Version classiqueVersion mobile

Le Borgate del fascismo

 | 
Luciano Villani

Parte I. Le nuove borgate popolarissime

Capitolo 2. Come, quando e dove nacquero i nuclei di baracche e ricoveri governatoriali

Texte intégral

2.1 Una città dai due volti

  • 1 M. De Nicolò, Città multipla, città dimezzata: la capitale tra stato e amministrazione locale (187 (...)

1Protesa al raggiungimento di un unico ed ambizioso obiettivo, quello della “Grande Roma”, la politica del fascismo per la capitale si dotò dal 28 ottobre 1925 di un nuovo ordinamento amministrativo. Con l’istituzione del Governatorato, Roma fu posta «in una posizione di preminenza politica rispetto alle altre città, ma a un prezzo alto, quello della subordinazione»1. Il governatore, nominato con decreto reale su proposta del Ministero dell’Interno (dicastero retto da Mussolini dal novembre 1926 al luglio 1943), svolgeva un ruolo di “alto funzionario”, una specie di ministro: accentrava tutti i compiti amministrativi appartenuti agli organi locali del precedente ordinamento.

  • 2 Erano previsti anche due vicegovernatori e un organo consultivo, entrambi ridotti nel numero e nel (...)

2Le decisioni politiche ora scaturivano dal rapporto diretto stabilitosi tra governatore ed esecutivo nazionale; l’apparato di controllo escludeva l’intervento del prefetto e della giunta provinciale amministrativa; prevedeva invece l’approvazione degli atti da parte del Governo2. L’amministrazione della capitale venne così completamente piegata ed asservita ai progetti stabiliti dal Governo centrale, quindi dal duce in persona.

  • 3 “Il Messaggero”, Boncompagni rimette a Bottai nel nome di Mussolini, 27 gennaio 1935. Lo stesso co (...)

3Il ruolo del governatore, del resto, così altisonante nella sua rappresentazione formale, sembra politicamente dissolversi di fronte al livello di ingerenza cui è condizionato. E sono proprio le testimonianze di queste personalità a dirci quanto ingombrante fosse la presenza di Mussolini: «Lascio il Campidoglio con l’intima soddisfazione di essere stato uno strumento fedele della grande opera di ricostruzione dell’Urbe disegnata dal Duce», dirà Boncompagni al momento del commiato3.

  • 4 Cfr. P. Salvatori, Il Governatorato di Roma cit., cui si rimanda per una valutazione complessiva s (...)

4Il Governatorato, dunque, non si configurò come un vero e proprio centro di potere autonomo: svincolato dalle autorità periferiche rimase dipendente da quella centrale. Non venne meno inoltre la spinosa questione del concorso dello Stato al bilancio della capitale, in ogni caso stabilito di volta in volta ed assorbito interamente dall’ammortamento dei pesanti mutui che l’amministrazione fu costretta a contrarre per le opere di rifacimento della città. Le casse capitoline insomma rimasero vincolate alle disponibilità erogatrici del dicastero competente, fondi che solo in parte bastavano a coprire l’entità delle spese sostenute dall’amministrazione che, spesso, dovette fare ricorso all’imposizione di nuovi tributi4.

  • 5 In un discorso pronunciato in Campidoglio nel 1924, Mussolini divise i problemi di Roma «in due ca (...)
  • 6 Cfr. P. G. Zunino, L’ideologia del fascismo. Miti, credenze e valori nella stabilizzazione del reg (...)

5L’obiettivo della “Grande Roma” comportò il conferimento di una centralità assoluta alla questione edilizia e alla direzione dei lavori pubblici. La pubblicistica del regime dava ampio spazio ai “problemi della grandezza”, cui si indirizzarono gli sforzi maggiori profusi dai primi governatori5. Anche la zona extramuraria fu al centro di importanti cambiamenti, ma l’altro tema “forte” legato ai processi di trasformazione del territorio, su cui si innestarono significati simbolici e politici che ebbero uno posto di rilievo all’interno dell’universo ideologico fascista, fu quello della bonifica agraria6.

  • 7 G. Arosio, Sfollare le città, in «La Casa», 1935, pp. 689-691.

6L’idea di una campagna romana formata da una corona di villaggi rurali in grado di soddisfare le esigenze agro-alimentari della città, si sposòcon l’orientamento antiurbanista assunto da buona parte della cultura fascista. Sulla parola d’ordine del decentramento confluirono le politiche di incoraggiamento della natalità e i discorsi relativi alla realizzazione delle borgate rurali. Il decentramento della popolazione povera nel suburbio avrebbe risanato i bilanci domestici delle famiglie, il cui sostentamento sarebbe provenuto dall’orto e dal pollaio. Avrebbe inoltre favorito quel “rilancio della stirpe” che i mostruosi addensamenti urbani ostacolavano: le città, infatti, erano considerate la causa primaria dell’ «indebolimento generale delle facoltà fisiche dell’uomo»7.

  • 8 Cfr. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 300-310.

7Se la politica agraria del regime conobbe indiscutibili successi, dal punto di vista della crescita degli investimenti e per via di una maggiore incisività nell’applicazione di tutte quelle norme speciali già esistenti ma che influirono solo nel corso del ventennio8, è anche vero che quello di fondare l’economia delle zone di cerniera tra suburbio e Agro su basi rurali si rivelò essenzialmente un motivo di carattere propagandistico più che un avvenimento reale. L’estrema periferia iniziava in realtà ad ospitare una popolazione abbastanza ampia di persone, per lo più immigrate, le cui attività economiche e le cui connessioni con il resto della città nulla o poco ebbero a che fare con quelle attribuibili ad una civiltà contadina di cui si auspicava il ritorno.

  • 9 Delenda baracca e Alloggi e provvidenze relative, entrambi in «Capitolium», VII, 1931, n. 1, pp. 4 (...)
  • 10 I. Costantini, La popolazione governata ed educata dall’Ifacp della provincia di Roma e Id., Le bo (...)
  • 11 G. Ceroni, Roma nei suoi quartieri e nel suo suburbio, Fratelli Palombi Editori, Roma 1942, p. 63.

8La nascita delle borgate governatoriali non venne pubblicizzata in pompa magna, se non attraverso un paio di articoli apparsi sulla rivista «Capitolium»9. Nessun dibattito si aprì tra le fila di opinionisti e intellettuali, né i giornali ne illustrarono le vicende in modo preciso e puntuale. Solo nell’aprile ’38 l’argomento fu al centro di due relazioni tenute da Innocenzo Costantini10, quando le borgate erano già state acquisite dall’Ifacp. È invece del 1942 il testo di Guglielmo Ceroni, in cui il giornalista descrisse in modo fin troppo consono alla propaganda di regime «la nuova vita di lavoro e luce spirituale» che si affermava negli orti e nelle “chiare e gioiose” case delle borgate11.

  • 12 G. Ciucci, Gli architetti e il fascismo. Architettura e città 1922-1944, Einaudi, Torino 1989, p. (...)

9Una scarsità, quella della pubblicistica coeva, che non sembra discendere da una disattenzione priva di calcolo. Il regime non considerava con lo stesso interesse la sorte del centro storico e quella dell’estrema periferia, dal punto di vista della conformazione urbanistica così come rispetto alle condizioni materiali e sociali vissute in questi luoghi così distanti e diversi. Si delineò a partire da quegli anni il carattere dualistico assunto dalla città, due mondi contrapposti che identificavano «un centro di respiro nazionale e una periferia da città sottosviluppata»12.

  • 13 È il caso della denominazione “località Acqua Bullicante”, riferita nei testi delle delibere gover (...)
  • 14 Il libro Roma moderna cit., costituisce da anni un riferimento obbligato per chiunque abbia intenz (...)

10Tale livello di approssimazione è riscontrabile anche nelle delibere compilate dalla burocrazia governatoriale, le quali, da sole, non permettono di distinguere i vari addensamenti ufficiali di baracche o di stabilire la loro esatta ubicazione. Talvolta, lo stesso toponimo nasconde in realtà borgate diverse, seppur vicine tra loro13. Si tratta di imprecisioni trascinatesi sino a oggi. Il tema è stato spesso divulgato in forma generica, contraddistinto da numerose inesattezze e una sostanziale uniformità descrittiva che rende le borgate identiche l’una all’altra14.

  • 15 L’archivio dell’ex V Ripartizione – Servizi Tecnici è in via di ordinamento e catalogazione; le ru (...)

11Per definire con precisione gli anni di costruzione e le caratteristiche di fabbricazione degli insediamenti promossi e finanziati dal Governatorato e affidati alla gestione dell’Ufficio di Assistenza Sociale, è invece indispensabile la consultazione e il raffronto di varie fonti di carattere tecnico-amministrativo. Oltre alle Deliberazioni del Governatore, infatti, è stato necessario servirsi dei capitolati d’appalto raccolti nel fondo Contratti pubblici e privati, conservato anch’esso presso l’Archivio Storico Capitolino. Per seguire lo sviluppo urbano delle borgate e le vicende relative ai primi risanamenti, è stato invece effettuato lo spoglio di una parte del materiale documentario dell’allora V Ripartizione – Servizi Tecnici15, una fonte preziosissima per indagare la storia dei lavori pubblici effettuati a Roma nel corso del Novecento. Lo scavo e l’intreccio di queste fonti ha reso possibile una ricostruzione più accurata del processo di edificazione delle borgate, così da scandagliare in modo circostanziato il dato macroscopico costituito dalla povertà delle soluzioni offerte con le case rapidissime. Nel passare in rassegna questo materiale, ci si accorge dell’assoluta disorganicità dei progetti e di un elevato grado di improvvisazione tecnica, fattori alla base delle continue opere di risanamento e manutenzione che si resero necessarie per tutto il periodo in cui le casette governatoriali furono tenute in piedi.

  • 16 Dopo i lavori decisi nel febbraio ’27, (ASC, DG, n. 1188, 25 febbraio 1927), nell’agosto dello ste (...)
  • 17 “Il Messaggero”, L’attività assistenziale del Governatorato nell’anno 1929, 15 settembre 1930.
  • 18 ASC, Verbali del Governatore, n. 6031, 2 agosto 1930; ivi, DG, n. 2587, 2 maggio 1931.
  • 19 Ivi, DG, n. 752, 8 febbraio 1930; n. 5583, 12 luglio 1930.
  • 20 ACS, MI, DGAC, Divisione affari generali provinciali e comunali, 1931-33, b. 2325, nota dell’8 giu (...)

12Una spia della gravità assunta dalla crisi delle abitazioni per fasce povere è data dal costante aumento di ricoveri allestiti dalle autorità, la maggior parte dei quali non provvedeva ad un’agevole accoglienza, al contrario: molti ricoveri vennero chiusi poco dopo l’apertura proprio per il cattivo stato di decenza e sicurezza; furono, dunque, appena sufficienti a contenere la crisi, senza risolverla. Oltre ai ricoveri e ai padiglioni già menzionati nel 1° capitolo, fu approntato l’ex albergo Colle Vaticano, in via Aurelia 139, i cui lavori diriparazione erano all’ordine del giorno16; un ricovero da 106 posti letto si trovava in via Tuscolana 76 (ex laboratorio De Carolis); nel dicembre ’28 venne aperto un centro di mendicità in zona Portuense, ampliato nel giugno ’29 fino alla capacità di 350 posti, presto riempiti dalla Questura che, con un vero e proprio “rastrellamento degli accattoni”, tolse “dalla circolazione numerosi mendicanti”17. Nella stessa zona, in via Portuense 105, vennero acquistati i locali dell’ex pastificio Costa, adibito a ricovero per circa 500 persone: entrato in funzione nell’aprile 1930, i primi lavori di ristrutturazione si resero necessari in agosto18. Un altro centro per sfrattati, in via delle Sette Chiese, fu ricavato dai locali dell’ex Monastero delle Suore Oblate. Ma i lavori eseguiti in fase di adattamento non bastarono: ce ne vollero altri, dopo pochi mesi, alle fondazioni e al solaio del piano terreno19. In questi ricoveri il Governatorato esigeva il pagamento dell’affitto, diffidando in caso contrario chi non si metteva in regola20.

  • 21 ASC, DG, n. 3165, 11 aprile 1927.
  • 22 Ivi, n. 9194, 31 dicembre 1927. Il contratto di acquisto in ivi, Contratti pubblici e privati (d’o (...)

13La lista delle strutture per senza tetto, dunque, era in costante aggiornamento. Nel 1927 erano già in funzione i locali delle Casermette di viale Angelico (ex caserma dei RRCC, concessa dal Demanio dello Stato) per ospitare nuclei familiari rimasti senza casa a seguito di sentenze di sfratto, con una gestione affidata alla VII Ripartizione (Polizia Urbana) e una capacità di poco più di 100 posti21. In previsione del rilascio dell’ex albergo Colle Vaticano, inoltre, il Governatorato acquisì nel 1928 un immobile dalla società Uranio22, sito in via Appia Nuova 336, all’altezza di via delle Cave, che avrebbe consentito la costruzione dell’ennesimo ricovero per sfrattati.

  • 23 Dopo l’ordinanza prefettizia emanata il 20 febbraio 1929, con cui si vietava l’ingresso di lavorat (...)

14La soluzione dei ricoveri si mostrò del tutto insufficiente, non solo perché transitoria. La quota di immigrati che raggiungeva la città alla ricerca di nuove opportunità di lavoro era sempre molto alta e in pochi potevano affidarsi alle soluzioni proposte dal mercato privato, specie in assenza di un reddito sicuro. La mancanza di prospettive offerte dall’edilizia pubblica fu, di conseguenza, ancor più grave. Nei confronti degli immigrati, le note misure restrittive adottate dal fascismo23, accompagnate da una propaganda sempre più intrisa di accenti discriminatori, ne ostacolavano, quando non ne impedivano, una regolare sistemazione. Calza Bini fu in questo senso estremamente chiaro:

  • 24 “Il Popolo di Roma”, Difficoltà grandi, 29 novembre 1928.

occorrerà anche mantenersi sulla vigile difesa perché nessuna vana speranza sia nutrita, perché nessun nuovo immigrato, per nessuna ragione, possa aspirare ad avere alloggi e facilitazioni dagli enti pubblici; perché si prenda anzi occasione da eventuali morosità croniche e inguaribili o da evidenti infrazioni disciplinari per fare uscire, non soltanto dalle case dell’Istituto ma dalla stessa città, le famiglie non romane, che più utilmente per loro e per la Nazione potranno ritornare nei loro paesi d’origine24.

  • 25 Ivi, Le case e la questione delle baracche, 11 gennaio 1929.
  • 26 Ivi, Sfollare le città, stroncare l’urbanesimo, 5 dicembre 1928; Le baracche in muratura, 10 genna (...)
  • 27 “Il Popolo di Roma”, Nell’Appio Metronio cit.
  • 28 Ivi, Bonifica di uomini e bonifica di terreni, 12 marzo 1929.
  • 29 “Il Messaggero”, L’andamento degli sfratti in Roma, 11 maggio 1930.

15Alloggi di fortuna e baracche si imponevano come uniche alternative. All’inizio del ’29, un’inchiesta apparsa sul “Popolo di Roma” ne conteggiò 2103, in cui vivevano 12.300 persone25. In quel periodo i maggiori quotidiani della capitale tornarono a occuparsi con frequenza di questi temi, con articoli e lettere di protesta che stigmatizzavano la presenza degli immigrati e delle baracche in città26. Nei loro confronti il coro della propaganda antiurbanista assunse toni sempre più accesi: gli immigrati erano giudicati appartenenti a famiglie indesiderabili «non solo perché non romane» ma in quanto «gente moralmente pericolosa»27. L’opera di eliminazione delle baracche avrebbe anche accelerato la lotta contro le malattie, malaria e tubercolosi in primis, e di conseguenza, si disse, anche quella contro la delinquenza, in quanto era «ormai scientificamente e socialmente provato che i “delinquenti nati” sono vittime di “malattie organiche” ereditate da genitori malarici, luetici, tubercolotici, epilettici, pellagrosi, ecc.»28. Ai baraccati si aggiunsero gli sfrattati: nel primo quadrimestre del 1930 furono presentate 1692 domande di sfratto, mentre al 30 aprile di quell’anno risultavano fissate 1794 disdette di locazione da eseguire29.

