Version classiqueVersion mobile

La rivoluzione incompiuta

 | 
Roberto Caso

Parte I – La scienza tra apertura e mercificazione

1. La scienza aperta e le contraddizioni irrisolte

Texte intégral

1. Open Access e Open Science

1Si immagini una rete digitale globale (Internet) in cui non esistono barriere economiche, giuridiche e tecnologiche per l’accesso, la verifica, la revisione, la discussione, il riutilizzo dei risultati della ricerca scientifica e dei materiali didattici della formazione accademica. In uno scenario come questo, le ricerche utili ad apprestare cure per una malattia aggressiva e mortale sarebbero alla portata di tutti coloro che dispongano della connessione alla Rete. Questo esempio descrive il cuore dell’Open Science (OS).

  • 1 V., ad es., M. Nielsen, Le nuove vie della scoperta scientifica. Come l’intelligenza collettiva st (...)
  • 2 J. Willinsky, The Access Principle. The Case for Open Access to Research and Scholarship, Cambridg (...)

2L’OS è un particolare modo di intendere la comunicazione della scienza. L’espressione OS è diventata negli ultimi anni ricorrente, in particolare con riferimento all’apertura dei dati1. In passato si usava prevalentemente il termine Open Access (OA), spesso riferito all’apertura delle pubblicazioni2.

3È difficile datare l’inizio dell’OA. Si tratta di un fenomeno nato spontaneamente agli albori di Internet. Alcune iniziative negli anni ’60 e ’70 preludono alla nascita dell’OA. Ma è tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90, quando Internet era una rete ancora non dominata da interessi commerciali e il Web muoveva i suoi primi passi, che emergono le prime riviste scientifiche e gli archivi ad accesso aperto.

  • 3 S. Harnad, Post-Gutenberg Galaxy: The Fourth Revolution in the Means of Production of Knowledge, 1 (...)

4L’OA costituisce, di fatto, un movimento vicino e, per molti aspetti, connesso sia al software libero e aperto sia allo sviluppo cooperativo della Rete. Il nucleo della scienza aperta è costituito dall’idea che Internet rappresenta una straordinaria opportunità per potenziare e migliorare la scienza. Ciò perché la comunicazione sulla Rete ha caratteristiche peculiari che la distinguono da quelle basate su oralità, scrittura e stampa a caratteri mobili3.

  • 4 I. Kant, Risposta alla domanda: che cos’è l’illuminismo? [trad. di F. Di Donato, supervisione di M (...)
  • 5 R.K. Merton, Science and Technology in a Democratic Order, in Journal of Legal and Political Socio (...)
  • 6 C. Hess, E. Ostrom, A Framework for Analyzing the Knowledge Commons, in C. Hess, E. Ostrom (eds.), (...)

5Le basi concettuali dell’OS affondano in quella parte della filosofia occidentale che ha esaltato l’uso pubblico della ragione4, e nella rivoluzione scientifica moderna che mise al centro della propria missione il carattere pubblico della comunicazione in contrapposizione alle pratiche di segretezza precedentemente in uso5. Vi sono poi sviluppi teorici interdisciplinari che mettono in connessione l’OS e l’OA con la teoria dei beni comuni della conoscenza6.

6Essendo un movimento spontaneo, non esistono definizioni universalmente condivise. Scontando un elevato grado di arbitrarietà, si può affermare che OS è espressione che intende alludere a più fenomeni: il software libero e aperto, l’Open Access alle pubblicazioni e ai dati della ricerca e l’Open Education che si riferisce all’accesso aperto al materiale didattico (c.d. Open Educational Resources). Il comune denominatore di questi fenomeni è rappresentato dall’accesso gratuito e libero su Internet del materiale scientifico e didattico. Accesso libero significa concessione al pubblico di diritti d’uso, come il diritto di riproduzione in copia, il diritto di modificare l’opera ed elaborare opere derivate, il diritto di distribuzione, il diritto di comunicazione al pubblico. Tuttavia, l’estensione del significato non si arresta qui. Alla gratuità dell’accesso e alla libertà d’uso dei materiali scientifici e didattici si deve aggiungere la trasparenza dei processi di giudizio e validazione dei risultati della ricerca scientifica: si pensi all’Open Peer Review che oppone la pubblicità dell’opera dei revisori all’anonimato della tradizionale revisione paritaria.

