Version classiqueVersion mobile

Le Borgate del fascismo

 | 
Luciano Villani

Parte I. Le nuove borgate popolarissime

Capitolo 3. Gli “intensivi” dell’Ifacp: Val Melaina e Donna Olimpia

Texte intégral

3.1 La mediazione del Ministero delle Finanze e l’avvio del ciclo 1930

  • 1 Bortolotti, Storia della politica edilizia cit., p. 147.
  • 2 Cfr. P. Salvatori, Alcune osservazioni su Roma operaia durante il fascismo, in Annale Irsifar 1996 (...)

1La crisi del ’29 non ebbe conseguenze drammatiche nel settore edilizio. Dopo un triennio in crescita, successivo alla flessione del 1927, gli anni 1931-32 videro un leggero calo nel prodotto netto, con una forte ripresa registrata già l’anno seguente1. Per l’Ifacp, l’inizio degli anni Trenta corrispose, all’opposto, al concatenarsi di tutta una serie di contingenze sfavorevoli. La concorrenza privata nell’offerta di case destinate alle fasce impiegatizie e nel contem.po l’intervento diretto del Governatorato nel campo degli alloggi minimi restrinsero sensibilmente il raggio d’azione dell’ente. Ed anche i sintomi della recessione non tardarono a manifestarsi, con l’aumento della morosità dell’inquilinato ordinario e di quello degli Alberghi, ma anche con le perdite dovute alla tendenza assunta dal movimento dell’inquilinato delle case economiche e di quelle a riscatto verso appartamenti di taglio minore e ceduti in affitto (i cosiddetti “sfitti”): riflessi sociali della crisi economica, che significò aumento della disoccupazione e forti riduzioni salariali, con relativa diminuzione delle capacità di spesa riservate alla casa da parte dei ceti popolari e impiegatizi2.

  • 3 Cfr. P. Nicoloso, Mussolini architetto. Paesaggio urbano e propaganda nell’Italia fascista, Einaud (...)
  • 4 Cfr. B. Regni, M. Sennato, L’Istituto per le Case Popolari di Roma nel periodo tra le due guerre: (...)

2L’Istituto poteva comunque contare sulle abilità direttive dei suoi uomini chiave. La coppia di vertice Calza Bini-Costantini seppe integrare in modo efficace l’insieme delle competenze vitali all’autoconservazione. Il primo, alla presidenza, svolgeva un ruolo eminentemente politico: assiduo frequentatore di Palazzo Venezia e uomo di fiducia del regime, vedrà ripagata la sua fedeltà con la nomina di senatore a vita nel 1943. Insieme a Piacentini e Foschini, in virtù del suo forte peso politico nella categoria, collezionò un altissimo numero di presenze in seno alle giurie dei maggiori concorsi pubblici di architettura, sebbene in molti dubitassero delle sue qualità di architetto3. Costantini, direttore generale dal 1918, rappresentava invece la continuità logistica dell’ente. Dotato di grandi capacità organizzative e professionali, fu elemento insostituibile alla guida dell’Istituto nel periodo tra le due guerre. Vero artefice delle iniziative Ifacp, aldilà della figura del presidente, guidò la ristrutturazione compiutasi dopo la prima guerra, con cui l’Istituto racchiuse al suo interno l’intero ciclo edilizio (progettazione, direzione, realizzazione) e condusse importanti sperimentazioni in campo tecnicocostruttivo nella ricerca sui materiali e le soluzioni autarchiche4.

  • 5 “Il Messaggero”, Il principe Boncompagni presenta al Capo del Governo il bilancio preventivo del G (...)
  • 6 Il 7 maggio 1930 si svolse la prima seduta del CdA nella nuova sede dell’Istituto, in via Lungotev (...)
  • 7 ASC, DG, n. 3397, 18 maggio 1932.
  • 8 Fino all’agosto del 1927 l’Istituto diede in consegna al Governatorato, in base alla convenzione d (...)

3Si è già osservato come l’Istituto, a metà degli anni Venti, ampliò il suo intervento prima ingaggiato dall’autorità cittadina per “liberare” e restaurare il Teatro di Marcello, poi incoraggiato a partecipare al programma delle case a riscatto. Le divergenze politiche e personali tra Calza Bini e Boncompagni interruppero una delle fasi di maggior intraprendenza dell’ente autonomo. Le cose cambiarono in fretta. Nel bilancio preventivo governatoriale del 1930 non figurava alcuna voce di spesa riferibile all’Istituto5. Quando poi il governatore prese atto del bilancio consuntivo Ifacp dello stesso anno, prospettante un minor utile di 145.032,58 lire rispetto al 1929, osò riprendere gli uffici di Lungotevere Tor di Nona6 proprio in merito alle scelte attuate nel lustro precedente. Tutto sommato si trattava di un lieve peggioramento, tale da non scuotere la solidità dell’ente, ma quanto bastava, sostenevano dal colle capitolino, ad «avvertire per un più attento esame sull’andamento della complessa gestione patrimoniale-economica dell’Istituto, specie in ordine alle attività collaterali da esso assunte. Il Governatore si augura che, ristretta l’azione dell’Istituto ai suoi primitivi compiti statutari, esso Istituto possa migliorare la propria situazione economica»7. Dall’ampliamento delle proprie funzioni operative, dunque, l’Ifacp si vide chiudere in via ufficiale i campi d’intervento acquisiti e in modo ufficioso anche quelli statutari, a parte la fornitura di alloggi per le opere di PR8.

  • 9 Ivi, 1929, lettera del 24 agosto 1929.
  • 10 “Il Popolo di Roma”, Case popolari e popolarissime, 29 agosto 1929.

4In particolare, i termini tassativi di restituzione del prestito di 50 milioni al Governatorato non consentivano lo svolgersi dei programmi costruttivi in armonia coi tempi previsti. A poco valevano le recriminazioni di Calza Bini: il suo posto di “osservazione e battaglia” era divenuto d’un sol colpo anche di “sofferenza”, come ebbe modo di scrivere a Bastiani, direttore del “Popolo di Roma”, nell’agosto 19299. In questa lettera, parte della quale trovò spazio nelle colonne del quotidiano10, il presidente dell’Ifacp lasciava intuire quale peso avessero le divergenze con Boncompagni, seppur tra le righe.

Eravamo dunque a questo punto [si riferisce all’erogazione del prestito, N.d.A.] quando l’avvento al Governatorato di Roma del principe Boncompagni […] riportava la questione sul primo piano nei rapporti tra l’Istituto ed il Governatorato. Pieni di fiducia e di ardore, conoscendo quali siano in proposito gli intendimenti del Duce, ci ponemmo dunque al lavoro per nuovi programmi e nuovi studi. […] E mentre S.E. il Governatore […] animava e incoraggiava con premi di costruzione gli industriali privati, all’Istituto si approntavano piani e progetti di grandi blocchi di case modestissime e popolarissime, non prive però di quella sana e semplice armonia di massa e di linea che non può e non deve mancare in ogni manifestazione edilizia dell’Italia Fascista. […] Se non che… se non che, amico Bastiani, tutta le buona volontà nostra si è spuntata sin qui avanti ad ostacoli insormontabili che neppure l’autorevole intervento del Governatore sembra poter superare.

  • 11 ASC, DG, n. 550, 9 febbraio 1933.
  • 12 Ivi, n. 6175 ter, 29 settembre 1934.
  • 13 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 15 giugno 1934.
  • 14 Bortolotti, La proprietà edilizia cit., pp. 752-3.

5Il consuntivo dell’esercizio 1931 vide un discreto miglioramento economico complessivo, ma anche l’accrescimento delle perdite per insolvenza delle pigioni, passate da 721.000 a 947.000 lire11. Le cose peggiorarono nel biennio successivo. Lo provano le cifre del bilancio consuntivo del 1932, con cui si certificò l’aggravamento del fenomeno dell’insolvenza, cresciuta fino a raggiungere la somma di 2.340.000 lire12, e quelle relative al consuntivo del 1933, che presentò una sensibile diminuzione delle risorse necessarie a coprire le spese di ammortamento dei mutui rispetto all’anno precedente13. Le entrate dell’Istituto subirono un ulteriore decurtazione con la riduzione degli affitti stabilita dal Governo nell’aprile del 1934, a un tempo fautore della liberalizzazione degli affitti, in sostegno alle richieste della proprietà edilizia, e indulgente nei confronti dei sacrifici economici dell’inquilinato, spesso difeso dagli stessi organi di stampa del partito fascista14. Tutti elementi che, combinati assieme, produssero una rapida contrazione dell’attività edilizia, nonché l’adozione di una serie di misure per contenere al massimo le passività.

  • 15 C. Cocchioni, M. De Grassi, La casa popolare a Roma. Trent’anni di attività dello Iacp , Kappa, Ro (...)

6Il ciclo del 1930 prevedeva 33 alloggi a riscatto a Villa Fiorelli15, il lotto 27 di Garbatella (208 appartamenti di cui 55 da completare) e 95 alloggi popolari in viale Jonio (Monte Sacro); infine i due gruppi popolari di Val Melaina e Donna Olimpia, 479 alloggi il primo e 534 alloggi il secondo.

  • 16 Ater, Allegati, 1930, n. 3, 26 giugno 1930.
  • 17 Ivi, Verbali del CdA, vol. 20, 1 marzo 1930.

7La somma prevista era di 41.065.000 lire e l’Istituto aveva ancora a disposizione 30 milioni del mutuo concesso dalla Cassa Nazionale Assicurazioni Sociali e 10 milioni di mutuo concessi dall’Istituto Italiano di Credito Fondiario. Sarebbe stato sufficiente, dunque, sbloccare la questione del prestito per consentire la ripresa dei lavori, convertendolo in un mutuo a lungo termine e ad un congruo interesse; ma Boncompagni fu inflessibile e respinse ogni trattativa. A garanzia della anticipazione dei 50 milioni era già intervenuto il Ministero delle Finanze. Calza Bini, forte dell’appoggio datogli dal capo del Governo, dopo il fallimento dei colloqui con il Governatorato cercò di nuovo la mediazione del Tesoro, il cui intervento conciliativo si tradusse nella convenzione firmata il 29 gennaio 193116. Con essa, l’Istituto si accollò un pari debito che il Governatorato aveva assunto nei confronti del Tesoro (relativo al contributo alle spese di Polizia Metropolitana), tacitando i rapporti di dare e avere tra l’ente e il Campidoglio. L’Istituto avrebbe così versato 50 milioni al Tesoro in rate semestrali per 35 anni ad un interesse del 5,5 %. L’operazione, conclusasi ad un tasso di interesse superiore a quello previsto, fu comunque valutata “conveniente”17: essa permise la prosecuzione del ciclo costruttivo, ritardando di un paio d’anni il totale punto di arresto dell’attività edilizia.

8Perlomeno gli impegni costruttivi del 1930 potevano dirsi avviati, se nonché anche in questo caso l’Istituto ebbe di che lamentarsi: essi giunsero in ritardo («non per colpa nostra», si difese Calza Bini, «le difficoltà finanziarie ci hanno paralizzato per tutto questo tempo»), rimanendo esclusi dai termini fissati per usufruire del contributo governatoriale di 1000 lire a vano stabilito dalle disposizioni sulle “case convenzionate”, interamente assorbito dall’edilizia privata. Da questo punto di vista, il rallentamento dell’attività dell’Istituto appare significativamente proporzionato alla creazione di uno spazio di intervento sul terreno della casa popolare per l’iniziativa imprenditoriale dei costruttori privati, uno spazio che occupò un posto di rilievo, fino ad allora tenuto dall’Ifacp, nel bilancio del Governatorato.

  • 18 Ivi, vol. 22, 18 dicembre 1931.

9Le prime assegnazioni per Garbatella e viale Ionio, decise tramite sorteggi e integrate dalle nomine discrezionali di Calza Bini, si effettuarono il 29 ottobre 193118. I complessi meccanismi delle assegnazioni e dei sorteggi tradiscono aspetti che, forse più di altri, chiariscono la natura fascista dell’ente per le case popolari; forniscono inoltre una chiave interpretativa per classificare almeno alcune delle caratteristiche dell’inquilinato Ifacp. L’analisi delle assegnazioni di Val Melaina e Donna Olimpia consente di entrare nel merito di un discorso finora rimasto oscuro nella trattazione degli argomenti relativi all’edilizia popolare cittadina tra le due guerre.

3.2 Caratteristiche dei blocchi intensivi dell’Istituto e spunti di analisi sulle assegnazioni degli alloggi

  • 19 Insolera, Roma moderna cit., p. 139 sgg. Una distinzione tra i blocchi intensivi e le borgate, olt (...)

10Eredi della ricerca tipologica che portò alla realizzazione degli alberghi suburbani, i gruppi popolari di Val Melaina e Donna Olimpia sono generalmente menzionati nel novero delle borgate fasciste. In particolare il complesso di unità d’abitazione di Val Melaina si è soliti comprenderlo nell’enumerazione delle dodici borgate ufficiali nate durante il ventennio, posticipandone per altro i tempi di realizzazione, avviata secondo Insolera dopo il 193519. Non che non vi fossero analogie con le altre borgate: la lontananza dalla città, la mancanza o l’incompletezza delle infrastrutture primarie e, in larga misura, la tipizzazione sociale dei destinatari degli interventi ne sono un esempio. I due insediamenti popolari dell’Ifacp, tuttavia, posseggono caratteristiche architettoniche e costruttive profondamente diverse dalle altre borgate, così come diversi furono i soggetti attuatori.

11Il mancato rilevamento della distinzione tra borgate governatoriali e progetti dell’Ifacp, ha portato a individuare come unica variante nella storia delle borgate il passaggio compiuto a metà anni Trenta dalla tipologia della “casetta minima” alle “case” (edifici formati da tre o quattro piani) e da queste, dopo il 1937, ai “palazzi” (edifici a cinque piani), a cui, si suppone, corrisponderebbero anche diverse categorie sociali (poveri, disoccupati, sfollati nei “lotti”, l’eterogenea popolazione della periferia romana nelle “case”, privilegiati e raccomandati nei “palazzi”). Si tratta di una lettura che, pur cogliendo l’importanza del rapporto tra qualità edilizia e soggetto beneficiario, centrale nella politica gestionale delle borgate intrapresa dall’Istituto dopo il 1935, corre il rischio di assolutizzare un determinato aspetto evolutivo nella realizzazione degli edifici popolari, corrispondente grosso modo alla loro elevazione, per cui, per così dire, la fase delle casette minime non ammetterebbe anche altre tipologie, così come il passaggio ai palazzi chiuderebbe l’epoca delle casette minime. Vedremo come sia l’una che l’altra ipotesi risultino infondate: i gruppi popolari di cui ci stiamo occupando, contemporanei alle casette minime, sono formati da edifici a sette, ma anche nove piani, mentre, appena prima e durante la guerra, torneranno ad essere sperimentate le casette a un solo piano.

  • 20 Das Neue Frankfurt 1926-1931, a cura di G. Grassi, Dedalo, Bari 1975, pp. 338- 344, cit. in G. Con (...)

12Nelle borgate Val Melaina e Donna Olimpia, realizzate tra il 1930-32, l’Istituto operò in conformità alle scelte edilizie del momento, ricorrendo allo schema della tipologia intensiva. Voci autorevoli a sostegno delle case “alte” e della centralità urbana emersero al III Congresso internazionale di architettura moderna, tenutosi a Bruxelles nel novembre 1930. La fabbricazione intensiva oltre ad abbassare i costi relativi a strade e servizi permetteva di sfruttare le possibilità e i vantaggi economici offerti dalle acquisizioni tecnologiche e dai nuovi metodi costruttivi. «Le due forme fondamentali (case basse o alte) non sono buone o cattive forme in sé, ma le loro diverse caratteristiche richiedono applicazioni diverse», sostenne in una famosa conferenza Walter Gropius, da molti considerato il padre del Movimento Moderno in architettura20.

