Version classiqueVersion mobile

Le Borgate del fascismo

 | 
Luciano Villani

Parte I. Le nuove borgate popolarissime

Capitolo 4. La convezione del 1936 e la gestione delle vecchie borgate

Texte intégral

4.1 Le trattative

  • 1 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 marzo 1935.
  • 2 È quanto sostiene Giordano Bruno Guerri, che definisce quello che va dal luglio 1932 al novembre 1 (...)
  • 3 Cfr. Insolera, Perego, Storia moderna dei Fori di Roma cit., pp. 155, 158.

1Boncompagni-Ludovisi fu sostituito da Giuseppe Bottai nel gennaio 1935. L’importanza della questione abitativa, legata com’era ai progetti di riordino urbano, e le scelte intraprese all’indomani dell’avvicendamento in Campidoglio, lasciano supporre che il contrasto maturato con l’Ifacp fu tra le cause principali che ne motivarono la caduta. Basti pensare al fatto che tra i primi provvedimenti annunciati da Bottai vi fu il nuovo programma di lavori per la costruzione di case popolari ed ultra-popolari1. L’affidamento dell’incarico al gerarca romano, da molti valutato come una manovra di Mussolini per allontanarlo da posti di maggior responsabilità2, assunse invece il significato di una “svolta” nella conduzione degli affari riguardanti la capitale, non finalizzata all’apertura di una nuova fase ma piuttosto alla chiusura di quella precedente. È anche in questa chiave che può essere letta la fugace permanenza di Bottai in Campidoglio – da cui per altro si assenterà per circa otto mesi per partecipare alla campagna d’Etiopia – conclusasi nel novembre 1936. In quel momento, l’ex ministro delle Corporazioni apparve come «il personaggio non solo utile, ma necessario»3.

  • 4 Cfr. S. Cassese, Giuseppe Bottai, in Dizionario biografico degli italiani, XIII, p. 400, in cui si (...)
  • 5 Insolera, Perego, Storia moderna dei Fori di Roma cit., p. 158.

2La sua estrazione sociale marcava già una differenza rispetto alla tradizione aristocratica ben radicata sul colle capitolino. Con un passato da squadrista, massimo teorico dello Stato corporativo, figura di rilievo negli ambienti culturali della capitale, Bottai non solo aveva già maturato una salda esperienza politica: le sue competenze lo ponevano in grado di assumere anche incarichi di tipo amministrativo seppur, probabilmente, a lui poco graditi4. Godeva di un forte prestigio personale e politico, sufficienti a rendere credibile la sterzata decisa dall’alto. L’insediamento della nuova amministrazione avvenne nel segno di un’accesa polemica nei confronti di quella uscente, su vari aspetti: la questione della casa e dei baraccati, la mancata efficienza nell’organizzazione dei servizi scolastici, persino la gestione degli spazi di sepoltura speciali al cimitero del Verano5, al centro di accuse di speculazione, fu tirata in ballo dai nuovi inquilini del Campidoglio per ribadire la presa di distanza coi vecchi sistemi.

  • 6 La composizione della Consulta fu modificata con decreto del ministro dell’Interno di concerto col (...)

3Ma è nella volontà di stabilire nuovi rapporti con l’Ifacp che va ricercato il senso di discontinuità operato dalla nuova direzione. Il primo discorso di Bottai alla Consulta di Roma, riorganizzata in senso corporativo subito dopo il suo arrivo6, chiarì il significato della “svolta”. La politica delle borgate governatoriali fu aspramente criticata, non nei suoi presupposti bensì nelle forme – intervento diretto – e nei risultati ottenuti. Bottai, quindi, annunciò le “novità” apportate dal suo programma.

  • 7 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 marzo 1935.

le provvidenze adottate dalla precedente Amministrazione non hanno potuto ancora risolvere il problema delle baracche, né in generale quello della costruzione di case popolarissime per i ceti più umili della popolazione. […] Sembra ora opportuno, in base all’esperienza fatta, di non proseguire in un’azione diretta, ma bensì di avvalersi di un organo appositamente creato qual è l’Istituto delle Case Popolari, e di realizzare attraverso il medesimo tipi vari di costruzione, dalla intensiva ai padiglioni ed alle borgate a carattere semi-rurale, fermo rimanendo quel minimo di sistemazione civile che costituisca un elemento di educazione sociale e di attaccamento alla casa e alla famiglia. Altro principio fondamentale deve essere quello, che l’inquilino deve pagare una quota sia pure minima, ed avere il senso della dignità dell’abitazione e quindi della vita7.

  • 8 È quanto affermò Calza Bini di fronte al CdA, Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 11 marzo 1935.

4Parole che dovettero suonare armoniose alle orecchie di Calza Bini. Non solo Bottai restituì all’Ifacp la funzione di “organo edilizio del Governatorato”8, ma nel tracciare le linee dell’imminente ripresa edilizia rassicurò l’Istituto stesso quanto al principio cui teneva di più, ossia il pagamento dell’affitto, uno dei punti di discordia generatosi nelle passate esperienze. Sul piano delle politiche abitative riservate ai “ceti più umili”, non si può certo dire che il nuovo governatore avesse idee tanto diverse da quelle di Boncompagni. Il sistema, già intrapreso, di livellare il grado di “civiltà” delle case secondo la differente posizione sociale dei destinatari trovava, nelle parole di Bottai, piena conferma.

  • 9 Cfr. Salvatori, Il Governatorato di Roma cit., p. 71. Per una disamina sugli anni di permanenza in (...)

5L’altro cambiamento apportato da Bottai fu di ridare le funzioni di capo dell’amministrazione al segretario generale, ruolo affidato a Virgilio Testa che lo manterrà fino al 1943. La nomina di Testa, uomo formatosi all’interno della burocrazia municipale di cui aveva ricoperto tutti gli incarichi partendo da quelli più bassi, interruppe la pratica di designare funzionari statali di carriera prefettizia9, un segnale in direzione di un ampliamento delle prerogative dell’autorità cittadina.

  • 10 ASC, DG, n. 6656, 14 ottobre 1935. L’Ufficio di Assistenza Sociale si occupava anche della lotta a (...)
  • 11 ASC, DG, n. 3858, 20 maggio 1935.
  • 12 Ivi, n. 5925, 12 novembre 1936.

6La consegna nelle mani dell’Ifacp di un ruolo esclusivo nell’ambito dell’edilizia popolare è per altro collocabile nel quadro di un perseguito progetto di snellimento della burocrazia capitolina: il Governatorato in poco tempo si liberò di tutto quel che concerneva l’assistenza alloggiativa. Venne soppresso l’Ufficio di Assistenza Sociale10, la creatura di Raffaello Ricci impiegata a coadiuvare le operazioni di demolizione mediante il servizio “sfratti e alloggi” e su cui gravava la gestione delle borgate, passata all’Ifacp. I dormitori pubblici di Primavalle e via del Falco furono affidati alla Congregazione di Carità, col passaggio alle sue dipendenze di tutto il personale addetto, secondo una convenzione valida per un triennio e tacitamente rinnovabile11. Il servizio “sfratti e alloggi” rimase invece entro i confini amministrativi, aggregato prima alla IX Ripartizione-Affari generali, poi passato alla V Ripartizione-Servizi tecnici12.

  • 13 Gli sbaraccamenti più consistenti nel 1935-36 furono quelli di Isola Sacra e Coccia di Morto, in l (...)

7La cessione delle borgate all’Ifacp fu uno tra i tanti punti controversi della lunga trattativa apertasi con gli uffici governatoriali nel marzo 1935, giunta in porto solo alla fine del 1936. Nel quadro del negoziato andavano definiti tutti i rapporti futuri tra i due enti: il programma costruttivo del successivo quinquennio, il relativo concorso del Governatorato e l’acquisto delle borgate. La ripresa del dialogo si svolse in un clima di iniziale ottimismo; la direzione dell’Istituto apprezzò molto le dichiarazioni di Bottai e si convinse di un rinnovato indirizzo nella politica del Governatorato in tema di edilizia popolare. In realtà entrambe le parti cercarono di concludere l’operazione alle migliori condizioni possibili e se è vero che nelle trattative ebbero un peso importante gli avvenimenti storici contingenti, è altrettanto forte l’impressione che sin da principio vi fossero obiettivi diversi alla base del confronto. Il Governatorato necessitava di un aiuto tecnico-costruttivo a sostegno dei progetti demolitori e di sbaraccamento13. A Bottai, in sostanza, serviva un braccio edilizio da utilizzare nelle operazioni di rifacimento della “Grande Roma”. Seppur ci sia stata l’intenzione, non si sa quanto seria, di incrementare l’impegno governatoriale a favore dell’Istituto, essa sfumò alle prime difficoltà fino a tramutarsi nel suo contrario.

  • 14 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 11 marzo 1935.

