Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RELAZIONI

Le condizioni della biblioteconomia e della documentazione nell’università spagnola

Ernest Abadal et Chiara Faggiolani

Texte intégral

1. Introduzione

1Uno dei principali problemi che oggi affliggono la biblioteconomia e la documentazione è la loro scarsa visibilità accademica e professionale, che comporta un sempre minore interesse per la formazione universitaria in questo campo e di conseguenza un riconoscimento del tutto inadeguato dell’attività e del ruolo dei professionisti dell’informazione. A nostro avviso questa situazione riguarda la maggior parte dei paesi ed è assolutamente in contrasto con quell’epoca d’oro non troppo lontata in cui c’erano molte scuole di biblioteconomia e scienze dell’informazione (LIS) in tutto il mondo (negli USA e in Gran Bretagna soprattutto) con buoni tassi di iscrizione.

  • 1 J. Meadows, Fifty years of UK research in information science, in Information science in transition(...)
  • 2 Information professionals 2050: educational possibilities and pathways, edited by G. Marchionini, B (...)

2È curioso notare come, nel bel mezzo della società della conoscenza, tutti sostengono a gran voce l’importanza strategica dell’informazione che però non viene affatto posta in relazione con la disciplina che se ne occupa e con la formazione di professionisti specializzati nella sua organizzazione e diffusione. Meadows definisce in modo molto chiaro questo concetto nella sua descrizione della storia della scienza dell’informazione quando dice: «The information science activities developed over the last 50 years have triumphed, but information science as a separate entity may be on the wane»1. Questa scarsa considerazione spinge gli studiosi a riflettere sul futuro degli studi LIS e, quindi, sul futuro dei professionisti dell’informazione. Lo ha fatto recentemente la School of Information and Library Science della University of North Carolina a Chapel Hill, che nel giugno del 2012, in occasione del suo 80° anniversario, ha organizzato un convegno per riflettere sul futuro dei professionisti dell’informazione nel 2050, coinvolgendo una ventina di professionisti e studiosi di fama internazionale. I risultati del convegno si possono approfondire nell’interessante rapporto Information professionals 20502. Per la maggior parte degli oratori, i servizi essenziali delle biblioteche e degli archivi continueranno ad esistere nel 2050: mettere in contatto utenti e contenuti, collegare le conoscenze e organizzarle, fornire accesso, preservare e conservare le risorse informative con l’obiettivo di garantire l’accesso universale. Sarà un’epoca in cui la centralità dell’informazione si sostituirà completamente alla centralità del documento.

3In questo scenario, per quanto riguarda la formazione, le scuole del futuro dovranno necessariamente avere un carattere più imprenditoriale ed essere capaci di assumere qualche rischio in più, dal momento che ci sarà una maggiore concorrenza nella formazione dei professionisti dell’informazione.

  • 3 E. Abadal, La documentación en España, Madrid: Cindoc; Fesabid, 1994, <http://digital.csic.es/handl (...)
  • 4 Cfr. E. Delgado López-Cózar, Las cifras de la documentación en España: 2002, «El profesional de la (...)
  • 5 M. Caridad et al., Breve panorama actual sobre la documentación en España (excepto Cataluña), in Bi (...)

4Partendo da queste considerazioni di carattere generale, l’obiettivo di questo intervento è quello di presentare una panoramica dello stato della formazione e della ricerca in biblioteconomia e documentazione nell’università spagnola e una riflessione sulle prospettive future delle nostre discipline. I dati presentati fanno riferimento a diverse fonti statistiche nonché alla bibliografía specializzata, che può essere utile anche per approfondire le questioni di maggiore interesse. In alcune pubblicazioni precedenti3, chi scrive ha già affrontato questo tema che è stato ampliamente trattato da Emilio Delgado4 e Mercedes Caridad5 in diversi contributi relativi alla situazione della formazione e della ricerca in LIS in Spagna. In questo testo facciamo riferimento a dati aggiornati. L’articolo affronta vari aspetti delle nostre discipline in Spagna: la loro presenza nella struttura organizzativa universitaria, i diversi livelli di istruzione (laurea, master e dottorato), l’inserimento lavorativo e, infine, il grado di sviluppo della ricerca. Si presentano in conclusione alcune riflessioni sulle strategie future per superare il declino di visibilità accademica che sta al momento caratterizzando le nostre discipline.

2. Struttura organizzativa

5L’università spagnola è organizzata in facoltà, dipartimenti e istituti di ricerca. Le facoltà si occupano dell’organizzazione della didattica (laurea, master, ecc.) e del rapporto con la società; i dipartimenti si occupano della gestione del corpo docente e, infine, gli istituti di ricerca, come chiaramente indica lo stesso nome, si occupano di ricerca.

