Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Hórisma Un mondo logistico Supply chain affettive tra agro-i...

Un mondo logistico

 | 
Niccolò Cuppini
, 
Irene Peano

Supply chain affettive tra agro-industria e migrazioni, contenimento e rifugio1

Irene Peano

Texte intégral

  • 1 Il presente contributo è frutto di una ricerca sostenuta, nel tempo, da diversi finanziamenti, e i (...)

127 gennaio 2018. Poco prima che mi accingessi alla stesura di questo contributo, alle prime ore dell’alba è giunta la notizia della morte di una giovane donna nigeriana nella tendopoli, divenuta ormai da anni una baraccopoli, sita nella Seconda Zona Industriale di San Ferdinando (Reggio Calabria). La ragazza è stata trovata carbonizzata in un incendio tra i tanti di una tragica serie, che piagano da sempre questo insediamento – come tutti quelli che possono a buon titolo definirsi (ancorché parzialmente, come vedremo) i campi di lavoro dei distretti agro-industriali italiani. Altre due donne, anche loro nigeriane, e diversi uomini sono rimasti ustionati. Le autorità si sono affrettate ad escludere l’origine dolosa dell’incendio, mentre alcuni degli abitanti della baraccopoli sono convinti che si sia trattato di un gesto di vendetta legato ad una lite. Sono diversi i precedenti di aggressione, a volte anche fatale, subita dalle donne che popolano questi spazi.

2Stando alle dichiarazioni dei superstiti, i vigili del fuoco, prontamente allertati, sono arrivati sul posto con un ritardo di tre ore, nonostante la presenza ormai costante delle forze di polizia in loco. La prefettura, che da mesi tentava invano di convincere le centinaia di migranti dell’insediamento, perlopiù africani, ad allontanarsi verso mete non meglio specificate, ha disposto tramite la Protezione Civile la costruzione di una nuova tendopoli ‘di emergenza’. È la quarta nel giro di sei anni, nei quali si sono succedute diverse operazioni di sgombero, trasferimento e ‘bonifica’, oltre appunto a diversi roghi (nonché aggressioni, morti ed uccisioni perpetrate anche dalle forze dell’ordine). In tal modo si è andata articolando una progressiva stratificazione e diversificazione degli spazi adibiti ad alloggio per i migranti: una tendopoli ad alta sicurezza, dotata di sistemi di riconoscimento biometrici; un capannone industriale anch’esso controllato da forze di polizia e impianti tecnologici e, come la prima, riservata a chi è in possesso di documenti e contratti di lavoro; la tendopoli-baraccopoli andata in fiamme; e almeno un altro capannone occupato spontaneamente, che verrà sgomberato nell’estate del 2018. Altri due roghi, di cui uno fatale per un altro giovane, divamperanno nella baraccopoli l’inverno seguente, fino allo sgombero definitivo del marzo 2019, con imponente dispiegamento di uomini, mezzi, e organi di informazione. Attualmente, rimane in piedi la sola tendopoli ad alta sicurezza (‘sicurezza’ che non ha impedito ad un ennesimo incendio di divampare, uccidendo un altro residente).

  • 2 Si veda a tal proposito anche il documentario di Carin Goeijers, But now is perfect (2018), che ri (...)

3Nel pomeriggio immediatamente successivo alla morte della giovane donna, inizia a circolare sui social network la fotocopia della carta d’identità della vittima. Il documento porta il nome di Becky Moses, cittadina nigeriana di 26 anni, residente a Riace. Era tornata a San Ferdinando da poche settimane, dopo essere stata espulsa dal Centro d’Accoglienza Straordinaria (CAS) in cui viveva da un paio d’anni in attesa del responso alla sua richiesta di protezione internazionale. Il parere della commissione territoriale per l’asilo incaricata di vagliare la domanda era giunto lo scorso dicembre, ed era negativo - come accade nella maggioranza dei casi. Per i telegiornali ed alcuni giornali, invece, la vittima si chiamava Amine ed aveva 30 anni. E chissà quanti altri nomi, età, storie si potrebbero raccogliere sul suo conto,2 come su quello delle centinaia di donne che popolano questi spazi, in maniera perlopiù transitoria, generalmente trascurate da sguardi ‘esterni’ che all’occorrenza restituiscono però ritratti sensazionalistici, vittimizzanti e profondamente intrisi di pregiudizio.

