Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

BIBLIOTECONOMIA, DISCIPLINE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO, DISCIPLINE STORICHE E FILOLOGICHE, SCIENZE SOCIALI, TECNOLOGIE: RELAZIONI E SPAZI PER UN CONTRIBUTO ATTIVO DELLA BIBLIOTECONOMIA NEL CONTESTO ACCADEMICO

Didattica e ricerca della biblioteconomia all’Università di Udine

Angela Nuovo

Texte intégral

1Il corso di studi in Conservazione dei beni culturali dell’Università degli studi di Udine è stato il primo a essere istituito in Italia una trentina di anni fa. Ha conosciuto una storia complessa, ed è giunto ad avere non solo una Laurea specialistica in Archivistica e Biblioteconomia ma anche un Dottorato di ricerca in Scienze bibliografiche. Oggi, conformemente alle esigenze dei possibili sbocchi occupazionali nei diversi settori dei Beni culturali, l’offerta formativa della Laurea triennale si articola in tre percorsi: archeologico, archivistico-librario, storico-artistico. Il corso propone ai suoi iscritti una buona formazione di base nelle discipline umanistiche e un adeguato spettro di conoscenze inerenti ai beni culturali. La paleografia, la bibliologia, la biblioteconomia, la storia del libro e l’archivistica sono i principali insegnamenti per lo studio dei beni archivistico-librari. Completano i percorsi materie trasversali, quali informatica, scienza della catalogazione dei beni culturali, legislazione dei beni culturali. Diversi laboratori forniscono ulteriori occasioni di approfondimento degli studi e per attività di tirocinio. L’ambiente di lavoro e insegnamento in cui la biblioteconomia è inquadrata a Udine è dunque prettamente umanistico. Pur essendo il corso inserito nella Laurea triennale in Conservazione dei beni culturali, come esame a scelta può essere sostenuto in ogni altro corso di studio, comprese le lauree specialistiche in Italianistica e Storia, che sono attualmente interateneo con l’Università di Trieste. Il corso deve dunque rivolgersi a studenti di ogni anno, dalle matricole agli studenti del quinto anno, senza contare i non pochi laureati che si iscrivono a Biblioteconomia come corso singolo, da quando è accaduto che per partecipare a vari concorsi per bibliotecari sia stato richiesto come requisito l’aver sostenuto un esame della materia all’Università. Questo fatto, in combinazione con l’assenza degli insegnamenti ex M-STO/08 presso gli altri atenei della regione, ha rinverdito l’attenzione degli studenti sulla Biblioteconomia, in una dinamica in cui gioca un ruolo determinante un mercato del lavoro territoriale che pare ancora esprimere qualche opportunità. Ma, chiaramente, un singolo corso di Biblioteconomia è solo il primo passo nella formazione professionale dei bibliotecari.

  • 1 Si tratta dei temi che sono stati maggiormente trattati dalla ricerca biblioteconomia italiana negl (...)

2Da queste premesse, ben si comprende come l’impostazione dell’insegnamento sia di carattere generale, con un forte impianto storico (include di fatto lezioni di storia delle biblioteche), e una presentazione si spera efficace del sistema delle biblioteche italiane, delle principali leggi che lo reggono, e dei metodi e criteri della gestione delle biblioteche. Continuamente all’orizzonte rimane il nodo del rapporto tra biblioteca e società, mutevole nel tempo ma sempre rivelatore, tema che oggi va declinato in chiave sempre meno legata alla biblioteca come istituzione. All’interno di questa evoluzione, acquistano evidenza temi e problemi che in passato erano distanti dalla biblioteconomia, come la lettura, il mercato librario, l’editoria e la posizione delle biblioteche in quella filiera del libro, anche elettronico, che è forse oggi la chiave più opportuna per impostare i problemi della lettura pubblica, o comunque è certamente tra le più efficaci didatticamente1. Per quanto riguarda il tema che tempo fa si chiamava delle digital libraries, un corso monografico su Google Books e le biblioteche stimola un atteggiamento partecipativo da parte degli studenti, che poi riescono ad usare questa risorsa e risorse analoghe con maggiore consapevolezza anche nella loro attività di ricerca. Infine, quelle che una volta erano semplici visite alle biblioteche acquistano oggi un particolare valore se, grazie a un dialogo aperto tra bibliotecari, studenti e docente, stimolano il desiderio di intraprendere stage e tirocini in biblioteca.