  • 21 Bortolotti, La proprietà edilizia cit., pp. 766-7.

13In quello scorcio di tempo, andava modificandosi il quadro delle forze che governavano il processo edilizio. Iniziava a fare “passi da gigante” l’integrazione fra rendita e profitto, concentrata nelle imprese edilizie costruttrici in possesso anche di grandi estensioni di terreno. Cresceva enormemente il peso delle grandi società che investivano nel mercato immobiliare in sostituzione degli operatori tradizionali (capitale industriale, istituti previdenziali e assicurativi), mentre si espandeva il ricorso al credito edilizio21. In questo nuovo contesto, i grandi operatori immobiliari puntarono allo svolgimento di un’attività edilizia di tipo “promozionale”: misero a disposizione dei programmi di edilizia agevolata terreni di pregio ridotto, sfruttabili con la tipologia della grande scala, che avrebbero innescato la valorizzazione delle aree rimanenti, destinate a tipi edilizi di qualità medio alta, col concorso dell’intervento pubblico per quanto riguardava l’impianto infrastrutturale.

  • 22 Cfr. Cuccia, Urbanistica edilizia infrastrutture di Roma capitale cit., p. 126.
  • 23 Cfr. Colasante, 1925-1981: la città legale cit., p. 252. Le imprese vincitrici degli appalti dei f (...)

14È quel che accadde a Roma con le “case convenzionate”, operazione esemplare che testimoniò l’avvenuta consegna alle grandi società immobiliari di un ruolo da protagoniste nelle vicende dello sviluppo edilizio e del modificarsi del paesaggio urbano, quindi sotto il profilo economico ed estetico. L’iniziativa ebbe un forte risvolto simbolico, con la realizzazione di superblocchi che reclamizzavano la formula del condominio e l’ingresso della grande impresa costruttrice sulla scena urbana22. Il tema del “casermone” si inserì dunque in un discorso architettonico collaudato, nel quale l’Istituto si mosse con l’ausilio della grande impresa appaltatrice – la sola capace di sostenere le dimensioni della grande scala – contribuendo anch’esso a sostenere il rilancio di un settore già al centro delle provvidenze governatoriali23.

  • 24 Villa Pamphili venne aperta al pubblico nel 1972, dopo una battaglia di cui fu protagonista l’asso (...)

15La borgata di Donna Olimpia sorse all’interno del quartiere Gianicolense, compreso tra l’Aurelia Antica e via Portuense, nel quadrante sud-ovest della città. È uno dei quartieri con maggior presenza di verde a Roma, invidiabile lascito delle tante ville signorili che costellano la zona, tra cui Villa Doria Pamphily e Villa Sciarra, entrambe, a partire da epoche diverse, aperte al pubblico24. La propaggine meridionale del Gianicolo è chiamata comunemente Monteverde, dal particolare colore del tufo che sin dall’epoca antica si estraeva dalle cave esistenti nella collina. Gli abitanti utilizzano il toponimo Monteverde riferendosi, di fatto, all’intero quartiere, il quale a sua volta delimita una parte “vecchia” e una “nuova”. Le due parti, nonostante siano state definitivamente congiunte dal boom edificatorio degli anni Sessanta e Settanta, continuano a definire una geografia locale diffusasi nel corso dei primi decenni del secolo passato, divenuta di uso comune e rispettata ancora oggi.

  • 25 Comune di Roma – XVI Circoscrizione, Sviluppo storico ed urbanistico, piano regolatore ed aspetti (...)
  • 26 Cocchioni, De Grassi, La casa popolare a Roma cit., p. 234. Cfr. anche I Rioni e quartieri di Roma(...)
  • 27 Le quattro palazzine comprese tra via Dandolo e via Casini, firmate da Sabbatini e di alta qualità (...)

16Cosicché a est di via di Donna Olimpia si trova Monteverde “vecchio”, raggiunto per primo dallo sviluppo edilizio25, negli anni Dieci, con la diffusione di case e villini allineati lungo le vie Fratelli Bandiera, Aurelio Saffi, Lorenzo Valla e Felice Cavallotti. Dopo un intervento dell’Incis in via Regnoli, via Sprovieri e via Giovagnoli, anche l’Ifacp ebbe modo di intervenire in questa parte di Monteverde, nel 1929, con gli alloggi economici a riscatto prospicienti via dei Quattro Venti, via Bolognesi, via Bricci, e con il lotto di via Algardi costituito da tre palazzine accostate, con partiti decorativi più semplici ma ugualmente raffinato26. Operò poi nei pressi di Villa Sciarra, con le lussuose case in conto terzi nelle vie Calandrelli, Dandolo e Casini27. Il tessuto edilizio del quartiere, dunque, già negli anni Trenta era di tipo residenziale, con un’impronta decisamente borghese.

  • 28 Cfr. Liberi. Storie, luoghi e personaggi della Resistenza del Municipio Roma XVI, a cura di A. Pom (...)
  • 29 Sulla tipologia della palazzina, simbolo del “modo di abitare urbano” della Roma borghese, si veda (...)

17La parte di Monteverde “nuovo” conservò i tratti del paesaggio agricolo sino all’inizio degli anni Venti. Intorno a quell’epoca, iniziò uno sviluppo edilizio anch’esso connotato in senso benestante, con la lottizzazione della zona intorno a largo Ravizza e la comparsa di un esteso gruppo di villini in stile tardo-liberty che, schierati lungo via Antonio Cerasi, proseguivano attraversando l’attuale Circonvallazione Gianicolense fino alla fine di via Giulia di Gallese. Il tessuto edilizio a villini, ad opera di società cooperative composte da funzionari statali28, è stato in parte stravolto dal successivo trionfo della tipologia a palazzina29, specie nel tratto di via Cerasi e nelle strade attorno.

  • 30 “Grattacieli” è il nome con cui gli abitanti di Donna Olimpia chiamano gli edifici

18Rispetto a queste porzioni di tessuto edificato, i “grattacieli”30 dell’Istituto sorsero isolati, al confine tra le due parti di Monteverde, al fondo di una valle raggiunta da un sentiero percorribile dal cosiddetto Ponte Bianco. Il ponte, sovrastante la ferrovia che portava a Viterbo, fu costruito nel 1929 per rendere accessibile da Trastevere l’Ospedale del Littorio (l’attuale San Camillo). Non vi era contiguità urbana tra la parte popolare e quelle riservate ai ceti medi e signorili. Attorno ai “grattacieli” vi sarà il vuoto fino al secondo dopoguerra, o meglio, un susseguirsi di prati, marrane, fossati, lunghe file di canneti, pochi casolari e un paio di osterie di campagna. Tale si presentava il paesaggio naturale del luogo, chiamato “Valle dei Canneti”, i cui tratti morfologici piuttosto desolanti producevano una percepibile sensazione di marginalità, accentuata dal contrasto tra lo stato selvatico dell’ambiente e la pesantezza, le masse ingombranti costituite dai palazzoni popolari.

  • 31 Cfr. M. Munari, Roma 1930-1938: le case “popolarissime” di Villa Pamphily, in «Edilizia popolare», (...)

19I primi edifici, progettati da I. Sabbatini e contrassegnati dall’Istituto col nome Pamphili I, furono terminati nel 1932. Il complesso è formato da tre lotti, le cui caratteristiche principali risiedono nella maggiore altezza dei fabbricati (elevati sino a nove piani, oltre il limite consentito dal Regolamento Edilizio allora vigente) e nelle soluzioni proposte per le scale di disimpegno, i cui criteri di progettazione si ispirarono al concetto della prosecuzione in salita della strada pubblica. Le porte di ingresso degli alloggi si affacciano direttamente sull’esterno attraverso le scale a giorno. Ogni piano serve un grande numero di alloggi, fino a sei per piano, una concentrazione sin troppo elevata che in effetti è all’origine di gravi alterazioni, riscontrabili soprattutto nell’impostazione dei criteri distributivi31.

20L’edificio A del lotto III del gruppo I, ad esempio, è formato da tre bracci distribuiti dallo scalone centrale (una struttura cilindrica con logge), ognuno dei quali ospita due alloggi per piano tutti di uguale ampiezza, due vani più accessori. Ma la disposizione dei singoli alloggi impedisce nella maniera più assoluta la doppia esposizione e, quindi, una corretta ventilazione, uno dei principi cardine della moderna igiene edilizia. Gli alloggi hanno di regola un unico ambiente destinato a pranzo, soggiorno e cucina, e un unico ambiente letto, mentre la cella dei servizi igienici è estremamente stretta e disagevole. Nel caso del gruppo II (1938) essa è distribuita direttamente da un vano abitativo, senza il minino disimpegno.

21Quasi tutti gli appartamenti sono di piccolo taglio, una o due camere più accessori (cucina e bagno), pochi gli alloggi composti da tre camere e pochissimi quelli da quattro. Gli affitti richiesti, pur non essendo eccessivamente alti (dalle 50 alle 80 lire al mese per gli alloggi da uno o due vani, 80-120 lire per quelli da tre vani, fino alle 130-135 lire per quelli da quattro camere), rappresentavano un sacrificio non indifferente per una popolazione composta in maggioranza da ceti umili.

  • 32 Ater, Allegati, 1928, Regolamento per le assegnazioni di alloggi, gennaio 1928.
  • 33 Ivi, 1922, Regolamento per gli inquilini, 28 settembre 1922.

22Come ormai accadeva da tempo, non tutti gli appartamenti furono assegnati mediante sorteggio. Il Regolamento per le assegnazioni del 1928 introdusse la distinzione tra alloggi ordinari e vincolati, i primi destinati ai cittadini in regola con le disposizioni fissate dal Regolamento, i secondi riservati a finalità specifiche32. Va detto che il Regolamento precedente, approvato nel settembre 1922, prevedeva criteri più restrittivi in materia di assegnazioni vincolate. Le preferenze a categorie particolari di cittadini erano vietate dall’art. 11, che derogava da questo principio solo in alcuni casi di volta in volta sottoposti al parere del CdA33.

23Con il nuovo Regolamento, le opzioni di vincolo sul patrimonio messo a disposizione dall’ente subirono un’estensione. All’interno della categoria ora rientravano le convenzioni riferite a costruzioni in conto terzi, in affitto o riscatto, le convenzioni con il Governatorato per demolizioni o sbaraccamenti, gli accordi con l’amministrazione cittadina per la gestione dei ricoveri per sfrattati, casette comunali o per la costruzione di borgate rurali. L’insieme di questi fabbisogni finiva col prosciugare buona parte degli alloggi che di volta in volta entrava in reddito. L’elenco citato, nel riassumere i campi d’intervento ricoperti dall’Istituto, mostra come buona parte della sua produzione non incidesse affatto nel rapporto tra alloggi costruiti e aumento della popolazione, destinata com’era a sostituire abitazioni esistenti. Il nuovo Regolamento prevedeva la possibilità di destinare a speciali assegnazioni anche gli alloggi ordinari (citato l’esempio di alloggi riservati per prelazioni contrattuali a dipendenti di Enti o Società), sempre che vi fossero giustificazioni di ordine morale o di convenienza. Se si sommano le assegnazioni discrezionali del presidente, fissate nella misura del 15 % sugli alloggi ordinari annui, esclusi quelli che comunque potevano essere ceduti in via discrezionale a dipendenti e impiegati dell’Istituto, ci si rende pienamente conto di quanto scarse fossero le possibilità di beneficiare di una casa popolare da semplice aspirante. L’assegnazione degli alloggi vincolati e non del gruppo Pamphili I fornisce a riguardo una tangibile prova.

  • 34 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 marzo 1932. La cifra di alloggi indicata è in realtà 509, ma som (...)
  • 35 La formazione degli elenchi per i trasferimenti ordinari, redatti al termine di una complessa proc (...)
  • 36 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 4 febbraio 1932.

24Nei verbali del CdA, il numero degli appartamenti conteggiati per le assegnazioni si riduce a 506, rispetto ai circa 540 effettivamente costruiti34. Solo 300 alloggi si assegnarono tramite sorteggio, sui restanti 206 furono esercitate le facoltà di vincolo esposte nel Regolamento. Cinquanta alloggi furono destinati a famiglie scelte tra quelle dimoranti negli Alberghi della Garbatella; altri 35 vennero assegnati per trasferimenti di carattere ordinario35, 20 per trasferimenti d’ufficio (decisi unilateralmente dall’amministrazione e finalizzati al proporzionamento dell’alloggio alle capacità economiche dell’inquilino e al recupero delle morosità arretrate), 12 alloggi furono assegnati per “prelazioni contrattuali” a dipendenti Teti, del Ministero degli Esteri, della cooperativa Tranvieri. Accadde poi che nel febbraio del ’32 il Ministero dei LL.PP. chiese di accelerare lo sgombero del ricovero per sfrattati San Calisto in Trastevere, per poterlo riconsegnare alla Santa Sede. La richiesta fu accolta, soprattutto per la «benevolenza sempre dimostrata dal Ministero » nella concessione di speciali contributi (l’ultimo, promulgato spontaneamente poche settimane prima, di 180.000 lire), e comportò un impegno di 50 alloggi36. A questi se ne aggiunsero 16 per assegnazioni del Governatorato, mentre 23 furono le attribuzioni facoltative di Calza Bini, pari a circa il 4,5 % del totale.

  • 37 Si veda ad esempio lo scritto di P. Della Seta, Far politica da abusivi, in La metropoli spontanea(...)

25La maggior parte degli assegnatari di Donna Olimpia era costituita da famiglie povere e poverissime; tuttavia, la composizione originaria della popolazione residente sembrerebbe marcare qualche lieve differenza rispetto a quella delle borgate governatoriali, le quali, come abbiamo visto, raccoglievano gli elementi collocati all’ultimo gradino della scala sociale. Le presenze riportate suggeriscono una correzione, anche se parziale, dell’assunto convenzionale che vorrebbe le borgate abitate in via esclusiva da soggetti sottoproletari, per giunta oppositori del regime37. Accanto agli sfrattati del San Calisto e alle famiglie provenienti dagli Alberghi, figurano i beneficiari dei trasferimenti, dunque già inquilini dell’Istituto. È ipotizzabile per essi un tenore di vita piuttosto modesto, ma probabilmente sufficiente ad inserirli nel contesto socioeconomico cittadino. Pur non disponendo di informazioni a riguardo, è lecito supporre che questi, come gli assegnatari decisi dal Governatorato, avessero le carte in regola per usufruire di un alloggio popolare (un reddito seppur minimo, regolare posizione anagrafico-penale, famiglia legalmente costituita, buona condotta politico-morale). Ugualmente si può ragionare per i dipendenti pubblici o di società private, mentre, pur non ammettendo dubbi sul fatto che i raccomandati di Calza Bini fossero fascisti di provata fede, nulla sappiamo della loro estrazione sociale.

26Un discorso a parte meritano i trasferiti d’ufficio, in quanto per loro si può facilmente presumere un peggioramento delle condizioni economiche nel tempo, tale da rendere non più sopportabile il costo di un’abitazione di maggior qualità e ampiezza. Gli sfrattati del San Calisto e i nuclei degli Alberghi, invece, migliorarono la loro situazione abitativa: per quanto umili fossero, i caseggiati dell’Istituto assicuravano riservatezza e conforto superiori a quanto potesse offrire un ricovero. Essi lasciarono le strutture collettive nelle quali erano stati traslocati perrientrare finalmente in possesso di una casa vera, anche se molto piccola e lontano dalla città.

