Version classiqueVersion mobile

I libri del cardinale Giuseppe Benedetto Dusmet

 | 
Francesca Aiello

2. I libri

Texte intégral

  • 24 Il catalogo ha segnatura ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Du (...)

1L’elenco dei libri appartenuti a Giuseppe Benedetto Dusmet è conservato tra la documentazione del fondo Anastasi Fardella Vincenzo (1906-1999), nei faldoni a lui dedicati, presso l’Archivio Diocesano di Catania24.

2Il fondo Anastasi Fardella, contenente una piccola parte della documentazione archivistica appartenuta ai Benedettini catanesi, è stato acquisito in anni recenti grazie all’interessamento di mons. Gaetano Zito, direttore dell’Archivio Diocesano.

3Come già scritto nel capitolo precedente, l’esigua comunità benedettina raccoltasi attorno alla figura di Dusmet aveva tentato di mantenere intatta la piccola parte del patrimonio benedettino che era riuscita a salvare dall’incameramento da parte del Demanio.

4L’ultimo monaco rimasto in vita, Luigi Taddeo della Marra, nominò erede il collaboratore canonico Luciano Marcenò, il quale a sua volta lasciò l’intero patrimonio alla sorella; quest’ultima alla morte destinò tutto al sacerdote Paolo Romano. Gli eredi di quest’ultimo, non avendo avuto dal congiunto indicazioni specifiche in merito alla destinazione della documentazione, la vendettero, in parte, ad alcuni antiquari e si liberarono in altro modo della parte restante.

  • 25 Zito G (1987), Il monastero di S. Nicola L’Arena tra il 1675 e il 1719, «Synaxis», 5, pp. 277-279; (...)

5Vincenzo Anastasi Fardella, amico del defunto ma anche profondo estimatore del patrimonio culturale e antiquario, riuscì a salvare una parte di questi beni e li fece avere all’Archivio Diocesano della città25.

6Il patrimonio raccoglie documenti relativi alla vita e all’opera di Dusmet e, tra i fascicoli, è conservato un piccolo catalogo nel quale sono stati elencati i libri da lui posseduti, parte della sua collezione personale.

7Tale fondo librario sembra oggi disperso, o almeno non ancora identificato come tale in una delle biblioteche del territorio.

8In merito alla sua destinazione è possibile avanzare solamente delle ipotesi: la collezione potrebbe essere stata inglobata nella biblioteca personale dei vescovi, ancora oggi conservata all’interno degli appartamenti vescovili. In essa, nei secoli, sono stati collocati i fondi librari dei vescovi che si sono succeduti arricchendo la collezione originaria.

9Una seconda ipotesi, invece, potrebbe far pensare che esso sia stato riportato al monastero benedettino di san Nicolò l’Arena dove egli passò gli ultimi anni della sua vita in qualità di rettore della Chiesa monumentale di san Nicola.

10Infine, un’ultima ipotesi potrebbe far pensare che il fondo librario, passato in eredità al della Marra, e poi agli altri confratelli, sia stato venduto dagli eredi del sacerdote Romano e quindi disperso.

  • 26 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12.

11Poiché, come si desume da altri documenti contenuti nel medesimo fondo26, Dusmet aveva l’abitudine di apporre la sua nota di possesso o il suo ex libris sui frontespizi dei libri, l’individuazione di questo elemento porterebbe alla identificazione degli esemplari.

  • 27 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, c. 1r. Quest (...)

12Nel testamento datato 10 novembre 186927, Dusment dichiara espressamente suoi eredi i tre benedettini che lo affiancavano: Luigi Taddeo della Marra, Paolo Proto e Remigio Chiarandà; precisava che i quadri e i libri in suo possesso, ma anche alcuni mobili, erano di loro esclusiva proprietà e che essi si trovavano nel palazzo vescovile solamente perché esso costituiva la loro abituale residenza.

  • 28 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, c. 1v.

