Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

RELAZIONI

Cosa manca nella didattica e nella ricerca in library and information studies

Wayne A. Wiegand
Traduction de Alberto Petrucciani

Texte intégral

1Il vostro gentile invito a intervenire a questo Seminario nazionale sulle scienze della biblioteca è arrivato proprio mentre stavo terminando il manoscritto di un libro provvisoriamente intitolato A Part of Our Lives: A People’s History of the American Public Library. Il mio obiettivo? Determinare storicamente perché gli americani amano le loro biblioteche pubbliche. Ho voluto ripercorrere la storia della biblioteca pubblica americana, non tanto analizzando le parole di coloro che le hanno fondate e gestite, ma soprattutto ascoltando le voci di coloro che le hanno usate nell’ultimo secolo e mezzo.

2Invece di utilizzare un punto di vista “dall’alto in basso” (top-down), che rispecchia in gran parte il discorso della professione bibliotecaria, A Part of Our Lives adotta una prospettiva “dal basso in alto” (bottomup) che mi permette di seguire l’esempio di Howard Zinn, che ha usato questo approccio nella sua pionieristica Storia del popolo americano (1980). Mi invita inoltre a introdurre nel mio racconto le voci di generazioni di utenti delle biblioteche pubbliche. Come umanista, mi riguarda soprattutto quello che Andrew Piper chiama «la produzione di soggettività»: «cosa vuol dire essere una persona nel mondo». Voglio offrire un’analisi di come la biblioteca pubblica americana ha contribuito a questo processo.

3Portare alla luce queste voci è stato facile soprattutto grazie alle tecnologie recenti. Alcune si trovano in memorie pubblicate, autobiografie e biografie di persone famose, altre in fondi manoscritti e archivi di biblioteche pubbliche in tutto il paese. La stragrande maggioranza, tuttavia, è conservata in centinaia di giornali e periodici americani digitalizzati dagli anni Novanta in poi in enormi banche dati facilmente ricercabili. Utilizzando «biblioteca pubblica» come termine di ricerca ho trovato migliaia di queste voci nelle lettere al direttore, e altre decine di migliaia sono citate nelle cronache dei giornalisti sulle biblioteche locali. Combinandole, mi hanno fornito ulteriori motivi per comprendere perché la biblioteca pubblica americana ha avuto un tale successo nel corso delle generazioni. Mentre analizzavo questi dati, sono rimasto sorpreso di quanto velocemente gli elementi si venissero a organizzare in tre categorie principali: la gente ama le biblioteche pubbliche per le informazioni utili che rendono accessibili, per lo spazio pubblico che offrono, e per le storie che mettono in circolazione e che aiutano gli utenti a dare un senso al mondo che li circonda. Questa scoperta ha dettato anche il mio approccio e mi ha portato a impiegare tre diverse “letterature” per evidenziare i miei risultati; due di esse sono in larga misura al di fuori degli studi sulle biblioteche e l’informazione.

1. Informazioni

4La prima categoria — le “informazioni” — l’ho ereditata dalla biblioteconomia, il discorso professionale con il quale avete più familiarità. Cosa intendo con “discorso”? Molti studiosi fanno risalire il concetto al filosofo francese Michel Foucault e, come spiega Wikipedia, gli studiosi di discipline umanistiche e scienze sociali, in particolare, hanno sfruttato questo concetto per descrivere non solo «un modo di pensare formale che può essere espresso tramite il linguaggio», ma anche «un confine sociale che definisce ciò che si può dire su un particolare argomento». Per molti aspetti un discorso professionale funziona come un grande “recinto di sabbia” (sandbox) intellettuale — tanto spazio per giocare con le idee, ma comunque entro dei limiti —, «un confine sociale», se si vuole, in cui i leader impiegano «un modo di pensare formale» per educare e illuminare i membri di una professione che poi mettono in pratica quello che imparano per migliorare il servizio professionale per il massimo beneficio del pubblico. Per le biblioteche questo si traduce nei servizi che istituiscono e mantengono e nelle raccolte, negli spazi e nelle risorse che rendono accessibili.

