Version classiqueVersion mobile

Gli uomini e i testi

 | 
Claudia Cantale

1. Una definizione possibile del testo

Texte intégral

Forme e sensi del testo

1Nella contemporaneità la definizione di testo si allarga includendo tutta la produzione umana che va «dall’epigrafia fino alle forme di discografia» (McKenzie, 1989) e dunque si riferisce a tutti i prodotti delle industrie culturali, dalle serie TV alle mise en scène di musical teatrali, finanche alle pubblicità e ai videogame (Hesmondhalgh, 2015). D’altronde la parola testo «deriva, come si sa, dalla parola texere, ‘tessere’, e di conseguenza si riferisce non a un materiale specifico, ma al tessuto, alla rete o intreccio di materiali» (McKenzie, 1989) che possono essere di qualsiasi natura; essa ha acquisito, per spostamento metaforico della parola latina, uno slittamento semantico che - scrive McKenzie - implica la “tessitura” delle parole non come concetto astratto, bensì concreto e materiale. «Il testo è un fenomeno complesso e soprattutto dinamico, in quanto composto dal molti elementi che concorrono alla sua realizzazione» (Orlandi, 2010) ma si presenta al lettore come fenomeno unitario in forma di messaggio in cui si sovrappongono il significante ed il significato.

2Segre definisce il testo «come costituito da una successione di significanti grafici, o monemi, formati da gruppi di grafemi. È questa successione, immutabile se si prescinde dai guasti della tradizione, che sviluppa poi, nell’atto della lettura, i significati» (Segre, 1985). «L’etimo della parola contiene, dunque, una particolare caratteristica del testo ovvero le connessioni tra le cose, i legami tra le parole che costituiscono uno scritto» (Segre, 1985). Le modalità di organizzazione dell’insieme di segni, che per Michel Foucault determinano l’enunciato, permettono al testo di essere descrivibile come qualcosa che va al di là delle semplici tracce lasciate in successione, che possa distinguersi da «un oggetto qualunque fabbricato da un essere umano» perché sottostà a regole specifiche che permettono alle cose di stare in relazione, texere appunto, e di essere distinguibile da una performance verbale, in quanto prodotto stabile e soprattutto ripetibile (Foucault, 1969). L’immutabilità del suo valore fa del testo l’invariante (Segre, 1985).

3Il testo per esistere deve avere, dunque, uno scrivente, collocato in una parte qualunque del mondo in un tempo qualsiasi, ed un lettore che ne può fruire, come vedremo, in maniera sincrona o asincrona.

Dallo scrittore al lettore

4Il testo, quale qui definito sommariamente come l’intreccio delle parole in forma scritta, ha un ruolo culturale alla base del nostro vivere sociale perché rimodellato nella forma, nella fruizione, e nella sua interpretazione sulla base di fattori che momentaneamente definiremmo “esterni” alla sua genesi in funzione del suo rapporto con “le cose” del mondo.

  • 1 McKenzie naturalmente si riferisce a un tipo di produzione testuale basata sulla stampa tipografic (...)

5«Quali saranno le nuove configurazioni di meccanismo e di alfabetizzazione via via che queste più antiche forme di percezione e di giudizio vengono permeate dalla nuova tecnologia elettrica?» (McLuhan, 1962). Come influiscono fattori quali l’impaginazione, l’organizzazione gerarchica degli argomenti uniti al supporto utilizzato dallo scrivente prima e al lettore dopo? Le forme determinano il senso, «in alcuni casi dai segni tipografici […] si possono recuperare letture significativamente informative; […] la veste tipografica è un elemento stesso di rilievo nel decidere come riprodurre un testo e […] una lettura di tali segni bibliografici può seriamente plasmare il nostro giudizio sull’opera di un autore»: la lettura, secondo McKenzie, può essere influenzata da fattori che l’autore non aveva messo in conto durante la stesura del testo, introdotte anche da scelte editoriali e tipografiche1 o dallo spazio e dal mezzo attraverso cui esso viene fruito. Un esempio è quello delle lapidi sepolcrali collocate in cimiteri storici: quando un visitatore entra nel piccolo cimitero di Salem non prova cordoglio nel leggere i nomi dei defunti risalenti al XVII secolo, ma in lui vengono evocati immagini e interpretazioni relativi all’epoca e al luogo che li ospita legati alla affascinante vicenda della “città delle streghe”. L’interesse dell’uomo contemporaneo all’interno del cimitero di Salem è di tipo culturale, non certo legato a pratiche di commemorazione dei suoi morti, per i quali le lapidi erano state scritte (McKitterick, 2003).

6Seppur esiste un cambiamento di significato durante la vita degli oggetti, scrive McKitterick, si conserva comunque «la memoria dell’identità della sua creazione». Vi è dunque uno slittamento di significato tra l’oggetto concreto e il sistema di rimandi simbolici che il lettore attribuisce alla lapide scolpita di Salem, traducibile in una cristallizzazione di significati condivisi che la rendono un oggetto culturale caratterizzato da un sistema di simboli, appunto, attribuiti dai membri di una stessa cultura (Swidler, 1986). Aderendo ai meccanismi della narrazione e adattandosi ai “lettori”, affinché questi ultimi possano riconoscere in essa le proprie esperienze (Fiske, 1984), è certamente percepibile il sistema dei rimandi metaforici che permettono letture semiotiche diacroniche e sincroniche (Crane, 1992): il frame interpretativo consolidato (Breen, Corcoran, 1982) quello della “Caccia alle streghe”, che da avvenimento storico si è radicato nella cultura di massa, possedendo intrinsecamente la capacità di mettere in scena il racconto fantastico e quello della realtà concreta divenendo mito a bassa intensità e narrazione trans-mediale a tutti gli effetti (Ortoleva, 2019).

7Secondo McKenzie i fattori dell’interpretazione sociale del testo non possono essere sottovalutati, ma bisogna studiarli attraverso una lente di ingrandimento che egli definisce “sociologia del testo”. La sociologia del testo, come intesa da McKenzie, vuole essere un modo nuovo di affrontare la bibliografia come scienza aperta a nuove forme di studio, consentendogli un’evoluzione naturale. Secondo l’autore, infatti, essendo la sociologia la disciplina che «riconosce la verità dello sviluppo, della struttura e della funzione sociali» (Spencer, 1896 trad. in “Bibliografia e Sociologia dei testi”, 1986), può intervenire nella comprensione di tutte le interazioni e le motivazioni umane che i testi «implicano ad ogni stadio della loro produzione, interazione, trasmissione e fruizione. Ci avverte circa il ruolo che le istituzioni e le loro complesse strutture svolgono nel momento di modificare l’interazione sociale, passata e presente».

In continua trasformazione

8Con l’introduzione dei sistemi di comunicazione interpersonale, soprattutto dei dispositivi mobili, si assiste – e si partecipa – a un graduale ma profondo cambiamento della produzione e fruizione testuale. Bolter sostiene, infatti, che la comunicazione orale ricercasse forme tecnologiche nelle modalità di conservazione e riproduzione nel tempo attraverso la memoria umana: i testi, poetici o di prosa, venivano composti per essere incisi nella mente e non sulla carta o su tavole d’argilla. Questo implica una tecnica di composizione specifica differente da quanto invece avviene per testi pensati e creati per essere “memorizzati” dalla carte: è fertile il fiorire di poesia, di epica, filastrocche per la trasmissione della conoscenza (Bolter, 2001; Di Tonto, 2003).

9Le forme di comunità orali si sviluppano sempre su piccola scala e il pensiero individuale coincide con quello collettivo poiché esso è rafforzato dall’impossibilità di un confronto con l’altrui pensiero, come lo stesso Durkheim aveva illustrato. Il clima di magia e misticismo di cui erano intrise le culture orali si ritrovano ancora oggi in alcuni contesti di vicinato o familiari, oppure nelle culture del sud Italia. Tutte le tecnologie di scrittura nei secoli hanno influenzato non solo “l’artefatto”, ma anche gli usi ai quali le forme scritte sono adibite, dunque «è necessario prestare molta attenzione agli strumenti tecnici, visivi e fisici che organizzano la lettura di un testo» (Cartier 1994).

