Version classiqueVersion mobile

Le Borgate del fascismo

 | 
Luciano Villani

Parte III. Vivere in borgata

Capitolo 9. Il ricatto della fame. Politiche di assistenza e repressione del dissenso

Texte intégral

9.1 L’assistenzialismo fascista, tra controllo e ricerca del consenso

1Sino al dicembre 1931, l’erogazione dei servizi di assistenza sociale allestiti in città rimase di competenza dell’Ufficio di Assistenza Sociale istituito presso il Governatorato che, tra le altre cose, ordinava e sussidiava l’attività delle Opere Pie. Le delegazioni governatoriali e alcune scuole si facevano carico della fornitura di buoni per minestre, pane e latte.

  • 1 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1930-31, b. 328, Disoccupazione e Provvedimenti per la disoccupazione e l’ind (...)
  • 2 A. Santori, La politica sociale del Governatorato, in L’economia italiana tra le due guerre 1919-1 (...)
  • 3 Dell’apertura di un vero e proprio Ufficio di Assistenza fa cenno la relazione di Cocchia in ACS, (...)
  • 4 Ivi, Roma-Opere Assistenziali, 13 dicembre 1931. Al finanziamento delle opere assistenziali nella (...)

2Con l’inasprirsi del disagio economico e il considerevole aumento della disoccupazione avutosi negli anni di crisi1, gli oneri investiti nel sostegno alimentare schizzarono in alto: dalle 50.000 lire annue del 1929 si arrivò alle 100.000 lire mensili nell’ottobre-novembre 19302. La Questura dovette aprire un Ufficio di Assistenza, attivo giorno e notte, tramite cui si smistavano senza tetto e sfrattati presso strutture di ricovero, si forniva un immediato sostegno alimentare e si segnalavano le situazioni di disagio alla Federazione dell’Urbe3. Il prolungarsi di questa situazione allarmante richiese il compimento di una parziale riorganizzazione del settore. Sulla base delle disposizioni emanate dal capo del Governo, al termine di una riunione tenutasi in Prefettura il 13 dicembre 1931 – cui presero parte il prefetto, il questore, il segretario federale del PNF, il delegato Ricci, il presidente della Congregazione di Carità e quello dell’Istituto Case Popolari – tutta l’organizzazione direttiva, esecutiva e di mezzi finanziari svolta separatamente dal Governatorato venne fusa nell’Ente Opere Assistenziali della Federazione dell’Urbe (EOA)4.

  • 5 S. Inaudi, A tutti indistintamente. L’Ente Opere Assistenziali nel periodo fascista, Clueb, Bologn (...)
  • 6 In un rapporto del febbraio 1933 al capo della polizia, il questore di Roma, Cocchia, fece notare (...)
  • 7 Per i disoccupati contrari al regime recarsi presso i Gruppi rionali a ricevere assistenza era un (...)

3Istituiti nel marzo 1931, gli EOA in pochi mesi allargarono le loro competenze dalla sola assistenza all’infanzia (in particolare l’organizzazione delle colonie climatiche ed elioterapiche) a scopi di carattere più generale. Tale estensione di intervento è stata giustamente intesa come un riuscito tentativo di intromissione del partito in un campo attorno al quale convergevano forti interessi economici e politici, contendendolo alla Direzione Generale dell’Amministrazione Civile del Ministero dell’Interno5. Il PNF poteva così presentarsi agli occhi della popolazione come il fulcro attorno al quale ruotavano le iniziative benefiche, specialmente presso gli strati sociali più duramente colpiti dalla crisi economica ed i nullatenenti; in altre parole vi fu un uso politico pienamente manifesto dell’opera assistenziale6. I meccanismi alla base del funzionamento dei servizi denotano inoltre il loro utilizzo in chiave coercitiva. La possibilità di essere esclusi dai benefici e dai vantaggi offerti dall’assistenza e dalle opere fasciste – benefici a dire il vero assai scarsi per gli indigenti, limitati perlopiù alla refezione giornaliera nei mesi invernali – costringeva a mantenere un atteggiamento deferente, comunque remissivo di fronte al regime; anche i più recalcitranti, infatti, finivano con l’essere indotti a mantenere un rapporto con le sedi del fascio locale7.

  • 8 L’elenco delle località in cui avevano sede i 24 Gruppi rionali fascisti e i 28 Fasci suburbani co (...)
  • 9 La Befana fascista, in generale la distribuzione di pacchi dono durante le festività natalizie, è (...)

4L’attività degli EOA, formatisi su scala comunale, dipendevano dalle Federazioni locali del PNF ed erano sottoposti al controllo incrociato, e non sempre concorde, della segreteria del partito e delle prefetture. Il trapasso delle funzioni assistenziali all’EOA determinò nuovi incarichi per i 24 Gruppi rionali della città e per i Fasci suburbani, presenti in 28 località, i quali erano tenuti ad assolvere al servizio giornalmente, dalle ore 9 alle 14, eccezion fatta per dieci sedi rionali e suburbane aperte sino alle 248. L’assistenza erogata era di tipo generico e caritativo, concretizzandosi principalmente nella distribuzione ai possessori della tessera di assistenza – concessa ai capifamiglia dopo accurate verifiche di accertamento delle condizioni economiche – di buoni viveri, indumenti, carbone, legna, medicinali. In alcune città le Federazioni, tramite gli EOA, offrivano anche un sostegno economico nei confronti dei morosi e dei disoccupati e il patrocinio legale gratuito agli sfrattati. Altre iniziative di matrice più spiccatamente paternalistica, già introdotte da qualche anno ma che assunte dagli EOA divennero in breve tempo molto popolari e pubblicizzate, furono la Befana fascista e il Natale del duce, consistenti nella concessione di pacchi dono ai bambini delle famiglie povere in occasione delle festività natalizie9.

  • 10 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., p. 449.
  • 11 “Il Popolo di Roma”, Un anno di intensa attività, 30 ottobre 1936.
  • 12 S. Inaudi, A tutti indistintamente, cit., p. 168. Sul ruolo delle donne nel regime fascista e sul (...)

5A Roma l’EOA gestiva un ricovero temporaneo per senza tetto della capacità di 150 persone, la Casa dell’ospitalità fascista Arnaldo Mussolini (in via dei Pettinari 37, nel rione Regola), ma la sua attività principale rimase la somministrazione invernale del “Rancio del popolo”, che comprendeva 180 gr di pane, 60 gr di pasta o riso, 50 gr di legumi10. Nel 1936 l’ente romano fornì assistenza a 425.241 persone, coadiuvato nel suo lavoro dai Fasci Femminili, che quell’anno effettuarono 58.962 visite domiciliari, 18.574 visite a famiglie di militari, comizi e varie iniziative volte al controlli dei prezzi e al coinvolgimento delle cosiddette “massaie rurali”11. Il ruolo delle visitatrici fasciste, iscritte ai Fasci Femminili e generalmente appartenenti a classi sociali dal tenore di vita elevato, si professionalizzò progressivamente, sino all’apertura di appositi corsi di formazione che rilasciavano il diploma di visitatrice e davano accesso all’impiego presso gli EOA12.

  • 13 Santori, La politica sociale del Governatorato cit., p. 512; cfr. anche “Il Messaggero”, L’opera d (...)
  • 14 Corner, Fascismo e controllo sociale cit., p. 396.

6L’avvento degli EOA, fatta eccezione per alcune responsabilità di coordinamento, non ebbe ragione del groviglio di istituzioni, enti pubblici e religiosi che affollavano il settore, uno dei più frammentati. Continuavano a svolgere la loro funzione nel campo economico-assistenziale le Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza dipendenti dal Ministero dell’Interno, prime tra tutte le Congregazioni di Carità, che erogavano a vario titolo sussidi mensili per un ammontare di circa 200.000 lire13. Di importanza cruciale erano poi le altre Opere del fascismo, anch’esse legate al PNF e costantemente in bilico tra la natura assistenziale dei loro compiti e l’organizzazione del consenso in favore del regime, alcune di esse con il chiaro intento di irreggimentare militarmente vasti settori della popolazione. Per via del loro carattere di massa e per i risvolti socializzanti connaturati a varie proposte e servizi offerti, queste organizzazioni riuscirono talvolta a penetrare laddove il fascismo incontrò maggior freddezza e distacco, coinvolgendo soggetti magari estranei ai valori patriottardi e belligeranti inseguiti dal regime ma disposti a chiudere un occhio e a smussare un poco la propria intransigenza per ragioni di convenienza immediata. Come sottolinea Paul Corner, infatti, va tenuto ben presente anche l’aspetto “neutralizzante” che l’assistenzialismo fascista ebbe nei confronti degli oppositori, accanto a quello propagandistico14.

  • 15 G. Parlato, La mobilitazione delle masse e l’Ond, in L’economia italiana tra le due guerre cit., p (...)
  • 16 Un esempio in tal senso può venire dalle disposizioni emanate dalla Direzione Generale dell’Ifacp. (...)
  • 17 “Il Popolo di Roma”, La intensa attività del Dopolavoro nell’Urbe, 9 dicembre 1936.

7Il Dopolavoro (OND), istituito nel 1925, si proponeva di «promuovere il sano e proficuo impiego delle ore libere dei lavoratori intellettuali e manuali, con istituzioni dirette a sviluppare le loro capacità fisiche, intellettuali e morali»15. Molteplici i settori di intervento: l’istruzione, l’educazione artistica e quella sportiva, momenti di svago e divertimento collettivo. Una serie di fattori, tra cui la distruzione delle reti associative operaie e dunque la mancanza di alternative, così come l’impossibilità di accedere ad occasioni di svago costose, contribuirono al rilevante successo dell’OND, strutturata territorialmente oltre che a livello aziendale e nella pubblica amministrazione. Col “Sabato fascista”, a partire dal 1935, la partecipazione alle attività ricreative e sportive del Dopolavoro fu resa in qualche modo doverosa16, obbligatoria per i giovani con meno di 21 anni. A Roma nel 1936 i tesserati al Dopolavoro erano conteggiati poco al di sotto dei 200.000, divisi in 373 gruppi, (117 in provincia, 25 nel suburbio, 225 in città e qualche sezione rurale)17.

  • 18 Saraceno, Costruzione della maternità e paternità cit., p. 492. Lo statuto dell’ente in ACS, MI, D (...)
  • 19 “Il Messaggero”, Dodici Case della Madre e del Bambino sorgeranno in periferia, 23 novembre 1941; (...)

8L’Opera Nazionale Maternità e Infanzia (ONMI), creata anch’essa nel 1925 con lo scopo di conseguire la difesa e il miglioramento fisico e morale della razza, fu un tassello cruciale della politica sociale e demografica del fascismo. Le sue attività, rivolte alla tutela delle donne incinte, delle madri e dei bambini sino al terzo anno di età, si caratterizzarono anche in senso preventivo ed educativo, fattore che tenne in vita l’opera sino agli anni Settanta18. Nel 1941 l’ONMI aveva a Roma 12 Case della madre e del bambino, 25 consultori pediatrici, due consultori materni, 13 refettori materni, 10 consultori-ambulatori dermosifilopatici, un asilo per lattanti-divezzi e un reparto materno. In quell’anno vennero assistite 9574 gestanti, 10.443 nutrici, 20.994 bambini con meno di tre anni e altri 4419 con età superiore ai tre anni19.

9L’inquadramento della popolazione italiana all’interno delle organizzazioni politico-assistenziali fasciste, convogliava ovviamente anche le giovani generazioni, il settore più delicato, da cui il regime avrebbe reclutato gli uomini della futura classe dirigente e su cui poggiava l’avvenire della nazione. L’Opera Nazionale Balilla (ONB), nata nel 1926, inquadrava i giovani fino a 18 anni, preparandoli all’esercizio delle attività fisiche e sportive nonché alla loro formazione culturale, spirituale e religiosa. Passata nel 1929 alle dipendenze del Ministero dell’Educazione Nazionale, venne dapprima completata dall’istituzione dei Fasci Giovanili di Combattimento, aperti ai giovani di età compresa tra i 18 e i 21 anni ma dipendenti unicamente dal partito, per poi essere assorbita dalla GIL (Gioventù Italiana del Littorio), posta sotto la direzione del PNF, strutturata come l’Opera Balilla per fasce d’età e con l’obiettivo di preparare nel migliore dei modi i giovani a diventare i cittadini-soldati del regime. La mancata iscrizione alle opere giovanili o l’assenza alle iniziative del Dopolavoro comportava forme di discriminazione che potevano danneggiare in modo permanente il futuro di un ragazzo o di un adulto e della relativa famiglia. Il rischio non era solo di perdere i vantaggi ad esse connessi (sussidi, borse di studio, vacanze, offerta culturale ecc.), ma anche di vedersi pregiudicate le possibilità di carriera.

  • 20 Il tema è stato approfondito da D. Preti, La modernizzazione corporativa (1922- 1940). Economia, s (...)
  • 21 M. L. D’Autilia, Caratteri strutturali: imprese, amministrazione pubblica, assistenza, in «Roma mo (...)
  • 22 Cfr. E. Sonnino, M. R. Protasi, R. Rosati, Aspetti demografici, sanitari e territoriali di Roma da (...)
  • 23 “Il Popolo di Roma”, Dieci anni di lotta antitubercolare, 23 dicembre 1936.
  • 24 Sonnino, Protasi, Rosati, Aspetti demografici cit., p. 41. Nella clinica pediatrica romana la quot (...)

10L’assistenza fascista fu sviluppata anche dal punto di vista sanitario20, ma con risultati parziali e non sempre coronati da successo. Il patrimonio ospedaliero risentiva della mancanza di una legislazione chiara, ragione che favorì una crescita sperequata delle strutture sul territorio nazionale e, anche qui, il fiorire di varie iniziative di carattere privato e parastatale. A Roma tra il 1940-43 gli ospedali divennero 11, con 8761 posti letto, un posto ogni 140 abitanti21. Sul piano della mortalità infantile forti erano i livelli di disuguaglianza registrati tra le varie parti del comune classificate secondo le caratteristiche socio-economiche dominanti; Lanfranco Maroi nel 1941 denunciò che nell’agro romano e nel suburbio la mortalità infantile raggiungeva una percentuale più che doppia rispetto ai gruppi abitati da classi possidenti, professioni liberali, industriali e dal ceto medio22. Nonostante i forti richiami alla prevenzione antitubercolare, diretta e coordinata dal Consorzio antitubercolare provinciale23, la Tbc era diffusa in molti quartieri (Prenestino-Labicano, Tuscolano, Ostiense, Testaccio) e nelle borgate. Nel 1944 arrivò al due per mille, superando di tre volte la media nazionale24, un dato che andrebbe messo in rapporto al particolare momento vissuto dalla città, raggiunta da profughi e sfollati di ogni par te d’Italia.