  • 38 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio degli alloggi di tipo popolare nel gruppo di Villa P (...)

27I sorteggi con cui si misero a disposizione i rimanenti 300 alloggi si effettuarono il 15 aprile 1932. Anche in questo caso è essenziale riferirsi al Regolamento del 1928 per poter analizzare i dati delle tabelle riassuntive contenute nel registro di assegnazione38. Anzitutto, per concorrere ai sorteggi occorreva che i capifamiglia, e i familiari al seguito, fossero in regola con i requisiti d’ordine anagrafico, penale, catastale ed economico stabiliti dal Regolamento. Figuravano tra questi: cittadinanza italiana, famiglia legalmente costituita, stato penale negativo, buona condotta civile e politica, non essere proprietari di fabbricati e alloggi nel territorio del Governatorato di Roma, possedere un reddito derivante dal proprio lavoro contenuto in limiti tali da giustificare il beneficio. L’articolo 19 elencava il corredo di documentazione necessaria all’invio della domanda, tra cui il certificato penale rilasciato in data non anteriore ai tre mesi, solitamente richiesto a tutti i componenti maschi maggiorenni. Per i funzionari pubblici era sostituibile da una dichiarazione dell’amministrazione cui il funzionario apparteneva. I funzionari pubblici erano inoltre esentati dal rispettare un altro requisito basilare introdotto col Regolamento del ’28, l’iscrizione nel registro anagrafico di Roma da almeno tre anni pena l’esclusione dal concorso. Si trattava di un ulteriore inasprimento delle restrizioni volte ad impedire la sistemazione regolare degli immigrati giunti in città: il vecchio Regolamento, infatti, si limitava ad osservare un criterio di precedenza per le famiglie residenti a Roma da almeno tre anni, senza scartare le altre.

28Con l’articolo 21 si disponevano ampi accertamenti d’ordine materiale, morale, sociale, politico; i partecipanti al concorso avevano l’obbligo di consentire l’accesso al loro domicilio, l’ispezione dettagliata di questo, se necessaria, e di fornire ogni tipo di informazione richiesta dagli incaricati. L’articolo 23 ritornava sulle motivazioni che potevano provocare l’esclusione dal concorso: stabilita ad insindacabile giudizio degli organi decisionali dell’ente, poteva essere definitiva o transitoria, a seconda delle circostanze che l’avevano causata. Tra gli esclusi a priori, si citavano gli sfrattati per morosità quando la pigione non eccedeva 1/3 del reddito complessivo familiare. L’esclusione era prevista sia per gli aspiranti con reddito elevato, tale da non giustificare un effettivo stato di bisogno, sia quando le condizioni di reddito «non garantivano sufficientemente l’Amministrazione della regolare corrisposta dei pagamenti dovuti».

  • 39 Ibid.

29Si può affermare, quindi, che il grosso della scrematura per impedire l’accesso negli stabili dell’Istituto a persone ritenute “poco raccomandabili” avvenisse a monte. Immigrati, sediziosi, disoccupati inveterati, non avevano alcuna possibilità di essere ammessi alla fase concorsuale e, molto probabilmente, si astenevano dal compilare e spedire la documentazione prevista. Lo conferma il basso numero di domande pervenute per questi concorsi, Pamphili I e soprattutto Val Melaina, rispettivamente 1592 e 607. In un secondo tempo, agivano i controlli preliminari all’accettazione delle domande, coi quali si respingevano le istanze di eventuali reticenti, truffatori, indesiderati. Tra le domande pervenute per le case di Donna Olimpia, ad esempio, 78 vennero escluse dopo i controlli preliminari, di cui 68 per categoria A, cioè difetto dei requisiti regolamentari (triennio minimo di iscrizione anagrafica, illegittimità di stato anagrafico, certificato penale positivo, proprietà di alloggi o fabbricati) e 10 per categoria B, cioè futuri assegnatari per conto del Governatorato39.

  • 40 La I categoria era formata da famiglie con almeno 3 persone di a) sfrattati con famiglia suddivisa (...)
  • 41 Sul “grande evento rigeneratore” della guerra come presupposto fondamentale dell’ideologia fascist (...)
  • 42 «La base originaria dell’ “uomo nuovo” fascista fu dunque il combattente della Grande Guerra, che (...)

30Il meccanismo procedurale del sorteggio, infine, era impostato sulla centralità del merito patriottico, uniformato cioè ai valori ideologici propagandati dalla nuova religione laica introdotta dal regime, e funzionava in modo da avvantaggiare determinate categorie di cittadini. Esso prevedeva prima la suddivisione delle domande in tre categorie, stilate sulla base dei diversi stati di bisogno40; per ogni categoria si formavano poi quattro gruppi, nei quali le domande prescelte venivano inserite sulla base delle benemerenze patriottiche acquisite dai candidati. Il I gruppo risultava composto da minorati di guerra o minorati fascisti, genitori o vedove di caduti in guerra o caduti fascisti; il II gruppo da decorati al valor militare e volontari di guerra; il III gruppo da ex combattenti; infine il IV gruppo da tutti gli altri aspiranti della categoria. Così concepito, il Regolamento esaltava la logica selettiva ed educativa entro cui si elargiva il beneficio della casa: i primi tre gruppi convogliavano al proprio interno i legittimi figli della “nuova Italia”, rigenerata dalla guerra, dal sacrificio dei martiri e dalla “rivoluzione fascista”41. I requisiti per farne parte, ritagliati su misura delle virtù marziali che ogni buon servitore dell’ “idea” avrebbe dovuto vantare nel proprio curriculum, designavano una via privilegiata all’ottenimento della casa popolare. All’assegnazione degli alloggi di ogni elenco concorrevano tutte le domande classificate per il corrispondente numero di stanze. Gli alloggi venivano distribuiti fra le tre categorie in percentuali predeterminate (il 60 % alla I categoria, il 30 % alla II categoria, il 10 % alla III categoria) e, all’interno di queste, il quantitativo di alloggi spettante a ciascuna categoria si suddivideva così fra i quattro gruppi: 15 % al I, 10 % al II, 25 % al III, 50 % al IV gruppo. In sostanza, il 50 % degli alloggi era riservato per regolamento ai cittadini che in qualche modo avevano servito la causa nazionale e, di conseguenza, quella del fascismo, il cui comportamento sociale sembrava aderire maggiormente ai valori patriottici e di mobilitazione diffusi dal regime. Era stata l’esperienza della guerra infatti a fondere i miti della rigenerazione degli italiani e del radicalismo nazionale, raccolti poi dal fascismo per consacrarli alla necessità della “rivoluzione italiana”42, fino ad inglobarli nella propria ideologia e nei propri rituali.

31In realtà, all’atto pratico, le percentuali indicate si allargavano a favore degli aspiranti generici, quelli del IV gruppo, forse per la bassa percentuale di domande collocabili nei primi tre gruppi rispetto a quelle raggruppate nel quarto. Il calcolo delle probabilità, comunque, svela chiaramente il sostegno fornito ai possessori dei patri riconoscimenti, che insieme non superavano mai il numero dei pretendenti del IV gruppo. Ai sorteggi per i 300 alloggi di Donna Olimpia (di cui 90 di un vano, 160 di due vani, 40 di tre vani e 10 di quattro vani) si ammisero 1514 domande, tutte di I categoria. Al I gruppo andarono 43 alloggi su 135 domande, con un indice di probabilità di 3,13. Al II e III gruppo si assegnarono 47 alloggi su 192 domande, con un indice di probabilità pari a 4,08. Infine per il gruppo degli aspiranti generici vennero estratte 210 domande su 1187 partecipanti al sorteggio, con un indice di probabilità di 5,65, il più alto.

32Come se non bastasse, un ultimo e decisivo filtro era previsto a valle.

  • 43 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio cit.
  • 44 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 dicembre 1931.

33Nel discorso di apertura delle operazioni di sorteggio, Calza Bini fece cenno agli «accertamenti domiciliari, penali e politici da eseguirsi per rendere definitive le assegnazioni sorteggiate»43. I casi di annullamento quasi sempre avvenivano per motivi risalenti ai precedenti politici e penali degli assegnatari e colmati con le nomine del presidente44. Si vedrà come, nel corso dei successivi anni, le procedure del Regolamento saranno più volte accantonate, sostituite quasi interamente dalle scelte discrezionali del presidente o della “commissione aggiudicatrice” che procedeva in luogo dei sorteggi, nonostante l’entrata in vigore del Regolamento Nazionale del 1937.

  • 45 Oltre alla diffidenza suscitata nel porre domande sull’assegnazione degli alloggi, i tentativi di (...)

34Oggi, girovagando tra i cortili dei “grattacieli” è ancora possibile fiutare preziose tracce con cui ricostruire storie e profili personali dei primi assegnatari. Con pazienza ed estrema discrezione, si è proceduto ad un confronto tra i nominativi che compaiono sui registri delle assegnazioni con quelli dei citofoni, rilevando la presenza di un buon numero di casi di trasmissione in via “ereditaria” dell’alloggio popolare (un numero che per ogni scala varia da uno fino a sei, tenendo conto del fatto che si è in possesso dei soli nominativi dei sorteggi e non di quelli delle assegnazioni vincolate). Per fugare il sospetto di casuali quanto improbabili omonimie (quando a coincidere oltre al cognome c’è il lotto, la scala e l’interno… ) si è resa necessaria l’operazione più ardua, fare cioè la conoscenza di figli e nipoti dei vecchi borgatari. Si tratta di un’impresa complicata, la cui riuscita è subordinata a tutta una serie di variabili e imprevisti difficili da aggirare45. Tuttavia, in qualche occasione è stato possibile avvicinare gli attuali residenti e riscuotere utili notizie sui loro congiunti, ormai scomparsi, specie sui motivi delle assegnazioni e sui mestieri esercitati. Queste informazioni sembrerebbero confermare alcune delle ipotesi sin qui tracciate, data la presenza di muratori, custodi, lavoratori di officine meccaniche, ma anche ferrovieri e impiegati ministeriali (in due casi del Ministero della Marina), con assegnazioni avvenute per stato di bisogno ma dovute anche al possesso del titolo di “grande invalido”, “decorato” ecc.

  • 46 Sulla Città Giardino Aniene, V. Fraticelli, Roma 1914-1929. La città e gli architetti tra la guerr (...)

35Come gli edifici di Donna Olimpia, anche il grande complesso di Val Melaina venne innalzato in mezzo alla campagna, sul lato sinistro della città-giardino Aniene, il primo nucleo abitativo del quartiere Montesacro, realizzato a partire dal 1920 dal “Consorzio città-giardino”, formato dall’Istituto case popolari e dall’Unione edilizia nazionale, in seguito soppressa. Situata tra la Salaria e la Nomentana, la Città giardino nacque sulla base di un piano unitario progettato da Gustavo Giovannoni, cui si deve lo stile “barocchetto” delle architetture; il piano riprendeva lo schema della “garden-city”, in cui autonomia dalla città e basse densità abitative, ottenute dall’impiego della tipologia del villino, ne costituivano i tratti principali. Anche in questo caso la caratteristica estensiva del quartiere è stata man mano aggredita dalle sostituzioni edilizie successive a più alte cubature, fino ad essere totalmente inglobato dalla città in una fitta maglia completamente edificata46. L’Istituto fu il promotore di altre iniziative edili nel quartiere, con varie tipologie: i semi-intensivi economici di viale Gargano n. 5, le case popolari a riscatto di via Monte Meta e via Monte Rosa, le case economiche a riscatto costruite sempre in viale Gargano e via Monte Cimone, le case popolari costruite in conto terzi per la coop. “Nucleo Cartiere Aniene” in viale Gottardo, le palazzine popolari di viale Ionio costruite nel 1930 (ingresso al civico 244). I tipi edilizi adiacenti a piazza Sempione (le case di viale Gargano e quelle a riscatto di Monte Meta e Monte Rosa) riprendono alcuni motivi architettonici della Città giardino, caratterizzandosi soprattutto per via delle basse cubature e la presenza del verde.

  • 47 Cfr. G. Remiddi, A. Greco, A. Bonavita, P. Ferri, Il moderno attraverso Roma. Guida a 200 architet (...)
  • 48 “Grattacieli” è il nome con cui gli abitanti di Donna Olimpia chiamano gli edifici
  • 49 Ceroni, Roma nei suoi quartieri cit., pp. 138-9.

36L’intervento di Val Melaina è composto da fabbricati a sette piani che insieme formano un’imponente unità abitativa per circa 2500 persone, disposta a blocco chiuso lungo il perimetro del lotto a delimitare un ampio cortile interno. Il complesso, in tutto 14 scale, riprende il tema del falansterio, unitario ed accentrato, sebbene la compattezza degli edifici e la loro regolarità coesistano con un interessante gioco di volumi offerto dalle soluzioni adottate dai corpi scala, innalzati a formare una sorta di “città turrita”47. Gli schemi distributivi degli alloggi di Val Melaina sono pressappoco identici a quelli di Donna Olimpia, talvolta con qualche piccolo vantaggio. Alcuni appartamenti, anche se piccoli, formati da una camera da letto (4 per 3,75 m), una cucina (4 per 3,75 m) e uno stretto locale per il bagno – distribuiti da un corridoio che funge anche da ingresso – contengono l’alcova di cucina e il balcone. La scelta di dislocare i fabbricati in una zona non raggiunta dallo sviluppo urbano comportò l’impiego di spese ragguardevoli per fornire il quartiere dei servizi necessari. Le scarsissime fonti coeve (gli articoli del “Messaggero” di Guglielmo Ceroni e le pagine del suo libro) pongono l’accento sulla logica speculativa con cui i promotori privati acquistarono nella zona ampi lotti di terreno dal costo esiguo, in quanto collocati distanti dalla città, il cui incremento di valore fu innescato dal successivo intervento sovvenzionato e municipale48. Nel libro del 1942, però, Ceroni nemmeno cita l’Istituto di Calza Bini: dalle sue parole sembra quasi che la borgata sia sorta per effetto di qualche prodigio («è sorta d’improvviso, senza che quasi se ne sospettasse la nascita imminente», oppure «Sorto quasi improvvisamente, d’un tratto il Governatorato si è trovato di fronte alla necessità di provvedere ai bisogni di ben 3000 abitanti»). A circa dieci anni dalla sua costruzione, il giornalista era comunque costretto ad ammettere che Val Melaina «non è una zona nata sotto auspici molto felici: né è la prova il fatto ch’essa è rimasta qual era nel vasto panorama della pianura e dei prati»49

  • 50 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio degli alloggi di tipo popolare ne l gruppo di Val Me (...)
  • 51 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 dicembre 1931.
  • 52 Salsano, Il ventre di Roma cit., p. 184.
  • 53 Ibid.