16Le borgate, dunque, vennero escogitate come la soluzione più economica e veloce per affrontare il problema dell’alloggio per una serie di categorie: baraccati, sfrattati, disoccupati, saltuari, immigrati, una popolazione di emarginati le cui caratteristiche morali, economiche, a volte anche politiche, stridevano con l’immagine nuova che il regime cercava di imprimere a Roma, chiamata ad assolvere il ruolo di centro di rinascita della Nazione. Il trasferimento di una quota rilevante di famiglie tra le più povere e indigenti verso la periferia inoltre giunse in una fase particolarmente delicata, quella della crisi dei primi anni Trenta, il cui impatto sulla città fu piuttosto rilevante, come dimostrano i rapporti emessi dalla Questura di Roma nel dicembre 1931. Un’inchiesta eseguita nei quartieri della città e del suburbio denotò una sensibile accentuazione del fenomeno della disoccupazione e di quello conseguente del pauperismo, rispetto ai quali il questore Cocchia non nascondeva una certa apprensione, dettata dal fatto che nei quartieri operai e popolari iniziava a notarsi un “senso di disagio anche morale”:

  • 30 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1930-31, b. 328, rapporto del primo dicembre 1931.

I dirigenti dei Commissariati sono concordi nell’escludere qualsiasi immediata preoccupazione per l’ordine pubblico; ma notano e segnalano lo stato di effettivo disagio che, se non arginato a tempo con larghe ed utili provvidenze o se sfruttato da sobillatori irresponsabili a scopo politico, potrebbe portare a fenomeni di esasperazione30.

  • 31 Ivi, rapporto del 15 dicembre 1931.

17Avvertimenti che Boncompagni minimizzava, al punto da mettere in discussione la credibilità di quei resoconti e del suo stesso scrivente31.

  • 32 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 274-5.

18Quale rimedio adottare dunque nei confronti degli immigrati che affollavano la capitale? Circoscriverli e isolarli, allontanandone i problemi e con essi le contraddizioni di cui erano il portato, sembrò il rimedio più efficace per eliminare dalla città fascista per eccellenza le tensioni che generalmente addensavano le grandi conurbazioni. Probabilmente gli immigrati provenienti dai baraccamenti (contrariamente agli sfrattati a seguito dello sblocco dei fitti) preferivano lo spostamento coatto in borgata, considerato come un primo passo in direzione di una permanenza accettata in città, piuttosto che il rimpatrio immediato. Quanto a questo, tutto lascia intendere che non fosse applicato con la stessa premura con cui lo si invocava, da parte di un regime che, pur avendolo disposto per legge, necessitava di un’abbondante manodopera dequalificata da occupare nei numerosi cantieri aperti nella capitale32.

19I nuclei di baracche ufficiali sorsero in diversi punti della città, dal 1930 al ’34. Procedere secondo il criterio della localizzazione geografica, sebbene possa avvantaggiare il lettore a cui sono sconosciuti i luoghi menzionati, porterebbe ad accostare insediamenti con caratteristiche diverse. Il tipo di classificazione che si è scelto di adoperare risponde invece al tentativo di definire gruppi omogenei di baracche, un criterio che tra l’altro coincide pressappoco con la scansione cronologica degli interventi. Si passa dunque dalle prime casette rustiche in muratura col gabinetto interno, alle abitazioni concepite secondo criteri di maggior qualità, sebbene poi non si discostassero molto dalle prime per fattori ambientali e limiti di progettazione, fino agli ultimi insediamenti del 1933-34, accomunati dal fatto di essere stati i più miseri e degradati, senza gabinetti interni e con lo spazio vitale assegnato a ciascuna famiglia ridotto a un solo vano.

2.2 Le prime borgate: Prenestina, Teano, Primavalle

  • 33 Su Tor Pignattara e le zone limitrofe (Pigneto e Marranella), S. Ficacci, Tor Pignattara. Fascismo (...)

20Il primo esperimento di borgata per sfrattati nacque nel giugno 1930, lungo il margine destro di via Prenestina, a circa otto km dal centro, in aperta campagna. L’espansione verso est era già iniziata e lungo le consolari che tagliavano la città in quella direzione, via Casilina e via Prenestina, più o meno parallele tra loro, si erano già verificate lottizzazioni abusive o ad opera di cooperative di carattere piuttosto povero, favorite dalla presenza della ferrovia Roma-Napoli lungo via Casilina. Nello stesso quadrante sorsero il Pigneto, la Marranella e Tor Pignattara, mentre più giù si popolava Centocelle33.

21Questi sobborghi si apprestavano a divenire veri e propri quartieri, caratterizzati da un’edilizia spontanea ed economica, in cui vivevano in maggioranza operai ma anche piccoli impiegati dello Stato. Ma tra Centocelle e Tor Pignattara non vi era contiguità urbana, bensì un lungo tratto di campagna in mezzo. Così anche dall’altra parte, una volta attraversata la Prenestina, si sconfinava nella campagna: lì, a delimitarne il confine, spuntarono le baracche in muratura della borgata Prenestina. Essa lambiva la via omonima a sud, la via di Portonaccio (strada Militare) a ovest, il Demanio dello Stato a nord, dove passavano i binari della ferrovia Roma-Sulmona, la proprietà Lancellotti a est. Oltre la ferrovia, dopo i prati e percorsa via di Portonaccio, si arrivava a Casalbertone.

  • 34 ACS, SPD, C.O., b. 59, lettera del 21 gennaio 1930, cit. in Vannelli, Economia dell’architettura c (...)
  • 35 ASC, DG, n. 4924, n. 4925, 21 giugno 1930; n. 5023, n. 5024, n. 5025, n. 5028, 28 giugno 1930.

22Si trattò davvero di un esperimento, nel senso che le baracche in muratura furono edificate in gruppi di 15 o 16, senza alcun piano preciso e in tempi diversi, le prime costruite direttamente da coloro che andarono ad abitarle, cioè le famiglie più povere provenienti dalle baracche situate sotto il ponte ferroviario sul Tevere a Portuense, come specificato da Raffaello Ricci in una lettera al Governatorato. Fornite di materiale di risulta, prosegue la lettera, «si è offerto di rifabbricarsi da loro, su terreno del Governatorato all’Acqua Bullicante, ricoveri, che sono una specie di casette rustiche. […] Da oltre 15 giorni, un centinaio di persone (uomini, donne, bambini) lavorano colà per la propria casa, volentieri, anzi con entusiasmo, egregiamente sorvegliati da incaricati dell’Ufficio e da Militi»34. Poco dopo comparvero le casette fabbricate dalle ditte private ingaggiate dal Governatorato, la Acidaro e la Clementoni, sei gruppi al prezzo di 5500 lire ad alloggio35.

  • 36 Ivi, Cpp, 17 luglio 1930.

23Dal capitolato di appalto di uno dei primi lotti36 è possibile stabilire dimensioni, numero dei vani e materiali usati. Inizialmente la baracca era di un solo tipo, composta dalla cucina (4 per 2,85 m) e una camera (4 per 4 m), con un angolo riservato al gabinetto. Per preparare le pietanze c’era una cucina in muratura, cioè un bancone con due fornelli di ghisa.

24Come detto, il gabinetto era interno alla baracca, con tazza in terra cotta trattata con smalti e pavimento in battuto di cemento; nel resto dell’alloggio si scelsero mattonelle in cemento. La fogna era garantita dai pozzetti, delle cisterne collegate ai gabinetti, o dai pozzi neri, recipienti rivestiti in terra che permeavano verso il terreno. Le fondazioni profonde solo 40 cm, sicuramente non sufficienti a trattenere l’umidità, mentre non sembra ci fosse un vespaio, perlomeno nei primi esemplari. Era consentito l’impiego di materiale usato, specie per gli infissi.

  • 37 Ivi, DG, n. 5753 e n. 5754, 26 luglio 1930. Ivi, Cpp, 29 agosto 1930.
  • 38 Ivi, DG, n. 6015, 2 agosto 1930; n. 6283, 9 agosto 1930; n. 7879, n. 7881, 4 ottobre 1930; n. 8203 (...)

25Due mesi dopo, l’entità del raggruppamento rese non rinviabile l’impianto di due tronchi di fognatura37, eseguiti dalle due imprese che si divisero gli appalti di costruzione della borgata, di modo che acque nere e pluviali non ristagnassero nei dintorni delle casette. Dall’agosto del 1930 al novembre 1931, si susseguirono le delibere che decisero la messa in opera di altri gruppi di baracche38, cosicché alle prime 95 se ne aggiunsero altre 50, singole o abbinate. Alcune di queste ultime avevano un vano in più delle stesse dimensioni della prima camera, composte quindi da due camere e cucina e assegnate a famiglie con più figli a carico. In tutto l’insediamento ospitava circa 200 famiglie.

  • 39 Ivi, DG, n. 1786, 28 marzo 1931.
  • 40 Ivi, n. 1188, 28 febbraio 1931.
  • 41 Ivi, n. 10193, 31 dicembre 1930.
  • 42 Delenda baracca cit., p. 46.

26La borgata era, per così dire, completata da alcuni lavatoi, compresi nelle opere di costruzione degli alloggi, da un asilo infantile39 e da due botteghe per generi di prima necessità40. Dei guardiani41, coi relativi uffici, svolgevano un servizio di custodia delle baracche, i cui collaudi finali vennero completati tra maggio e dicembre del 1932. Ben presto, si rivelarono case inadatte ad essere abitate. Un dato taciuto dagli osservatori che, nei rari casi in cui le descrissero, sostennero addirittura che il fascismo aveva avuto il merito di chiudere con la politica delle baracche in sostituzione di altre baracche, «finita con quelli stessi regimi che recavano a base e sistema di governo il “provvisorio”». Secondo quanto affermato da costoro «agli abitatori delle fetide baracche si preparavano le case in muratura»42.

  • 43 ASC, DG, n. 10016, 31 dicembre 1930; n. 1187, 28 febbraio 1931; n. 1091, 28 febbraio 1934.

27Le cose stavano diversamente. A dirci senza equivoci che l’economia di questo genere di alloggi fu sin troppo eccessiva, ai limiti dell’abitabilità, vi è il fatto che i lavori di riparazione degli stessi si imposero da subito. Già nel dicembre 1930 se ne ravvisò la necessità, altre sistemazioni occorsero a febbraio, cui seguirono ulteriori restauri negli anni a venire43.

  • 44 Sorta nel 1922 come produttrice di fibre artificiali, rappresentò una delle maggiori industrie rom (...)
  • 45 Sulla storia dell’Atac si veda il libro di G. Pagnotta, Roma in movimento nelle fotografie dell’ar (...)
  • 46 “Il Popolo di Roma”, Le comunicazioni a Tor Pignattara e all’Acqua Bullicante, 13 luglio 1930; Il (...)
  • 47 “Il Messaggero”, Autobus per Casalbertone e Pigneto, 21 aprile 1933; Da oggi la borgata Tor Sapien (...)
  • 48 Ivi, Visita all’Acqua Bullicante e alla Marranella, 18 agosto 1934.

28Sul piano delle comunicazioni con la città, questa borgata poté ritenersi fortunata rispetto ad altre. La presenza della Cisa Viscosa44, lungo via Prenestina, favorì l’allungamento del percorso del tram 12, che qui concludeva la sua corsa, mentre sempre nelle vicinanze della zona c’era il capolinea del tram 10. Il percorso del 12, che collegava la Viscosa all’Esquilino, fu al centro di una polemica, condotta a colpi di lettere inviate ai giornali, tra i cittadini di Portonaccio e quelli di Tor Pignattara. Essa ci fa capire il grado di disagio avvertito rispetto alla problematica degli spostamenti45. Al centro della questione vi era l’impraticabilità delle strade, come via dell’Acqua Bullicante, che costringeva a percorrere lunghi tratti a piedi in aperta campagna per raggiungere il capolinea del tram. Gli abitanti delle due zone chiesero il prolungamento della linea tranviaria, ognuno verso la propria zona46. Un piano di studio generale riguardante la mobilità a servizio delle borgate non rientrava nelle priorità del Governatorato, piuttosto si trovavano singole risposte man mano che si presentavano i problemi. Così tra aprile e giugno 1933 si istituirono l’autobus 213, che allacciava la Marranella e il Pigneto a Portonaccio e le predette località col capolinea del tram, e l’autobus 212, che collegava la borgata Tor Sapienza, ancora più a est, alla rete tranviaria urbana, con tragitto da via Prenestina al capolinea del 1247. Le corse, tuttavia, erano sempre poco frequenti e l’intera agibilità del servizio ne risentiva. L’autobus 213 percorreva il suo tragitto in dodici minuti una volta ogni ora, mentre il numero delle vetture della linea 12 era estremamente basso e i fruitori costretti a una situazione di perenne affollamento. Le zone circostanti via dell’Acqua Bullicante rimasero a lungo sguarnite anche di altre fondamentali necessità: alla fine del 1934 vi era ancora una scarsissima illuminazione, mancava la farmacia, assenti le scuole, il nome delle vie, la fontanella, la cassetta postale48.

  • 49 Ivi, Necessità della borgata Prenestina, 18 ottobre 1931. ACS, SPD, C.O., 500.030, esposto del 26 (...)

29Occorre precisare che i quotidiani nel pubblicare e commentare le ragioni dei cittadini di questi quartieri ne riconoscevano in qualche modo le esigenze. Al contrario, dei problemi specifici della borgata Prenestina sembra non esservi traccia. Solo nell’ottobre 1931, a più di un anno dal baraccamento, un trafiletto di poche righe denunciò la mancanza di luce elettrica nella borgata, in cui si andava avanti con le candele, un problema che gli abitanti avevano già fatto presente con un reclamo anonimo inviato direttamente a Mussolini49.

  • 50 “Il Popolo di Roma”, Il Duce in mezzo al popolo, 23 settembre 1930.
  • 51 Ivi, Il Duce alle famiglie della borgata Prenestina, 25 settembre 1930.
  • 52 ACS, SPD, C.O., 500.030, telegramma del 25 ottobre 1930.

30Se a tali ristrettezze si dava poco conto, diverso fu lo spazio dedicato alle iniziative pensate per amplificare l’opera del fascismo a sostegno dei meno fortunati. Il Duce in mezzo al popolo, titolò in prima pagina “Il Popolo di Roma” il 23 settembre 1930. Il racconto della visita al campo di baracche della Prenestina, con un Mussolini ritratto nel dispensare foto, promesse di sussidi e suppellettili nuove tra “entusiasmo, gratitudine” ed “esaltazione” della folla, dava spunto al cronista per interrogarsi: «Quando mai un Capo del Governo è stato così amato dal popolo? È vero che di Mussolini c’è n’è uno solo; ma ciò non c’impedisce di registrare questo “fenomeno” di masse di ogni gradazione e condizione sociale che idolatrano un Capo e che per lui sono disposte a tutto: anche a far gettito della vita»50. È un aspetto essenziale di quel populismo che permise a Mussolini di tenere legati a sé anche quei ceti sociali che avrebbero avuto buon diritto a rimproverargli le proprie angosce quotidiane. La distribuzione di benefici e sussidi, in generale l’attivazione delle opere caritatevoli, fu parte integrante di quella miscela di assistenzialismo e controllo che dominò la concezione fascista dell’ “andare verso il popolo”. In questo caso, ma più avanti vedremo che questi episodi accaddero di frequente, due funzionari si recarono il giorno successivo nella borgata per ripartire sussidi in denaro, somme varianti da 150 a 200 lire che premiarono, nell’arco dei due giorni, 46 famiglie (in tutto 7500 lire)51. I sussidiati risposero con un telegramma: «Abitanti borgata Prenestina commossi benedicendo ringraziano facendo fervidi voti che Iddio renda centuplicata all’ E.V. gioia apportata tante famiglie e vi conceda lunga vita per il bene e le fortune d’Italia»52.

