Version classiqueVersion mobile

I libri del cardinale Giuseppe Benedetto Dusmet

 | 
Francesca Aiello

1. Formazione e primi incarichi

Texte intégral

1Melchiorre Dusmet nacque a Palermo il 15 agosto 1818 da una famiglia di nobile origine; la sua formazione si svolse all’interno del monastero benedettino di san Martino delle Scale (Monreale, Palermo), dal quale si allontanò per un breve periodo, richiamato dalla famiglia che nel frattempo si era trasferita a Napoli.

  • 2 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, Catania, OVE, pp. 3-16. Sarà proprio il cardinale Dusme (...)
  • 3 Leccisotti (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 21.

2La sua vocazione lo spinse, nel 1833, a ritornarvi e nel 1840, accolto dall’abate Michelangelo Celesia2 emise la solenne professione religiosa, acquisendo il nome di Giuseppe Benedetto3.

  • 4 Zito G. (1987), La cura pastorale a Catania negli anni dell’episcopato Dusmet (1867-1894), Acireal (...)

3Nel monastero benedettino di san Martino delle Scale, egli si distinse subito per la grande religiosità, la dedizione al lavoro e l’estrema precisione nell’esecuzione degli incarichi affidatigli; per queste sue doti fu nominato archivista, cantore, poi lettore di Filosofia e Teologia. Dal 1845 divenne procuratore delle liti e dei canoni e Deputato regio incaricato dell’amministrazione del grande patrimonio benedettino4.

  • 5 Cfr. Dusmet M. (1837), Sul primo canto dell’Inferno di Dante Alighieri, in Effemeridi scientifiche (...)

4Fin dalla giovinezza, e per tutta la vita, Dusmet si dedicò allo studio e alla redazione di opuscoli contenenti sermoni e orazioni e di alcuni altri scritti di carattere non religioso5.

5Nel 1847 fu nominato segretario dell’abate Carlo Antonio Buglio, eletto tre anni prima per ripristinare l’ordine all’interno della comunità benedettina palermitana che si era progressivamente allontanata dai dettami della Regola.

6Dusmet seguì l’abate nelle visite ai monasteri di Caltagirone e Catania e lo affiancò, in qualità di segretario, anche dopo il trasferimento presso il monastero di Santa Flavia a Caltanissetta; si trattava di un monastero abitato da pochi monaci e presieduto da un priore, e che, per la gestione straordinaria, era sotto il controllo del più grande monastero palermitano.

  • 6 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., pp. 38-39.

7Nel 1850 fu emanato un dispaccio della Sacra Congregazione dei Vescovi e Regolari con l’obiettivo di costituire una commissione di cinque religiosi che si sarebbero occupati di dirimere una serie di problematiche interne alla congregazione. Fu questa commissione a rivolgere l’attenzione sulla personalità di Dusmet, che si presentava perfettamente idoneo alle necessità della congregazione. Dusmet non aveva l’età anagrafica e neanche gli anni di professione religiosa necessari per assumere incarichi di responsabilità, ma nonostante ciò fu presentato alla Santa Sede e assegnato al monastero napoletano dei SS. Severino e Sossio affiancando l’abate Anselmo Fava6.

  • 7 Ivi, pp. 37-41.

8Il compito che era stato a loro affidato era alquanto delicato, poiché il monastero aveva subito le soppressioni napoleoniche; essi avrebbero dovuto ricostituire e riorganizzare la comunità benedettina, riedificando anche la parte del monastero che era stato distrutto7.

  • 8 Leccisotti T, (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 46; Zito G. (1987), La cura pastorale, cit., p (...)

9La sua permanenza presso il monastero napoletano fu breve, perché, dopo circa due anni, egli fu richiamato presso la sede di Caltanissetta, dove gli fu conferito l’incarico di amministratore e si affiancò al vescovo, pur continuando a vestire l’abito benedettino8.

  • 9 Un passo del Regolamento è dedicato alle letture; si raccomanda ai monaci di scegliere «quelle che (...)