37Per stabilire chi abitò le prime case della borgata, oltre che delle fonti primarie consultate presso l’Ater50, ci si può servire delle indicazioni scaturite dalla ricerca di Salsano. L’impressione è che la componente sottoproletaria a Val Melaina fosse decisamente maggioritaria. Nei verbali del CdA si citano, senza una quantificazione precisa, i fabbisogni urgenti cui si fece fronte con una parte degli alloggi del complesso intensivo: abbattimento di un certo numero di “casette comunali” di Castrense e Porta Metronia, sbaraccati di Portonaccio, trasferimenti ordinari e d’ufficio, questi ultimi nei confronti di «morosi che in questo momento non possono essere eliminati dalle nostre case»51. A questi fabbisogni, possono aggiungersi una ventina di assegnazioni a sfrattati per opere di PR nell’area dei Fori Imperiali (via Cremona, via del Priorato, via Bonella, via della Croce Bianca), danneggiati in primo luogo dall’aumentata distanza dalla città storica e, di conseguenza, dalla propria sede lavorativa trattandosi, ad esempio, di impiegati statali52; Salsano inoltre accenna alla presenza di un buon numero di sbaraccati provenienti da vari addensamenti spontanei (borghetto di Vigna Mangani, via Nomentana, via Casilina, via della Cisa, via del Pigneto, via Cassia Nuova), tanto da considerare il complesso di Val Melaina «un raro caso di fabbricato intensivo costruito per famiglie appartenenti al sottoproletariato urbano»53.

  • 54 Per alloggi di una camera si intendono appartamenti formati da un ambiente notte (4 per 3,75 m) un (...)
  • 55 Risultano quindi 221 alloggi assegnati, uno in meno rispetto al numero che figura nella tabella ri (...)

38Completati i conferimenti vincolati, rimasero liberi 222 alloggi, meno della metà. Tra le 607 domande presentate, 35 furono escluse durante le verifiche di accettazione, di cui 23 per difetto dei requisiti regolamentari. Al sorteggio, svoltosi il 5 gennaio 1932, si assegnarono 38 alloggi da una camera54, 35 da una camera e mezzo (con alcova di cucina), 100 da due camere, 37 da tre camere, 12 da quattro camere (con pigioni più alte di Donna Olimpia, dalle 53 alle 185 lire). La maggior parte degli alloggi fu ripartita in I categoria, 207 appartamenti su 222. L’attribuzione ai gruppi questa volta appare maggiormente proporzionata al numero delle domande concorrenti per ciascuno, stante la cifra assai ridotta delle istanze pervenute. Al I gruppo andarono 29 alloggi su 59 domande, indice di probabilità 2,034. Il II e III gruppo conseguirono il miglior rapporto alloggi attribuiti/domande concorrenti, 24 su 46, con un indice di probabilità pari a 1,916. Al IV gruppo, come sempre, il rapporto peggiore, 153 alloggi su 361 domande in concorso, con un indice di probabilità di 2,359. I gruppi non sono citati nell’attribuzione degli alloggi per la II categoria (cui andarono nove alloggi su 45 domande) né per la terza (sei alloggi su 63 domande)55.

  • 56 Si trattava del proprietario della prima macelleria della zona, aperta nel 1932, oggi retta dal fi (...)

39Anche per Val Melaina è stata condotta una breve ricerca volta alla conoscenza di attuali residenti dei lotti popolari che abbiano avuto un parente tra gli assegnatari del 1932. Le assegnazioni avvenute per sorteggio (quelle cioè di cui si dispone del nominativo) riguardano cinque scale su 14 (B, I, M, O, P). Sono più di una ventina i casi di perfetta coincidenza del cognome, della scala e dell’interno tra assegnatari originari e residenti attuali, di cui 11 verificati personalmente. È interessante notare come tra i primi assegnatari fossero rappresentate un po’ tutte le occupazioni della Roma di quel tempo: ferraiolo, fruttarolo, muratore, sarto, ferroviere, usciere al Palazzo di Giustizia, macellaio56, operaio di manutenzioni stradali, operaio del Poligrafico, impiegato comunale, impiegato Teti. L’impressione che se ne ricava è di una situazione poco schematizzabile entro equazioni predefinite, in cui l’ex baraccato, probabilmente senza lavoro fisso, condivideva con l’impiegato comunale o il negoziante al dettaglio una medesima condizione di disagio abitativo (lontananza dal centro, coabitazione forzata, sovraffollamento, assenza di servizi essenziali ecc.) sebbene in presenza di qualche differenza censuaria.

40L’analisi dei due registri di assegnazione, basata com’è sulle poche informazioni contenute, non consente di raggiungere conclusioni, piuttosto è possibile avanzare qualche riflessione. Due sono gli aspetti finora ignorati. Il primo è che le due borgate furono abitate da un numero consistente di assegnatari per sorteggio che in qualche modo potremmo definire degli “eletti”: come ex combattenti, volontari, caduti (il beneficio andava ai congiunti), decorati, minorati, essi ebbero una piccolissima parte negli avvenimenti che secondo i fascisti avevano modificato il destino della Nazione. A loro spettava tutta la riconoscenza della Patria, elargita per mezzo dei pubblici poteri ormai pienamente fascistizzati. Per l’Istituto fascista, non si trattò semplicemente di adesione convinta al culto patriottico: sebbene di modestissimo rango, i coraggiosi eroi della rinascita italiana potevano apparire arruolabili a rappresentare i custodi dei valori propugnati dal fascismo in un contesto di borgata. A loro, più tardi, si aggiunsero i volontari d’Africa e di Spagna, oltre a categorie più “devote”, come sansepolcristi, squadristi, fascisti ante marcia.

  • 57 ACS, SPD, C.O., 509.813, L’Istituto per le case popolari cit.

41Il secondo aspetto importante è dato dal fatto che una buona fetta di assegnatari delle due borgate, tra sorteggiati e trasferiti da altri alloggi dell’ente, superò con esito positivo i controlli previsti, alcuni dei quali di chiaro intento discriminatorio rispetto alle idee politiche e ai comportamenti sociali. Come si è già visto, Calza Bini si espresse chiaramente in proposito nel 1928, affermando che per poter sperare nell’aiuto delle provvidenze pubbliche bisognava «inquadrarsi in quella disciplina generale che lo Stato Fascista impone per una più sicura ascesa della Nazione»57.

  • 58 Scrive E. Piscitelli a proposito del clima incandescente formatosi nelle borgate: «Dove si continu (...)

42Sono elementi novatori di un mosaico evidentemente ancora incompleto, ma dal quale affiorano aspetti non riducibili alle semplificazioni che si sono via via affermate nel corso del dopoguerra, nel contesto di un clima politico profondamente mutato a seguito della frattura sociale determinata dalla Resistenza e una volta che il fascismo, con la sua caduta, rese evidente il fallimento della sua politica. Se in sede storiografica è stata acclarata l’importanza della partecipazione alla Resistenza romana da parte della popolazione delle borgate, senza considerare la quale sarebbe impossibile parlare per Roma di adesione popolare e di massa alla lotta antifascista, venendo meno uno dei suoi aspetti centrali58, è forse il caso di problematizzare il modo in cui gli stessi abitanti delle borgate sono soliti rappresentare, nei loro ricordi e nelle loro testimonianze, la situazione politico-sociale vissuta prima che la guerra sconvolgesse la vita cittadina.

  • 59 Cfr. le interviste apparse in Portelli, L’ordine è già stato eseguito cit., pp. 83-87. Va detto, t (...)
  • 60 I. Insolera, F. Perego, Storia moderna dei Fori di Roma, Laterza, Roma Bari 1999, p. 160.

43In molti casi, infatti, nelle testimonianze orali il ricordo della vita in borgata appare come trasfigurato dall’esperienza di lotta successiva; i testimoni tendono cioè a retrodatare lo spirito compattamente antifascista che alcune borgate certamente ebbero durante gli avvenimenti del ’43-44 ma che, probabilmente, non è estendibile anche alla fase precedente. La stessa idea secondo cui le borgate furono concepite al fine di «concentrare la gente avversa al fascismo in punti strategici, dove era facile controllalli»59 appare piuttosto una forzatura, essa coglie solo una parte di verità: come già osservato, le borgate governatoriali ospitarono un certo numero di sorvegliati politici (così come gli Alberghi della Garbatella) e in esse la percentuale degli iscritti al PNF registrata nel 1933 calava bruscamente al 10-15 % dei capifamiglia rispetto al 31,3 % rilevato nelle case popolari in affitto e al 55,2 % nelle case economiche in affitto60; tuttavia, non si può certo dire che furono create in via esclusiva a questo scopo. Sarebbe d’altronde assai ingenuo, quanto alle borgate successive, pensare che proprio sugli antifascisti ricadessero i benefici maggiori arrecati dall’edilizia pubblica, data la penuria di abitazioni del tempo. Il Regolamento dell’Istituto e la logica selettiva di cui era permeato dimostrano esattamente il contrario. Così come appare difficile immaginare le borgate, in piena fase dittatoriale, alla stregua di comunità solidali al proprio interno e distintamente refrattarie al regime, data anche l’estrema povertà in esse confinata e l’instaurarsi di rapporti di dipendenza e soggezione coi vari enti fascisti, i quali subordinavano la benevolenza e la concessione di aiuti alla buona condotta delle famiglie (discorso che valeva tanto per l’Ifacp quanto per le distribuzioni dell’Ente Governatoriale di Assistenza). Si può insomma affermare che la variabile dipendente che incise sul movimento di popolazione verso l’estrema periferia fu di natura sociale, cioè in rapporto alla situazione economica dei trasferiti, prima ancora che politica.

  • 61 Cfr. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 389, 405. Il tema è approfondito in E. Gentile, La v (...)
  • 62 Su questo aspetto si vedano le note introduttive al libro di S. Colarizi, L’opinione degli italian (...)

44Il regime a partire dagli anni Trenta consolidò il potere acquisito attraverso un maggior livello di penetrazione nella società e una più incisiva azione di propaganda, tesa a inculcare in modo massificato i miti, i rituali, il credo fascista. Al partito, divenuto il custode degli ideali e della liturgia del littorio, vennero affidati compiti di educazione politica degli italiani e di potenziamento delle attività associazionistiche, giovanili, femminili, dopolavoristiche, sportive, assistenziali, con le quali raggiungere ed occupare ogni spazio pubblico ed interstizio sociale61. Non è compito facile districarsi sulla questione del consenso nei confronti di un sistema politico che, per sua natura, tende a divenire sempre più pervasivo e accerchiante, abile nel servirsi di moderne tecniche propagandistiche e nel realizzare un efficace apparato di politiche assistenziali ben intrecciate al dispiegamento di una vasta azione repressiva e di controllo. Sappiamo inoltre che l’esercizio di pratiche e rituali, in generale la professione di fede nel fascismo, fosse per molti relegata ad una serie di atteggiamenti esteriori, spesso compiuti semplicemente per allontanare sospetti di vario genere o per meglio sbarcare il lunario, mentre all’interno dell’opinione pubblica un crescente senso di insicurezza, alimentato dal costante dubbio di essere spiati o controllati da chicchessia, portò al diffondersi di una sorta di autocensura preventiva di massa62.

  • 63 La stessa logica assistenziale permeava il reclutamento e la gestione del personale di altri enti (...)
  • 64 Colarizi, L’opinione degli italiani cit., pp. 139-144.

45L’abbraccio soffocante con cui il fascismo prese ad avvolgere la società, mantenuto con la persuasione della forza, era però cementato da quei meccanismi di riconoscimento e sostanziale riconoscenza attivati mediante la canalizzazione di bisogni e necessità all’interno degli schemi assistenziali predisposti dal regime. Meriti patriottici, militanza politica e prole numerosa connotavano nuove categorie di bisogno che ridefinivano status e canali di promozione sociale63. L’inclusione nella sfera delle tutele, specie se ottenuta in virtù di titoli e qualità morali, dunque interpretata anche come risarcitoria dei servigi prestati alla Nazione, non poteva lasciare indifferenti, contribuiva piuttosto a rafforzare aspettative e desideri, proiettati sullo sfondo di un’impalcatura assistenziale concepita in termini politico-pedagogici, in qualche modo funzionale alla cooptazione. Accadeva così che una disciplina passiva poteva tramutarsi in tiepida adesione, magari compiaciuta di qualche piccolo privilegio finalmente acquisito. La perdurante stabilità della dittatura, inoltre, si impose in tutta la sua cogenza, rimuovendo antiche diffidenze e convincendo i più dell’inconcludenza di una vita trascorsa ai margini e che l’inserimento nel regime fosse ormai inevitabile64.

46Non è detto, quindi, che i residenti di queste borgate fossero politicamente “scomodi” per il regime, perlomeno non da subito. L’aver partecipato alla Grande Guerra non sempre avrà implicato un’adesione convinta e duratura al sistema politico che poneva l’esperienza della guerra alla base del rinnovamento di cui si sentiva depositario: questo, probabilmente, è quel che accadde a molti dei sorteggiati in questione.

47Così come l’aver superato i controlli regolamentari certo non assicurava in modo definitivo l’Istituto che il beneficiario avrebbe mantenuto una condotta irreprensibile e politicamente innocua per il resto della sua permanenza nell’alloggio assegnatoli.

48Le condizioni di vita nelle due borgate, d’altra parte, si mostrarono subito particolarmente dure. Gli affitti dell’Istituto, per quanto più bassi rispetto a quelli del mercato privato, incidevano in modo rilevante sul bilancio di una famiglia operaia, su cui gravavano in aggiunta i costi del trasporto urbano, e non si può certo dire che esistessero vantaggi in grado di compensare la lontananza dal centro. Alle serie deficienze strutturali dei fabbricati, privi di ascensori e di impianti di riscaldamento, va sommata la deplorevole situazione sotto il profilo dei servizi, delle strade, dell’igiene, nonché la penuria di attività lavorative.

  • 65 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il capo del Governo, 3 gennaio 1935.
  • 66 “Il Messaggero”, L’illuminazione pubblica in via Donna Olimpia, 21 maggio 1933.
  • 67 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il capo del Governo, 3 gennaio 1935.
  • 68 Ivi, Appunto per S.E. il capo del Governo, senza data.
  • 69 ASC, DG, n.1935, 31 marzo 1934.
  • 70 Ivi, n. 4786, 18 luglio 1932.
  • 71 ACS, SPD, C.O., b. 840, f. 500.019-1, Allegato 10 e risposta Promemoria per S.E. il capo del Gover (...)
  • 72 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, Gruppo Gianicolense.

49Le strade di Donna Olimpia, compresa quella omonima che portava ai lotti popolari, per lungo tempo rimasero impraticabili. Nel tratto tra i caseggiati popolari e la Circonvallazione Gianicolense il percorso stradale era privato. Il PR del 1931 prevedeva la costruzione di una nuova strada, ma in assenza di un piano esecutivo non vi era modo di procedere agli espropri necessari ad una sistemazione definitiva. Mancavano oltretutto i fondi per l’esecuzione dei lavori, non rimediabili fino a tutto il 193565. Le strade erano prive di illuminazione: tranne le poche lampadine di fronte agli edifici Ifacp il resto era al buio, nonostante fossero stati eretti i pali della luce66. La zona rimase inoltre sguarnita di una farmacia, i residenti erano costretti a servirsi di quelle situate in via Poerio e viale del Re (l’attuale viale Trastevere), piuttosto lontane dai “grattacieli”67. Via Ozanam versò a lungo in cattivo stato e priva di illuminazione, tanto da costringere molti genitori, in caso di piogge, a non mandare i figli a scuola68. La più vicina era la scuola elementare “Francesco Crispi”, in via Barrili 13, tutt’ora esistente. Il progressivo aumento della popolazione scolastica portò alla costruzione di nuovi padiglioni, impiantati su di un terreno ceduto in affitto dall’Ifacp in via Vitellia69. Per lo smaltimento delle acque luride, il Governatorato nel luglio ’32 deliberò la costruzione di un collettore in grado di raccogliere i rifiuti del nuovo quartiere, fino ad allora ammassati all’aperto, con grave danno per l’igiene pubblica70. Più complicata si rivelò la messa a punto degli impianti fognari per far defluire le acque bianche. Nella parte antistante ai fabbricati popolari, il mal funzionamento delle fogne provocò il formarsi di un perenne acquitrino, in cui ristagnavano odori sgradevoli e si riproducevano le zanzare, fatto denunciato dalla stampa locale già nel febbraio ’34 e su cui delle note di protesta pervennero alla Segreteria particolare del duce71. Ma la stessa penosa situazione è riscontrata nel rapporto del fiduciario di zona del 1935, in cui è nuovamente citata la presenza della malsana palude di fronte ai “grattacieli”72.