  • 53 Ivi, Elenco delle famiglie povere abitanti nel Villaggio Prenestino.
  • 54 Cfr. G. Doti, La II zona industriale e il suburbio orientale tra le due guerre, in «Roma moderna e (...)

31Scorrendo la lista dei nuclei beneficiati, si scopre che la quasi totalità di essi era composto da più di sette persone, con molti dei capofamiglia in condizioni di disoccupazione, inabilità, invalidità di guerra, cecità53. La stretta vicinanza di uno degli stabilimenti industriali più importanti di Roma, la Viscosa, non garantiva di per sé prospettive di lavoro. A parte un folto gruppo di 200 donne, operaie specializzate provenienti dal Veneto, la maggioranza dei lavoratori e del personale impiegato alla Viscosa risiedeva fuori dal suburbio orientale54. La stessa idea di bonifica dalle baracche che il regime tentò di attuare, prendeva le mosse da una ragione estetica quando vi erano problemi di carattere strutturale legati all’assenza di prospettive lavorative, senza affrontare i quali difficilmente si sarebbe potuto arrestare il fenomeno delle baraccopoli spontanee

  • 55 V Rip., titolo 9, classe 5-2, 1934, f. 61, Relazione del Direttore dei lavori a corredo dello stat (...)

32A breve distanza dalla borgata Prenestina, nell’area compresa. tra la strada omonima e via dell’Acqua Bullicante, fu decisa la costruzione di un altro campo di baracche in muratura denominato borgata Teano, come la strada che marcava il confine settentrionale dell’insediamento. Le delibere approvate dal governatore riferite a questa borgata inducono a confonderla con borgata Prenestina, entrambe contrassegnate dal toponimo “località Acqua Bullicante”. Per accertare l’esistenza di campi diversi è stato necessario anzitutto esaminare il contratto di vendita delle borgate all’Ifacp. Stabilito questo, per appurare quali deliberazioni fossero riferite a questa o quella borgata si è fatto ricorso sia ai contratti d’appalto, su alcuni dei quali compare la scritta a penna “via Teano” sul frontespizio, che alle relazioni contenute nei fascicoli della V Ripartizione55.

  • 56 ASC, DG, n. 64, 2 gennaio 1932; n. 1378, 5 marzo 1932; n. 5814, 27 agosto 1932; n. 5972, 3 settemb (...)

33Anche in questo caso i manufatti vennero eseguiti da ditte diverse e decisi con provvedimenti spaziati nel tempo: dall’aprile 1932 all’aprile 1933 si contano 38 casette tipo A (due appartamenti di una camera e cucina, prezzo 11.000 lire) e 44 casette tipo B (due appartamenti di due camere e cucina al prezzo di 17.000 lire), per un totale di 164 alloggi56. Le dimensioni dei vani erano uguali a quelle della borgata vicina, altezza 3 m, camere 4 per 4 m, cucina 4 per 2,85 m. I lavori seguirono la logica del massimo risparmio, con l’utilizzo di materiali e infissi provenienti da demolizioni «purché in perfetto stato». Le fondazioni, sempre poco profonde (40 cm), vennero realizzate in tufo; i pavimenti, sguarniti di vere piastrelle, erano formati da materiale pressato, ricettacolo per l’accumulo di polvere; i tetti erano sprovvisti di grondaie, cosicché il terreno circostante le casette alla minima pioggia diventava un campo di fango; le pareti, in muratura di mattoni ad una testa, erano rivestite con intonaco “civile”, appena più rifinito e liscio rispetto alle pareti esterne lasciate grezze; le tinteggiature vennero eseguite in latte di calce e colla, dal costo irrisorio. Le baracche di Teano erano dotate di gabinetti interni, ma senza infisso alla “fessura di aerazione”, il che complicava le cose durante l’inverno.

  • 57 Ivi, DG, n. 4360, 17 luglio 1933; n. 6830, 12 ottobre 1933.
  • 58 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1, relazione dell’ispettorato della III zona, febbraio 1935
  • 59 Ivi, classe 7-3, 1935, f. 148.
  • 60 Ivi, classe 4-3, 1935, f. 95.
  • 61 Ivi, classe 9-5, 1936, f. 10. La delibera di esecuzione della fogna in ASC, DG, n. 3897, 30 luglio (...)
  • 62 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1.
  • 63 Ivi, classe 5-2, 1935, f. 28.

34L’impianto delle “opere accessorie” (sistemazione stradale, fogne e pozzi neri) era compreso nei capitolati d’appalto (ad esempio il contratto del 12 aprile 1932); tuttavia, nessuna di esse fu ultimata prima del 1936. L’impianto di illuminazione pubblica venne deciso nel luglio 1933 e autorizzato in dicembre57, ma una relazione del Gruppo rionale Porta Maggiore-Tor Pignattara segnala che nell’intero circondario «la luce, dove non manca del tutto, è troppo debole. Via dell’Acqua Bullicante spesso è all’oscuro completamente, via Teano, via Formia, via Cori, via Norma, via Labico, sono completamente all’oscuro ogni qualvolta tiri un po’di vento o piova»58. Quanto alle strade, solo nell’ottobre del 1935 vennero iniziati i lavori di prolungamento di via Teano in direzione di via Casilina, mentre per le strade interne di questa come di un’altra borgata, denominata Gordiani e di cui si dirà tra poco, si dispose di «rinviare ogni decisione al nuovo anno»59, un dato confermato da un promemoria dell’Ifacp per la V Ripartizione sempre del 1935, in cui si scrisse a proposito della voce “strade e fogne” in località Teano e Gordiani: «Eseguita l’arteria centrale manca ogni altra sistemazione secondaria»60. Sul piano fognario, per ovviare alla penosa situazione che si verificava ogni sette-dieci giorni, quando i pozzi neri, non assorbenti, debordavano «richiedendo la vuotatura d’urgenza a mezzo di autobotti dell’Ufficio Igiene», bisognò attendere l’intervento dell’Ifacp nel luglio 1936. Il nuovo progetto di fognatura previde il raccoglimento delle acque di sfioro dei pozzi neri in un collettore principale che da via Teano andava ad allacciarsi alla esistente fognatura tubolare già costruita dal Governatorato, che sfociava in un fosso in aperta campagna a grande distanza dall’abitato61. Le scuole erano insufficienti e persino le fontanelle d’acqua scarseggiavano, non solo nella borgata Teano: «In tutto l’immenso quartiere (Tor Pignattara) non ve ne sono più di 4 o 5 compreso il mercato che pure occupa una grande estensione ed è frequentatissimo»62. Nei primi mesi del ’35 fu invece realizzato il posto di guardia per agenti Metropolitani, con due camere di sicurezza per la detenzione separata di uomini e donne, richiesto dall’Ufficio di Assistenza Sociale, a riprova del fatto che la cura di questi aspetti può forse ritenersi più sollecita63.

  • 64 “Il Popolo di Roma”, All’Aurelio, da Porta Cavalleggeri a Casal Braschi, 1 marzo 1929.
  • 65 ASC, DG, n. 6559, 18 agosto 1930.
  • 66 “Il Popolo di Roma”, Nella zona Aurelia: la Pineta Sacchetti e “Primavalle”, 7 febbraio 1929.
  • 67 Ivi, La sistemazione della zona Primavalle – Pineta Sacchetti, 16 maggio 1929.

35La borgata Primavalle nacque verso la fine del 1930, nel quadrante nord-ovest. Anche in questo caso appare certa la finalità immediata dell’intervento, destinato al collocamento di un preciso gruppo di famiglie baraccate, una cinquantina, situato nei pressi di Porta Cavalleggeri, dove il Piano Regolatore stabilì la costruzione di un edificio scolastico64. Il Governatorato acquistò un’area di 25 mila mq al prezzo di cinque lire al mq in località Primavalle dalla società Anonima laziale bonifiche agrarie (Alba), proprietaria dell’intera tenuta, allo scopo di costruirvi «casette simili a quelle fabbricate sulla via Prenestina»65. La località prescelta si trovava incastonata tra via di Boccea e via della Pineta Sacchetti, confinante a est con la pineta stessa e per il resto con la residua proprietà della società Alba, ai margini nord-occidentali del quartiere Aurelio. Sebbene stesse lontano dalla città, a nove km dalla Basilica di San Pietro, non si trattava di un territorio completamente “vergine”. Proprio nei mesi che precedettero l’acquisto dell’area, “Il Popolo di Roma” ospitò una serie di articoli che descrivevano lo sviluppo acquisito dallo spazio compreso tra la Pineta Sacchetti e il Forte Braschi; in uno si esigeva l’interessamento del Governatorato rispetto al rilascio dei permessi di costruzione già richiesti nella zona e per un piano di sistemazione stradale che non comportasse una spesa enorme per chi aveva investito nell’acquisto del terreno66. Un altro descriveva Primavalle con un’immagine molto vicina a quella di una città giardino: «Tra poco sorgerà una graziosa borgata costituita da villini ornati di orti e giardini, servita da ampie strade, dove troveranno abitazione diverse centinaia di famiglie»67. Per l’illuminazione e l’acqua potabile si confidava nel particolare interessamento promesso dall’ing. Salatino, capo ufficio tecnico del Governatorato, dal commissario Maccari, capo della V Ripartizione, e dall’ing. Bianchi del Piano Regolatore.

36La decisione di insediarvi una borgata per baraccati e sfrattati solo a prima vista contraddice questo tipo di indicazioni. Una prima spiegazione è data proprio dalle pressioni tese ad accelerare l’urbanizzazione dell’intero comprensorio, con la previsione di una copertura dei relativi servizi ad opera dell’amministrazione pubblica. L’impianto di alcuni dei servizi primari, come la dotazione di acqua potabile, presentava difficoltà e oneri rilevanti che difficilmente avrebbero sostenuto i privati.

  • 68 ASC, DG, 2431, 3 marzo 1934.

37Primavalle funzionò da traino per il popolamento e l’urbanizzazione delle zone limitrofe, Val Canuta a sud, Torrevecchia a nord, borgata Fogaccia a ovest (oggi conosciuta come Montespaccato, lottizzazione ad opera dei Conti Fogaccia68).

  • 69 Bortolotti, Roma fuori le mura cit., p. 44. La vicinanza delle borgate ai forti militari è stata s (...)

38Il prezzo d’acquisto dell’area, d’altronde, fu significativamente basso: un fattore fondamentale che da solo giustificava la localizzazione della borgata. L’adiacenza di uno dei dodici forti militari che cingevano la città sin dal 1881, Forte Braschi, sta a confermare la funzione che ebbero le fortificazioni intorno a Roma: sorpassati da un punto di vista difensivo sin da quando furono ultimati, i forti stabilirono una sorta di raccordo tra l’Agro e la città, cruciale nel favorirne i primi collegamenti attraverso un iniziale reticolo di stradine e nel fissare le direzioni della futura espansione periferica69.

  • 70 “Il Messaggero”, Al di là del quartiere Aurelio, 9 febbraio 1934.

39A sud della borgata, dalla chiesa della Madonna del Riposo alla tenuta Bravetta, si allineavano gli edifici di un vero e proprio quartiere di religiosi, favorito dalla vicinanza con la Città del Vaticano. Molti ordini religiosi scelsero qui le loro sedi, «costruzioni imponenti per mole e proporzioni». Nella parte più alta, invece, si potevano ammirare graziosi villini immersi nel verde delimitato da villa Carpegna, via Casale di Pio V e dalla villa Stokes70.

  • 71 “Il Popolo di Roma”, Necessità della zona Pineta Sacchetti, 13 luglio 1930; Segnalazioni all’Atag (...)

40L’intera zona era priva di una rete stradale, vi erano solo viottoli impraticabili e sentieri di uso pedonale. La borgata originaria era collegata a via della Pineta Sacchetti con la sola via di Forte Braschi, mentre dal lato opposto l’allacciamento con via di Torrevecchia avveniva tramite strade sterrate. Il servizio tranviario, notavano gli osservatori, funzionava “malissimo”: era assicurato dalla linea 34 che percorreva il tragitto Ponte Vittorio Emanuele-Madonna del Riposo fino al Forte Braschi in tempi piuttosto lunghi. Le cose peggiorarono quando la linea fu soppressa per essere sostituita da due autobus: se prima fino a Forte Braschi bastava un mezzo, ora ne occorrevano due, con un trasbordo alla Madonna del Riposo. Fortunatamente, la linea 34 fu ripristinata dal primo agosto 1933 fino al suo vecchio capolinea di Forte Braschi dove, con l’autobus 236, si poteva raggiungere Primavalle71.

  • 72 ASC, Cpp, 14 ottobre 1930; i lotti dal 2° al 6° con contratto 5 marzo 1931; il 7°, 9°, 10°, 11° co (...)
  • 73 Ivi, DG, n. 6946, n. 6947, n. 6945, 17 ottobre 1931; n. 65, 2 gennaio 1932; n. 1379, 5 marzo 1932. (...)
  • 74 Ivi, DG, n. 1379, 5 marzo 1932.
  • 75 ACS, SPD, C. O., b. 842, f. 500.019-1, lettera del 27 maggio 1931.

41Le prime casette apparvero alla fine del 1930, seguite dai lotti dal 2 al 12, tutte ad opera della ditta Guerrieri, la stessa che aveva ottenuto l’appalto per realizzare la scuola di Porta Cavalleggeri72. I contratti dei successivi cinque lotti, tra dicembre 1931 e la metà del 1932, furono distribuiti, oltre che alla Guerrieri, all’impresa F.lli Giovannetti, la Papaleo e la Federici73. Quest’ultima, impiegò i materiali di risulta delle demolizioni eseguite in città per conto del Governatorato74. Bastava aggiudicarsi un appalto, dunque, per farne seguire degli altri. Nella quasi totalità dei casi non vi furono bandi pubblici, ma trattative private con le ditte più “serie”, in realtà con quelle che disponevano di una posizione più forte proprio in virtù dei rapporti intrattenuti con le autorità, in grado tra l’altro di proporre ampi margini di ribasso e generalmente coi cantieri in efficienza in altri punti della città. Le maggiori ditte costruttrici non risentirono della disputa accesasi tra Governatorato e Istituto case popolari, in quanto mantennero proficui rapporti con il Campidoglio. I lavori per la “Grande Roma” fruttavano grossi affari, di fronte ai quali le casette per sfrattati altro non erano che un semplice corollario. Il titolare dell’impresa Federici, ad esempio, dopo essersi aggiudicato i lavori di sistemazione di via Tor de’ Specchi, delle pendici del Campidoglio e di piazza Bocca della Verità, scrisse direttamente a Mussolini proponendosi per eseguire le opere nell’area dei Fori Imperiali. Al punto due del programma figurava anche «la costruzione degli indispensabili vani in località opportune da servire per gli sfrattati dalle case da demolire»75.

  • 76 ASC, Cpp, 14 ottobre 1930.
  • 77 Ivi, DG, n. 8171, 5 dicembre 1931. V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1.
  • 78 ASC, DG, n. 6606, 1 ottobre 1932.
  • 79 Ivi, Cpp, 2 dicembre 1932.
  • 80 Ivi, DG, n. 1623, 18 marzo 1932.
  • 81 Ivi, n. 8632, 30 dicembre 1933; ivi, Cpp, 21 febbraio 1934.

