l’Arena. Nel caso specifico, l’analisi della documentazione archivistica per il cinquantennio preso in esame mi ha consentito di fare emergere le figure dei librai, degli artigiani e dei tipografi che si muovevano in città e lavoravano, su commissione del monastero, per la produzione di libri a stampa, per il restauro, per la rilegatura di materiali vari, tra i quali anche gli stessi registri archivistici che ci hanno tramandato informazioni tanto preziose.

19Già nella miscellanea precedente avevo presentato dati relativi al biennio 1734-1746. Adesso invece questo contributo è dedicato al primo periodo di documentazione disponibile tra le carte d’archivio conservate al Fondo Benedettini dell’Archivio di Stato di Catania.

20Nella ricerca, infatti è stato individuato come rappresentativo un cinquantennio, quello compreso tra il 1666 e il 1716. La prima data è determinata, per necessità, dall’impossibilità di reperire materiale archivistico antecedente (le motivazioni sono varie e saranno spiegate più avanti); la seconda è stata stabilita come cesura, a chiusura della prima fase di un periodo di rinnovamento e ricostruzione successivo all’eruzione del 1669 che circonda e distrugge parte del monastero e al terremoto del Val di Noto del 1693 che mette in ginocchio la città e con essa tutta la comunità monastica.

21Analizzando i documenti del periodo preso in considerazione emerge una realtà di intenso scambio tra il monastero e il mondo esterno, appaiono figure di librai, legatori e restauratori, intermediari e commercianti di materiali per la fabbricazione di libri (pergamena, carta e cartoni, inchiostri, tavole di legno, tessuti, sete e spaghi) e quelle di alcuni tipografi che lavoravano su commissione dei monaci per la stampa di opuscoli di vario tipo. I dati che si riportano, come sarà indicato nel dettaglio più avanti, sono estratti dai registri contabili dei Benedettini, annotati all’interno delle voci di spesa Libraria e cartolaria e Straordinario.

22Seguono ancora due miei saggi, uno intitolato Scrivere di biblioteche: la stampa periodica. ‘La Sicilia: corriere delle Isole e Mezzogiorno’ (1911), incentrato sull’analisi di una annata del giornale indicato nel titolo, alla ricerca di articoli e segnalazioni relative a questioni di interesse biblioteconomico. Il quotidiano catanese, che ebbe vita non certo lunga, si occupò negli anni, non poche volte, di questioni relative alle biblioteche popolari e alle biblioteche di pubblica lettura, segnalò concorsi nazionali e appalti pubblici di interesse locale, oltre a sollevare varie questioni relative alle biblioteche del territorio (orari di apertura, condizioni degli ambienti, personale).

23L’ultimo saggio propone invece, alla luce dei recenti progetti in atto o conclusi e a una serie di pubblicazioni in tema di produzione editoriale del XV secolo, una riflessione sulla descrizione degli incunaboli, con una breve e certo non esauriente disamina della più recente produzione catalografica.

24Anche in questo caso dunque, come potrà osservare chi avrà la pazienza di leggere i contributi, cerchiamo di affrontare una sfida, quella cioè di provare a ricostruire testo e contesto, a mettere insieme quello che le vicende degli uomini hanno salvato volontariamente o casualmente, affinché, lentamente, possa prendere forma un disegno complessivo relativo alle nostre biblioteche intese come istituzioni, come collezioni librarie, come sedi di lavoro di uomini e donne, come messaggio culturale.

Auteur

Ricercatrice all’Università di Catania, insegna Biblioteconomia e Conservazione dei materiali archivistici e librari. Cura, insieme a Marco Palma, i progetti Incunaboli a Catania e Incunaboli ad Agrigento. Le sue pubblicazioni includono articoli, saggi in opere collettanee e monografie sui temi della catalogazione delle biblioteche d’autore, della descrizione degli incunaboli, della storia delle biblioteche e dei bibliotecari e della conservazione dei materiali librari. Tra le più recenti pubblicazioni le monografie Conservazione (AIB 2018), Incunaboli a Catania I: Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero” (Viella 2018) e la curatela di Per libri e per scritture: contributi alla storia del libro e delle biblioteche nell’Italia meridionale tra XVI e XVIII secolo (Ledizioni 2018).

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont sous Licence OpenEdition Books, sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search