Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

BIBLIOTECONOMIA, DISCIPLINE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO, DISCIPLINE STORICHE E FILOLOGICHE, SCIENZE SOCIALI, TECNOLOGIE: RELAZIONI E SPAZI PER UN CONTRIBUTO ATTIVO DELLA BIBLIOTECONOMIA NEL CONTESTO ACCADEMICO

La biblioteconomia in laboratorio

Giovanni Di Domenico

Texte intégral

1Scelgo, quasi a mo’ di epigrafe, un riferimento remoto: si tratta di Giuseppe Fumagalli e della sua introduzione a La bibliografia, pubblicata a Roma dalla Fondazione Leonardo nel 1923. Nel testo egli riprende alcune argomentazioni già rintracciabili in un suo lontano articolo del 1890, intitolato Utilità, storia ed oggetto dell’insegnamento bibliografico. Sostanzialmente, Fumagalli si batte perché la bibliografia cessi di essere intesa come una sorta di “scienza dei frontespizi”, diventi uno strumento selettivo e critico, rientri come bibliografia speciale nelle competenze delle singole discipline. Egli dà valore, così, alla sua dimensione metodologica. Scrive: «[…] come già si è cominciato a fare in qualche università, agli studenti superiori dovrà insegnarsi la metodologia bibliografica come strumento di studio […], e il giovane che intenda darsi alla palestra scientifica dovrà conoscere il modo di valersi dei sussidi bibliografici» (p. LXIV). Rino Pensato ha già messo in evidenza il carattere pratico e storico-ausiliario di questa interpretazione della bibliografia. Vale la pena sottolinearne anche l’aspetto squisitamente meta-disciplinare: Fumagalli afferma che al di fuori dei propri confini la bibliografia ha trovato il maggior numero di cultori nelle discipline filologiche e storiche (dove è più radicata e forte la cultura del libro), la definisce “una disciplina essenzialmente storica” (p. LXVI), ma non chiude le porte alla sua funzione nel campo delle scienze pure e sperimentali e delle discipline professionali.

2Questo indirizzo, che in sede formativa antepone il metodo alla dottrina (e che oggi riconoscerebbe la centralità dell’apprendimento rispetto all’insegnamento), mi pare conservi nella sostanza la sua validità: la trasmissione di capacità e competenza nella ricerca, localizzazione, valutazione e uso delle risorse documentarie resta uno sbocco fondamentale per gli insegnamenti di biblioteconomia e bibliografia, soprattutto nella fase iniziale degli studi universitari. Sappiamo quanto sia importante che gli studenti (e di certo non solo quelli iscritti ai corsi di laurea umanistici) imparino presto a usare la biblioteca e la sua strumentazione, a reperire risorse documentarie e informazioni, a collegarle tra loro, a trasformarle in conoscenza. Nell’impostare il modulo di “Biblioteconomia” che mi è stato affidato a Salerno nell’ambito del Corso di laurea in “Beni culturali”, cerco di curare adeguatamente questi elementi, collocando un approccio il più possibile critico alle problematiche della ricerca documentaria dentro un percorso volto a far progressivamente emergere sia le basi storiche, teoriche e metodologiche della disciplina sia la funzione e le finalità delle biblioteche nella realtà contemporanea. Una parte consistente del modulo ha carattere applicativo e si svolge in biblioteca e in co-docenza con i bibliotecari, con l’idea di rendere stabile e visibile il rapporto tra insegnamento della biblioteconomia e funzioni formative della biblioteca accademica. La collaborazione con altri docenti del corso permette, poi, di mantenere attivo un laboratorio dedicato alla pratica bibliografica.

3Un obiettivo vicino è ottenere che almeno nella triennale di “Beni culturali” sia messo all’ordine del giorno il riconoscimento di crediti legati alla frequentazione di corsi organizzati dalla Biblioteca centrale. Sono convinto, in generale, che un’iniziativa su questo terreno nelle aree didattiche e nei dipartimenti occorra prenderla, sebbene le maglie delle tabelle ministeriali siano strette e sebbene si vada sensibilmente riducendo l’offerta formativa per effetto dei tagli.