5Al tempo in cui le colonie americane dichiararono la loro indipendenza (1776), i paesi occidentali si stavano rapidamente industrializzando con il capitalismo. I lavoratori dell’industria, a differenza di quelli rurali, hanno trovato la loro giornata non divisa secondo l’alba e il tramonto (e il loro anno non diviso in stagioni), ma da un orologio che i loro datori di lavoro usavano per determinare qual era il tempo del “lavoro”. Per i capitalisti il tempo del “lavoro” è sempre stato più importante del tempo di “non lavoro”, che ha sviluppato il proprio insieme di descrittori tra i quali l’espressione “tempo libero”. I capitalisti hanno costantemente privilegiato le informazioni generate per migliorare il “lavoro” rispetto a quelle considerate da “tempo libero”. Naturalmente le biblioteche che servono gli interessi informativi delle imprese e dei governi hanno rispecchiato queste priorità. Gli Stati occidentali che operano con economie capitalistiche hanno pure privilegiato le informazioni legate al “lavoro”, ma vi hanno aggiunto “storie” che consideravano così essenziali per l’ordine sociale da costituire un canone di testi importanti (letterari e non) da comunicare ai cittadini e insegnare nelle scuole e nelle università. Le biblioteche dipendenti dallo Stato, inoltre, hanno raccolto e conservato queste storie. Così, entro la metà del XIX secolo, quando i fondatori, i finanziatori e i dirigenti della Boston Public Library svilupparono un insieme istituzionale di scopi e obiettivi che oggi chiamiamo una “dichiarazione d’intenti” (mission statement), le loro priorità culturali e l’insieme di tradizioni bibliotecarie che avevano ereditato, onorarono un particolare genere di “informazione” privilegiando quella che allora si chiamava “conoscenza utile”. Credendo con Thomas Jefferson che la democrazia non possa esistere senza una cittadinanza informata, i fondatori razionalizzarono l’esistenza delle biblioteche pubbliche come essenziale per la creazione di quella cittadinanza informata. Da allora in poi, nella retorica della professione (una componente del suo discorso) le biblioteche pubbliche sono rappresentate come agenzie neutrali la cui responsabilità principale è rendere accessibili i generi di conoscenze utili ritenute essenziali per il capitalismo e la democrazia: un’eredità della fede dell’Illuminismo nel potere della conoscenza.

6La stragrande maggioranza della letteratura bibliotecaria che abbiamo ereditato affronta la “dichiarazione d’intenti” delle biblioteche come un fatto e utilizza questo discorso — fissato nella letteratura professionale — per descrivere il pubblico in gran parte attraverso gli occhi e le parole delle persone che le hanno fondate e dirette. Verso la fine del XIX secolo la professione bibliotecaria emergente adottò quella missione come un imperativo professionale, e tramite le sue formazioni discorsive costruì un insieme unico di pratiche (p. es. la catalogazione e la classificazione, il servizio di reference, lo sviluppo delle raccolte, la gestione dell’istituzione) con i relativi strumenti (p. es. la Classificazione decimale Dewey, la rivista Booklist, il Fiction catalog) che la separava dalle altre professioni che si costituivano nello stesso periodo. La letteratura bibliotecaria americana in gran parte replica e rafforza le formazioni discorsive della professione — ora centrate sulla parola “informazione”, ma in gran parte ancora privilegiando le storie che le autorità statali e culturali ritengono essenziali e dando la priorità all’informazione che il capitalismo considera utile.

7Ma la biblioteca pubblica americana è un’istituzione civica unica perché — a differenza di altre istituzioni civiche come i tribunali e le scuole — le persone non sono tenute a farne uso. Perciò, gli utilizzatori (patrons) hanno influenzato fortemente il processo di configurazione delle raccolte e dei servizi bibliotecari. Il discorso della biblioteconomia, però, non affronta mai in modo diretto questo tipo di pressione dal basso, e quindi per me non era abbastanza esauriente per dare la possibilità di approfondire la comprensione del perché gli americani amano le loro biblioteche pubbliche. La parola “informazione”, come la usiamo nel discorso contemporaneo, ha certamente radici storiche, ma ha anche grossi limiti di capacità esplicativa riguardo a quanto la mia ricerca ha portato alla luce sulla “biblioteca come luogo” e il potere delle “storie” che gli utenti hanno prelevato a miliardi dalle biblioteche pubbliche nel corso degli anni. Così, per spiegare i miei risultati, la mia sfida è diventata quella di andare al di là del discorso professionale, guardare oltre il limitato “recinto” di idee della biblioteconomia, elaborare una cornice che desse spazio alle voci degli utenti delle biblioteche che stavo scoprendo nella mia ricerca e le spiegasse. Due letterature che hanno le loro radici fuori dal discorso della biblioteconomia si rivolgono direttamente al potere delle storie e alla biblioteca come luogo. Per la biblioteca pubblica americana in particolare, e per le biblioteche in generale, esse costituiscono, a mio parere, ciò che ora manca nell’insegnamento e nella ricerca in library and information studies.