8Per l’Ifacp la trattativa rappresentò l’occasione di rilancio dopo la delicata fase 1929-34. La prima bozza d’accordo14 rifletteva la convinzione, ormai diffusasi a Lungotevere Tor di Nona, di poter concludere un’intesa più che soddisfacente. Scritta da Costantini nel marzo ’35, prospettava un vasto programma costruttivo di alloggi popolari, ultrapopolari e borgate rurali per un costo di 60 milioni destinati a crescere; sarebbero serviti contributi per la durata di 40-50 anni, stimati attorno a 1.800.000 lire annui. L’Ifacp propose il suo piano ideale articolato in tre punti:

  1. conversione del residuo valore dei mutui diretti dal tasso del 7 al 4,5 %, «rinnovando l’operazione per 35 anni indipendentemente dal periodo già trascorso». Si sarebbero così risparmiati 1.600.000 lire all’anno, metà dei quali da intendersi come contropartita per la riduzione dei fitti, il resto a disposizione per contributi su operazioni future.
  2. favorire analoga conversione per il residuo mutuo con il Consorzio di Credito per le Opere Pubbliche, dal tasso del 6 al 4,5 % sempre per 35 anni, liberando risorse pari a 400.000 lire annue.
  3. intercessione presso il Governo per un contributo annuo di 600.000 lire in favore dell’Istituto.

9Il ricavato delle tre operazioni avrebbe fruttato contributi per 1.800.000 lire, con in più una somma consistente destinata a beneficio del bilancio dell’ente. Al Governatorato si chiedeva inoltre il corrispettivo di 1200 lire per ogni famiglia sistemata nelle casette-padiglioni di prossima costruzione, insieme ad un contributo di 150.000 lire annue per la gestione delle borgate, per le quali si intendevano versare non più di sei milioni di lire. Nell’economia del programma l’acquisto delle borgate non era che l’aspetto minore. Con esse, anzi, l’Ifacp poteva disporre di casette e ricoveri che avrebbero trovato un sicuro impiego in una gestione del movimento dell’inquilinato resa flessibile dal ricorso al “trasferimento d’ufficio” – il correttivo scelto per affrontare le questioni disciplinari e la morosità – allargandone così la gamma delle soluzioni.

  • 15 Ivi, vol. 25, 1 luglio 1935.
  • 16 Il primo progetto sull’area fu una serie coordinata di nuclei di casette-padiglione e borgate rura (...)
  • 17 L’area, sfornita di acqua potabile, costò 12 lire al mq. La differenza rispetto alle 8 lire al mq (...)
  • 18 Il prezzo del terreno, «magnificamente ubicato e provvisto di acqua», venne fissato in 8 lire al m (...)
  • 19 Ibid. Si trattava di modeste estensioni di terreno necessarie a dare assetto compiuto alla borgata (...)
  • 20 Fu il Governatorato ad interessarsi dell’area, suggerendone l’acquisto all’Istituto, poi rimborsat (...)
  • 21 Ibid. Ai 45.500 mq già comprati, se ne aggiunsero così altri 28.500 (terreno Cherubini) e due este (...)

10L’esuberanza della proposta, e nello stesso tempo la sua fragilità, risiedeva nella convinzione che il Governatorato potesse supplire alle perdite derivate dal minor gettito d’entrata dei fitti, un’evenienza da cui l’autorità cittadina prese man mano le distanze. Ma tali erano le certezze che albergavano negli uffici dell’Ifacp nel corso del negoziato, che in ne, al Quadraro e lungo l’Appia, V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, Richieste gruppi rionali. pochi mesi vennero avviate e concluse un elevato numero di operazioni volte al reperimento di apposite aree periferiche destinate alle nuove borgate. La scelta, per ammissione di Calza Bini, ricadde su aree di «relativa eccentricità, di modico costo, possibilmente prossime ai centri di baraccamenti già costituiti dal Governatorato»15. Tra esse la tenuta di Quarticciolo16; un terreno di 35.000 mq a Primavalle17, confinante alle casette minime costruite nel 1930, in possesso del cavalier Marinucci; un’area in località Acqua Traversa18, sulla via Cassia, di proprietà del conte di Robilant; una serie di appezzamenti situati a Pietralata19, confinanti con la borgata di baracche ufficiali nata nel ’34, di proprietà D’Agabito e Santerelli; una vasta area di 74.206 mq poco distante da Pietralata, che presto avrebbe preso il nome di Tiburtino III20, proprietà di una certa signora Nardi; infine nuovi lotti di terreno a Primavalle21, acquistati dalla società Alba e dal sig. Cherubini.

  • 22 “Il Messaggero”, Il Duce approva i provvedimenti per l’edilizia popolare, 5 aprile 1935.
  • 23 Ater, Ods, 1935, n. 11, Nuovi compiti dell’Istituto, 6 maggio 1935.

11La fiducia in una rapida e decisiva riscossa regnava insomma incontrastata, trasmessa ai vertici dell’Ifacp dall’atteggiamento iniziale intrapreso dal nuovo governatore. Secondo l’Istituto egli aveva approvato integralmente il programma tracciato, plaudendone i contenuti nel corso dell’esposizione avvenuta alla Consulta di Roma, il 2 maggio 1935. Ed anche Mussolini aveva dato il suo benestare in aprile, dopo la presentazione della prima bozza di convezione22. «Ci attende quindi una nuova fase di elevatissima attività sociale per la rieducazione dei minorati della casa», scrisse Costantini in una comunicazione inviata a tutto il personale, e ancora: «Ci attendono alcuni anni di ordinato e fervido lavoro per accrescere il patrimonio della case per il popolo dell’Urbe e per assolvere nuovi compiti agli ordini del Regime»23.

  • 24 Ivi, Verbali del CdA, vol. 25, 10 settembre 1935.

12Presto, però, la bozza fu riadattata a ben diverse disponibilità economiche. Dal colle capitolino fecero intendere che i contributi sui mutui potevano essere aumentati, fino a ridurre il tasso di interesse secondo la richiesta dell’Ifacp, ma che il periodo di ammortamento sarebbe stato indilazionabile. Ne derivava per l’Istituto una minore entrata di circa 480.500 lire annue, da bilanciare con una riduzione del programma costruttivo. Le borgate poi erano valutate al prezzo di 10.500.000 lire e il contributo per la loro gestione fissato in 110.000 lire. Soprattutto, dal Campidoglio si pretendevano clausole ritenute inaccettabili sul piano amministrativo, dalla completa disponibilità dei nuovi alloggi al vincolo aprioristico sul canone dei fitti24. I due enti, quindi, si ritrovarono di nuovo contrapposti, ognuno nel tentativo di imporre all’altro condizioni che rispondevano ad una stabilizzazione del proprio assetto futuro. L’Istituto, propenso ad accelerare lo stato di ripresa dei suoi conti, introduceva elementi che la controparte riteneva estranei alla trattativa, come le compensazioni per la riduzione dei fitti. Dal canto suo, il Governatorato puntava a definire in anticipo una parte importante del nuovo piano di sventramenti e sbaraccamenti, quella inerente la ricollocazione degli sfrattati, aggiudicandosi preventivamente un sufficiente quantitativo di alloggi ad affitto bloccato.

  • 25 Dalla discussione del bilancio consuntivo del 1935: «Il programma iniziale di convenzione, approva (...)

13Ad ostacolare il percorso della convenzione intervennero anche fattori esterni: l’inizio dell’impresa africana nell’ottobre 1935 fu tra questi. Non solo determinò la partenza di Bottai, la figura che più di ogni altra aveva ispirato la sensazione della “svolta”; essa modificò la scala delle priorità cui dovevano indirizzarsi le risorse nazionali e causò la sospensione di altre iniziative che avrebbero ulteriormente aggravato lo stato delle finanze del paese25.

  • 26 «Sono mutate le condizioni del mercato. Molte ditte appaltatrici domandano la revisione dei prezzi (...)
  • 27 Ibid.

14La parte del programma riguardante le borgate rurali fu la prima a saltare; l’eventualità di concertare annualmente o semestralmente il piano delle realizzazioni in relazione alle circostanze (erano nel frattempo cresciuti i costi dei materiali di costruzione26) e alle diverse possibilità di finanziamento divenne la più papabile. Nell’ottobre 1935 l’Istituto si adoperò per un’altra bozza includente il concetto di compensazione per gli effetti della legge sui fitti del ’34. Abbandonata la soluzione imperniata sulla modifica al tasso e al periodo di ammortamento dei vecchi mutui, si reclamò al Governatorato un contributo annuo di 1,5 milioni di cui una metà da incamerare per “compensazioni” e l’altra come contributo dell’1,5 % annuo sui mutui necessari alla costruzione delle nuove case. La richiesta di stabilire fitti minimi invariabili per le case ultrapopolari era assai temuta dall’Ifacp, che provò ad accantonarla facendo leva sulla mancanza di un progetto complessivo a partire dal quale studiare un piano di gestione più elastico. Tuttavia, la convinzione di portare a casa un buon accordo era ormai sfumata, tanto che fu lo stesso presidente a mugugnare: «di sicuro non mancheranno le obiezioni degli uffici governatoriali»27.