10A Caltanissetta collaborò all’ordinamento della diocesi e si dedicò all’assistenza ai poveri; emanò un regolamento per la gestione della vita monastica e per assicurare il rispetto delle regole e dell’ordine9. Inoltre, grazie ai finanziamenti ricevuti da altri monasteri, fece ricostruire la chiesa che era andata distrutta e si dedicò al suo abbellimento con decorazioni architettoniche e oggetti sacri.

1.1 La nomina ad abate

11Il monastero benedettino di san Nicolò l’Arena di Catania era noto per la sua magnificenza e per le figure che lo avevano abitato e rappresentato nel corso dei secoli, facendolo divenire luogo di fermento culturale e politico.

12Il grande lustro e la fama che avevano caratterizzato il monastero nei primi secoli della sua ricostituzione furono però seguiti da un degrado morale che si manifestò con maggiore forza nella prima metà dell’Ottocento, causato da un insieme di fattori diversi, quali l’assente selezione dei monaci, una preparazione religiosa e teologica poco accurata, la scorretta gestione delle attività interne a cui si collegava, direttamente, il mancato rispetto dei dettami della regola benedettina.

  • 10 Si ricorda, infatti, che erano rare le ordinazioni religiose frutto di scelte consapevoli dei giov (...)

13A questo si aggiungevano anche le lotte interne, di matrice prevalentemente politica, tra i rappresentanti delle più potenti famiglie del territorio10.

  • 11 Zito G. (1986), La vita del Monastero, cit., pp. 481-484.

14Nel tentativo di arginare tale gravosa situazione, papa Pio IX costituì una commissione di cinque abati con lo scopo di prendere adeguati provvedimenti e riorganizzare la vita interna dei monasteri appartenenti alla Congregazione; questi interventi non riuscirono però ad ottenere l’effetto sperato, soprattutto nel caso del monastero catanese, dove la presenza di abati privi di autorità e inadatti a far valere le proprie decisioni, peggiorarono la situazione. Per tali ragioni si reputò necessario scegliere per Catania una personalità di rilievo, che fosse davvero in grado di ripristinare l’ordine11.

15Nel capitolo della Congregazione indetto nel 1858 venne quindi nominato abate Dusmet, il quale aveva ormai raggiunto l’età necessaria, e venne assegnato al monastero catanese; egli si trattenne per un breve periodo presso la sede di San Martino delle Scale a Palermo insieme a Filippo Cultrera, un benedettino che era stato in precedenza abate a Catania.

16Grazie alla presenza di Cultrera, Dusmet ebbe modo di conoscere la reale situazione catanese e di individuare le necessità di riforma; in tal modo fu in grado di modulare le sue azioni e definire per bene gli interventi da mettere in atto immediatamente.

  • 12 Leccisotti L. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit. pp. 60-62; Zito G. (1986), La vita del Monastero, (...)

17Dusmet prese si insediò come abate del monastero cassinese catanese il primo agosto del 185812; si attivò, fin da subito, per far rispettare le regole e le prescrizioni emanate dei più recenti capitoli, in merito alle uscite dal chiostro, al silenzio, al numero di servitori per ciascun monaco, agli oggetti di lusso; fece cessare i festeggiamenti e i pranzi privati e si appellò con forza al rispetto della Regola benedettina, ponendo l’attenzione sui voti di ubbidienza, castità e povertà che essa richiedeva.

  • 13 ADCT, Fondo Anastasi Fardella, carpetta 5.

18Il Registro delle disposizioni degli abati e della cronaca del monastero di S. Nicola l’Arena dal 1675 al 186313 contiene tutte le disposizioni abaziali promulgate in quel lasso di tempo e permette di comprendere il funzionamento del monastero, le attività che si svolgevano al suo interno e gli ambiti nei quali si era mostrato necessario l’intervento di controllo dell’abate. In questo Registro sono presenti anche le disposizioni di Dusmet, suddivise per capitoli e affiancate dall’elenco dei monaci presenti al monastero o da lui ordinati.