2. Storie

8Le storie, come i libri, sono «interattive» e costituiscono «ricette per la fantasia», come scrive Richard Nash. Esse nascono e prosperano nei «vortici e gorgoglii delle idee e dello stile» e non albergano solo in particolari forme testuali. «Le storie sono alla base di tutte le culture umane, sono il mezzo principale con cui strutturare, condividere e dare un senso alle nostre esperienze comuni», sostiene l’esperto di mezzi di comunicazione Henry Jenkins. «Se vedete la televisione, andate al cinema, leggete riviste di consumo e guardate la pubblicità», sostiene Richard Keller Simon, «siete esposti a molte storie degli stessi generi che incontra chi studia i grandi libri della civiltà occidentale. Siete stati semplicemente incoraggiati a considerarle in modo diverso». «La storia di ciascuno importa», dice Morris in I fantastici libri volanti di Mr. Morris Lessmore di William Joyce, un libro che leggo ai miei nipoti ogni volta che vado a trovarli. Che le biblioteche pubbliche americane abbiano sempre svolto un ruolo primario nel rendere le storie accessibili a milioni di utenti è evidente. Fin dall’apertura della Boston Public Library nel 1854, la narrativa (cioè le “storie”) ha costantemente rappresentato, in media, tra il 66% e il 75% di tutti i materiali dati in prestito dalle biblioteche pubbliche americane. Ogni generazione di utenti delle biblioteche pubbliche americane si è dedicata alle storie che contenevano messaggi (buoni e cattivi) che voleva ascoltare, e questo avviene tuttora.

9Quando la professione bibliotecaria si organizzò nel tardo XIX secolo, tuttavia, i gruppi dominanti che chiamo l’intellighenzia (clericy) — imprese, governi e autorità culturali che assumono la responsabilità di educare le generazioni successive — banalizzarono costantemente come attività da “tempo libero” le storie più desiderate dalla gente, qualsiasi forma culturale avessero. Di conseguenza i bibliotecari — che aspiravano loro stessi a costituire un’intellighenzia rivendicando l’autorità di determinare quale fosse l’informazione di valore — non hanno dato riconoscimento o, più spesso, sono stati lenti a rispondere ai gruppi meno potenti che chiedevano che le loro storie venissero raccolte e messe in circolazione. Per giustificare i finanziamenti i direttori, costretti a tenere sotto controllo le statistiche dei prestiti come misura dell’uso, hanno dovuto affrontare i bisogni degli utenti delle biblioteche pubbliche considerati nell’ambito del “tempo libero”. Così, solo attraverso la domanda gli utenti hanno costretto i direttori delle biblioteche pubbliche a dare spazio alle loro priorità culturali. In alcune biblioteche pubbliche ebbero più successo che in altre. Nel corso del tempo (e soprattutto nel XX secolo) i bibliotecari hanno sviluppato la disponibilità a servire (ma non sempre ad approvare) la democrazia culturale evidente nei diversi gusti. Anche se lo hanno fatto senza molto clamore né gratitudine da parte degli altri membri dell’intellighenzia, i loro servizi professionali non solo hanno permesso a milioni di utenti di costruire molteplici canoni specifici per le loro culture, ma li hanno anche liberati dalle prescrizioni delle autorità culturali il cui “sapere” non si può considerare disinteressato. In realtà, la fedeltà alle storie che stanno a fondamento della propria comunità di sapere è stata spesso una forma di protesta contro queste prescrizioni.

10Ma al di là dell’affermazione che gli utenti come contribuenti “hanno diritto” alle loro storie (entro standard accettabili dalla comunità), della soddisfazione dei bisogni del “tempo libero” della gente per farla entrare dalla porta (o nel XXI secolo), e della promozione della lettura (esemplificata da manifesti di personaggi famosi appesi su migliaia di pareti di biblioteche americane che ammoniscono chi li guarda a “LEGGERE”), il discorso professionale della biblioteconomia non ha mai analizzato perché le storie sono essenziali per l’interazione quotidiana di milioni di utenti della biblioteca con i loro simili nella società. È quasi come se si trattasse di cosa che non rientra negli “affari” della professione. Capire perché le persone amano le loro biblioteche pubbliche, tuttavia, è secondo me affare della professione, e concentrandomi su come gli utenti si sono storicamente appropriati delle “storie” che le loro biblioteche rendevano accessibili nel corso delle generazioni spero di fare un primo passo in questa direzione. Per la maggior parte della storia delle biblioteche americane, queste “storie” sono comparse a stampa, e un importante contenitore di stampa — che ha preoccupato il discorso bibliotecario alla fine del XX secolo — è stato il libro. Dato che voglio sapere perché gli americani amano le loro biblioteche pubbliche, non mi riguarda molto il libro come “oggetto”, che riflette il discorso bibliotecario tradizionale. Mi concentro di più, invece, su come le storie veicolate dai libri funzionano come “agenti” nella vita quotidiana degli utenti delle biblioteche.