15Il 25 gennaio 1936 le residue speranze di Costantini, recatosi in Campidoglio, naufragarono di fronte ad un irremovibile Virgilio Testa, che giudicò la proposta troppo onerosa. Quindi, il segretario generale tagliò corto, avvertendo che le spese per i programmi di edilizia popolare erano da giustificare in base alle necessità interne, né poteva il Governatorato intervenire a risanare il bilancio dell’Ifacp, compito che semmai spettava al Governo che aveva ordinato la riduzione delle pigioni. Si faceva sempre più strada, come unica via d’uscita praticabile, l’ipotesi di un accordo dal profilo più basso. La convenzione, dopo il colloquio con Testa, si ridusse ai seguenti punti:

  1. trapasso all’Ifacp delle borgate governatoriali dietro corrispettivo di 150.000 lire annue per 35 anni
  2. costruzione di un certo numero di casette padiglioni con contributo di 1000 lire a vano con impegno a non superare le 25 lire vano/mese d’affitto.
  3. obbligo a riservare questi alloggi al Governatorato per un periodo di dieci anni, così come quelli delle vecchie borgate.
  4. nessun contributo per le case popolari normali e quindi piena libertà d’azione su queste da parte dell’Ifacp.
  5. nessun fitto di mora a carico del Governatorato anche in presenza di ritardi nelle procedure di assegnazione degli alloggi al medesimo riservati.
  6. concessione del Governatorato di un contributo straordinario di 650.000 lire per gli anni 1935-1936-1937.
  • 28 Ivi, 20 marzo 1936.
  • 29 È quanto si disse nelle sedute di consiglio del 20 marzo e del 27 maggio 1936.
  • 30 Il testo della convenzione è rinvenibile presso ASC, DG, n. 5934, 12 novembre 1936, oppure Cpp, 18 (...)

16Era una proposta assai diversa da quella concordata con Bottai. Nella nuova bozza non figurava alcun contributo annuo per il programma di costruzioni, a parte quello per le case ultrapopolari – il solo di interesse governatoriale – e quello straordinario per tre anni, senza alcun impegno per il futuro. Il Consiglio dell’Ifacp diede al presidente il mandato di rinegoziare con Testa l’entità del contributo straordinario per portarlo a 750.000 lire, cosa che avvenne28, ma soprattutto di sottoporre l’intera questione di nuovo a Bottai. Nel colloquio con Calza Bini, Testa non solo chiarì che non ci sarebbero state ulteriori concessioni, ma avanzò per la prima volta l’intenzione di ridurre i contributi erogati per i vecchi mutui. Calza Bini, tuttavia, continuò a confidare nel fatto che il ritorno di Bottai, dato per imminente, potesse capovolgere l’esito della trattativa29. Nominato governatore civile di Addis Abeba poco prima della conquista italiana, Bottai tornò a Roma nell’aprile 1936, ma l’impegno governatoriale nei confronti dell’Ifacp non cambiò. I contenuti della convenzione30, siglata il 18 dicembre 1936, si attestarono sulla bozza scaturita dopo l’ultimo incontro tra Calza Bini e Testa, così riassumibili:

  1. – L’Ifacp avrebbe versato 10,5 milioni in 35 annualità di 300.000 lire ciascuna senza interessi a partire dal 1936 per l’acquisto delle borgate governatoriali, impegnandosi a migliorarle e trasformarle gradualmente e a sue spese. Il Governatorato avrebbe corrisposto 150.000 lire annue per 35 anni dal primo gennaio 1935 come contributo speciale per questa gestione.
  2. – Alle borgate si aggiunse la cessione del ricovero di Viale Angelico, comprendente 113 alloggi. Area e manufatti rimasero di proprietà del Governatorato, che era sollevato dagli oneri della gestione come dai ricavi, in dote all’Istituto tranne le spese di illuminazione, con obbligo di consegnarli vuoti in caso di bisogno.
  3. – l’Ifacp si impegnava a costruire 5000 alloggi ultrapopolari dal primo maggio ’35 al 30 aprile ’40, per i quali l’entità dell’affitto sarebbe stata concordata anno per anno col Governatorato, il quale si impegnava: ad agevolare ed appoggiare le pratiche finanziarie per le operazioni di mutuo con i vari enti; a cedere gratuitamente o rimborsare le aree su cui sarebbero sorte le nuove borgate fino a un massimo di otto lire al mq; a fornire le aree dei servizi pubblici necessari sia pure con impianti di carattere transitorio; a partecipare alla costruzione degli alloggi ultrapopolari col contributo di 1000 lire a vano, erogato con scadenza annuale «previa verifica del numero e della bontà delle costruzioni».
  4. – il Governatorato si impegnava a versare 750.000 lire annue fino a che sarebbe stata in vigore la legge sulla riduzione dei fitti, dopo la quale l’Ifacp avrebbe potuto livellare meglio gli affitti e aumentare le entrate; a quel punto non solo il contributo speciale sarebbe stato superfluo ma sarebbe diminuito quello per i mutui pregressi.
  5. – l’Ifacp avrebbe messo a disposizione del Governatorato tutti gli alloggi ultrapopolari costruiti e da costruire in base alla convenzione, nonché quelli che si sarebbero resi disponibili per sfratti o esodi volontari, nelle vecchie come nelle nuove borgate. Era lasciata facoltà all’Istituto di assegnare case normali (popolari o economiche) al posto di quelle ultrapopolari («quando ciò possa facilitare il collocamento di famiglie sfrattate per opere di P.R.»), che in tal caso restavano a disposizione dell’inquilinato dell’Ifacp.

17Si può dunque affermare che l’Istituto cedette su tutta la linea. Certo, si avviavano progetti dopo un lungo periodo di stallo, alcuni dei quali col contributo di 1000 lire a vano e con una buona copertura di rimborso per l’acquisto delle aree relative, ma le aspettative erano ben altre. Una delusione ravvisabile molto prima che la convenzione fosse firmata. Come quando, nel corso della discussione sul bilancio consuntivo del 1935, si ammisero le difficoltà incontrate e i problemi dell’immediato.

  • 31 Ater, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

Il Governatorato ha rifiutato di favorire con nuovi contributi la realizzazione di nuove case popolari, limitandosi a concorrere nella spesa di quelle popolarissime. […] La convenzione si sta perfezionando in modo assai limitato e semplice rispetto agli intenti iniziali. L’inconveniente maggiore di questa faccenda è che l’Istituto si è già procurato un quantitativo di aree periferiche superiore al fabbisogno immediato delle case ultrapopolari, che certamente saranno utilizzate col tempo31.

  • 32 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit., in cui i 5000 alloggi popolarissimi che figu (...)

18Il programma costruttivo di interesse governatoriale si era ridotto di circa 1/3 dal maggio ’35 al giugno ’36. L’Istituto cercò comunque di procurarsi i finanziamenti anche per alcuni gruppi popolari. Confrontando i programmi predisposti nell’arco di durata delle trattative, si nota facilmente quanto incise nell’offerta di produzione edilizia del successivo quinquennio il fatto che questi non usufruissero del contributo municipale, con un notevole aumento degli alloggi popolarissimi su quelli normali, quasi dimezzati rispetto alle previsioni iniziali. È anche vero che la qualità delle case ultrapopolari, sebbene entro certi limiti, migliorò gradualmente. Sia nei documenti32 che nella produzione dell’Istituto del 1935-36, in principio esse vennero identificate nelle “casette-padiglioni” a un solo piano fuori terra, il cui impiego fu poi abbandonato, anche dietro la pressione del consiglio superiore dei LL.PP., poiché i vantaggi economici erano annullati da altri inconvenienti – come le condizioni del suolo – e alle borgate successive fu data maggior solidità.

Programma ottobre 1936

  • 33 Ivi, 1936, Quadro riassuntivo dei programmi di costruzione da concordarsi col Governatorato.

19Da giugno a ottobre 1936 le borgate in progetto crebbero di numero. I proclami imperiali, evidentemente, motivarono una certa dose di euforia anche presso gli istituti creditori, i quali concessero con più facilità la liquidità necessaria all’attuazione di nuovi cicli. Venne così a concretizzarsi un piano di case, tra gruppi eseguiti e gruppi da realizzare, per circa 125 milioni33. In particolare vennero approntati i mutui per completare Garbatella, Pamphily, Tiburtino III, Pietralata (3098 case ultrapopolari e 1502 di tipo popolare) e per realizzare 4460 alloggi popolarissimi inizialmente distribuiti a Primavalle, Quadraro, Val Melaina, Acqua Traversa. Iniziava l’epoca delle borgate di seconda generazione, quelle dell’Istituto, nelle quali si sviluppò il tema della “casa popolarissima”, al centro di qui in avanti di uno sforzo di normativizzazione sempre più insistente da parte delle autorità ministeriali attraverso una copiosa manualistica.

20È il caso comunque di fare qualche passo indietro per comprendere meglio il significato che ebbe per l’Ifacp l’acquisizione in proprietà dei nuclei di baracche e ricoveri governatoriali. Presi in carico dal primo maggio 1935, fu chiaro sin da subito, date le condizioni dei manufatti, che la gestione dei primi anni si sarebbe svolta in perdita. Ma per l’Istituto, come a suo tempo ragionò il Governatorato, andava considerato il valore che le aree avrebbero acquisito in un lontano avvenire. In altre parole, sarebbe ancora valso il principio guida secondo cui su di esse, in quanto aree periferiche ed in relazione al movimento espansivo della città, non potevano che costruirsi tipi provvisori della durata di un certo ciclo, in attesa di future valorizzazioni. In queste operazioni, tuttavia, venivano sistematicamente eluse le previsioni economiche attinenti l’impianto dei servizi pubblici, le cui spese superavano di gran lunga quelle relative al costruito. I vantaggi più forti indubbiamente arrisero ai proprietari privati in possesso dei terreni circostanti le borgate che, seppur lentamente o in modo abusivo, vennero lottizzati man mano che la città si avvicinava.