13Nella postilla al testamento aggiunta nel 1871 Dusmet precisa che ai libri in loro possesso si devono aggiungere anche 25 manoscritti, taluni dei quali con piccole miniature, proprietà collettiva di tutti e quattro, venduti da persone cadute in povertà per la somma di lire 2200 contribuita da tutti e quattro28.

  • 29 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, cc. 1v-2r.

14In due postille successive, datate rispettivamente 5 dicembre 1878 e Catania 1884, Dusmet aggiunge all’eredità anche alcuni volumi in folio ricevuti dal defunto mons. Vicario generale Coco Zanghì, in cambio di una somma di denaro a lui prestato; nella seconda postilla si segnala la spesa, effettuata dai quattro benedettini, di lire 450 per l’acquisto di taluni libri del 1500, tre del 1400 e due manoscritti di poco conto29.

2.1 L’elenco dei libri

15L’elenco dei libri comprende cinquecentoventidue edizioni, di cui ottantatré antiche e due manoscritti (una copia dell’opera di Emilio Gentile dal titolo Teorico Pratica secondo l’ecclesiastica e civile Polizia e il Praelatus Cassinensis auctore Socio de Urbe Lucana).

16Il nucleo di libri antichi si compone di tre cinquecentine, cinque esemplari di edizioni del Seicento, quarantanove esemplari di edizioni del Settecento e ventisei esemplari di edizioni del primo trentennio dell’Ottocento; come si vede, non sono presenti edizioni del XV secolo.

17La maggior parte dei libri riguardano argomenti religiosi, ma la raccolta include anche opere di autori classici come i Commentari di Cesare editi a Napoli nel 1821, le opere di Orazio in un’edizione veneziana del 1746 e ancora Catullo, Tibullo e Properzio in edizioni del 1777, Cicerone in edizioni settecentesche, Giovenale e Persio in edizioni venete del 1735; anche gli autori più recenti trovavano posto nella biblioteca del cardinale, come ad esempio, Leopardi con il suo Epistolario stampato a Firenze nel 1849, un’edizione non identificata de Il principe di Machiavelli, le opere di Manzoni edite tra il 1843 e il 1850; sono presenti anche molte opere poetiche.

18La raccolta conteneva anche numerosi volumi di storia antica e moderna, geografia, lingua latina e letteratura italiana; non mancavano dizionari di italiano e francese, dizionari dei sinonimi e della lingua siciliana.

19Anche l’ambito scientifico non era trascurato: non pochi infatti erano i libri di scienze naturali, medicina, farmacia e fisica. Anche le tematiche economiche e il diritto, in particolare quello canonico, erano rappresentate dai libri della raccolta.

20La maggior parte della collezione era composta, come si scriveva, da opere di carattere religioso, che riflettevano le varie sfaccettature della religiosità e l’impegno pastorale di Dusmet.

21Oltre ad alcune edizioni della Regola benedettina, erano presenti numerose opere legate al culto mariano, tra cui quelle di Clemente Cini edite nella prima metà dell’Ottocento, quella di Francesco De Paola, Grandezze di Maria SS., stampata a Napoli nel 1851 e l’opera di Giovanni Maria Federici, La Immacolata Concezione della B. V. Maria, stampata a Napoli nel 1792.

22A questi libri se ne affiancavano altri che servivano certamente come supporto per l’attività pastorale, per esempio il testo di P. Casimiro di Firenze, L’Ecclesiastico Provveduto, ovvero Esortazioni famigliari per le domeniche e feste dell’anno, pubblicato nel 1777 o i tre volumi di Joseph Chevassu, Istruzioni Parrocchiali per tutte le Domeniche dell’anno, stampati a Napoli nel 1847.

23Molti altri libri avevano un approccio didattico e affrontavano le tematiche delle Sacre Scritture con un linguaggio semplice.