11Le storie passate dalla tradizione orale al manoscritto e poi nelle culture della stampa sono stati tentativi del genere umano di spiegare i fenomeni del mondo circostante. Mentre il numero delle storie aumentava nel corso dei millenni, le persone vi trovavano definizioni e spiegazioni della natura umana e del comportamento. Abbiamo sempre saputo che le storie hanno una forte potenzialità di suscitare emozioni fondamentali e sviluppare un senso di unità. Una volta che queste storie sono state fissate con la stampa, per assimilarle le persone hanno dovuto leggerle o farsele leggere. Così, comprendere i comportamenti che includono l’atto della lettura delle storie che le persone ottengono dalle biblioteche e la sua natura sociale è essenziale se vogliamo capire perché amano queste istituzioni civiche onnipresenti.

12Mi rivolgo quindi alla letteratura umanistica sul tema della “lettura”. Ci sono parecchi testi stimolanti. Reading the Romance: Women, Patriarchy, and Popular Literature di Janice Radway [in italiano La vie en rose: letteratura rosa e bisogni femminili] è un caso di studio etnografico che descrive come le storie romantiche (sempre molto popolari nelle biblioteche pubbliche disposte a tenerle e prestarle) funzionavano da agenti nelle interazioni quotidiane delle donne delle periferie urbane alla fine degli anni Settanta. Radway mostra i vari modi in cui queste donne utilizzavano le loro letture per rivendicare uno spazio mentale e “fuggire” — sia pure temporaneamente — dalle incombenze pratiche di mogli e di madri. Molti dei suoi risultati complicano la definizione di “fuga”, ben al di là della definizione semplicistica della parola nella retorica bibliotecaria. Altrettanta influenza ha avuto Comunità immaginate: origini e fortuna dei nazionalismi di Benedict Anderson. Le persone si organizzano in grandi e piccole «comunità immaginate», sostiene Anderson, per orientarsi e associarsi. Testi culturali di ogni genere fungono da agenti per aiutare a costruire queste comunità immaginate fornendo insiemi comuni di esperienze, tra cui la lettura di storie condivise. Anderson aggiunge un’altra dimensione alla socialità della lettura: a volte la lettura e la condivisione di storie si svolge in gruppo, su suolo pubblico e in spazi culturali – spazi culturali, aggiungerei, come le biblioteche.

13La condivisione di storie funziona in molti modi. Ad esempio, «in considerazione della straordinaria capacità della lettura di aprire l’esperienza immaginativa», dice lo storico della lettura James L. Machor, «il mondo della stampa potrebbe essere stato in effetti uno dei pochi luoghi in cui persone di classe e cultura diversa potessero incontrarsi attraversando i confini, almeno quelli della fantasia. Non siamo solo «socializzati attraverso la lettura», osserva, siamo anche «socializzati nella lettura, addestrati e posizionati in e attraverso pratiche sociali per dare un senso ai discorsi. Dandoci modo di interpretare il mondo della stampa e dei mezzi elettronici, la lettura in un doppio senso ci legge nella società e nella cultura offrendoci un insieme di mosse per decifrarle e dar loro forma». La lettura è più che il consumo di storie; è anche comunione con gli altri. «Qualsiasi sia il veicolo di comunicazione», dice lo storico della letteratura Gillian Silverman, la lettura di storie «continua a dare occasione a una fuga dai confini della soggettività limitata, che ci permette, come ai nostri antenati ottocenteschi, di investire in forme di unione con l’altro». «Leggere non è mai solo un atto di isolamento», sostiene Andrew Piper. «Quando leggiamo, entriamo in un mondo di comunanza, di lingua, di storia o di un oggetto materiale». Servendo «come spazio per perdere il proprio senso del posto», la lettura coltiva un «senso di intimità» come allo stesso tempo «socializza» il lettore.

14In Book Clubs: Women and the Uses of Reading in Everyday Life , Elizabeth Long analizza la capacità della lettura di stimolare l’immaginazione, costruire la comunità tramite significati condivisi e dimostrare le conquiste morali. In tutta la sua discussione della lettura di storie si intrecciano questioni di potere, privilegio, esclusioni e distinzioni sociali, che si combinano in diversi modi cosicché la lettura non è mai «disincarnata», o «non situata». Nel libero arbitrio della lettura, sostiene Long, i lettori «si muovono dentro e fuori del testo», e quindi «si appropriano» il significato rilevante per la propria vita. Dato che i lettori possono controllarla, la lettura di storie diventa un piacere fidato, un potenziamento, uno stimolo intellettuale, un legame sociale. Ed è nell’atto di leggere storie che avvengono gli atti sociali e culturali della sfida — talvolta palese e talvolta nascosta, talvolta cosciente e talvolta inconscia. Se le autorità a qualsiasi livello non hanno il potere di controllare la lettura libera in direzione di un’interpretazione resa legittima da culture dominanti, i lettori comuni possono costruire i propri significati, e lo fanno, a volte come gruppi e a volte come individui. Stephen Greenblatt chiama questo processo «auto-modellamento», Barbara Sicherman lo chiama «auto-autorizzazione».