Costruzioni al 20 giugno 1936

Nuovo programma ottobre 1936

4.2 L’Ifacp e le vecchie borgate

21Con l’acquisto delle borgate, l’Istituto concentrò nei suoi mezzi tutte le soluzioni abitative che, in uno spazio venticinquennale, si erano concretate in favore della popolazione meno abbiente. Le case economiche e popolari per famiglie operaie e di ceto impiegatizio, le ex casette comunali ereditate dall’epoca liberal-democratica, in attesa di essere demolite da quasi un ventennio, infine i nuclei di baracche e ricoveri ex governatoriali in cui dimoravano soprattutto operai immigrati, saltuari e disoccupati. La popolazione dell’Istituto crebbe con le borgate di circa 15.000 anime.

  • 34 Nei quotidiani romani dell’epoca si spacciava una realtà ben diversa. In un articolo del “Messagge (...)
  • 35 Cfr. Iacp di Roma, Documentazione di un periodo cit., p. 41.
  • 36 Costantini, La popolazione governata cit., p. 200. L’abbassamento di tale coefficiente di affollam (...)
  • 37 Cfr. Iacp di Roma, Documentazione di un periodo cit., p. 41. Nel 1936 l’inquilinato Ifacp era form (...)

22I primi dati raccolti dall’Ifacp nel 1935, da considerare come approssimativi, raccontano di 1174 famiglie in 1772 vani di cosiddette “case rapide”, intendendo per esse le casette rustiche (via Acqua Bullicante, Primavalle, via Teano), quelle costruite coi sistemi brevettati Pater ed “Eraclit” (via delle Sette Chiese, via Botero) e le 113 camere del ricovero di Viale Angelico, in tutto 5947 anime. I numeri consentono di calcolare l’indice di affollamento medio per ogni vano abitativo, pari a 3,35 persone. A queste si sommava la popolazione delle cosiddette “baracche in muratura”, le peggiori costruzioni ex governatoriali (757 vani a Tor Marancio, 1073 a Gordiani, 580 a Pietralata), 8161 persone con indice di affollamento a vano pari a 3,3834. La situazione dell’affollamento nelle costruzioni provvisorie peggiorò nel tempo: nel 1939 il coefficiente di affollamento raggiunse la media di 4,21 persone a vano35; ma già nel 1936 in alcune casette risultò pari a 4,47, contro l’1,64 calcolato nelle normali case popolari36. Alla fine di quell’anno i nuclei di casette e ricoveri ospitavano 17.899 persone, 1/5 dell’intera popolazione dell’Ifacp, composta da 91.844 abitanti suddivisi in 19.785 famiglie37.

23Come già accaduto nel 1919 quando l’Istituto subentrò nella gestione delle “casette comunali”, la presa in carico delle borgate comportò drastici cambiamenti per chi le abitava. Se prima del trapasso l’intera conduzione ricadeva sulle spalle del Governatorato e dei suoi organi assistenziali (in particolare le “baracche in muratura” erano cedute gratuitamente), ora l’Istituto avrebbe fatto valere le sue regole, a partire dal “principio economico disciplinare”.

  • 38 Ater, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.; sottolineatura nel testo.

L’Istituto inoltre, procedendo ad un’opera di rieducazione sociale per coloro che possono essere chiamati “minorati della casa”, e cioè i baraccati, sia sporadici che appartenenti ai gruppi governatoriali, intende di ricondurre anche costoro all’obbligo del pagamento di un canone pure bassissimo, oseremo dire più simbolico che reale, almeno per il primo tempo, ad es. venticinque centesimi al giorno per famiglia, in un vano, cinquanta in 2 vani38.

  • 39 Le baracche ufficiali di Tor Marancio, Pietralata e Gordiani, infatti, erano comunemente chiamate (...)
  • 40 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.

24La compilazione delle “liste di carico” corrispondenti a ciascun gruppo di case rapide e baracche ufficiali venne effettuata nella seconda metà del maggio ’35. Gli affitti delle case rapide furono arrotondati per difetto, mentre per le baracche si stabilì un fitto pari a sette lire a vano39. Quello dell’affitto fu un vero e proprio assillo per l’Ifacp: per garantire la piena resa dell’azione esattoriale, ad esempio, si congetturavano macchinosi quanto pretenziosi espedienti. In un documento del 1935, fu proposto di integrare l’opera dell’Ifacp con la politica sindacale e assistenziale del PNF, delle organizzazioni sindacali, delle Opere pie. In questa sorta di coordinamento funzionale all’efficienza delle riscossioni, i datori di lavoro avrebbero avuto il compito di trattenere la pigione sui salari degli occupati, mentre «solo per gli effettivi disoccupati» sarebbe intervenuta l’opera assistenziale del partito, delle Congregazioni di carità, della Direzione Affari Civili del Ministero dell’Interno, con la distribuzione gratuita di un “buono casa” col quale l’inquilino impossibilitato a pagare potesse restare nell’alloggio «anche durante il periodo di forzata disoccupazione o di particolarissimo disagio»40. In questo disegno, la Polizia, cui un posto l’Ifacp lo riservava sempre di buon grado, avrebbe avuto il compito di rimpatriare senza appello gli inquilini morosi e «sistematicamente disoccupati e non aventi a Roma ragione di domicilio né per nascita né per lavoro», a richiesta del Governatorato e su indicazione dell’Istituto.

25Astrazioni irrealizzabili, date le sinergie presupposte. Ma nel tentativo di affermare quei principi, l’Istituto non esitò a sperimentare stratagemmi vessatori ed arbitrari nei confronti dell’inquilinato “da rieducare”.

  • 41 Ivi, Ods, 1936, n. 31, Provvedimenti vari, 5 ottobre 1936. Il permesso di abitazione venne applica (...)
  • 42 Ivi, 1935, n. 12, Nuclei di casette e ricoveri, 6 maggio 1935.

26I locatari delle casette e dei ricoveri non versavano alcun deposito cauzionale, né firmavano un contratto. Il loro rapporto di affitto era regolato da un non meglio definito “atto di sottomissione”, (poi diventato “permesso di abitazione” ed esteso anche alle prime borgate popolarissime41) che dava all’Istituto la facoltà di ottenerne lo sfratto con semplice ordinanza interna, senza ricorrere all’autorità giudiziaria42.

27La cosiddetta “pratica del lucchetto”, biasimata da Boncompagni nella conduzione degli Alberghi della Garbatella, non trovò alcun argine di applicazione nelle borgate provvisorie.

  • 43 Ivi, Allegati, 1936, Promemoria riassuntivo sugli Alberghi cit.

Il metodo dell’applicazione del lucchetto, cioè dell’espulsione immediata di una famiglia da un ricovero provvisorio, è senza dubbio grave e delicatissimo, e va affidato ad organi che sappiano usarlo con piena coscienza e moderazione. Ma per quanto possa sembrare brutale e alle volte dar luogo a qualche scena pietosa, i vantaggi educativi e disciplinari che esso presenta sono senza dubbio maggiori degli svantaggi. Con questo metodo […] tutti imparano a pagare la pigione e le riscossioni dei canoni sono assai più regolari negli strati più infimi della popolazione, cioè nei vari tipi di ricoveri gestiti anche adesso dall’Istituto, in cui sovrasta la minaccia del lucchetto, che non negli alloggi normali in cui la procedura giuridica (per quanto semplificata con la ingiunzione amministrativa) è sempre più pesante e meno efficace43.

  • 44 Ivi, Verbali del CdA, vol. 25, 9 maggio 1935.
  • 45 Ivi, Allegati, 1936, Premi agli esattori ed al personale dello Ufficio legale.
  • 46 Alla SPD giunse una nota dei carabinieri sul vivo allarme destatosi a Pietralata a causa del rilev (...)
  • 47 Ater, Allegati, 1936, Premi agli esattori cit.
  • 48 Ivi, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

28Nelle borgate, dunque, la pratica del lucchetto “sovrastava”. Abituate per la maggior parte a non pagare l’affitto, di colpo più di 4000 famiglie, minacciate dallo sfratto arbitrario, iniziarono ad adeguarsi ai nuovi metodi. L’apparato di sorveglianza e mantenimento della sicurezza, alla cui cura rimase il personale di custodia già in servizio, fu incrementato da appositi sorveglianti esattori assunti dall’Ifacp, con residenza continua presso ciascun gruppo, dove a fornire il “tono disciplinare occorrente” stazionava già la PS44. Nel corso del 1935 si introdusse la regola di premiare il personale addetto alla riscossione dei fitti per il buon andamento della mansione45. Tra gli abitanti delle baracche in muratura si diffuse allarme e malcontento, doglianze che ben presto giunsero a palazzo Venezia46 senza però sortire alcun effetto, poiché l’Istituto era ormai intenzionato ad interrompere quella che considerava una beneficenza inopportuna e diseducativa. Le riscossioni, che nell’agosto del 1935 coprivano quasi il 70 % del carico mensile, già in settembre arrivarono al 96 %47. Nei mesi successivi la morosità non andò mai oltre il 17 % e nel giugno 1936, circa un anno dopo il cambio di gestione, le entrate delle casette provvisorie raggiunsero la cifra di 551.000 lire, corrispondenti all’intero carico48.