42Le caratteristiche tecniche delle casette erano pressoché identiche a quelle descritte per le altre borgate. Del resto, il tempo di consegna per questo genere di costruzioni, stimato in 25 giorni per gruppo, dà perfettamente l’idea di un progetto tutt’altro che pretenzioso76. I manufatti occupavano il terreno situato tra via Bernardo da Bibbiena, piazza Zaccaria e la via principale, via di Primavalle, presto ribattezzata via Federico Borromeo, alla cui estremità inferiore sorse la chiesetta di S. Maria Assunta, sulla piazza Clemente XI. Si provvide all’impianto di illuminazione, ma nel 1935, tra le richieste pervenute dai gruppi rionali alla Federazione dell’Urbe, figurava quella di migliorare l’illuminazione della borgata, metà della quale si trovava «letteralmente al buio»77. Nei successivi tre anni si ultimarono i lavatoi, la Casa del fascio78, una scuola elementare (anch’essa realizzata dall’impresa Guerrieri)79, una stazione sanitaria80, il consultorio dell’ONMI81, un commissariato di PS.

  • 82 Ivi, DG, n. 4979, 1 agosto 1931; ivi, Cpp, 18 novembre 1931 (impresa Cori Giovanni). La costruzion (...)
  • 83 Ivi, DG, n. 150, 9 gennaio 1932; n. 6852, 10 novembre 1934. Il contratto in ivi, Cpp, 19 dicembre (...)
  • 84 Ivi, DG, n. 551, 9 febbraio 1933.

43Nulla oggi è rimasto della vecchia borgata governatoriale, tranne la chiesetta e i longevi padiglioni del dormitorio pubblico, costruito a partire dal novembre 1931 in prossimità delle casette e prospiciente a via Borromeo82. La presenza del dormitorio giunse a ratificare le caratteristiche ambientali dell’insediamento, divenuto un ricovero a cielo aperto abitato da indigenti e senza fissa dimora. Il dormitorio, inizialmente gestito dall’Ufficio di Assistenza Sociale, iniziò a funzionare all’inizio del 1932 con un regolamento che ne fissava l’accesso a partire dalle ore 18 nei mesi da ottobre ad aprile e dalle 20 tra maggio e settembre, con uscita alle otto del mattino. Si era ammessi col possesso di un foglio di ricovero rilasciato dall’Ufficio Assistenza o dalla Questura; il 10 % dei posti era ceduto al prezzo di una lira a notte. Ai primi due padiglioni, se ne aggiunsero altri due costruiti alla fine del 1934, per un totale di 500 posti letto83. Parallelamente, il Governatorato istituì un altro dormitorio pubblico nell’edificio di sua proprietà in via del Falco n. 684.

  • 85 Ivi, n. 3858, 20 maggio 1935.
  • 86 ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficenza, affari generali provinciali, 1940-42, b. 100, f. 26071-103 (...)

44Il dormitorio di Primavalle divenne presto uno dei luoghi più sciagurati della città e la sua gestione, affidata a partire dal 1935 alla Congregazione di Carità85, degenerò. Un lungo rapporto prefettizio del 1942 ne dà una descrizione dettagliata: i letti erano distanziati da soli 50 cm «con grave pregiudizio delle più ovvie norme igieniche»; la pulizia interna, effettuata a turno dagli stessi ricoverati «lascia molto a desiderare, tanto più che i ricoverati non si astengono dal mangiare, dal fumare e spesso dal lavare gli indumenti personali nelle stesse camerate dove dormono». Le infezioni circolavano con frequenza e debellarle non era compito semplice, coi malati curati nell’ambulatorio, scarsamente attrezzato, annesso alle camerate. Queste, specie nella stagione estiva, pullulavano «di insetti e parassiti di ogni genere, cimici e pidocchi in prevalenza. Nelle sale di soggiorno […] esiste un solo gabinetto di decenza, inusabile a causa della sua sporcizia. […] Molte famiglie sono ricoverate nel dormitorio pubblico sin dal 1933»86.

  • 87 Zofia J. Zdybicka, Orsola Ledòchowska. Santa dei tempi difficili e segno di speranza, Libreria Edi (...)
  • 88 ACS, SPD, C.O., 509.215-3.

45Questa immagine da girone dantesco si associa alla descrizione della borgata pervenutaci dalle memorie di Orsola Ledòchowska, religiosa polacca, fondatrice della Congregazione delle Suore Orsoline del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante, presente a Boccea e a Primavalle sin dal 1932. Conosciuta la miseria che vi regnava scrisse: «Quanto è disperato l’esilio di quei poveri senzatetto! È un orrore: 180 baracche, circa 900 poveri senzatetto, uomini quasi selvaggi! Hanno fame, bestemmiano terribilmente!»87. Con l’aiuto del Vaticano fu costruita la chiesetta parrocchiale di S. Maria Assunta, con la mensa e il laboratorio per i corsi di cucito, dove ebbe inizio, il 2 giugno 1933, la missione della Congregazione. A Primavalle svolse attività di soccorso dei malati poveri anche la Compagnia delle Dame di carità di S. Vincenzo de Paoli, della parrocchia S. Maria delle Fornaci, presieduta da Maria Pompilj (sorella del cardinale Pompilj, vicario del Papa), cui Mussolini ogni anno elargiva un sussidio di 500 lire. Nel 1933 la Compagnia visitò 911 abitazioni e fornì assistenza a 86 famiglie e 124 malati88.

2.3 Sette Chiese e Appio, le borgate dai sistemi brevettati

  • 89 ASC, Cpp, 18 dicembre 1936.
  • 90 Ivi, Consulta di Roma, Verbali, 10 settembre 1930.
  • 91 Ivi, DG, n. 187, 11 gennaio 1930.

46Negli stessi mesi in cui si costruì Primavalle, altre case rapide spuntarono a sud della città, in via delle Sette Chiese, cui venne stanziata la parte più cospicua delle risorse destinate alle borgate in questi primi anni Trenta. Il punto scelto per l’insediamento, a circa un chilometro dal quartiere Garbatella, era compreso tra il fosso di Grotta Perfetta a sud, via delle Sette Chiese a nord e per il resto circondato da terreni appartenuti a diversi proprietari89. Deciso dal Governatorato nel gennaio 1930, rappresentò una tipologia di qualità intermedia nell’ambito delle soluzioni per fasce poverissime (una distinzione ravvisabile, tra l’altro, nel discorso pronunciato da Boncompagni per l’insed iamento della Consulta di Roma90, l’unica occasione in cui il tema delle borgate comparve in una seduta della Consulta fino alla nomina del nuovo governatore), ma il loro destino fu quello di una precoce assimilazione alle case rustiche91.

  • 92 Ivi, n. 865, 8 febbraio 1930.
  • 93 Ivi, n. 5311, 5 luglio 1930.

47L’appalto fu foriero di una serie di infortuni, inizialmente legati allo stato di crisi della ditta aggiudicataria. L’impresa interpellata fu la Sacir, detentrice del brevetto “Pater”, sistema di fabbricazione di casa rapida messo a punto dall’ing. Dario Pater. La Sacir chiese di poter affidare i lavori in sua vece all’impresa Argurio e Falzetti, la quale non riuscì a procurarsi il capitale necessario a causa del dissesto di un istituto di credito92. Fu così costretta a trasferire la licenza di costruzione del sistema Pater all’impresa Salic che, incaricata dei lavori nel luglio 1930, si impegnò a consegnare 150 vani alla fine di ottobre, 350 a novembre, 500 a dicembre, un totale di 1000 vani per un importo di cinque milioni di lire93.

  • 94 Ivi, Cpp, 18 ottobre 1930
  • 95 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1932, f. 144.

48Non più casette a un solo piano terreno, dunque, ma fabbricati formati da due o tre piani, con altezza fissata a 3,20 m, venti centimetri in più delle baracche in muratura. I muri perimetrali poggiavano su basamenti di calcestruzzo (cemento aggiunto a pietrisco mediante le prime macchine impastatrici); le fondamenta erano più consistenti (anche se il basamento, dello spessore di un metro, non era totalmente interrato) e il vespaio eseguito con griglia di cemento e riempimento di tufo. I muri erano composti da tavoloni prodotti da un impasto di truciolato di legno e cemento, rivestiti di intonaco. I pianerottoli, i gradini delle scale e quelli dei portoni d’ingresso realizzati in graniglia bianca, una specie di surrogato del marmo. Le case, formate da uno o più vani oltre la cucina, erano munite di lavandino, scolapiatti, rubinetti, scarico a sifone e sedili dei gabinetti fatti in legno. Nelle case arrivava l’acqua corrente mediante dei cassoni da 200 litri; gli scarichi delle acque luride erano tenuti distinti da quelli per le acque chiare, collegati alla fogna stradale o ai pozzi neri mediante fognoli94. La Salic ottenne anche l’appalto per la sistemazione stradale, in particolare per assestare gli accessi alle abitazioni95.

  • 96 ASC, DG, n. 6613, 3 ottobre 1931. “Il Popolo di Roma”, Le nuove opere che saranno inaugurate il XX (...)
  • 97 Un profilo sulla figura di Virgilio Testa è tracciato negli scritti di O. Gaspari, Un coraggioso S (...)

49Il primo gruppo di case Pater, «sopra un terreno collinoso e di bell’effetto panoramico», fu inaugurato nel corso delle celebrazioni del Natale di Roma del ’31 (21 aprile)96. Ma in fase di collaudo ci si accorse del fallimento del progetto. Lo si apprende da una comunicazione dell’Ifacp rivolta a Virgilio Testa97, segretario generale del Governatorato:

  • 98 V Rip., titolo 9, classe 4-3, 1935, f. 87, nota del 15 novembre 1935.

il gruppo di Casette rapide alle Sette Chiese costruito col sistema Pater ha dato cattivo esito. Secondo il parere del collaudatore, e dello stesso costruttore, occorrerebbero notevolissimi lavori per assicurare la stabilità di quelle casette già seriamente minacciata98.

  • 99 ASC, DG, n. 5934, 12 novembre 1936.

50Una volta acquisite dall’Istituto, le case Pater dovettero essere ricostruite, ma essendo questa borgata, come tutte le altre, non prevista dal Piano Regolatore e nata al di fuori di esso, si presentò il problema di dover effettuare il programma di ricostruzione tenendo presenti le linee e le quote del nuovo Piano particolareggiato, affinché non ne fosse pregiudicata l’esecuzione secondo la rete stradale prevista per la zona; un compito assai lungo e dispendioso che, a quanto pare, fu subito messo da parte, visto che nel computo degli alloggi che passarono in amministrazione all’Istituto nel 1936 l’insediamento delle Sette Chiese conteggia solo 305 vani99. Quanto alle migliori condizioni di vita che ci si attenderebbe, stando alla qualità superiore dell’abitazione tipo Pater rispetto alle casette rustiche, una relazione dell’Ispettorato di zona del fascio di Appia Antica smentisce ogni tipo di considerazione del genere.

  • 100 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, relazione del 13 marzo 1935, sottolineature nel testo.

Sette Chiese si trova a circa 200 metri dalla borgata di Tormarancia, abitata da 260 famiglie (1600 persone). Gli alloggi sono governatoriali ma a pagamento. Non esistono ingrottati. Gli abitanti sono, anche qui, in grande maggioranza dell’Italia Meridionale, ed in prevalenza di Bari e di Foggia. Un rimpatrio fatto su larga scala di questi disgraziati relitti dell’urbanesimo, sarebbe quanto mai opportuno. L’agglomerato è in ragione di sei o sette persone per vano, ed in conseguenza la situazione sanitaria è tutt’altro che buona. La t.b.c. signoreggia e circa 45 adulti capi famiglia ne sono affetti; bambini malati o predisposti ve ne sono in quantità. Il servizio sanitario viene disimpegnato dal medico condotto di Tormarancia e da quello di Garbatella, ma è insufficiente con i mezzi di cui dispone100.

  • 101 “Il Messaggero”, Altri provvedimenti da realizzare, 22 gennaio 1933. Nel 1935 le borgate Sette Chi (...)

51Sul piano delle comunicazioni la borgata era allacciata alla città dal percorso di due autobus, nessuno dei quali soddisfaceva le esigenze dei residenti. Entrambe le linee, la 220 che collegava Cecilia Metella con il Colosseo e la linea 22 che dal Colosseo portava alla Garbatella, rendevano obbligato un lungo percorso a piedi sia all’andata che al ritorno; in aggiunta, dal lato dell’Appia la corsa costava 1,70 lire essendo il percorso di tipo turistico101. Le case Pater furono completamente demolite nel dopoguerra. Al loro posto, tra via delle Sette Chiese, via S. Petronilla, via

52Odescalchi e via Flavia Tiziana è nato nel 1949 un complesso di casette a due piani simili a quelle Pater per disegno e finiture, ma più solide e fornite di piccoli balconi, poi trasformati in verande dagli attuali residenti.

  • 102 ASC, Cpp, 18 dicembre 1936.

53Il gruppo delle Sette Chiese fu inaugurato lo stesso giorno della borgata Appio. Sorta in località Cessati Spiriti, tra via Appia Nuova a est, via Latina a ovest e via Botero a nord, non lontano dalla città, comprendeva un edificio di 99 vani raggruppati in 43 appartamenti dotati di impianto idraulico e con finimenti normali102. Gli alloggi furono assegnati in premio alle migliori famiglie uscite dal ricovero Appio, di cui costituivano l’ampliamento. Gli appartamenti li eseguì la ditta Angiolini servendosi dei blocchetti “Cierre”, dall’elevato livello di isolamento termico.

  • 103 Ivi, 24 gennaio 1931; 20 aprile 1931; 25 aprile 1931; 30 aprile 1931; 5 giugno 1931.

54Si trattava di blocchi di calcestruzzo cementizio con rivestimento interno di “Eraclit” (lastre isolanti) e montanti in cemento armato secondo il sistema brevettato “Cierre”. Le fondazioni, costituite principalmente da tufo e malta di calce e pozzolana, misuravano 0,90 m, con uno spessore di 45 cm. I muri interni erano costruiti in muratura ordinaria di mattoni zoccoli con l’aggiunta di tramezzi di Eraclit, i solai si componevano di cemento armato e laterizi forati (sistema “Berra”)103.

  • 104 Ivi, 19 ottobre 1929.
  • 105 “Il Messaggero”, Una parziale visione dei lavori stradali, edilizi ed idraulici attualmente in cor (...)

55Accanto al ricovero per sfrattati, fu costruito nel 1929 un padiglione in muratura adibito a giardino d’infanzia104. Con ogni probabilità la borgata fu ampliata nel corso degli anni: nel marzo 1933 “Il Messaggero”annunciò l’edificazione di quattro appartamenti composti da cinque camere e cucina presso i Cessati Spiriti, in via Carlo Denina, da assegnare a famiglie numerose in occasione del Natale di Roma105. La borgata Appio fu forse l’unica in grado di offrire una vivibilità accettabile, a cui comunque bisognava adattarsi, data la stretta vicinanza a un ricovero per sfrattati e lo stato incompleto delle opere di urbanizzazione. In ogni caso non durò a lungo: i suoi alloggi furono demoliti nel breve volgere di un decennio, addirittura in anticipo su quelli provvisori.

2.4 Tor Marancia, Gordiani, Pietralata

56Riepilogando gli elementi peculiari che contraddistinsero il processo di edificazione delle borgate sin qui descritte, si può affermare che la tipicità dei metodi di fabbricazione fu data dalla rapidità d’esecuzione, che i materiali utilizzati vennero scelti in funzione del massimo risparmio, che le localizzazioni risposero ad esigenze esterne ai nuclei trasferiti (basso costo dei terreni, isolamento dalla città per allentarne le tensioni e per ragioni estetiche, sostegno ideologico alle politiche demografico-ruraliste, promozione di una crescita spontanea e senza regole della periferia, facilità di controllo e sorveglianza), infine che un insieme di fattori ambientali e una profonda disgregazione sociale pregiudicarono in ogni caso la buona riuscita degli insediamenti.

57Le borgate successive – le ultime del mandato Boncompagni – riassunsero tutte le criticità menzionate ma concentrate al massimo grado. Insediamenti ufficiali come Gordiani, Tor Marancia, Pietralata, furono accomunati dal fatto di essere stati i più squallidi e miseri, veri e propri campi di segregazione di fronte ai quali persino la vita condotta in un baraccamento spontaneo poteva considerarsi meno dura e desolante. In esse furono trasferite le medesime categorie sociali delle precedenti borgate, ma è come se fosse sopraggiunto un ulteriore disinteresse nei loro riguardi, non tanto dal punto di vista delle risorse assegnate, quanto rispetto alle caratteristiche di fondo dei progetti e alle scelte di localizzazione dei terreni, la cui natura geologica sconsigliava lo sviluppo di insediamenti abitativi, se di carattere provvisorio e senza le opere di consolidamento strutturale necessarie.