  • 73 Ibid.
  • 74 ACS, SPD, C.O., f. 509.396-2, Ospedale del Littorio. Il fascicolo non contiene informazioni partic (...)
  • 75 Comune di Roma – XVI Circoscrizione, Sviluppo storico ed urbanistico cit., p. 17.
  • 76 Cfr. Saletti, I Sorvegliati politici cit., p. 57.

50A una certa distanza da questi, precisamente in via Vitellia, transitava l’autobus 231 (ex linea 208) che metteva in comunicazione Porta San Pancrazio con via del Casaletto. Il servizio era ritenuto insufficiente dal fiduciario di zona, che auspicava una sostituzione della linea e il suo prolungamento orario affinché potesse coincidere con l’ultima corsa del tram proveniente da Ponte Garibaldi alle 0.4573. Tali problematiche erano comunque estendibili anche ad altre zone del quartiere Gianicolense, come emerge da una lettura completa del rapporto più volte menzionato. Appena migliore può ritenersi il panorama dell’offerta lavorativa. Il cantiere di costruzione dell’Ospedale del Littorio74, rimasto aperto dal 1925 al 1935 per via degli enormi ritardi protrattisi per mancanza di fondi, insieme ad altri cantieri privati si rivelerà uno dei principali sbocchi lavorativi per la manodopera dequalificata, mentre il suo completamento richiamò personale infermieristico e medico da altre parti della città, contribuendo all’espansione edilizia della zona attorno alla Circonvallazione Gianicolense. Accanto ad esso sorse l’ospedale Forlanini, specializzato per le malattie polmonari, con annesso sanatorio per malati lungo-degenti75. Importante per l’economia del quartiere fu l’attività della Cledca, in via Donna Olimpia 68, stabilimento per la lavorazione e la conservazione del legno, chiamato comunemente “bagno di traverse”, in quanto vi si svolgeva il lavoro di catramazione delle traverse dei binari. Qui lavoravano molti operai del quartiere, alcuni dei quali residenti nei “grattacieli”76.

  • 77 ACS, SPD, C.O., f. 509.006-2, Fasci femminili – Gruppo rionale femminile Monte
  • 78 Ivi, MI, DGAC, Divisione affari generali provinciali e comunali, 1931-33, b. 2325, fonogramma 4 ge (...)

51Maggiori difficoltà di inserimento lavorativo patirono, invece, gli abitanti di Val Melaina, dove l’unico nucleo industriale di una certa consistenza, la cartiera Aniene, si trovava in prossimità del fiume. In generale, i ceti popolari di Montesacro lamentavano la mancanza di industrie e laboratori presso cui trovare impiego; a poco servivano le attività assistenziali messe a disposizione dalle varie sezioni della Federazione dell’Urbe, comprese quelle del Fascio femminile77. A testimonianza del livello di indigenza sofferto nella borgata, si può citare la richiesta di sussidio di una donna, domiciliata nelle case dell’Istituto, sposata con un ex combattente elettromeccanico rimasto per molto tempo disoccupato fino a quando trovò due ore di lavoro giornaliero per tre lire all’ora, un guadagno irrisorio a fronte delle 170 lire di pigione mensili che esponevano la famiglia ad una morosità prolungata78.

  • 79 V Rip., titolo 9, classe 4-2, 1936, f. 12, Studio del piano particolareggiato della zona Val Melai (...)

52La precarietà delle condizioni di vita era riscontrabile nella mancanza dei servizi essenziali. Le strade che circondavano il caseggiato popolare, via di Valle Melaina, via Gran Paradiso, via Scarpanto, via Stampalia, restarono per molti anni incomplete. A sue spese, l’Istituto costruì la strada di accesso ad una chiesa e ad un edificio di istruzione religiosa, eretti dalla Pontificia Opera per la Propagazione della Fede su terreno ceduto dall’Ifacp. Si trattava della parte alta di via Gran Paradiso e per l’occasione l’ente delle case popolari redasse il Piano di zona sulla base di quello generale, chiedendone approvazione al Governatorato. Ad una prima risposta positiva seguì un ripensamento: il Governatorato non reputò di prendere in consegna la strada. Nel 1936 la situazione era la seguente: erano state eseguite e prese in consegna dal Governatorato il primo tratto di via Valle Melaina e, per sola mezza sezione, il tratto intermedio di via Scarpanto; era stata costruita a spese dell’Istituto, ma non riconosciuta come strada di PR, metà di via Gran Paradiso. Mancava del tutto via Stampalia ed occorreva completare le altre strade. La richiesta di procedere con i lavori inviata dall’Ifacp nel marzo 1936 fu rigettata. Dal colle capitolino reputarono le vie in questione «strade di lottizzazione create per un migliore sfruttamento delle aree fabbricabili e devono, secondo la prassi seguita dall’Amministrazione, essere completamente sistemate a cura e carico dell’ente proprietario […]; comunque la costruzione di dette strade non è prevista nel programma di sistemazione dei prossimi anni». Ad una replica di Costantini («Non è concepibile che siano considerate vie di lottizzazione, strade che circondano un lotto di fabbricati contenente circa 2500 abitanti») pervenne un nuovo rifiuto con le stesse motivazioni79.

  • 80 Ivi, classe 1-14, 1935, f. 1, Gruppo Monte Sacro.
  • 81 Ibid.
  • 82 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il Capo del Governo, 28 gennaio 1936.
  • 83 V Rip., titolo 9, classe 7-8, 1940, f. 19, Manutenzione strade del quartiere Monte Sacro e delle b (...)

53Le scuole scarseggiavano, a fronte di una sovrabbondante popolazione in età scolare non solo a Val Melaina ma anche a Prati Fiscali, Vigne Nuove, Bufalotta. Gli edifici esistenti, come la scuola “Don Bosco”, non bastavano e il Governatorato cercò di tamponare il problema con l’affitto di una palazzina a Piazza Capri e di un villino alle Vigne Nuove, de- Sacro, lettera 1 ottobre 1927. Nella missiva la fiduciaria, dopo aver descritto le difficoltà lavorative del quartiere, esortava Mussolini a concedere aiuti per finanziare le attività di un laboratorio di cucito. cisione commentata così dal fiduciario di zona: «entrambi questi locali oltre che inadatti sono insufficienti». Fatta eccezione per la parte centrale del quartiere, proseguiva il fiduciario, «l’illuminazione è quanto di più deficiente si possa immaginare. L’attuale sistema di illuminazione è quello istituito nel periodo iniziale della costruzione della zona». Proponeva così di sostituire l’impianto provvisorio con uno «tecnicamente perfetto e definitivo»80. La situazione igienico-sanitaria di Val Melaina appariva inoltre compromessa dalla mancata costruzione di una fognatura in grado di far defluire le acque piovane, stagnanti nei pressi della parte sinistra del caseggiato n. 44 fino a formare un ampio terreno paludoso. In merito, il gruppo rionale del PNF inviò un esposto al governatore nel febbraio del ’35, cui non pervenne alcuna risposta81. Trattandosi di un terreno privato, l’amministrazione, ancora nel 1936, reputava inattuabile la sistemazione dell’inconveniente, subordinata alla messa in efficienza dell’intero bacino idraulico della zona e alla definizione di un intervento stabilito dal Piano particolareggiato82. Nel 1940, le fognature esistenti a Montesacro continuavano a non rispondere alle esigenze del quartiere, procuravano continui allagamenti di ambienti privati, cui l’Amministrazione era costretta a risarcire i danni83.

  • 84 “Il Messaggero”, Altri provvedimenti da realizzare, 22 gennaio 1933.
  • 85 Ivi, L’autobus 207, 7 marzo 1934.
  • 86 Ivi, L’inaugurazione a Valle Melaina del consultorio ostetrico e pediatrico e del Refettorio mater (...)
  • 87 Lo ricorda una targa commemorativa all’interno dei lotti popolari.

54L’unica questione risolta a Val Melaina nel giro di qualche mese fu quella del trasporto pubblico, con l’entrata in vigore all’inizio del 1933 di una serie di innovazioni alla rete Atag con cui, tra le altre, vennero soddisfatte le richieste degli abitanti della zona, raggiunta dall’autobus 207 che la collegava a piazza Sempione84. Ben presto ci si accorse della quasi inutilità del servizio: il 207 spesso era semivuoto, dal momento in cui la corsa costava 50 centesimi85. In seguito alla costruzione delle casette minime di Pietralata, venne richiesto il prolungamento del 207, provvedimento che se adottato avrebbe influito sulla diminuzione del prezzo della corsa. Nel gennaio del ’34 venne inaugurato un consultorio e un refettorio materno aperto in locali offerti e adattati dall’Ifacp86, mentre in un appartamento della scala E di Val Melaina, le Suore Orsoline di S. Girolamo in Somasca si fecero promotrici di attività educative ed assistenziali a partire dal marzo 193387.

  • 88 Fraticelli, Roma 1914-1929 cit., pp. 344-5.
  • 89 Ater, Allegati, 1935, Relazione tecnico-finanziaria sul progetto del IV lotto del gruppo Pamphili.
  • 90 Cfr. Costantini, Gruppo di case popolari in via Donna Olimpia cit.
  • 91 Così suggeriscono le interviste contenute nel lavoro del liceo Morgagni Storia del quartiere di Do (...)

55Come osservato da V. Fraticelli, scelte tipologiche e linguistiche comuni potevano benissimo essere adottate per simboleggiare iniziative molto diverse tra loro. I blocchi intensivi, a Roma, significarono soprattutto “case convenzionate” e dunque l’integrazione nella città della piccola borghesia88. A livello popolare, il tema del “casermone” fu riproposto nuovamente a Donna Olimpia, con la costruzione del gruppo di via di Donna Olimpia 5, terminata nel 193889. L’opera, circa 280 alloggi, oltre ad adottare la soluzione del ballatoio in uno degli edifici, presenta interessanti particolari costruttivi relativi alle fondazioni, realizzate con l’uso di pali “Simplex” su cui veniva posta una gabbia in cemento armato con pannelli e solai in conglomerato di pomice90. In questo secondo gruppo di case, la presenza di sfrattati dal centro storico fu probabilmente maggiore, buona parte dei quali sembrerebbe provenire dalle zone demolite dei Borghi91.

56Seguì un abbandono dell’utilizzo della grande scala per gli edifici popolari.

  • 92 Cfr. M. Casciato, Lo sviluppo urbano e il disegno della città, in Roma capitale Storia di Roma dal (...)

57Le borgate successive torneranno ad essere prevalentemente di tipo estensivo o semi-intensivo, formate da pochi piani fino a un massimo di cinque nel caso del Quarticciolo. Assegnazioni di diritto a parte, i blocchi intensivi dell’Istituto riproducevano le fattezze di grosse concentrazioni popolari, comuni alla contemporanea esperienza viennese (il famoso Karl Marx Hof del 1927), guardate con timore dal regime perché potenzialmente pericolose92.

  • 93 Cfr. L. Saletti, Schede dei sorvegliati politici, in Liberi cit., in cui l’autore, grazie ad un la (...)

58La vita in periferia, piuttosto che rinvigorire la fiducia nel regime ne aumentò i punti deboli. Quando gli eventi precipitarono e il fascismo si trovò sul punto del tracollo, la regione periferica della città iniziò ad essere coinvolta in una fitta trama organizzativa della quale le borgate, soprattutto quelle del settore est, costituirono i punti nodali. Dopo aver dato un buon contributo di uomini alla lotta antifascista93, ricordata in una epigrafe posta in via di Donna Olimpia, i “grattacieli” fecero da sfondo alle vicende dei “Ragazzi di vita”, con cui Pasolini, che abitò in via Fonteiana dal ’53 al ’59, a due passi dalle case popolari, consegnò alla storia della città la memoria del difficile vissuto sociale di Donna Olimpia nel periodo del secondo dopoguerra.

  • 94 P. Angeletti, La periferia e le case popolari, in Case romane, Clear, Roma 1984, p. 15.

59Il grande edificio di Val Melaina, «uno dei rari riferimenti urbani in un’area edificata densamente quante altre mai e quante altre mai priva di qualità»94, divenne, grosso modo, la “fortezza proletaria” temuta dal fascismo, non a caso ribattezzata “Stalingrado”, un nome che ha trasmesso per lunghi anni la memoria antifascista cui il quartiere è rimasto legato. Gli episodi cruciali accaduti nei nove mesi di occupazione nazista in questa parte di Roma, hanno formato un tessuto connettivo all’interno del quale i racconti sono stati elaborati in una specie di epopea gloriosa e mitica, in cui la rievocazione delle azioni più spregiudicate è mischiata al doveroso tributo nei confronti di chi ha pagato con la vita quell’esperienza. Non solo assalti ai forni e ai vagoni dei treni alla stazione di smistamento, dunque, ma anche molti avvenimenti tragici affollano i ricordi della Resistenza di Val Melaina e in generale di Montesacro: i bombardamenti del 19 luglio (una bomba cadde proprio nel caseggiato popolare, per fortuna senza vittime) e del 10 agosto 1943 (in cui fu colpito un palazzo in via Monte Pattino); il rastrellamento del 27 ottobre 1943 di oltre 1000 persone ad opera delle SS (complice un battaglione di militi fascisti), di cui 346 trattenute e deportate in campi di lavoro obbligatorio; l’arresto e l’uccisione di alcuni noti antifascisti, come Riziero Fantini, Filippo Rocchi, Antonio Pistonesi, Renzo Piasco, tutti condannati a morte. Una lapide, posta in via Scarpanto sui muri esterni dei lotti popolari, celebra il “sacrificio” dei quattro antifascisti. Nel ricordo di quell’esperienza, nelle storie della lotta partigiana, gli abitanti hanno trovato una sorta di identità comune capace di connotare Val Melaina fino ad anni recenti.

3.3 Le difficoltà finanziarie dell’Ifacp

60Se al rovinarsi delle relazioni col colle capitolino va addebitata la ragione principale che spiega la crisi di inizio anni Trenta provata dall’Istituto, non vanno tralasciate altre concause che pure agirono, in modo centripeto, su una situazione finanziaria divenuta di difficile gestione, tanto da richiedere l’applicazione di una serie di misure con le quali ridurre il più possibile le perdite, oltre ad un nuovo intervento del Ministero delle Finanze. Una di queste aveva a che fare con le minori entrate degli affitti, prima a causa di una insolvenza in costante ascesa e poi della riduzione generale delle pigioni imposta dal Governo. L’Istituto compilava un “piano finanziario di gestione” per ogni gruppo di case progettato. Esso comprendeva “entrate” e uscite”: tra le prime figuravano il contributo statale e governatoriale sui mutui contratti, gli affitti dei negozi e quelli delle case; tra le seconde, le quote di ammortamento dei mutui e le spese di gestione annuali, solitamente pari al 2 % dei costi totali. Gli affitti (oltre al patrimonio immobiliare di volta in volta ipotecato nelle operazioni di credito) rappresentavano dunque la parte principale su cui poggiavano i programmi costruttivi, interamente impegnati nel pagamento dei mutui fondiari, senza dei quali l’intera impalcatura finanziaria sarebbe crollata. Nel caso in cui le operazioni monetarie si facevano più costose, anche il livello dei fitti avrebbe dovuto seguire proporzionalmente questo aggravio, un adeguamento che invece avveniva con notevole ritardo. L’Istituto, inoltre, era impegnato nello svolgimento di opere di natura politica anch’esse comportanti dei costi che, nella maggior parte dei casi, l’ente si addossava a riprova della sua guida “fascistissima”.