  • 14 Zito G. (1986), La vita del Monastero, cit., p. 487.

19Questi dettami, per la loro radicalità, ottennero una duplice reazione: di benevola accettazione da parte di quei monaci che anelavano al ritorno all’essenza della Regola benedettina e di opposizione da parte di chi, non avendo scelto l’abito consapevolmente, non voleva piegarsi a uno stile di vita così rigoroso14.

  • 15 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 79.

20Durante il suo incarico Dusmet curò con grande attenzione la liturgia, introducendo anche il culto e la festività del Sacro Cuore15 e garantì a tutti i monaci un costante percorso di formazione e studio, impegnandosi affinché fossero rispettate le preghiere quotidiane e tutti i monaci riprendessero uno stile di vita più moderato, limitando le uscite dal monastero e vietando l’intrattenimento, i festeggiamenti e i giochi di carte; si adoperò, inoltre, affinché anche i laici che lavoravano per il monastero potessero avere una formazione cristiana.

21Egli interveniva personalmente per dirimere le contese tra i monaci e, soprattutto, dava il buon esempio ai confratelli, con uno stile di vita sobrio e rigoroso. Anche nel suo ruolo di abate, la sua religiosità si concretizzava nella cura e nel sostegno delle famiglie in maggiore difficoltà che si rivolgevano a lui certe di avere un supporto spirituale ed economico.

22La soppressione degli ordini religiosi che investì il mondo ecclesiastico nel 1866, diede un consistente arresto all’opera di riforma avviata da Dusmet; egli dovette affrontare, infatti, lo smembramento della Congregazione e l’abbandono del monastero e dei beni in esso contenuti.

23Nel lasciare la sede monastica, l’abate assegnò a ogni monaco una somma di denaro che servisse per il sostentamento, insieme ad alcuni oggetti, affinché venissero salvati dallo scempio che, temeva, ne sarebbe seguito.

24Attorno all’abate rimase una minuta comunità monastica che lo affiancò e lo sostenne fino alla fine della sua vita, composta dal segretario Taddeo della Marra, da Remigio Chiarandà e da Paolo Proto, ai quali si unì un altro piccolo gruppo proveniente da Caltanissetta, costituito da Salvatore Taranto e dai fratelli Luigi e Agatone Gentile.

1.2 La nomina ad arcivescovo

25La sede arcivescovile catanese era vacante da alcuni anni, a seguito della morte di mons. Regano deceduto nel 1861.

26Le disposizioni della Santa Sede prevedevano di nominare una figura dal riconosciuto rigore religioso e che non fosse, almeno apertamente, sostenitore del nascente governo: sembrò adatta la figura di Giuseppe Benedetto Dusmet che, nel 1867, fu eletto arcivescovo di Catania.

  • 16 Ivi, p. 169.

27In questa scelta ebbe certamente un ruolo determinante la sua appartenenza all’ordine benedettino e, soprattutto, il lavoro che egli aveva fatto all’interno del monastero catanese, i cui componenti si erano progressivamente allontanati dai dettami della Regola. La sua sobrietà nei costumi, la profonda fede e religiosità, l’atteggiamento rigoroso e giusto furono le caratteristiche che spinsero la Santa Sede a confermare la sua nomina16. La sua elezione fu accolta con gaudio in città, poiché erano ampiamente riconosciuti non solo il suo valore e il suo spessore intellettuale, ma soprattutto la sua vocazione pastorale.

28All’inizio del suo incarico Dusmet tornò a vivere all’interno del monastero benedettino, sempre accompagnato dagli altri tre monaci, Proto, Chiarandà e della Marra, che ebbero il permesso di continuare a seguirlo; solo in seguito si trasferì in un appartamento messo a disposizione dal sacerdote Antonino Caff. Il palazzo arcivescovile, che era stato occupato dal comando militare, si trovava in pessime condizioni e necessitava di un consistente restauro.