  • 7 Questa sembra la visione della Commissione UE (almeno della Commissione Junker e del commissario M (...)
  • 8 H. Chesbrough, Open Innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology, Bos (...)

7C’è poi chi vorrebbe vedere una stretta relazione tra Open Science e Open Innovation7, etichetta con la quale si intende descrivere quella forma di produzione di nuova tecnologia che si basa non solo su risorse interne all’organizzazione – tipicamente, l’impresa –, ma anche su risorse esterne8.

8Sebbene non esistano definizioni universalmente condivise di OS, in tre dichiarazioni dei primi anni del terzo millennio, alcuni membri della comunità scientifica hanno provato a delimitare l’OA. Si tratta delle dichiarazioni di Budapest (2002), Bethesda (2003) e Berlino (2003).

  • 9 Suber, Open Access, cit., 1 ss., spec. 4.
  • 10 L. Lessig, Free culture: How big media uses technology and the law to lock down culture and contro (...)

9Secondo la prospettiva delle tre grandi dichiarazioni, l’abbattimento delle barriere economiche, giuridiche e tecnologiche all’accesso ai risultati della ricerca costituirebbe il fulcro dell’OA9. Il che richiama una concezione del diritto d’autore diversa da quella tradizionalmente in uso nel mercato della creatività. Infatti, mentre il classico sfruttamento economico delle opere dell’ingegno si basa sulla logica di un controllo dei diritti d’autore rigido e accentrato nelle mani di alcuni intermediari come gli editori – logica sintetizzata nella menzione «tutti i diritti riservati» –, l’OA si fonda sull’idea che un ventaglio più o meno ampio di diritti economici siano dati in licenza dall’autore al pubblico – «solo alcuni diritti sono riservati» –, mentre l’autore ritiene per sé il diritto di paternità, cioè il diritto di essere riconosciuto autore dell’opera. In altri termini, l’OA si sposa necessariamente con licenze contrattuali permissive come le Creative Commons10.

10L’autore ha interesse a vantare il diritto di paternità dell’opera scientifica, perché il riconoscimento scientifico attraverso la citazione dell’opera precedente, è, nel sistema attuale della scienza, un potente incentivo da cui ne derivano altri: la progressione di carriera, l’acquisizione di fondi per progetti di ricerca, l’ottenimento di premi scientifici e così via.

  • 11 R.M. Stallman, Free Software, Free Society. Selected Essays of Richard M. Stallman, II ed., Free S (...)

11L’enfasi sull’incentivo legato alla reputazione «citazionale» riflette però una determinata visione della scienza, incentrata sull’esaltazione del contributo individuale al progresso e su una struttura esclusivamente gerarchica e competitiva della ricerca. In realtà, la protezione del diritto di paternità ha anche un senso diverso: quello della difesa della libertà e dell’autonomia della scienza a loro volta legate alla libertà di pensiero, finalità che ispira i promotori del software libero e in particolare il pensiero di Richard Stallman11. Ad esempio, vantare il diritto di paternità su una pubblicazione significa poter parlare in nome della scienza e non dell’istituzione di appartenenza. D’altra parte, in una prospettiva etica, il motore del progresso non dovrebbe essere rappresentato dall’affermazione individuale e dall’acquisizione di posizioni di potere, ma dall’essere parte di un’impresa comunitaria e cooperativa (per dirla con un’espressione dall’accento evocativo: la ricerca della verità).

12Ciò vale a maggior ragione se si pensa ai Paesi in via di sviluppo, nei quali la possibilità di accedere, verificare, revisionare, discutere e riutilizzare le ricerche dei Paesi sviluppati costituisce la premessa necessaria per il proprio progresso scientifico.

13L’OA non coincide né con accesso «universale» – ad esempio, l’accesso aperto non abbatte le barriere in termini di disabilità e possibilità di connettersi a Internet – né con un sistema di comunicazione privo di costi. Qualsiasi sistema di comunicazione per un verso implica investimenti in termini di capitale e lavoro delle persone, per l’altro richiede sostenibilità.