  • 25 R. Ricci, L’assistenza sociale in Roma, in Atti del II Congresso Nazionale di Studi Romani, II, 19 (...)
  • 26 Cfr. F. Bestini, Il fascismo dalle assicurazioni ai lavoratori allo Stato sociale, in Lo Stato fas (...)

11Il fascismo si vantava di aver realizzato il passaggio da un’assistenza concepita in termini di beneficenza, a vantaggio dei singoli bisogni, ad un intervento i cui fini sociali erano da ritenersi di carattere generale, miranti al miglioramento economico e morale della società e che ricadevano sotto la tutela dello Stato. Raffaello Ricci, pur riconoscendo al sistema precedente il delinearsi di uno spirito informato non solo da finalità religiose ma determinato anche da fini sociali, non aveva dubbi sul fatto che col fascismo, e soprattutto a Roma, si fosse compiuta «la più profonda rivoluzione delle opere assistenziali»25. Una convinzione espressa più volte dallo stesso Mussolini, che non teneva conto del fatto che, sebbene un processo evolutivo in termini di maggiori responsabilità dello Stato si fosse realmente compiuto26, non era venuta meno la beneficenza caritatevole ed elemosiniera, per giunta elargita dal duce a mezzo della sua segreteria personale.

  • 27 Nella relazione del 3 gennaio 1933, il questore Cocchia rendicontava sul numero di rimpatri effett (...)
  • 28 Ivi, 1941, b. 56, Rapporto sulla situazione politico-economica della provincia, 11 aprile 1937.

12Coloro che soffrivano situazioni di disagio estreme continuavano ad essere considerati alla stregua di “rifiuti sociali” (mendicanti e accattoni), a cui le prestazioni degli EOA erano generalmente negate27. Non così diversa, però, era la condizione degli inabili e dei disoccupati di lunga durata, nei cui confronti l’azione esercitata dall’assistenzialismo fascista si riduceva alle distribuzioni elargite dagli EOA, come riconosciuto dal questore di Roma nell’aprile 1937, che ammise pure la criticità della situazione economica e la sproporzione tra guadagni e bisogni28.

  • 29 Ivi, SPD, C.O., 500.031-2, Sussidi elargiti in occasione di Natale e Capodanno, 4 dicembre 1932.
  • 30 Ivi, 500.031-1 e 500.031-6, Sussidi di beneficienza elargiti dalla SPD in occasione di ricorrenze (...)

13In assenza di misure incisive con le quali estirpare la grande povertà presente a Roma, che il fascismo confinò soprattutto nelle borgate governatoriali, oltre ai servizi religiosi e caritatevoli impartiti da vari ordini femminili, continuò ad essere esercitata una forma di elemosina che potremmo definire di tipo istituzionale, in quanto ad ordinarla era Mussolini in persona, cui non sfuggiva l’importanza di attirare il consenso anche laddove di certo non poteva mancare il malcontento. La Segreteria particolare del duce era inondata da istanze di soccorso e aiuto, specie in occasione delle principali ricorrenze. Con l’approssimarsi del Natale 1931 giunsero una valanga di lettere, di cui 6297 vennero soddisfatte con la spesa di 635.100 lire. In quel periodo si diffuse la voce secondo cui il fratello del duce, Arnaldo, avrebbe lasciato poco prima di morire dai tre ai quattro milioni per distribuirli ai bisognosi; in alcuni esercizi di rivendita fu addirittura lamentato l’esaurimento dei francobolli29. Il periodo successivo non fu da meno: nel marzo 1932 le richieste di sussidio pervenute alla SPD furono così tante, nell’ordine di 110.000, che per smaltirle si dovette ricorrere all’ausilio di personale esterno all’ufficio (dalla Questura, Squadra mobile, economato, Squadra politica, Ministero della Guerra ecc.). Come pure in occasione del decennale della Marcia su Roma: in pochi giorni, dal 14 e al 19 ottobre 1932, arrivarono 9437 istanze di sussidio, con francobolli a ruba nel rione Trastevere30.

  • 31 Ivi, 500.030, Sussidi elargiti dal Duce nel corso di viaggi e visite.

14La pratica della beneficenza, ripetuta ogni anno a Pasqua e Natale, non era affatto occasionale: sussidi a 100 famiglie di Porta Metronia e Appio e a 50 famiglie baraccate (Appia Nuova, via Clelia, via Tuscolana, arco di Travertino, via Veturia, viale Castrense, via Terni, via Monza, via della Marrana) furono concessi nel dicembre 1934; a 100 famiglie del Quadraro nel gennaio 1936. Con ogni probabilità la frequenza di queste donazioni era ancora maggiore, la documentazione esistente per gli anni 1941-42 lascia intendere che vi fosse una cadenza molto più elevata, quasi mensile. Nell’aprile 1941 l’esborso in elemosina a famiglie povere ammontò a 13.330 lire, in maggio a 12.000 lire, nell’agosto 11.900 lire, a ottobre 10.000 lire, in dicembre 12.000 lire, nel gennaio 1942 altrettante, nel marzo 14.100 lire più altre 12.000 lire, in aprile 9800 lire, a giugno 9200 lire, a novembre 7100 lire31. Gli elenchi sono corredati dal domicilio dei beneficiari, la maggior parte dei quali abitava nelle borgate (Pietralata su tutte, seguita da Primavalle, Tormarancio, Gordiani, Prenestina, Donna Olimpia, Valle Aurelia) ma anche a San Lorenzo, Garbatella, Torpignattara, nei rioni centrali e in altre parti di Roma.

  • 32 Ivi, 516.421, Bonifica pigioni arretrate a famiglie aventi 4 o più figli a carico.
  • 33 L’elargizione di sussidi era fonte di risentimento in chi se ne sentiva escluso; un esempio, tra t (...)

15A sperare nel benefico interessamento di Mussolini c’erano poi gli sfrattati. A Pietralata e Tiburtino III un suo intervento nel 1941 “bonificò” il quantitativo di arretrato accumulato dai morosi con quattro e più figli. Dalla Segreteria, De Cesari riferì che se il provvedimento fosse stato preso dagli enti pubblici, questi si sarebbero trovati in imbarazzo di fronte al resto della popolazione amministrata. Per tacitare ogni malumore Mussolini avocò a sé l’iniziativa32. Ad ogni modo, sopire queste gelosie non era cosa facile33. A metà del 1942 le ingiunzioni di sfratto colpirono una percentuale altissima di inquilini Ifacp delle borgate, 6000 su 20.000 secondo il questore; il quale sottolineava la particolare persuasione che spingeva i morosi a confidare nelle premure del capo del Governo.

  • 34 Ivi, SPD, C.O., 500.031-6, Sussidi in occasioni di sfratti, appunto del questore del 5 aprile 1942

Le famiglie in istato di indigenza sono numerose nelle borgate popolari e sono esse che danno la maggiore percentuale di richieste di assistenza, sia nel caso di ingiunzione di sfratto, sia nei casi di trasferimento da un abitazione più costosa ad un’altra più economica dello stesso Istituto. A contribuire all’aumento del numero delle domande di sussidio si ritiene influisca la convinzione diffusasi che basta avere un congiunto richiamato alle armi per chiedere ed ottenere un aiuto finanziario34

  • 35 Dal 20 aprile al 10 dicembre 1942 furono 478 i contributi monetari erogati per impedire lo sfratto (...)

16E siccome gli aiuti spesso arrivavano35, anche le famiglie che pagavano con puntualità a volte smettevano di farlo, sperando poi in un gesto di “alta beneficenza” che le esentasse dalla spesa. Erano aspettative che, a ben vedere, maturavano proprio in conseguenza della discrezionalità con cui avvenivano certe concessioni. L’elemosina, sotto forma di salvifico interessamento del duce buono, continuava a svolgere una funzione essenziale, decisamente demagogica e paternalista, per quanto a parole fosse deprecata. L’impostazione dell’assistenzialismo fascista, d’altronde, lasciava intendere che solo coloro i quali avessero mantenuto fede e fedeltà al regime potevano sperare in qualcosa di buono da esso. Anche l’elemosina allora, in una concezione privata di quel contenuto universale che dovrebbe sovrintendere il diritto all’assistenza, poteva servire alla bisogna per risollevare il morale dei più sfortunati, e con essa conquistarsi un po’ di approvazione. Il prestigio di aver comunicato senza intermediari col capo assoluto dei destini d’Italia e di essere stati accontentati chiudeva il cerchio.

  • 36 Cfr. L’Italietta fascista: Lettere al potere 1936-43, a cura di T. M. Mazzatosta, C. Volpi, Cappel (...)

17La Segreteria particolare del duce divenne il canale privilegiato attraverso cui un pubblico di varia estrazione sociale poté rivolgersi direttamente al capo-protettore, per lodarlo, per invocarne magnanimità e munificenza, per metterlo in guardia dai pericoli e dalle trame ordite alle sue spalle, contribuendo a rafforzare quell’immagine, oltre che di benefattore, di garante e arbitro assoluto che Mussolini riuscì con abilità a cucirsi addosso e che sfociò nel culto della personalità36.

9.2 L’Ente Governatoriale di Assistenza

  • 37 Da un’indagine fiduciaria del marzo 1934 condotta presso i Gruppi rionali, emerse come il servizio (...)
  • 38 Inaudi, A tutti indistintamente cit., pp. 174-181.

18Il tragitto compiuto dagli EOA condusse da una parte ad un’acquisizione di competenze e di professionalità prima sconosciute nel settore, anche se non mancavano le denunce di un servizio lacunoso e male organizzato37, dall’altra ad un ampliamento delle funzioni di questi enti tale da rendere non più rinviabile la formulazione di un provvedimento complessivo che regolasse la materia. A metà degli anni Trenta, la promulgazione di un apposito Testo Unico sembrava ormai ineludibile38. Tra le varie questioni che andavano disciplinate spiccava quella relativa al mantenimento o meno delle Opere Pie – collegata alla quale c’era quella degli ingenti patrimoni di cui alcune di esse disponevano e del personale a cui davano lavoro – del sistema di finanziamento più idoneo alla prosecuzione dell’opera, di un eventuale coordinamento che per alcuni avrebbe dovuto portare anche alla fusione con altri settori quale quello previdenziale.

  • 39 In proposito cfr. i contenuti della circolare inviata ai prefetti, ACS, MI, DGAC, Istituti di bene (...)

19Tuttavia, non si pervenne a una riforma generale, bensì alla creazione di un nuovo ente. Il conflitto tra Stato e partito anche in questo caso fu risolto a vantaggio del primo. Gli Enti Comunali di Assistenza nati con la legge del 3 giugno 1937, n. 847 assorbirono gli EOA e le Congregazioni di Carità assieme ai rispettivi patrimoni, collocandosi nel solco dei disciolti EOA sia per quello che concerneva il sistema di finanziamento39 – stabilito oltre che dalle rendite patrimoniali e dagli introiti incamerati con l’addizionale statale destinata all’assistenza sociale, approvata nel 1936 ed ampliata nel ’37, dai contributi delle associazioni sindacali, dei Comuni, delle Province e di altri enti pubblici e privati – sia per il controllo contabile, rimasto alle prefetture. Dislocati a livello comunale, la loro amministrazione fu affidata a un comitato presieduto dal podestà, da un rappresentante del PNF locale, dalla segretaria dei Fasci Femminili, dai rappresentanti delle associazioni sindacali. Il concentramento delle Ipab nel nuovo ente significò la sua specializzazione sul terreno dell’assistenza generica, mentre l’assistenza infantile venne di lì a poco consegnata nelle mani della GIL. Così, se il partito non era più il catalizzatore delle attività assistenziali, sotto la sua egida vennero riassunte le prerogative di formazione fisica e spirituale delle nuove generazioni.

  • 40 La lista dei settori cittadini e del suburbio in ivi, SPD, C.O., b. 1198, f. 509.628, Ods, A tutti (...)

20La città di Roma venne suddivisa in 21 settori, il suburbio in altri 20, ognuno dei quali corrispondeva a un ufficio assistenziale40. Le giurisdizioni dei settori erano di fatto ricavate dalle giurisdizioni dei Gruppi rionali fascisti, per facilitare la collaborazione tra i Fasci Femminili e i comitati di settore, in generale quella tra PNF ed EGA. Aperti giornalmente dalle 9 alle 12, presso di essi si effettuava la consegna del pacco viveri settimanale, contenente pasta, riso, legumi e patate (in quantitativi rispettivamente di 1 kg, 1 Kg, 1,5 Kg, 2 Kg per una famiglia di trequattro persone), prestazione che andava sotto il nome di “assistenza invernale”, i cui termini decorrevano dai mesi invernali all’inizio di ogni aprile.

  • 41 Nel 1941 venne emanato un foglio di disposizioni che prescriveva l’intensificazione dell’attività (...)

21Ogni settore era retto da un comitato di assistenza formato da fascisti e fasciste esperti in materia, tenuti a conoscere a fondo le necessità ed i bisogni della popolazione della zona a cui erano preposti. Soprattutto le visitatrici fasciste possedevano un’accurata conoscenza delle singole situazioni di disagio. A loro spettava una mansione fondamentale, quella di raccogliere informazioni economiche e morali sui richiedenti assistenza. Queste informazioni venivano riportate, assieme a un parere della visitatrice, nella domanda istruita dal comitato di settore, che a sua volta la corredava coi dati personali dell’aspirante e dei componenti dell’intera famiglia, valutava il parere della visitatrice e fissava la forma di assistenza da proporre alla presidenza dell’ECA. In caso favorevole, la pratica era sottoposta all’ufficio centrale per la definitiva approvazione, cui seguiva il rilascio del libretto di assistenza. Nella maggior parte dei casi ci si uniformava al parere espresso dalla visitatrice, del cui ruolo, nonostante fosse bersaglio di critiche e polemiche a livello locale, la segreteria nazionale del partito teneva un’alta considerazione41.