15Per citare un solo esempio reale, Oprah Winfrey descrive cosa la lettura di storie ha fatto per lei quando era bambina. Esse erano «una porta aperta per la libertà nella mia vita» e «mi hanno permesso di vedere che c’era un mondo oltre la veranda di mia nonna» nel Mississippi, «che non tutti avevano il gabinetto fuori di casa, che non tutti erano circondati dalla povertà , che c’era un mondo pieno di speranza là fuori e che sarebbe potuto appartenere a me». Per Winfrey le storie divennero il suo «conforto», la sua «consolazione, di comunicare e imparare qualcosa su di me, di imparare qualcosa su altre persone, di imparare qualcosa sul mondo». Nel piccolo appartamento di Milwaukee dove viveva a nove anni, nel 1963, con il fratellastro e la sorellastra, lesse Un albero cresce a Brooklyn — il suo «primo libro per tutta la notte — la storia di Francie Nolan la cui vita era piena di umiliazioni e i cui soli amici erano i libri allineati sugli scaffali della biblioteca pubblica. [...] Ho sentito che la mia vita era la sua». Sette anni dopo Winfrey lesse I Know Why the Caged Bird Sings di Maya Angelou [in italiano Il canto del silenzio]. «L’ho letto più e più volte. Non avevo mai letto prima un libro che convalidasse la mia esistenza».

16La lettura si svolge, inoltre, in un quadro sociale di opinioni accettate. «I significati dipendono dalle interazioni tra i lettori, i testi e gli ambienti», sostiene la storica del libro Barbara Sicherman. «Essi sono costruiti attraverso le pratiche delle comunità di lettori e si rifrangono negli individui. Come si legge, cosa si legge e con chi sono questioni di fondamentale importanza, anche per l’atto di interpretazione». La lettura costituisce «uno dei modi principali in cui le persone danno un senso alla loro cultura e al loro comportamento». Tuttavia, diversamente dall’ideologia della lettura colta come base dell’educazione formale, dallo studio istituzionale della letteratura e dalla cultura degli intellettuali, la lettura libera ha, per come è concepita, un impatto emotivo. «La narrativa ha il suo impatto in primo luogo tramite le emozioni», sostiene lo psicologo Keith Oatley. Una volta che l’impegno emotivo si verifica in «contesti di comprensione», la lettura può essere trasformativa e «influenzare tutta l’identità di una persona». Questo è vero soprattutto per i giovani. Gli psicologi dello sviluppo suggeriscono che le storie trovate nella narrativa «sono così attraenti perché si riferiscono in modi emotivamente potenti a problemi della vita dei lettori», come sostiene Sicherman. «La narrativa aiuta ragazzi e ragazze, prima ancora che sappiano leggere, a chiarire e controllare le loro paure e i loro desideri nella fantasia; capire le loro relazioni con il mondo tramite l’identificazione con l’eroe o l’eroina; intuire il senso della vita, e, più tardi, sviluppare il pensiero analitico». In Writing Superheroes, Anne Haas Dyson mostra come la lettura di fumetti di supereroi leghi i giovani lettori nel gioco. «Dato che sanno le storie e capiscono il genere, condividono un quadro di riferimento che identifica i loro ruoli sociali e le regole di interazione. Adottando questi ruoli e seguendo queste regole sanno come entrare in relazione con le persone intorno a loro. Se questi studiosi hanno ragione, le storie che si trovano nella narrativa seriale e nei fumetti hanno dato un contributo importante alla vita della gioventù del XX secolo. Eppure per la maggior parte del secolo le autorità culturali (compresi i bibliotecari) si sono opposte a questi generi di storie, e nell’insegnamento e nella ricerca li hanno ignorati o criticati.