14Gli aspetti definitori del fenomeno toccano molteplici profili e problemi dell’evoluzione attuale della scienza: l’etica, le norme sociali e i valori, le complesse relazioni tra Paesi sviluppati ed emergenti, il rapporto tra logiche di mercato e dimensione accademica, il dialogo con la società, lo sviluppo di Internet, la conservazione della conoscenza nel tempo.

15La scienza vive un tornante fondamentale della sua storia. Mai come in questo momento storico essa appare gigantesca e potente, ma allo stesso tempo manifesta profonde fragilità: la concentrazione del potere di controllo dell’informazione in capo a pochi gruppi commerciali, l’iniquità di un sistema che avvantaggia i Paesi sviluppati, la compressione dell’autonomia e della libertà da parte del potere politico ed economico, la precarizzazione dei giovani ricercatori, la crescita dei casi di frode e di violazione dell’etica, la messa in discussione della sua autorevolezza da parte di una porzione del pubblico.

16La domanda fondamentale è dunque: l’apertura può essere intesa come un sistema idoneo a irrobustire la scienza e curare i mali che la affliggono?

2. La scienza in crisi

  • 12 Il celeberrimo manifesto di questa politica è rappresentato dal rapporto commissionato dal preside (...)

17Nel mondo occidentale, a partire dalla seconda guerra mondiale la scienza è cresciuta esponenzialmente. È cresciuto il numero dei ricercatori e delle istituzioni scientifiche. Per alcuni decenni è cresciuta anche la dimensione del finanziamento pubblico alla ricerca12. Non a caso, si è coniata l’espressione «big science» per descrivere un tipo di ricerca che può essere svolta solo con grandi investimenti che mobilitano vaste comunità scientifiche.

  • 13 J.C. Guédon, La lunga ombra di Oldenburg: i bibliotecari, i ricercatori, gli editori e il controll (...)

18Assieme alla crescita dimensionale della scienza si sviluppava anche il sistema di comunicazione, il quale produceva un aumento del numero delle pubblicazioni e delle sedi editoriali. Questa espansione si è delineata parallelamente alla graduale emersione di un potere informativo ed economico fortemente concentrato: quello dei grandi editori scientifici commerciali. La concentrazione del potere editoriale nelle mani di pochi attori commerciali deriva dal sistema di valutazione bibliometrica ideato negli anni ’50 e reso operativo negli anni ’60. La costituzione di gruppi chiusi di riviste nell’ambito dei quali misurare, con servizi affidati a imprese commerciali, le citazioni ricevute dagli articoli pubblicati sugli stessi periodici ha posto le premesse per un accentramento del potere di controllo della comunicazione scientifica. Gli indici citazionali come l’Impact Factor della rivista hanno cambiato profondamente la struttura del mercato nonché le abitudini di ricercatori e biblioteche. Dal momento in cui è emerso il concetto di riviste scientifiche fondamentali («core journals»), i ricercatori hanno voluto pubblicare solo su quelle sedi editoriali e le biblioteche hanno voluto acquistare esclusivamente quei periodici13.

19Gli effetti culturali di questo nuovo sistema sono stati vasti e profondi. Nato negli USA con riferimento prevalente a journals di quel Paese, il sistema ha contribuito al dominio della scienza americana e della lingua inglese come lingua franca della ricerca. Inoltre, l’idea di misurare le citazioni con riferimento alle riviste – tipologia editoriale preferita nelle scienze c.d. dure – ha comportato che l’articolo su periodico sia diventato un genere letterario di primaria importanza; ciò a scapito di altri generi come il libro monografico, tradizionalmente rilevante in molte scienze umane e sociali. Ancora, la scienza è diventata sempre più specializzata, anche in conseguenza dell’uso degli indici citazionali i quali funzionano all’interno di specifiche aree e settori scientifici. Infine, i ricercatori hanno iniziato a guardare agli indici bibliometrici per svariate finalità, comprese quelle attinenti ai giudizi per la progressione di carriera. La bibliometria è diventata uno strumento egemone per il governo di una scienza sempre più settoriale, competitiva e gerarchizzata.