10Dalla comunicazione orale, alla stampa «madre di tutti i bouleversements a venire […] vero e proprio grappolo o galassia di tecnologie precedentemente acquisite» (McLuhan, 1962), fino alla produzione meccanica ed industriale tardo ottocentesca, l’evoluzione dei testi ha determinato un cambiamento nella sua percezione, determinante anche per altre attività sociali, domestiche e industriali (McKitterick, 2003). D’altronde tutta la storia dell’uomo è stata sempre attraversata dalla ricerca di sistemi tecnologici che gli permettessero si fissare all’interno di uno spazio dato - il foglio - pensieri, ragionamenti e narrazioni: l’umana esigenza di conservare la propria espressione risale già alle civiltà orali.

Da Gutenberg al personal computer

11Quando intorno al 4000 a. C. gli uomini iniziarono a scrivere tramite forme grafiche si diede inizio ad un processo di comunicazione che ancora porta studiosi di ambiti differenti a porsi il problema di quali effetti la parola scritta, poi a stampa e infine digitale, ha su coloro che la leggono, su come la tecnologia della scrittura abbia influito sui rapporti e sulle forme di relazione tra gli uomini fino ai giorni nostri. L’introduzione degli alfabeti fonetici risalenti al 1000 a. C. è stata necessaria agli sviluppi delle comunità relazionali ove la comunicazione permetteva soprattutto gli scambi commerciali e l’alfabetizzazione era destinata non solo alle élite religiose o di governo, ma anche alle cosiddette classi subalterne (Griswold, 2004). Le stesse classi subalterne, costituite dai piccoli artigiani e contadini prima e dal proletariato urbano dopo, tra il Quattro e il Cinquecento così come dopo la prima rivoluzione industriale iniziarono ad avere dimestichezza e competenze di produzione testuale per necessità puramente contabili, tanto da divenire sempre più complesse in maniera proporzionale alla crescita degli stessi scambi commerciali e finanziari (Petrucci, 1998). Vale la pena di ricordare un ulteriore avanzamento nella tecnica di conservazione e produzione testuale avvenuto intorno al III sec. d. C. quando trovò stabilità la forma del “codice” a sfavore del rotolo. Più maneggevole da usare e da conservare, il codice poteva essere sfogliato, la separazione in paragrafi e la distanza tra le parole rendevano la lettura più lineare. Il codice è un longevo supporto di memoria, un oggetto di studio di interesse per codicologi, bibliografi e storici del libro.

  • 2 Nasce da una necessità di oblio da parte dei gruppi sociali visto le scarse capacità mnemoniche de (...)

12L’introduzione della stampa a caratteri mobili, ha contribuito a innescare un sistema significativo di cambiamento che ha coinvolto tutto il sistema sociale dell’occidente nel processo di quella che Raymond Williams definì «lunga rivoluzione», consumata da Gutenberg (negli anni Cinquanta del XV secolo) fino al tardo Ottocento. Proprio la dilazione temporale della diffusione della stampa ci permette di comprendere ancor meglio quanto questa innovazione, così straordinaria in termini di riproducibilità dell’artefatto testuale, abbia contribuito a rimarcare la fissità dei testi facilitando la stabilità e l’accumulazione del sapere. Questa caratteristica della stampa si pone a contrasto dell’«amnesia strutturale»2 che è tipica invece delle società orali.

  • 3 Ed. consultata del 2014.

13La natura della memoria culturale della collettività consegnata alla narrazione collettiva, che di fatto era una consegna alla memoria individuale, esponeva i testi all’oblio. La cultura scritta che permetteva di consegnare un’infinità di memorie collettive alla carta dei libri custoditi nelle biblioteche ha disegnato un processo di identificazione di memoria collettiva con la stessa immagine del libro stampato e della biblioteca (Lotman, 1977)3.

14La nascita del testo scritto permette di «fissare» la memoria collettiva e renderla stabile nel tempo, impedendone eventuali rielaborazioni come invece tipico nelle culture orali (Lotman, 1977; Griswold, 2004), così si distingue il mito dalla storia (Goody, Watt 1963) e si assiste a un sensibile aumento del “professionismo” legato alla produzione testuale, ove si immagina che per produrre un libro non basta solo l’autore, la cui figura si accrescerà di valore dal XVIII secolo fino a divenire parte integrate dello star system del XXI secolo, ma la sua produzione e diffusione materiale legata a tipografi, editori, distributori e librai e infine ai lettori (Darnton, 2009). Conseguenza plausibile di ciò è una maggiore specializzazione del sapere a cui corrisponde un’espansione dell’individualismo (Goody, Watt 1963). Secondo un approccio storico-sociale i cambiamenti che possiamo cogliere rapidamente riguardano ad esempio l’aspetto delle città europee che per prime furono investite dall’onda dell’innovazione della carta stampata (Venezia, Praga, Westminster, Parigi, ecc.) tra il XVI e il XVII secolo, con la nascita di concentrazione delle nascenti “industrie tipografiche” e librerie, il tutto in concomitanza con la genesi di gruppi economici costituiti da nuove o rigenerate professioni quali correttori di bozze, editori, commessi, librai e bibliotecari che dovranno farsi carico di una rinnovata qualità e quantità di lavoro, profondamente differente da quello svolto dai loro predecessori.

15Si assisteva a un crescente interesse per la creazione di vie di comunicazione sia dal punto di vista infrastrutturale che di ricerca. Le biblioteche divengono maestose per contenere un numero crescente di volumi stampati che si aggiungono alle collezioni di manoscritti (Briggs, Burke, 2009). Le tesi deterministe di McLuhan e Ong ritengono la stampa unico agente dei cambiamenti sociali ed economici della società moderna nonché la scintilla per la nascita della «società dei consumi» in un contesto mediatico mai visto nelle epoche storiche precedenti all’invenzione di Gutenberg.

16Per McLuhan si assisteva ad una «omogenizzazione di uomini e materiali [come] il grande programma dell’era di Gutenberg, fonte di ricchezza e di potere sconosciuti in ogni altra epoca o tecnologia», che favorì la nascita della catena di montaggio e la cui rivoluzione si fece portatrice di valori. La conseguenza più immediata determinata dalla stampa, sempre secondo Ong e McLuhan, fu la perdita dell’uso dei sensi per interpretare il mondo: dopo Gutenberg gli uomini non leggono più ad alta voce, il rapporto tra testo e uomo diviene “solitario” ed individuale con l’instaurarsi di una cultura visiva a discapito di quella uditiva. La nascita di una società visiva determinata dall’innovazione di Gutenberg, secondo McLuhan, è testimoniata anche dal cambiamento delle architetture gotiche che si caratterizzavano per la ricerca di Dio attraverso la luce fioca e non ingombrante che filtrava dalle vetrate piombate realizzate con colori opachi. Citando Panofsky, McLuhan afferma che l’architettura cambia in funzione della lettura delle sacre scritture, che necessitavano di una maggiore quantità di luce: le cattedrali accoglieranno maestose vetrate chiare che permettono alla luce di plasmare meglio e sottolineare le volumetrie cangianti abbondantemente decorate e arredate.

17«Dopo Gutenberg la nuova intensità visiva richiederà luce su ogni cosa. E la concezione del tempo e dello spazio muterà in modo tale che essi saranno considerati recipienti da riempire con oggetti e azioni. Ma in un’epoca di manoscritti, in cui l’elemento visivo era in stretto rapporto con l’uditivo e il tattile, lo spazio non era un recipiente visivo» (McLuhan, 1962). Questo determinò anche uno spostamento degli interessi della ricerca e della produzione testuale che cominciò a prediligere forme di testo che divenivano immediate per l’occhio. Ma non solo.

18Vi fu un’intensificazione delle pubblicazioni preordinate dalla classi dominanti, clero e aristocrazia, che utilizzava i libretti a tema cavalleresco e religioso per “sedare” le classi subalterne e imporre una cultura dominante. La stampa, come testo invariante, stabilizzando e rendendo totalizzante il sapere (Levy, 1997), provocò l’affermazione del dominio di alcuni saperi e modelli interpretativi, da una parte, ma contemporaneamente ampli le possibilità critiche nei confronti del pensiero dominante in un contesto che è stato definito come rivoluzione inavvertita (Eisenstein, 1979).