  • 3 Rispetto alla questione delle migrazioni delle donne nigeriane, in relazione a processi di soggett (...)
  • 4 Specialmente la seconda parte, la più recente, delle mie ricerche, iniziata nel 2012, è stata cond (...)

4Il presente contributo vuole individuare alcuni strumenti attraverso cui decifrare questa presenza (che spesso, come in questo caso, si tramuta in scomparsa), evanescente a livello analitico quanto sul piano della narrazione mainstream. Le riflessioni qui proposte sono il frutto di un lavoro di ricerca sul campo iniziato nel 2005, inizialmente focalizzato sulle dinamiche di soggettivazione che configurano il fenomeno della prostituzione migrante a debito tra la Nigeria e l’Italia.3 Successivamente, il raggio della mia indagine si è ampliato alle relazioni tra questi processi e quelli che caratterizzano il lavoro migrante in agricoltura (Peano, 2017). La ricerca mi ha portata a svolgere lunghi periodi di osservazione partecipante a Benin City e a Torino, luoghi rispettivamente di origine e destinazione di molte delle donne nigeriane impiegate nella prostituzione di strada in Italia, e poi nei distretti agro-industriali italiani (con particolare attenzione a quelli del Tavoliere e della Piana di Gioia Tauro) come anche nei paesi di origine di una porzione consistente dei lavoratori e delle lavoratrici impiegati in tali contesti, soprattutto la Romania.4

5La logistica e le sue politiche possono rappresentare una lente utile ai fini di questa indagine, seppure attraverso ciò che troppo spesso lasciano nell’ombra. Anzi, in ragione della scarsa attenzione di cui gode la differenza di genere in quello che è ormai un consolidato apparato di analisi, esplorare questa dimensione significa testare i limiti ed espandere gli strumenti del paradigma logistico.

Agro-industria, razzializzazione e ghettizzazione della riproduzione sociale

6L’immediata geografia in cui sono inscritti gli insediamenti dei quali il complesso sopra citato è uno degli esemplari più emblematici, e la loro composizione, possono essere letti come effetti di zonizzazione. A sua volta, questa rappresenta una delle modalità cardine della gestione logistica del territorio (Grappi, 2016). Nel contesto in esame, tali assetti spaziali devono attribuirsi, almeno in parte, alla ristrutturazione del comparto agro-alimentare all’interno di catene globali controllate dalla grande distribuzione. Questi processi, sostenuti da operazioni logistiche, hanno avuto effetti di razzializzazione, e più in generale di separazione, tra chi è impiegato in diversi nodi delle catene globali del valore (Bonacich e Wilson, 2008). L’utilizzo sempre più massiccio di manodopera bracciantile migrante è parte integrante di questo processo di ristrutturazione. Nei distretti agro-industriali italiani è caratteristica fondamentale degli insediamenti che servono da bacino di manodopera, come dei periodici interventi istituzionali su di essi, quella di rispondere a logiche di segregazione (ma anche di solidarietà) su base razzializzata, ed a volte nazionale, ‘etnica’ o linguistica.

7Si tratta di luoghi di contenimento (in alcuni casi fatti di veri e propri container, a indicare quanto la razionalità logistica vi sia materialmente penetrata) che non a caso chi li abita spesso chiama ‘ghetti’ o ‘campi’, a seconda delle loro architetture, storie e modalità di gestione. Allo stesso tempo, essi sono però in relazione reciproca – non soltanto nel senso che presentano caratteristiche strutturali comuni, ma anche perché i loro abitanti in molti casi transitano da uno all’altro a seconda della richiesta di manodopera stagionale o di altre opportunità di guadagno. Nonostante possano sussistere differenze importanti tra forme di contenimento (ghetti o campi, baraccopoli o tendopoli), spesso – come nel caso della tendopoli-baraccopoli in cui ha trovato la morte Becky – queste assumono forme ibride.