29Una volta rieducati i più ostinati tra coloro che vivevano nelle vecchie borgate, il sistema del livellamento dell’alloggio alle capacità economiche dell’inquilino, sempre perfezionabile col ricorso ai trasferimenti, poteva così funzionare a pieno regime.

  • 49 Ivi, vol. 25, 20 novembre 1935.
  • 50 Ivi, Ods, 1935, n. 12, Nuclei di casette e ricoveri cit.

30Quando nel corso delle trattative per la convenzione, il consiglio superiore dei LL.PP. prescrisse di dotare le nuove case ultrapopolari di un carattere più completo e normale possibile, con relativo aumento del costo a vano, e il Governatorato lamentò il fatto che in quel modo non si sarebbe risolto il problema della casa per le “famiglie miserabili”, Calza Bini rispose che la soluzione si sarebbe ottenuta ugualmente, «con opportuni trasferimenti e applicando concetti sociali più vasti e un po’ diversi da quelli praticati dal Governatorato fino a oggi»49. A quali “concetti più vasti” si riferisse Calza Bini è facile immaginarlo. L’unificazione sotto il controllo dell’Istituto di tutte le varie gradazioni di casa popolare permise di conseguire un duplice scopo: 1) assegnare a ciascuna famiglia un alloggio adeguato alle proprie condizioni, abbattendo al minimo la morosità; 2) perequare meglio i canoni di fitto dei vari lotti di case tenendo presente la località, il tipo, la richiesta50.

31Il problema della casa per i ceti inferiori sarebbe stato risolto, quindi, non con una diversa impostazione delle politiche di edilizia pubblica, sempre più subordinata alle esigenze rappresentative del fascismo, ma muovendo nei diversi tipi di alloggio la popolazione dell’inquilinato Ifacp secondo le rispettive possibilità economiche e sociali, rinsaldando gerarchie e stratificazioni sociali al suo interno ma in un contesto in cui chiunque sarebbe potuto retrocedere al livello inferiore, fino a sprofondare nella degradazione abitativa.

  • 51 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.

Così, lasciando nelle baracche in muratura di Tormarancio e simili tutti coloro che si trovino in condizioni di quasi assoluta miserabilità, sarebbero portati gli altri nelle casette rapide di Acqua Bulicante e simili, e via via nelle nuove casette padiglioni, nei grattacieli e nelle ex case rapide della Garbatella, sino ai quartieri più centrali e più appetibili da riservarsi a coloro il cui normale guadagno garantisce della possibilità del pagamento del fitto51.

  • 52 Ivi, 1936, A. Calza Bini, Programma e politica generale in tema di case per le classi meno abbient (...)
  • 53 La composizione media delle famiglie risultava quindi di 4,05 persone nelle case economiche, 4,59 (...)
  • 54 La tassa di coabitazione venne fissata in 20 lire mensili nei gruppi popolari periferici, ultrapop (...)

32Per compensare vantaggi e svantaggi, secondo Calza Bini il canone d’affitto delle case popolari dei quartieri appetibili sarebbe dovuto aumentare, in modo da evitare «l’enorme ressa a queste ultime» e rendere «più agevole l’opera di decentramento»52. Ad ogni maturazione di morosità si sarebbe provveduto col trasferimento d’ufficio, fino all’ultimo gradino dei ricoveri disponibili. Se anche in quel caso si fossero cumulati arretrati, si sarebbe fatto appello alle Opere assistenziali. Questo tipo di meccanismo, adoperato con l’efficienza di cui l’Istituto bene sapeva disporre, e cioè con l’ausilio del suo organigramma amministrativo e di controllo, in poco tempo produsse seri sconvolgimenti sociali. Nei ricoveri peggiori, per la prima volta dalla loro realizzazione, iniziarono ad affluire famiglie di cosiddetta “classe media”, stimate in numero di 80 alla fine del 1936. Inoltre secondo i dati raccolti dall’Istituto, ogni famiglia alloggiata nelle sue case includeva un 10 % di coabitanti, di cui solo il 2 % era formato da famiglie di congiunti, mentre l’8 % era costituito da subaffitti, necessari evidentemente a garantire il canone mensile con puntualità53. L’impassibilità dell’Ifacp raggiunse il massimo quando, al fine di disincentivare la coabitazione e il subaffitto, cominciò a taglieggiare le famiglie più esposte al problema con una tassa apposita, introdotta nel 1932 ma soggetta a un cospicuo aumento alla fine del 193654.

  • 55 Cfr. Salvatori, Alcune osservazioni cit., dove si menzionano le relazioni compilate dagli informat (...)
  • 56 Cfr. V. Zamagni, La dinamica dei salari nel settore industriale, 1921-1939, in «Quaderni storici», (...)
  • 57 G. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., p. 322.
  • 58 Ivi, tabella p. 538.

33Va detto che in quegli anni, complessivamente di stagnazione per l’economia del paese e di costante aumento del costo della vita, l’acutizzarsi del malcontento divenne evidente, specie nei quartieri popolari. Gli informatori del PNF avvertivano della disillusione, palpabile pressogli strati inferiori, sulle prospettive economiche garantite dal regime: i prezzi di tutte le merci aumentavano e le condizioni delle famiglie dei disoccupati non facevano che peggiorare55. Quanto agli occupati, se la curva dei salari, dopo le decurtazioni seguite alla depressione dei primi anni Trenta, iniziò a crescere nuovamente dopo il 1936, l’inflazione e il carovita ne compromisero ogni benefico effetto sul breve periodo, mentre gli effetti sostanziali misurabili a partire dal 1939 furono stroncati dalle conseguenze dell’entrata in guerra56. Soprattutto le voci di spesa riferite alle abitazioni e al riscaldamento destarono maggiori inquietudini nelle famiglie romane, risorse che fino alla fine degli anni Venti venivano assorbite dai capitoli riguardanti alimentazione e vestiario57. Le condizioni di vita di questi strati sociali, dunque, peggiorarono nel corso del decennio. Un dato sorprendente è quello riferito al rilascio delle tessere di povertà, balzate da 28.228 nel 1933 a 153.963 nel 1934, un numero che avanzò in modo costante fino al 1940, con una decrescita avvertita solo nel 193858.

34In questa situazione, mutava il significato stesso dell’edilizia pubblica, ormai preludente a un futuro sinistro: non un’opportunità per le famiglie meno abbienti ed impossibilitate ad avere una casa propria di ottenerne una, dignitosa e a un costo sopportabile, ma un universo entro il quale, accedendovi, si poteva finire sperduti chissà dove. Se una famiglia alloggiata in una casa popolare fosse stata sul punto di peggiorare il suo tenore di vita, sfiorando il livello di povertà, l’edilizia pubblica ne avrebbe decretato lo scivolamento in uno stato di perenne abbrutimento all’interno di una delle prime borgate, in virtù di una gestione irrigidita da dispositivi di impronta classista.

  • 59 Ater, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

35Gli insediamenti governatoriali nulla ormai avevano di diverso dai baraccamenti spontanei. Le casette deperivano in fretta, ogni temporale provocava allagamenti e crepe nei tetti, i sistemi viari e gli impianti fognari erano assenti o incompleti e le marrane costituivano un pericolo igienico costante. L’Istituto a riguardo aveva pattuito degli impegni. L’entrata in reddito dei nuclei di baracche e ricoveri comportò una perdita di 206.000 lire già nei primi sei mesi di gestione (maggio-dicembre 1935), dovute alle spese di custodia, nettezza, acqua, illuminazione. Nel 1935 si eseguirono lavori di riparazione dei tetti, degli spazi interni (gabinetti, lavatoi, ripulitura generale) e alle reti di fognatura. Ma i reclami sul pessimo stato delle condizioni igieniche delle borgate continuarono ad affluire copiosamente. Il punto è che, dato il carattere strutturalmente deficitario dei manufatti e degli impianti relativi, tali spese si rinnovavano di anno in anno, con scarsi risultati. L’Istituto si vide così costretto ad aumentare gli stanziamenti effettuati in sede di bilancio preventivo 1936 per intensificare al massimo le migliorie, nonostante il fatto che alle spese di manutenzione finisse già l’intero carico mensile dei fitti. Per poter sopperire alle necessità più urgenti si richiesero nuovi fondi, destinati a lavori di manutenzione speciale, la maggior parte dei quali vennero assunti direttamente dall’Ifacp – affidatigli dal Governatorato – che a sua volta li girava ai cottimisti a un costo inferiore59.

  • 60 «Fin dal giugno 1935 […] ebbi il pregio di segnalare all’Ufficio V la urgente necessità di provved (...)
  • 61 ASC, DG, n. 7960, 23 dicembre 1935. Seguirono altre installazioni di fognature, delibera n. 611, 6 (...)
  • 62 Ivi, n. 4918, 12 agosto 1937.
  • 63 V Rip., titolo 9, classe 9-5, 1936, f. 10, relazione del 3 dicembre 1936.
  • 64 Ivi, classe 4-3, 1935, f. 95, Sistemazione dei servizi pubblici più urgenti nei varii gruppi di ca (...)
  • 65 Ibid.