19Ritenere la stampa unico agente del cambiamento implica naturalmente non tener conto dei ruoli diversi da essa ricoperti in contesti diversi. Secondo alcuni pensatori, infatti, la visione di analisi su contesti eterogenei trattati in maniera omogenea, come a voler dire che dato un input il “consumatore” (le società alfabetizzate) si comporta secondo cause e concause determinate dal mezzo di comunicazione, è riduttiva in quanto anche la stampa non è «tecnologia neutra» che può essere scollata dai contesti sociali (Street, 1984) poiché necessita di un’ analisi dell’uso che se ne fa. La società usa l’innovazione tecnologica, ma non ne è determinata, viceversa le innovazioni tecnologiche incarnano la società, ma non sono determinate da essa (Braudel, 1958; Kranzberg, 1986; Castells, 1996).

20Un esempio in tal senso è la scomparsa della stampa in Cina a partire dal XIV secolo con le dinastie dei dei Ming e dei Qing. I timori dei sovrani e il loro interesse a non creare eventuali instabilità sociali erano legati anche alla diffusione di testi stampati in maggiore quantità. La Cina, infatti, era giunta all’invenzione della stampa già a partire dal 1045 ma, secondo Wen-yuan Qian, annullò il suo anticipo per cause legate alla politica interna e alla morfologia dalla lingua cinese scritta (McLuhan, 1962). Si tratta quindi di questioni non relative alle “cause” quanto piuttosto ai “processi” (Fiormonte, 2003). Esistono dunque fattori di controllo per lo sviluppo di una tecnologia che possono determinarne anche la fine attraverso forme di censura o tagli ai finanziamenti condotti direttamente dagli organi statali (De Sola Pool, 1983) con nel caso della stampa nella Cina dei Ming.

21Infine, la visione determinista, concentrandosi eccessivamente sull’analisi dei mezzi di comunicazione, non tiene conto dei fattori contingenti e delle epoche storiche a cui si riferiscono: la stampa ha avuto circa 300 anni di assestamento per cui non può essere considerato l’unico fattore rivoluzionario, ammesso che possa intendersi “rivoluzione” un processo di cambiamento che si sviluppa in un periodo così esteso nel tempo pur avendo giocato un ruolo fondamentale nell’evoluzione della comunicazione e dei processi culturali.

22Gli approcci che tengono conto del rapporto causa-effetto ci aiutano a comprendere che il dibattito sul rapporto sulle tecnologie così penetranti e quotidiane per l’uomo provocano una divisione dicotocomica che sinteticamente possiamo definire tra “apocalittici e integrati” di echiana memoria. Le argomentazioni portate a favore o sfavore dell’introduzione della dirompente tecnologia della stampa sono del tutto simili a quelle riguardanti i sistemi informatici e digitali.

23Gli amanuensi, colpiti per primi dalla forma di automazione tecnologica della riproduzione del testo, adducevano alla stampa quasi una forma di eresia in quanto si permetteva a coloro che non avevano adeguati strumenti interpretativi di addossarsi il peso e la fatica delle sacre scritture. La massiva produzione libraria prima e la nascita delle riviste di informazione dopo venivano viste come pericolose per il popolo non solo dal clero, ma soprattutto dalla aristocrazia e dalle istituzioni perché permettevano a tutti di accedere ad argomenti che avrebbero permesso un possibile sconvolgimento “dell’ordine naturale delle cose”. La lettura diveniva agli occhi di clero e aristocrazia pericolosa proprio perché accessibile a fasce subalterne della popolazione. Si pensi ai limiti posti all’alfabetizzazione femminile ritenuta una forma estrema di emancipazione.

  • 4 Viene definita dal sociologo dei media Daniel Lerner come la capacità figurarsi in situazioni diff (...)

24La lettura privata secondo molti provocò la nascita dell’individualismo ma anche forme di «mobilità psichica»4 (Brigg, Burke, 2002; Grassi, 2002): se da una parte i “consumatori” di testi stampati venivano visti come un amalgama omogeneo e passivo, dall’altra «l’acquisizione della facoltà dell’empatia, simbolo della mobilità psicologica tipica della personalità moderna, è ciò che, secondo Lerner, consente […] di scuotere il giogo della passività e del fatalismo» (Grassi, 2002).

  • 5 Traduzione in David McKitterick, Testo stampato e testo manoscritto, 2005.

25Nel 1570 John Foxe entusiasticamente scrive «Così le lingue vengono conosciute, il sapere aumenta, il giudizio si accresce, i libri si diffondono, le Scritture possono esser viste cogli occhi, i dottori esser letti, e le storia aprirsi, i tempi possono essere raffrontati, la verità discreta, la falsità individuata, con il dito puntato, è tutto ciò come ho detto con il beneficio della stampa» 5.

26D’altro canto la stampa venne accolta da molti intellettuali come l’innovazione necessaria affinché il sapere divenisse realmente democratico e alla portata di tutti: «l’arte della stampa diffonderà a tal punto il sapere che la gente comune, conoscendo i propri diritti e le proprie libertà, non si lascerà governare dall’oppressione» (Hartlib, 1641 in Briggs e Burke, 2002).

27Come si evince da queste brevi premesse le argomentazioni del dibattito sulla stampa sono del tutto simili agli studi nati attorno ai mezzi di comunicazione di massa all’inizio del Novecento e a quelli dei media digitali oggi. A quanto detto si aggiunte una next anxiety dell’inghiottimento e dell’oblio di un media (o un metodo) in favore di un altro.

  • 6 Gino Roncaglia, all’interno del suo libro La quarta rivoluzione [2010] ricorda però che l’evoluzio (...)

28L’introduzione dei sistemi digitali di scrittura non ha sostituito6 tout court le precedenti tecnologie legate alla produzione testuale, ma - come avviene sovente anche in altri settori - ne ha ereditato alcuni tratti in un sistema di «ri-mediazione» (Bolter, 2001). La ri-mediazione è quella fase di passaggio in cui una tecnologia rielabora e riorganizza, tramite omaggi, presiti e oltraggi, le caratteristiche del suo predecessore, riformando anche lo spazio culturale (Bolter, Grusin, 1999): «Ogni nuova invenzione è l’interiorizzazione delle strutture di una precedente tecnologia; e quindi ogni invenzione costituisce una sorta di accumulazione» (McLuhan, 1962).

  • 7 «Denominazione («auto-edizione») usata per indicare la diffusione, nell’URSS, di opere letterarie (...)
  • 8 Questo dettaglio non è per altro insignificante nel contesto delle accuse mosse al testo scritto c (...)

29L’invenzione del libro a stampa, riproducibile in numerose copie, non sostituisce completamente il libro manoscritto; si assiste a un periodo di convivenza dei due manufatti che ha permesso una mutazione delle relazioni e dei significati che ad essi si attribuiva: da una parte il libro stampato tendeva ad assimilare i tratti grafici e di impaginazione proprie dei manoscritti, dall’altra la vita del manoscritto proseguiva negli ambiti dell’alchimia, delle scienze giuridiche, usato alla stregua di un «samizsat»7 ante litteram e all’interno delle università in cui era compito dello studente redigere i propri testi8.

30Nonostante il grande entusiasmo dovuto all’introduzione della stampa a caratteri mobili, la manifattura del libro manoscritto non si arresta, e il codice viene rimesso in circolo divenendo oggetto d’arte appetibile per collezionisti non necessariamente interessati al suo contenuto, ma certamente al ruolo sociale che la raccolta di codici rivestiva. Questo, peraltro, in molti casi ne ha permesso la conservazione fino ai giorni nostri.

Il computer e i programmi di video scrittura

31I manufatti tecnologici tendono ad assimilare le caratteristiche delle precedenti tecnologie.

  • 9 La comunicazione di dati tra l’uomo e la macchina avviene attraverso un input e un codice comprens (...)