20Mossi prevalentemente o esclusivamente dall’ansia di pubblicare sulle riviste ad alto impatto – c.d. logica del «publish or perish» –, i ricercatori si sono disinteressati dei diritti d’autore sulle proprie pubblicazioni. Secondo un comportamento tutt’ora usuale, il ricercatore cede i diritti d’autore all’editore che, a quel punto, detiene il pieno controllo della riproduzione e distribuzione dell’opera scientifica.

  • 14 J.H. Reichman, R. Okediji, When Copyright Law and Science Collide: Empowering Digitally Integrated (...)

21Questo scenario di concentrazione di potere di controllo dell’informazione è decisamente peggiorato con l’evoluzione recente di Internet. La digitalizzazione ha trasformato i gruppi chiusi di riviste con annessi indici citazionali in enormi banche dati on-line ad accesso chiuso – cioè circondate da barriere economiche, giuridiche e tecnologiche – commercializzate dagli editori secondo modelli di business che fanno leva sulle offerte a pacchetto («bundling») e su contratti denominati «licenze d’uso» che riservano all’editore il massimo controllo possibile dei contenuti digitali14. Non a caso, il commercio si sta progressivamente spostando dal controllo delle pubblicazioni scientifiche al controllo dei dati (in particolare, quelli citazionali). La concentrazione di potere di mercato ha innescato un aumento vertiginoso dei prezzi di accesso alle banche dati commerciali che ha messo in crisi la capacità delle biblioteche di sostenere i costi degli abbonamenti.

22Alla crescita del potere di filtro della conoscenza da parte degli editori commerciali, fa da contraltare il declino del ruolo delle biblioteche. Nell’epoca precedente all’avvento delle tecnologie informatiche, le biblioteche erano luoghi fondamentali di organizzazione e conservazione del sapere. Nell’era digitale, le biblioteche vedono ridimensionata la loro importanza. Molte delle funzioni che in passato svolgevano ora sono affidate agli editori e ad altri intermediari commerciali della Rete.

23Mentre aumentava il potere di controllo degli editori commerciali e cresceva il ricorso sia alla bibliometria sia alla valutazione quantitativa della ricerca, entravano prepotentemente nel mondo della comunicazione scientifica i grandi Paesi asiatici come la Cina e l’India. Così, la produzione in termini numerici delle pubblicazioni scientifiche ha conosciuto un’ulteriore impennata.

24Non solo, la Rete, da strumento nato in ambito accademico per finalità non attinenti al profitto, è diventata sempre più dominata da grandi piattaforme commerciali che detengono uno straordinario potere di controllo dell’informazione. Si pensi a Google, attivo nel campo della ricerca scientifica, oltre che con il suo motore di ricerca generalista, anche con i motori specializzati Google Scholar – con annesso sistema di conteggio delle citazioni delle pubblicazioni scientifiche – e Google Books. Si pensi altresì ai social network scientifici (come Academia.edu e ResearchGate) e a quelli professionali (LinkedIn) o a quelli generalisti (come Twitter, Facebook) che sono diventati nel giro di poco tempo potenti intermediari del sistema di comunicazione della scienza.

  • 15 R. Caso, La scienza aperta contro la mercificazione della ricerca?, in Riv. critica dir. privato, (...)

25La scienza e la formazione accademica si sono così trasformate in ingranaggi di meccanismi commerciali che antepongono il profitto all’insegnamento e alla ricerca15. Tutto questo avveniva in parallelo ad altri due fenomeni rilevanti:

26a) il rafforzamento della proprietà intellettuale (in particolare, brevetti per invenzione e diritti d’autore);

27b) l’imprenditorializzazione dell’università che, da istituzione portatrice di valori e finalità proprie, è diventata parte integrante delle logiche del mercato.

  • 16 Lessig, Free culture, cit.; J. Boyle, Public Domain. Enclosing the Commons of the Mind, New Haven (...)
  • 17 In ambito europeo v. l’art. 7 della Direttiva 96/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell (...)