  • 106 ASC, DG, n. 2630, n. 2631, 6 maggio 1933.
  • 107 “Il Messaggero”, La costruzione di due nuove borgate popolarissime nelle quali potranno trovare al (...)

58Gordiani e Tor Marancia nacquero insieme, in prossimità di altri campi ufficiali, la prima adiacente a borgata Teano, la seconda limitrofa alle case Pater di via delle Sette Chiese. Le delibere approvate il 6 maggio 1933 affidarono i lavori alla ditta F.lli Giovannetti, ormai specializzata in questo genere di appalti106. Nelle due borgate trovarono alloggio per primi i dimoranti dell’ex pastificio Costa di via Portuense e le 136 famiglie del ricovero di piazza Guglielmo Pepe, entrambi chiusi, seguite dalle famiglie provenienti da un baraccamento situato in un avvallamento del terreno tra via della Stazione di San Pietro e via delle Fornaci107. Il capomanipolo della Milizia che organizzò il disbrigo del trasloco diede facoltà ai trasferiti di decidere quale delle due borgate raggiungere e abitare.

  • 108 ASC, Cpp, 27 giugno 1933.
  • 109 Ivi, DG, n. 5288 e n. 5289, 16 agosto 1933

59Paradossalmente, per questi due campi di baracche ufficiali vi fu il tentativo, decisamente mal riuscito, di racchiudere in un unico disegno planimetrico il progetto di costruzione, i cui costi ascesero a poco più di 900 mila lire per borgata da ultimare in 50 giorni108. Anche in questo caso si resero necessarie opere non comprese nel piano di lavoro iniziale. Se per Tor Marancia di principio queste riguardarono la dotazione di un lavatoio in più e la costruzione di un arginello che evitasse l’invasione del terreno dalle acque pluviali, il progetto di Gordiani, avallato dal direttore dei servizi tecnici e dalla Sezione del Consiglio Superiore dei LL.PP., mancava incredibilmente dei «padiglioncini per latrine, con relativi pozzi neri» e della sistemazione della strada d’accesso per consentire il transito delle autobotti di vuotatura109. Anche borgata Gordiani era denominata col toponimo “Acqua Bullicante”, ma essa si distingue chiaramente dalle due borgate vicine (Prenestina e Teano) proprio per la mancanza dei gabinetti interni, sistemati in comune fuori dalle abitazioni.

  • 110 Ivi, n. 8133, 7 dicembre 1933; ivi, Cpp, 24 gennaio 1934.
  • 111 Ivi, DG, n. 8629, 30 dicembre 1933; ivi, Cpp, 14 febbraio 1934.

60Le due borgate furono costantemente sottoposte a lavori di risanamento, necessari a contenere gli svantaggi strutturali dei terreni su cui sorsero. La collocazione delle baracche di Tor Marancia avvenne in una zona fortemente depressa, esposta ad una fortissima umidità, a continui allagamenti durante i periodi di pioggia e al flusso di acqua piovana proveniente dalla collina sovrastante. Sin dal dicembre 1933 furono deliberati lavori di spandimento di calcinacci e massicciata di tufo nella parte più bassa dell’insediamento, oltre alla formazione dei vespai, di fatto trascurati, previa demolizione dei vecchi pavimenti110. Seguirono i lavori di riparazione e regolarizzazione della sagoma delle strade e volti al rialzamento del livello delle parti più in declivio, la costruzione di due alti fossi scolatori, l’apposizione di «gocciolatoi alle finestre dei ricoveri per impedire l’entrata dell’acqua piovana», la costruzione di vespai in pietrame nei ricoveri più umidi111.

  • 112 Ivi, DG, n. 7306 e n. 7317, 24 novembre 1934; n. 8306, 31 dicembre 1934; n. 903 e n. 918, 24 febbr (...)

61Colpisce però l’infinita successione di provvedimenti coi quali si stanziavano maggiori fondi per gli stessi lavori di risanamento112. La documentazione contenuta in un fascicolo della V Ripartizione chiarisce a grandi linee l’insolito susseguirsi di queste misure. Nel febbraio 1936 Virgilio Testa scrisse una “riservata” al direttore dei Lavori Pubblici con cui contestò l’andazzo intrapreso per Tor Marancia, per cui si era autorizzata

  • 113 V Rip., titolo 21, classe 2-2, 1935, f. 5, riservata del 26 febbraio 1936, sottolineature nel test (...)

l’erogazione di nuovi fondi per i lavori di risanamento della borgata. Poiché trattasi di lavori già eseguiti, senza la preventiva autorizzazione dell’amministrazione, debbo nuovamente richiamare l’attenzione della S.V. sulla necessità di porre fine a tali procedimenti del tutto illegali, che non possono comunque essere consentiti. Per la borgata di Tor Marancia si vanno susseguendo da vari mesi proposte di deliberazione che riflettono sistematicamente gruppi di lavori dati in “amministrazione diretta” all’impresa Giovannetti e, in ogni caso, non preventivamente autorizzati; […] pur rendendomi conto che trattasi ora di sanare irregolarità verificatesi prima che Ella assumesse la direzione dell’Ufficio, La prego in ogni modo di voler disporre che gravi inconvenienti di tal genere non si ripetano, ed intanto significarmi se indistintamente tutti gli atti amministrativi e contabili relativi a lavori eseguiti nella Borgata di Tor Marancia, siano ormai esauriti113.

  • 114 M. Sanfilippo, Le tre città di Roma. Lo sviluppo urbano dalle origini a oggi, Laterza, Roma Bari 1 (...)

62Che vi fossero forti legami tra l’autorità cittadina e le maggiori ditte che operavano nella capitale è un fatto indiscusso, data anche l’appartenenza di quasi tutti i governatori al mondo della vecchia aristocrazia romana, la quale contribuì in modo decisivo alle fortune delle dinastie del “pascolo e del mattone”, in nome della convergenza d’interessi sulla speculazione e la concentrazione della proprietà fondiaria (i Vaselli, Federici, Tudini, Talenti, Gianni)114.

  • 115 ASC, DG, n. 5643, 28 agosto 1933; n. 9212 e n. 9258, 30 dicembre 1933; n. 949, n. 950 e n. 951, 23 (...)
  • 116 Ivi, DG, n. 8373, 31 dicembre 1934. V Rip., titolo 21, classe 2-2, 1935, f. 5, nota del 16 ottobre (...)
  • 117 ASC, DG, n. 3120, 26 maggio 1934; n. 6204, 6 ottobre 1934. Ivi, Cpp, 1 agosto 1934; 28 novembre 19 (...)

63Ma evidentemente anche imprese dal volume d’affari minore rispetto a quelle citate godevano di favoritismi e generose concessioni di fondi da parte degli uffici governatoriali, rapporti intrattenuti anche su basi poco lecite. Sarebbe interessante capire fino a che punto fossero vaste pratiche di tal genere e in quali periodi furono più in voga, connubi che proprio l’amministrazione Bottai, più lontana dal mondo aristocratico, cercò a quanto pare, se non di interrompere, perlomeno di attenuare. L’impresa Giovannetti eseguì per conto del Governatorato tutte le altre opere riguardanti le borgate Gordiani e Tor Marancia, in particolare le due scuole Asilo, frequentate da bambini dai tre ai sei anni, il Giardino d’Infanzia ottenuto dalle baracche esistenti, gli ambulatori e qualche negozio115, anch’essi ricavati dalle baracche. Per ognuno di questi appalti si erogarono ripetutamente nuovi fondi dopo i primi stanziati. I lavori di adattamento di due ricoveri ad ambulatorio e abitazione per un sovraintendente, decisi nel dicembre 1933, ottennero nuovi fondi a distanza di più di un anno, nel febbraio 1935; ugualmente accadde per i negozi. Eppure non sembra trattarsi di lavori particolarmente gravosi: per la scuola di Tor Marancia, ricavata da tre baracche, ci si limitò al solo abbattimento dei tramezzi e alla costruzione di tre gabinetti, lasciando intatta l’ossatura e l’altezza delle baracche, non modificandone in alcun modo la struttura116. Nei cortili delle Case dei Bambini delle due borgate vennero realizzate, sempre dalla ditta Giovannetti, due piscine, su richiesta dell’Ufficio Assistenza Sociale, ed anche in questo caso i lavori procedettero dopo nuovi stanziamenti di denaro117.

64Tor Marancia divenne sede del nuovo ed imponente comprensorio dell’Istituto Romano San Michele, costruito nel 1932. Fondato come ospizio nel 1693 da Papa Innocenzo XII, le sue attività di beneficenza (assistenza agli anziani e avviamento dei ragazzi orfani alla conoscenza di una professione o di un arte) rimasero immutate per secoli. Dopo la cessione forzata allo Stato, nel 1871, di immobili importanti e pregiati (tra cui Palazzo Montecitorio, Palazzo di piazza Colonna, Palazzo del Laterano e molti altri nel quartiere Ripa, sede storica dell’Istituto), l’ingerenza fascista fu determinante per la storia recente dell’istituzione. Alienato anche il palazzo Paolino di via XX settembre (ex sede della sezione maschile dell’Orfanotrofio di Santa Maria degli Angeli, già fuso al San Michele), anziché ristrutturare la vecchia sede di via Ripagrande e destinare il resto del ricavato all’attività di beneficenza, si scelse di costruirne un’altra a Tor Marancia, in ossequio alle idee mussoliniane di ruralizzazione delle Opere pie. Dietro la decisione, sembra vi fossero gli appetiti speculativi dell’impresario Elia Federici che, in combutta con Calza Bini (al quale andarono 190 mila lire per il progetto e la direzione di una parte dei lavori), riuscì a vendere il terreno per la nuova sede a 18 lire al mq dopo averlo acquistato poco prima dell’operazione a 9 lire al mq dal marchese De Merode. Federici ottenne poi il relativo appalto attraverso un ricorso con cui lo strappò alla ditta Tudini e Talenti, aggiudicataria della prima asta.

  • 118 ACS, MI, Direzione Generale Servizi civili Ipab di Roma, b. 108, Memoriale Alberto Moffa, 8 novemb (...)

65Il progetto, stimato in 11 milioni, assorbì interamente il ricavato della cessione di palazzo Paolino, 23 milioni; l’Istituto fu così spogliato di una somma considerevole per le proprie attività. Queste inoltre vennero a spegnersi: di tutte le officine e le scuole funzionanti nella sede di Ripagrande, solo una decise il trasferimento nella nuova sede (eretta nei pressi dell’attuale piazza dei Navigatori), le altre vi rinunciarono per la lontananza e la mancanza di mezzi di trasporto. Anche la scuola d’arte fu soppressa e il San Michele fu ridotto a semplice ospizio118.

  • 119 ASC, DG, n. 851, 23 febbraio 1935; ivi, Cpp, 19 gennaio 1936.
  • 120 ACS, SPD, C.O., 545.377.

66Nella borgata si installarono diversi laboratori, la sede del Dopolavoro, quella dell’Opera Nazionale Balilla, una cucina assistenziale119. Particolare importanza acquisì la Scuola di lavoro fondata nel 1934 dalla Compagnia delle dame di S. Vincenzo dove, con le sue attività di sartoria e cucito, una sessantina di ragazze trovarono il mezzo per guadagnarsi da vivere120. Quanto alle baracche ufficiali, va precisato che le disavventure abitative sopportate dai residenti perlomeno non comportavano l’irrisione del pagamento della pigione, un dato confermato dalla relazione su Tor Marancia redatta dal fascio di Appia Antica nel marzo 1935.

  • 121 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, relazione sulla III zona del suburbio del 13 marzo 1935 (...)

Famiglie n.° 525, con circa 3000 abitanti. Si tratta, in grande maggioranza, di sfrattati, (quasi tutti dell’Italia meridionale), che occupano alloggi dati gratuitamente dal Governatorato. Nelle vicinanze non esistono ingrottati. Gli abitanti sono agglomerati in ragione di 6 o 7 per stanza. Naturalmente la situazione sanitaria è tutt’altro che buona, specie fra i bambini dei quali moltissimi sono affetti da linfatismo e predisposti alla tubercolosi. Vi sono 60 adulti affetti da t.b.c., e molti casi sospetti. Il servizio sanitario è disimpegnato da un medico condotto presente soltanto il giorno, ed è insufficiente per le esigenze della zona. Sarebbe necessaria l’istituzione di un pronto soccorso permanente. Vi è molta disoccupazione (attualmente circa 350 capi famiglia). S’impone una maggiore vigilanza da parte della PS perché nella borgata risiedono una diecina di vigilati speciali, nonché un altro centinaio di avanzi di galera121.

  • 122 Su borgata Gordiani si veda G. Manganella, Periferia dell’Urbe, in «Nord e Sud», II, 1955, n. 11, (...)
  • 123 ASC, DG, n. 6672, 2 ottobre 1933.
  • 124 Ivi, Cpp, 23 dicembre 1933 (impresa Theodoli).

67Borgata Gordiani122, dopo l’edificazione delle prime baracche verso la metà del 1933, fu ampliata in dicembre, con una spesa di quasi 800 mila lire123. Dagli allegati al contratto del 23 dicembre 1933 è possibile individuare i vari tipi di baracca realizzati, differenti tra loro per il numero dei singoli alloggi abbinati. La metratura per ogni locale era di 4,60 per 3,50 m, (oppure 4 per 4), altezza 2,20 e finestra 1,25 per 0,90, costi dalle 1420 alle 1600 lire a vano. L’appalto stabiliva la costruzione di 362 vani, un lavatoio composto da 20 vasche, sette gabinetti comuni, ognuno dei quali formato da quattro latrine124. Nella borgata si ritrovarono a vivere un migliaio di nuclei familiari, circa 5000 persone.

  • 125 Cfr. A. Portelli, L’ordine è già stato eseguito. Roma, le Fosse Ardeatine, la memoria, Donzelli 20 (...)
  • 126 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, segnalazione dell’11 marzo 1936.
  • 127 Ivi, MI, Gabinetto (d’ora in poi GAB), 1944-46, b. 91, f. 7637, Condizioni morali e materiali degl (...)

68Confrontata alle prime borgate, molti erano gli elementi peggiorativi, a partire dalla conformazione del disegno geometrico, assimilabile ad un campo di concentramento125. Lo spazio vitale di una famiglia era ridotto a un solo vano, senza nemmeno la cucina: le pietanze venivano spesso cucinate all’aperto, sopra improvvisati fornelli di pietre o mattoni. L’altezza delle baracche era più bassa di quasi un metro, le fondazioni spesse appena 20 cm, non vi era solaio, né gabinetto interno; quest’ultimo aspetto impresse certamente un contrassegno “disonorevole” al campo di Gordiani (condiviso solo con Tor Marancia e Pietralata) e condizionò in negativo la percezione che i residenti ebbero della propria abitazione126. I quali, ad esempio, ritenevano giustificato il pagamento dell’affitto per le case rustiche di borgata Teano (inizialmente fissato dall’Ufficio Assistenza in lire 31,47), al contrario di quanto era in uso nella borgata vicina, le cui baracche furono cedute gratuitamente127.

  • 128 ASC, DG, n. 7689, 15 dicembre 1934.
  • 129 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1935, f. 195, nota della segreteria generale, 27 dicembre 1933.

69La sistemazione stradale di Gordiani richiese innumerevoli provvedimenti e disordinate fasi di lavoro. Nel dicembre 1934128 si approvò il progetto di bitumatura della strada principale e di aggiustamento superficiale delle vie secondarie. In realtà, l’idea di partenza degli amministratori era di una sistemazione estremamente provvisoria e graduale, sulla base dei pochi fondi disponibili129.