6Attualmente ci sono 16 università spagnole dove è possibile trovare corsi di laurea, master o dottorato in biblioteconomia e scienze dell’informazione. Per anzianità e tradizione, punto di riferimento in Spagna è la Facoltà di biblioteconomia dell’Università di Barcellona, fondata nel 1915 come Scuola per bibliotecarie, finalizzata cioè a formare il personale (femminile) destinato alle biblioteche pubbliche catalane. Fu il secondo centro in Europa, dopo Lipsia. Al secondo posto troviamo la Facoltà di comunicazione e scienze dell’informazione dell’Università di Granada, fondata nel 1983, che ha appena celebrato il suo 30° anniversario. Al terzo posto abbiamo la Facoltà di traduzione e documentazione dell’Università di Salamanca, che impartisce corsi dal 1987.

Tabella 1. Atenei in Spagna che offrono corsi di studio in biblioteconomia e documentazione

Università

Facoltà

Dipartimenti

Corsi di studio

Alcalá

Filosofía y Letras

Filología, Documentación y Comunicación Audiovisual

Master
Dotorato

Autònoma de Barcelona

Escola Superior d’Arxivística i Gestió de Documents (adscrito)

Area de Documentació

Master

Barcelona

Biblioteconomia i Documentació

Biblioteconomia i Documentació

Laurea
Master
Dottorato

Carlos III

Humanidades, Comunicación y Documentación

Biblioteconomía y Documentación

Laurea
Master
Dottorato

Complutense

Ciencias de la Documentación

Biblioteconomía y Documentación

Laurea
Master
Dottorato

A Coruña

Humanidades y Documentación

Humanidades

Laurea

Extremadura

Ciencias de la Documentación y la Comunicación

Información y Comunicación

Laurea
Master
Dottorato

Granada

Comunicación y Documentación

Información y Comunicación

Laurea
Master
Dottorato

León

Filosofía y Letras

Patrimonio Artístico y Documental

Laurea
Master

Murcia

Comunicación y Documentación

Información y Documentación

Laurea
Master
Dottorato

Oberta de Catalunya

Ciències de la Informació i de la Comunicació

---

Laurea
Master

Politècnica de València

Bellas Artes

Comunicación audiovisual, Documentación e Historia del arte

Master

Pompeu Fabra

Comunicación

Comunicación

Master

Salamanca

Traducción y Documentación

Biblioteconomía y Documentación

Laurea
Master
Dottorato

València

Geografía e Historia

Historia de la Ciencia y Documentación

Laurea
Master

Zaragoza

Filosofía y Letras

Ciencias de la Documentación e Historia de la Ciencia

Laurea
Master

7Come è evidente dalle denominazioni, le facoltà non sono dedicate esclusivamente alle discipline LIS ma le integrano con altri ambiti di studio tra i quali emergono senza dubbio la comunicazione (6) e le scienze umane (5). Anche nel caso di Barcellona, che è l’unica che conserva esclusivamente il nome di ByD (Biblioteconomía y Documentación), la facoltà ha già integrato studi di comunicazione visiva. In dieci scuole rimangono i termini Biblioteconomia, Documentazione, Informazione e Archivistica, ma nelle altre sei il nome di queste discipline è scomparso finendo per non avere più alcuna visibilità. Per quanto riguarda i dipartimenti, solo quattro hanno un numero di docenti sufficiente a giustificare l’esistenza di un’area esclusivamente dedicata alle discipline LIS. Nei rimanenti essa è parte integrante di dipartimenti più grandi, insieme ad altri ambiti di studio. Infine, è necessario ricordare che tuttora non esiste un istituto di ricerca specializzato in LIS nelle università spagnole, anche se il livello di ricerca, come si vedrà in seguito, è notevole.

3. Formazione

8La struttura della formazione universitaria in Spagna è completamente in linea con lo “spazio europeo di educazione superiore”, eccetto che per la durata del corso di laurea che non è di tre anni, come nella maggior parte dei paesi, ma di quattro. La struttura, quindi, è la seguente: Laurea (4 anni), Master (1-2 anni), Dottorato di ricerca (3 anni).

  • 6 Cfr. E. Abadal – C. Miralpeix, La enseñanza de la biblioteconomía y la documentación en la universi (...)
  • 7 Cfr. E. Delgado López-Cózar – M. De la Moneda-Corrochano, Las cifras de la enseñanza universitaria (...)

9Facciamo riferimento a uno studio precedentemente citato6 che presentava dati analoghi sulla formazione (studenti, titoli, ecc.) e che mostrava un quadro molto positivo, con tutti gli insegnamenti in crescita, sia per quanto riguarda l’offerta formativa che per le iscrizioni. Alcuni anni più tardi Delgado7 ha analizzato l’evoluzione della formazione LIS in Spagna riportando dati statistici molto indicativi sul numero di studenti (matricole e totale), sul corpo docente, sui master e i corsi di dottorato, dal quale emergeva la diminuzione degli studenti a cui abbiamo accennato in precedenza.