28In merito al punto a) va rimarcato che il rafforzamento della proprietà intellettuale ha provocato di riflesso una diminuzione del pubblico dominio cioè del sapere liberamente fruibile16. Tale rafforzamento ha prodotto effetti devastanti soprattutto in campo accademico-scientifico dove è più evidente la natura cumulativa e incrementale del progresso della conoscenza. In altri termini, è difficile fare ricerca e insegnare senza un’estesa base di sapere liberamente fruibile. Nel campo dei brevetti per invenzione risalta l’estensione dell’area della privativa al vivente, nel campo dei diritti d’autore spicca un progressivo ampliamento dell’esclusiva a porzioni minime delle opere dell’ingegno fino ad avvicinarsi al controllo dei dati propriamente detti, che invece erano tradizionalmente fuori dal raggio di azione del copyright (il riferimento è al diritto sui generis sulle banche dati e alla tutela giuridica delle misure tecnologiche di protezione)17.

  • 18 M. Weber, La scienza come professione, in Id., Il lavoro intellettuale come professione. Due saggi(...)
  • 19 V., ad es., E. Schrecker, The Lost Soul of Higer Education, Corporatization, The Assault on Academ (...)

29In merito al punto b) va rilevato che le università hanno plasmato la propria organizzazione sul modello imprenditoriale. Il fenomeno è risalente18, ma ha subito un’accelerazione nell’ultimo quarantennio19. In alcuni Paesi ciò si è accompagnato a un declino del finanziamento pubblico, il che significa che università sempre più imprenditorializzate sono pronte a competere per accaparrarsi fondi che derivano da privati (si pensi alla competizione per l’iscrizione di studenti paganti o per i finanziamenti a progetto forniti da imprese).

30Ma anche nei Paesi in cui il finanziamento pubblico continua a rappresentare la fonte primaria per la sostenibilità del sistema universitario, la politica di distribuzione dei fondi è plasmata sempre più su principi ispirati al funzionamento delle grandi imprese commerciali. La mente corre al ruolo che in Europa il sistema di assicurazione della qualità – imperniato sulla valutazione della ricerca, della didattica e delle ricadute che il sistema accademico proietta direttamente sulla società (c.d. terza missione) – ha assunto nella distribuzione dei fondi pubblici alle università.

31Nello stesso tempo, le università hanno iniziato a difendere la proprietà intellettuale comportandosi come imprese e orientando la propria ricerca sempre più ad applicazioni tecnologiche. È la storia del trasferimento tecnologico che gravita sulla protezione della proprietà intellettuale e sulla creazione di imprese come spin-off e start-up.

3. La scienza aperta: una rivoluzione incompiuta

32Esistono due forme di OS: una prima che, agendo nel rispetto delle norme giuridiche esistenti, prova a immaginare e costruire un sistema aperto di comunicazione della scienza e una seconda che, in esplicita contrapposizione al diritto della proprietà intellettuale, fa della disobbedienza civile la sua bandiera.

  • 20 B. Bodó, Pirates in the Library. An Inquiry into the Guerilla Open Access Movement (July 6, 2016). (...)

33La prima ha i suoi precursori in coloro che tra la fine degli anni ’80 e i primi ’90 crearono le infrastrutture tecnologiche, i modelli – riviste e archivi – e poi, nei primi anni 2000, i principi dell’OA. La seconda trova negli epigoni di Aaron Swartz, un giovane e visionario scienziato informatico scomparso prematuramente, i creatori di banche dati di materiale scientifico la cui circolazione non è stata autorizzata dai titolari dei diritti d’autore (ad es., Sci-Hub, il portale che, contro il divieto degli editori, mette a disposizione su Internet un’ampia massa di contenuti)20.

34Iniziamo dalla prima forma di OS. Il movimento dell’OA individuò presto due forme di apertura delle pubblicazioni scientifiche: le riviste che nascono in forma di accesso aperto e gli archivi disciplinari e istituzionali OA dove pubblicare i preprint o le versioni definitive degli scritti già apparsi in sedi editoriali ad accesso chiuso (arXiv, Cogprint, PubMed ecc.). Per molto tempo il movimento si è concentrato sui periodici e sugli articoli, poi ha esteso la sua attenzione ad altri generi letterari.