32La tastiera di odierni pc, notebook e smartphone, è solitamente una QWERTY, uno schema di organizzazione delle lettere per la macchina da scrivere brevettato nel 1864 da Christopher Sholes, cosicché lo scrivente formula le parole digitando una lettera alla volta, come appunto nella tastiera della macchina da scrivere (Bolter, 2001); i programmi di video-scrittura si caratterizzano per la simulazione del foglio di carta che favorisce la nostra immaginazione ed i nostri sistemi cognitivi. La questione della similitudine tra foglio elettronico e foglio di carta è stata per Ted Nelson, padre dell’ipertesto, il fallimento di una visione più evoluta delle possibilità del digitale e del web stesso. Il mantenimento di un paradigma tradizionale nei confronti della scrittura e della lettura costituisce secondo Nelson «la vittoria del tipografo sull’autore» poiché secondo Nelson la realizzazione di software per l‘ipertesto andrebbe invece «considerata una branca della cinematografia» (Castellucci, 2009), intravedendo nuove opportunità di scrittura e montaggio ancora tutte da esplorare. La rappresentazione del linguaggio macchina9 avviene attraverso WYSIWYG (What You See Is What You Get), ovvero allo scrivente o al lettore viene fornita una restituzione che potremmo definire human readable.

33Nella storia della tecnologia sono diversi i casi in cui l’uomo ha affidato il compito di eseguire compiti ad alcuni congegni per semplificare come nel caso del calcolo e della computazione. Dalle “macchine semplici” per il calcolo come l’abaco fino agli Alexa si attraversa una storia millenaria in cui nel processo di costruzione sociale della tecnologia sono coinvolti i campi della politica, dell’economia, della religione e non solo gli avanzamenti scientifici.

34Prendiamo il caso della macchina combinatoria di Raimondo Lullo (1232-1316), pensatore e teologo spagnolo che investì tutta la sua vita per la conversione dell’infedele musulmano. Secondo Lullo era possibile convertire l’eretico mostrandogli quali fossero gli attributi di Dio, cristiano naturalmente, attraverso un meccanismo composto da due dischi che giravano attorno ad un asse e che ruotavano indipendentemente. La combinazione permetteva all’osservatore di vedere con i propri occhi le coppie di attributi di Dio e convertirsi al cristianesimo, poiché egli avrebbe superato il gap cognitivo dell’impossibilità di osservare la quantità e qualità combinatoria delle virtù di Dio (assunzione di base). Il fascino dalla vicenda legata alla macchina di Lullo consiste nella possibilità che un meccanismo possa rappresentare il ragionamento, che a sua volta si costituisce per scomposizione e ricomposizione di porzioni di discorso effettuato da una macchina. L’idea alla base della bizzarra teoria di conversione di Lullo venne riprese poi da Leibniz (Glymour, 1992) da Bacone e da Newton uniti dall’intuizione che il pensiero scientifico potesse essere applicato alle vicende umane, che potevano essere misurate e quindi in un certo senso programmate (Arvidson, Delfanti, 2013).

35Le intuizioni e le invenzioni di Leibniz dovranno attendere poiché la società seicentesca non necessitava ancora di macchine di calcolo potenti, fino alla Rivoluzione Industriale quando il meccanismo del telaio automatico è applicato alle macchine da calcolo: l’automazione in questo caso fu funzionale alla creazione di uno strumento necessario al controllo dei tempi di produzione. Da questo esempio è semplice spiegare come le esigenze culturali ed economiche di una determinata area geografica abbiano un legame con le innovazioni tecnologiche in un processo che può essere definito di «modellamento sociale» (MacKenzie, Wajcman 1986, Bijker, Hughes, Pinch, 1987). In sintesi dal telaio della Rivoluzione Industriale i processi sociali sfociano nell’applicazione dell’aritmetica politica, antesignana della statistica, per la creazione degli eserciti e per effettuare misurazioni economiche precise, utili al mercato tramite un artefatto tecnologico. L’idea ad esempio della “predittività” è stata ereditata e mantenuta fino ai giorni nostri soprattutto negli ambiti relativi alla computational social science. La necessità di usare modelli statistici anche in ambiti civili contribuì alla nascita di alcune macchine di calcolo, quale ad esempio quella di Hollerith (Tabulating Machine Company che diventerà nel 1924 l’International Business Machines - IBM) che processavano dati attraverso schede perforate utili ad esempio per la realizzazione dei censimenti negli Stati Uniti.

36Fu durante la Seconda Guerra Mondiale, quando venne dato un forte impulso alla ricerca scientifica soprattutto nel campo delle telecomunicazioni belliche, che si prepararono le basi necessarie a quello che diventerà il personal computer come oggi lo percepiamo. Al fine di decifrare i messaggi criptati di Enigma usata dall’esercito tedesco, Alan Turing mise a punto la macchina universale, Colossus, che conteneva al suo interno, per la prima volta, sia i dati che i programmi, riuscendo ad imitare i comportamenti di altre macchine e i compiti eseguiti dall’uomo.

37Ispirandosi alla macchina universale di Turing, venne realizzato il primo prototipo di calcolatore, la Macchina di von Neumann, basata su un modello astratto di manipolazione dell’informazione proveniente dalla logica (Numerico, 2003). I prezzi proibitivi, i complessi linguaggi di programmazione e le notevoli dimensioni non permisero diffusione di computer nell’immediato dopoguerra. Di questo periodo è anche la pubblicazione del libro Cibernetica di Wiener, considerato un caposaldo in questo ambito, in quanto il matematico metteva in evidenza l’anello assai stretto che legava la ricerca scientifica sulle intelligenze artificiali e la vita sociale.

38Sempre all’indomani del ’45 fu completato Eniac, il primo vero e proprio computer che aveva dimensioni straordinarie, costi proibitivi e un peso tale da poter essere collocato solo in ambienti idonei. Quando i mainframes uscirono dalla sacralità del segreto militare e vennero destinati anche alle pubbliche amministrazioni, presero il nome di Univac, indicando come sineddoche tutto il mondo dei computer. Senza il necessario finanziamento statale Univac non sarebbe mai stato creato, e questo indica che i fattori “determinanti” affinché una tecnologia possa trovare la sua naturale diffusione sono molteplici.

39Bisognerà aspettare il grande impulso dato dalla nascita del microprocessore (1971) che permetterà ai computer di non occupare intere stanze, ma renderà valida la cosiddetta Legge di Moore. In una prima fase l’uso del computer è ancora confinato nelle aziende e seppur vi siano stati grandi investimenti da parte di imprese e da parte dei governi, l’uso del computer non si afferma nella routine quotidiana. I mainframes contenevano programmi di videoscrittura che erano destinati a sostituire le macchine da scrivere per le segretarie o per gli archivisti, poiché i computer venivano utilizzati per archiviare enormi quantità di documenti amministrativi.

40Furono le comunità hacker e i rappresentanti della controcultura americana, gruppi di ingegneri e ricercatori delle telecomunicazioni e di informatica, che, trascinati dai valori della democrazia del sapere, iniziarono a manipolare le macchine di calcolo, promuovendo un uso non “istituzionale” del computer. Nel clima fervido degli anni Settanta si assisteva alla nascita di Altair8800, un kit per la realizzazione di personal computer. Altair era piccolo, facile da montare e soprattutto costava poco. è in questo contesto, che si caratterizza per la presenza della di gruppi hacker e dalla sinistra tecnocratica, che nella città di Menlo Park, oggi meglio conosciuta come Silicon Valley, vengono fondate Apple di Steve Jobs e Microsoft di Bill Gate.

41Quando negli anni ’80 i computer uscirono dagli ambienti di lavoro per essere inseriti all’interno dello spazio casalingo, le applicazioni di maggior successo erano proprio quelle destinate alla video scrittura. Nel 1983 nacque Word di Microsoft destinato a imporsi come il word processor maggiormente diffuso (Bergin, 2006).

42Il computer deve la sua diffusione alla capacità di alcuni gruppi di favorirne le condizioni, ma anche al suo matrimonio con internet che ha modificato la percezione di questa innovazione in ambito domestico (Balbi, Magaudda, 2014). Il computer è così divenuto una tecnologia perfettamente integrata nella routine e nella quotidianità (Silverstone, Hirsh, Morley, 1992; Haddon, 2006) che ha visto gli attori sociali quali inventori e innovatori, investitori e utilizzatori coinvolti in un processo sociale di costruzione del significato del senso e della sua pervasività nella vita quotidiana.