4L’opzione “laboratoriale” torna utile anche a un secondo livello di discorso, perché direttamente connessa alla collaborazione tra i settori disciplinari. Mi aiuto con un esempio, che prendo ancora dalla mia esperienza a Salerno. Recentemente, è uscito un avviso pubblico del MIUR (d.d. 436 del 13 marzo 2013) per la presentazione di progetti a sostegno di “start up” in alcune regioni del Mezzogiorno. La linea 4 del bando intende favorire la nascita e lo sviluppo di Contamination Labs (CLab). L’obiettivo è creare sedi di contaminazione fra studenti di discipline diverse, che permettano di arricchire la conoscenza dei territori, promuovere la cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità, offrire chance di apprendimento in ottica interdisciplinare. L’Università di Salerno, per iniziativa del Dipartimento di Scienze politiche, sociali e della comunicazione, ha presentato un progetto che coinvolge il nostro “Dipartimento di Scienze del patrimonio culturale” (nelle componenti M-STO 08 e M-STO 09), il “Dipartimento di Informatica”, la “Scuola di giornalismo”. Il progetto ha come obiettivo l’erogazione di contenuti formativi “trasversali” - in materia di open government, cittadinanza digitale, web curation pubblica, web semantico e linked data ecc. - a studenti provenienti da diversi corsi di laurea magistrale: Economia e scienze della politica (LM 63), Comunicazione pubblica e d’impresa (LM 59), Informatica e sistemi informativi geografici (LM 18), Teoria degli audiovisivi (LM 92), Gestione e conservazione del patrimonio archivistico e librario (LM 5). A tal fine, è prevista la realizzazione di un ciclo formativo di ventiquattro mesi, con un’offerta iniziale costituita da alcuni insegnamenti già compresi nei programmi delle lauree magistrali coinvolte, affiancati da workshop tenuti da partner esterni, come la Regione Campania, l’ANCI, Legambiente, la Camera di commercio e altri ancora. Vedremo come andrà, naturalmente, ma questo modello può rivelarsi interessante, perché senza la disponibilità di ambienti che rendano disponibili opportunità di progettazione e apprendimento extracurricolari è difficile che possa affermarsi una visione allargata della biblioteconomia, è difficile che questa possa conquistare spazio e visibilità nel mondo accademico, ma soprattutto è difficile che possa legittimarsi socialmente come componente significativa di profili professionali nuovi o comunque diversi da quelli tradizionali di settore. Aggiungo, a margine, che forse anche i master e i corsi di perfezionamento possono guadagnare qualcosa se parzialmente concepiti quali luoghi della partnership interdisciplinare ed extraistituzionale.

5Per il Corso di laurea magistrale in “Gestione e conservazione del patrimonio archivistico e librario”, sono responsabile di un modulo denominato “Gestione delle biblioteche”, che si propone di trasmettere agli studenti conoscenze avanzate sugli aspetti teorici e applicativi della biblioteconomia gestionale, partendo dalle problematiche organizzative e di servizio e affrontandole in una prospettiva che privilegia l’innovazione, la qualità, l’uso delle tecnologie digitali e di rete; una prospettiva che riserva una fisiologica attenzione alla gestione per progetti, alla comunicazione e alle metodologie di indagine e valutazione. Un simile complesso di temi mutua molti oggetti, metodiche e contenuti dalle scienze sociali e dalle discipline organizzative, ma ha trovato una peculiare — per quanto non sempre pacifica e solida — collocazione tra gli interessi di studio a indirizzo biblioteconomico, oltre che nella pratica professionale di molti bibliotecari. Una tenuta ottimale dell’apprendimento in questo campo penso passi attraverso il coinvolgimento degli studenti nelle esperienze di progetto. Attualmente, alcuni di essi partecipano a una ricerca (finanziata con fondi “ex 60%”) sulla valutazione d’impatto delle biblioteche accademiche, ricerca tesa a mettere in luce gli effetti diretti e indiretti dei servizi bibliotecari su insegnamento, apprendimento, produzione e comunicazione scientifica, ma anche ad attestare il valore del contributo fornito dalle biblioteche medesime alla reputazione e capacità di attrazione degli atenei. Gli studenti stanno seguendo tutte le fasi del progetto, ma in particolare stanno curando la compilazione di una bibliografia internazionale (con uso del software Zotero) e la redazione di rapporti su letteratura e casistica degli ultimi anni.

6C’è però un punto critico, che le tematiche della tavola rotonda portano in primo piano, ed è il debole legame di reciproco interesse scientifico tra biblioteconomia e scienze umane e sociali, cosa che per la biblioteconomia rischia di tradursi in marginalità accademica, specialmente sul versante della ricerca interdisciplinare e dei progetti correlati. La verità è che questo interesse ha preso spesso una direzione sola, direi quella del rispecchiamento, dell’acquisizione in ambito biblioteconomico di suggestioni e apporti metodologici derivati, di volta in volta, da altri saperi e pratiche disciplinari: la teoria dei sistemi, la ricerca sociale, l’economia della cultura (e, su di un altro versante, la qualità, la valutazione, il project management, il marketing: le culture organizzative). La biblioteconomia, nella sua configurazione gestionale e sociale, ha filtrato ed elaborato tutto ciò, con esiti di studio e applicativi che si possono discutere, ma che mi sembrano complessivamente non trascurabili: il settore delle biblioteche ne ha tratto un certo beneficio, soprattutto se pensiamo alle forme originali e ad alcuni risultati della programmazione e progettazione biblioteconomica, al loro buon radicamento negli ambienti di appartenenza universitari, territoriali e così via. È mancata, tuttavia, la forza di comunicare “all’esterno”, e condividere, tutte le potenzialità di oggetto e di metodo che la biblioteconomia reca con sé, il che obbliga a nuovi tentativi di apertura e proposta.