29L’ambiente cittadino in cui s’inserì l’attività di Dusmet era simile a quello delle altre città italiane sede di una diocesi: il clima politico catanese era prevalentemente liberale e anticlericale; fu necessario affrontare l’ostilità governativa che non voleva riconoscere l’autorità ecclesiastica e le congregazioni religiose.

30Fin dall’inizio del suo mandato egli si trovò a gestire, oltre la gestione dell’intera diocesi, anche le calamità naturali che in quegli anni martoriarono il territorio etneo; l’epidemia di colera, la colata lavica del 1886, numerosi terremoti, alluvioni e un ciclone che distrusse l’area nord della città. Egli si prodigò attivamente per la comunità catanese, anche mettendo a disposizioni ingenti somme di denaro necessarie per la sopravvivenza di molte famiglie e per le fasi di ricostruzione.

31Nella sua attività si rivolse spesso al clero, con lettere pastorali incentrate sui temi dello zelo sacerdotale, sulla catechesi e sulla predicazione come doveri fondamentali dei religiosi, tornando spesso sulla necessità di mantenere salde le virtù della castità, della povertà e dell’obbedienza; si impegnava, contemporaneamente, a rinsaldare nel popolo la fiducia verso le figure sacerdotali.

32Il clero catanese, pur riconoscendo l’importanza e la correttezza della sua azione riformatrice, era tuttavia restio ad accoglierne appieno l’essenza, in quanto comportava, in massima parte, un abbandono di antiche e radicate abitudini, per abbracciare un ideale stile di vita e di attività strettamente conforme alla morale cristiana.

  • 17 Cfr., per esempio, la lettera pastorale Sulla osservanza delle divine feste (1872). Catania, Stabi (...)

33Per Dusmet un adeguato rinnovamento del clero e una maggiore presa di coscienza della sua funzione erano direttamente collegati a una formazione culturale e religiosa rinnovata, che li spingesse a riflettere sul loro ruolo pastorale, ma anche di esempio per la comunità nella quale operavano. La formazione del clero diventava così strettamente connessa e funzionale a quella del popolo: contro il laicismo che si insinuava egli imponeva di contrapporre il rispetto delle festività cristiane, il rigore nella preghiera e nelle celebrazioni liturgiche, il forte impegno pastorale17. Per Dusmet era necessario formare la comunità e renderla consapevole della fede che professava; pertanto era ancora determinante il ruolo del clero quale esempio di correttezza e rettitudine.

34Per tali ragioni egli, subito dopo la nomina vescovile, si occupò dell’organizzazione e della riapertura del seminario, riservandosi la gestione dei beni al fine di sottrarla agli abusi che avevano caratterizzato l’epoca precedente. Nel riorganizzare il seminario, Dusmet mirava a creare un ambiente dove potessero formarsi adeguatamente i nuovi sacerdoti.

  • 18 Cicale A. (1973), Gli inizi del movimento cattolico a Catania, in Chiesa e religiosità in Italia d (...)

35La figura di Dusmet quale arcivescovo ebbe certamente una influenza positiva nei rapporti con le autorità locali, che si premunirono di attutire le misure governative anti-ecclesiastiche; il suo atteggiamento vicino al popolo e lontano dalle dinamiche di potere, infatti, permetteva di individuarlo come una figura non pericolosa per la stabilità del nuovo governo18.

  • 19 Cfr. Zito G. (1987), La cura pastorale, cit.

36Convinto dell’importanza delle scuole e della cultura, Dusmet si diede da fare anche attraverso la fondazione, nel 1883, della Biblioteca circolante cattolica e nel 1890 inaugurò una biblioteca all’interno del carcere di Catania19.

1.3 La nomina a cardinale

37Nel 1889 Dusmet fu nominato cardinale: a seguito di tale incarico il papa gli chiese di occuparsi nuovamente della ricostituzione dell’ordine benedettino, del quale aveva continuato a rispettare la Regola e vestire l’abito, sebbene fosse diventato, nel frattempo, arcivescovo.