35Quando il movimento formalizzò i suoi principi, all’inizio degli anni 2000, era chiaro lo spirito di ribellione contro gli oligopoli della conoscenza scientifica, cioè il sistema dominato dai grandi editori commerciali e basato sulla partecipazione attiva di una parte degli scienziati in qualità di membri dei comitati scientifici e revisori anonimi delle pubblicazioni.

36A distanza di tre lustri dalla dichiarazione di Budapest si può dire che l’OA ha fatto sicuramente molti passi in avanti. Sono state investite cospicue risorse nella creazione di archivi disciplinari e istituzionali che rispondono a standard di interoperabilità. Altrettante risorse sono state profuse nello sviluppo di riviste, collane di libri, e altre tipologie di comunicazione che sfruttano in modo innovativo la potenza della Rete per mettere in opera nuovi generi letterari (ad esempio, blog scientifici, Overlay Journals, cioè riviste copertina dove è possibile aggregare contenuti apparsi in altre sedi editoriali, e piattaforme per la revisione paritaria aperta delle pubblicazioni). I corsi di insegnamento e i materiali didattici universitari gratuitamente disponibili on-line sono proliferati. Si sono poste le premesse per la condivisione dei dati della ricerca.

37Tuttavia, il sogno di ridurre il potere di controllo degli intermediari commerciali si è rapidamente dissolto. Occorre ammettere che negli ultimi venti anni il potere degli intermediari commerciali è notevolmente aumentato.

38Non si tratta di demonizzare il mercato. Gli attori commerciali – in un sistema capitalistico – possono e devono svolgere un ruolo nella comunicazione della scienza. Ma il punto è un altro: è necessario capire se le istituzioni scientifiche come le università possono rappresentare un sistema complementare e non subordinato a quello di un mercato fortemente concentrato.

39Insomma, l’OS rimane una rivoluzione incompiuta. Ciò essenzialmente per i problemi di seguito elencati.

a) Mercificazione e valutazione

40La bibliometria, le metriche per la misurazione della scienza, la produzione di «rating» e «ranking» di tutti i tipi, la retorica del merito e dell’eccellenza creano un ambiente competitivo che esalta l’affermazione individuale a scapito della declinazione collaborativa, comunitaria e universale della scienza. Apertura significa innanzitutto riconoscimento della natura cooperativa e comunitaria della scienza. Significa altresì equità nei confronti dei Paesi più poveri. Inoltre, la focalizzazione solo sulla c.d. «produzione scientifica» pone in secondo piano la didattica. Mentre l’insegnamento è un aspetto fondamentale del progresso della scienza. Finché la scienza e l’università saranno dominate dalle metriche e dalla falsa convinzione che tutto sia misurabile con i numeri, la concentrazione di potere nelle mani di pochi attori non verrà meno.

b) L'etica e la mentalità degli scienziati

41La bibliometria, la valutazione basata sui numeri e l’esaltazione della proprietà intellettuale hanno mutato le norme sociali della scienza e la mentalità degli scienziati. Se Merton poteva affermare che il carattere pubblico della scienza moderna risponde alla norma sociale del «comunismo» – inteso nel senso di condivisione dei risultati della ricerca –, oggi – dopo decenni di esaltazione delle logiche individualistiche, di privatizzazione e sfruttamento commerciale della conoscenza scientifica – le norme sociali della scienza e la mentalità degli scienziati sono cambiate. Invertire la rotta non è semplice. Servirebbe un risveglio etico degli scienziati.