  • 8 V. Sacristán – J. França, El preu de la carrera: preus universitaris 2013-14 a Catalunya i anàlisi (...)

10L’aumento dei prezzi è un’altra minaccia tanto per i corsi di laurea quanto per i master. L’Osservatorio del sistema universitario di Catalogna ha recentemente pubblicato un rapporto8 che mostra come l’aumento delle tasse universitarie degli ultimi anni (sono messi a confronto i prezzi dei corsi del 2007/08 con il 2013/14) sia stato eccessivo, finendo per rappresentare una grave minaccia alla garanzia dell’accesso universale ed equo all’istruzione superiore.

11Uno dei risultati più importanti, ampiamente documentato dai media catalani, è che il massimo aumento dei prezzi di iscrizione è stato proprio nel corso di Laurea in informazione e documentazione (IID), che è passato da circa 3.800 euro a circa 13.450 euro in cinque anni (+291%). Tale incremento dei costi è dovuto al passaggio da tre a quattro anni nella durata del corso di studi, al cambiamento del livello di sperimentazione (con aumento del costo del credito) e anche al numero di immatricolazioni (la penalità per la seconda e la terza immatricolazione è molto alta).

12Anche se questi incrementi di tasse non sono omogenei in tutta Spagna (sono molto alti in Catalogna, come abbiamo appena messo in evidenza, e anche a Madrid dove hanno livelli simili) costituiscono comunque un freno importante alla crescita delle immatricolazioni.

3.1. Corso di laurea in “Información y Documentación”

13Il corso di laurea è stato avviato nell’anno accademico 2008/09 in alcuni atenei (Carlos III di Madrid, Salamanca e Saragozza) e, come si vede nella tabella 1, attualmente è presente in 12 università (Barcellona, Granada, Complutense di Madrid, Carlos III di Madrid, Salamanca, Estremadura, Valencia, Murcia, Saragozza, La Coruña, Oberta di Catalogna a Barcellona e Leon). Si tratta di un titolo che prosegue il diploma in Biblioteconomia e Documentazione, nato nel 1981, e la laurea in Documentazione, nata nel 1992. Propedeutico allla costituzione del corso di laurea è stato un intenso lavoro portato avanti da tutti gli atenei spagnoli per preparare il libro bianco sul corso di laurea in Informazione e Documentazione, che è stato coordinato dall’Università di Barcellona9 e che conteneva una lista di competenze trasversali e specifiche e la struttura degli insegnamenti che ne avrebbero determinato lo sviluppo.

14A parte le questioni relative all’organizzazione degli insegnamenti, il cambiamento più importante nel corso di laurea è stato il nuovo nome: si è passati da “Biblioteconomía y Documentación”, che era il nome del diploma precedente, a “Información y Documentación”. Si tratta di una denominazione più inclusiva (che consente, ad esempio, di inserire anche studi archivistici) e più generica, finalizzata a diffondere un’immagine rinnovata delle nostre discipline. In ogni caso, cinque anni dopo la sua creazione come corso di laurea, “Información y Documentación” non riesce ancora a essere ricordato e correttamente identificato dagli studenti delle scuole superiori o dalla società in generale. Per quanto riguarda i piani di studio si possono rintracciare tre caratteristiche principali:

  1. Integrazione. La laurea prepara all’attività professionale nei servizi di informazione, cioè presso i centri che si occupano di ordinamento, organizzazione e diffusione di informazioni, siano essi archivi, biblioteche, centri di documentazione o portali web. Nonostante le biblioteche abbiano una più antica tradizione e una maggiore notorietà, il corso di laurea non è incentrato esclusivamente su di esse.

  2. Orientamento professionalizzante. Come già accadeva nel diploma in Biblioteconomía y Documentación, il corso di laurea attribuisce grande importanza ai tirocini presso i centri convenzionati che permettono agli studenti di avere un contatto diretto e intenso con l’attività professionale. D’altra parte, gli studenti hanno la possibilità di svolgere durante il corso di studi diversi tirocini e stage che consentono loro di maturare un’esperienza lavorativa diversificata.

  3. Forte presenza di ICT (Information and Communication Technology). Da diversi anni ormai le ICT sono integrate in modo relativamente rapido nei programmi di studio. Attualmente, oltre ad esistere in tutti i piani di studio insegnamenti specifici in informatica (informatica di base, sviluppo di siti web, ecc.), è opportuno sottolineare che anche le altre materie – archivistica, bibliografia, analisi dei documenti, ecc. – hanno completamente integrato le nuove tecnologie nei propri contenuti. Gli insegnamenti vengono impartiti per lo più in presenza, anche se è possibile conseguire il titolo completamente a distanza in una modalità online (come nel caso della Universidad Oberta di Catalogna) o in una modalità mista (online e in presenza) come nel caso delle università di Barcellona, Carlos III di Madrid e León. Quest’ultimo metodo consente di sfruttare tutti i vantaggi offerti dal contatto personale tra studenti e docenti, pur avendo i vantaggi della formazione online, agevolando coloro che non hanno la possibilità di frequentare le lezioni in aula negli orari di lavoro.