  • 42 Tra le caselle di cui era composta la domanda di assistenza, compilate a cura della visitatrice, i (...)
  • 43 Un’ispettrice del PNF, recatasi a Pavia, riscontrò che in pochi comuni veniva osservata la legge s (...)

22Le visitatrici fasciste detenevano un potere non indifferente sugli assistiti. Di estrazione medio-borghese, erano solite esibire atteggiamenti moralistici poco compresi dagli strati inferiori. Di questi ultimi, attraverso le visite domiciliari e i successivi rapporti, mettevano in risalto i comportamenti concernenti la pulizia, i vizi privati, la svogliatezza, la fannulloneria42. Si trattava, dunque, di una vera e propria intrusione nella vita individuale, sgradita al punto da scoraggiare, talvolta e in alcuni comuni, le stesse autorità locali a servirsi dell’operato delle visitatrici43, probabilmente proprio per evitare la loro sovraesposizione agli occhi della popolazione beneficiaria.

  • 44 ECA, Circolari, settembre 1937-febbraio 1939, Appunto per le sedute del 19 corrente.
  • 45 ACS, SPD, C.O., b. 1198, f. 509.628, Ods, A tutti i comitati di settore, 11 dicembre 1938.
  • 46 Ivi, I nuovi Enti Comunali di Assistenza, Organizzazione dell’Ente Governatoriale di Assistenza.

23Il rapporto sfavorevole di una visitatrice poteva anche provocare misure disciplinari e azioni repressive, se venivano menzionati particolari ritenuti passibili di indagine. Non a caso, in una nota dell’Ente romano il ruolo delle visitatrici appare descritto come «incarico delicatissimo e di non lieve importanza politica». Nella stessa nota si raccomandava che le visite fossero effettuate “con ogni sollecitudine” e che le relazioni fossero “esaurienti”44. Gli assistiti, per altro, per via delle procedure necessarie ad ottenere il libretto erano sottoposti a una schedatura di massa, accessibile alle prefetture. L’ufficio centrale infatti conservava uno schedario generale dei beneficiari che compendiava gli schedari tenuti dai vari settori. Ogni comitato rapportava giornalmente sulla situazione del singolo settore all’ufficio centrale, fornendo oltre agli ordinativi occorrenti a soddisfare le distribuzioni della settimana successiva, tutte quelle informazioni sugli assistiti che potevano consigliare di ridurre l’entità dell’assistenza45. Per gli indigenti “più meritevoli e più bisognosi”46 segnalati dalle visitatrici, l’ufficio centrale autorizzava la distribuzione di letti, coperte, oggetti di biancheria, vestiario e scarpe. Le decisioni delle visitatrici o le mancate concessioni suscitavano, a seconda dei casi, disapprovazioni, critiche o consensi, soprattutto era temuta la loro autorità morale, cui gli assistiti dovevano necessariamente rimettersi aprendo le porte delle loro case se volevano l’aiuto degli ECA.

  • 47 La commissione per l’assistenza legale tenne la sua prima seduta il 22 novembre 1937, ECA, Ods, se (...)

24Per i senza fissa dimora o per chi non disponeva di una cucina in casa, funzionavano le cucine popolari, a cui si accedeva con dei buoni con scadenza settimanale emessi dai settori. L’Ente gestiva sei refettori, ubicati a Tormarancio, Primavalle, borgata Gordiani, Trastevere, Torpignattara-Quadraro, via del Falco (nei pressi del Vaticano), la cui contabilità era seguita scrupolosamente dall’ufficio centrale. Il refettorio di via del Falco era sorto presso il vecchio dormitorio, ribattezzato la “Casa del ristoro”, dotata di 300 posti letto ed aperta anche alle famiglie fresche di sfratto che non riuscivano a procurarsi un alloggio entro la giornata. Agli sfrattati e alle famiglie povere in generale, era data la possibilità di rivolgersi alle commissioni di avvocati dell’Ente per ricevere assistenza legale gratuita47.

  • 48 Ivi, Ordinanze, n. 32, 20 febbraio 1939; ivi, circolare n. 4 del 20 ottobre 1938.
  • 49 Ivi, Ods, settembre 1937-febbraio 1939, 4 gennaio 1938.

25Gli ECA inoltre agevolavano il riscatto dei pegni e l’acquisto di utensili di lavoro. L’elargizione di sussidi in denaro era concessa, stando al foglio di disposizioni principale, solamente in casi eccezionali e «contenuta nei limiti dello stretto necessario». In modo ripetuto, però, il presidente Colonna e a cascata il segretario generale dell’Ente rammentarono ai comitati di settore di limitare i pareri favorevoli per la concessione dei sussidi «ai soli casi di eccezionale bisogno» e soprattutto per motivi specifici e non generici48. Nell’ottobre 1938 si costituì uno speciale comitato col compito di disciplinare questa pratica, quando già a gennaio di quell’anno l’esame e la concessione di sussidi inoltrati per conto di indigenti raccomandati da enti e personalità era stato demandato alla sola presidenza49. Evidentemente, non solo i sussidi in denaro erano fortemente richiesti ma venivano accordati con troppa facilità.

  • 50 Ivi, n. 12 del 19 gennaio 1938.
  • 51 ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 44, f. 25293 (...)

26Una forma specifica di assistenza monetaria era rappresentata dall’erogazione di un contributo per il pagamento della pigione, spesso rivolta a ottenere una proroga di sfratto, una misura anch’essa eccezionale e contingente. Medicinali erano distribuiti ai bisognosi impossibilitati ad acquistarli purché non in possesso della tessera di povertà (che dava facoltà di reperirli in modo gratuito). La somministrazione dei medicinali era deferita alle assistenti sanitarie di zona, le cui attribuzioni in questo campo equivalevano a quelle delle visitatrici50. Tutte le richieste, per qualsiasi genere di assistenza, erano protocollate e rubricate e le concessioni registrate sui libretti di assistenza, sui quali andavano annotate non solo le prestazioni fornite dall’ECA, ma tutti i soccorsi elargiti da vari enti ed istituti di assistenza e previdenza sotto qualsiasi forma (sussidi temporanei e continuativi, buoni vitto e alloggio, assistenza sanatoriale, scolastica, ambulatoriale, ospedaliera ecc.). Presso gli ECA, inoltre, era impiantato il Casellario Centrale dell’Assistenza e Previdenza, con lo scopo di raccogliere tutti i provvedimenti positivi adottati a favore dei bisognosi da qualsiasi parte provenissero51.

  • 52 ECA, Ods, settembre 1937-febbraio 1939, n. 7 del 23 novembre 1938.
  • 53 ACS, MI, DG Amministrazione Civile, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 194 (...)

27Le categorie ammesse all’assistenza invernale erano: gli indigenti inabili al lavoro, le vedove indigenti con prole minorenne, le famiglie di indigenti il cui capo era transitoriamente impossibilitato a lavorare, le famiglie il cui capo era completamente disoccupato e che non potevano contare su altre forme di reddito, le famiglie numerose con oltre sette figli a carico e con reddito insufficiente al mantenimento della famiglia. Erano tassativamente esclusi da ogni forma di assistenza i disoccupati abitudinari52. A Roma gli assistiti dall’EGA superavano mensilmente i 25.000, con picchi straordinari raggiunti nel periodo intercorso da febbraio ad aprile 1939, quando il numero degli assistiti oscillò da 83.000 sino a quasi 105.000 abitanti, tornando dopo un calo vertiginoso (3000 assistiti) ai livelli più o meno stabili di 25-30.000 persone al mese53.

  • 54 Un promemoria della segreteria ECA inviato al commissario Stella del Comune di Roma il 4 febbraio (...)
  • 55 Ivi, Affari generali del personale addetto ai dormitori, verbale della riunione del 21 marzo 1939.

28Problematico fu l’andamento dei dormitori pubblici. Passati dalle dipendenze della Congregazione di Carità a quella dell’EGA, la gestione dei dormitori divenne particolarmente tormentata quando il Governatorato, nel terzo triennio di rinnovo della convenzione siglata nel 1935, non devolse più il contributo di gestione spettante all’EGA54. Proposte di riorganizzazione del servizio dormitori vennero formulate nel corso del mandato Colonna. Già all’epoca, e non poteva essere diversamente, le strutture di ricovero erano al collasso, data la sproporzione esistente tra i posti letto e le richieste di accettazione. I dormitori risultavano in perenne sovraccarico anche perché in molti riuscivano a trasformare la permanenza in essi in una sorta di domicilio fisso. Nel 1939 i posti letto di Primavalle, via del Falco e Portuense erano 702, i quali potevano dar luogo a un massimo di 256.230 presenze all’anno (nel caso di rotazione giornaliera di tutti i posti disponibili). Nel 1938 queste invece arrivarono a 331.07255, numeri da capogiro. L’EGA inoltre si vedeva costretto a inviare i casi più urgenti in alberghi e pensioni, i cui oneri di pernottamento gravavano sul bilancio dell’ente (nel 1938 questa spesa gravò per 33.457 lire). Preoccupato di tale stato di cose, Colonna nominò una commissione che studiasse il problema e dettasse delle soluzioni. Le proposte prospettate non furono mai concretizzate, tuttavia possono considerarsi emblematiche del modo in cui i fascisti intendevano i servizi assistenziali. Oltre alla costruzione di altri due dormitori con capienza di 300 posti l’uno, si suggerivano le modalità di funzionamento delle nuove e delle vecchie strutture:

  • 56 Ibid.

3) Tutti i ricoverati, ogni sera, appena accolti, dovrebbero essere sottoposti a un bagno a doccia obbligatorio. I loro indumenti, tutti, chiusi a chiave in appositi sacchi numerati, verrebbero nella notte disinfettati e i ricoverati, per la notte, verrebbero forniti a cura del dormitorio di indumenti semplici per dormire, che alla mattina verrebbero riconsegnati, in cambio dei vestiti propri, e a loro volta disinfettati.
4) Il soggiorno nei dormitori non dovrebbe superare i 15 giorni. Durante tale periodo gli uomini verrebbero utilizzati ove possibile in colonie di lavoro che l’Ente potrebbe attrezzare, o dimessi ogni mattina per cercare lavoro. Le donne verrebbero utilizzate per la pulizia dei dormitori stessi oppure in appositi laboratori istituiti dall’Ente, e i bambini, separati coattivamente dalle famiglie e affidati i più piccoli nei nidi dell’ONMI e gli altri riuniti sotto la sorveglianza della GIL.
5) Presso ogni dormitorio dovrebbe trovarsi una squadra di polizia comandata da un graduato56.

29Più che a strutture pubbliche di accoglienza per bisognosi, i dormitori illustrati dai camerati Balzarini, Valeri, Passalacqua e Correnti somigliano a istituti coercitivi di rieducazione, assimilabili in qualche modo a dei luoghi concentrazionari, pur con tutti i distinguo del caso. Si trattava dell’estremo limite entro cui poteva aver corso l’assistenzialismo fascista, la cui intera impalcatura risulta difficilmente separabile dalla costruzione di un sistema di controllo sociale dalla presa stringente esteso all’intera popolazione, dai gradini più alti a quelli più bassi della piramide sociale. Nei confronti degli ultimi il ricatto dell’assistenza giocava un ruolo insostituibile: nell’assoluta impossibilità di decidere per se stessi, perché condizionati dal bisogno, le magre risorse messe loro a disposizione rappresentavano un’esca solitamente sufficiente a blandirli dall’assumere qualsiasi atteggiamento dissenziente. D’altra parte, il controllo raggiunto mediante le Opere, le istituzioni sociali e assistenziali, senza dimenticare l’elemosina del duce, si trovava a convivere con un solido sistema repressivo che configurava un vero e proprio stato di polizia. La punizione esemplare per una parola di troppo pronunciata in un’osteria o per il racconto di una barzelletta costituiva un monito difficilmente superabile per chiunque avesse avuto la voglia di uscire fuori dal coro.

9.3 La dissidenza dei borgatari nei fascicoli della PS

  • 57 A. Aquarone, Violenza e consenso nel fascismo italiano, in «Storia contemporanea», 1979, n. 1, pp. (...)
  • 58 De Felice, Mussolini il duce. I – Gli anni del consenso cit., p. 181, cit. in M. Canali, Repressio (...)

30La discussione sul consenso al regime, dunque, va ricondotta ad un contesto più ampio, poiché diverse furono le componenti che concorsero alla sua costruzione. Sul finire degli anni Settanta, il dibattito su questa categoria analitica si accese per merito di alcuni studiosi che si incaricarono di allargarne valenze e contenuti; fu così che in parallelo si sviluppò un confronto sull’uso della violenza57, argomento fino ad allora rimasto ai margini perché considerato di secondo piano (il momento repressivo del consenso doveva, secondo De Felice, “rimanere sullo sfondo”58).

  • 59 N. Gallerano, Il fronte interno attraverso i rapporti delle autorità (1942-43), in «Il movimento d (...)
  • 60 M. Franzinelli, I tentacoli dell’OVRA. Agenti, collaboratori e vittime della polizia politica fasc (...)

31L’interesse degli storici verso l’organizzazione e il potenziamento degli strumenti repressivi in epoca fascista è cresciuto nel tempo, così come ha conosciuto miglior fortuna il ricorso alla consultazione delle carte di polizia, non solo per attestare la profondità del fenomeno e per venire a capo del coacervo di organi e procedure, ma anche per ricavarne un’analisi sulla psicologia e sul comportamento dei sorvegliati. Gli studi sulle relazioni degli informatori della polizia politica, la cui infiltrazione non escludeva alcun campo o categoria di cittadini, hanno consentito di scandagliare sentimenti e stati d’animo presenti nella cosiddetta “opinione pubblica”, mettendo in rilievo l’andamento, temporale e contestuale, del processo di progressivo allontanamento di settori sempre più vasti di popolazione dalla politica del regime59. Ulteriori ricerche hanno ricostruito i percorsi e le biografie degli informatori, provveduto alla stesura di elenchi degli stessi e studiato le circostanze che consentirono non solo di indurre alcuni oppositori a più miti consigli ma di trasformarli a loro volta in collaboratori di polizia60.