c) La sostenibilità del sistema

42La libertà di pensiero e l’autonomia della scienza, cui si riconnette anche la norma sociale del carattere pubblico e condiviso dei risultati della ricerca, dipendono anche da quanto e come gli scienziati sono finanziati. Struttura democratica della società, finanziamento pubblico alla ricerca di base e stabilità del lavoro si traducono in libertà di pensiero e autonomia. D’altra parte, il sistema di comunicazione della scienza ha un notevole peso economico. Se è vero che Internet abbatte i costi di riproduzione e distribuzione delle pubblicazioni, dei dati e dei materiali didattici, i costi di creazione dell’originale, dell’organizzazione dell’infrastruttura e dei processi di revisione e discussione rimangono alti. O si fa leva sul finanziamento pubblico e sul volontariato delle persone che partecipano alla scienza aperta oppure occorre affidarsi ad altri modelli di sostenibilità come il pagamento per la pubblicazione (ciò il pagamento dell’autore o della sua istituzione per la pubblicazione e il mantenimento dell’infrastruttura comunicativa). Il pagamento per la pubblicazione scatena gli appetiti degli editori commerciali, i quali stanno gradualmente riconvertendo in accesso aperto il tradizionale sistema basato sull’accesso chiuso (anche se la riconversione riguarda solo i contenuti e non i dati bibliometrici i quali rimangono prevalentemente ad accesso chiuso). Gli editori commerciali praticano sia l’OA a pagamento puro (riviste che vengono pubblicate per intero in OA), sia ibrido (si paga per pubblicare singoli articoli in OA in una rivista che per il resto rimane ad accesso chiuso e viene commercializzata secondo il tradizionale sistema di abbonamento). Con il modello ibrido gli editori speculano sull’OA moltiplicando i profitti e mantenendo, almeno per il momento, la maggior parte delle risorse digitali ad accesso chiuso. Non solo, l’OA a pagamento provoca anche pratiche predatorie di quegli editori senza scrupoli che speculano sul desiderio di visibilità e impatto degli scienziati.

43La formazione di studenti, scienziati, bibliotecari e personale amministrativo delle strutture accademiche e di ricerca.

44Al momento, in molte istituzioni accademiche e di ricerca manca una cultura diffusa sulla proprietà intellettuale, sulla comunicazione della scienza e sull’OS. Se si volesse davvero potenziare il ruolo delle istituzioni accademiche e scientifiche nel sistema di comunicazione occorrerebbe investire massicciamente nella formazione di tutti i membri delle istituzioni in gioco.

d) Lo sviluppo di Internet

  • 21 V., ad es., R. Darnton, Il futuro del libro [trad. di A. Bottini dell’orig. The Case for Books. Pa (...)

45Parlare di scienza aperta è discutere di Internet. Può la scienza aperta, intesa nel senso proposto in questo testo, prosperare in un tipo di Internet dominato dalle grandi piattaforme commerciali come Google e Facebook21? Il Web immaginato da Tim Berners-Lee era uno strumento di comunicazione aperto e democratico, molto differente dall’attuale assetto della Rete che accentra il potere di controllo dell’informazione in capo a pochi soggetti che non hanno tra le loro priorità il progresso della conoscenza. Senza tener conto dello sviluppo della Rete, non si può immaginare un’affermazione dell’OS.

46E ora veniamo al secondo modello di OS basato sul contrasto alle leggi sulla proprietà intellettuale e sulla disobbedienza civile. I problemi evidenziati a margine del primo modello di OS hanno indotto pensatori visionari come Aaron Swartz a promuovere una via breve all’OA. Nel famoso post intitolato «Guerrilla Open Access Manifesto» Swartz esprimeva parole di elogio nei confronti del movimento OA, ma ne metteva in evidenza anche i limiti22. Innanzitutto, il fatto che l’OA agisce per il futuro, ma non risolve il problema del controllo dell’immensa massa di materiale scientifico pubblicato nel passato da parte degli editori commerciali e ancora coperto da diritto d’autore. Prendendo le mosse dall’ingiustizia delle leggi sul copyright che consentono a imprese private di appropriarsi di un patrimonio conoscitivo che dovrebbe essere pubblico, Swartz chiamava gli scienziati, gli studenti e i bibliotecari alla disobbedienza civile e incitava a scambiarsi le password delle banche dati proprietarie, a condividere i paper scaricati a pagamento, a caricarli sulle reti «peer to peer». C’è chi ha preso sul serio l’invito del giovane scienziato informatico e ha creato estese banche dati come il già nominato portale Sci-Hub contro il quale Elsevier ed altri editori hanno mosso una battaglia basata sulla violazione dei diritti d’autore.