17Una ragione per la quale le autorità culturali si sono opposte con tanta forza alla narrativa seriale nel XX secolo, secondo Deirdre Johnson, è perché dava rappresentanza ai giovani in un modo che la letteratura convenzionale non offriva. «Tradizionalmente, nella letteratura per ragazzi più accettata del periodo, gli adulti danno ai ragazzi i consigli necessari e gli impongono restrizioni. Nella narrativa seriale, invece, gli adolescenti prendono le proprie decisioni cruciali». «Dimostrano intelligenza, capacità e libertà dagli adulti, violando questa tradizione. I ragazzi, non gli adulti, diventano gli arbitri morali e gli artefici del loro destino. Entrano deliberatamente nel mondo degli adulti e competono su un piano di parità: fantasia, certo, ma che attrae quasi tutti i ragazzi». Emily Hamilton Honey sostiene che nelle pagine della narrativa seriale «i ragazzi si comportano come adulti, prendono decisioni responsabili che sono in loro potere ed esprimono voci e opinioni che vengono spesso ignorati nella vita reale. I libri in serie offrono ai giovani e alle giovani la possibilità di fare delle scelte su chi vogliono essere, cosa vogliono fare della loro vita, al di fuori dell’autorità degli adulti». Anche se è non direttamente collegata alla letteratura umanistica sulla “lettura”, la ricerca recente nelle neuroscienze ha dimostrato come la narrazione attivi porzioni specifiche del cervello, comprese le cortecce sensoriali e motorie. Riassumendo questa ricerca, Annie Murphy Paul osserva: «Il cervello, a quanto pare, non fa molta distinzione tra leggere di un’esperienza e incontrarla nella vita reale; in entrambi i casi sono stimolate le stesse regioni neurologiche». «Un ricercatore» ha scoperto che la narrativa ha offerto ai lettori «l’opportunità di entrare pienamente nei pensieri e nei sentimenti di altre persone». Un altro ha visto «sovrapposizione sostanziale tra le reti cerebrali utilizzate per comprendere le storie e quelle utilizzate per interagire con altri individui, in particolare per le interazioni in cui stiamo cercando di capire i pensieri e i sentimenti degli altri». Altri ricercatori suggeriscono che la lettura di narrativa «è un esercizio che affina le nostre capacità sociali nella vita reale», e che i lettori abituali di narrativa «sembrano essere in grado di capire meglio gli altri, entrare in empatia con loro e vedere il mondo dalla loro prospettiva». La narrativa, nota il neuroscienziato Keith Oatley, «è una simulazione particolarmente utile perché muoversi in modo efficace nel mondo sociale è estremamente difficile, richiedendoci di valutare una miriade di cause ed effetti che interagiscono. Proprio come le simulazioni al computer ci possono aiutare ad afferrare problemi [scientifici] complessi, [...] romanzi, storie e drammi possono aiutarci a comprendere le complessità della vita sociale».

18Uno studio recente del Dynamic Cognition Laboratory dell’Università di Washington mostra che i lettori di narrativa «simulano mentalmente ogni nuova situazione incontrata in una narrazione. [...] I particolari sulle azioni e le sensazioni vengono catturati dal testo e integrati con la conoscenza personale basata sulle esperienze passate». Nicole Speer, ricercatrice principale di questo studio, osserva che le regioni del cervello attivate dalla narrativa «sono strettamente speculari a quelle coinvolte quando le persone eseguono, immaginano o osservano attività simili nel mondo reale». La lettura profonda «non è affatto un esercizio passivo». Esaminando questa ricerca, Nicholas Carr ha concluso che «il lettore diventa il libro». Altre ricerche, analizzando le differenze nella lettura di mezzi digitali rispetto a materiali a stampa, suggeriscono che nella lettura del testo su Internet o uno smartphone i lettori tendono a perdere la concentrazione e a leggere superficialmente. Non è così per i testi a stampa che contengono storie, tuttavia, che a quanto pare stimolano una lettura più serrata e aumentano la concentrazione.

19“Fuga”, “comunità immaginate”, “appropriazione”, “auto-modellamento”, “auto-autorizzazione”, “lettura come pratica sociale”, “convalida dell’esistenza”, “socializzazione tramite la lettura”, “il lettore diventa il libro”. Queste parole ed espressioni funzionano ora come parte di un nuovo vocabolario all’interno della letteratura umanistica sulla “lettura” per spiegare come leggere storie aiuta a costruire la comunità, anche se l’atto di lettura avviene in solitudine. Mentre alcuni vedono la lettura soprattutto come comportamento solitario, un numero crescente di studiosi che esaminano l’atto di leggere lo vede ora principalmente come un comportamento associativo. «A che serve un libro», dice Alice in Alice nel paese delle meraviglie, «senza figure o dialoghi?».

20Se questa ricerca è valida, allora bisogna concludere che la biblioteca ha svolto un grande ruolo nella vita di milioni di utenti di tutto il mondo che hanno preso in prestito miliardi di storie nell’ultimo secolo e mezzo. La letteratura umanistica sulla “lettura” offre molto per far emergere le ragioni per le quali la gente ama le biblioteche. Mi ha mostrato quanto l’atto di condividere storie sia complesso, e lo sia stato per secoli. È difficile sopravvalutare l’importanza che questa osservazione ha per comprendere il ruolo che le biblioteche hanno svolto nel dare accesso alle storie che i loro utenti hanno preso in prestito a miliardi nel corso delle generazioni.