  • 95 Stando alle cifre riportate nei documenti dell’Istituto, il costo medio di costruzione dei vani de (...)
  • 96 Ater, Allegati, 1928, promemoria e risposta del 14 e 22 giugno 1928; sottolineatura nel testo.

61Come già ricordato, il Governo alternava misure di sostegno alla libera iniziativa dei privati ad iniziative di segno contrario. Nel 1927, ad esempio, si era già fatto promotore di un provvedimento volto alla riduzione degli affitti in seguito alla stabilizzazione monetaria, con legge del 16 giugno 1927, n. 948, in cui però l’art. 10 escludeva dall’obbligo delle riduzioni gli enti autonomi senza fini speculativi, come l’Ifacp. A metà del 1928 Calza Bini inviava un promemoria al Capo del Governo con cui ribadiva la necessità di “elevare i vecchi fitti”, per perequarli con i nuovi e ridurre il deficit provocato dagli elevati tassi delle ultime operazioni di credito. Le pigioni corrisposte dagli inquilini delle case popolari erano «al di sotto del quadruplo dell’ante guerra»95 precisava Calza Bini, e non eguagliavano la metà del prezzo medio richiesto dal mercato «nelle condizioni le più oneste e modeste». La media era di 32 lire a vano/mese per le case popolari e 60 per le economiche (il mercato chiedeva 90-100 per le prime e 120-150 per le seconde). «Oggi – continuava il presidente dell’Ifacp – l’Istituto ritiene giunto il momento di riprendere il cammino interrotto, per le esigenze del bilancio gravato, oltreché dai forti tassi, dalle rilevanti opere di natura politica cui deve far fronte: riduzioni di affitti a benemeriti di guerra e del Regime, sbaraccamenti urgenti, (vigilanza politica e disciplinare a mezzo della Milizia, opere assistenziali, affitti gratuiti o quasi a sedi di Fasci, Balilla, Combattenti, Dopolavoro)». I nuovi fitti si sarebbero aggirati sulle 30-45 lire vano/mese per le case popolari e 65 lire per le case economiche. Mussolini rispose di procedere con gli aumenti «purché – aggiunse – siano lievissimi e abbiano decorrenza dal 1 gennaio 1929»96.

62Ma già sul finire del 1930 forti furono le pressioni per una riduzione dei fitti delle case popolari, come si evince dal verbale di una seduta della Commissione Centrale degli Istituti italiani. I presidenti dei principali enti intervenuti nella riunione convennero su un punto, sul quale richiesero il pronunciamento delle superiori autorità:

  • 97 Ivi, 1930, Verbale della seduta della Commissione Centrale degli Istituti di case popolari in data (...)

il solo mezzo per giungere ad un effettivo e tangibile risultato di diminuzione dei fitti sarebbe una adeguata riduzione delle annualità relative al servizio dei mutui; riduzione che potrebbe derivare sia dall’abbassamento del tasso d’interesse, cosa di cui non è possibile dissimulare la gravità e difficoltà, sia dal prolungamento del periodo di ammortamento97.

  • 98 Ivi, Avviso ai signori inquilini delle case in affitto, 8 gennaio 1931.
  • 99 Ivi, Verbali del CdA, vol. 23, 30 dicembre 1932.
  • 100 Ivi, Allegati, 1931, n. 3, 11 novembre 1931.

63L’Istituto di Torino fu il solo in grado di concedere lievi diminuzioni. Quello romano emise un avviso con cui si informava l’inquilinato dell’impossibilità di accordare ribassi, ma in cui si poteva leggere: «l’Amministrazione faciliterà a chi lo richieda il passaggio in un appartamento di minor costo»98. Il ricorso al trasferimento in alloggi di minor fitto, richiesta direttamente dall’inquilino per evitare lo sfratto o decisa dall’ente per sistemare le morosità arretrate, diventò sempre più frequente ed ebbe come prima conseguenza l’aumento degli alloggi “sfitti”, inizialmente assorbiti «per la sistemazione e dei numerosi aspiranti non riusciti in sorteggio, o degli sfrattandi di PR designati dal Governatorato o di casi d’eccezione specialmente segnalati o infine per la migliore sistemazione dei nostri inquilini in alloggi più adeguati»99. Le perdite per sfitti calcolate ad ottobre 1931 ammontavano a 284.286,50 lire, di cui 130.145, circa la metà, imputabili al Governatorato e dovute al ritardo con cui questi utilizzava gli alloggi messi a disposizione dall’Istituto100.

  • 101 Cfr. M. Palla, Firenze nel periodo fascista: continuità e mutamenti nella compagine sociale, edili (...)
  • 102 Cfr. M. Palla, Firenze nel regime fascista (1929-1934), L. Olschki, Firenze 1977, p. 303.
  • 103 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 261-265.

64L’aumento dei trasferimenti e degli sfitti rappresentò assieme alla crescita della morosità il riflesso più evidente, sul fronte della casa, della crisi economica attraversata dal paese. Essa coincise con la liberalizzazione delle pigioni attuata nel giugno 1930, che agì in varie città italiane come una «pausa nella dinamica della mobilità sociale», intravedibile nella tendenza degli strati medi e inferiori della popolazione a «concentrarsi in abitazioni piccole e sovraffollate»101. A Firenze, nel 1932, gli sfitti toccarono un tetto di 1900 appartamenti102, a Roma nello stesso anno il fenomeno raggiunse la cifra di 6035 alloggi, mentre è stato calcolato che nel 1931 il 23,95 % delle famiglie romane viveva in subaffitto103.

  • 104 Ater, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità degli inquilini, 20 dicembre 1931.
  • 105 ACS, SPD, C.O., 509.813, appunto del 24 novembre 1933.
  • 106 Ater, Verbali del CdA, vol. 23, 30 dicembre 1932.
  • 107 Ivi, 22 maggio 1933. Gli alloggi così ricavati si trovavano a Portuense, Val Melaina, Sant’Ippolit (...)
  • 108 Ivi, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità cit.

65Nella città capitolina, l’insolvenza nel pagamento delle pigioni delle case popolari subì in quel frangente un vero e proprio salto, passando dal 18 al 28,60 % del carico mensile. Il quartiere maggiormente moroso era la Garbatella, dove i baraccati provenienti dai Prati Strozzi e da Portonaccio costituivano la presenza più inadempiente104. Il livello di morosità registratosi nell’esercizio 1932 era così impressionante che persino Boncompagni ammise queste difficoltà, di fronte ad un interrogazione pervenuta dalla Segreteria particolare del duce che riferiva sui continui reclami da parte degli inquilini a proposito della mancata concessione di ribassi sui fitti Ifacp105. Oltre ai trasferimenti d’ufficio che, come si è visto, implicavano il problema degli sfitti, si cercò di tamponare la situazione in vario modo. Si iniziò con l’assumere gli inquilini disoccupati nei lavori invernali di manutenzione delle case dell’Istituto, intensificati allo scopo di poter utilizzare al massimo la fornitura di questa manodopera, cui era trattenuta una quota dal salario in conto pigione, sebbene il numero degli assunti fosse di molto inferiore al numero dei disoccupati morosi106. Vennero avviati lavori di trasformazione in alloggi di locali terreni e seminterrati (o di uso commerciale), così da disporre di soluzioni abitative di fitto molto basso assegnabili ad inquilini morosi, sfrattati da alloggi di tipo migliore. In poco tempo si ricavarono 13 alloggi per circa 46 vani107. Infine gli sfratti: una tabella, riferita all’azione repressiva attuata nel 1931, mostra una notevole differenza tra il numero degli sfratti in corso e di cuigli uffici di zona comprovavano la necessità, 1311, rispetto a quelli eseguiti, 67, su circa 12.500 famiglie, escluse quelle degli Alberghi e delle “ex casette comunali”. L’Istituto spiegava la discrepanza dichiarando di aver scelto la linea della “mietezza”, «conscio della sua funzione sociale e del delicato momento che si attraversa»108.

  • 109 Ivi, n. 1, 24 gennaio 1931.

66In realtà solo 212 sentenze di sfratto erano incasellate alla voce “abbandonate”, mentre le altre rimanevano “in corso”. Sugli atti di ingiunzione inoltre, gravavano i costi delle tasse di registro e di bollo, essendo scaduto nel dicembre 1930 il privilegio tributario recato dal comma 2, art. 32 del T.U. del 30 novembre 1919, n. 2318109. Le tasse suddette, in una situazione difficile come quella descritta, pesavano anch’esse sulle casse dell’ente che si vedeva costretto, quando non gli era concesso l’esonero, a sospendere la pressione legale sull’inquilinato.

  • 110 Cfr. Castronovo, Soggetti pubblici della crescita urbana cit., p. 159.
  • 111 Ater, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità cit.
  • 112 Ivi, Verbali del CdA, vol. 24, 15 giugno 1934.

67Il fenomeno della morosità si estese poi in modo massiccio anche presso gli inquilini delle case a riscatto. Considerato, a ragione, il cambiamento più vistoso introdotto nella legislazione sulle case popolari durante il fascismo110, la cessione di alloggi in affitto con patto di futura vendita evidenziò profondi limiti legati alla fase recessiva e determinò un’altra grave e delicata incertezza economica: l’onere delle spese da sostenere era più alto per i locatari rispetto ad un affitto semplice, così come più gravi le perdite subite dall’Istituto. Nell’esercizio 1931, su un carico di 530.000 lire mensili l’arretrato raggiunse la quota di 260.000 lire111. Molte in questo caso le facilitazioni concesse: proroga dei contratti da 20 a 25 anni, trasferimenti in alloggi più piccoli e meno costosi, anche la rescissione del contratto in casi motivati. Ma in generale, l’Istituto oppose una forte resistenza alla domanda sempre più insistente di rescissione dei contratti con restituzione dei versamenti iniziali e passaggio all’affitto semplice, data l’impossibilità dell’ente di restituire gli anticipi, una somma pari a circa 15 milioni, equivalente al finanziamento di 1/10 delle costruzioni. L’esodo dalle case a riscatto fu però impossibile da contenere: il complesso degli stabili invenduti salì nel 1933 per un importo da 20 a 25 milioni, mentre si accrebbe la morosità dei rimanenti acquirenti, passata da 460.000 a 505.000 lire112.

  • 113 Ivi, vol. 23, 20 dicembre 1932; per concessioni di locali avvenute in vari quartieri nel 1933, ivi (...)
  • 114 Ivi, vol. 23, 12 ottobre 1933.

68In questa situazione, anche la concessione gratuita di sedi e locali per lo svolgimento di attività controllate dal PNF e da altre istituzioni assistenziali divenne un’incombenza pesante da sostenere. Se nel 1932 le perdite in questione vennero definite virtuali e, in ogni caso, “pienamente giustificate”113, ad esse si cominciò a guardare quasi con fastidio l’anno successivo114.

  • 115 Ivi, 30 dicembre 1932.
  • 116 Ivi, vol. 24, 30 dicembre 1933.

69Nel 1933 si previde di utilizzare i numerosi sfitti, ormai in preventivo, per speciali fabbisogni115. Ma non bastavano più i provvedimenti di carattere tecnico, era ormai giunto il momento di intraprendere un’azione più efficace. Nella seduta del 30 dicembre 1933, il direttore Costantini dovendo «reagire a tendenze pregiudizievoli per gli interessi dell’istituto, quali l’evasione dai quartieri e gruppi più eccentrici e dagli alloggi di fitti più alti», annunciò la sospensione tassativa dei trasferimenti, salvo casi particolarissimi116.

  • 117 Ivi, 5 maggio 1934.

70Una reazione più incisiva si ebbe anche dopo la riduzione delle pigioni, decisa dal Governo per mitigare le nuove decurtazioni salariali, in applicazione del R.D.L. 14 aprile 1934, n. 563. La Commissione Centrale degli Istituti di case popolari, riunitasi a Roma nell’aprile 1934, nell’uniformarsi alla legge che avrebbe ridotto i fitti del 12-15 %, richiese l’adozione di misure a tutela dei bilanci degli enti, molte delle quali figuravano già nell’elenco di quattro anni prima: riduzione del tasso d’interesse dei mutui, proroga dei termini di estinzione, concessione di agevolazioni di carattere fiscale (spese di gestione, bollo, registro, ipoteche), proroga dell’esenzione dell’imposta fondiaria. Le lamentele dei presidenti degli Istituti, questa volta non rimasero inascoltate: in pochi mesi i punti di maggior rilevanza furono affrontati e le loro richieste soddisfatte. Il primo ostacolo rimosso fu la complessa questione del patrimonio alienato con patto di futura vendita. Calza Bini, ormai persuaso della necessità di un intervento, si fece promotore di una proposta con cui consentire il passaggio in affitto semplice dei locatari delle case a riscatto, incassando il sostegno del Ministero ai LL.PP. e delle Finanze117.

71Il provvedimento giunse con R.D. del 12 luglio 1934, n. 1351, e comportò la perdita per l’affittuario di tutte le rate di ammortamento pagate e degli interessi sul versamento iniziale, il quale fu restituito a rate trimestrali in un periodo di sei anni. Coloro che scelsero l’opzione del riscatto furono talmente pochi (circa 300) che l’amministrazione riunificò le due aziende prima separate (alloggi demaniali e a riscatto); con gli stabili riacquisiti, cresciuti di valore, si potevano dare maggiori garanzie ipotecarie; di contro, la commutazione della specie degli alloggi, ora ad affitto semplice, avrebbe comportato un minor reddito annuale (calcolato sulle 750.000 lire in caso di passaggio completo).

  • 118 118 Ivi, 13 novembre 1934.
  • 119 Ibid.
  • 120 Ivi, vol. 25, 18 luglio 1935.

72Il Ministero delle Finanze concesse poi l’esenzione dalle tasse di registro e bollo per le procedure di sfratto: l’attività di espulsione dei morosi fu così intensificata a partire dal settembre 1934. Le riscossioni migliorarono in ottobre, tanto che il CdA rifiutò un’offerta, pervenuta dalle Assicurazioni d’Italia, per la copertura dal rischio della morosità, subordinata a clausole ritenute inaccettabili, la quale, tuttavia, dimostra di una più strenua volontà di porre rimedio al problema118. Il Ministero delle Finanze, in pratica, esaudì tutte le principali richieste dell’Istituto romano. Venne ridiscussa la convenzione del 29 gennaio 1931 riferita al prestito di 50 milioni col Governatorato, con la riduzione del tasso d’interesse dal 5,5 al 5 % e il prolungamento del relativo periodo di estinzione da 35 a 50 anni; ugualmente venne prolungato l’ammortamento di un altro mutuo di 68 milioni (anticipazioni risalenti al luglio 1929 e inserite nella convenzione del 16 marzo 1931), da 25 a 50 anni119. Nel complesso, si trattò di un insieme di norme sufficienti a trascinare l’ente fuori da una china pericolosa che, a lungo andare, avrebbe potuto provocare un vero e proprio dissesto finanziario. Il conto consuntivo del 1934 segnò un deciso passo in direzione del superamento della crisi, con un avanzo di 1.977.463,06 lire120.