36Nelle borgate provvisorie fu necessario riparare o costruire ex novo gli impianti di smaltimento delle acque chiare e luride. In esse non vi erano sistemi di depurazione biologica delle acque nere, che finivano in piccoli corsi d’acqua di scarsa portata. A Pietralata, dopo la già citata lettera di Costantini a Virgilio Testa nell’agosto 193560, l’Ifacp eseguì il lavoro di copertura della marrana che attraversava la borgata, con la costruzione di una fogna al posto del fosso61, ma i tempi di realizzazione furono piuttosto lunghi: il contratto di appalto fu firmato nel luglio 1936 e il collaudo della fogna avvenne nell’agosto del ’3762. Anche la costruzione della fognatura a Teano comportò maggiori lavori e spese del previsto, poiché il terreno era costituito in massima parte di cappellaccio e solcato da numerose gallerie; la scarsa pendenza della fogna, inoltre, rese necessario l’aumento del numero dei tombini63. A Tor Marancio, la parte inferiore della borgata continuò ad essere soggetta a frequenti allagamenti per impedire i quali, ormai da un pezzo, si invocava la costruzione di un apposito argine e una migliore regolazione dello smaltimento delle acque64. Anche a Gordiani e Teano occorreva provvedere ai «bisogni primordiali di scolo e di smaltimento delle acque bianche»65.

  • 66 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 2 aprile 1936. Fino al 1935 erano stati costruiti i collettori nei (...)
  • 67 V Rip., titolo 9, classe 8-18, f. 19, nota dell’8 maggio 1935.

37L’avvio dei lavori per i collettori di molte zone periferiche, tra cui Sette Chiese, Valle dell’Inferno, Ponte Milvio, Pietralata era previsto entro i successivi dieci anni66. Per molte di queste borgate l’insufficienza degli impianti idraulici fu una vera e propria condanna e la mancanza di acqua potabile piuttosto frequente. Il problema era generale, tanto che Testa nel maggio 1935 si rivolse al direttore dell’VIII Ripartizione (Igiene e sanità) per chiedere un parere sulle direttive necessarie a porvi rimedio. Tuttavia, nelle pur brevissime righe della nota è già intravedibile uno dei limiti maggiori delle istituzioni pubbliche nell’affrontare le vicende delle borgate e cioè il profilarsi di attese estenuanti che in fin dei conti andrebbero valutate come tante dichiarazioni di disinteresse. Nessun accento perentorio, quindi, nella nota di Testa, ma un solo riferimento al fatto che i lavori potevano essere inclusi nelle opere previste nientemeno che per il decennio67.

  • 68 “Il Popolo di Roma”, Inconvenienti alla borgata Gordiani, 10 luglio 1935.
  • 69 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, appunto dell’11 marzo 1936.
  • 70 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 2 luglio 1936. Nella città il numero delle condotte mediche urbane (...)

38Ma la situazione rischiava di precipitare in ogni momento. Nel luglio di quell’anno l’acqua iniziò a scarseggiare nelle borgate Teano e Gordiani, dove nei padiglioni dei gabinetti le condutture di scarico rimasero ostruite per diversi giorni68. Problemi analoghi furono rilevati nelle stesse borgate nei primi mesi del 193669. Nel luglio 1936 il problema igienico delle borgate venne discusso alla Consulta di Roma, dove si elencarono i provvedimenti di fresca attuazione, di fatto gli stessi avviati dall’Istituto all’inizio della sua gestione (lavori di pulizia e disinfezione delle cunette, modificazione degli impianti di spurgo delle latrine e dei lavatoi e perfezionamento dei servizi di assistenza igienica e sanitaria in genere). L’unica novità si esaurì nell’annuncio dell’intensificazione della lotta contro le mosche, per la quale nelle borgate venne raddoppiato il numero degli operai addetti alla deposizione dei fascetti di miafonina, sostituiti almeno due volte alla settimana70.

  • 71 Sullo stato delle strade delle borgate Primavalle e Acqua Bulicante cfr. V Rip., titolo 9, classe (...)
  • 72 Le zone interessate erano Flaminio, Parioli, Salario, Nomentano, Tiburtino, Tuscolano, Appio, Osti (...)

39Nemmeno la viabilità subì particolari ammodernamenti, nonostante fossero più che necessari in tutte le borgate provvisorie. Soprattutto le arterie secondarie rimasero interamente da eseguire a Primavalle, Acqua Bullicante, Tor Marancio, Gordiani, Teano71. Tra i provvedimenti governatoriali era prevista l’adozione di un programma quindicennale di intervento alla rete stradale, opere per un valore di un miliardo e 150 milioni di cui, con le risorse disponibili, potevano esserne avviate ad esecuzione solo alcune nel successivo triennio, ma nessuna era prevista nelle borgate72.

40Riguardo gli alloggi costruiti coi sistemi brevettati (via delle Sette Chiese e borgata Appio), inizialmente concepiti come normali e di qualità superiore a quelli delle altre borgate, ci si rese conto che anch’essi dovevano considerarsi a tutti gli effetti come provvisori e in attesa di essere abbattuti, poiché composti da materiali scadenti e di facile deperibilità.

  • 73 Ater, Ods, 1941, n. 20, Alloggi convenzionati col Governatorato, 25 agosto 1941.

41«D’ora innanzi – precisò Costantini in una comunicazione inviata ai suoi sottoposti nel 1941 – anche queste costruzioni devono essere conteggiate fra quelle di carattere temporaneo, anzi sono destinate alla demolizione prima delle altre»73.

42In conclusione, le borgate provvisorie rimasero tali. Il risanamento previsto dalla convenzione del ’36 si dimostrò impossibile da attuare, sia perché l’Ifacp non possedeva le risorse che sarebbe stato necessario investire, ma soprattutto perché il recupero di quei luoghi non poteva che contemplare l’abbattimento perlomeno dei baraccamenti peggiori, grosse opere di rafforzamento dei terreni, impianti e servizi pubblici a titolo definitivo. Una dura critica nei confronti dell’amministrazione che ne aveva concepito il disegno fu pronunciata da Costantini nel 1938, in un intervento al V Congresso Nazionale di Studi Romani.

  • 74 Costantini, Le borgate popolari cit., p. 236.

Si è voluto dunque sacrificare la qualità alla quantità, prevedendo di poter raggiungere meglio lo scopo con una soluzione temporanea e largamente approssimata, in attesa che la valorizzazione futura delle aree impegnate ripagasse tutte le spese. Ebbene, si è visto subito che il lato economico sfuggiva di mano, perché accanto alle baracche che costavano poco c’era l’insieme di spese per servizi pubblici e sistemazioni generali che costavano assai di più e il Governatorato si è trovato ad avere speso circa 21 milioni per la costruzione di 4.500 vani sommari, di brevissima vita e richiedenti ogni anno una fortissima spesa di manutenzione. Si è visto che queste borgate, notevolmente distanziate dalla Città, erano in buona parte piazzate su aree poco adatte per giacitura o condizioni del terreno e che le sistemazioni primordiali divisate in principio hanno avuto ed hanno continuamente bisogno di perfezionamento e di integrazio ne, insieme col corredo dei servizi pubblici e assistenziali. Si è visto infine che questi nuclei non possono essere retti senza una ferma disciplina che si sposi all’amorevole assistenza, senza un continuo lavoro di selezione e di educazione di ogni genere; altrimenti divengono centri pericolosi di infezioni che svalutano anziché rivalutare le aree in cui sorgono e quelle circostanti. Si è in una parola constatato ancora una volta che problemi di questo genere non possono essere affrontati a metà dall’Ente pubblico, né differiti con provvedimenti di urgenza, pena il ritrovarsi più indietro quando si credeva di aver camminato innanzi74.

  • 75 Borgata Gordiani e borgata Teano necessitavano di vasti lavori al sottosuolo sicuramente più dispe (...)
  • 76 In proposito basti confrontare i contenuti dell’inchiesta parlamentare del 1951-52, Inchiesta sull (...)

43Il duro giudizio sul piano di “borgatizzazione” deciso da Boncompagni – ma approvato anche da Mussolini – non implicò un vero e proprio ravvedimento di quella politica. Le prime case popolarissime dell’Istituto, cioè le casette-padiglioni di Pietralata e Tiburtino III, anch’esse edificate in zone periferiche perché funzionali ai “giusti criteri di disurbanamento”, furono progettate con sistemi e materiali che non le differenziavano chissà quanto dalle casette rustiche tanto vituperate. Tra le borgate provvisorie, furono ampliate quelle situate su aree sfruttabili compiendo minori opere di assestamento75, le quali godettero forse di qualche attenzione in più per via della maggior popolazione ospitata, e cioè Primavalle e Pietralata, dove alcune famiglie riuscirono a compiere il salto dalla baracca ufficiale alla casa popolarissima. Le baracche, tuttavia, non furono abbattute, configurando le parti “vecchie” delle due borgate confinanti a quelle di nuova costruzione. Le borgate provvisorie (comprese Tor Marancio, Teano, Gordiani) rimasero nel loro stato primordiale per tutti gli anni Sessanta, ghetti urbani nei quali continuò a vivere una popolazione malandata e ammalata, così ridotta da un abitare che rimase a lungo la vera pregiudiziale da superare per poter aspirare a una nuova vita76.