3. La biblioteca come luogo

21Veniamo ora alla nostra seconda letteratura “non LIS”, che chiamo qui “la biblioteca come luogo”. La mia analisi della biblioteca come luogo si sviluppa da un’altra letteratura accademica spesso etichettata con l’espressione “sfera pubblica”, definita da Wikipedia come quello «spazio nella vita sociale in cui gli individui possono riunirsi per discutere liberamente e identificare i problemi della società, e influenzare tramite la discussione l’azione politica», e dal suo guru pionieristico Jürgen Habermas come «uno spazio discorsivo in cui individui e gruppi si aggregano per discutere di questioni di interesse comune e, ove possibile, raggiungere un giudizio condiviso». In La trasformazione strutturale della sfera pubblica [in italiano Storia e critica dell’opinione pubblica], Habermas sostiene che durante il XVIII secolo le classi medie in crescita hanno cercato di influenzare le azioni di governo assumendo il controllo di una emergente “sfera pubblica” di deliberazione che alla fine ha trovato una nicchia influente tra le forze esercitate dai governi e dai mercati. All’interno di questa sfera pubblica le persone hanno sviluppato il proprio “marchio” di ragione, e nel tempo hanno creato le proprie istituzioni e sedi (p.es. giornali e periodici, partiti politici e società accademiche). Entro e tramite queste istituzioni e sedi hanno raffinato il discorso in un’espressione dell’“interesse pubblico” che i governi e i mercati non hanno osato ignorare. Dopo che Habermas ha posto le basi teoriche, i suoi continuatori hanno cominciato ad analizzare le istituzioni e le sedi in cui hanno praticato questo discorso le comunità e i gruppi che non si occupavano principalmente di ideologie politiche o di attività di mercato. Da queste analisi è emerso un concetto più elaborato del ruolo del “luogo” come spazio culturale. Nelle istituzioni civiche che fanno parte della sfera pubblica, p.es., le persone abitualmente “scambiano capitale sociale”: un’espressione comune nella riflessione sulla “sfera pubblica”. Esse costituiscono anche spazi in cui convergono culture, luoghi in cui le persone sviluppano l’apprezzamento delle diversità culturali. Dato quello che è messo in luce nella mia ricerca sugli utenti della biblioteca pubblica americana, non è difficile capire il motivo per cui questo tema mi ha interessato.

22In The Civil Sphere Jeffrey Alexander sostiene che nella società civile un insieme di «istituzioni comunicative» funzioni per «regolare» il discorso pubblico. Istituzioni comunicative possono esercitare un’influenza sulle questioni politiche tramite le informazioni che rendono disponibili. Possono anche servire come luoghi in cui il dissenso politico e sociale si organizza e si articola, o dove le culture dominanti si rafforzano. Queste istituzioni comunicative funzionano attraverso una varietà di agenzie, tra cui i «mezzi di comunicazione dei fatti» (factual media) e i «mezzi di comunicazione dell’immaginario» (fictional media). Direi che i «mezzi di comunicazione dei fatti», come li definisce Alexander, siano molto simili all’“informazione” nel nostro discorso professionale. I «mezzi di comunicazione dell’immaginario», tuttavia, — le “storie” discusse in precedenza — «intrecciano i codici binari della società civile in ampie narrazioni e generi popolari», e creano «cornici di lunga durata sia per i processi di democratizzazione che per quelli anticivili. Essi limitano l’azione costituendo una teleologia per gli eventi futuri, anche se sembrano semplicemente raccontare storie di persone e di vita in maniera astorica e d’invenzione». Le storie contenute nella narrativa popolare «hanno sempre realizzato generi simili di educazione sentimentale», afferma, e hanno fornito le rappresentazioni che permettono alle persone «di esprimere i loro giudizi civili in linguaggio figurativo piuttosto che intellettuale, cosa che ha reso più facile, a sua volta, identificarsi con questo o quel gruppo solidale».

23Entro certi spazi pubblici le persone si impegnano in quello che Henry Jenkins chiama «cultura partecipativa». Avendo «barriere relativamente basse per l’espressione artistica e l’impegno civile, un forte sostegno per la creazione e la condivisione con gli altri, e la guida rappresentata dai partecipanti esperti che trasmettono le conoscenze ai novizi», osserva Jenkins, i membri di una cultura partecipativa che coproduce significato dai testi culturali «credono che i loro contributi contino e hanno un certo grado di connessione sociale fra loro». E questa cultura partecipativa non è legata a nessun meccanismo specifico di trasmissione delle comunicazioni. Come la “lettura” (di testo stampato o elettronico), gli atti di “ascolto” e “visione” portano con sé gli stessi benefici di “condivisione delle storie”. Le «storie transmediali», sostiene Jenkins, sono «al livello più elementare [...] storie raccontate tramite più mezzi di comunicazione». Anche se le storie fondamentali di una cultura sono registrate in diversi mezzi di comunicazione (teatro, arte, musica, letteratura) e diverse forme culturali (libri, periodici, film, registrazioni), questi ultimi possono cambiare nel tempo, ci ricorda Jenkins, ma «i vecchi mezzi di comunicazione non muoiono mai [...] e non necessariamente si dissolvono. A morire sono semplicemente gli strumenti che usiamo per accedere ai contenuti dei mezzi di comunicazione». La mia ricerca per A Part of Our Lives dimostra che le biblioteche pubbliche americane hanno sempre funzionato come luoghi transmediali che hanno facilitato l’alfabetizzazione ai mezzi di comunicazione.