  • 10 V. Ortiz-Repiso, Los estudios de información y documentación en España: análisis de la situación ac (...)

15Sicuramente il problema principale del corso di laurea è il costante calo del numero di immatricolazioni. Secondo Ortiz-Repiso10, il numero di matricole nell’anno accademico 2012/13 sfiora i 700 su un totale di circa 2600 studenti. Nei periodi di maggior afflusso questi numeri arrivavano a 3.000, nel caso delle immatricolazioni (ad esempio nel 1999 considerando diploma e laurea insieme), e 8.500 studenti in totale (nel 2001), ovvero quattro volte di più. È evidente, quindi, che gli studenti iscritti sono in declino e questa conclusione non riguarda solo la quantità ma anche la qualità: si percepisce chiaramente un abbassamento del livello di conoscenze degli studenti in ingresso, a causa della scarsa motivazione di una buona parte di essi (che hanno scelto il corso di laurea come terza, quarta o quinta opzione) e del voto relativamente basso con il quale è possibile accedere a questi studi. Il basso livello di motivazione e la scarsa preparazione degli studenti sono anche elementi determinanti per l’aumento significativo del tasso di abbandono. Ecco perché, in questo momento, molti atenei stanno dedicando notevoli sforzi per cercare di invertire questa rotta, attraverso un ricco programma di attività di marketing finalizzate al reclutamento degli studenti (pubblicità, maggiore presenza nei media, premi agli studenti delle scuole superiori, ecc.). Un’altra strategia che viene intrapresa dagli atenei che offrono corsi di laurea con un alto tasso di immatricolazioni, come quelli in comunicazione ad esempio, è la creazione di corsi di laurea congiunti (con giornalismo, comunicazione audiovisiva, ecc.). Opzione possibile all’Università di Barcellona, Estremadura, Granada e Murcia.

3.2. Master

16Sono 16 gli atenei che propongono un master: ai 12 segnalati in precedenza per il corso di laurea vanno aggiunte l’Università di Alcalá, l’Università politecnica di Valencia, la Pompeu Fabra e l’Autònoma di Barcellona). I corsi di master, a causa della loro natura specialistica, hanno un’offerta molto elevata e varia. La tabella 2 mostra per ogni ateneo i master e il loro orientamento.

Tabella 2. Programma di Master

Università

Master

Orientamento

Alcalá

Documentación

- Generalista

Autònoma de Barcelona

Biblioteca escolar y promoción de la lectura (con UB)

Archivística y gestión de documentos

- Biblioteche scolastiche

- Archivistica

Barcelona

Bibliotecas y Colecciones Patrimoniales

Gestión de Contenidos Digitales (con UPF)

Gestión Documental e Información en las Empresas

- Patrimonio

- Contenuti digitali

- Archivistica

Carlos III

Archivística

Bibliotecas y Patrimonio Documental

Bibliotecas y Servicios de Información Digital

- Archivistica

- Patrimonio

- Contenuti digitali

Complutense

Gestión de la Documentación, Bibliotecas y Archivos

- Generalista

A Coruña

Ciencias Documentales en el entorno digital

- Generalista

Extremadura

Gestión de la Información Digital

- Conteuti digitali

Granada

Información científica

- Informazione scientifica

Murcia

Gestión de Información en las Organizaciones.

- Gestione della conoscenza

Oberta de Catalunya

Gestión Estratégica de la Información y el Conocimiento

- Gestione della conoscenza

Politècnica de València

Contenidos Adaptados a la Sociedad de la Información

Gestión de la Información

- Contenuti digitali

- Contenuti digitali

Pompeu Fabra

Documentación Digital (online)

- Contenuti digitali

Salamanca

Sistemas de Información Digital

- Contenuti digitali

València

Documentación Médica (titulo propio)

- Documentazione medica

Zaragoza

Gestión de unidades y servicios de información y documentación

- Generalista

17Le principali specializzazioni sono orientate alla gestione e all’organizzazione delle informazioni digitali (portali web, architettura dell’informazione, SEO, ecc.), che abbiamo denominato “contenuti digitali”, e sono il 33% del totale. Al secondo posto abbiamo l’archivistica (14%) e la gestione della conoscenza (10%). Va notato che una buona parte dei master (19%) ha un approccio generalista che di solito si sviluppa in differenti curricula.