43I computer erano considerati come dei giganteschi calcolatori, dei mangia-numeri buoni soprattutto per gli apparati burocratici e per le grandi istituzioni; per uno scrittore o un lettore fino a un ventennio fa era impensabile doversi servire di un computer per produrre o leggere un testo (Bolter, 2001).

44Ma si è detto che «individui e culture forgiano tecniche e dispositivi per i loro scopi» (Bolter, 2001): l’introduzione ad esempio delle interfacce userfriendly o le rappresentazioni in WYSIWYG o ancora la simulazione del foglio sono tutti piccoli tratti di una ri-mediazione necessaria della tecnologia della scrittura digitale.

45La materialità della scrittura è secondo Bolter assolutamente inscindibile della prassi umane e dalle sue scelte culturali

La dimensione tecnica e culturale dello scrivere sono così intimamente legate che cercare di separarle non sarebbe di alcuna utilità. Insieme, esse costituiscono la scrittura in quanto tecnologia. […] La moderna tecnologia dello scrivere non include solo le tecniche stampa, ma anche le prassi della scienza e della burocrazia odierne e le conseguenze socioeconomiche dell’alfabetizzazione nell’età della stampa. Se personal computer e computer palmari, browser e word processor appartengono all’attuale tecnologia dello scrivere, lo stesso vale per gli usi per cui ci serviamo di questi congegni e programmi, nonché per la retorica rivoluzionaria o catastrofica che entusiasti e critici costruiscono intorno ai computer e ai relativi software. (Bolter, 2001)

46Le neo-scritture digitali, dunque, rappresentano un fenomeno di continuità con il passato, «sfidando categorie della modernità come quella di istruzione, di norma e ovviamente di alfabetizzazione» (Fiormonte, 2003), non senza una nuova mediazione dovuta al passaggio dalla fisicità della scrittura data dalla carta (o da supporti analogici) al digitale, poiché in questo passaggio è mutato il modo di «organizzare, strutturare e consultare la parola scritta» (Cartier, 1994) e dove «la maestà del Testo» si caratterizzava per stabilità e persistenza (Fiormonte, 2012), ora esso acquisisce gli attributi di flessibilità e iperattività.

47Così come era avvenuto tra il Quattro e il Cinquecento e maggiormente con la rivoluzione industriale, quando alla crescita della complessità degli stessi scambi commerciali e finanziari (Petrucci, 1998) corrispondeva un aumento di complessità di infrastrutture e un aumento di attenzione nei confronti delle comunicazioni (soprattutto postali) tramite le “autostrade” marittime e terrestri (Briggs e Burke, 2009), similmente avviene oggi con la scrittura digitale.

L’influenza del mobile

48L’alfabetizzazione tecnologica, divenuta sempre più massiva e penetrante grazie anche ad un crescente mercato che vede protagoniste le tecnologie mobili, ha reso la pratica dello “scrivere” sempre più usuale, quotidiana, consueta, addomesticata. Il telefono mobile è la tecnologia più diffusa non solo in Occidente, ma anche in continenti come l’Africa, l’Asia e l’America Latina dove, per esempio, il personal computer o semplicemente il telefono fisso hanno fatto più fatica ad imporsi.

  • 10 I report Istat pubblicati il 18 dicembre del 2014 “Cittadini e nuove tecnologie” e il 21 dicembre (...)
  • 11 Il 21 novembre del 2016 la Stanford Graduate School of Education pubblica i risultati della ricerc (...)

49In Italia vi è un aumento in positivo dell’uso di Internet attraverso reti mobili con connessione a banda larga10. Internet è usato per “gestire” la propria rete relazionale attraverso i social media e le chat, e la sua popolazione è “trasversale”, costituita da fasce di popolazioni eterogenee e provenienti da differenti realtà sociali, gradi di istruzione e provenienza geografica. In sintesi chi possiede un dispositivo mobile è abituato alla pratica della scrittura e della lettura digitale. Si tratta però di una maggioranza di persone che pur essendo avvezze alla scrittura, non ne padroneggiano né ne rispettano le norme. Sono, dunque, “scriventi dai margini” (Petrucci, 1998; Fiormonte, 2010) nel senso che rappresentano la massa di alfabetizzati alla tecnica, sia della scrittura sia della tecnologia, dotati di un terminale (computer o smartphone), ma con poche competenza specifiche11. Sono creatori di una “babele di dialetti telematici” che spinge alla nascita di non-testi, scritture mutanti, scritture collettive.

50Alcune teorie sulla scrittura digitale, secondo studiosi come Naomi Baron (2000), confermano certe ipotesi che vedono una profonda similitudine tra la società contemporanea e le società precedenti all’introduzione dell’alfabeto fonetico contenendo il «residuo orale», con la costruzione grammaticale di frasi attraverso giri di parole più simili alla lingua parlata, più adatta all’orecchio che all’occhio (Ong, 1982): essa svolge pratiche del tutto simili alla società orali in cui il ricorso alla narrazione e alla lettura ad alta voce costituiva un modello codificato di trasmissione del sapere (McLuhan, 1962; Baron, 2000; Bolter, 2001; McKitterick, 2003).

51É d’altronde necessario ricordare, ad esempio, che l’imporsi globalmente della telefonia mobile può essere rintracciato proprio nella sua caratteristica di essere un medium “sonoro” e quindi più facilmente addomesticabile da parte di società “orali” (Hahn, Kibora, 2008).

52Le lingue derivanti dai sistemi tecnologici di comunicazione sono considerate da alcuni studiosi lingue pidgin a tutti gli effetti, derivanti da sistemi di comunicazione sincroni già in uso a partire dagli anni Novanta del secolo scorso (Baron, 1998; Fiormonte, 2003).

53Alla base dei cambiamenti della lingua scritta, infatti, c’è senza dubbio la diffusione, iniziata circa 20 anni fa, delle comunicazione interpersonale iniziata negli anni Novanta con lo scambio di messaggi brevi, sms, tra abbonati. Un uso non previsto della tecnologia Gsm, quello degli sms, è una reinvenzione operata dagli stessi utenti, che può essere interpretata come la fase di appropriazione del modello di Rogers, divenendo il servizio di maggior successo del telefono mobile non solo dal punto di vista dei profitti che iniziò a sviluppare per le compagnie ma soprattutto per l’uso sociale e il peso culturale che gli sms hanno avuto nella storia della tecnologia. Ne sono esempi i rituali adolescenziali di trascrizioni di intere conversazioni in diari e quaderni (Kasesniemi, Rautiainen 2002), o il caso delle Filippine, dove, secondo alcuni teorici, l’«ossessione collettiva» per l’uso degli sms portò alla mobilitazione della popolazione provocando la caduta del governo Estrada nel 2001 (Rafael, 2003). Il caso delle Filippine non è dissimile dalla Battaglia di Seattle o dalla «primavera araba» dove il ruolo giocato dalla messaggistica pare essere stato centrale non solo per la diffusione delle idee, ma soprattutto per il coordinamento non gerarchico tra i gruppi di protesta (Rheingold, 2003; Bennato, 2011). La comunicazione tramite sms è stata instabile, i suoi usi sociali si sono modificati e oggi - soprattutto tra gli adolescenti - sono sostituiti con la messaggistica sincrona, facilitata dall’uso della messaggistica istantanea tipiche delle chat, dei giochi di ruolo on line ed infine dai social network e i social media, producendo una quantità di dati smisurata.

54La chat è un modello di comunicazione one to one o multiutente, attorno a cui in passato si creavano vere e proprie comunità con gerghi e regole interne. Le stanze di dialogo permettevano agli utenti di celare la propria identità, così si poteva (e si può) cambiare sesso, luogo di residenza, lavoro e classe sociale.

