Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

Saluto del Presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche

Stefano Parise

Texte intégral

1Sono molto lieto di portare i saluti dell’AIB al seminario nazionale di biblioteconomia organizzato dal Dipartimento di Scienze documentarie, linguistico-filologiche e geografiche, in collaborazione con la Società italiana di Scienze Bibliografiche e Biblioteconomiche e con l’AIB (Associazione Italiana Biblioteche). Queste due giornate di studi rappresentano infatti un’occasione importante per affrontare un problema centrale per le biblioteche italiane: quello della preparazione dei futuri bibliotecari. Lo sfondo ideale di questa discussione non è naturalmente quello degli equilibri fra ambiti disciplinari all’interno dell’università italiana ma quello grandioso, epocale, del cambio di paradigma che dobbiamo affrontare.

2I cambiamenti che stanno investendo il nuovo millennio dilatano i tradizionali confini disciplinari fino a renderli evanescenti; i saperi che dobbiamo metabolizzare per vivere, lavorare, interagire con gli altri, mettono a dura prova le nostre capacità di apprendimento. La complessità che ci circonda richiede intelligenze flessibili e aperte, educate a pensare criticamente e addestrate a cercare, selezionare e valutare. Questo ambiente di vita richiede cittadini capaci di dare valore a contesti di esperienza complessi, persone abituate a considerare le cose da punti di vista molteplici e a dotarsi con frequenza sempre maggiore di nuovi strumenti. Saranno questi, auspicabilmente, i frequentatori delle biblioteche nei prossimi decenni, e lo saranno solo se esse sapranno affiancare alle funzioni tradizionali dello studio e della ricerca il profilo di luoghi in grado di integrare alta tecnologia, stimolare processi di innovazione creativa, promuovere sistemi sostenibili e migliorare la qualità della vita. Non musei del sapere registrato, non piazze del sapere, quindi, ma incubatori di capacità individuali e di comunità. I bibliotecari del XXI secolo dovranno essere in grado di attivare le opportunità messe a disposizione dalla biblioteca, secondo priorità e percorsi che non possono essere predeterminati, ma che nascono dalla loro capacità di leggere i bisogni degli individui come possibilità, non come qualcosa che genera risposte standardizzate. Il potere della biblioteca sarà sempre più nella capacità di individuare i problemi delle comunità di riferimento e cercare attivamente un modo per risolverli. Il bibliotecario custode di preziosi patrimoni librari è già da tempo stato affiancato dal bibliotecario gestore di servizi di documentazione, lettura, informazione. Il bibliotecario del XXI secolo sarà sempre più un facilitatore e dovrà essere in possesso delle competenze, abilità e conoscenze utili per svolgere questo ruolo.

3Per questa ragione, non solo per via della dematerializzazione dei supporti, la focalizzazione della formazione superiore sulle discipline del libro è insufficiente, perché farà sempre più riferimento all’attività di un numero chiuso di istituti deputati alla conservazione di patrimoni librari antichi, rischiando di marginalizzare ulteriormente un’area disciplinare già pesantemente penalizzata dalla recente riforma dell’università. La reazione – sacrosanta – alla riduzione degli spazi per le discipline biblioteconomiche dovrebbe quindi andare di pari passo con il ripensamento degli insegnamenti, che rischiano – lo dico senza mezzi termini – di trasformare il nostro ambito disciplinare, per come è oggi prevalentemente configurato nell’università italiana – in un ambito museologico. E dico questo pur sapendo che esistono lodevolissime eccezioni. Non dobbiamo naturalmente cedere alla tentazione di considerare le discipline del libro come qualcosa da mettere in soffitta, ma dobbiamo nel contempo riconoscere che esse rappresentano le competenze utili a un profilo che non esaurisce la realtà professionale né le esigenze delle nostre biblioteche.

4In Italia le scienze dell’informazione, che in area anglosassone rappresentano lo scheletro del cursus studiorum dei futuri bibliotecari, hanno assunto una connotazione tecnologica che le rende territorio pressoché esclusivo di ingegneri e informatici. Credo che sia ormai indifferibile ricuperare la matrice umanistica e sociologica di questa area disciplinare – le information sciences – e coniugarla con i saperi tecnici, con le abilità tecnologiche e con le conoscenze storiche che, nel loro insieme, “fanno” la formazione del bibliotecario. La recente approvazione della Legge 4/2013, che riconosce le professioni non ordinistiche, e il percorso di riconoscimento avviato dall’AIB, che prevede fra l’altro la definizione di requisiti di qualificazione professionale e l’obbligo di formazione continua, fanno leva sull’emanazione di una norma tecnica UNI sulla figura professionale del bibliotecario che la nostra associazione ha declinato in questo modo:

«È bibliotecario chiunque eserciti o possegga i requisiti di qualificazione professionale per esercitare abitualmente, indipendentemente dai differenti contesti organizzativi e specializzazioni funzionali, attività di carattere professionale nell’ambito dei servizi bibliografici, informativi, di documentazione e di promozione culturale di una biblioteca o sistema bibliotecario, che richiedano indipendenza di giudizio, interpretazione di regole e procedure, analisi di problematiche tecniche e gestionali e formulazione di soluzioni che comportino il ricorso a conoscenze e competenze nel campo della biblioteconomia e delle discipline affini, finalizzate a promuovere l’accesso alla conoscenza, all’informazione, alla lettura e a favorire la creazione di nuova conoscenza da parte della comunità di riferimento.»

5È in questo ambito che bisogna agire per tracciare il profilo dei percorsi di formazione superiore dei bibliotecari del XXI secolo, facendo anche riferimento ai documenti e alle esperienze già esistenti, come le nuove Guidelines for professional library / Information Educational Programs dell’IFLA, rivedute nel 2012. Del resto, la centralità del confronto internazionale e la dimensione di scambio di esperienze fra comunità accademiche e professionali di vari paesi, resa oggi irrinunciabile dalla dimensione globale entro cui ci muoviamo, è ben presente nel programma di queste due giornate. L’AIB è a disposizione per collaborare con chiunque sia intenzionato a promuovere una revisione dei percorsi di formazione dei bibliotecari. Questa disponibilità sarà manifestata al Ministro dell’istruzione, prof.ssa Carrozza, nell’incontro già richiesto – e che mi auguro venga fissato a breve – e che farà seguito a quello già previsto con il Ministro Bray, dove solleciteremo un’attenzione maggiore non solo per gli istituti ma per le figure professionali che ne rendono possibile l’attività. Ricordo che i bibliotecari, come gli archivisti, non sono nemmeno menzionati nel codice dei beni culturali. Auguro a tutti buon lavoro.

Auteur

Presidente AIB – Associazione Italiana Biblioteche

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search