3.3. Corsi di Dottorato

18Il terzo livello della formazione universitaria sta subendo un processo di cambiamento per adeguarsi alle nuove disposizioni derivanti dal Decreto Reale del 2011. I programmi attuali devono essere modificati per essere poi sottoposti a un processo globale di verifica, in cui si richiede un alto livello di qualità (il docente deve avere almeno 6 anni di esperienza e la supervisione di diverse tesi di laurea), una certa dimensione (il numero di docenti deve essere tre volte superiore al numero di studenti previsto). In questo modo si procederà a eliminare un gran numero di corsi di dottorato con uno scarso numero di docenti (sicuramente privi dell’esperienza di ricerca certificata che ora viene richiesta) e un basso numero di studenti. Il numero delle immatricolazioni è abbastanza buono, e comprende anche la presenza di una quota significativa di studenti sudamericani.

Tabella 3. Corsi di dottorato Alcalá

Università

Corsi di dottorato

Alcalá

Documentación

Barcelona

Información y Documentación en la Sociedad del Conocimiento

Carlos III

Archivos y Bibliotecas en el Entorno Digital

Complutense

Ciencias de la Documentación

Extremadura

Ciencias de la Información y de la Comunicación

Granada

Ciencias Sociales

León

Gestión y Transferencia del Conocimiento en las Organizaciones (a termine)

Murcia

Gestión de la Información

Politècnica de València

Industrias culturales y de la comunicación

Salamanca

Información y Documentación (a termine)

19Nei prossimi anni si andrà verso una riduzione del numero di corsi di dottorato, che confluiranno in corsi di dottorato più trasversali (con altre discipline) o interuniversitari. Un esempio è già rappresentato dalle università di Zaragoza e Valencia o dall’Autònoma di Barcellona, attualmente senza un corso di dottorato specifico.

20Un indicatore fondamentale per i corsi di dottorato è il numero di tesi discusse. Queste informazioni possono essere trovate nel database Teseo11, che raccoglie le tesi discusse nelle università spagnole. Effettuando una ricerca tematica seguendo la classificazione dell’Unesco (con parole chiave “Documentación”, “Documentación automatizada”, “Lenguajes documentales” y “Bibliometría”) si può ottenere il totale delle tesi in LIS. La tabella 4 mostra i dati degli ultimi cinque cicli di dottorato e indica in 32 la media delle tesi discusse in ogni corso, anche se con variazioni negli anni.

Tabella 4. Tesi di dottorato 2012/13

Corsi

Tesi

2012/13

24

2011/12

34

2010/11

37

2009/10

37

2008/09

29

  • 12 V. Ortiz-Repiso, Los estudios de información y documentación en España: análisis de la situación ac (...)

21Il numero totale di iscritti è pari a quasi 300 studenti, per cui secondo Ortiz-Repiso12 la percentuale di tesi discusse per studente immatricolato è piuttosto bassa (poco più del 10%). Questo è uno dei principali problemi delle tesi in Spagna: il tempo eccessivo dedicato alla loro elaborazione, soprattutto in scienze umane e sociali, cosa che non accade in altri paesi, come nel caso dell’Italia.

4. Inserimento nel mondo del lavoro

22Gli sbocchi lavorativi tradizionali per i laureati in LIS sono sempre state le biblioteche (pubbliche, universitarie, nazionali e non) e, in misura minore, gli archivi (amministrativi o storici). Questo è sempre stato il cuore del mercato del lavoro, fortemente caratterizzato da un legame diretto con il settore pubblico. Accanto a questo nucleo sono sorte nel tempo opportunità di lavoro legate ai centri di informazione e documentazione di aziende e organizzazioni. In questo ambito si distinguono tra gli altri il settore culturale (case editrici, stampa, televisione, ecc.), i servizi ospedalieri, gli studi legali e le aziende con dipartimenti di R&S (alimentari, chimiche, farmaceutiche, ecc.). In una fase successiva è emersa una nuova nicchia lavorativa, come un secondo cerchio concentrico, che include le attività di gestione e organizzazione delle informazioni sui portali web, biblioteche digitali, archivi digitali e altre attività di comunicazione e di marketing (community manager, social networking, ecc.). In alcuni casi si tratta di attività per le quali si entra in competizione con i laureati di altri settori, in particolare quelli di Scienze della comunicazione.

  • 13 E. Abadal – À. Borrego – R. Serra Pérez, Mercado laboral de profesionales de la información: evoluc (...)

23In un recente studio sul mercato del lavoro13 sono state analizzate 975 offerte di lavoro elaborate dal Servei d’Informació d’Ofertes de Feina (SIOF) della facoltà di “Biblioteconomia i Documentació” dell’Università di Barcellona durante gli anni accademici 2009/10 e 2011/12. Come indicato nella tabella 5, che mostra le offerte di lavoro divise per settore, le figure professionali più ricercate si sono spostate da “LIS” e “Archivi” – che rappresentavano il 76% dell’offerta in un primo momento e sono poi scese al 31% – a “Marketing e comunicazione” (che include le richieste di community manager, esperto di social media e marketing online), a “gestione dei contenuti digitali” (curatore di contenuti, specialista SEO, architetto dell’informazione, ecc.), che sono passati dal 13% al 60%. Questi nuovi profili hanno una competenza professionale sia nel settore dell’informazione che in quello della comunicazione.