55Oggi esistono differenti tipologie di chat, ma hanno larga diffusione le app destinate a pubblici eterogenei per maggioranza non interessati alla creazione di “identità e vite parallele”, quanto piuttosto alle possibilità dello strumento di costruire e consolidare relazioni sociali grazie alla loro aderenza con la diffusione di sistemi mobili di comunicazione come lo smartphone.

56WhatsApp è una app di chat che nel febbraio del 2016 festeggiava il miliardo di utenti registrati con 42 miliardi di messaggi scambiati ogni giorno, 1,6 miliardi di foto al giorno, 250 milioni di video al giorno e 1 miliardo di gruppi creati12. La quantità di contenuti scambiati tra gli utenti è davvero straordinaria. A voler analizzare la scrittura delle chat come Messenger o Whatsapp ci si renderà conto che le conversazioni sono sincopate, il discorso tende a essere frammentato contribuendo ad un effetto retorico che punta alla somiglianza con la dimensione dialogica, con conseguente effetto straniante dovuto ai tempi di stesura e invio del messaggio in parallelo con altri utenti.

57I gruppi delle chat di Messenger, Whatsapp o di Telegram assumono obiettivi comuni, seppur per periodi brevi, che sostengono il concetto di «comunità di discorso» (Swales, 1990), sviluppando un sistema di rimandi simbolici e di significati interni ed inaccessibili agli estranei al gruppo che vengono definiti idiocultura (Fine, 1987; Cole Engestrom, 2007). É già un dato che nelle produzioni audiovisive di prodotti quali film, serie tv e videoclip, siano stati introdotti graficamente i dialoghi via chat dei protagonisti: esso dà l’idea di quanto questo approccio alla conversazione, non più orale bensì scritta, sia divenuto una prassi, tanto da intervenire nelle consuetudini quotidiane.

  • 13 Per un approfondimento sull’uso che gli utenti fanno dei social media e sugli impatti sociali che (...)

58Come si avrà modi di specificare nel capitolo a seguire, la tecnologia del computer unitamente a quella di Internet, del web relazionale e partecipativo si caratterizza per l’uso e la vasta gamma di social media, e dei social network sites13 che, con la diffusione delle tecnologie iOS e Android per gli smartphone, divengono applicazioni a portata di mano.

59I primi possono brevemente essere descritti come spazi virtuali in cui l’individuo tende a creare una rete di relazioni con altri individui costituendosi all’interno del grande insieme di utenti come veri e propri gruppi di scambio di informazioni. «L’architettura stessa della sns richiede di riflettere online i gusti e le preferenze offline, scoraggiando la separazione tra identità virtuale e reale. […] Il criterio di interesse condiviso sostituisce quello spaziale nelle relazioni perché – afferma Baker [2008] - la similarità e la condivisione di interessi è un indicatore alternativo di vicinanza fisica. insomma la similarità lavora alla stregua della prossimità» (Sartori, 2012).

60«L’appartenenza [ad un gruppo] agisce come norma di rinforzo sul singolo e quindi si esprime attraverso la fedeltà e l’esibizione delle peculiarità linguistiche del gruppo» (Como, 2004). Questo può determinare la nascita di slang, linguaggi privati, ma anche neologismi ed uso di espressioni condivise. L’influenza che l’uso dei social network ha sui cambiamenti del linguaggio (scritto e parlato) rimane comunque non del tutto chiaro, scrive infatti Marshall:

L’argomento del cambio di lingua e i possibili fattori coinvolti in tale processo hanno suscitato molto interesse negli anni. Gli studiosi hanno mostrato un rinnovato interesse per la perdita di varietà non-standard e il processo di standardizzazione. Ciò ha fornito importanti approfondimenti sui tipi di area geografica, rete sociale e gruppo sociale in cui hanno origine i cambiamenti di lingua e i meccanismi coinvolti nel processo di diffusione. Alcuni studi sugli atteggiamenti hanno testato le correlazioni tra gli atteggiamenti e il comportamento sociale (incluso quello linguistico), ma la relazione tra i due non è sempre stata chiara. (Marshall, 2004; Trad. mia).

61Lo scrivente, all’interno dei propri spazi social, utilizza per comunicare con coloro che fanno parte della propria rete di contatti i testi ibridi nati dalla condivisione di link accompagnati da testi sempre più brevi, fino a rientrare nei famosi 140 caratteri in Twitter, con il ricorso all’uso di enunciati nominali affini alla conversazione, allo scambio orale delle informazioni. Di solito il pensiero elaborato è accompagnato da un’immagine, un meme, una gif animata, confermando quell’ipotesi gombrichiana che vede questa come l’epoca visiva.

Piattaforme per l’intelligenza collettiva

62Un discorso a parte meritano i blog e i wiki proprio per la loro natura (ancora) prevalentemente testuale. Ma mentre per i primi l’autore può essere unico con una struttura dialogica dei commenti a grappolo per ogni argomento, i secondi sono l’espressione della scrittura collettiva e collaborativa tra gruppi che possono raggiungere anche migliaia di partecipanti, come nel caso del più celebre e quanto mai controverso Wikipedia. L’elemento che contraddistingue la creazione di uno spazio come quello di Wikipedia è il concetto di comunità che «rimanda all’idea di sostegno reciproco e di condivisione affettiva e valoriale che trova oggi un’ulteriore conferma nel contesto virtuale. La ricerca ha infatti scoperto che anche le reti virtuali offrono risorse importanti per l’interazione sociale che si pensava fossero coltivabili solo nelle relazioni con legami forti e faccia a faccia: sono invece molto utili per il riconoscimento, la stima il sostegno e il senso di appartenenza» (Sartori, 2012).

  • 14 Anche in questo caso l’uso del computer nei giochi di ruolo non ha affatto sostituito la pratica d (...)

63Le scritture collettive sono presenti già agli albori della diffusione del computer e della rete internet a uso domestico, quando si assiste ad una graduale migrazione dei role playing dai tavoli di gioco14 reali di piccole e medie comunità a quelli virtuali o meglio digitali, avvenuta negli ultimi vent’anni, quando si fanno strada i MUD (Multi User Dimension o Domain) derivanti dai mondi fantastici e segreti di Dungeons and Dragons. La struttura del gioco di ruolo è puramente narrativa e le strategie dei giocatori si basano sulle loro capacità di utilizzare e riutilizzare le informazioni a disposizione per creare nuove situazioni di gioco e nuovi contesti narrativi che, on line, divengono anche occasioni di creazione di nuove relazioni. Sta proprio in queste capacità di creare mondi che è stato possibile vedere la nascita di sistemi narrativi e letterari nuovi, su cui si avrà modo di soffermarsi.

  • 15 La produzione testuale è senza dubbio aumentata con l’aumentare della “portabilità” dei dispositiv (...)

64Il testo digitale diventa fluido rispetto alla scrittura tradizionale, i testi acquisiscono una maggiore paragrafazione, le frasi divengono più brevi e meno complesse nell’articolazione, con una predilezione per la paratassi, standardizzandosi secondo caratteristiche universali a sostegno della teoria dell’Apparatgeist15 in cui «indipendentemente dalla cultura, quando le persone interagiscono con le tecnologie di comunicazione personale, tendono a standardizzare le infrastrutture e gravitano verso gusti coerenti e caratteristiche universali» (Katz e Aakhus in a.a., The Economist, 30 dicembre 2009. Trad. mia). L’informatizzazione della scrittura ha implicato anche una modifica qualitativa oltre che quantitativa della produzione. (Gigliozzi, 2003): «ogni tecnologia di scrittura richiede materiali differenti o modi differenti di usare i medesimi materiali, e queste differenze sono importanti. Ciò non significa, d’altra parte, che le condizioni materiali dello scrivere determinino in modo esclusivo il modo in cui una cultura alfabetizzata legge o redige i suoi testi» (Bolter, 2001).

  • 16 «Lo spazio elettronico dello scrivere, con la sua estrema duttilità, può essere plasmato in forma (...)