  • 20 Gaetano Zito (1987), La cura pastorale a Catania negli anni dell’episcopato Dusmet (1867-1894). Ac (...)

38Egli, durante tutta la sua attività, era stato affiancato dalla piccola comunità benedettina che con lui aveva lasciato il monastero, in particolare il suo segretario Luigi Taddeo della Marra, e aveva sempre mantenuto stabili i rapporti con la Congregazione cassinese20.

  • 21 Dusmet decise di costituire due commissioni che potessero coadiuvarlo nelle fasi di ricostituzione (...)

39Nel 1882 fu individuato quale uno dei cinque abati scelti per partecipare a una riunione finalizzata a definire le tappe di ricostituzione dell’ordine benedettino; nel 1886 il papa gli affidò il compito di occuparsi della costituzione del Collegio di Sant’Anselmo, di cui fu eletto primo superiore21. Questi incarichi di prestigio e di responsabilità lo allontanarono, però, dalla sua diocesi e dal suo impegno pastorale.

  • 22 Per un profilo di Luigi Taddeo della Marra si veda Aiello F., Di Pietro D. M., Tripodi S. (2019), (...)

40Le sue doti gli permisero di mantenere solidi rapporti con l’amministrazione comunale, i cui rappresentanti lo consideravano idoneo interlocutore per le questioni strettamente legate alle necessità del popolo; fortemente dedito alla missione pastorale e religiosa del suo mandato, riusciva a coniugare tutte le mansioni legate ai suoi ruoli istituzionali grazie soprattutto all’aiuto del fedele segretario e confratello Luigi Taddeo della Marra, figura pragmatica e ottimo amministratore, al quale Dusmet affidò la gestione della diocesi negli anni degli impegni romani22.

41Le sue condizioni di salute, anche a causa degli impegni sempre più gravosi a cui non si sottraeva, peggiorarono rapidamente e lo portarono alla morte il 4 aprile del 1894.

  • 23 Il della Marra fu esortato a vendere libri e quadri in suo possesso per restituire il denaro utili (...)

42Dopo la morte di Dusmet, Luigi Taddeo della Marra proseguì la sua missione, soprattutto per quanto concerneva il sostegno degli umili e delle famiglie in difficoltà, utilizzando ingenti somme di denaro, che causarono, però, un consistente ammanco nelle casse della Mensa arcivescovile23.

Notes

2 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, Catania, OVE, pp. 3-16. Sarà proprio il cardinale Dusmet a scrivere il necrologio di Celesia; cfr. Dusmet G. B. (1844), Cenno necrologico sul p. d. Michelangelo Celesia abate cassinese, Palermo, Stamp. Clamis e Roberti.

3 Leccisotti (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 21.

4 Zito G. (1987), La cura pastorale a Catania negli anni dell’episcopato Dusmet (1867-1894), Acireale, Galatea, p. 64; Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit. p. 23.

5 Cfr. Dusmet M. (1837), Sul primo canto dell’Inferno di Dante Alighieri, in Effemeridi scientifiche e letterarie per la Sicilia, 51, pp. 89-101. Tra le opere di carattere religioso, cfr. Dusmet G. B. (1842), Per Santa Scolastica, Orazione recitata nel monastero della Martorana di Palermo il giovedì delle ceneri, Palermo, Stamp. Clamis e Roberti; Dusmet G. B. (1842), Per la sera del Giovedì Santo. Orazione ai Padri Cassinesi di s. Martino delle Scale. Palermo, Stamp. Clamis e Roberti; Dusmet G. B. (1844), Per la passione di nostro signor Gesù Cristo. Orazione ai Padri Cassinesi di s. Martino. Palermo, Stamp. Clamis e Roberti.

6 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., pp. 38-39.