8Ma la trasformazione a trazione logistica del settore agro-industriale non si è limitata a forme di estensione ed esternalizzazione, e più in generale di riarticolazione, di aspetti essenziali della produzione e della circolazione delle merci. La riproduzione e il reclutamento di quella particolare merce che è la forza lavoro, elemento cruciale ai fini della presente riflessione, ne è stata ugualmente investita. Ciò che preme maggiormente evidenziare, e che rimane di solito in ombra nelle analisi di queste dinamiche, è proprio il legame costitutivo che sussiste tra l’impiego di lavoro migrante, segregato nei distretti dell’agro-industria, e l’esternalizzazione della sua riproduzione. Ci riferiamo a tutte quelle pratiche e relazioni connesse non solo alla gestazione, al parto e alla cura dei figli, ma anche al lavoro di cura necessario ai lavoratori e alle lavoratrici adulti, incluse le sue dimensioni sessuali/affettive (componenti spesso censurate o in ogni caso dimenticate) – così come alla solidarietà che permette la sopravvivenza di lavoratori e lavoratrici quando i salari e i servizi istituzionali sono insufficienti, nonché alla riproduzione dei ‘nuclei domestici’ e in senso più ampio delle comunità a cui afferiscono (Dunaway, 2014).

9Parallelamente all’estensione delle supply chain dell’agro-industria su scala globale, dunque, si sono sviluppati processi analoghi e a questi connessi: ai cicli di sostituzione della manodopera da parte di lavoratrici e lavoratori migranti è corrisposta la riorganizzazione delle “infrastrutture dell’intimità” (Wilson, 2016) che permettono la riproduzione sociale nella sua accezione più ampia. In tutti i casi, facendo ricorso a manodopera migrante si esternalizzano in maniera definitiva i costi di riproduzione legati alle prime fasi di vita di futuri lavoratori e lavoratrici (Burawoy, 1976). Una volta raggiunta l’età lavorativa, ai diversi segmenti etno-razzializzati della forza lavoro bracciantile migrante, che ne regolano il reclutamento e la disciplina, corrispondono forme specifiche di zonizzazione e organizzazione anche della sua riproduzione, sempre strutturata anche secondo distinzioni di genere.

  • 5 Per un’analisi comparativa dell’organizzazione della riproduzione per lavoratrici e lavoratori eur (...)

10Il nodo centrale per comprendere la presenza delle donne come Becky all’interno dei campi-slum sono, per l’appunto, le attività che sottendono alla riproduzione fisico-sociale dei lavoratori delle campagne provenienti da diversi paesi dell’Africa Occidentale.5 Tra di essi vige un sistema di divisione sessuale del lavoro piuttosto stringente, per il quale gli uomini assolvono al ruolo di manodopera bracciantile occasionale (oltre a dedicarsi ad altro genere di attività, legate al commercio informale o all’accattonaggio, ad esempio). Le donne, in maggioranza nigeriane, forniscono principalmente servizi di cura, nel caso delle più giovani soprattutto sessuali e perlopiù a pagamento, per questi lavoratori - a cui talvolta affiancano il lavoro salariato nelle campagne, o più frequentemente nelle fabbriche di trasformazione, il piccolo commercio o il lavoro domestico presso famiglie italiane. Per la maggior parte, i figli (come le mogli dei lavoratori maschi) rimangono nel paese d’origine, almeno fino all’età adulta, o vi sono rimandati dopo la nascita. In Nigeria, è spesso la madre di uno dei genitori (di solito della madre) a prendersene cura, quando possibile. In caso contrario, essi (sia i maschi che, più frequentemente, le femmine) sono inviati a servizio in famiglie benestanti. Spesso i nuclei domestici transnazionali delle donne nigeriane sono fortemente matrifocali, ed è frequente per le donne instaurare nel tempo diverse relazioni, non sempre formalizzate in matrimonio, che poi interrompono (anche per questioni legate alla violenza domestica, o più in generale alla precarietà).