Notes

1 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 marzo 1935.

2 È quanto sostiene Giordano Bruno Guerri, che definisce quello che va dal luglio 1932 al novembre 1936 «un periodo di purgatorio politico, scontato in cariche di secondaria importanza», cfr. Giuseppe Bottai un fascista critico, Feltrinelli, Milano 1976, p. 147. Dello stesso avviso M. De Nicolò, il quale spiega la designazione di Bottai come scaturita dalla «volontà di affidare al padre del corporativismo una carica formalmente prestigiosa ma lontana dal potere reale», in Il Campidoglio liberale, il governatorato, la Resistenza, in Roma Capitale. Storia di Roma dall’Antichità ad oggi cit., p. 97.

3 Cfr. Insolera, Perego, Storia moderna dei Fori di Roma cit., pp. 155, 158.

4 Cfr. S. Cassese, Giuseppe Bottai, in Dizionario biografico degli italiani, XIII, p. 400, in cui si riporta una frase del telegramma inviato da Mussolini al Re con cui si diede a Bottai l’incarico di ministro dell’Educazione Nazionale («non ha mai eccessivamente gradito – a torto secondo me – la sua attuale carica di governatore di Roma»). Aggiunge Cassese a proposito di Bottai: «Da altre parti si diceva che si preoccupasse più degli intrighi politici che degli interessi della città e si segnalavano deficienze nel campo annonario, del controllo dell’igiene, dei mercati, dei trasporti ecc.». Se sul piano amministrativo l’opera del gerarca romano può ritenersi, dunque, avara di successi, in campo politico-culturale ebbe una funzione importante come nuovo officiante del mito fascista della romanità, sostituendo Mussolini in questo ruolo a partire dagli anni in cui fu governatore. Scrive E. Gentile: «Si deve a Bottai la più chiara e consapevole formulazione del significato e della funzione essenzialmente modernista che il mito di Roma, fin dal novembre 1921, ebbe nel fascismo», Fascismo di pietra cit., p. 204. Non a caso il progetto dell’Esposizione Universale del 1942, concepito come la più grande opera urbanistica a glorificazione di Roma come faro di civiltà e del fascismo nel mondo, fu presentato a Mussolini proprio da Bottai (a sua volta suggeritogli da Federico Pinna Berchet) nel giugno 1935, ASC, Consulta di Roma, Verbali, 2 luglio 1936. Del suo incarico di governatore non vi è traccia nelle pagine dei suoi quaderni, a parte l’annotazione della visita a Castel Sant’Angelo per approvare il progetto di sistemazione dei Borghi, il primo settembre 1936, richiamata per descrivere uno dei primi incontri avuti con Mussolini dopo il ritorno dall’Etiopia, cfr. Giuseppe Bottai, Diario 1935-1944, a cura di G. B. Guerri, Rizzoli, Milano 1994, p. 110.

5 Insolera, Perego, Storia moderna dei Fori di Roma cit., p. 158.

6 La composizione della Consulta fu modificata con decreto del ministro dell’Interno di concerto col ministro delle Corporazioni, l’8 marzo 1935, una volta scaduto il mandato quadriennale dei vecchi consultori, “Il Messaggero”, La consulta del Governatorato rinnovata su base corporativa, 9 marzo 1935.

7 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 marzo 1935.

8 È quanto affermò Calza Bini di fronte al CdA, Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 11 marzo 1935.

9 Cfr. Salvatori, Il Governatorato di Roma cit., p. 71. Per una disamina sugli anni di permanenza in Campidoglio del gerarca romano, pp. 66-89.

10 ASC, DG, n. 6656, 14 ottobre 1935. L’Ufficio di Assistenza Sociale si occupava anche della lotta antitubercolare e della lotta nei confronti dell’accattonaggio, cfr. Ricci, L’Ufficio di Assistenza Sociale nel 1931 cit., p. 132 sgg.

11 ASC, DG, n. 3858, 20 maggio 1935.

12 Ivi, n. 5925, 12 novembre 1936.

13 Gli sbaraccamenti più consistenti nel 1935-36 furono quelli di Isola Sacra e Coccia di Morto, in località Fiumicino, per i quali furono assegnati i nuovi gruppi ultrapopolari di Fiumicino, costruiti su un’area di 22.000 mq venduta al Governatorato dal principe Don Giovanni Torlonia (“Il Messaggero”, Lo sgombero delle baracche ad Isola Sacra, 7 maggio 1935; L’assetto dell’arenile dell’Isola Sacra, 3 agosto 1935). Rimanevano circa 900 casette ex comunali ancora in piedi a Porta Metronia, Castrense e alla Ferratella, abitate secondo l’Ifacp da 4100 persone (ma una relazione del gruppo rionale Latino-Metronio riporta 7500 abitanti). Secondo Calza Bini, nel ’35 a Roma vivevano 18.000 persone in poco meno di 3000 baracche fatte di «legno, latta e rifiuti vari», Ater, Allegati, 1935, A. Calza Bini, Programma per nuovi lavori e per la sistemazione della popolazione sfrattata o baraccata nella capitale, marzo 1935. Gruppi consistenti di baracche si trovavano a Tor di Quinto (450 famiglie); nel primo tratto della via Flaminia adiacente la Ghiacciaia romana; nel quartiere della Vittoria, vicino villa Savoia, a formare una borgata spontanea chiamata Tor Fiorenza; in località Sedia del Diavolo (al centro del quartiere Africano); e ancora ai Prati Fiscali, in via Aquila, via Fieramosca, piazzale Prenestino, via Casal Bertone, vicolo del Mandrio-

14 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 11 marzo 1935.

15 Ivi, vol. 25, 1 luglio 1935.

16 Il primo progetto sull’area fu una serie coordinata di nuclei di casette-padiglione e borgate rurali, ivi, 9 maggio 1935.

17 L’area, sfornita di acqua potabile, costò 12 lire al mq. La differenza rispetto alle 8 lire al mq risarcite dal Governatorato ricadde sull’Ifacp, ivi, 1 luglio 1935.

18 Il prezzo del terreno, «magnificamente ubicato e provvisto di acqua», venne fissato in 8 lire al mq. Su di esso si progettarono nuclei, mai nati, di casette padiglioni, ivi, 20 novembre 1935.

19 Ibid. Si trattava di modeste estensioni di terreno necessarie a dare assetto compiuto alla borgata. Il prezzo variò dalle 10 alle 13 lire al mq.

20 Fu il Governatorato ad interessarsi dell’area, suggerendone l’acquisto all’Istituto, poi rimborsato, a 5,5 lire al mq, ivi, 19 febbraio 1936.

21 Ibid. Ai 45.500 mq già comprati, se ne aggiunsero così altri 28.500 (terreno Cherubini) e due estensioni della società Alba: una di 35.000 mq al prezzo di 12 lire al mq, l’altra di140.000 mq dal costo più basso, 5 lire al mq. Infine 4 piccoli lotti, da 1500 fino a 5000 mq, furono ceduti a 20 lire al mq dalla stessa società.

22 “Il Messaggero”, Il Duce approva i provvedimenti per l’edilizia popolare, 5 aprile 1935.

23 Ater, Ods, 1935, n. 11, Nuovi compiti dell’Istituto, 6 maggio 1935.

24 Ivi, Verbali del CdA, vol. 25, 10 settembre 1935.

25 Dalla discussione del bilancio consuntivo del 1935: «Il programma iniziale di convenzione, approvato dal Capo del Governo, è stato modificato per vari motivi. L’inizio dell’impresa Africana è tra questi, insieme a considerazioni di carattere tecnico e finanziario che hanno limitato il programma alle possibilità offertaci dagli enti finanziatori», ivi, vol. 26, 19 giugno 1936.

26 «Sono mutate le condizioni del mercato. Molte ditte appaltatrici domandano la revisione dei prezzi per lavori in corso». Nessuna concessione del genere, si disse, sarebbe stata accordata per gli appalti ultrapopolari, ivi, vol. 25, 20 novembre 1935.

27 Ibid.

28 Ivi, 20 marzo 1936.

29 È quanto si disse nelle sedute di consiglio del 20 marzo e del 27 maggio 1936.

30 Il testo della convenzione è rinvenibile presso ASC, DG, n. 5934, 12 novembre 1936, oppure Cpp, 18 dicembre 1936.

31 Ater, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

32 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit., in cui i 5000 alloggi popolarissimi che figurano nel piano costruttivo sono tutti del tipo «casette-padiglioni a un solo piano».

33 Ivi, 1936, Quadro riassuntivo dei programmi di costruzione da concordarsi col Governatorato.

34 Nei quotidiani romani dell’epoca si spacciava una realtà ben diversa. In un articolo del “Messaggero”, un cronista descrisse le baracche in muratura come «case decenti e persino comode, nelle quali ogni famiglia [vive] separata dall’altra». Poi aggiungeva: «quando ad un osservatore straniero capita di visitare borgate del tipo di quella di Pietralata, di Gordiani, di Tormarancia se ne conoscono immediatamente le più ammirate impressioni. E tutti sono concordi nell’affermare che anche in quell’attività Roma è veramente all’avanguardia nei confronti delle altre metropoli », La casa dei bambini a Pietralata inaugurata dal Governatore e dal Segretario generale, 9 gennaio 1935.