7 Ivi, pp. 37-41.

8 Leccisotti T, (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 46; Zito G. (1987), La cura pastorale, cit., pp. 64-65; Zito G. (1984), Un inedito di Dusmet, priore di S. Flavia: il regolamento per il monastero e la spiegazione dei decreti del Capitolo Generale Cassinese del 1852, Roma, Abbazia di S. Paolo, pp. 12-13.

9 Un passo del Regolamento è dedicato alle letture; si raccomanda ai monaci di scegliere «quelle che danno il modo pratico di meditare, e che risolvono con buoni metodi gli ostacoli che taluno può naturalmente incontrare per praticare questo Santo esercizio»; Cfr. Zito G. (1984), Un inedito di Dusmet, cit., p. 20.

10 Si ricorda, infatti, che erano rare le ordinazioni religiose frutto di scelte consapevoli dei giovani; prevalentemente intraprendevano la vita religiosa i figli cadetti delle famiglie nobili che, pertanto, mal tolleravano le restrizioni della vita monacale. Nel corso dei secoli si era perso progressivamente il controllo e si era adottato uno stile di vita molto simile a quello condotto nelle case paterne; ciò causava un malcontento dilagante che aveva generato un’insofferenza anche da parte del popolo. Zito G. (1986), La vita del Monastero catanese S. Nicola l’Arena dalle inedite disposizioni dell’abate Dusmet (1858-1866), «Synaxis», 4, p. 479.

11 Zito G. (1986), La vita del Monastero, cit., pp. 481-484.

12 Leccisotti L. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit. pp. 60-62; Zito G. (1986), La vita del Monastero, cit., p. 84.

13 ADCT, Fondo Anastasi Fardella, carpetta 5.

14 Zito G. (1986), La vita del Monastero, cit., p. 487.

15 Leccisotti T. (1962), Il Cardinale Dusmet, cit., p. 79.

16 Ivi, p. 169.

17 Cfr., per esempio, la lettera pastorale Sulla osservanza delle divine feste (1872). Catania, Stabilimento tipografico di C. Galatola.

18 Cicale A. (1973), Gli inizi del movimento cattolico a Catania, in Chiesa e religiosità in Italia dopo l’Unità (1861-1878). Atti del quarto Convegno di Storia della Chiesa, La Mendola 31 agosto - 5 settembre 1971. Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, p. 104.

19 Cfr. Zito G. (1987), La cura pastorale, cit.

20 Gaetano Zito (1987), La cura pastorale a Catania negli anni dell’episcopato Dusmet (1867-1894). Acireale, Galatea, pp. 87-88.

21 Dusmet decise di costituire due commissioni che potessero coadiuvarlo nelle fasi di ricostituzione, la Commissione per la redazione del progetto riguardante l’apertura del Collegio di S. Anselmo e la Commissione per lo restauramento della disciplina claustrale. Il Collegio fu inaugurato il 4 gennaio del 1887. Cfr. Leccisotti T. (1949), “Il collegio S. Anselmo dalla fondazione alla prima interruzione”, Benedictina, 3, fasc. 3-4. Leccisotti T. (1976), “Gli inizi del rinnovato collegio di S. Anselmo e della confederazione benedettina”, Benedictina, 23, fasc. 1; Della Marra L. (1901), Il Collegio di Sant’Anselmo in Roma e il Cardinale Dusmet. Catania, Stabilimento Tipografico C. Galatola.

22 Per un profilo di Luigi Taddeo della Marra si veda Aiello F., Di Pietro D. M., Tripodi S. (2019), Luigi Taddeo della Marra e la sua raccolta di libri. In, Memorie di carta: archivi, biblioteche, documenti, libri e lettori dal nord al sud d’Italia, a cura di Simona Inserra Milano, Ledizioni, pp. 59-145.

23 Il della Marra fu esortato a vendere libri e quadri in suo possesso per restituire il denaro utilizzato, ma sembra che riuscisse ad evitare tali operazioni. Zito G. (1987), La cura pastorale, cit., p. 136.

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search