11Pertanto, gli effetti di zonizzazione derivanti dalla ristrutturazione logistica delle catene agro-industriali, che necessitano di manodopera flessibile e a basso costo, hanno un ruolo nel creare ‘supply chain affettive’ attraverso processi di esternalizzazione dei costi di riproduzione. In questo processo, la razzializzazione si interseca alla divisione sessuale del lavoro. Al contempo, per comprendere appieno le dinamiche che regolano la presenza delle donne migranti all’interno delle enclavi agro-industriali occorre tener conto di altre dimensioni: il rapporto tra legalità ed illegalità, da un lato, e i processi migratori dall’altro. Si tratta evidentemente di due fenomeni interconnessi, che si relazionano in maniera complessa a quanto fin qui esposto, e che ancora una volta possono essere approcciati attraverso un punto di vista logistico.

Il/legalità e logistica delle migrazioni

12L’applicazione selettiva e differenziale delle normative che disciplinano il lavoro e l’intermediazione di manodopera, l’immigrazione e altri ambiti (quali ad esempio il commercio e la ristorazione, la prostituzione e lo spaccio di stupefacenti, la ricettazione e il furto) sono evidenti a chiunque conosca anche sommariamente molti distretti agro-industriali italiani ed i relativi insediamenti di manodopera migrante. In particolare, sempre di più si va configurando un assetto spaziale governato da diversi livelli di il/legalità, che di fatto costituiscono altrettanti ordini normativi, come è caratteristico delle zone (Neilson, 2014). In questo scenario, le operazioni di sgombero e trasferimento possono interpretarsi non tanto come tentativi di ‘riportare la legalità’, quanto come quelle che Jill Casid (2017) definisce tattiche di deferimento spazio-temporale, che promettono una ‘chiusura’ sempre di là da venire. A sua volta, questo meccanismo permette di perpetrare ad libitum forme gerarchizzate di contenimento abitativo (e più in generale sociale) e di precarizzazione estrema, sulla base di una molteplicità di status giuridici che si articolano a dispositivi di razzializzazione e sessualizzazione.

13Oltre alle tendopoli-baraccopoli della Zona Industriale di San Ferdinando, tra i tentativi di evacuare gli insediamenti dei lavoratori delle campagne trasferendoli in campi ad alta sicurezza, l’esempio forse più rappresentativo (e senz’altro tra i più mediatizzati) è quello del ‘Gran Ghetto’. Nel marzo 2017 la baraccopoli, situata a una decina di chilometri dalla città di Foggia, fu oggetto di interventi di ‘sgombero umanitario’, durante i quali si sviluppò un rogo costato la vita a due persone. Parte degli abitanti vennero trasferiti in strutture gestite dalla Protezione Civile, dalla Croce Rossa e da cooperative sociali, con pesanti restrizioni circa l’accesso e la possibilità di prepararsi il cibo autonomamente. Nei campi più formali e controllati, del resto, non è ufficialmente ammessa la presenza di donne né di qualsivoglia visitatore. Si cerca così di restringere la fetta delle attività riproduttive autonome che è possibile svolgere all’interno dei campi, e si configurano forme di contenimento che interessano aspetti sempre più numerosi della vita di chi li abita. A loro volta, le restrizioni all’interno dei campi determinano il proliferare di nuovi ghetti al loro esterno o margine.

14Quindi, non solo gli sgomberi e le catastrofi non eliminano la presenza delle baraccopoli. Allo stesso tempo, essi permettono una progressiva moltiplicazione dei campi di lavoro e delle loro forme, lungo uno spettro che separa e classifica i loro abitanti: ad alcuni dei campi è possibile accedere soltanto con un contratto di lavoro (e quindi un permesso di soggiorno), e addirittura previa identificazione tramite rilievi biometrici. Pertanto, le donne impegnate in attività riproduttive informali ne sono automaticamente escluse, e per ricorrere ai loro servizi (e non solo) ci si deve recare nelle baraccopoli-ghetti, dove esse si concentrano sempre di più anche in conseguenza delle azioni repressive contro la prostituzione operate nei centri abitati, come nel caso di quelle che periodicamente vengono messe in campo nel comune di Rosarno o in quello di Foggia. I ghetti, intanto, rimangono zona franca.