24Un ultimo interessante elemento che mi sembra opportuno far emergere è l’indicazione presente su due esemplari: Prestato al Padre Proto, a dimostrazione che la biblioteca di Dusmet non fosse ad esclusivo appannaggio del cardinale, ma che a disposizione degli altri membri della comunità.

2.2 Nota metodologica

25L’elenco dei libri di Dusmet è interamente manoscritto e non è datato; è in un piccolo formato (238 × 200 × 18 mm) composto da 160 carte non numerate, rilegato con una coperta in pelle e carta marmorizzata nei toni del bianco e del blu.

26Le annotazioni, presenti sia sul recto sia sul verso di ogni carta, sono organizzate in ordine alfabetico: lungo il margine esterno dei fascicoli sono presenti, come in una rubrica, alcune etichette in carta con l’indicazione delle lettere dell’alfabeto.

27La registrazione dei volumi non segue, all’interno di ogni lettera, un ulteriore e puntuale ordine alfabetico né un ordine cronologico; sono elencate insieme, una di seguito all’altra, le opere di uno stesso autore.

28La trascrizione del catalogo manoscritto è stata effettuata seguendo il metodo semi-facsimilare, allo scopo di rendere comprensibili tutte le indicazioni riportate e, allo stesso tempo, di rendere conto delle abitudini redazionali e dello stile adoperato dal o dai compilatori, del loro grado di cultura e conoscenza delle lingue straniere; eventuali errori non sono stati corretti durante la trascrizione. Si riportano inoltre i segni di punteggiatura (due punti, virgole, trattini) così come sono stati scritti nell’elenco.

  • 30 L’attribuzione è possibile a seguito del confronto del catalogo con le lettere e gli appunti manos (...)

29Le annotazioni dei libri sono vergate da due mani differenti: la prima mano, quella maggiormente presente e che dovrebbe appartenere allo stesso Dusmet, ha compilato l’elenco utilizzando una penna a inchiostro blu30; la seconda mano, caratterizzata da una scrittura in corpo minore, ha utilizzato una penna con inchiostro nero.

30Le annotazioni in blu riportano, nella maggioranza dei casi, le indicazioni di autore, titolo e i dati di edizione separati da un tratto orizzontale; in quelle redatte in inchiostro nero, invece, le varie voci sono separate dai due punti. Tali differenze sono state mantenute nella trascrizione, al fine di rendere leggibile anche graficamente l’alternanza degli interventi manoscritti.

31Nelle annotazioni delle singole opere è quasi sempre indicato il numero dei volumi che compongono l’opera, mentre, nel caso di un unico volume, si trova l’indicazione “vol. unico”.

32Accanto ad alcune annotazioni è possibile, infine, trovare il simbolo del cancelletto (e talvolta quello dell’asterisco), tracciato in lapis, che contrassegna alcune indicazioni bibliografiche.

Notes

24 Il catalogo ha segnatura ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 18.

25 Zito G (1987), Il monastero di S. Nicola L’Arena tra il 1675 e il 1719, «Synaxis», 5, pp. 277-279; Zito G. (1992), Monasteri benedettini della Sicilia orientale: il caso Catania. In Il Monachesimo italiano dalle riforme illuministiche all’Unità nazionale (1768-1870), Atti del II Convegno di studi sull’Italia Benedettina (Abbazia di Rodengo, Brescia, 6-9 settembre 1989), a cura di G. B. Trolese. Cesena, Centro storico benedettino, pp. 149-150.

26 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12.

27 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, c. 1r. Questa versione del testamento non è da intendersi come definitiva, poiché mancante delle firme del notaio e dei testimoni.

28 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, c. 1v.

29 ADCT, Fondo Anastasi Fardella Vincenzo, Carte card. Giuseppe Benedetto Dusmet, n. 12, cc. 1v-2r.

30 L’attribuzione è possibile a seguito del confronto del catalogo con le lettere e gli appunti manoscritti di Dusmet custoditi presso l’Archivio Diocesano.

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search