73Il salvataggio dell’Ifacp, dunque, avvenne col concorso dello Stato.

74L’andamento contabile degli uffici di Lungotevere Tor di Nona, già controllato a livello municipale, trovava presso i ministeri competenti un ulteriore punto di monitoraggio ma anche di appoggio, in caso di necessità. Le preoccupazioni di Calza Bini, insomma, non passavano inosservate presso il Governo, sebbene in certi momenti non fossero considerate prioritarie e le risorse assegnategli fossero comunque molto limitate. Rimanevano inalterati gli spinosi rapporti con Boncompagni.

  • 121 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 aprile 1932.
  • 122 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 22 agosto 1934.

75Segnali di dissenso rispetto alla linea di esautorazione dell’Ifacp si udirono in una sessione della Consulta di Roma, nell’aprile 1932, quando il consultore Rossi avanzò riserve in merito alla costruzione delle “case convenzionate”. Ragionevolmente, in quell’occasione si disse che esse non corrispondevano completamente allo scopo e che dopo un certo termine sarebbero comunque rientrate nella piena disponibilità di chi le aveva costruite; Rossi, quindi, auspicò un incoraggiamento ed un potenziamento dell’Istituto delle case popolari, augurandosi che lo stesso potesse riprendere «il suo ritmo di piena attività»121. Si trattò di una voce isolata che ebbe scarso seguito. L’attività costruttrice dell’Ifacp di Roma dal 1933 si interruppe, fatta eccezione per i gruppi di fabbricati iniziati a Littoria, in progetto dall’inizio del 1934. L’ufficio progetti, approfittando della scarsa attività, si dedicò allo studio di massima di eventuali costruzioni future, specie di carattere ultrapopolare122. Per vederne gli esiti concreti fu necessario attendere l’arrivo di un nuovo governatore.

76A rimuovere l’intralcio principale che impediva all’Istituto di Calza Bini di riprendere il suo posto venne in aiuto, anche in questo caso, una decisione presa a palazzo Venezia.

Notes

1 Bortolotti, Storia della politica edilizia cit., p. 147.

2 Cfr. P. Salvatori, Alcune osservazioni su Roma operaia durante il fascismo, in Annale Irsifar 1996, pp. 29-32.

3 Cfr. P. Nicoloso, Mussolini architetto. Paesaggio urbano e propaganda nell’Italia fascista, Einaudi, Torino 2008, in cui si riporta il contenuto di un’informativa del 27 ottobre 1938, reperibile in ACS, MI, PS, Polizia Politica, f.p., 1926-44, f. 220, sf. Calza Bini. Scrive Nicoloso: «Sulle vere capacità professionali di Calza Bini circolano voci insinuanti, forse giunte anche a Mussolini. Si mormora in realtà che “l’arch. De Renzi sarebbe quello che studia e compila tutti i progetti portanti la sua firma” e che all’Istituto case popolari […] “chi fa tutto sarebbe il direttore ing. Costantini”», p. 50. Tra le opere di Calza Bini spiccano la nuova sede dell’Istituto in via Lungotevere Tor di Nona (1927), la restaurazione del Teatro di Marcello (1926) e la casa degli Artisti di via Avezzana 2.

4 Cfr. B. Regni, M. Sennato, L’Istituto per le Case Popolari di Roma nel periodo tra le due guerre: il ruolo degli architetti, in Iacp di Roma, Tra cronaca e storia. Contributi critici e realtà operativa, Roma 1986, p. 150 sgg. Per un’analisi dei contributi più importanti di Costantini nel campo della sperimentazione costruttiva si vedano gli articoli Una casa popolare di pomice e Gruppo di case popolari in via Donna Olimpia a Roma, entrambi in «Architettura», 1936, fasc. II, pp. 88-90 e 1939, fasc. IX, pp. 571-580.

5 “Il Messaggero”, Il principe Boncompagni presenta al Capo del Governo il bilancio preventivo del Governatorato, 21 gennaio 1930; Roma 1930-32: Il nuovo ordinamento urbano, in «Edilizia popolare», 1972, n. 107, p. 46 in nota.

6 Il 7 maggio 1930 si svolse la prima seduta del CdA nella nuova sede dell’Istituto, in via Lungotevere Tor di Nona, 1.

7 ASC, DG, n. 3397, 18 maggio 1932.

8 Fino all’agosto del 1927 l’Istituto diede in consegna al Governatorato, in base alla convenzione del 29 aprile 1927, 724 alloggi popolari e 22 alloggi economici, Ater, Allegati, 1927 II, n. 1, 16 agosto 1927. Da gennaio a settembre 1930 gli alloggi ceduti furono 182 di tipo popolare e 42 economici, ivi, 1930, n. 2, 7 novembre 1930.

9 Ivi, 1929, lettera del 24 agosto 1929.

10 “Il Popolo di Roma”, Case popolari e popolarissime, 29 agosto 1929.

11 ASC, DG, n. 550, 9 febbraio 1933.

12 Ivi, n. 6175 ter, 29 settembre 1934.

13 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 15 giugno 1934.

14 Bortolotti, La proprietà edilizia cit., pp. 752-3.

15 C. Cocchioni, M. De Grassi, La casa popolare a Roma. Trent’anni di attività dello Iacp , Kappa, Roma 1984, p. 220.

16 Ater, Allegati, 1930, n. 3, 26 giugno 1930.

17 Ivi, Verbali del CdA, vol. 20, 1 marzo 1930.

18 Ivi, vol. 22, 18 dicembre 1931.

19 Insolera, Roma moderna cit., p. 139 sgg. Una distinzione tra i blocchi intensivi e le borgate, oltre che nel libro La metropoli spontanea cit., p. 252, è presente in G.

Cuccia, Urbanistica edilizia infrastrutture di Roma capitale 1870-1990, Laterza, Roma Bari 1991, p. 125, in cui però l’autore attribuisce all’Istituto anche la paternità delle borgate governatoriali.

20 Das Neue Frankfurt 1926-1931, a cura di G. Grassi, Dedalo, Bari 1975, pp. 338- 344, cit. in G. Consonni, G. Tonon, Giuseppe Pagano e la cultura della città durante il fascismo, in «Studi storici», XVIII, ottobre-dicembre 1977, p. 86. Il testo della conferenza di Gropius, dal titolo Costruzioni basse, medie o alte?, fa parte degli atti del III Congresso di Bruxelles, raccolti nel volume L’abitazione razionale. Atti dei Congressi C.I.A.M. 1929-1930, a cura di C. Aymonino, Marsilio Editori, Padova 1971, pp. 178- 190. Su Gropius cfr. L. Pevsner, I pionieri dell’architettura moderna. Da William Morris a Walter Gropius, Garzanti, Milano 1983; L. Benevolo, Storia dell’architettura moderna, III, Il movimento moderno, Laterza, Roma Bari 1992, pp. 513-525.

21 Bortolotti, La proprietà edilizia cit., pp. 766-7.

22 Cfr. Cuccia, Urbanistica edilizia infrastrutture di Roma capitale cit., p. 126.

23 Cfr. Colasante, 1925-1981: la città legale cit., p. 252. Le imprese vincitrici degli appalti dei fabbricati di Pamphily e Val Melaina furono numerose, ognuna delle quali si aggiudicò un lotto, una parte di lotto o una scala. Per Pamphily: lotto I parte prima alla ditta Buzzacarini Piva e Zileri; lotto I parte seconda alla Soc. Ed. Romana An.ma; lotto II parte prima alla ditta Ariani Domenico; lotto II parte seconda alla ditta De Panis ing. Giuseppe; lotto III ditta Pagani ing. Alfredo. Per Val Melaina: scala A e B ditta Del Bufalo Edmondo; scala C e D ditta Rebecchini Tito e co., scala E, F, G alle ditte C. Ferrero e V. Grossi; scale H, I, L alla ditta Pediconi De Micco, cfr. Ater, Allegati, 1930.

24 Villa Pamphili venne aperta al pubblico nel 1972, dopo una battaglia di cui fu protagonista l’associazione Italia Nostra. Su questa grande villa romana si veda Villa Doria Pamphili, a cura di C. Benocci, Municipio XVI, Roma 2005. Della stessa autrice è uscito un recente volume dedicato a Villa Sciarra, la cui apertura al pubblico avvenne invece all’inizio degli anni Trenta, Id., Villa Sciarra-Wurts sul Gianicolo, Artemide, Roma 2008. Sulle ville romane, C. Zaccagnini, Le ville di Roma, Newton Company, Roma 1976.

25 Comune di Roma – XVI Circoscrizione, Sviluppo storico ed urbanistico, piano regolatore ed aspetti demografici Villa Pamphily, la Valle dei Casali, Porta Portese e le case popolari di Donna Olimpia, s.l.a., p. 14. Sullo sviluppo urbanistico di Monteverde si vedano gli scritti di R. Dal Mas, Una ricostruzione del processo di formazione del quartiere Monteverde, e di M. Caperna, Il tessuto edilizio del quartiere Monteverde tra gli anni dieci e gli anni venti, entrambi in Roma contemporanea. Storia e progetto, a cura di R. Cassetti, G. Spagnesi, Gangemi, Roma 2006, pp. 187-195 e pp. 197-203.

26 Cocchioni, De Grassi, La casa popolare a Roma cit., p. 234. Cfr. anche I Rioni e quartieri di Roma, VII, Newton Compton, Roma 1991, pp. 1859-1862.

27 Le quattro palazzine comprese tra via Dandolo e via Casini, firmate da Sabbatini e di alta qualità architettonica (appartamenti dalle 4 alle 8 camere), sono predisposte in modo da impossessarsi della visuale del meraviglioso panorama della “vecchia Roma”, dal Quartiere del Rinascimento all’Appia Antica a S. Paolo, Palazzine dell’Istituto per le Case Popolari in Roma sul Gianicolo, in «L’Architettura Italiana», 1927, n 10, pp. 112-113.

28 Cfr. Liberi. Storie, luoghi e personaggi della Resistenza del Municipio Roma XVI, a cura di A. Pompeo, Sinnes, Roma 2005, p. 27; Comune di Roma – XVI Circoscrizione, Sviluppo storico ed urbanistico cit., in cui si cita il nome della cooperativa che commissionò l’intervento a villini, “Victoria nostra”, p. 17.

29 Sulla tipologia della palazzina, simbolo del “modo di abitare urbano” della Roma borghese, si veda A. Muntoni, La Roma delle “palazzine” dagli anni venti agli anni sessanta, in Roma contemporanea. Storia e progetto cit., pp. 143-156, in cui l’autrice, a differenza dei giudizi critici affermatisi negli anni Sessanta e Settanta, individua nella palazzina un terreno di sperimentazione architettonica.

30 “Grattacieli” è il nome con cui gli abitanti di Donna Olimpia chiamano gli edifici

popolari del quartiere.

31 Cfr. M. Munari, Roma 1930-1938: le case “popolarissime” di Villa Pamphily, in «Edilizia popolare», 1972, n. 108, pp. 41-47.

32 Ater, Allegati, 1928, Regolamento per le assegnazioni di alloggi, gennaio 1928.

33 Ivi, 1922, Regolamento per gli inquilini, 28 settembre 1922.

34 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 marzo 1932. La cifra di alloggi indicata è in realtà 509, ma sommando quelli che figurano nell’elenco delle destinazioni il conto è di 506 alloggi.

35 La formazione degli elenchi per i trasferimenti ordinari, redatti al termine di una complessa procedura nella quale le domande venivano suddivise per categorie, per quartieri, per tipi e specie di alloggi, infine secondo un ordine di successione che contemplava il possesso di benemerenze patriottiche, per quanto prendesse in considerazione anche i coefficienti di affollamento delle case occupate e di quelle richieste, finiva con l’essere comunque subordinata all’insindacabile giudizio dell’amministrazione, che poteva valersi «oltre che dall’ordine di successione, di ogni altro criterio od elemento sussidiario d’ordine materiale o morale atto a comprovare il grado maggiore o minore di bisogno del singolo aspirante» (presenza di ammalati cronici o contagiosi da isolarsi, ammontare del reddito familiare, grado sociale e professione, condotta di inquilino), Ater, Allegati, 1928, Regolamento per le assegnazioni cit.

36 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 4 febbraio 1932.

37 Si veda ad esempio lo scritto di P. Della Seta, Far politica da abusivi, in La metropoli spontanea, cit., p. 124.

38 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio degli alloggi di tipo popolare nel gruppo di Villa Pamphili, 15 aprile 1932.

39 Ibid.

40 La I categoria era formata da famiglie con almeno 3 persone di a) sfrattati con famiglia suddivisa, a seguito dello sfratto, o priva di alloggio, anche ricoverata in albergo; b) sfrattati con sentenza regolarmente notificata (esclusi sfrattati per subaffitto o per morosità con pigione non eccedente 1/3 del reddito; c) pubblici funzionari trasferiti a Roma; d) subaffittuari o locatari con coefficiente di affollamento superiore a quattro; e) subaffittuari o locatari dimoranti in ambienti assolutamente antigienici (baracche) o sprovvisti dei servizi essenziali, o pericolanti. Si consideravano di I categoria anche le famiglie di due persone in situazioni descritte ai punti a, b, c, e a condizione che una delle due fosse minorato di guerra, minorato fascista, genitore o vedova di caduto in guerra o caduto fascista. La categoria II comprendeva famiglie composte da almeno 3 persone di a) subaffittuari o locatari con coefficiente di affollamento da tre a quattro; b) subaffittuari o locatari dimoranti in ambienti antigienici (umidità o fatiscenza); c) subaffittuari o locatari con pigioni eccedenti 1/3 del reddito famigliare complessivo. Si consideravano di II categoria i nuclei formati da due persone nelle condizioni espresse dai punti citati se in possesso delle benemerenze patriottiche. In III categoria vi erano le famiglie di almeno 3 persone di a) dimoranti in località eccentriche di assoluto pregiudizio all’esercizio delle professioni dei capi famiglia. b) famiglie di due persone se nelle condizioni richieste per le famiglie di almeno 3 persone per la classifica in I o in II categoria C) coniugandi, ivi, Allegati, 1928, Regolamento per le assegnazioni cit.

41 Sul “grande evento rigeneratore” della guerra come presupposto fondamentale dell’ideologia fascista si veda E. Gentile, Le origini dell’ideologia fascista (1918-1925), Laterza, Roma Bari 1975, pp. 53-90; Id., Storia del partito fascista. 1919-1922. Movimento e milizia, Laterza, Roma Bari 1989, p. 496, 520 sgg. Sul rapporto tra intellettuali italiani e interventismo, a cui in parte è dovuta la trasfigurazione dell’esperienza bellica in autentico mito rigeneratore, si veda M. Isnenghi, Il mito della Grande Guerra, Laterza, Roma Bari 1970.

42 «La base originaria dell’ “uomo nuovo” fascista fu dunque il combattente della Grande Guerra, che tornava plasmato dall’esperienza bellica con la consapevolezza che la sua milizia al servizio della nazione non era terminata, ma doveva proseguire con la lotta contro i “nemici interni”, prima di avviare l’opera di rigenerazione degli italiani», E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma Bari 2007, p. 247.

43 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio cit.

44 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 dicembre 1931.