15Pertanto, la moltiplicazione di regimi di il/legalizzazione configura in queste zone un complesso dispositivo di inclusione differenziale, attraverso l’applicazione variabile sia delle leggi sull’immigrazione che di quelle che regolano diverse forme di scambio (di servizi riproduttivi, di beni di consumo, di collocamento sul mercato del lavoro). In questo assetto, la dimensione di genere gioca un ruolo importante soprattutto relativamente alla regolazione del lavoro sessuale, attraverso la sua criminalizzazione selettiva e conseguente ghettizzazione.

16Al contempo, gli insediamenti dei distretti agro-industriali presentano più di una caratteristica di continuità con l’arcipelago dei centri di accoglienza, come anche di detenzione (entrambi chiamati ‘campi’ da chi li vive) inclusi quelli denominati, con un gergo che chiaramente rimanda alla razionalità logistica, hot spot e hub. I centri, d’altra parte, sono sempre più spesso tappe obbligate per chi poi transita attraverso i distretti agro-industriali, proprio come è stato per Becky. In alcuni casi, la funzione di campo di lavoro (e quindi di hub di reclutamento) e quella di centro di accoglienza o detenzione (e quindi hub di smistamento e regolazione del tempo della mobilità) si sovrappongono del tutto, nella stessa struttura. Le cronache così come i racconti di chi vive queste esperienze in prima persona spesso indicano come gli intermediari o gli stessi agricoltori reclutino la manodopera giornaliera direttamente nei centri d’accoglienza. Lo stesso accade per l’avviamento alla prostituzione delle donne nigeriane, che in molti casi inizia proprio nei centri.

  • 6 G. Tizian, Torture, stupri, pestaggi ed elettroshock: la vita di inferno dentro i ‘mezra’, lager p (...)

17D’altra parte, è evidente come anche il più informale dei ghetti giochi un ruolo all’interno del regime di controllo della mobilità, in quanto dispositivo sia di contenimento che di rifugio (cf. Agier, 2013). Benché svolgano la funzione di campi di lavoro in rapporto all’agro-industria, mantenendo lavoratori e lavoratrici segregati e ricattabili attraverso vari meccanismi di inclusione differenziale, questi insediamenti non possono essere ridotti a tale funzione. Essi rappresentano altresì alcuni dei nodi cruciali delle rotte migratorie che dall’Africa sub-sahariana portano (in maniera certamente non lineare) fino a Calais, o anche in Spagna. È significativo in tal senso che, nel raccontare le proprie traiettorie migratorie, i loro abitanti di origine africana si riferiscano ai luoghi in cui hanno fatto tappa, in Niger quanto in Libia, come ad altrettanti ‘ghetti’ – la stessa espressione che usano per identificare alcuni degli insediamenti in cui vivono, per periodi più o meno lunghi, all’interno dei distretti agro-industriali italiani. D’altro canto, in Libia questi spazi sono localmente designati con un termine arabo traducibile come ‘magazzini’6.

18In altre parole, si tratta di hub logistici particolari, che funzionano in rapporto alla gestione, spesso brutale, della mobilità transnazionale tra Africa ed Europa. Se essa rifornisce il mercato del lavoro in diversi settori e secondo molteplici modalità, la domanda di manodopera non può essere considerata come motore unico di questi flussi (cf. Mezzadra, 2006). Queste enclavi sono anche il risultato di politiche di irregolarizzazione, a cui contribuiscono attivamente attraverso molteplici tecnologie e (dis)ordini normativi, che riproducono diverse forme di illegalità. Certamente i due processi – la regolazione del lavoro e quella dell’immigrazione - sono strettamente correlati, ancorché non identici.

  • 7 Sempre per ragioni di spazio, rimando ai miei precedenti lavori sul tema (si veda n. 3 e 5, supra) (...)