  • 130 Ivi, 1934, f. 74, Sistemazione della via Labico, 20 settembre 1934. La sede del Gruppo Rionale di (...)

70La borgata era congiunta a via Casilina da via Labico, una strada a fondo naturale, priva di scoli e di sezione insufficiente all’incrocio dei veicoli, per giunta non prevista dal nuovo Piano Regolatore. Gli abitanti della borgata fecero ripetutamente presente, a mezzo del locale fascio, la necessità di un collegamento migliore con via Casilina. Curiosa l’argomentazione con cui la sottosezione di Gordiani si rivolse al Governatorato: la sistemazione stradale avrebbe reso più facili e spedite le comunicazioni con il Gruppo Rionale del PNF130.

  • 131 Ivi, lettera del 29 settembre 1934
  • 132 Ivi, relazione del 16 dicembre 1934. Prima d’allora, la mancanza di comunicazioni costituì l’imped (...)
  • 133 ASC, DG, n. 1144, 5 marzo 1936; n. 4468, 27 agosto 1936.

71Una serie di migliorie vennero richieste dall’Ufficio di Assistenza Sociale alla V Ripartizione (messa a punto dei vari ponticelli stradali, miglioramenti nello scolo delle acque, oltre alla riparazione dei tetti dei padiglioni, degli scarichi di molti gabinetti di decenza e all’aumento della dotazione di acqua nei lavatoi)131. L’ostacolo principale all’apertura del cantiere, il contrasto tra la via Labico e il nuovo Piano, fu poi finalmente superato con la costruzione di una nuova strada (larga 5 m, lunga 800), con sbocco su via Casilina. Il tracciato proposto, corrispondente all’attuale via dei Gordiani, aveva il vantaggio di incrociare via Casilina all’altezza di un piazzale già esistente, lambito da una fermata tramviaria e prossimo alla scuola elementare “Gino d’Alloro”, che avrebbe accolto tutti i bambini della zona132. Alla fine si resero necessari altri lavori che fecero lievitare il costo della sistemazione: la recinzione della nuova strada e soprattutto le opere di riempimento e consolidamento del sottofondo133.

  • 134 Ivi, n. 6465, 27 ottobre 1934; n. 7905, 19 dicembre 1935.
  • 135 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1935, f. 52.

72La natura del sottosuolo, infatti, composto da profonde cavità e gallerie che si inseguivano per l’intera zona fino ad arrivare a Centocelle e proseguire oltre, conseguenza delle escavazioni per l’estrazione della pozzolana, costituiva il problema basilare per l’ulteriore sviluppo della borgata. L’impresa Giovannetti, che eseguì opere di rilievo e risanamento del terreno, riscontrò nel 1935 un secondo ordine di gallerie e la presenza di piloni di sostegno fortemente lesionati134. L’estensione delle gallerie e l’esistenza di vuoti sotto quelli da consolidare aggravarono le difficoltà del risanamento, richiedente oneri troppo elevati per l’amministrazione, che infatti lo interruppe135.

  • 136 “Il Messaggero”, Le case e gli orti di Pietralata, 4 marzo 1933.
  • 137 Ibid.

73Completa il numero delle borgate governatoriali Pietralata, nata in un area compresa tra via Tiburtina a sud e via Nomentana a nord, sul lato destro della città giardino Montesacro. Dal 1922 al 1934 la zona rimase abitata in via esclusiva da agricoltori ed ex combattenti, acquirenti dei poderi messi in vendita dall’ONC, più qualche impiegato che riuscì a costruire la propria villetta, in tutto circa 4000 abitanti136. La borgata rurale era provvista di una scuola e di una chiesa; non mancavano la sede del fascio locale, con 105 iscritti, e quella dell’ONB, frequentata da 230 ragazzi; un centinaio di “avanguardisti” e una settantina di “giovani fascisti” completavano il quadro degli affiliati alle organizzazioni di massa create dal regime137.

  • 138 Ivi, Per la sistemazione di “Via delle Cave di Pietralata”, 15 febbraio 1933.
  • 139 Ivi, A Tor Sapienza col nuovo autobus, 2 giugno 1933.

74Il problema principale era costituito dal cattivo stato di via delle Cave di Pietralata, collegata alla Tiburtina ma danneggiata da buche e fango, che impediva il transito agevole dei carretti coi quali si trasportavano gli erbaggi ai mercati138. Dal punto di vista dei collegamenti con la città il panorama era alquanto fosco. Il tram più vicino era il 7 che transitava sulla Nomentana; la proposta di allungare il percorso dell’autobus che collegava la città giardino a Val Melaina, dirottandolo verso Pietralata, non trovò ascolto. Nel giugno 1933 i giornali riportarono di un possibile allacciamento alla linea tranviaria, di cui non si ha riscontro139. Non esisteva una farmacia e neanche un telefono pubblico, gli unici due apparecchi telefonici erano privati.

  • 140 ASC, Cpp, 17 dicembre 1930. Il toponimo Truzzi deriva dal nome originario delle due tenute che for (...)
  • 141 V Rip., titolo 9, classe 4-3, 1931, f. 35, comunicazioni dell’8 e 27 ottobre 1931.
  • 142 ASC, DG, n. 745, 17 febbraio 1934; ivi, Cpp, 20 aprile 1934.

75L’acquisto del terreno, in località Pietralata Truzzi, per costruirvi la borgata per sfrattati precedette di qualche anno l’inizio dei lavori. Il Governatorato lo comprò da un avvocato, Gino Finora, nel dicembre 1930, una superficie di quasi 20 mila mq140, ma le scarse disponibilità di bilancio non ne consentirono l’utilizzo immediato, tanto che il fondo fu ceduto temporaneamente alla II Ripartizione–Beni Patrimoniali, che ne fece richiesta di impiego141. L’approvazione del progetto di costruzione del nucleo di casette avvenne nel febbraio 1934; l’affidamento dei lavori fu demandato allo svolgimento di una gara pubblica, vinta dall’impresa Giannico; in aprile il Governatorato acquisì altri terreni nella stessa località, appartenuti a proprietari diversi142. Il progetto comprendeva casette formate da vani abbinati in vario modo, ognuno di dimensioni 5 per 4 m. Anche in questa borgata, infatti, lo spazio vitale di una famiglia, generalmente numerosa, era limitato a un unico vano.

  • 143 Ivi, Cpp, 25 aprile 1934.
  • 144 V Rip., titolo 9, classe 5-2, 1934, f. 39. ASC, DG, n. 8458, 25 agosto 1934; n. 7642, 15 dicembre (...)

76La baracca, in tutto simile a quella di Gordiani, era alta 2,45 m, con un vespaio di appena 30 cm. Il disegno planimetrico contava 570 vani di abitazione, 20 negozi, 3 lavatoi, 88 latrine in comune esterne alle baracche, un asilo, la Casa del fascio, la sede dell’ONMI, l’ambulatorio e la chiesa, prezzo complessivo all’incirca 2.300.000 lire143. I tempi di ultimazione e consegna dei fabbricati subirono due proroghe successive, a causa di ritardi nella consegna dei materiali, acqua nelle fondazioni, ecc.144.

77I confini della borgata per sfrattati erano sanciti da via di Pietralata a nord, da via Silvano a ovest, via Pomona a est e a sud dal passaggio di un fosso di scarico scoperto, una “marrana” insomma, elemento abituale del paesaggio ambientale delle borgate. L’inconveniente costituiva un grave pericolo sia dal punto di vista igienico, dato che il fosso diveniva il naturale deposito di ogni sorta di immondizia, che per l’incolumità pubblica dei residenti, specie per i più piccoli che lungo le sponde della marrana si recavano a giocare. Esso, inoltre, era collegato all’altro grande problema, quello di difendere la borgata dai rigurgiti del canale in caso di piena del fiume Aniene. Occorrerà attendere il passaggio della borgata all’Ifacp e l’inizio del suo ampliamento per porre soluzione al caso, attraverso provvedimenti che a quel punto sarebbero rientrati nell’interesse dell’Istituto a protezione dei suoi investimenti. Anche la sistemazione stradale era largamente insufficiente, la maggior parte delle strade rimasero a lungo a fondo naturale, tranne quelle che portavano alla sede ONMI e all’asilo-scuola.

  • 145 ASC, DG, n. 5394, 25 agosto 1934; n. 6958, 10 novembre 1934; n. 1010, 2 marzo 1935.

78Pietralata, come le altre borgate, fu sottoposta ad un controllo assiduo e costante esercitato da personale adibito a funzioni di sorveglianza a vari livelli. L’Ufficio di Assistenza si avvaleva dell’opera giornaliera di tre portieri con compiti di custodia delle nuove casette e sorveglianza dei ricoverati, di un sopraintendente addetto ai servizi delle casette pagato con uno stipendio superiore a quello dei portieri, nonché dei militi della Milizia, come si può evincere dal riepilogo delle spese annuali destinate al personale di custodia addetto alle borgate145. Un livello di vigilanza considerato ancora insufficiente se, nel marzo 1935, si richiese l’impianto di un servizio di agenti della PS. La relazione in cui si fa cenno a questa richiesta elenca tutti gli inconvenienti della borgata, a riprova del fatto che nessuno di essi poteva dirsi risolto.

  • 146 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1, relazione dell’ispettorato della II zona del suburbio, f (...)

Mezzi di trasporto da Città Giardino affinché possa essere congiunta la località al quartiere Monte Sacro – Tiburtino, non escludendo la via Pietralata la quale come centro agricolo commerciale merita tutta l’attenzione delle Autorità. Stazione sanitaria – emanare disposizioni affinché la stazione sanitaria compresa nella casette del Governatorato per gli sfrattati, assista anche la zona degli abitanti di Pietralata vecchia. Igiene – Nella borgata di Pietralata e precisamente nelle casette del Governatorato vi sono vari ammalati di tubercolosi i quali oltre a vivere in comune con la famiglia negli ambienti a disposizione di questa mettono in pericolo l’incolumità delle altre famiglie attraverso i servizi in comune. Opportune disposizioni date al Sanitario eviterebbero contagi assai pericolosi specie considerata la forte percentuale di bambini abitanti nelle casette. Illuminazione stradale – Dal Portonaccio a circa ml. 200 oltre le Scuole di Pietralata esiste l’illuminazione stradale mentre poi per un tratto di ml. 800 è interrotta, lasciando così gli abitanti di quel tratto di via di Pietralata completamente sprovvisti di luce cosa veramente pericolosa, mentre il provvedere sarebbe questione di modesta spesa. Sistemazione stradale – il proseguimento della sistemazione della Via di Cave di Pietralata già “via del Forte di Pietralata” è indispensabile sia per il transito dei pedoni che attraversano diagonalmente da Pietralata a Portonaccio e sia perché ha già dato luogo a vari inconvenienti stradali. Comunicazioni telefoniche – Tutta la zona di Pietralata è mancante di una succursale postale e di un telefono pubblico, che sarebbero necessari dato lo sviluppo della borgata. Servizio di PS – È urgente che la borgata di sfrattati sia provvista del servizio di agenti di PS, trattandosi di un agglomerato fra i più eterogenei e nel quale non mancano anche alcuni sorvegliati politici. […] La marrana consorziale di Pietralata dà luogo ad allagamenti quando l’Aniene è in piena. Per ovviare sarebbe necessario mettere una saracinesca al cunicolo dietro al Forte di Pietralata e ciò eviterebbe il probabile allagamento delle casette degli sfrattati. Per l’urgenza i contadini stessi si sono offerti di farla146.

  • 147 R. Ricci, L’Ufficio di assistenza sociale nel 1931, in «Capitolium», VIII, 1932, n. 1-2, p. 132. S (...)

79Come si può notare, uno degli aspetti più comuni e maggiormente segnalati dagli ispettori di zona nelle relazioni sulle borgate era quello relativo alla diffusione delle epidemie infettive. Sovente la pubblicistica fascista metteva in relazione la questione delle abitazioni malsane con la diffusione delle malattie; il problema della casa figurava alla base della lotta antitubercolare, «il mezzo più completo, efficace e radicale contro la tbc»; tuttavia, le case igieniche con cui si dichiarava di poter combattere la tubercolosi erano proprio quelle delle borgate, con le quali, si affermava, era stato compiuto «il passo decisivo in proposito»147. Le segnalazioni giunte alla Segreteria particolare del duce, oltre alle relazioni a cui si è fatto costante riferimento, smentiscono in modo clamoroso la propaganda ufficiale: le borgate, anzi, rappresentavano le situazioni peggiori, dato lo stato primitivo in cui si viveva. Una comunicazione riferita alla Gordiani, ad esempio, informava il capo del Governo che in quella borgata il pericolo per la pubblica igiene era

evidente specie ove si consideri che anche l’afflusso di acqua potabile è deficiente e scarsi sono i servizi di nettezza urbana. L’assistenza igienica è pure molto trascurata. Non è infrequente il caso di persone dimesse da tubercolosari che tornano a vivere in quegli ambienti igienicamente deficienti, costituendo un immanente pericolo per la diffusione del grave morbo. In detta borgata si contano in atto circa 400 persone affette da tubercolosi.

  • 148 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, segnalazioni del 12 luglio 1935.

80Di fronte a questo genere di solleciti l’atteggiamento più in voga fu quello di relativizzarne il pericolo. In questo caso, il governatore rispose che «specialmente nei rioni popolari del suburbio», dove i casi di tifo erano giudicati modesti, «l’Ufficio Igiene esercita attiva vigilanza sanitaria. Per quanto riguarda la borgata Gordiani il predetto Ufficio d’Igiene cerca di fare quanto è possibile, tenuto conto delle speciali poco favorevoli condizioni in cui si trova. […] Pur ritenendo esagerata la cifra indicata delle persone affette da tubercolosi e residenti in detta località, assicuro V.E. che il competente Ufficio cerca di provvedere per quanto è nelle sue possibilità a favore dei tubercolotici ivi esistenti»148.

  • 149 Ivi, b. 840, f. 500.019-1, segnalazione dei CCRR rimessa al governatore Boncompagni, 6 agosto 1934 (...)

81Di simili discrasie le fonti consultate abbondano a dismisura. Tra quel che si diceva e quanto si faceva nella realtà vi era sempre una netta scollatura, anche nei presupposti delle scelte che venivano intraprese. Borgata Gordiani nacque per iniziativa delle autorità, le stesse che a distanza di un anno sembravano quasi addossarne la responsabilità ai residenti, quando nel condannarne la presenza scrivevano: «Nella borgata GORDIANI, nella periferia di Torpignattara, si è ammassata una moltitudine di famiglie dell’Italia meridionale, tutte sfrattate da altre abitazioni e nelle quali abbondano elementi pregiudicati. Si commenta non bene tale stato di cose e si vorrebbe che esso non si verificasse nella capitale, anche perché questi ammassamenti di popolazione eterogenea costituiscono un incentivo alla immoralità»149.

  • 150 Viccaro, Storia di Borgata Gordiani cit., pp. 53-56.
  • 151 Manganella, Periferia dell’Urbe cit., p. 79.
  • 152 F. Salsano, Il Ventre di Roma. Trasformazione monumentale dell’area dei fori e nascita delle borga (...)

82Le borgate concentravano un’altissima percentuale di disoccupati e sottoccupati, saltuari impiegati a giornata nel settore dell’edilizia, persone dedite al commercio ambulante o a quei mestieri che divennero tipici dei borgatari: stracciarolo, cernitore ecc.150, accanto alle situazioni più segnate da una vita condotta a stretto contatto con la strada. La vita di borgata riduceva drasticamente la capacità lavorativa dei singoli, perché malnutriti e fisicamente deboli; in molti si accontentavano dello strettissimo necessario ricavato dalle distribuzioni effettuate dalle opere assistenziali. È stata registrata anche una sorta di “inattitudine mentale” al lavoro di fatica: non mancavano infatti piccoli ladri e criminali, rassegnati al loro destino di fuorilegge, la cui “pericolosità”, probabilmente, crebbe nel corso del dopoguerra quando, alle promesse di un trasferimento in abitazioni decenti, una minoranza oppose la strenua volontà di permanere in un contesto che in un certo senso offriva maggior protezione riguardo la propria condotta illecita151. Ma tra i mestieri esercitati vi erano anche quelli tradizionali del “popolino” romano: piccoli esercenti, artigiani, autisti, commessi, facchini, custodi, come emerge dallo spoglio del materiale d’archivio dell’Ufficio di Assistenza Sociale del Governatorato relativo alle prime borgate152.