3La posizione della Biblioteconomia a Udine risulta perfettamente interdisciplinare tra Storia e Italianistica. Il fatto che personalmente insegni anche Storia del libro mi porta a dialogare forse più con gli storici, ma di fatto faccio parte di un dottorato di Italianistica e anche da quel versante sono molte le richieste di collaborare sui problemi effettivi. Certo quello che rende la Biblioteconomia difforme dalle altre discipline è il fatto di non essere se non in parte disciplina umanistica, ma piuttosto disciplina che si sviluppa in relazione a riferimenti empirici, a stretto contatto con la realtà. È quanto, io ritengo, ne decreta di frequente il maggiore successo “di pubblico” rispetto a materie più tradizionali nell’ambito dei curricula umanistici. Eppure, proprio all’interno dei curricula umanistici la nostra materia non è molto nota dai colleghi, la sua tradizione di studi appare esile — se pure qualcuno ne ha qualche contezza — e nel merito i suoi contenuti sono sottostimati. Non credo siano del tutto chiare ai colleghi le difficoltà insite nell’insegnare una materia in evoluzione continua, con continui spiazzamenti e mutamenti di prospettiva, e dove è comunque necessario fornire agli studenti un ancoramento a un insieme di conoscenze forti e distintive.

  • 2 Un segno molto positivo è che le pubblicazioni di biblioteconomia non siano più prodotte solamente (...)

4Come possiamo rafforzare il nostro impatto e il nostro ruolo? Occorrerebbe di certo che la materia crescesse, che il suo impatto fosse più visibile, anche da un punto di vista quantitativo2. Questo naturalmente se parliamo di biblioteconomia contemporanea, perché se parliamo di storia della biblioteconomia, o meglio storia delle biblioteche, storia della lettura e quindi storia del libro, le tangenze interdisciplinari e il dialogo con altri ricercatori sono la regola, sono anzi indispensabili, e il pubblico a cui ci si rivolge molto più ampio. Inoltre, è certamente cruciale quel lavoro di ricerca finalizzato al conseguimento di vantaggi tangibili per l’istituzione universitaria che molti colleghi stanno svolgendo all’interno degli atenei, ad esempio mettendosi al servizio della creazione di risorse strategiche come i depositi istituzionali, e attraverso questi nella fattiva collaborazione alla messa a punto di nuove modalità di valutazione. Tali sviluppi della biblioteconomia sono senz’altro molto fecondi all’interno del mondo universitario, ma non è detto che in tutti gli atenei sia possibile ai docenti delle nostre materie di entrare nei luoghi dove si opera su questi aspetti, che spesso sono in mano ad altre consorterie.

5Al di là dell’impatto e visibilità scientifica della nostra attività negli atenei, ritengo che la biblioteconomia contemporanea, nella più larga e inclusiva delle sue accezioni, potrebbe dare i suoi frutti migliori sia nell’ambito della didattica che nell’ambito della ricerca e della ricerca applicata, all’interno di percorsi didattici dedicati, e più nell’ambito dei master che nell’ambito delle lauree specialistiche. Certamente in un quadro di questo genere le nostre materie vedrebbero accentuarsi un certo isolamento nei dipartimenti umanistici nell’ambito dei quali sono destinate a rimanere (in questo il legislatore non sembra avere alcun ripensamento). Ma all’interno di master si potrebbe lavorare in modo più mirato a un ammodernamento dei curricula che potrebbero formare con più spiccato indirizzo alla professione sia bibliotecari “moderni” che bibliotecari “antichi”, entrambi con solide basi tecnologiche e gestionali. Non considero affatto superata la preparazione tradizionale, che include la paleografia, le materie storiche e filologiche, né la figura del bibliotecario delle collezioni storiche. Sarebbe un grave errore abbandonare questo tipo di formazione in cui l’Italia eccelle per ovvie e intuitive ragioni. Di queste professionalità, al di là dell’attuale contingenza, nelle biblioteche italiane ed estere ci sarà sempre bisogno. Il drammatico de-finanziamento subito dalle biblioteche storiche in Italia (le biblioteche statali) è una condizione che per fortuna non si riscontra all’estero. È vero però che siamo fortemente stimolati a puntare più decisamente alla formazione di quei professionisti dell’informazione i cui sbocchi lavorativi appaiono meno legati alle biblioteche istituzionali e forse (o almeno in tanti lo sperano) più promettenti. Con alcune cautele, però. Annacquare eccessivamente i contenuti bibliografici della formazione del bibliotecario potrebbe portare i nostri studenti a dover competere sul mercato del lavoro con la galassia dei “professionisti della comunicazione e dell’informazione”, che non mi sembra scarseggino in Italia, senza avere dalla loro quel nucleo di conoscenze specifiche, ad esempio legate all’oggetto libro e alla sua catalogazione, che, alla fine, rimangono e rimarranno esigibili da chi ritiene di avere le maggiori qualifiche per lavorare nelle biblioteche.

Notes

1 Si tratta dei temi che sono stati maggiormente trattati dalla ricerca biblioteconomia italiana negli ultimi anni. Ricordo soprattutto (senza enumerarle distintamente) le opere di Mauro Guerrini, Alberto Petrucciani, Giovanni Solimine, Paolo Traniello, Giuseppe Vitiello che negli ultimi anni hanno perimetrato in maniera innovativa le aree di intervento della biblioteconomia.

2 Un segno molto positivo è che le pubblicazioni di biblioteconomia non siano più prodotte solamente da editori specializzati, ma entrino più facilmente nei cataloghi di marchi che si rivolgono a pubblici più ampi e differenziati.

Auteur

Università di Udine

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search