  • 61 P. Carucci, L’organizzazione dei servizi di polizia dopo l’approvazione del testo unico delle legg (...)
  • 62 P. Carucci, Arturo Bocchini, in Uomini e volti del fascismo, a cura di F. Cordova, Bulzoni, Roma 1 (...)
  • 63 Articolo 181 del T.U. del 1931 (ex art. 184 del T. U. del 1926). Il numero dei confinati politici (...)

32L’anno di svolta per l’instaurazione dello stato di polizia fu il 1926 quando, col pretesto del fallito attentato di Bologna del 31 ottobre, vennero promulgati i provvedimenti eccezionali per la difesa dello Stato, riassunti nel Testo Unico delle Leggi per la Pubblica Sicurezza (R.D. del 6 novembre 1926, n. 1848)61. L’apparato repressivo del regime stava già riorganizzandosi sotto la guida di Arturo Bocchini62, il prefetto di Genova nominato da Mussolini capo della Polizia nel settembre 1926. Tra le varie novità introdotte dal Testo Unico (tra cui la possibilità concessa ai prefetti di sciogliere i partiti politici), spicca il riordino delle misure di prevenzione a disposizione dell’autorità di PS, con l’ampliamento a dismisura del ricorso al confino, istituto giuridico già presente nell’ordinamento sin dal 1865 sotto forma di “domicilio coatto”. Il confino divenne un formidabile strumento repressivo con cui il fascismo poté allontanare, separandolo dal proprio ambiente naturale, qualsiasi elemento giudicato potenzialmente a rischio per la sicurezza dello Stato, non sulla base di responsabilità accertate ma in presenza del semplice proposito di «sovvertire gli ordinamenti politici, economici e sociali costituiti nello Stato»63.

33Le misure di prevenzione vennero sottratte alla competenza della magistratura ordinaria per essere decise in piena autonomia dalle commissioni provinciali, istituite con legge del 25 novembre 1926, n. 2008, la stessa che istituì il Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato. Le commissioni, composte dal prefetto, dal procuratore del Re, dal questore, dal comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri e da un ufficiale superiore della MVSN, agivano discrezionalmente: emanavano provvedimenti di confino, oppure di ammonizione o diffida (per episodi di minor gravità) sulla base di una proposta formulata dal questore competente per territorio a cui la commissione poteva adeguarsi o meno, scegliendo il provvedimento di polizia ritenuto più confacente al caso. Il diritto alla difesa era inesistente.

  • 64 Le formule citate sono riprese dalla scheda di un ammonito politico, presso il Casellario Politico (...)

34Anche l’ammonizione mirava ad isolare il soggetto colpito, dai compagni di cospirazione come dall’intera società. Una serie di vincoli e imposizioni evidenziano l’indole persecutoria del provvedimento. L’ammonito era tenuto a «fissare stabilmente il proprio domicilio e di farlo conoscere alle autorità di P.S.», non poteva «allontanarsi dalla propria dimora» senza autorizzazione, «frequentare persone pregiudicate e politicamente sospette», «partecipare a riunioni pubbliche e politicamente sospette», «trattenersi abitualmente nelle osterie, bettole o in casa di prostitute», «dare ragione a sospetti di qualsiasi specie»; infine non poteva «ritirarsi la sera più tardi dell’Avemaria ne uscire al mattino più presto dell’alba», salvo comprovate emergenze accordate dalla polizia64.

  • 65 Canali, Repressione e consenso cit., p. 78. Esistevano almeno quattro diversi organi di vigilanza, (...)

35Con questi provvedimenti il discrimine tra reati comuni e politici quasi si annullò, lo stesso concetto di “sovversivo” ne risultò dilatato. Il regime totalitario aveva bisogno, oltre che dell’approvazione dei più convinti, anche della passività degli indifferenti. Nulla doveva sfuggire alla sorveglianza delle varie polizie: chiunque deviasse dal comune sentire fascista poteva incappare nelle strette maglie della repressione, con effetti di deterrenza irradiati ben oltre la cerchia delle persone indagate65. Nella realtà scrutata dalla rete di informatori e fiduciari a disposizione della Polizia Politica e dell’OVRA finirono dunque gli antifascisti così come i detentori di un contegno verbale irrispettoso verso i pubblici poteri e le alte cariche dello Stato, i semplici cittadini sorpresi a commentare in modo sfavorevole le imprese e la politica del regime, casi marginali e “classi pericolose”, fino ad arrivare alla condotta dei gerarchi del PNF e di varie personalità pubbliche. Qui lo sguardo resterà circoscritto alla popolazione delle borgate e delle strutture di ricovero temporaneo presenti nella capitale, al cui interno è avvertibile una gamma di posizioni piuttosto larga, che va dal consenso attivo al regime al dissenso militante, sebbene sino al 1943 quest’ultimo fosse piuttosto esiguo e rappresentato da pochi individui.

36Ed è questo un primo punto su cui occorre chiarirsi. Episodi catalogabili nell’area dell’antifascismo organizzato furono praticamente assenti nelle borgate romane. Dall’esame delle carte di polizia emerge come gli unici quartieri di Roma in cui si svilupparono dei tentativi per riannodare le trame dell’organizzazione clandestina fossero quelli che si erano opposti al fascismo già prima del ’22, culla dei principali battaglioni rionali degli Arditi del Popolo, in cui non mancavano supporto logistico, indirizzi ritenuti affidabili, sostenitori e simpatizzanti: San Lorenzo, il triangolo Testaccio-Ostiense-Garbatella e la zona Valle Aurelia-Trionfa-le-Borgo. Tali sforzi assunsero un particolare rilievo in coincidenza della difficile congiuntura di inizio anni Trenta ed anche negli anni successivi non smisero mai del tutto di rappresentare una spina nel fianco del fascismo romano. Si trattava per altro di quartieri nei quali, oltre alla consolidata tradizione antifascista, un peso considerevole era esercitato dalla presenza operaia, legata alle realtà produttive locali.

  • 66 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione I, b. 32, Organizzazione comunista, rapporto 11 giugno 1933.
  • 67 Sui Castelli Romani, ivi, 1932, sezione I, b. 16; ivi, 1934, b. 40, Movimento comunista nei Castel (...)
  • 68 Ivi, 1930-31, b. 432.
  • 69 Ivi, rapporto della Questura del 27 dicembre 1931.
  • 70 Cfr. L. Piccioni, San Lorenzo. Un quartiere romano durante il fascismo, Storia e letteratura, Roma (...)

37Tra le cellule clandestine sgominate nel 1931-32 figurano quella ricostruita nel quartiere Testaccio e San Paolo66, l’organizzazione comunista dei Castelli Romani67 e quella che stampava e diffondeva il giornale clandestino “Lazio comunista”, formata in prevalenza da autisti e muratori provenienti da Trastevere, Celio, Trionfale68. Un’importante operazione era precedentemente stata compiuta ai danni di un’organizzazione comunista attiva nella diffusione di materiale clandestino e nella raccolta di somme per il Soccorso Rosso, ramificata in cinque settori: Garbatella, Portuense, Trionfale, Valle Aurelia, Porta Cavalleggeri69. San Lorenzo, come detto, era un altro quartiere difficile per il fascismo romano, dove coloro che in passato avevano mostrato tendenze comuniste, e non erano in pochi, venivano seguiti in modo ravvicinato dagli organi della PS70.

  • 71 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione I, b. 32, Organizzazione comunista, rapporto 11 giugno 1933 e n (...)

38Nel 1932 le indagini, i pedinamenti e gli arresti continuarono: in luglio fu scompaginata una cellula nata tra gli addetti dell’Atag, l’azienda governatoriale dei trasporti. I successivi tentativi, iniziati nell’agostosettembre del ’32, portarono alla formazione di un nuovo gruppo, partecipato anche da studenti e intellettuali, che cercò di radicarsi nei settori territoriali delimitati da tre zone: la prima comprendeva Testaccio, Porta Portese, Garbatella, San Paolo e Trastevere; la seconda San Lorenzo, Porta Maggiore ed Esquilino; la terza Trionfale, Borgo, Aurelia. Il gruppo fu disperso con gli arresti dell’aprile 193371.

  • 72 La borgata di Valle Aurelia, ovvero la Valle dell’Inferno, ne è forse l’esempio più tangibile. La (...)

39Le reti della cospirazione, quindi, non riuscivano a ramificarsi in modo capillare, molte zone della città rimanevano totalmente scoperte ed in esse la presenza antifascista era ristretta a singoli individui per lo più slegati tra loro e costretti di fatto all’inattività. Questa realtà era condivisa da molte borgate romane. Individuare i motivi che resero la presenza dell’antifascismo militante nelle borgate decisamente rarefatta sino al 25 luglio ’43, non è poi così difficile. La stragrande maggioranza degli abitanti delle borgate, soprattutto di quelle governatoriali, faceva i conti con uno stato di miseria assimilabile al pauperismo. Per molti si trattava di vivere alla giornata, di procacciarsi il necessario per sfamare sé stessi e la propria famiglia. In un simile contesto è facile immaginare che le ragioni della fame avessero il sopravvento su quelle della solidarietà di classe. Se questa accennava ancora a manifestarsi nei luoghi di lavoro, affratellando i detentori di interessi sociali comuni72, ciò era più difficile per i borgatari, un’alta percentuale dei quali, appartenente alla schiera del sottoproletariato urbano, non aveva un posto di lavoro fisso, un ulteriore e decisivo elemento da considerare. Gli episodi più rilevanti di cui si resero protagonisti i borgatari accusati di antifascismo e disfattismo sorsero proprio in contesti lavorativi.

  • 73 Ivi, 1937, b. 14E, Arresto di Materazzi Ferdinando, 18 dicembre 1937.
  • 74 Ivi, 1940, b. 17, f. 19, Comunista Caccianti Alessandro, 22 dicembre 1939; ivi, CPC, b. 922.
  • 75 Ivi, MI, DGPS, DAGR, 1940, b. 10F, sf. 4.
  • 76 Ivi, 1943, b. 45.

40Uno di questi capitò a Ferdinando Materazzi, operaio della Snia Viscosa abitante a borgata Gordiani. Critico sull’operato del Re e del Governo («Il Capo dello Stato non provvede al benessere di chi soffre ed altrettanto fa quel rinnegato di Mussolini»), venne accusato di svolgere opera demoralizzatrice e disgregatrice verso i nuovi operai, per averli messi al corrente dei pericoli alla salute provocati dal lavoro nei reparti antigienici. Ritenuto un antifascista, venne spedito al confino nel dicembre 193773. Sul posto di lavoro i borgatari comunisti ostentavano il fazzoletto rosso appeso al collo: ad Alessandro Caccianti di Primavalle costò il confino a Pisticci, poi commutato in ammonizione74. In essi nascevano controversie sindacali che rinfocolavano un malcontento che circolava diffuso tra gli operai di fabbrica, come nel caso degli addetti all’impresa A.R.C.O. di Pietralata, stabilimento meccanico dove si producevano caricatori per fucili mitragliatori, alle prese con le multe trattenute in busta paga75. Nell’unico sciopero, poi fallito, promosso alla Breda di Torre Gaia fu arrestato, insieme ad altri, Francesco Abiuso, operaio di Val Melaina, per «disfattismo politico e tentativo di turbativa dell’ordine pubblico»76. Il posto di lavoro, quindi, continuava ad essere il luogo in cui, più che altrove, potevano nascere e svilupparsi momenti di conflittualità più o meno organizzata o comunque meditata, anche se non riconducibile a un impegno politico di tipo militante.

  • 77 L. Saletti, I sorvegliati politici, in Liberi cit., p. 41. Al parere generalmente positivo espress (...)

41Si trattava però di un circolo vizioso, certi comportamenti non favorivano la conservazione del posto. Se godere di cattiva fama politica e morale complicava non poco le cose sul versante assistenziale, altrettanto difficile, se non proprio vana, diventava la ricerca di un lavoro. Basti pensare al fatto che furono molti i sovversivi che, a partire dalla fase di stabilizzazione politica del regime, fecero istanza ai commissariati di zona per ottenere la propria cancellazione dalle liste dei sorvegliati politici, se non addirittura per richiedere la tessera del PNF, al fine di aumentare la possibilità di trovare un impiego77.

42La permanenza in borgata inoltre spesso era vissuta come di passaggio, sebbene poi si rivelasse piuttosto un domicilio stabile. Il desiderio di fuggirvi, specie per quelle formate da baracche, doveva essere diffuso e l’approfondimento di un sano rapporto di vicinato ne risentiva. Le borgate non avevano tradizione politica, nate com’erano da pochi anni ed in pieno periodo fascista; soprattutto, in borgata vigevano rapporti sociali mediati dal bisogno. Non sempre c’era lo spazio per coltivare amicizie e valori altruistici, i legami erano piuttosto fragili, le scelte condizionate dalla necessità di dover “svoltare” la giornata. Ciò alimentava comportamenti poco cristallini se non proprio intorbiditi dal particolare stato di miseria di cui i borgatari erano afflitti e a cui erano in qualche modo asserviti. Proprio per questo il rischio della delazione, presente ovunque, in borgata era rafforzato, un dato di cui forse tenevano conto anche i sovversivi di professione.

43Nelle borgate, dunque, di antifascisti convinti, impegnati nell’attività politica vera e propria e pronti per essa a rischiare la galera, non ce n’erano molti. Tra questi vanno ricordati Filippo De Cupis, meccanico nato a Roma, vigilato sin dagli anni Venti per la sua partecipazione al movimento degli Arditi del Popolo. Trovato più volte in possesso di stampa sovversiva e ritenuto un agitatore, venne assegnato nel dicembre 1926 a cinque anni di confino, poi ridotti a tre, trascorsi nella colonia di Lipari.