Tabella 5. Profili (raggruppati in categorie)

Profili

2009/10

2011/12

Biblioteconomia e documentazione

228 (62%)

163 (27%)

Archivi

53 (14%)

25 (4%)

Marketing e comunicazione

22 (6%)

199 (34%)

Gestione di contenuti digitali

24 (7%)

156 (26%)

Gestione culturale ed educazione

27 (7%)

44 (7%)

Altri

13 (4%)

21 (3%)

Totale offerta

367

608

24Si tratta di dati comunque positivi, soprattutto di questi tempi, ma non possiamo dimenticare che sempre meno vengono richiesti profili con un titolo di studio specifico in LIS a vantaggio di profili più generalisti che condividono alcune caratteristiche con altri professionisti, in particolare nel settore della comunicazione.

5. Ricerca

  • 14 E. Abadal, Producción científica, in La documentación en España, Madrid: Cindoc; Fesabid, 1994, <ht (...)
  • 15 M. Caridad et al, Breve panorama actual sobre la documentación en España (excepto Cataluña), in Bib (...)
  • 16 Emilio Delgado López-Cózar, Las cifras de la documentación en España: 2002 cit.

25In articoli precedenti si possono trovare riferimenti alla situazione della ricerca in LIS in Spagna. Anche chi scrive ha analizzato in passato la produzione scientifica (monografie, riviste, atti di convegno, ecc.) così come i progetti di ricerca14. All’epoca il livello degli indicatori adottati era ancora in una fase rudimentale. Pochi anni più tardi, Mercedes Caridad15 si è occupata di una ricerca analoga (aggiornando i dati sui progetti di ricerca di Madrid e Barcellona) e in seguito Delgado16, in quello che è il testo più completo ed aggiornato, si è concentrato sulla produzione scientifica (monografie, articoli, ecc.), le tesi di dottorato e i progetti di ricerca per poter valutare lo stato dell’arte della ricerca in Spagna. Già in quel momento, come afferma lo stesso Delgado, il livello della ricerca in Spagna era maturo:

Per quanto riguarda la ricerca, abbiamo cominciato ad avere una massa critica di ricercatori con una formazione specifica nel settore e con un apparato metodologico sufficiente a produrre indagini di livello. Ogni giorno vengono discusse tesi di dottorato da parte di specialisti in documentazione e focalizzate sul tema, così come si pubblica più ricerca e si finanzia un maggior numero di progetti.

26A differenza di quanto accade nella formazione, in cui – come si è detto – si nota una riduzione delle immatricolazioni e uno scarso riconoscimento accademico, nel caso della ricerca negli ultimi anni si sta assistendo a una notevole crescita sia in termini di quantità che di qualità. Questo dato è dimostrato sia dal buon livello di produzione scientifica con IF di ricercatori spagnoli, sia dal numero di riviste LIS indicizzate in Web of Science (WoS) o Scopus. Si farà riferimento a questi indicatori, fonti di dati precisi e affidabili.

5.1. La produzione scientifica

  • 17 E. Jiménez Contreras, La aportación española a la producción científica internacional en biblioteco (...)

27Per quanto riguarda le pubblicazioni in riviste internazionali, emerge un aumento della presenza di pubblicazioni di autori spagnoli tanto in WoS che in Scopus. Evaristo Jiménez17 ha approfondito la presenza di lavori in LIS da parte di autori spagnoli in WoS nel periodo 1992-2001, evidenziando un totale di 159 articoli, ovvero una media di 16 lavori l’anno, in cui gli autori erano per lo più universitari. Si trattava di numeri ancora modesti ma dai quali si poteva evincere l’interesse dei ricercatori del nostro settore a diffondere le loro ricerche su prestigiose riviste internazionali.

28Se prendiamo in considerazioni dati più aggiornati, vediamo che il numero delle pubblicazioni indicizzate su questo prestigioso indice è in aumento. La tabella 6 include gli articoli presenti in WoS solo di ricercatori universitari ed è evidente come il numero di articoli sia aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni (964), dal momento che la media è di 96 articoli all’anno, circa 6 volte di più (e in questo caso non sono compresi ricercatori di istituti di ricerca). Solo gli articoli dell’Università di Granada, ateneo con il maggior numero di record, superano di gran lunga il numero totale del decennio precedente18.