45 Oltre alla diffidenza suscitata nel porre domande sull’assegnazione degli alloggi, i tentativi di incontro “senza appuntamento” possono essere vanificati da vari imprevisti, a cominciare dall’assenza dell’inquilino; non tutti poi sono informati sui mestieri e le provenienze dei parenti acquisiti (ad esempio nel caso in cui l’assegnatario originario è stato il suocero dell’inquilina attuale). Il massimo dei contatti raggiunti è stato uno su tre-sei tentativi effettuati per ogni scala, corrispondenti ad altrettanti casi di omonimia tra registri e citofoni, colloqui avvenuti il 5 agosto 2008.

46 Sulla Città Giardino Aniene, V. Fraticelli, Roma 1914-1929. La città e gli architetti tra la guerra e il fascismo, Officina Edizioni, Roma 1982, pp. 191-229; Cocchioni, De Grassi, La casa popolare a Roma cit., pp. 52-63. Sul quartiere Montesacro, B. Bonomo, Il quartiere delle Valli. Costruire Roma nel secondo dopoguerra, F. Angeli, Milano 2007.

47 Cfr. G. Remiddi, A. Greco, A. Bonavita, P. Ferri, Il moderno attraverso Roma. Guida a 200 architetture e alle loro opere d’arte, Groma Quaderni, n. 9, 2000.

48 “Grattacieli” è il nome con cui gli abitanti di Donna Olimpia chiamano gli edifici

49 Ceroni, Roma nei suoi quartieri cit., pp. 138-9.

50 Ater, Icp in Roma, Assegnazione per sorteggio degli alloggi di tipo popolare ne l gruppo di Val Melaina, 5 gennaio 1932.

51 Ivi, Verbali del CdA, vol. 22, 18 dicembre 1931.

52 Salsano, Il ventre di Roma cit., p. 184.

53 Ibid.

54 Per alloggi di una camera si intendono appartamenti formati da un ambiente notte (4 per 3,75 m) una cucina (anch’essa 4 per 3,75 m) e un locale per il bagno, generalmente stretto e allungato, disimpegnato da un corridoio.

55 Risultano quindi 221 alloggi assegnati, uno in meno rispetto al numero che figura nella tabella riassuntiva del registro di assegnazione.

56 Si trattava del proprietario della prima macelleria della zona, aperta nel 1932, oggi retta dal figlio nel medesimo negozio di via di Val Melaina n. 48, a pochi passi dal civico d’ingresso dei lotti popolari.

57 ACS, SPD, C.O., 509.813, L’Istituto per le case popolari cit.

58 Scrive E. Piscitelli a proposito del clima incandescente formatosi nelle borgate: «Dove si continuava a vivere in uno stato di diffusa ribellione, sotterranea o palese, era nei quartieri popolari e in talune borgate. Al Quadraro, al Quarticciolo, a Centocelle, alla borgata Gordiani, dal giorno dell’uccisione del commissario Stampacchia, la numerosa popolazione era in permanente fermento», cfr. Storia della Resistenza romana, Laterza, Roma Bari 1965, p. 321 sgg. Cfr. anche Ficacci, Torpignattara cit., p. 110 sgg. Nelle borgate romane erano principalmente attivi i comunisti dissidenti del Movimento comunista d’Italia-Bandiera Rossa, formazione esterna al CNL cui si devono alcune delle azioni militari più audaci e spregiudicate svoltesi nella capitale, cfr. S. Corvisieri, Bandiera Rossa nella Resistenza romana, Odradek, Roma 2005 (1ª ed. 1968); Id., Il Re, Togliatti e il Gobbo. 1944: la prima trama eversiva, Odradek, Roma 1998, p. 117 sgg. Un recente contributo scritto da G. Ranzato per il Dizionario della Resistenza, pubblicato da Einaudi, mette in risalto il carattere limitato rappresentato dalla lotta partigiana espressasi nella capitale rispetto a quella che si svolse nelle grandi città del settentrione. Considerando le azioni di guerra e di sabotaggio, così come le altre attività resistenziali e le stesse forme di resistenza passiva o civile, queste, afferma Ranzato, «non sembrano essere tali da configurare, al di fuori di alcune borgate periferiche, un clima di ostilità verso gli occupanti tedeschi e le autorità della Repubblica sociale (Rsi) pari a quello che si manifestò in molti centri urbani settentrionali. Diverse testimonianze, indicano invece un prevalere, tanto nel centro cittadino che in molti rioni popolari, della preoccupazione di far fronte ai bisogni più elementari nelle difficili condizioni belliche e di un desiderio di estraneazione dalla lotta proteso alla fuoriuscita dalla guerra,comunque fosse. Atteggiamento che fu dettato non da semplice chiusura nel proprio particulare ma da quell’intima, istintiva avversione alla guerra – qualsiasi guerra – che fu denominatore comune di tanti gesti di solidarietà della popolazione romana – a volte con grave pericolo – verso chiunque vi si volesse sottrarre, fossero soldati sbandati del regio esercito o prigionieri di guerra in fuga». Dopo l’azione di via Rasella e la strage delle Fosse Ardeatine, continua più avanti Ranzato, «La resistenza armata sparisce quasi completamente dalle zone centrali e si concentra nelle borgate», cfr. G. Ranzato, Roma, in E. Collotti, R. Sandri, F. Sessi, Dizionario della Resistenza. Storia e geografia della Liberazione, I, Einaudi, Torino 2000, pp. 412, 421.

59 Cfr. le interviste apparse in Portelli, L’ordine è già stato eseguito cit., pp. 83-87. Va detto, tuttavia, che queste testimonianze riflettono la percezione di isolamento e controllo cui gli antifascisti erano sottoposti, una sorveglianza che nelle borgate e nei ricoveri si esercitava con maggior facilità date anche le caratteristiche morfologiche degli insediamenti. A tal proposito, si vedano le interviste che aprono il libro di A. Tozzetti, La casa e non solo. Lotte popolari a Roma e in Italia dal dopoguerra a oggi, Editori Riuniti, Roma 1989.

60 I. Insolera, F. Perego, Storia moderna dei Fori di Roma, Laterza, Roma Bari 1999, p. 160.

61 Cfr. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 389, 405. Il tema è approfondito in E. Gentile, La via italiana al totalitarismo. Il partito e lo Stato nel regime fascista, Carocci, Roma 1995. Sullo sviluppo degli strumenti di propaganda elaborati durante il fascismo e sulla nascita della “macchina del consenso”, P. V. Cannistraro, La fabbrica del consenso. Fascismo e mass-media, Laterza, Roma Bari 1975; sulle attività dopolavoristiche, V. De Grazia, Consenso e cultura di massa nell’Italia fascista. L’organizzazione del dopolavoro, Laterza, Roma Bari, 1981.

62 Su questo aspetto si vedano le note introduttive al libro di S. Colarizi, L’opinione degli italiani sotto il regime 1929-1943, Laterza, Roma Bari 1991, pp. 20-21. Un’importante riflessione sul tema del consenso nei confronti di un regime dittatoriale e repressivo è svolta da P. Corner, Fascismo e controllo sociale, in «Italia contemporanea », settembre 2002, n. 228, pp. 382-405. In un recente saggio dello stesso autore, la questione del consenso è analizzata a partire dal ruolo chiave rappresentato a livello locale dalle federazioni fasciste provinciali, cfr. Id., L’opinione popolare nell’Italia fascista degli anni Trenta, in Il consenso totalitario. Opinione pubblica e opinione popolare sotto fascismo, nazismo, comunismo, a cura di Id., Laterza, Roma Bari 2012, pp. 127- 154.

63 La stessa logica assistenziale permeava il reclutamento e la gestione del personale di altri enti pubblici, cfr. il caso studiato da F. Piva, Azienda e partito. Gli operai del Poligrafico dello Stato nel periodo fascista, Edizione lavoro, Roma 1998, pp. 155-185.

64 Colarizi, L’opinione degli italiani cit., pp. 139-144.

65 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il capo del Governo, 3 gennaio 1935.

66 “Il Messaggero”, L’illuminazione pubblica in via Donna Olimpia, 21 maggio 1933.

67 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il capo del Governo, 3 gennaio 1935.

68 Ivi, Appunto per S.E. il capo del Governo, senza data.

69 ASC, DG, n.1935, 31 marzo 1934.

70 Ivi, n. 4786, 18 luglio 1932.

71 ACS, SPD, C.O., b. 840, f. 500.019-1, Allegato 10 e risposta Promemoria per S.E. il capo del Governo, 29 agosto 1934. Sul problema della palude, anche in relazione al difficile transito pedonale, si veda “Il Messaggero”, Via donna Olimpia Pamphily, 7 febbraio 1934.

72 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, Gruppo Gianicolense.

73 Ibid.

74 ACS, SPD, C.O., f. 509.396-2, Ospedale del Littorio. Il fascicolo non contiene informazioni particolari, tranne quelle riferite all’apertura della sala Maternità, inaugurata il 21 aprile 1940.

75 Comune di Roma – XVI Circoscrizione, Sviluppo storico ed urbanistico cit., p. 17.

76 Cfr. Saletti, I Sorvegliati politici cit., p. 57.

77 ACS, SPD, C.O., f. 509.006-2, Fasci femminili – Gruppo rionale femminile Monte

78 Ivi, MI, DGAC, Divisione affari generali provinciali e comunali, 1931-33, b. 2325, fonogramma 4 gennaio 1933.

79 V Rip., titolo 9, classe 4-2, 1936, f. 12, Studio del piano particolareggiato della zona Val Melaina.

80 Ivi, classe 1-14, 1935, f. 1, Gruppo Monte Sacro.

81 Ibid.

82 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, Appunto per S.E. il Capo del Governo, 28 gennaio 1936.

83 V Rip., titolo 9, classe 7-8, 1940, f. 19, Manutenzione strade del quartiere Monte Sacro e delle borgate popolari.

84 “Il Messaggero”, Altri provvedimenti da realizzare, 22 gennaio 1933.

85 Ivi, L’autobus 207, 7 marzo 1934.

86 Ivi, L’inaugurazione a Valle Melaina del consultorio ostetrico e pediatrico e del Refettorio materno e infantile, 7 gennaio 1934.

87 Lo ricorda una targa commemorativa all’interno dei lotti popolari.

88 Fraticelli, Roma 1914-1929 cit., pp. 344-5.

89 Ater, Allegati, 1935, Relazione tecnico-finanziaria sul progetto del IV lotto del gruppo Pamphili.

90 Cfr. Costantini, Gruppo di case popolari in via Donna Olimpia cit.

91 Così suggeriscono le interviste contenute nel lavoro del liceo Morgagni Storia del quartiere di Donna Olimpia: seminario di ricerca 1983/84, Roma, p. 85 sgg.

92 Cfr. M. Casciato, Lo sviluppo urbano e il disegno della città, in Roma capitale Storia di Roma dall’Antichità ad oggi cit., p. 167.

93 Cfr. L. Saletti, Schede dei sorvegliati politici, in Liberi cit., in cui l’autore, grazie ad un lavoro di ricerca condotto sulle carte del fondo Questura di RomaSorvegliati Politici- Categoria A8, conservato presso l’Archivio di Stato di Roma (via di Galla Placidia), è riuscito a schedare 110 sorvegliati politici di cui 68 residenti a Monteverde, 36 residenti e occupati a Monteverde e 6 lavoratori di Monteverde ma residenti altrove. Di questi, 8 abitavano nei “grattacieli” (due manovali, un portiere, un lustrascarpe, un carrettiere, uno scalpellino, un operaio delle FS e un impiegato delle Poste), p. 190 sgg. In un articolo visto l’ultima volta in web il 13 marzo 2012 al link http://alessandroportelli. blogspot.com/2006/05/il-cuore-in-periferia.html, A. Portelli scrive: «Donna Olimpia e Val Melaina sono il teatro di numerose azioni partigiane e di aggregazioni politiche originali (a Donna Olimpia è un prete oggi dimenticato, don Volpino, che aiuta e protegge i partigiani e nasconde le armi)».

94 P. Angeletti, La periferia e le case popolari, in Case romane, Clear, Roma 1984, p. 15.

95 Stando alle cifre riportate nei documenti dell’Istituto, il costo medio di costruzione dei vani del dopoguerra era quintuplicato rispetto all’anteguerra. L’Istituto si compiaceva del fatto di riuscire a mantenere questi costi ad un livello inferiore, corrispondente a circa il quadruplo del periodo precedente alla guerra. In base a queste considerazioni, il raggiungimento del quadruplo dell’anteguerra era dunque considerato il giusto rincaro che i fitti avrebbero dovuto subire per ritornare ad un livello di equilibrio coi costi di costruzione. Venivano poi esposte delle cifre che, stranamente, anziché prendere a riferimento l’affitto medio mensile dei vani d’anteguerra, effettuavano il calcolo sul costo medio rilevato nel 1918-19, pari a lire 13, rapportandolo alle 43 lire circa stabilite a partire dalla fine degli anni Venti. In questo modo, anche a perequazione avvenuta, gli affitti risultavano al di sotto del quadruplo, ma non dell’anteguerra, come si diceva, ma del periodo immediatamente successivo ad essa, cfr. ACS, SPD, C.O., 509.813, Appunti cit.

96 Ater, Allegati, 1928, promemoria e risposta del 14 e 22 giugno 1928; sottolineatura nel testo.

97 Ivi, 1930, Verbale della seduta della Commissione Centrale degli Istituti di case popolari in data 29 novembre 1930.

98 Ivi, Avviso ai signori inquilini delle case in affitto, 8 gennaio 1931.

99 Ivi, Verbali del CdA, vol. 23, 30 dicembre 1932.

100 Ivi, Allegati, 1931, n. 3, 11 novembre 1931.

101 Cfr. M. Palla, Firenze nel periodo fascista: continuità e mutamenti nella compagine sociale, edilizia ed urbanistica, in «Storia urbana», I, 1977, n. 3, p. 203.

102 Cfr. M. Palla, Firenze nel regime fascista (1929-1934), L. Olschki, Firenze 1977, p. 303.

103 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 261-265.

104 Ater, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità degli inquilini, 20 dicembre 1931.

105 ACS, SPD, C.O., 509.813, appunto del 24 novembre 1933.

106 Ater, Verbali del CdA, vol. 23, 30 dicembre 1932.

107 Ivi, 22 maggio 1933. Gli alloggi così ricavati si trovavano a Portuense, Val Melaina, Sant’Ippolito.

108 Ivi, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità cit.

109 Ivi, n. 1, 24 gennaio 1931.

110 Cfr. Castronovo, Soggetti pubblici della crescita urbana cit., p. 159.

111 Ater, Allegati, 1931, Promemoria sulla morosità cit.

112 Ivi, Verbali del CdA, vol. 24, 15 giugno 1934.

113 Ivi, vol. 23, 20 dicembre 1932; per concessioni di locali avvenute in vari quartieri nel 1933, ivi, 23 novembre 1933; altre ancora all’inizio del 1934, ivi, vol. 24, 26 gennaio 1934.

114 Ivi, vol. 23, 12 ottobre 1933.

115 Ivi, 30 dicembre 1932.

116 Ivi, vol. 24, 30 dicembre 1933.

117 Ivi, 5 maggio 1934.

118 118 Ivi, 13 novembre 1934.

119 Ibid.

120 Ivi, vol. 25, 18 luglio 1935.

121 ASC, Consulta di Roma, Verbali, 28 aprile 1932.

122 Ater, Verbali del CdA, vol. 24, 22 agosto 1934.

Table des illustrations

Légende Ciclo 1930
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/108/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 114k

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search