  • 78 ACS, CPC, 1649.

44Dopo varie condanne per aver contravvenuto alle misure disciplinari e una volta libero, si trasferì a Tivoli, poi al dormitorio di via del Falco, infine nel luglio ’34 nella borgata di Tor Marancia, dove continuò la sua tenace attività di antifascista. Nel 1938 venne compreso nell’elenco delle persone pericolose da arrestare in determinate circostanze (categoria 3) «perché ritenuto capace in caso di turbamento dell’ordine pubblico di organizzare, dirigere, prendere parte ad azioni delittuose collettive». Il 30 giugno 1940 venne per questo tradotto a Ventotene per disposizioni del superiore Ministero, da dove fece ritorno nel marzo ’43 a seguito di un “atto di clemenza” del Governo, sottoposto ai vincoli dell’ammonizione e definitivamente prosciolto in agosto, seppur ancora vigilato78.

  • 79 Ivi, 1800, Di Giuseppe Massimo. Cfr. anche ivi, MI, DGPS, DAGR, 1939, b. 15.

45Impegnato in riunioni e in raccolte di fondi a favore di confinati politici era invece Massimo Di Giuseppe, alloggiato a Pietralata, fattore che non gli impedì di rimanere in contatto con un gruppo di antifascisti di San Lorenzo, tra cui Renato Gentilezza, comandante del battaglione degli Arditi del Popolo di San Lorenzo nel 1921. Costoro tenevano abitualmente degli incontri che, secondo le fonti di polizia, avevano lo scopo di «tenere desto lo spirito sovversivo dei convenuti, scambiarsi le opinioni sui fatti del giorno» e dove «si commentavano anche le notizie pubblicate da giornali antifascisti stranieri»79. Gli incontri raggruppavano gli antifascisti per affinità di mestieri (elettricisti, meccanici, fabbri) e “a scaglioni”, ognuno dei quali rappresentava un anello di congiunzione a livello di zona: tali erano l’officina di via dei Marsi n. 1 in cui lavorava il comunista Giuseppe Mattiocco, un’osteria sita in via degli Equi, un’altra all’Esquilino e una terza alla borgata Marranella. Assegnato al confino Mattiocco, l’attività del gruppo si concentrò nella raccolta di fondi in suo favore e di un altro confinato. I partecipanti alle riunioni, in tutto una decina di persone, vennero arrestati e confinati. Di Giuseppe, ritenuto «elemento pericoloso all’ordine sociale», fu inviato nella colonia di Mangone (Cosenza) per due anni, fino al novembre 1941.

  • 80 Ivi, DGPS, DAGR, 1939, b. 15, Questura di Roma, 21 settembre 1939.
  • 81 Ivi, 1937, b. 8, Questura di Roma, 29 maggio 1937.

46Abitanti di borgate erano anche Rodolfo Antonelli, di Tor Marancia, qualificatosi per “socialista irriducibile” ma colto in arresto e confinato solo perché in una conversazione sulla guerra dichiarò di parteggiare per la Francia80, oppure Cesare Stampanoni, di Sette Chiese, anch’egli socialista schedato, ex segretario della Federazione Nazionale dei Lavoratori Marittimi, diffidato per aver dichiarato che il PNF non rappresentava lo Stato a un fascista che lo aveva notato in “atteggiamento sospetto” in una trattoria81. Costoro tuttavia, pur mantenendo con coerenza le proprie idee, avevano ormai abbandonato ogni tipo di attività e non davano “particolari rilievi nella condotta politica”, secondo il formulario di rito presso i commissariati di polizia. Dunque, non di dissenso militante si trattava, piuttosto di singoli individui rimasti antifascisti ma incapaci di nuocere e rappresentare un vero pericolo per il regime.

  • 82 Tra essi, gli organizzatori della cellula San Paolo-Testaccio, Ruggero Favilla e Spartaco Proietti (...)
  • 83 Cfr. G. Rivolta, I “ribelli” di Testaccio, Ostiense e Garbatella, in Cesp-Cobas, C.d.Q.
  • 84 I sorveglianti erano tenuti a riportare ai superiori le conversazioni pericolose udite tra gli osp (...)
  • 85 E ciò che accadde ad Attilio Fefè, disoccupato moroso abitante negli Alberghi che, alla vista del (...)
  • 86 Due abitanti degli Alberghi, in fila davanti all’ufficio assistenziale in via Bucimazza, udite le (...)

47Un caso a parte era quello degli Alberghi della Garbatella. In essi forte era la presenza di sovversivi noti alle pubbliche autorità, molti dei quali veri e propri agitatori e organizzatori di attività antifasciste82. Negli Alberghi, la disposizione di camere e scale d’accesso rendeva più semplici i compiti di sorveglianza, motivo per cui spesso ci finivano i sovversivi acclusi nell’elenco delle persone da arrestare in determinate circostanze – redatto nel 1933, composto da tre diverse categorie di pericolosità e costantemente aggiornato – oppure gli ex confinati rientrati in città e sottoposti a speciale vigilanza83. Non si trattava quindi di luoghi in cui l’agibilità politica fosse sicura, al contrario: negli Alberghi anche i muri avevano orecchie84. Le tensioni che si generavano con i militi della milizia per questioni inerenti il pagamento dell’affitto, con molta facilità si risolvevano con un provvedimento di polizia ai danni di chi provava a protestare85. Negli Alberghi non mancavano i delatori, le cui denunce si traducevano in arresti e comparizioni davanti al Tribunale Speciale86.

  • 87 Ivi, b. 328, Questura di Roma, 16 marzo 1931.

48E pur vero però che in essi nacque una delle rare agitazioni collettive, sventata sul nascere, cui presero parte famiglie di sfrattati nel corso dei primi anni Trenta87.

49Sebbene nelle borgate l’antifascismo organizzato fosse praticamente assente e sporadica era la presenza di singoli individui che continuavano a svolgere attività politica contraria al regime, ciò non vuol dire che l’intera popolazione borgatara fosse di sentimenti ad esso favorevoli. Manifestazioni di dissenso generico erano all’ordine del giorno e traevano spunto dalle difficili condizioni economiche senza però riuscire ad incanalarsi in forme organizzate o dall’impatto politico.

  • 88 Ivi, 1937, b. 14E, Questura di Roma, 21 dicembre 1937.

50Col fascismo i poveri persero persino l’effimero diritto di lamentarsi della propria condizione. Si configurò, infatti, una repressione simile a una vera e propria criminalizzazione sociale della povertà. Numerosi sono gli episodi che fanno bene intendere quale fosse il livello di sopraffazione esercitato sui più deboli, a volte colpevoli soltanto di recriminare sulla miseria vissuta. Emblematico il caso di due erbivendoli di borgata Gordiani, Donato Cresta e Antonio Simonetti, sorpresi una mattina all’alba da un fascista nel proferire la frase: «Mussolini ha voluto mettersi in ballo nella Spagna, invece di pensare che noi si muore di fame». Portati nella caserma dei carabinieri di Torpignattara, i due negarono le accuse ma confermarono appieno il loro stato d’animo, dichiarandosi stanchi di vivere raccogliendo cicoria. Vennero arrestati e sottoposti a vigilanza88.

  • 89 L. Casali, E se fosse dissenso di massa? Elementi per un’analisi della “conflittualità politica” d (...)
  • 90 Alcuni esempi: Pietro Rosa, manovale di Pietralata, arrestato il 13 marzo 1939 perché rivolto ad u (...)

51Qualificare per antifascismo questi atteggiamenti appare senz’altro azzardato ma, come ha scritto Luciano Casali, è lecito collocare questa tensione sociale in “una fascia intermedia” di saldatura tra gli antifascisti attivi e il regime reazionario di massa89. Anche per questo i provvedimenti comminati nei confronti di chi si rendeva colpevole di un mugugno dal contenuto antifascista assumevano una gravità e una sproporzione che oggi ci appare inaudita. Una semplice ed innocua frase offensiva nei confronti di Mussolini poteva costare il confino, specie se il colpevole era privo di particolari benemerenze e risultava essere di bassa estrazione sociale90.

  • 91 La natura fortemente omogenea di queste fonti, nel caso specifico dei rapporti prefettizi, ha spin (...)
  • 92 In particolare Sestilio Gamboni risultava schedato sin dal 1925 come “elemento scaltro e pericolos (...)

52Lo spoglio dei fascicoli della PS permette di individuare una casistica di episodi che si ripetono con costanza al punto da poter essere campionati91. Molti, ad esempio, sono gli italiani colti in fallo per aver cantato strofe di inni comunisti, come Bandiera Rossa. A Sestilio Gamboni e Leo Bartocci, entrambi di Pietralata, l’iniziativa canora avvenuta per le strade della borgata costò il confino, anche perché l’esito della perquisizione avvenuta nell’abitazione di uno dei due confermò il fatto che fossero di idee socialiste92.

  • 93 Ivi, 1939, b. 15, Questura di Roma, 20 dicembre 1939.

53Come “antifascismo da osteria”, invece, possono essere etichettati tutti quegli episodi nei quali la causa scatenante di grida sovversive o offensive verso le alte cariche dello Stato fu l’ebbrezza alcolica. Con questo non si intende affatto sminuire il significato di queste storie, che videro nei membri delle classi povere gli attori principali. Se da sobri costoro riuscivano a mantenere il contegno necessario a non incorrere in problemi di sorta, il malessere che serpeggiava nelle loro vite veniva fuori in modo incontrollato nei momenti di ubriachezza. Addirittura deliri di rivalsa possono ritenersi quelli di Guglielmo Tocchetti, manovale disoccupato, di stanza nel dormitorio di Primavalle, sorpreso sull’autobus 236 in discorsi antifascisti al cospetto di un caposettore del fascio locale. Visibilmente alticcio, l’uomo confessò di appartenere ad una fantomatica associazione sovversiva che contava 4500 iscritti a Trastevere, 7800 a San Lorenzo e altri 7000 a Primavalle. Con un passato da delinquente comune, già assegnato alla colonia agricola dell’Asinara, Tocchetti fu inviato al confino93.

  • 94 Ivi, 1942, b. 22, sf. 21.

54A metà strada tra l’antifascismo da osteria e un dissenso più strutturato, ma non militante, può collocarsi quello che univa i cosiddetti “disfattisti di Pietralata”. Si trattava di un gruppo di otto-dieci borgatari, quasi tutti muratori che, soprattutto il sabato e la domenica, era solito riunirsi nell’osteria di via Feronia 25 per intavolare discussioni sull’andamento della guerra, rese vivaci dalla mescita del vino: nessuno del gruppo, secondo la polizia, si augurava la vittoria italiana. La costanza con cui avvenivano gli incontri, insieme al fatto che gli stessi partecipanti si facevano promotori di critiche serrate ai bollettini di guerra per le strade della borgata, lascia intendere che il gruppo fosse comunque ispirato ad una comune visione politica. Non si trattava di una vera e propria cellula antifascista: la scelta di un luogo poco sicuro, retto da un tesserato al PNF dal 1923, dimostra che le intenzioni del gruppo non fossero chissà quanto serie; eppure è evidente lo scarto con altri interventi nei confronti di vociferatori e disfattisti isolati: le indagini, svolte dal commissariato di PS di Sant’Ippolito e terminate con l’invio al confino di otto persone, furono meritorie di un congruo compenso per i funzionari che le eseguirono e di un encomio agli agenti utilizzati94.

55Nelle carte di polizia, oltre al dissenso generico è riscontrabile il consenso aperto fornito al regime, che albergava anche tra i borgatari. Si tratta di una realtà poco indagata che contrasta con la visione tradizionale che tende a descrivere le borgate come i luoghi di un antifascismo metastorico. Denunce e deposizioni diffamatorie rappresentano l’altra faccia di quei comportamenti in cui è ravvisabile, se non un antifascismo di tipo politico, perlomeno una schietta e genuina repulsione verso l’autorità, caratteristica proverbiale della cultura dei ceti subalterni.

56Numerosi sono gli accadimenti che testimoniano questa contraddittorietà, nei quali dissenso e consenso si scontrano, rendendo manifesta una realtà più sfaccettata. In molti di essi è la presenza di un milite della milizia, di un graduato, di un tesserato del PNF a fare da catalizzatore: una volta accesa la miccia, causata da un litigio o da una provocazione, chi assiste alla scena si trasforma in un “teste” che, chiamato in causa o spontaneamente, compie una scelta di schieramento, a favore o contro il denunciato. È chiaro che dietro una delazione o una deposizione, come si vedrà in alcuni casi esaminati, può nascondersi un interesse o più semplicemente la volontà di non apparire maldisposti nei confronti del regime; la “sincerità” di quello che si è chiamato “consenso aperto”, dunque, va sempre presa con una certa cautela.

  • 95 Ivi, 1938, b. 6, fonogramma del 2 giugno 1938.

57La rassegna di questi episodi, selezionati tra molti, può cominciare con un disegno raffigurante Mussolini apparso su un fabbricato di Tiburtino III, fatto con l’intento di esaltarne la figura, come dimostra la scritta “W il Duce”. Passarono poche ore e il disegno venne deturpato. La figura del duce, con barba e pipa rossa, era ridotta ad una caricatura, prontamente denunciata dal portiere dell’Ifacp95. Le indagini portarono al fermo dell’autore del primo disegno, la cui posizione fu presto chiarita. È un fatto banale, ma nel quale sono avvertibili entrambi gli aspetti accennati.

  • 96 Ivi, 1941, b. 17, Questura di Roma, 12 agosto 1941. Qualcosa di simile capitò all’imbianchino Amed (...)

58Non privo di conseguenze invece il dissidio avvenuto in un’osteria di Pietralata tra il selciarolo Luigi Galeotti, detto il “diavolo zoppo”, e gli astanti che giocavano a carte. Il dissidio, maturato nella fattispecie a seguito di una frase («voi fascisti siete tante spie e io me ne vanto di essere un sovversivo») sembra celare qualcosa di più profondo: cinque abitanti della borgata testimoniarono contro il Galeotti, (un soldato, un fornaio, un barbiere, un tabaccaio, un muratore) in quello che sembra essere un atto d’accusa meditato e mirato ai danni di un «elemento noto nella borgata per i suoi sentimenti antifascisti», punito con l’invio nella colonia di Pisticci. A Pietralata, quindi, non sempre chi ostentava estraneità al fascismo aveva vita facile, il rischio di vedersi accerchiati da un certo conformismo era presente anche in borgata96.