35 Cfr. Iacp di Roma, Documentazione di un periodo cit., p. 41.

36 Costantini, La popolazione governata cit., p. 200. L’abbassamento di tale coefficiente di affollamento, tuttavia, nemmeno rientrava tra gli obiettivi perseguiti dall’Istituto. Costantini infatti continuava, riferendosi alle normali case popolari: «Saremmo lieti tuttavia se la media potesse abbassarsi a 1,30-1,25 abitante per vano, tollerando che negli alloggi minimi destinati agli strati più poveri, l’affollamento sia notevolmente maggiore».

37 Cfr. Iacp di Roma, Documentazione di un periodo cit., p. 41. Nel 1936 l’inquilinato Ifacp era formato per il 75,64 % da classe operaia (operai, salariati, casalinghe), per il 10,17 % da classe varia (ossia senza professione fissa, piccoli rivenditori, studenti), Costantini, La popolazione governata cit., p. 205.

38 Ater, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.; sottolineatura nel testo.

39 Le baracche ufficiali di Tor Marancio, Pietralata e Gordiani, infatti, erano comunemente chiamate “le case de 7 lire”. L’Ifacp concesse inoltre una moratoria sugli arretrati risalenti alla passata gestione, ivi, Ods, 1935, n. 14, 16 maggio 1935.

40 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.

41 Ivi, Ods, 1936, n. 31, Provvedimenti vari, 5 ottobre 1936. Il permesso di abitazione venne applicato nelle borgate popolarissime di Pietralata, Tiburtino III e Fiumicino, sostituito dal normale contratto nel corso del 1939.

42 Ivi, 1935, n. 12, Nuclei di casette e ricoveri, 6 maggio 1935.

43 Ivi, Allegati, 1936, Promemoria riassuntivo sugli Alberghi cit.

44 Ivi, Verbali del CdA, vol. 25, 9 maggio 1935.

45 Ivi, Allegati, 1936, Premi agli esattori ed al personale dello Ufficio legale.

46 Alla SPD giunse una nota dei carabinieri sul vivo allarme destatosi a Pietralata a causa del rilevamento della borgata da parte dell’Istituto. Il governatore non fece mistero della linea dura intrapresa nelle borgate rispetto alla morosità, scrivendo: «Escludo – salvo casi eccezionali – che l’Istituto proceda ad aumenti di pigioni; ma prevedo che effettivamente l’Istituto stesso sarà costretto a procedere nei confronti dei morosi, i quali persistono a non voler assolutamente far fronte agli impegni», ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, appunto del 22 luglio 1935.

47 Ater, Allegati, 1936, Premi agli esattori cit.

48 Ivi, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

49 Ivi, vol. 25, 20 novembre 1935.

50 Ivi, Ods, 1935, n. 12, Nuclei di casette e ricoveri cit.

51 Ivi, Allegati, 1935, Programma per nuovi lavori cit.

52 Ivi, 1936, A. Calza Bini, Programma e politica generale in tema di case per le classi meno abbienti, 25 giugno 1936.

53 La composizione media delle famiglie risultava quindi di 4,05 persone nelle case economiche, 4,59 nelle case popolari, 5,18 nei ricoveri, a cui andava aggiunto per ognuna di esse il 10 % di coabitanti, cfr. Costantini, La popolazione governata cit., p. 201. La presenza di famiglie di classe media nei ricoveri provvisori è messa in rilievo nell’edizione stampata dalla Soc. An. Tipografia Editrice Italiana, Roma 1937, p. 31.

54 La tassa di coabitazione venne fissata in 20 lire mensili nei gruppi popolari periferici, ultrapopolari e nelle casette ex governatoriali, nella misura unica di 25 lire per le case popolari centrali e 30 lire per le case economiche. Tra le ragioni addotte all’aumento della tassa, il fatto che la coabitazione usurasse in modo assai veloce le case, aumentandone i costi di manutenzione, cfr. Ater, Ods, 1936, n. 44, Tassa di coabitazione, 18 novembre 1936.

55 Cfr. Salvatori, Alcune osservazioni cit., dove si menzionano le relazioni compilate dagli informatori del PNF del periodo settembre 1936-dicembre 1937, pp. 42-43.

56 Cfr. V. Zamagni, La dinamica dei salari nel settore industriale, 1921-1939, in «Quaderni storici», 1975, n. 29-30, p. 531.

57 G. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., p. 322.

58 Ivi, tabella p. 538.

59 Ater, Verbali del CdA, vol. 26, 19 giugno 1936.

60 «Fin dal giugno 1935 […] ebbi il pregio di segnalare all’Ufficio V la urgente necessità di provvedere allo spurgo ed alla successiva copertura della fogna scoperta. […] Il fosso così scoperto costituisce un naturale scarico di tutte le immondizie, emana un lezzo insopportabile e non può essere utilizzato a titolo di fogna per convogliarvi gli scarichi delle acque nere o bionde», V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1935, f. 198, lettera del 28 agosto 1935.

61 ASC, DG, n. 7960, 23 dicembre 1935. Seguirono altre installazioni di fognature, delibera n. 611, 6 febbraio 1936; n. 2109, 23 aprile 1936.

62 Ivi, n. 4918, 12 agosto 1937.

63 V Rip., titolo 9, classe 9-5, 1936, f. 10, relazione del 3 dicembre 1936.

64 Ivi, classe 4-3, 1935, f. 95, Sistemazione dei servizi pubblici più urgenti nei varii gruppi di case rapide e baracche in muratura, promemoria Ifacp per la V Rip.

65 Ibid.

66 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 2 aprile 1936. Fino al 1935 erano stati costruiti i collettori nei quartieri Appio-Latino, Tiburtino, Portuense, Monteverde, Marranella (un tratto), Gianicolense, Farnesina, Tuscolana, Balduina, Pozzo S. Pantaleo, S. Agnese; il completamento del collettore della Marranella era dato per imminente.

67 V Rip., titolo 9, classe 8-18, f. 19, nota dell’8 maggio 1935.

68 “Il Popolo di Roma”, Inconvenienti alla borgata Gordiani, 10 luglio 1935.

69 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, appunto dell’11 marzo 1936.

70 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 2 luglio 1936. Nella città il numero delle condotte mediche urbane era di 33, di cui 16 di carattere urbano-periferico; 25 erano invece le condotte mediche rurali, ivi, 1 ottobre 1936.

71 Sullo stato delle strade delle borgate Primavalle e Acqua Bulicante cfr. V Rip., titolo 9, classe 4-3, 1935, f. 95. Su Primavalle: «L’unica arteria sistemata manca di cunette. Occorre provvedervi. È poi da eseguire interamente qualche arteria secondaria e la sistemazione primordiale dei canaletti, briglie e scoli come nelle altre borgate per gli spazi interni». Su Acqua Bullicante: «Occorre sviluppare la rete delle stradette secondarie, sistemando i canaletti, gli scoli, le briglie ecc. in modo sia pure sommario, ma di pratica efficacia». Per Tor Marancio si veda l’articolo del “Popolo di Roma”, Per migliorare i servizi pubblici alla Garbatella, 10 luglio 1935, in cui si scrive che le strade «non sono altro che sconvolte strisce di terreno tra le nuove case, e mancano pure degli impianti di illuminazione». Per Gordiani e Teano la situazione della viabilità è stata descritta nel 2° capitolo.

72 Le zone interessate erano Flaminio, Parioli, Salario, Nomentano, Tiburtino, Tuscolano, Appio, Ostiense, Aventino, Monteverde, Prati, Trionfale, Monte Mario, cfr. ASC, Consulta di Roma, Verbali, 9 gennaio 1936.

73 Ater, Ods, 1941, n. 20, Alloggi convenzionati col Governatorato, 25 agosto 1941.

74 Costantini, Le borgate popolari cit., p. 236.

75 Borgata Gordiani e borgata Teano necessitavano di vasti lavori al sottosuolo sicuramente più dispendiosi che altrove. Anche le nuove borgate, comunque, non furono da meno: a Tiburtino III, ad esempio, l’avvio delle costruzioni richiese opere di sterro e l’innalzamento di due metri in alcuni punti del piano di campagna.

76 In proposito basti confrontare i contenuti dell’inchiesta parlamentare del 1951-52, Inchiesta sulla miseria in Italia (1951-1952). Materiali della commissione parlamentare, a cura di P. Braghin, Einaudi, Torino 1978, pp. 65-72, oppure il supplemento al bollettino statistico 1958, Comune di Roma, Ufficio statistica e censimento, Alloggi precari a Roma, p. 22. Le ultime tracce di casette provvisorie a Gordiani e Pietralata scomparvero nel corso degli anni Settanta. Un documento d’archivio ne conta 402 esemplari rimasti in piedi ancora nel 1971, ACS, MI, GAB, 1971-75, b. 299, Elenco concentramenti di baraccati da sistemare mediante acquisto ed affitto di alloggi economici da parte del Comune di Roma, 9 ottobre 1971.

Table des illustrations

Légende Programma ottobre 1936
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/109/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 193k
Légende Costruzioni al 20 giugno 1936
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/109/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 153k
Légende Nuovo programma ottobre 1936
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/109/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 87k

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search