19Infine, da quando sussistono leggi che in maniera sempre più netta irreggimentano i flussi migratori, gli spazi qui descritti assolvono spesso a funzione di rifugio per coloro i quali sono privi di riconoscimento giuridico in quanto cittadini di paesi non appartenenti all’Unione Europea, come era appunto il caso di Becky Moses. In generale, per le donne nigeriane la ricerca di rifugio è dettata non soltanto dalle necessità di proseguire lungo una rotta migratoria in assenza di documenti, e attraverso attività sottoposte a varie forme di restrizione e criminalizzazione, ma anche, in relazione a questo, ad una fuga da pesanti forme di indebitamento, intimidazione e violenza. In molti casi esse, specie se da poco arrivate in Italia, non possono trattenere per sé il denaro guadagnato, ma devono utilizzarne almeno una parte per ripagare il debito contratto con coloro che hanno facilitato il loro passaggio in Europa, ed un’altra per contribuire al mantenimento dei parenti nel paese d’origine. Anche nei ghetti, comunque, quasi sempre queste lavoratrici devono versare una quota dei guadagni a chi gestisce i locali in cui lavorano, sia esso un fisso giornaliero o una percentuale – a meno di non riuscire con i risparmi a costruire una propria connection house dove vivere e lavorare.7 Ancora una volta, la dimensione di genere determina traiettorie specifiche di controllo e sfruttamento, spesso ancora più brutali di quelle subite dai migranti africani maschi.

20Attraverso la presenza iper-precaria di donne come Becky, i ghetti dei distretti agro-industriali italiani svolgono una funzione di riproduzione sociale, all’intersezione tra la logistica migratoria e quella agro-industriale. In queste pagine abbiamo mostrato come tali razionalità logistiche operino attraverso dispositivi complessi di razzializzazione, sessualizzazione e criminalizzazione. Ma non soltanto le esigenze della logistica migratoria non coincidono mai del tutto con quelle della logistica agro-industriale. Le forze che danno vita alle enclavi sono molteplici ed esistono in un continuo campo di tensione: i divieti e le barriere vengono puntualmente elusi, i buchi nelle reti e la circolazione di documenti sono all’ordine del giorno, agli sgomberi sono sempre succedute anche fasi di ricostruzione informale. Alla funzione logistica di contenimento, i ghetti affiancano quella di rifugio.

21Se da una parte è possibile individuare l’avanzata di una forma di controllo logistico nella gestione delle enclavi agro-industriali e della loro forza-lavoro, così come delle migrazioni, è altrettanto vero che il ghetto, grazie alle donne ed agli uomini che lo abitano, contiene in sé un anticorpo a tale tendenza. Secondo Harney e Moten (2013), la logistica è un tentativo di espellere la dimensione umana, e quindi anche quegli aspetti delle relazioni di cura non riducibili a processi meramente estrattivi. Ma nella funzione di rifugio delle enclavi è individuabile anche ciò che gli stessi autori hanno definito ‘logisticality’, un assemblarsi di sentimenti di spossessamento in comune. Tale assemblaggio non è stato in grado di proteggere Becky, e molti altri, dalla morte, ma esso senz’altro riduce i danni di un sistema estrattivo brutale attraverso una miriade di pratiche quotidiane di resistenza, solidarietà e sottrazione.

Bibliographie

Agier, M. (2013) Campement urbain: Du refuge naît le ghetto. Parigi: Payot.

Bonacich, E. e Wilson, J. (2008) Getting the Goods: Ports, Labour, and the Logistics Revolution. New York: Cornell.

Burawoy, M. (1976) The functions and reproduction of migrant labour: Comparative material from Southern Africa and the United States. American Journal of Sociology 81(5), 1050-1087.

Casid, J. (2017) “A State of Foreclosure: The Guantánamo Prison”, In Vieira, P. e Marder, M. (a cura di) The Philosophical Salon: Twenty-First Century Speculations, Reflections, Interventions. Londra: Open Humanities Press.

Dunaway W. (2014) “Introduction”, In Dunaway, W. (a cura di) Gendered commodity chains: Seeing women’s work and households in global production. Stanford: Stanford University Press.

Grappi, G. (2016) Logistica. Roma: Ediesse.

Harney, S. e Moten, F. (2013) The Undercommons: Fugitive Planning & Black Study. New York: Minor Compositions.

Mezzadra, S. (2006) Diritto di fuga: Migrazioni, cittadinanza, globalizzazione. Verona: Ombre Corte.

Neilson, B. (2014) Zones: Beyond the Logic of Exception? Concentric: Literary and Cultural Studies 40(2), 11-28.