7Provo allora, brevemente, a indicare tre filoni di ricerca (ma sono soltanto piccoli esempi), nei quali la biblioteconomia potrebbe esprimersi come protagonista della collaborazione con altre discipline.

8Il primo attiene al grande tema delle città e del loro sviluppo. La riflessione biblioteconomica sta trovando risorse interpretative nella metodologia delle scienze sociali, con riguardo sia alle tendenze e ai fenomeni che si manifestano nella società globale sia all’analisi delle esperienze e dei comportamenti individuali, allo scopo di leggere le biblioteche anche come luoghi aggregativi e di relazione. Il raccordo con il dibattito sullo sviluppo delle aree urbane è stato prevalentemente ed efficacemente individuato proprio nella capacità attrattiva e nella valenza sociale e inclusiva degli spazi bibliotecari. Resta da approfondire il ruolo che le biblioteche possono svolgere come partner nei processi e progetti che si prefiggono di introdurre innovazione e conoscenza a vantaggio delle comunità locali. Posizionare meglio la ricerca biblioteconomica e i suoi risvolti progettuali in questo contesto significherebbe agganciarli a dinamiche che hanno a che fare con la sostenibilità ambientale e sociale, la qualità del welfare e la qualità di vita, l’arricchimento delle relazioni di cittadinanza, le infrastrutture fisiche e digitali necessarie alla produzione e diffusione di capitale intellettuale e sociale. Su questi argomenti credo che abbiamo qualcosa da dire e da proporre ai laboratori universitari in cui si realizzano alcuni modelli e prototipi di servizi per le cosiddette “città intelligenti”.

9Il secondo filone è quello dei beni comuni, presidiato da analisi d’impronta giuridica ed economica spesso di alto profilo, per merito delle quali essi sono stati in vario modo definiti e classificati. Il discorso non si è peraltro esaurito, e la pluralità dei punti di vista, all’interno dei comparti disciplinari e nei rimandi tra diverse discipline, promette ulteriori sviluppi. Per quella parte della biblioteconomia che ha maturato una specifica vocazione a indagare e a progettare collocazione e funzione delle biblioteche nella filiera sociale, relazionale e istituzionale della memoria e della conoscenza, il campo dei beni comuni può diventare terreno di proficue incursioni interdisciplinari. Non serve imporre, sbrigativamente, una visione della biblioteca come bene comune, quanto mappare — sotto il profilo storico, concettuale, valoriale — le complesse interrelazioni, esistenti o potenziali, fra:

  • alcune tipologie di beni comuni (materiali e culturali, come le raccolte librarie; immateriali e relazionali, come l’informazione e la conoscenza);

  • oggetti e forme del dominio disciplinare e applicativo della biblioteconomia (aree d’intervento, metodiche, progettualità);

  • ruolo delle biblioteche (in materia di tutela/conservazione e fruizione collettiva del patrimonio documentario; garanzia e sostenibilità dell’accesso aperto e illimitato alle risorse della conoscenza registrata; condivisione e dispiegamento sociale della conoscenza stessa nei luoghi fisici e digitali di comunità).

10La biblioteconomia non solo trova motivi d’interesse negli studi economico-giuridici sui beni comuni; essa può forse contribuire con propri progetti di ricerca a soddisfare alcune esigenze d’inquadramento scientifico del tema.

11Mi sentirei di insistere, in modo ancora più schematico, su di un terzo spazio d’intervento biblioteconomico al servizio della comunità accademica: quello che riguarda il rapporto da costruire con la bibliometria e l’elaborazione di metodi efficaci e condivisibili per la valutazione della ricerca nel campo delle scienze umane e sociali. Su questo punto non posso che richiamare la traccia suggerita negli ultimi mesi da Giovanni Solimine e Chiara Faggiolani circa il possibile apporto, fin qui poco sfruttato, della nostra disciplina, con particolare rimando alla copertura delle monografie negli OPAC e all’auspicabile intreccio tra uso della LCA (Library Catalog Analysis) e valutazione biblioteconomica del livello di autorevolezza e rigore delle biblioteche nelle procedure di selezione e sviluppo delle raccolte. L’esito della consultazione pubblica sui criteri di scientificità delle pubblicazioni, promossa dal CUN in vista dell’istituzione dell’anagrafe nazionale (ANPRePS), potrà fare da cornice tassonomica a un progetto capace di individuare — per i livelli di copertura catalografica delle scienze umane e sociali — criteri valutativi, ambiti di applicazione e casistica. Una riflessione preliminare andrebbe forse fatta su alcune modalità di diffusione delle pubblicazioni scientifiche, modalità enunciate, insieme con altre (comunque rilevanti), nel questionario CUN. Le strutture prese in considerazione sono le “biblioteche universitarie italiane” e le “principali biblioteche internazionali”: si tratta di riferimenti che appaiono ancora generici per un verso e angusti per un altro e che quindi attendono indispensabili approfondimenti e precisazioni.

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search