65Senza dubbio le possibilità della scrittura si amplificano grazie alle capacità offerte dalla tecnologia di adoperare sistemi più rapidi per la citazione di porzioni di testo provenienti da altri contenuti digitali, di effettuare più correzioni logico-grammaticali sulle proposizioni per mezzo dei suggerimenti dei word processor e dei loro ricchi thesauri. Colui che scrive insomma potrà concentrarsi sul contenuto e sul suo stile, abbandonando quasi totalmente gli aspetti formali: i sistemi di scrittura digitale consentono allo scrivente di trascendere dalle strutture verbali e dai significati delle parole per concentrarsi sulla forma attraverso un meccanismo di astrazione che gli permette di vedere lo scheletro della composizione, di osservare la sua mappa mentale16 (Bolter, 2001).

66La produzione testuale è cambiata, nella forma e nel supporto in un mutuo scambio di opportunità e dipendenze: un testo digitale non ha più una forma definitiva, ma è in costante aggiornamento, con una perdita progressiva di annotazioni, mutazioni e trasferimenti di significato. Alla riscrittura, ad esempio, è stata sostituita la pratica della modifica definitiva così da non conservare quasi mai memoria dei cambiamenti testuali attuati.

  • 17 Sulla questione dell’influenza della scrittura e della lettura di testi con caratteri tipografici (...)

67Nelle possibilità offerte dalla tecnologia vi è un vero e proprio cambiamento della tecnica della scrittura, tanto che - come scrive Giuseppe Gigliozzi - l’innovazione può influire sulla produzione di contenuti stilisticamente elevati e di qualità: il mezzo, secondo il filologo, determinerebbe la forma e quindi in parte anche il contenuto, avendo ricadute anche nel sistema di valori che storicamente sono legati alla carta. «La questione dell’influenza dello strumento sulla forma del testo rimane ancora aperta e irrisolta, eppure non potrà essere elusa nel momento in cui si debba riflettere sul ruolo che ha rivestito e riveste l’informatica nel settore della letteratura»17 (Gigliozzi, 2003).

68La parola si mescola all’immagine e diventa il suo supporto la sua esplicitazione: stiamo vivendo l’epoca visiva, ha affermato Gombrich, in cui la forza delle immagini fagocita quella della parola (Gombrich, 1985). La questione legata al ricorso delle immagini e delle icone da parte dello scrivente è indagata da più settori scientifici afferenti alla psicologia, alla sociologia ed alla linguistica. L’attuale modalità di scrittura per la comunicazione interpersonale mediata dai sistemi di messaggistica istantanea e dai social network viene definita “parlata-scritta”: la componente emotiva viene rappresentata dall’uso di emoticon ed emoji, pratica già largamente in uso con la diffusione dei sistemi MOO e MUD. L’uso delle immagini nella lingua scritta può essere assimilato a modelli di comunicazione attraverso la pittografia, che «si costituisce come culturalmente più vicina al lettore, perché non dipende dall’intermediazione della parola e sembra riferirsi direttamente a luoghi ed eventi» (Bolter, 2001).

69Verso una piena convergenza culturale (Jenkins, 2007a), essa si manifesta come eredità della diffusione di fenomeni culturali quali l’affermazione del fumetto e in particolare modo della cultura manga. La produzione di testi ibridi, dove troviamo emoticon ed emoji, con funzione della sinestesia, danno la misura del cambiamento, «un cambiamento drammatico nella coscienza umana, lontano dalla sua modalità lineare e letterale di elaborazione delle informazioni verso una modalità più olistica e immaginativa» (Danesi, 2017 – trad. mia).

70La ri-mediazione della stampa porta ad una sorta di “ékphrasis alla rovescia” (Bolter, 2001), in cui le immagini divengono surrogato di parole, favorito anche dall’uso domestico del computer prima e dello smartphone dopo, che fanno ricorso all’uso delle icone al fine di divenire maggiormente usabili da parte di numero elevato di persone.

71Il ritorno alla iconicità anche nella scrittura è una «tendenza che conferma una colonizzazione iconico visiva dei processi culturali; ma d’altro canto, dietro l’esperienza c’è ancora tantissima scrittura (anche nel senso tradizionale del termine) e soprattutto tanta riflessione sui meccanismi del linguaggio. Cifra di queste nuove forme espressive sono la dinamicità e il processo; non più solo la retorica ma soprattutto la pragmatica: uno spazio dove la scrittura, quella delle macchine e dell’uomo, si fa azione nel tempo» (Fiormonte, 2010).

  • 18 Secondo Bolter il concetto di inclusività della scrittura elettronica ha come limite la penetrazio (...)

72La scrittura elettronica pare avere tratti in comune con le scritture geroglifiche e cuneiformi del passato, segno di quel ritorno al villaggio tribale che diviene globale secondo McLuhan (Danesi, 2017), aventi come risultato un continuum di sistemi di rappresentazione del pensiero umano, divenendo inclusiva18, nel senso che tende ad includere tutto ciò che la scrittura “analogica” ha escluso per lasciare spazio alla sola trascrizione fonetica degli “enunciati” (Bolter, 2001).

73Scrivere e leggere sono atti interiorizzati dall’uomo, incapace di determinare quanto le innovazioni tecnologiche possano influenzarne la sua stessa tecnica (Di Tonto, 2003). Anche se l’uomo nel leggere e nello scrivere non è in grado di intuire quanto queste pratiche siano influenzate da componenti esterne, si può affermare che un legame tra dispositivo e pratica testuale, oltre che l’interazione con output come tastiere, schermi e mouse o software di dettatura, determinino processi mentali, creativi ed interpretativi, differenti dai precedenti.

Notes

1 McKenzie naturalmente si riferisce a un tipo di produzione testuale basata sulla stampa tipografica.

2 Nasce da una necessità di oblio da parte dei gruppi sociali visto le scarse capacità mnemoniche dell’individuo e della gruppo che agisce come unità. «Si tratta della sistematica rimozione di quei pezzi di memoria che diventano obsoleti, inutili dal punto di vista della ritrascrizione selettiva effettuata dal presente. Nelle culture ad oralità primaria questo è il funzionamento tipico dell’intreccio tra memoria e dimenticanza sociale» (Tota, 2001). Si tende dunque a ricordare solo ciò che la collettività ritiene rilevante per la sua storia. In tal senso è efficace l’esempio delle versioni mutevoli di miti e leggende della tradizione popolare in cui sovente assistiamo a varianti che apparentemente possono non sembrare rilevanti ma che costituiscono una vera e propria selezione tematica.

3 Ed. consultata del 2014.

4 Viene definita dal sociologo dei media Daniel Lerner come la capacità figurarsi in situazioni differenti da quelle ordinarie attraverso un processo empatico che deriva dalla mobilità fisica e sociale, dall’istruzione e dai mezzi di comunicazione di massa.

5 Traduzione in David McKitterick, Testo stampato e testo manoscritto, 2005.

6 Gino Roncaglia, all’interno del suo libro La quarta rivoluzione [2010] ricorda però che l’evoluzione dei media e quindi delle tecnologie ha portato alla scomparsa di alcuni strumenti tecnologici quali ad esempio la macchina da scrivere, il giradischi, la posta pneumatica e le schede perforate (Roncaglia, 2010). Negli esempi riportati però non si tiene conto che non si tratta di una reale morte, quanto piuttosto di una significativa trasformazione. Le ragioni della scomparsa di alcune tecnologie mediatiche non può solo essere imputata all’introduzione di nuovi e più avanzati strumenti (Balbi, Magaudda, 2014). Il progetto Dead Media Prodject era stato avviato come lavoro di documentazione e creazione di un database sulla base di una proposta dello scrittore Bruce Sterling, ma non è stato più aggiornato dal 2004 <http://www.deadmedia.org/> (cfr. <Errore. Riferimento a collegamento ipertestuale non valido. _Project>).

7 «Denominazione («auto-edizione») usata per indicare la diffusione, nell’URSS, di opere letterarie o saggistiche al di fuori dell’editoria ufficiale. Tale pratica, fiorita a partire dai tardi anni Sessanta, riguardava opere scritte appositamente per il s., opere composte per la pubblicazione ufficiale ma colpite da censura, opere pubblicate dall’editoria ufficiale in tirature ridotte, opere di scrittori di epoche precedenti ‘dimenticati’ dalla cultura ufficiale ecc. Spesso attraverso il s. venivano diffuse opere di scrittori sovietici già pubblicate all’estero; allo stesso modo, editori occidentali potevano pubblicare testi già diffusi nel samizdat». Fonte Enciclopedia Treccani.