  • 153 Di baraccati parlò anche il questore Cocchia in una relazione al capo della polizia: «Per i baracc (...)
  • 154 Ivi, Presidenza del Consiglio dei Ministri (d’ora in poi PCM), 1934-36, f. 7-2 208- 18, Demolizion (...)
  • 155 Ivi, SPD, C.O., b. 840, f. 500.019-1, appunto del 19 settembre 1934.

83La ricerca effettuata da Fernando Salsano sulla base di questo materiale documentario fornisce, inoltre, una ricostruzione originale e attendibile del processo di ricollocamento delle famiglie coinvolte nelle operazioni di “sventramento” effettuate nel centro storico. Essa sembra allontanare l’ipotesi, accreditata dalla letteratura critica del dopoguerra ma anche dalla pubblicistica fascista, di una deportazione di massa dalle zone demolite del centro verso le borgate governatoriali, nelle quali prevarrebbero baraccati, immigrati e sfrattati per fine locazione, come d’altronde si evince dalla consultazione di vari reperti documentari citati153. Lo stesso Boncompagni scrisse a Mussolini che le borgate in questione servivano per alloggiare famiglie «allontanate da altrettante baracche che contemporaneamente si demoliscono»154. Molti casi di sfratto per demolizione di alloggi nel centro storico si conclusero con una trattativa con gli organi preposti tesa ad ottenere un’indennità con la quale accedere ad una sistemazione privata, il cui esito differì a seconda dello status sociale del richiedente. Una tesi che appare confermata da un appunto del 1934 in cui Boncompagni, enumerando i casi di sfratto dalla zona del Circo Massimo, precisò che alla proposta di trasferimento in una delle borgate governatoriali, 55 famiglie su 61 opposero un rifiuto preferendo disporre di un sussidio con cui cercare una soluzione alternativa155.

84Questo non esclude affatto che una parte dei borgatari dei primi anni Trenta provenisse effettivamente dalle zone centrali colpite dagli sventramenti, ma si trattò di una quota sicuramente marginale rispetto a quanto supposto sin’ora. Una percentuale più alta di provenienze dal centro storico registrano invece le borgate di seconda generazione, quelle costruite dall’Ifacp. Prima di esse, l’Istituto cercò faticosamente di ritrovare uno spazio di intervento nel campo dell’edilizia pubblica, nonostante la sottrazione di terreno arrecata dall’edilizia agevolata tramite le “convenzioni” e dalla nascita delle borgate.

Notes

1 M. De Nicolò, Città multipla, città dimezzata: la capitale tra stato e amministrazione locale (1870-1944), in «Roma moderna e contemporanea», VI, 1999, n. 1/2, p. 69.

2 Erano previsti anche due vicegovernatori e un organo consultivo, entrambi ridotti nel numero e nelle funzioni prima del loro insediamento, atteso nel ’26 e slittato al ’30. Alla Consulta, passata da 80 a 12 membri, si richiedeva parere obbligatorio solo per l’approvazione del bilancio preventivo e consuntivo, per applicare nuovi tributi, per le vicende relative al Piano Regolatore e per l’assunzione dei pubblici servizi, cfr. A. Parisella, Dal fascismo alla Resistenza: continuità e mutamenti, in La Capitale e lo Stato. Governo centrale e poteri locali a Roma, 1870-1990, a cura di Cripes – Centro ricerche politiche economiche e sociali, Kairos, Roma 1992, p. 56.

3 “Il Messaggero”, Boncompagni rimette a Bottai nel nome di Mussolini, 27 gennaio 1935. Lo stesso concetto lo espresse nel 1930, ASC, Consulta di Roma, Verbali, 10 settembre 1930.

4 Cfr. P. Salvatori, Il Governatorato di Roma cit., cui si rimanda per una valutazione complessiva su questi temi.

5 In un discorso pronunciato in Campidoglio nel 1924, Mussolini divise i problemi di Roma «in due categorie: i problemi della necessità e i problemi della grandezza», in Opera omnia di B. Mussolini, a cura di E. D. Susmel, XX, La Fenice, Firenze, 1956, p. 235. Sull’attività governatoriale cfr. S. Lunadei, L’amministrazione della città nella pubblicistica coeva: 1900-1943, in L’amministrazione comunale di Roma. Legislazione, fonti archivistiche e documentarie, storiografia, a cura di M. De Nicolò, Il Mulino, Bologna 1996, pp. 400-409.

6 Cfr. P. G. Zunino, L’ideologia del fascismo. Miti, credenze e valori nella stabilizzazione del regime, Il Mulino, Bologna 1985, pp. 283-4. Sulle diverse fasi di bonifica attuate nell’agro romano, L. Bortolotti, Roma fuori le mura. L’agro romano da palude a metropoli, Laterza, Roma Bari 1988.

7 G. Arosio, Sfollare le città, in «La Casa», 1935, pp. 689-691.

8 Cfr. Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 300-310.

9 Delenda baracca e Alloggi e provvidenze relative, entrambi in «Capitolium», VII, 1931, n. 1, pp. 44-48 e pp. 84-86.

10 I. Costantini, La popolazione governata ed educata dall’Ifacp della provincia di Roma e Id., Le borgate popolari, entrambe raccolte negli Atti del V Congresso Nazionale di Studi Romani, IV, Roma 1941, relazioni del 29 aprile 1938 e del 30 aprile 1938, pp. 198–207 e pp. 230-241.

11 G. Ceroni, Roma nei suoi quartieri e nel suo suburbio, Fratelli Palombi Editori, Roma 1942, p. 63.

12 G. Ciucci, Gli architetti e il fascismo. Architettura e città 1922-1944, Einaudi, Torino 1989, p. 80.

13 È il caso della denominazione “località Acqua Bullicante”, riferita nei testi delle delibere governatoriali indistintamente alle borgate Prenestina, Teano e Gordiani.

14 Il libro Roma moderna cit., costituisce da anni un riferimento obbligato per chiunque abbia intenzione di approfondire la storia urbanistica della città. Insolera, tuttavia, incorre in una serie di inesattezze, probabilmente anche dovute alla vastità dello studio intrapreso: pone la nascita di Acilia nel 1924 (avvenuta in realtà nel 1939), quella di San Basilio tra il 1928-30 (nata invece nel 1940-42). Di Tor Marancia e Primavalle, elencate tra le borgate di “seconda generazione”, dimentica l’origine governatoriale; Val Melaina, anch’essa datata tra il 1935-40, risale invece al 1932 ma con caratteristiche strutturali imparagonabili alle casette delle borgate. Tutte le prime borgate sono descritte come prive di gabinetti, soprattutto non vi è traccia del ruolo avuto dal Governatorato nella loro edificazione, attribuita all’Istituto case popolari, inesattezze che si ripetono nella maggior parte dei testi che trattano l’argomento. Fanno eccezione lo scritto di Toschi, Gli enti per le abitazioni popolari cit., e il libro di V. Vannelli, Economia dell’architettura in Roma fascista. Il centro urbano, Kappa, Roma 1981, mentre cenni utili all’analisi dei modelli di produzione dell’edilizia pubblica negli anni Trenta si trovano in D. Colasante, 1925-1981: la città legale, in La metropoli spontanea. Il caso di Roma (1925-1981), a cura di F. Perego, A. Clementi, Dedalo, Bari 1983, pp. 249-260.

15 L’archivio dell’ex V Ripartizione – Servizi Tecnici è in via di ordinamento e catalogazione; le rubriche relative agli anni Trenta e Quaranta sono disponibili presso gli uffici del XII Dipartimento del Comune di Roma in via Petroselli 45, mentre i fascicoli si trovano conservati in un deposito di via Monte Zebio 35, presso la scuola elementare “Pistelli”.

16 Dopo i lavori decisi nel febbraio ’27, (ASC, DG, n. 1188, 25 febbraio 1927), nell’agosto dello stesso anno vennero autorizzati quelli di rifacimento delle latrine, la costruzione delle scale di sicurezza, la ricostruzione delle fogne, ecc., ivi, n. 6462, 13 agosto 1927.

17 “Il Messaggero”, L’attività assistenziale del Governatorato nell’anno 1929, 15 settembre 1930.

18 ASC, Verbali del Governatore, n. 6031, 2 agosto 1930; ivi, DG, n. 2587, 2 maggio 1931.

19 Ivi, DG, n. 752, 8 febbraio 1930; n. 5583, 12 luglio 1930.

20 ACS, MI, DGAC, Divisione affari generali provinciali e comunali, 1931-33, b. 2325, nota dell’8 giugno 1932.

21 ASC, DG, n. 3165, 11 aprile 1927.

22 Ivi, n. 9194, 31 dicembre 1927. Il contratto di acquisto in ivi, Contratti pubblici e privati (d’ora in poi Cpp), 15 marzo 1928.

23 Dopo l’ordinanza prefettizia emanata il 20 febbraio 1929, con cui si vietava l’ingresso di lavoratori a Roma senza il certificato d’autorizzazione firmato dal podestà del comune di provenienza, si varò la legge n. 358 del 9 aprile 1931 (Norme per la disciplina e lo sviluppo delle migrazioni e della colonizzazione interna), seguita dalla legge n. 1092 del 6 luglio 1939 (Provvedimenti contro l’urbanesimo).

24 “Il Popolo di Roma”, Difficoltà grandi, 29 novembre 1928.

25 Ivi, Le case e la questione delle baracche, 11 gennaio 1929.

26 Ivi, Sfollare le città, stroncare l’urbanesimo, 5 dicembre 1928; Le baracche in muratura, 10 gennaio 1929; Le case e la questione dei baraccati cit.; Nell’Appio Metronio, 11 gennaio 1929; Una complessa questione, 23 febbraio 1929; All’Aurelio, 1 marzo 1929; La soluzione al problema delle baracche, 19 giugno 1929. “Il Messaggero”, Lotta contro l’urbanizzazione nell’antica Roma, 12 gennaio 1929; Il problema dell’urbanesimo, 23 gennaio 1929; Per la lotta contro l’urbanesimo, 20 febbraio 1929; L’azione del Governatorato per la soluzione del problema degli alloggi, 21 febbraio 1929.

27 “Il Popolo di Roma”, Nell’Appio Metronio cit.

28 Ivi, Bonifica di uomini e bonifica di terreni, 12 marzo 1929.

29 “Il Messaggero”, L’andamento degli sfratti in Roma, 11 maggio 1930.

30 ACS, MI, DGPS, DAGR, 1930-31, b. 328, rapporto del primo dicembre 1931.

31 Ivi, rapporto del 15 dicembre 1931.

32 Talamo, Bonetta, Roma nel ’900 cit., pp. 274-5.

33 Su Tor Pignattara e le zone limitrofe (Pigneto e Marranella), S. Ficacci, Tor Pignattara. Fascismo e Resistenza di un quartiere romano, Franco Angeli, Milano 2007. Sul quartiere popolare di Centocelle si veda il volume collettaneo di A. Portelli, B. Bonomo, A. Sotgia, U. Viccaro, Città di parole. Storia orale da un periferia romana, Donzelli, Roma 2006. Una vasta ricerca sul Pigneto è stata condotta da C. Severino, Roma mosaico urbano. Il Pigneto fuori Porta Maggiore, Gangemi, Roma 2005.

34 ACS, SPD, C.O., b. 59, lettera del 21 gennaio 1930, cit. in Vannelli, Economia dell’architettura cit., p. 195.

35 ASC, DG, n. 4924, n. 4925, 21 giugno 1930; n. 5023, n. 5024, n. 5025, n. 5028, 28 giugno 1930.

36 Ivi, Cpp, 17 luglio 1930.

37 Ivi, DG, n. 5753 e n. 5754, 26 luglio 1930. Ivi, Cpp, 29 agosto 1930.

38 Ivi, DG, n. 6015, 2 agosto 1930; n. 6283, 9 agosto 1930; n. 7879, n. 7881, 4 ottobre 1930; n. 8203, n. 8286, 25 ottobre 1930; n. 9409, 24 dicembre 1930; n. 1137, n. 1161, n. 1188, 28 febbraio 1931; n. 6572, 26 settembre 1931. Ivi, Cpp, 13 agosto 1930; 30 agosto 1930; 21 ottobre 1930; 12 novembre 1930; 10 gennaio 1931; 21 marzo 1931; 1 aprile 1931; 19 novembre 1931. Solo quest’ultimo appalto fu affidato alla ditta Clementoni. La definizione di “baracche” è propria delle deliberazioni citate.

39 Ivi, DG, n. 1786, 28 marzo 1931.

40 Ivi, n. 1188, 28 febbraio 1931.

41 Ivi, n. 10193, 31 dicembre 1930.

42 Delenda baracca cit., p. 46.

43 ASC, DG, n. 10016, 31 dicembre 1930; n. 1187, 28 febbraio 1931; n. 1091, 28 febbraio 1934.

44 Sorta nel 1922 come produttrice di fibre artificiali, rappresentò una delle maggiori industrie romane, con circa 2500 occupati, cfr. G. Nerbini, Industrie romane. L’industria della seta artificiale, in «Capitolium», I, 1925, n. 3, pp. 160-163; A. Sotgia, Una fabbrica lungo la via Prenestina: la Viscosa di Roma negli anni Venti e Trenta, in «Giornale di storia contemporanea», 2003, n. 1, pp. 42-53.

45 Sulla storia dell’Atac si veda il libro di G. Pagnotta, Roma in movimento nelle fotografie dell’archivio Atac 1900-1970, Editori Riuniti, Roma 2002. Per una breve sintesi della storia dei trasporti a Roma si rimanda a U. M. Bianchi, I trasporti di Roma. Dal tram a cavalli al metrò, Newton, Roma 1995. Sull’organizzazione del sistema ferroviario a Roma nel periodo fascista, C. Colomba, Il sistema dei trasporti tra conservazione e modernità, in «Roma moderna e contemporanea», II, 1994, n. 3, pp. 627-651.

46 “Il Popolo di Roma”, Le comunicazioni a Tor Pignattara e all’Acqua Bullicante, 13 luglio 1930; Il prolungamento del tram n. 12 e le necessità di una zona periferica, 5 settembre 1930; Il prolungamento della linea 12, 10 settembre 1930.

47 “Il Messaggero”, Autobus per Casalbertone e Pigneto, 21 aprile 1933; Da oggi la borgata Tor Sapienza è collegata alla rete tranviaria urbana con l’autobus n. 212, 1 giugno 1933.

48 Ivi, Visita all’Acqua Bullicante e alla Marranella, 18 agosto 1934.

49 Ivi, Necessità della borgata Prenestina, 18 ottobre 1931. ACS, SPD, C.O., 500.030, esposto del 26 agosto 1931.

50 “Il Popolo di Roma”, Il Duce in mezzo al popolo, 23 settembre 1930.

51 Ivi, Il Duce alle famiglie della borgata Prenestina, 25 settembre 1930.

52 ACS, SPD, C.O., 500.030, telegramma del 25 ottobre 1930.

53 Ivi, Elenco delle famiglie povere abitanti nel Villaggio Prenestino.

54 Cfr. G. Doti, La II zona industriale e il suburbio orientale tra le due guerre, in «Roma moderna e contemporanea», VIII, n. 1/2, 2000, p. 151. Alla Viscosa, tuttavia, non mancavano i dipendenti che abitavano a borgata Gordiani.