Tabella 6. Pubbicazioni di ByD indicizzate in WoS

Università

2003-2012

Alcalá

36

Alicante

23

Autònoma de Barcelona

26

Autònoma de Madrid

24

Barcelona

68

Carlos III

101

Complutense

52

Extramadura

51

Granada

213

Murcia

45

Navarra

30

Oberta de Catalunya

19

País Vasco

25

Politécnica de Madrid

22

Politécnica de Valencia

68

Pompeu Frabra

35

Salamanca

30

Valencia

49

Zaragoza

47

Totale

964

29Per quanto riguarda l’impatto degli autori, si può consultare la banca dati HindexScholar19 che utilizza i dati di GScholarCites per creare un ranking di ricercatori spagnoli secondo l’indice H.

5.2. Riviste scientifiche spagnole

30Attualmente ci sono circa 30 riviste scientifiche spagnole attive nel campo LIS. La banca dati RESH20 (Revistas Españolas de Ciencias Sociales y Humanidades) ne include 31 e IN-RECS21 33. Quest’ultimo genera anche un indice di impatto (figura 1).

Figura 1. Impact Factor delle riviste spagnole di Documentazione

Figura 1. Impact Factor delle riviste spagnole di Documentazione

31Oltre questi dati quantitativi è importante notare che vi è stato anche un significativo aumento del livello di qualità e di riconoscimento esterno. La presenza di riviste spagnole nelle banche dati bibliografiche internazionali è in aumento. El profesional de la información è stata la prima rivista a entrare in Scopus e successivamente in WoS e subito dopo lo stesso è accaduto per la Revista española de documentación científica. Negli ultimi anni altre quattro riviste sono entrate in Scopus.

Tabella 7. Riviste spagnole nelle banche dati bibliografiche internazionali El profesional de la información

Editore

WoS

Scopus

El profesional de la información

EPI, SCP

2006

2006

Revista española de documentación científica

CSIC

2010

2008

Revista general de información y documentación

Univ. Complutense

2009

Scire

Univ. Zaragoza

2011

BiD

Univ. Barcelona

2012

Anales de documentación

Univ. Murcia

2013

32Si tratta di risultati considerevoli se si confrontano con la situazione di altre discipline scientifiche che, sebbene con maggior prestigio e visibilità accademica e con un numero maggiore di ricercatori (ad esempio il diritto), non hanno un numero così alto di riviste presenti nelle banche dati internazionali.

6. Conclusioni e strategie per il futuro

33Abbiamo già anticipato che il problema principale della formazione in LIS è la scarsa visibilità, particolarmente evidente nei corsi di laurea, con una flessione notevole del numero di immatricolazioni. L’offerta formativa e il numero di studenti hanno avuto il loro picco alla fine degli anni Novanta, ma da allora sono diminuiti gradualmente sia il numero di immatricolazioni che la visibilità sociale degli studi e della professione.

34Cosa si può fare per ovviare a questo problema? Proponiamo quattro linee di azione con alcune strategie per aumentare la visibilità dei nostri studi:

  1. Relazioni con la professione per aumentare la visibilità sociale. La visibilità accademica e quella professionale sono in rapporto diretto e si alimentano a vicenda. Per questo motivo la collaborazione tra le università e le associazioni professionali è fondamentale per migliorare la percezione sociale dei professionisti dell’informazione. Iniziative congiunte saranno vantaggiose per entrambe le parti.

  2. Collaborazione con altre discipline. Le scienze della comunicazione (sia nel campo dell’audiovisivo che del giornalismo) hanno molto successo tra gli studenti. Queste discipline hanno molto in comune con le LIS e si possono proporre programmi congiunti (ad esempio, doppi titoli come già accade in alcune facoltà) per contribuire ad aumentare la visibilità delle nostre discipline tra gli studenti.

  3. Internazionalizzazione. Ci sono numerosi studenti stranieri sia nei master che nei dottorati, prevalentemente dell’America Latina. È importante aumentare la loro percentuale e, soprattutto, cercare di diversificare la provenienza degli studenti, anche da altri paesi dell’Europa meridionale: l’Italia, ad esempio, è un paese con il quale si potrebbero stabilire partnership e programmi comuni.

  4. Maggiore cooperazione tra atenei. Lo scambio di esperienze e anche la realizzazione di progetti comuni tra facoltà è un altro elemento positivo per migliorare la visibilità. Nel caso della Spagna si dovrà fare riferimento a RUID (Red Universitaria de Información y Documentación), che raggruppa tutti gli atenei nominati in questo articolo.

35A fronte del calo di interesse per le LIS va comunque notato che le offerte di lavoro continuano a mantenere un buon livello, nonostante la crisi, e che si stanno orientando anche verso nuovi settori come “marketing e comunicazione” o “gestione di contenuti digitali”. Infine, nel caso della ricerca, il terzo degli elementi presi in esame, gli indicatori analizzati (presenza internazionale della produzione scientifica e presenza delle riviste scientifiche spagnole) stanno migliorando di anno in anno e in questo periodo vi è un notevole riconoscimento da parte della comunità scientifica internazionale sia dei ricercatori spagnoli che delle riviste scientifiche spagnole in ambito LIS.