  • 97 La donna disse: «Vai a fare in culo te, Mussolini, la Fiduciaria e quello che viene oggi», cioè il (...)
  • 98 In cinque testimoniarono contro la donna, in tre a favore, tutti abitanti di Tiburtino III. La mal (...)

59Il conflitto tra questa sorta di spontaneità dissenziente e coloro che accettavano e rispettavano le istituzioni e i precetti fascisti al punto da far incriminare chi non lo faceva, si sviluppò nelle altre borgate con analoghe modalità. Alcuni esempi: a borgata Gordiani due donne, insultate da una terza, si rivolsero all’ufficio esattoriale dell’Ifacp provocandone la diffida97; a Tiburtino III, la veemenza con cui una donna si rivolse ad un milite della MVSN con varie ingiurie e la frase: «voi che indossate la camicia nera siete tutti sfruttatori del popolo» divise la borgata tra testimoni in favore della donna ed altri che sostennero il milite98.

  • 99 Ivi, 1943, b. 44, Questura di Roma, 16 luglio 1943.

60Nella stessa borgata altri due casi meritano un accenno. Quello riguardante l’infermiera dell’ambulatorio della borgata, iscritta al PNF, accusata di pronunciare nel corso delle visite domiciliari frasi disfattiste e antifasciste con la disinvoltura di chi «non [temeva] la delazione». A farlo furono due donne di Tiburtino III, madre e figlia, ma ciò che stupisce è che la vicenda risale al luglio 1943, quando lo scollamento tra italiani e regime era ormai conclamato99.

61Rovesciata di segno, invece, appare la delazione su Giuseppe Quaresima, portiere Ifacp di Tiburtino III e iscritto al PNF dal 1922, accusato da tre persone domiciliate nella borgata di parlare male dell’andamento della guerra e di parteggiare per le potenze nemiche, fatti confermati da altri quattro testimoni e che portarono all’ammonizione dell’incolpato.

  • 100 L’istanza era corredata da un foglio di firme raccolte tra gli abitanti della borgata che riconosc (...)

62Al rapporto del questore è allegata un’istanza redatta dalla moglie del portiere che, per scaricarlo dalle sue responsabilità, scrisse: «data la sua autorità sugli inquilini egli li aveva più volte, quando mancavano ai loro doveri, severamente redarguiti e per tale motivo si era accattivato l’odio di diversi che non si sono fatti scrupolo di dichiarare il falso»100.

63Nei confronti del portiere, quindi, si sarebbe compiuta una sorta di resa dei conti, in cui gli esecutori non esitarono ad utilizzare gli stessi strumenti dei quali, probabilmente, furono vittime in passato.

  • 101 Ivi, 1937, b. 8, Questura di Roma, 2 ottobre 1937.
  • 102 Ivi, Questura di Roma, 14 agosto 1937.
  • 103 Ivi, 1942, b. 41, sf. 50, Questura di Roma, 26 febbraio 1941.

64L’ampio e sistematico ricorso alla delazione conteneva in sé tali storture: divenne un modo come un altro per attuare vendette personali. Numerosi i casi di ritorsione che avvenivano tra conoscenti, familiari, amanti, ulteriore dimostrazione di una certa fragilità dei rapporti sociali. Così un uomo di borgata Gordiani venne indicato in una lettera anonima scritta dall’amante come un temibile cospiratore rivoluzionario, gesto che portò alla diffida di lei e alla vigilanza di lui101. I cattivi rapporti familiari spinsero invece un altro, domiciliato nella borgata Prenestina, a denunciare il suocero della propria figlia per antifascismo, accuse rivelatesi infondate102. Come quelle mosse da una donna di Pietralata a carico del marito, una denuncia particolareggiata cui fece seguito l’ammissione di aver agito esclusivamente per far punire il congiunto, con il quale i rapporti erano da tempo divenuti problematici103.

  • 104 Ivi, 1937, b. 14E, Questura di Roma, 29 maggio 1937.
  • 105 Ivi, 1939, b. 25, sf. 54.

65Altri casi avevano una matrice tutta economica, legata all’incertezza delle prospettive lavorative e di vita. Una scritta sulla sede della Federazione giovanile di Val Melaina (“Abbasso il duce”) si spiegò, ad esempio, come il gesto disperato di un uomo che in quella sede lavorava come usciere, il quale, dopo il licenziamento, pensò con quella scritta di riottenere il posto di lavoro, facendolo perdere al sostituto104. Simili le circostanze che portarono un certo Strino, impiegato in pianta stabile in una scuola governatoriale di Primavalle, a denunciare per antifascismo un avventizio che, senza avere la sua anzianità di servizio, godeva gratuitamente di un appartamento della borgata105.

  • 106 Cfr. G. De Luna, M. Revelli, Fascismo antifascismo. Le idee, le identità, La nuova Italia, Firenze (...)
  • 107 Per scrivere queste pagine sono stati consultati tutti i fascicoli della PS relativi alla provinci (...)

66La querelle sul consenso, è bene ricordarlo, non può essere certo sciolta da un’analisi di tipo quantitativo106. Rilevare tutti gli episodi riguardanti gli abitanti delle borgate e dei dormitori, incasellandoli come indicatori di dissenso o consenso tenendo conto delle diverse sfumature interne a tali atteggiamenti, può essere anche utile, ma alla fine i numeri non potrebbero che dare risposte congetturali. Non tutte le espressioni di dissenso sono registrate dalle carte di polizia, mentre non sempre le informazioni a disposizione degli organi di pubblica sicurezza coinci dono con la rappresentazione di sé che hanno i soggetti vigilati107.

67L’intento di queste pagine d’altronde non è tanto quello di dimostrare quanto appoggio avesse il fascismo nelle borgate, quanto semmai di rappresentare le forme in cui avvennero certe manifestazioni di estraneità o consenso al regime, capirne il contesto, per meglio mettere a fuoco gli elementi chiave all’origine di alcuni comportamenti. Ad imporsi in tutta la sua evidenza è la condizione di disagio economico che fa da discrimine tra le varie opzioni di scelta, essendo il fattore di indubbia rilevanza che condizionava i comportamenti individuali.

  • 108 F. Gramsci, Fondo PCI, 1948, n. c., b. 9, f. 4, Verbali Federazione romana, intervento di Brandani (...)

68E sarà centrale anche per la storia politica successiva. Dopo la Resistenza, in cui si assistette a un protagonismo per alcuni versi spontaneo o comunque poco controllato dalle forze politiche interne al CNL, nelle borgate si consolidò il peso del PCI, ma non lungo un tragitto lineare, né privo di difficoltà. Se delle borgate si mettevano in risalto quelle caratteristiche che le portavano ad «esplodere improvvisamente a favore o a sfavore», allo stesso tempo esse richiedevano lo studio di forme organizzative diverse da quelle dei quartieri popolari e del centro, dove, affermava Mario Brandani in una riunione della segreteria della Federazione romana del PCI, «l’organizzazione regge di più», e questo a causa della stratificazione sociale di sottoproletariato esistente nelle prime. Le condizioni economiche dei borgatari rendevano problematico anche il tesseramento, al quale contribuivano le sezioni del centro con campagne d’aiuti108. D’Onofrio ammonì severamente il partito di non avere una politica nelle borgate, dove non si svolgeva un’azione costante. Osservò poi che alcune di esse si trovavano all’avanguardia, altre alla retroguardia.

  • 109 Ivi, n. c., 2.4, intervento di D’Onofrio al Comitato Federale del 6 ottobre 1948.

alcune sono agglomerati stabili sorti prima e con una popolazione legata alla produzione della città, altre sono sorte dopo con una popolazione raccogliticcia, meno legata alla città e in cui domina il sottoproletariato.Occorre studiare meglio la situazione delle borgate109.

  • 110 F. Gramsci, Fondo PCI, 1948, n. c., b. 9, f. 4, Verbali Federazione romana, intervento di D’Onofri (...)

69Nel contesto della borgata il militante del PCI non si discostava in nulla rispetto al resto della popolazione, per cui i problemi che lì si vivevano toccavano i suoi interessi personali più di quanto succedeva in altre zone. In esse il PCI non disdegnava affatto di contendere alla DC il ruolo di punto di riferimento assistenziale e morale, anche attraverso il dispiegamento di un’azione di tipo demagogico110. La particolare composizione sociale presente nelle borgate fu dunque all’origine di non pochi problemi politici anche per il partito cui più tardi e per lungo tempo arrisero i maggiori consensi degli abitanti delle periferie romane. Ma le libertà politiche a quel punto erano state ripristinate e, sebbene le aspettative non sempre coincisero coi risultati, lo spazio per un intervento quotidiano con cui risollevare la sorte delle borgate si era finalmente aperto.

Notes

1 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1930-31, b. 328, Disoccupazione e Provvedimenti per la disoccupazione e l’indigenza.

2 A. Santori, La politica sociale del Governatorato, in L’economia italiana tra le due guerre 1919-1939, Ipsoa, Milano 1984, p. 512.

3 Dell’apertura di un vero e proprio Ufficio di Assistenza fa cenno la relazione di Cocchia in ACS, MI, DPGS, DAGR, 1933, sezione II, b. 55, Relazione sui servizi assistenziali, dicembre 1933. Lunghi elenchi di famiglie bisognose e casi disperati composti dalla Questura di Roma e girati alla Federazione dell’Urbe in ivi, 1930-31, b. 328, Segnalazioni Federazione dell’Urbe, nonché nella busta sopra citata.

4 Ivi, Roma-Opere Assistenziali, 13 dicembre 1931. Al finanziamento delle opere assistenziali nella capitale, oltre ai fondi della Federazione romana e alla somma di 80.000 lire versata dal prefetto e pervenuta da spontanee elargizioni, avrebbe contribuito il Consiglio Provinciale di Economia Corporativa con un milione di lire, la cui delibera di approvazione si attendeva per la settimana successiva.

5 S. Inaudi, A tutti indistintamente. L’Ente Opere Assistenziali nel periodo fascista, Clueb, Bologna 2008, pp. 62-65.

6 In un rapporto del febbraio 1933 al capo della polizia, il questore di Roma, Cocchia, fece notare che «le condizioni economiche e morali della popolazione disoccupata o comunque bisognosa, si mantengono stazionarie e lo spirito dei senza lavoro non si rivela molto preoccupante nei riflessi dell’ordine pubblico perché, pur se un certo malumore serpeggia contro gli organi sindacali di collocamento, si nutre in genere fiducia nell’opera e nell’intervento degli organi assistenziali», ACS, MI, DGPS, 1933, sezione II, b. 54, Disoccupazione, 4 febbraio 1933.

7 Per i disoccupati contrari al regime recarsi presso i Gruppi rionali a ricevere assistenza era un boccone amaro da ingoiare, cui però in pochi riuscivano a sottrarsi. Nel gennaio 1933 un gruppo di operai a lungo disoccupati, si recarono dapprima al collocamento e successivamente in Prefettura e presso gli uffici sindacali per reclamare lavoro. In cinque furono fermati e trattenuti 24 ore per accertamenti. Stando al rapporto del segretario federale Nino D’Aroma al capo della polizia Bocchini, i fermati «essendo dei sovversivi» non volevano usufruire dell’assistenza del Gruppo rionale fascista, «dichiarandola umiliazione, tanto alla Prefettura quanto allo stesso Commissariato di PS di Testaccio», ivi, Personale del 12 dicembre 1933.

8 L’elenco delle località in cui avevano sede i 24 Gruppi rionali fascisti e i 28 Fasci suburbani compare nel “Messaggero”, Come il fascismo romano risponde alle direttive del Duce, 17 dicembre 1931.

9 La Befana fascista, in generale la distribuzione di pacchi dono durante le festività natalizie, è citata dal questore di Roma come iniziativa «vivamente apprezzata» e che costituiva un «motivo essenziale di attaccamento al Regime», ACS, MI, DGPS, DAGR, 1941, b. 56, Relazione 1 febbraio 1938.

10 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., p. 449.

11 “Il Popolo di Roma”, Un anno di intensa attività, 30 ottobre 1936.

12 S. Inaudi, A tutti indistintamente, cit., p. 168. Sul ruolo delle donne nel regime fascista e sul loro inquadramento nei Fasci Femminili, P. Dogliani, L’Italia fascista 1922-1940, Sansoni, Milano 1999, pp. 97-104; Id., Il fascismo degli italiani cit., pp. 75-79; V. De Grazia, Le donne nel regime fascista, Marsilio, Venezia 1993; C. Saraceno, Costruzione della maternità e paternità, in A. Del Boca, M. Legnani, M. G. Rossi, Il regime fascista. Storia e storiografia, Laterza, Roma Bari 1995, pp. 475-497. Una rassegna sulle ricerche riguardanti la condizione femminile durante il ventennio venne effettuata negli anni ‘80 da M. Fraddosio, Le donne e il fascismo. Ricerche e problemi di interpretazione, in «Storia contemporanea», XVII, 1986, n. 1, pp. 95-135. Una copia dello Statuto dei Fasci Femminili in ACS, SPD, C.O., 509.006.

13 Santori, La politica sociale del Governatorato cit., p. 512; cfr. anche “Il Messaggero”, L’opera di assistenza progettata e svolta dalla Congregazione di Carità, 4 maggio 1929.

14 Corner, Fascismo e controllo sociale cit., p. 396.

15 G. Parlato, La mobilitazione delle masse e l’Ond, in L’economia italiana tra le due guerre cit., pp. 193-195; De Grazia, Consenso e cultura di massa nell’Italia fascista cit.