24Nella riflessione sulla sfera pubblica mi piace anche il concetto di «spazi di affinità» di James Gee — nell’America del XXI secolo gli spazi sociali semiotici che le persone autoselezionano e in cui interagiscono — perché, storicamente, le biblioteche pubbliche americane riflettono la maggior parte delle caratteristiche che Gee usa per descrivere gli spazi di affinità. «Sulla base delle proprie scelte, finalità e identità», dice Gee, gli utenti e gli occupanti di spazi di affinità «possono ottenere ciascuno cose diverse dallo spazio». Gli spazi di affinità, afferma, «sono una forma importante di appartenenza sociale oggi, luoghi in cui si verifica un apprendimento efficace» fuori dalle istituzioni di istruzione formale. E una biblioteca, sostiene Andrew Piper, è per sua natura «uno spazio di condivisione. I libri condividono lo spazio con altri libri, crescendo di valore per la loro vicinanza. [...] Guarda, dice uno scaffale, qui c’è una raccolta delle mie idee». Questi concetti mi piacciono soprattutto perché approfondiscono la nostra comprensione e complicano il significato del «luogo terzo», un termine coniato da Ray Oldenburg che molti bibliotecari hanno adottato per spiegare la “biblioteca come luogo”.

25Come il vocabolario che ho tratto dalla storia della lettura (“fuga”, “comunità immaginate”, “appropriazione”, “natura sociale della lettura”), per A Part of Our Lives ho adottato anche quello della letteratura sulla “sfera pubblica” — “interesse pubblico”, “luoghi di risoluzione delle controversie”, “scambio di capitale sociale”, “mezzi di comunicazione dei fatti” e “mezzi di comunicazione dell’immaginario”, “cultura partecipativa” e “cultura convergente” — per raccontare la storia della biblioteca pubblica americana “come luogo”. È facile vedere la biblioteca pubblica come un agente in questo quadro teorico. Generazioni di utenti hanno dimostrato di dare valore alla biblioteca pubblica come luogo andandoci spontaneamente tante volte. In effetti, per molti americani andare in una biblioteca pubblica ha rappresentato il primo posto nella sfera pubblica in cui godere dei privilegi degli adulti e, ottenendo la tessera della biblioteca pubblica da ragazzi, accettare formalmente la responsabilità civica di rispettare la proprietà pubblica.

26Anche se questo terzo “recinto” di idee offre molto per rispondere alle domande della mia ricerca, è rimasto come le “storie” al di fuori del discorso dei library and information studies ed è in gran parte sfuggito all’attenzione dei ricercatori in questo campo. Solo negli ultimi anni la professione bibliotecaria ha iniziato a contare a livello nazionale il numero di persone che frequentano le attività delle biblioteche; lo stesso vale per la registrazione delle mostre ed esposizioni negli spazi delle biblioteche pubbliche. E solo negli ultimi anni i ricercatori in campo bibliotecario hanno intervistato gli utenti come “consumatori” dello spazio biblioteca per determinare i bisogni percepiti. Al tempo stesso, però, il discorso della professione non ha mai cercato di valutare in che modo gli spazi della biblioteca funzionino attivamente nelle interazioni quotidiane degli utenti come individui o membri di gruppi, in modo da vedere che cosa e quanto hanno imparato. In A Part of Our Lives cerco di dare pari attenzione all’“informazione”, alle “storie” e al “luogo”, perché tutti e tre mi aiutano a comprendere più in profondità i molteplici ruoli che le biblioteche pubbliche americane hanno giocato nella vita quotidiana di milioni di utenti, e a spiegare meglio perché le persone amano in questo modo la loro biblioteca pubblica. Anche se ho imparato molto dal discorso bibliotecario sulla gestione dell’“informazione” da parte della biblioteca pubblica americana, vi ho imparato molto poco riguardo ai ruoli delle “storie” e del “luogo”. Se i risultati della mia ricerca specifica sulla storia della biblioteca pubblica americana sono validi, suggeriscono per la biblioteconomia, in generale, che il nostro discorso professionale è confinato in spazi troppo limitati, e che nel nostro insegnamento e nella nostra ricerca in library and information studies ci stanno sfuggendo almeno due vaste aree, che reclamano una cooperazione interdisciplinare e multidisciplinare tra studiosi della lettura e della sfera pubblica in ambito umanistico, da un lato, e docenti e ricercatori di library and information studies dall’altro.

27Grazie per avermi invitato a parlarvi oggi, e grazie per la vostra attenzione.

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search