Notes

1 J. Meadows, Fifty years of UK research in information science, in Information science in transition, edited by A. Gilchrist, London: Facet, 2009.

2 Information professionals 2050: educational possibilities and pathways, edited by G. Marchionini, B. B. Moran, Chapel Hill: School of Information and Library Science, 2012, <http://sils.unc.edu/sites/default/files/publications/Information-Professionals-2050.pdf>.

3 E. Abadal, La documentación en España, Madrid: Cindoc; Fesabid, 1994, <http://digital.csic.es/handle/10261/36885>; id. – C. Miralpeix, La enseñanza de la biblioteconomía y la documentación en la universidad española a finales de los noventa, «BiD: textos universitaris de biblioteconomia i documentació», 2, 1999, <http://bid.ub.edu/02abamir.htm>.

4 Cfr. E. Delgado López-Cózar, Las cifras de la documentación en España: 2002, «El profesional de la información», 12, 2003, 5, pp. 344-367, <http://www.elprofesionaldelainformacion.com/contenidos/2003/septiembre/1.pdf>; id. – M. De la Mone-da-Corrochano, Las cifras de la enseñanza universitaria en Documentación en España: 2006, «El profesional de la información», 17, 2008, 4, pp. 422-436, <http://eprints.rclis.org/12833/>.

5 M. Caridad et al., Breve panorama actual sobre la documentación en España (excepto Cataluña), in Bibliodoc: anuario de biblioteconomía, documentación e información 1999, pp. 233-260, <http://www.raco.cat/index.php/Bibliodoc/article/view/16619/16460>.

6 Cfr. E. Abadal – C. Miralpeix, La enseñanza de la biblioteconomía y la documentación en la universidad española a finales de los noventa cit.

7 Cfr. E. Delgado López-Cózar – M. De la Moneda-Corrochano, Las cifras de la enseñanza universitaria en documentación en España: 2006 cit.

8 V. Sacristán – J. França, El preu de la carrera: preus universitaris 2013-14 a Catalunya i anàlisi de l’evolució del preu total dels estudis, Barcelona, 2013, <http://www.observatoriuniversitari.org/Fitxers/CostCarreres2013/Carrera.pdf>.

9 Título de grado en Información y Documentación, Madrid, ANECA, 2004, <http://www.aneca.es/var/media/150424/libroblanco_jun05_documentacion.pdf>.

10 V. Ortiz-Repiso, Los estudios de información y documentación en España: análisis de la situación actual, Madrid, 2013. Preprint.

11 Teseo (<https://http://www.educacion.gob.es/teseo>) è una banca dati che contiene la descrizione delle tesi discusse nelle università spagnole. Utilizza la classificazione Unesco.

12 V. Ortiz-Repiso, Los estudios de información y documentación en España: análisis de la situación actual cit.

13 E. Abadal – À. Borrego – R. Serra Pérez, Mercado laboral de profesionales de la información: evolución de la oferta y de los perfiles ocupacionales, «BiD: textos universitaris de biblioteconomia i documentació», 2012, 29, <http://www.ub.edu/bid/29/abadal2.htm>.

14 E. Abadal, Producción científica, in La documentación en España, Madrid: Cindoc; Fesabid, 1994, <http://digital.csic.es/handle/10261/36885>.

15 M. Caridad et al, Breve panorama actual sobre la documentación en España (excepto Cataluña), in Bibliodoc: anuario de biblioteconomía, documentación e información cit.

16 Emilio Delgado López-Cózar, Las cifras de la documentación en España: 2002 cit.

17 E. Jiménez Contreras, La aportación española a la producción científica internacional en biblioteconomía y documentación: balance de diez años (1992–2001), «BiD: textos universitaris de biblioteconomia i documentació», 2002, 9, <http://bid.ub.edu/09jimen2.htm>.

18 Ranking dell’Università di Granada, <http://rankinguniversidad.es/>.

19 HindexScholar (http://hindexscholar.com/ciencias-sociales/documentacion/) è un database che ordina gli autori in base al loro Indice H (H indica il numero di pubblicazioni con almeno H citazioni) ma comprende anche il numero di citazioni totali.

20 Revistas Españolas de Ciencias Sociales y Humanidades (RESH), <http://epuc.cchs.csic.es/resh/indicadores>.

21 IN-RECS (http://ececubo.ugr.es/ec3/Documentacion.html) è una banca dati che contiene gli indici di impatto delle riviste scinetifiche spagnole a partire dal conteggio delle citazioni ricevute dagli articoli nei tre anni seguenti la loro pubblicazione.

Table des illustrations

Titre Figura 1. Impact Factor delle riviste spagnole di Documentazione
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1200/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 216k

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search