16 Un esempio in tal senso può venire dalle disposizioni emanate dalla Direzione Generale dell’Ifacp. Al personale dipendente venne fatto «obbligo di mobilitazione per adunate dirette ad integrare le cognizioni militari, politiche, professionali culturali e sportive del cittadino». Le iniziative, svolte nella sede del Dopolavoro, prevedevano l’obbligo di firmare il foglio di presenza, Ater, Ods, 1935, n. 18, Sabato fascista, 5 luglio 1935.

17 “Il Popolo di Roma”, La intensa attività del Dopolavoro nell’Urbe, 9 dicembre 1936.

18 Saraceno, Costruzione della maternità e paternità cit., p. 492. Lo statuto dell’ente in ACS, MI, Direzione Generale Servizi civili Ipab di Roma, b. 110, ONMI, Statuto, 1924.

19 “Il Messaggero”, Dodici Case della Madre e del Bambino sorgeranno in periferia, 23 novembre 1941; per ulteriori dati sull’attività dell’ONMI a Roma, ivi, L’intensa attività svolta dalla Federazione e dal comitato dell’ONMI, 9 luglio 1942; Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., p. 437.

20 Il tema è stato approfondito da D. Preti, La modernizzazione corporativa (1922- 1940). Economia, salute pubblica, istituzioni e professioni sanitarie, Franco Angeli, Milano 1987.

21 M. L. D’Autilia, Caratteri strutturali: imprese, amministrazione pubblica, assistenza, in «Roma moderna e contemporanea», XI, 2003, n. 3, pp. 393-395.

22 Cfr. E. Sonnino, M. R. Protasi, R. Rosati, Aspetti demografici, sanitari e territoriali di Roma dal 1870 al 1940, in «Roma moderna e contemporanea», VII, 1999, n. 1/2, pp. 21-23.

23 “Il Popolo di Roma”, Dieci anni di lotta antitubercolare, 23 dicembre 1936.

24 Sonnino, Protasi, Rosati, Aspetti demografici cit., p. 41. Nella clinica pediatrica romana la quota di bambini assistiti passò da 4,96% del 1940 al 12,18% del 1944.

25 R. Ricci, L’assistenza sociale in Roma, in Atti del II Congresso Nazionale di Studi Romani, II, 1931, p. 654.

26 Cfr. F. Bestini, Il fascismo dalle assicurazioni ai lavoratori allo Stato sociale, in Lo Stato fascista cit., pp. 177-313.

27 Nella relazione del 3 gennaio 1933, il questore Cocchia rendicontava sul numero di rimpatri effettuati nel 1932 ai danni di elementi estranei «immeritevoli [di] benefici», quantificato in 7683, ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione II, b. 55, Assistenza – relazione giornaliera, 3 gennaio 1933.

28 Ivi, 1941, b. 56, Rapporto sulla situazione politico-economica della provincia, 11 aprile 1937.

29 Ivi, SPD, C.O., 500.031-2, Sussidi elargiti in occasione di Natale e Capodanno, 4 dicembre 1932.

30 Ivi, 500.031-1 e 500.031-6, Sussidi di beneficienza elargiti dalla SPD in occasione di ricorrenze varie.

31 Ivi, 500.030, Sussidi elargiti dal Duce nel corso di viaggi e visite.

32 Ivi, 516.421, Bonifica pigioni arretrate a famiglie aventi 4 o più figli a carico.

33 L’elargizione di sussidi era fonte di risentimento in chi se ne sentiva escluso; un esempio, tra tanti, quello di una donna, Assunta Recchia, che rifiutò il trasferimento alle casette di Primavalle; di fronte all’opera di convincimento degli agenti dell’ufficio PS di S. Paolo, gridò: «Possono ammazzarlo a Mussolini, a chi da tanti sussidi e a chi niente, a me non ha dato mai niente», frase che le costò l’arresto, ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione I, b. 14, Arresto di Recchia Assunta, 18 gennaio 1933.

34 Ivi, SPD, C.O., 500.031-6, Sussidi in occasioni di sfratti, appunto del questore del 5 aprile 1942.

35 Dal 20 aprile al 10 dicembre 1942 furono 478 i contributi monetari erogati per impedire lo sfratto di altrettante famiglie, riassunti in 17 elenchi, ivi. I contributi, a carico della SPD e consegnati dalla Questura, erano accompagnati da un’avvertenza con la quale si chiariva che la concessione era fatta a titolo caritativo per le disagiate condizioni economiche del richiedente e che la Segreteria si sarebbe disinteressata dello sfratto, che rientrava nei rapporti privati tra inquilino e padrone di casa.

36 Cfr. L’Italietta fascista: Lettere al potere 1936-43, a cura di T. M. Mazzatosta, C. Volpi, Cappelli, Bologna 1980, citato in Dogliani, Il fascismo degli italiani cit., pp. 81- 83. Il legame diretto che si instaurò tra la gente comune e il duce per mezzo della SPD fu un fattore che senza dubbio contribuì al suo mito tra le masse, Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione cit., p. 126. La supplica al duce poteva anche far scattare accertamenti a carico dello scrivente, per verificarne le reali condizioni o in caso di sospettata truffa. Nel 1935, ad esempio, venne individuato un abitante di borgata Prenestina, autore di almeno 3 richieste di sussidio per conto di terze persone, ACS, SPD, C.O., 500.031-6, Roma – borgata Prenestina, 21 luglio 1935. Nell’aprile 1937 la Questura avviò delle indagini su 9 istanze dirette a Sebastiani, per assodare se fossero “redatte o consigliate da elementi dediti a speculare su tali attività”, ivi, 500.031-1. Controlli scattarono anche sul parroco di Tor Marancia, che richiese fondi per un asilo nella borgata, ivi, 530.959, Asilo a Tormarancio.

37 Da un’indagine fiduciaria del marzo 1934 condotta presso i Gruppi rionali, emerse come il servizio fosse espletato in locali fatiscenti e da personale poco idoneo. Sin dalle prime ore del mattino si formava la calca di fronte ai refettori e spesso accadeva che in molti tornassero a casa a mani vuote. In alcuni casi la refezione era distribuita in capannoni sporchi e sudici, lo stesso personale era “cencioso”, e svolgeva il servizio solo allo scopo di portare a casa gli avanzi delle consegne, unico compenso dell’opera prestata. Inoltre, molti fiduciari rionali furono additati come responsabili di appropriazioni indebite e scorrettezze, accuse che causarono l’apertura di indagini sull’attività amministrativa della Federazione romana , cfr. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900, pp. 449-450.

38 Inaudi, A tutti indistintamente cit., pp. 174-181.

39 In proposito cfr. i contenuti della circolare inviata ai prefetti, ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 44, f. 25293-35, ECA – attività assistenziale, dicembre 1938.

40 La lista dei settori cittadini e del suburbio in ivi, SPD, C.O., b. 1198, f. 509.628, Ods, A tutti i comitati di settore, 11 gennaio 1938.

41 Nel 1941 venne emanato un foglio di disposizioni che prescriveva l’intensificazione dell’attività svolta dai Fasci Femminili a favore degli ECA. L’apporto delle visitatrici fasciste come fautrici del collegamento tra gli enti di assistenza e il partito era ritenuto di alta importanza educativa e morale e avrebbe assicurato all’attività assistenziale una efficacia più immediata, ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 44, f. 25293-33, Fasci Femminili, Foglio di disposizioni del PNF, 12 luglio 1941. Queste indicazioni contraddicevano le riserve che pure erano state poste in alcune realtà italiane sull’operato dei Fasci Femminili in ambito assistenziale. A Torino, ad esempio, nel corso dei primi anni Trenta destarono aspre critiche da parte della popolazione povera per via del fatto che nello svolgimento del loro lavoro si recavano imbellettate oltremodo, esibendo eccessivo sfarzo. Nonostante si arrivò a dotarle di una apposita divisa, le critiche non cessarono. Probabilmente a non essere gradite erano le intrusioni casalinghe delle visitatrici fasciste, oltre alle decisioni che prendevano, cfr. S. Inaudi, A tutti indistintamente, pp. 98-99.

42 Tra le caselle di cui era composta la domanda di assistenza, compilate a cura della visitatrice, insieme alle domande attinenti lo stato di famiglia e la condizione economica, vi erano quelle che accertavano la presenza di ricoverati in sanatori e disoccupati in famiglia, di eventuali richiamati alle armi, delle benemerenze nazionali dei componenti, una casella intitolata “Situazione morale della famiglia” e un’altra “Condizioni igieniche e sanitarie”. Largo spazio era dato alle impressioni personali, annotabili nella casella “Altre notizie”. La domanda si arricchiva di volta in volta con le “Relazioni delle visite successive”. Una copia in ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 44, f. 25293-35, ECA.

43 Un’ispettrice del PNF, recatasi a Pavia, riscontrò che in pochi comuni veniva osservata la legge sugli ECA nella parte riguardante i compiti dei Fasci Femminili: «Solo in qualche Comune le Visitatrici sono incaricate delle visite domiciliari, in base alle quali esse possono esporre le proposte di assistenza: e in nessun Comune i buoni vengono affidati alle Visitatrici perché li portino alle case accompagnandoli con parole di fede e di conforto, come è nello spirito della Legge e nella espressa volontà del DUCE», ivi, f. 25293-33, Fasci Femminili, nota del prefetto di Pavia del 9 giugno 1943.

44 ECA, Circolari, settembre 1937-febbraio 1939, Appunto per le sedute del 19 corrente.

45 ACS, SPD, C.O., b. 1198, f. 509.628, Ods, A tutti i comitati di settore, 11 dicembre 1938.

46 Ivi, I nuovi Enti Comunali di Assistenza, Organizzazione dell’Ente Governatoriale di Assistenza.

47 La commissione per l’assistenza legale tenne la sua prima seduta il 22 novembre 1937, ECA, Ods, settembre 1937-febbraio 1939, 18 novembre 1937.

48 Ivi, Ordinanze, n. 32, 20 febbraio 1939; ivi, circolare n. 4 del 20 ottobre 1938.

49 Ivi, Ods, settembre 1937-febbraio 1939, 4 gennaio 1938.

50 Ivi, n. 12 del 19 gennaio 1938.

51 ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 44, f. 25293-35, ECA- attività assistenziale, circolare ai prefetti, dicembre 1938.

52 ECA, Ods, settembre 1937-febbraio 1939, n. 7 del 23 novembre 1938.

53 ACS, MI, DG Amministrazione Civile, Istituti di beneficienza, affari generali e per provincia, 1940-42, b. 43, f. 25293-3. Il fascicolo contiene grafici e tabelle che riassumono l’andamento del servizio svolto dall’Ente Governatoriale di Assistenza nella città di Roma.

54 Un promemoria della segreteria ECA inviato al commissario Stella del Comune di Roma il 4 febbraio 1947, riassume una parte della vertenza iniziata col Governatorato e continuata col Comune. Venuto a mancare il contributo governatoriale, l’EGA diede formale disdetta di gestione dei dormitori con lettera del 3 gennaio ’44, in cui si propose al Campidoglio l’ipotesi di una gestione diretta. La convenzione fu denunciata nuovamente con lettera del 13 maggio ’44, cui non seguì alcun riscontro. L’Ente comunale fu così costretto a proseguire la gestione dei dormitori senza i necessari fondi, acuendo i problemi di una situazione sociale resa già esplosiva dalla particolare congiuntura post-bellica. La Prefettura tentò una mediazione, ma a complicare la matassa già ingarbugliata subentrò l’occupazione di due padiglioni del dormitorio di Primavalle ad opera del Ministero dell’Assistenza post-bellica per favorire la sistemazione temporanea dei profughi. Le trattative si interruppero a seguito della circolare emessa dal Ministero dell’Interno n. 25292/3 del 3 agosto 1946: in base ad essa, gli ECA dovevano attenersi allo svolgimento di compiti di assistenza generica e temporanea, mentre i ricoveri andavano rimessi all’amministrazione del Comune. Il prefetto scrisse più volte al Comune invocando il rispetto della circolare ministeriale, senza ricevere risposte adeguate. Il resto della storia è sintetizzato in un altro rapporto redatto dal commissario straordinario ECA Barluzzi all’indirizzo del segretario generale del Comune, Caporali, datato 23 luglio ’49. L’ECA, presi accordi col prefetto, decretò in modo irrevocabile la definitiva cessazione del servizio con comunicazione del 30 novembre ’48 a decorrere dal primo gennaio 1949. Finalmente il Comune fece un passo avanti e propose le condizioni per rilevare i dormitori (lettera del 5 gennaio ’49). L’ECA continuò ad amministrare i dormitori per tutto il 1949, nel mentre si definivano le trattative col Comune. Aspetti controversi erano legati all’entità dei rimborsi (il costo annuale del servizio era ormai valutato intorno ai 14 milioni di lire) e all’assorbimento del personale addetto ai ricoveri. La gestione dei dormitori passò al Comune a partire dal primo agosto 1950 (nota del 9 agosto 1950). Per il periodo compreso tra il 1 maggio 1945 e il 31 dicembre 1949, nel quale l’ECA gestì il servizio suo malgrado e nonostante formale disdetta, la somma da rimborsare era di 48.404.900 lire, più un canone mensile di 1.190.000 per il periodo di gestione prolungata dal 1 gennaio 1950 al 31 luglio 1950 (nota del commissario Barluzzi del 4 agosto 1950). La documentazione citata fa parte delle carte non ordinate dell’ECA, Ufficio Protocollo, Dormitori Pubblici, posizione n. III-1-36, Corrispondenza.

55 Ivi, Affari generali del personale addetto ai dormitori, verbale della riunione del 21 marzo 1939.

56 Ibid.

57 A. Aquarone, Violenza e consenso nel fascismo italiano, in «Storia contemporanea», 1979, n. 1, pp. 145-155; A. Lyttelton, Fascismo e violenza: conflitto sociale e azione politica in Italia nel primo dopoguerra, ivi, 1982, n. 6, pp. 965-983; J. Petersen, Il problema della violenza nel fascismo italiano, ivi, pp. 985-1008; P. Nello, La violenza fascista ovvero dello squadrismo nazionalrivoluzionario, ivi, pp. 1009-1025.