8 Questo dettaglio non è per altro insignificante nel contesto delle accuse mosse al testo scritto come l’inizio della la fine della cultura orale: fino al XIX secolo all’interno dei contesti universitari avevamo maggiore forza il confronto orale. Dai pulpiti i professori insegnavano usando l’arte dell’oratoria e tecniche che potremmo definire teatrali per simulare dibattiti e dispute scientifiche al fine di accrescere le capacità di ragionamento logico dei propri allievi.

9 La comunicazione di dati tra l’uomo e la macchina avviene attraverso un input e un codice comprensibile dall’uomo. Le informazioni vengono elaborate dal calcolatore, che le traduce nel proprio codice, restituendo una risposta all’uomo in un linguaggio che quest’ultimo può comprendere. Questa re-interpretazioni del codice è stato un’innovazione significativa nella storia della diffusione del computer e per la comprensione tra l’uomo e la macchina. Fino agli anni Cinquanta infatti la trasmissione dei dati avveniva solamente attraverso comandi in codice binario. La traduzione del codice binario in linguaggio naturale è avvenuta con la nascita del Codice ASCII che ha portato alla codifica di 256 segni. Il problema di ASCII a 8 bit (28 = 256 caratteri) stava nella sua capacità di tradurre segni di differenti alfabeti. Nel 1991 venne presentato UNICODE con la sua codifica a 16 bit (216 = 65.536 caratteri) permette alla macchina ed all’uomo di comunicare tra loro attraverso la maggior parte delle lingue esistenti al mondo. UNICODE è una risorsa indispensabile per gli umanisti che si occupano di testi perché in grado di gestire alcuni caratteri speciali. Inoltre è basato su linguaggi di markup necessari alla realizzazione di contenuti sul web.

10 I report Istat pubblicati il 18 dicembre del 2014 “Cittadini e nuove tecnologie” e il 21 dicembre del 2016 “Cittadini imprese e nuove tecnologie” mostrano un crescente consumo di tecnologia da parte degli italiani, a cui però corrispondono in maniera quasi proporzionale evidenti gap digitali per alcune tipologie di utenti.

11 Il 21 novembre del 2016 la Stanford Graduate School of Education pubblica i risultati della ricerca iniziata nel gennaio del 2015 “Evaluating information: the cornerstone of civic online reasoning” destinata ad indagare le capacità di giovani in età scolare di comprendere i messaggi fruiti attraverso il web. Le competenze dell’uso tecnico degli strumenti risultano particolarmente elevati, ma le capacità di comprendere i messaggi o di avvalersi di fonti credibili sono quasi inesistenti. Nella ricerca si dichiara che «I “nativi digitali” potrebbero essere in grado di adattarsi tra Facebook e Twitter mentre contemporaneamente caricano un file su Instagram e inviano messaggi a un amico. Ma quando si tratta di valutare informazioni che si diffondono attraverso i canali dei social media, sono facilmente ingannabili». La maggior parte dei giovani intervistati non è in grado di distinguere un messaggio pubblicitario da una notizia, ritiene credibili le informazioni estrapolate dal social network anche quando decontestualizzate o non corredate da informazioni aggiuntive. (Cfr: https://sheg.stanford.edu/upload/V3LessonPlans/Executive%20Summary%2011.21.16.pdf).

12 Fonte Sole24Ore: http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2016-02-02/whatsapp-annuncia-1-miliardo-utenti-ma-ancora-non-e-redditizia-112750.shtml?uuid=ACEKEzLC.

13 Per un approfondimento sull’uso che gli utenti fanno dei social media e sugli impatti sociali che essi hanno con coloro che interagiscono attraverso i sistemi di comunicazione basati sul computer si rimanda al volume Sociologia dei Media digitali di Davide Bennato.

14 Anche in questo caso l’uso del computer nei giochi di ruolo non ha affatto sostituito la pratica del gioco dal vivo, semmai lo ha rafforzato. Se prima infatti i role playing erano diffusi tra piccoli gruppi di appassionati di letteratura fantasy, adesso coinvolgono gruppi di partecipanti molto più eterogenei, che spesso giocano in reale e non in remoto. Empiricamente è possibile che la loro diffusione e trasformazione (si pensi alle Escape Room) sia la naturale conseguenza della loro larga presenza sul web.

15 La produzione testuale è senza dubbio aumentata con l’aumentare della “portabilità” dei dispositivi della comunicazione interpersonale: la mobilità diviene una caratteristica fondamentale anche per comprendere la maggiore intensità d’uso dei servizi web. Katz e Aakhus [2002] hanno coniato il termine Appartgeist: la “nuova filosofia” sulla comunicazione personale attraverso le nuove tecnologie ha al centro il perpetual contact ,che non fa parte né della logica formale né dello sviluppo cognitivo dell’individuo, ma si colloca come ragionamento pratico risultato del pensiero e dell’azione della collettività. Gli autori definiscono così l’Apparatgeist: «We coin the neologism Apparatgeist to suggest the spirit of the machine that influenze both the designs of the tecnology as well as the initial and subsequent significance accorded the by users, non-users an anti-users. The neologism has its origins in Latin an is derived currently in the Germanic and Slavic word appart, meaning machine, which includes both technical and sociolgical aspects. […] We draw too upon the German word Geist which denotes spirit or mind. [...] We find that Hegel’s interpretation of terminology as stemming from the intellectual or rational, which defines empirical analysis, instead signifies a fundamental theme that animates the lives of human cultures. […] The term Apparatgeist ties together both the individual and the collective aspect of societal behavior. […] The Apparatgeist refers to the common set of strategies or principal reasoning about techonological advancement throughout history. It is through these common strategies and principles of reasoning that individual and collective behaviour are drawn together». Katz e Aakhus in a. a., The Economist, 30 dicembre 2009. < http://www.economist.com/node/15172850> .

16 «Lo spazio elettronico dello scrivere, con la sua estrema duttilità, può essere plasmato in forma di albero o di una piccola selva di elementi arborei posti in relazione gerarchica. In un medium statico come la stampa, l’autore deve di solito attenersi a un’unica gerarchia, a un solo ordinamento topico […]. Diversamente dallo spazio del libro stampato, lo spazio elettronico dello scrivere può rappresentare qualunque relazione definibile come un’interazione di puntatori ed elementi. […] Questa poliedricità suggerisce di per sé che lo spazio elettronico dello scrivere possa avere usi culturali differenti da quelli cui abbiamo adibito la stampa» (Bolter, 2001).

17 Sulla questione dell’influenza della scrittura e della lettura di testi con caratteri tipografici sono stati condotti studi interessanti riguardanti le capacità cognitive di fanciulli in età prescolare e scolare. Karin Harman James, ricercatrice dell’Indiana University, esperta di neuroscienze, tra il 2008 e il 2012 ha condotto una serie di studi sulle capacità cognitive sviluppate in seguito all’uso intensivo della scrittura e lettura su carta in corsivo e parallelamente su supporti digitali o tipografici, in assenza di scrittura a mano libera. I risultati della ricerca dimostrano che esistono dei cambiamenti significativi del cervello per coloro i quali hanno fatto ricorso alla scrittura corsiva, che , per esempio, hanno migliori e persistenti capacità mnemoniche. Afferma la docente americana in un articolo di presentazione della ricerca all’Indiana Senate Committee on Education and Career Development: «These kinds of findings point to there being something really important about printing and potentially also about cursive. These are both fine motor skills, so they might be equally important in understanding cognitive development in children» <http://newsinfo.iu.edu/news-archive/20977.html>.

18 Secondo Bolter il concetto di inclusività della scrittura elettronica ha come limite la penetrazione della tecnologia a livello macro e micro delle società contemporanee (Nord vs Sud del mondo, gap cognitivi ed economici; differenze anagrafiche, ecc.): si tratta di una scrittura ancora esclusiva ma non elitaria, che prevede una profonda diffusione di quella che l’autore definisce cultura popolare.

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search