55 V Rip., titolo 9, classe 5-2, 1934, f. 61, Relazione del Direttore dei lavori a corredo dello stato finale, in cui sono contenuti i riferimenti amministrativi ed è specificata la localizzazione della borgata.

56 ASC, DG, n. 64, 2 gennaio 1932; n. 1378, 5 marzo 1932; n. 5814, 27 agosto 1932; n. 5972, 3 settembre 1932; n. 1770 e n. 1772, 25 marzo 1933. Ivi, Cpp, 12 aprile 1932 (impresa Papaleo); 11 maggio 1932 (impresa Federici); 9 settembre 1932 (impresa Acidaro); 14 novembre 1932 (impresa Federici); 14 aprile 1933 (impresa Clementoni).

57 Ivi, DG, n. 4360, 17 luglio 1933; n. 6830, 12 ottobre 1933.

58 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1, relazione dell’ispettorato della III zona, febbraio 1935.

59 Ivi, classe 7-3, 1935, f. 148.

60 Ivi, classe 4-3, 1935, f. 95.

61 Ivi, classe 9-5, 1936, f. 10. La delibera di esecuzione della fogna in ASC, DG, n. 3897, 30 luglio 1936.

62 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1.

63 Ivi, classe 5-2, 1935, f. 28.

64 “Il Popolo di Roma”, All’Aurelio, da Porta Cavalleggeri a Casal Braschi, 1 marzo 1929.

65 ASC, DG, n. 6559, 18 agosto 1930.

66 “Il Popolo di Roma”, Nella zona Aurelia: la Pineta Sacchetti e “Primavalle”, 7 febbraio 1929.

67 Ivi, La sistemazione della zona Primavalle – Pineta Sacchetti, 16 maggio 1929.

68 ASC, DG, 2431, 3 marzo 1934.

69 Bortolotti, Roma fuori le mura cit., p. 44. La vicinanza delle borgate ai forti militari è stata sovente interpretata come funzionale ad una maggiore sorveglianza, cfr. P. O. Rossi, Dove non c’è più la città. Nascita e sviluppo della borgata di Primavalle, in «Parametro», marzo 1976, n. 44, p. 43.

70 “Il Messaggero”, Al di là del quartiere Aurelio, 9 febbraio 1934.

71 “Il Popolo di Roma”, Necessità della zona Pineta Sacchetti, 13 luglio 1930; Segnalazioni all’Atag per il miglioramento del servizio tranviario, 14 ottobre 1931. “Il Messaggero”, Miglioramenti nel servizio auto-tranviario del rione Aurelio e di Primavalle, 29 luglio 1933.

72 ASC, Cpp, 14 ottobre 1930; i lotti dal 2° al 6° con contratto 5 marzo 1931; il 7°, 9°, 10°, 11° con contratto 18 maggio 1931; l’8° e 12° con contratto 11 giugno 1931.

73 Ivi, DG, n. 6946, n. 6947, n. 6945, 17 ottobre 1931; n. 65, 2 gennaio 1932; n. 1379, 5 marzo 1932. Ivi, Cpp, 29 dicembre 1931; 27 febbraio 1932; 12 aprile 1932; 11 maggio 1932.

74 Ivi, DG, n. 1379, 5 marzo 1932.

75 ACS, SPD, C. O., b. 842, f. 500.019-1, lettera del 27 maggio 1931.

76 ASC, Cpp, 14 ottobre 1930.

77 Ivi, DG, n. 8171, 5 dicembre 1931. V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1.

78 ASC, DG, n. 6606, 1 ottobre 1932.

79 Ivi, Cpp, 2 dicembre 1932.

80 Ivi, DG, n. 1623, 18 marzo 1932.

81 Ivi, n. 8632, 30 dicembre 1933; ivi, Cpp, 21 febbraio 1934.

82 Ivi, DG, n. 4979, 1 agosto 1931; ivi, Cpp, 18 novembre 1931 (impresa Cori Giovanni). La costruzione di una seconda ala del dormitorio fu resa esecutiva dalla delibera n. 610, 4 febbraio 1932. Il relativo contratto in ivi, Cpp, 27 febbraio 1932. Oggi l’area ospita la Biblioteca comunale “F. Borromeo”, il comando dei Vigili Urbani e l’Istituto professionale “Stendhal”, con unico ingresso al civico 67 di via Borromeo. I vecchi locali, dopo opportuni lavori di rifacimento, sono tutti in piedi e riutilizzati. Un’ala del ricovero è divenuta una palestra, utilizzata dalla scuola e ceduta nelle ore pomeridiane a varie società sportive dal Comune di Roma; gli altri locali sono stati occupati, in varie fasi, a scopo abitativo.

83 Ivi, DG, n. 150, 9 gennaio 1932; n. 6852, 10 novembre 1934. Il contratto in ivi, Cpp, 19 dicembre 1934.

84 Ivi, DG, n. 551, 9 febbraio 1933.

85 Ivi, n. 3858, 20 maggio 1935.

86 ACS, MI, DGAC, Istituti di beneficenza, affari generali provinciali, 1940-42, b. 100, f. 26071-103, rapporto 8 marzo 1942.

87 Zofia J. Zdybicka, Orsola Ledòchowska. Santa dei tempi difficili e segno di speranza, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2004, pp. 170-1.

88 ACS, SPD, C.O., 509.215-3.

89 ASC, Cpp, 18 dicembre 1936.

90 Ivi, Consulta di Roma, Verbali, 10 settembre 1930.

91 Ivi, DG, n. 187, 11 gennaio 1930.

92 Ivi, n. 865, 8 febbraio 1930.

93 Ivi, n. 5311, 5 luglio 1930.

94 Ivi, Cpp, 18 ottobre 1930

95 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1932, f. 144.

96 ASC, DG, n. 6613, 3 ottobre 1931. “Il Popolo di Roma”, Le nuove opere che saranno inaugurate il XXI aprile, 17 aprile 1931.

97 Un profilo sulla figura di Virgilio Testa è tracciato negli scritti di O. Gaspari, Un coraggioso Segretario che si batté per la libertà, in «Ages news», 2004, n. 5, pp. 3-32; Id., Testa Virgilio, in Il Consiglio di Stato nella storia d’Italia. Biografie dal 1861 al 1948, a cura di G. Melis, II, Giuffrè, Milano 2006, pp. 2155-86.

98 V Rip., titolo 9, classe 4-3, 1935, f. 87, nota del 15 novembre 1935.

99 ASC, DG, n. 5934, 12 novembre 1936.

100 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, relazione del 13 marzo 1935, sottolineature nel testo.

101 “Il Messaggero”, Altri provvedimenti da realizzare, 22 gennaio 1933. Nel 1935 le borgate Sette Chiese e Tor Marancia furono collegate alla linea 22 dall’autobus 222, cfr. “Il Popolo di Roma”, Una nuova linea d’autobus per Tor Marancia e S. Petronilla, 27 luglio 1935.

102 ASC, Cpp, 18 dicembre 1936.

103 Ivi, 24 gennaio 1931; 20 aprile 1931; 25 aprile 1931; 30 aprile 1931; 5 giugno 1931.

104 Ivi, 19 ottobre 1929.

105 “Il Messaggero”, Una parziale visione dei lavori stradali, edilizi ed idraulici attualmente in corso nell’Urbe, 23 marzo 1933.

106 ASC, DG, n. 2630, n. 2631, 6 maggio 1933.

107 “Il Messaggero”, La costruzione di due nuove borgate popolarissime nelle quali potranno trovare alloggio mille famiglie, 26 agosto 1933; La demolizione di un altro gruppo di quaranta case vecchie, 5 settembre 1933. A corredo degli articoli, i giornali pubblicarono le foto degli agenti della Milizia impegnati nel trasporto dei ricoverati e delle loro masserizie, citate in molte occasioni senza mai un riferimento.

108 ASC, Cpp, 27 giugno 1933.

109 Ivi, DG, n. 5288 e n. 5289, 16 agosto 1933

110 Ivi, n. 8133, 7 dicembre 1933; ivi, Cpp, 24 gennaio 1934.

111 Ivi, DG, n. 8629, 30 dicembre 1933; ivi, Cpp, 14 febbraio 1934.

112 Ivi, DG, n. 7306 e n. 7317, 24 novembre 1934; n. 8306, 31 dicembre 1934; n. 903 e n. 918, 24 febbraio 1936; n. 1061, 2 marzo 1936; n. 1844, 9 aprile 1936.

113 V Rip., titolo 21, classe 2-2, 1935, f. 5, riservata del 26 febbraio 1936, sottolineature nel testo.

114 M. Sanfilippo, Le tre città di Roma. Lo sviluppo urbano dalle origini a oggi, Laterza, Roma Bari 1993, p. 109. Per una disamina generale dei rapporti politici intercorsi tra costruttori e regime si rimanda al lavoro di L. Bortolotti, La proprietà edilizia e il fascismo, in «Studi storici», XII, 1971, n. 4 pp. 718-778.

115 ASC, DG, n. 5643, 28 agosto 1933; n. 9212 e n. 9258, 30 dicembre 1933; n. 949, n. 950 e n. 951, 23 febbraio 1935.

116 Ivi, DG, n. 8373, 31 dicembre 1934. V Rip., titolo 21, classe 2-2, 1935, f. 5, nota del 16 ottobre 1934.

117 ASC, DG, n. 3120, 26 maggio 1934; n. 6204, 6 ottobre 1934. Ivi, Cpp, 1 agosto 1934; 28 novembre 1934.

118 ACS, MI, Direzione Generale Servizi civili Ipab di Roma, b. 108, Memoriale Alberto Moffa, 8 novembre 1944. Oggi il San Michele funziona principalmente come Casa di Riposo per anziani.

119 ASC, DG, n. 851, 23 febbraio 1935; ivi, Cpp, 19 gennaio 1936.

120 ACS, SPD, C.O., 545.377.

121 V Rip., titolo 9, classe 1-14, 1935, f. 1, relazione sulla III zona del suburbio del 13 marzo 1935; sottolineature nel testo.

122 Su borgata Gordiani si veda G. Manganella, Periferia dell’Urbe, in «Nord e Sud», II, 1955, n. 11, pp. 75-98; U. Viccaro, Storia di borgata Gordiani. Dal fascismo agli anni del “boom”, Franco Angeli, Milano 2007.

123 ASC, DG, n. 6672, 2 ottobre 1933.

124 Ivi, Cpp, 23 dicembre 1933 (impresa Theodoli).

125 Cfr. A. Portelli, L’ordine è già stato eseguito. Roma, le Fosse Ardeatine, la memoria, Donzelli 2005, dove, alle pp. 83 sgg., i borgatari intervistati assimilano Gordiani ad un campo di concentramento. Un simile accostamento, sempre a proposito di borgata Gordiani, lo propose Pasolini: «e il camion tagliò dal quartiere della gente perbene e granosa, prese la Casilina […] e arrivò, per la Strada Bianca, fin sotto le prime abitazioni della borgata Gordiani, sola come un campo di concentramento, in mezzo a un piccolo altopiano tra la Casilina e la Prenestina, battuta dal sole e dal vento», Ragazzi di vita, Garzanti, Milano 1988, pp. 145-6. (1ª ed. 1955).

126 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, segnalazione dell’11 marzo 1936.

127 Ivi, MI, Gabinetto (d’ora in poi GAB), 1944-46, b. 91, f. 7637, Condizioni morali e materiali degli abitanti della borgata Gordiani, 16 gennaio 1945.

128 ASC, DG, n. 7689, 15 dicembre 1934.

129 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1935, f. 195, nota della segreteria generale, 27 dicembre 1933.

130 Ivi, 1934, f. 74, Sistemazione della via Labico, 20 settembre 1934. La sede del Gruppo Rionale di Tor Pignattara “Raffaele Lulli” si trovava in via Acqua Bullicante 43.

131 Ivi, lettera del 29 settembre 1934

132 Ivi, relazione del 16 dicembre 1934. Prima d’allora, la mancanza di comunicazioni costituì l’impedimento principale alla scolarizzazione dei bambini di borgata Gordiani, i soli a subire questo disagio nell’intero quartiere di Tor Pignattara e Acqua Bullicante, la cui popolazione scolastica radunava 3898 bambini, 2630 frequentanti la scuola di via Cancelli e 1268 la scuola di via Casilina 413, ivi, classe 1-4, 1935, f. 1, relazione dell’ispettorato della III zona, gruppo Tor Pignattara, febbraio 1935.

133 ASC, DG, n. 1144, 5 marzo 1936; n. 4468, 27 agosto 1936.

134 Ivi, n. 6465, 27 ottobre 1934; n. 7905, 19 dicembre 1935.

135 V Rip., titolo 9, classe 7-3, 1935, f. 52.

136 “Il Messaggero”, Le case e gli orti di Pietralata, 4 marzo 1933.

137 Ibid.

138 Ivi, Per la sistemazione di “Via delle Cave di Pietralata”, 15 febbraio 1933.

139 Ivi, A Tor Sapienza col nuovo autobus, 2 giugno 1933.

140 ASC, Cpp, 17 dicembre 1930. Il toponimo Truzzi deriva dal nome originario delle due tenute che formavano la borgata rurale, Truzzi e Ranucci, gli antichi proprietari.

141 V Rip., titolo 9, classe 4-3, 1931, f. 35, comunicazioni dell’8 e 27 ottobre 1931.

142 ASC, DG, n. 745, 17 febbraio 1934; ivi, Cpp, 20 aprile 1934.

143 Ivi, Cpp, 25 aprile 1934.

144 V Rip., titolo 9, classe 5-2, 1934, f. 39. ASC, DG, n. 8458, 25 agosto 1934; n. 7642, 15 dicembre 1934.

145 ASC, DG, n. 5394, 25 agosto 1934; n. 6958, 10 novembre 1934; n. 1010, 2 marzo 1935.

146 V Rip., titolo 9, classe 1-4, 1935, f. 1, relazione dell’ispettorato della II zona del suburbio, fascio di Pietralata, 18 marzo 1935.

147 R. Ricci, L’Ufficio di assistenza sociale nel 1931, in «Capitolium», VIII, 1932, n. 1-2, p. 132. Su questo argomento si vedano gli articoli apparsi su «Concessioni e costruzioni », Per l’igiene della casa popolare, 1936, II, pp. 605-6; I requisiti igienici delle abitazioni popolari, 1937, I, p. 154.

148 ACS, SPD, C.O., b. 841, f. 500.019-1, segnalazioni del 12 luglio 1935.

149 Ivi, b. 840, f. 500.019-1, segnalazione dei CCRR rimessa al governatore Boncompagni, 6 agosto 1934, corsivo mio.

150 Viccaro, Storia di Borgata Gordiani cit., pp. 53-56.

151 Manganella, Periferia dell’Urbe cit., p. 79.

152 F. Salsano, Il Ventre di Roma. Trasformazione monumentale dell’area dei fori e nascita delle borgate negli anni del Governatorato fascista, tesi di dottorato discussa presso l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 2006-2007, tutor prof. F. Piva.

153 Di baraccati parlò anche il questore Cocchia in una relazione al capo della polizia: «Per i baraccati qui aventi stabile domicilio e lavoro il Governatorato, com’è noto, ha provveduto con la costruzione delle casette nelle nuove borgate di Tor Marancia e via Teano sistemandovi, finora, oltre 1 000 famiglie per un complesso di 4000 persone. In atto le disponibilità sono esaurite ma, non appena pronti, forse in aprile, altri 2000 vani, il problema dei baraccati avrà la definitiva soluzione», ACS, MI, DPGS, DAGR, 1933, sezione II, b. 55, Relazione sui servizi assistenziali, dicembre 1933. Col toponimo di via Teano è praticamente certo che il questore si riferisse a borgata Gordiani, nata assieme a Tor Marancia.

154 Ivi, Presidenza del Consiglio dei Ministri (d’ora in poi PCM), 1934-36, f. 7-2 208- 18, Demolizione baracche e costruzione casette.

155 Ivi, SPD, C.O., b. 840, f. 500.019-1, appunto del 19 settembre 1934.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search