Peano, I. (2011) Ambiguous bonds: A contextual study of Nigerian sex labour in Italy. Dottorato di ricerca, Dipartimento di Antropologia Sociale, Università di Cambridge, UK.

Peano, I. (2013a) Opaque loves: Governance and escape in the intimate sphere of Nigerian sex workers. Etnografia e Ricerca Qualitativa 3, 359-384.

Peano, I. (2013b) Escaping the exception: Migrant sex workers between subjectification and excess. Greek Review of Social Research 140-141 B-C: 119-132, Special Issue ‘Migration, gender, and precarious subjectivities in the era of crisis’ (a cura di A. Athanasiou and Y. Tsimouris).

Peano, I. (2013c) “Bondage and help: Genealogies and hopes in trafficking from Nigeria to Italy”, in Quirk, J. e Wigneswaran, D. (a cura di) Slavery, Migration and Contemporary Bondage in Africa. Trenton, NJ: Africa World Press, pp. 225-251.

Peano, I. (2017) Global care-commodity chains: Labour re/production and agribusiness in the district of Foggia, southeastern Italy. Sociologia del Lavoro, Special Issue: “Spazio e Tempo nei processi produttivi e riproduttivi”, 146, 24-39.

Wilson, A. (2016) The infrastructure of intimacy. Signs: Journal of Women in Culture and Society 41(2), 1-34.

Notes

1 Il presente contributo è frutto di una ricerca sostenuta, nel tempo, da diversi finanziamenti, e in particolare da marzo 2017 all’interno del progetto ‘The Colour of Labour: The Racialized Lives of Migrants (COLOUR)’, programma di ricerca e innovazione dell’Unione Europea, Horizon 2020, Advanced Grant nº 695573 - PI Cristiana Bastos.

2 Si veda a tal proposito anche il documentario di Carin Goeijers, But now is perfect (2018), che ritrae la giovane donna durante la sua permanenza a Riace, nonché il momento delle sue esequie nel comune reggino.

3 Rispetto alla questione delle migrazioni delle donne nigeriane, in relazione a processi di soggettivazione caratterizzati da un’intrinseca opacità e in opposizione a discorsi di vittimizzazione/criminalizzazione fondati su concezioni monolitiche della ‘tratta’, rimando ai miei precedenti lavori (e.g. Peano 2011, 2013a,b,c).

4 Specialmente la seconda parte, la più recente, delle mie ricerche, iniziata nel 2012, è stata condotta a partire da una prospettiva militante, affiancando e quanto più possibile sostenendo le rivendicazioni di chi abita gli spazi che qui descrivo. Desidero pertanto ringraziare e riconoscere quante e quanti mi hanno accompagnata in questo lavoro.

5 Per un’analisi comparativa dell’organizzazione della riproduzione per lavoratrici e lavoratori europei, si veda Peano (2017).

6 G. Tizian, Torture, stupri, pestaggi ed elettroshock: la vita di inferno dentro i ‘mezra’, lager per i migranti. L’Espresso, 29 maggio 2017.

7 Sempre per ragioni di spazio, rimando ai miei precedenti lavori sul tema (si veda n. 3 e 5, supra).

Auteur

Ha un PhD in Antropologia Sociale, titolo conseguito presso l’Università di Cambridge con una tesi sulle dinamiche transnazionali di soggettivazione delle lavoratrici del sesso nigeriane. Collabora attualmente ad un progetto interdisciplinare di ricerca dal titolo ‘The Colour of Labour: The Racialised Lives of Migrants’ presso l’Istituto di Scienze Sociali dell’Università di Lisbona. In precedenza è stata titolare di una postdoctoral fellowship presso l’Università di Bologna, e ricercatrice visitante presso l’Università di Bucharest. Il suo lavoro si concentra sulle intersezioni tra genere e sessualità, razza, migrazioni e lavoro, con particolare riferimento al lavoro sessuale e a quello bracciantile, ed alla relazione tra di essi. Allo stesso tempo, si occupa di indagare e sostenere attivamente processi di organizzazione e resistenza contro tali regimi di sfruttamento; irene.peano@ics.ul.pt

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search