58 De Felice, Mussolini il duce. I – Gli anni del consenso cit., p. 181, cit. in M. Canali, Repressione e consenso nell’esperimento fascista, in Modernità totalitaria. Il fascismo italiano, a cura di E. Gentile, Laterza, Roma Bari 2008, p. 181.

59 N. Gallerano, Il fronte interno attraverso i rapporti delle autorità (1942-43), in «Il movimento di Liberazione in Italia», 1972, n. 109, pp. 4-32; P. Melograni, Rapporti segreti della polizia fascista, Laterza, Roma Bari 1979; A. Riccardi, Aspetti della vita sociale a Roma alla vigilia della caduta del fascismo, in «Quaderni della Resistenza laziale», n. 7, Regione Lazio, 1978, pp. 133-160; Colarizi, L’opinione degli italiani sotto il regime cit.

60 M. Franzinelli, I tentacoli dell’OVRA. Agenti, collaboratori e vittime della polizia politica fascista, Bollati Boringhieri, Torino 1999; Id., Delatori, spie e confidenti anonimi: l’arma segreta del regime fascista, Mondadori, Milano 2001; D. Biocca, M. Canali, L’informatore: Silone, i comunisti e la polizia, Luni Editrice, Milano Trento 2000; M. Canali, Le spie del regime, Il Mulino, Bologna 2004.

61 P. Carucci, L’organizzazione dei servizi di polizia dopo l’approvazione del testo unico delle leggi di Pubblica Sicurezza nel 1926, in «Rassegna degli Archivi di Stato», XXXVI, 1976, n. 1, pp. 82–114; cfr. anche Verni, Il perfezionamento dello stato di polizia cit., p. 385.

62 P. Carucci, Arturo Bocchini, in Uomini e volti del fascismo, a cura di F. Cordova, Bulzoni, Roma 1980, pp. 63-103.

63 Articolo 181 del T.U. del 1931 (ex art. 184 del T. U. del 1926). Il numero dei confinati politici fu 13.050, A. Dal Pont e S. Carolini, L’Italia al confino. Le ordinanze di assegnazione al confino emesse dalle Commissioni provinciali dal novembre 1926 al luglio 1943, La Pietra, Milano 1983.

64 Le formule citate sono riprese dalla scheda di un ammonito politico, presso il Casellario Politico Centrale (CPC).

65 Canali, Repressione e consenso cit., p. 78. Esistevano almeno quattro diversi organi di vigilanza, che non vanno confusi fra loro: quella militare (SIM); quella di partito, formata dagli Uffici Politici Investigativi attivi presso le legioni della MVSN (UPI); la rete di Uffici Politici delle questure che diede luogo nel 1926 alla Divisione di Polizia Politica vera e propria presso la Direzione Generale di Pubblica Sicurezza; infine la misteriosa OVRA, capeggiata dal capo della PS, Arturo Bocchini, diretta da Guido Leto, suddivisa in dieci zone interprovinciali e specializzata nella repressione dei crimini antifascisti, cfr. G. Fabre, Le polizie del fascismo, in «Quaderni di Storia», 1990, n. 31, pp. 137-176.

66 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione I, b. 32, Organizzazione comunista, rapporto 11 giugno 1933.

67 Sui Castelli Romani, ivi, 1932, sezione I, b. 16; ivi, 1934, b. 40, Movimento comunista nei Castelli; ivi, 1935, b. 33C, Organizzazione comunista a Genzano; ivi, 1937, b. 51, Organizzazione comunista dei Castelli romani 1937; ivi, 1943, b. 43, Sovversivi di Genzano.

68 Ivi, 1930-31, b. 432.

69 Ivi, rapporto della Questura del 27 dicembre 1931.

70 Cfr. L. Piccioni, San Lorenzo. Un quartiere romano durante il fascismo, Storia e letteratura, Roma 1984; A. Staderini, La Federazione romana del PNF: uno strumento al servizio del totalitarismo, in Modernità totalitaria cit., p. 138 sgg. Sul sovversivismo latente di San Lorenzo: ACS, MI, DGPS, DAGR, 1930-31, b. 432, appunti del 12 settembre 1930 e 2 ottobre 1930. Nella stessa busta il sf. 6, Lunadei Emilio detto Trippella e altri, dedicato alle indagini effettuate su un gruppo di comunisti di San Lorenzo.

71 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1933, sezione I, b. 32, Organizzazione comunista, rapporto 11 giugno 1933 e nota del 27 novembre 1933.

72 La borgata di Valle Aurelia, ovvero la Valle dell’Inferno, ne è forse l’esempio più tangibile. La presenza dei lavoratori delle fornaci, attorno ai quali si coagulavano manovali, muratori e calzolai antifascisti, rese la borgata uno dei luoghi di massima concentrazione di dissenso politico attivo. Oltre alle cellule che facevano capo al PCI, costanti erano le segnalazioni riguardo gruppi di oppositori che si ritrovavano nelle osterie, nelle botteghe (ACS, MI, DGPR, DAGR, 1932, sezione I, b. 16, rapporto Polizia Politica del 7 dicembre 1932) e addirittura all’aperto, nei giardinetti di Piazza Risorgimento, ivi, 1938, b. 29A, riservata del 13 ottobre 1938.

73 Ivi, 1937, b. 14E, Arresto di Materazzi Ferdinando, 18 dicembre 1937.

74 Ivi, 1940, b. 17, f. 19, Comunista Caccianti Alessandro, 22 dicembre 1939; ivi, CPC, b. 922.

75 Ivi, MI, DGPS, DAGR, 1940, b. 10F, sf. 4.

76 Ivi, 1943, b. 45.

77 L. Saletti, I sorvegliati politici, in Liberi cit., p. 41. Al parere generalmente positivo espresso dall’autorità locale di PS, corrispondeva un atteggiamento più restrittivo da parte della Squadra politica della Questura, la quale spesso adduceva che il ravvedimento dei proponenti richiesta di radiazione non fosse accertabile con sicurezza.

78 ACS, CPC, 1649.

79 Ivi, 1800, Di Giuseppe Massimo. Cfr. anche ivi, MI, DGPS, DAGR, 1939, b. 15.

80 Ivi, DGPS, DAGR, 1939, b. 15, Questura di Roma, 21 settembre 1939.

81 Ivi, 1937, b. 8, Questura di Roma, 29 maggio 1937.

82 Tra essi, gli organizzatori della cellula San Paolo-Testaccio, Ruggero Favilla e Spartaco Proietti, e il venditore ambulante Sante Ticconi, capo settore del Partito comunista a Trastevere, inserito nell’elenco delle persone da arrestare in concomitanza di ricorrenze speciali, ivi, 1939, b. 45, sf. 6, nota del 6 luglio 1939.

83 Cfr. G. Rivolta, I “ribelli” di Testaccio, Ostiense e Garbatella, in Cesp-Cobas, C.d.Q.

Alberone, “Questa città ribelle…”. L’altra Resistenza dagli anni ’20 alla Liberazione, Massari, Viterbo 2007, pp. 63-64.

84 I sorveglianti erano tenuti a riportare ai superiori le conversazioni pericolose udite tra gli ospiti, che finivano poi sulle scrivanie delle stazioni dei CC o della PS; un esempio in ACS, MI, DGPS, 1932, sezione I, b. 16, 21 marzo 1932.

85 E ciò che accadde ad Attilio Fefè, disoccupato moroso abitante negli Alberghi che, alla vista del lucchetto che chiudeva la porta della sua camera e della moglie e delle figlie abbandonate in corridoio, sfondò l’uscio della porta urlando frasi contro il Governo e la disoccupazione. La vicenda gli costò l’arresto per due settimane e la diffida, ivi, 1930-31, b. 350, Questura di Roma, 28 ottobre 1931.

86 Due abitanti degli Alberghi, in fila davanti all’ufficio assistenziale in via Bucimazza, udite le parole di altri due astanti («Ma che cosa aspettiamo noialtri a ribellarci. Assaltiamo le armerie e facciamo come in Russia. Almeno così finirà una volta per sempre»), denunciarono l’episodio a un caposquadra della milizia e accompagnarono i sobillatori al commissariato di Campitelli, i quali, arrestati, finirono davanti al Tribunale Speciale: si trattava di Carlo Andolfi, fornaciaio ed ex membro della CGL e della Lega di Resistenza dei fornaciai, e di Filippo Cappella, manovale, ex ardito del popolo, abitante delle casette di Porta Metronia, ivi, Questura di Roma, dicembre 1931.

87 Ivi, b. 328, Questura di Roma, 16 marzo 1931.

88 Ivi, 1937, b. 14E, Questura di Roma, 21 dicembre 1937.

89 L. Casali, E se fosse dissenso di massa? Elementi per un’analisi della “conflittualità politica” durante il fascismo, in «Italia contemporanea», 1981, n. 144, p. 101. Cfr. anche G. Santomassimo, Classi subalterne e organizzazione del consenso, in Storiografia e fascismo, Franco Angeli, Milano 1985, pp. 99-118.

90 Alcuni esempi: Pietro Rosa, manovale di Pietralata, arrestato il 13 marzo 1939 perché rivolto ad un milite disse: «Vai a fare in culo tu e il tuo padrone», verrà diffidato; Guido Orsolini, alloggiato al dormitorio di Primavalle, assegnato al confino per aver detto scherzosamente: «Io piscerei anche in faccia al duce»; Guido Lanciotti, muratore abitante al dormitorio di Primavalle, venne confinato per aver gridato in un autobus: «Italiani rivoltatevi, italiani facciamo schifo, abbasso l’Impero, abbasso Mussolini che fa schifo», dopo che il controllore lo trovò privo di biglietto, tutti e tre gli episodi in ACS, MI, DGPS, DAGR, 1939, b. 25, rispettivamente sf. 16, 61, 46.

91 La natura fortemente omogenea di queste fonti, nel caso specifico dei rapporti prefettizi, ha spinto Pier Luigi Orsi a definirle “fonti seriali”, proponendone un metodo di rilevazione e campionatura, cfr. Una fonte seriale: i rapporti prefettizi sull’antifascismo non militante, in «Rivista di storia contemporanea», 1990, n. 2, pp. 280-303.

92 In particolare Sestilio Gamboni risultava schedato sin dal 1925 come “elemento scaltro e pericoloso”. Nella sua abitazione venne ritrovato un manifestino contro i festeggiamenti del 28 ottobre a firma dell’Unione giovanile repubblicana rivoluzionaria, ACS, MI, DGPS, DAGR, 1938, b. 29A, Questura di Roma, 27 luglio 1938.

93 Ivi, 1939, b. 15, Questura di Roma, 20 dicembre 1939.

94 Ivi, 1942, b. 22, sf. 21.

95 Ivi, 1938, b. 6, fonogramma del 2 giugno 1938.

96 Ivi, 1941, b. 17, Questura di Roma, 12 agosto 1941. Qualcosa di simile capitò all’imbianchino Amedeo Mascioli che, a seguito di un alterco con un caposquadra della Milizia, vide peggiorare la sua posizione con le testimonianze rese da altri abitanti di Pietralata, ivi, 1940, b. 26, Questura di Roma, 18 agosto 1940.

97 La donna disse: «Vai a fare in culo te, Mussolini, la Fiduciaria e quello che viene oggi», cioè il segretario federale dell’Urbe che si attendeva in visita alla borgata, ivi, 1939, b. 25, sf. 23.

98 In cinque testimoniarono contro la donna, in tre a favore, tutti abitanti di Tiburtino III. La malcapitata fu deferita alla commissione provinciale e proposta per il provvedimento di ammonizione, ivi, 1940, b. 17, f. 91, Questura di Roma, 5 dicembre 1940.

99 Ivi, 1943, b. 44, Questura di Roma, 16 luglio 1943.

100 L’istanza era corredata da un foglio di firme raccolte tra gli abitanti della borgata che riconoscevano l’onestà del portiere e la sua condotta esemplare, ivi, 1943, b. 44, Questura di Roma, 13 luglio 1943.

101 Ivi, 1937, b. 8, Questura di Roma, 2 ottobre 1937.

102 Ivi, Questura di Roma, 14 agosto 1937.

103 Ivi, 1942, b. 41, sf. 50, Questura di Roma, 26 febbraio 1941.

104 Ivi, 1937, b. 14E, Questura di Roma, 29 maggio 1937.

105 Ivi, 1939, b. 25, sf. 54.

106 Cfr. G. De Luna, M. Revelli, Fascismo antifascismo. Le idee, le identità, La nuova Italia, Firenze 1995, p. 69 sgg.

107 Per scrivere queste pagine sono stati consultati tutti i fascicoli della PS relativi alla provincia di Roma dal 1930 al 1943. I rapporti della Questura al Ministero dell’Interno si aprono solitamente con le generalità dei protagonisti del fatto indagato, consentendo una rapida individuazione della presenza di eventuali abitanti delle borgate. Impossibile operare un criterio selettivo per i fascicoli personali della Polizia Politica, ordinati per cognome. Una serie di controindicazioni nell’uso delle carte di polizia in M. Franzinelli, Sull’uso (critico) delle fonti di polizia, in AAVV, Voci di compagni, schede di Questura. Considerazioni sull’uso delle fonti orali e delle fonti di polizia per la storia dell’anarchismo, Quaderni del centro studi libertari Archivio Pinelli, Milano 2002, pp. 19-30.

108 F. Gramsci, Fondo PCI, 1948, n. c., b. 9, f. 4, Verbali Federazione romana, intervento di Brandani alla riunione della segreteria del 26 luglio 1948. A tal proposito, in un’altra circostanza, si disse che il problema del tesseramento in borgata non fosse solo economico, ma dipendeva anche dal fatto che «nelle borgate, dove sarebbero necessari i quadri migliori, ci sono i peggiori», ivi, MF 184, pp. 1187- 1198, intervento di Salinari al Comitato Federale del 30 dicembre 1948.

109 Ivi, n. c., 2.4, intervento di D’Onofrio al Comitato Federale del 6 ottobre 1948.

110 F. Gramsci, Fondo PCI, 1948, n. c., b. 9, f. 4, Verbali Federazione romana, intervento di D’Onofrio alla riunione della segreteria del 26 luglio 1948.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search