e) L'incoerenza delle politiche sovranazionali, statali e istituzionali

47L’OA e l’OS sono fenomeni sorti spontaneamente e, in un mondo ideale, avrebbero dovuto evolversi grazie all’impegno delle comunità dedite alle pratiche virtuose. Così non è stato e la responsabilità sta tutta sulle spalle degli scienziati, soprattutto di quelli che detengono posizioni di potere e sono in grado di orientare lo sviluppo delle istituzioni. Il sistema oligopolistico si è dimostrato molto forte e si è irrobustito nel tempo. Allora, una parte del movimento dell’OS ha pensato che ci fosse bisogno di politiche da parte di chi governa le istituzioni scientifiche (organismi sovranazionali, stati, enti finanziatori, università e società scientifiche). Queste politiche hanno avuto effetti positivi come lo sviluppo delle infrastrutture necessarie al sistema della scienza aperta. Ma soffrono di alcune controindicazioni ed effetti collaterali: burocratizzano i processi, sono disomogenee rispetto a un fenomeno per sua natura globale e sono affette da contraddizioni evidenti. Sotto quest’ultimo profilo, il rafforzamento del ruolo della comunità scientifica nel sistema di comunicazione è in contrasto con l’esaltazione delle funzioni della bibliometria e delle metriche, che accresce il potere degli intermediari commerciali e degli oligopoli della scienza. L’apertura, poi, è incompatibile con il ricorso alla proprietà intellettuale per il controllo esclusivo della conoscenza scientifica, una proprietà intellettuale, peraltro, che viene costantemente estesa dalle politiche legislative dei Paesi occidentali.

4. Le politiche dell'Unione Europea in materia di Open Science

  • 23 V. Raccomandazione della Commissione del 17 luglio 2012 sull’accesso all’informazione scientifica (...)
  • 24 Si pensi all’European Open Science Cloud (EOSC) quale parte della strategia per il Mercato Unico d (...)
  • 25 Il riferimento è in questo momento soprattutto all’Open Science Policy Platform (OSPP) https://ec. (...)
  • 26 Si allude, nemmeno a dirlo, agli Stati Uniti e in particolare al modello tenuto a battesimo per le (...)

48L’Unione Europea ha messo in atto negli ultimi anni un’ampia politica di favore verso l’OS. Ha emanato raccomandazioni nelle quali chiede agli Stati membri di sviluppare strategie per l’accesso aperto e la conservazione dell’informazione scientifica23. Ha promosso e sta promuovendo la creazione di infrastrutture tecnologiche per praticare l’OS24. Ha costituito tavoli di lavoro per coordinare le azioni in materia di OS25. Sulla scorta di precedenti modelli sviluppati in diversi Paesi occidentali26, ha applicato al proprio programma quadro di ricerca norme che impongono ai soggetti finanziati con i fondi europei di mettere in accesso aperto le pubblicazioni e i dati.

  • 27 V. il titolo III del Regolamento (UE) n. 1290/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’ 1 (...)
  • 28 V. infra cap. 5.

49Eppure tutto questo rimane insufficiente e soprattutto è in contraddizione con altre politiche dell’Unione Europea. Ad esempio, nel programma quadro H2020 si è scelto di subordinare l’OA alla decisione di non valorizzare i risultati della ricerca tramite brevetti per invenzione27. Di più, è fortemente incoerente obbligare i ricercatori a ripubblicare sugli archivi ad accesso aperto senza modificare in favore degli autori scientifici la normativa sul diritto d’autore. Da questo punto di vista, si sono mostrati più coraggiosi alcuni Paesi membri dell’Unione (Germania, Paesi Bassi, Francia, Belgio), dove le leggi sul copyright sono state modificate per conferire agli autori un diritto inalienabile e, in alcuni casi, irrinunciabile di messa a disposizione del pubblico in accesso aperto, dopo un determinato periodo di tempo dalla pubblicazione ad accesso chiuso, con riferimento ad alcune tipologie di opere scientifiche frutto di ricerche finanziate con fondi pubblici28. L’UE potrebbe prendere spunto da queste normative nazionali, per proporre una regolamentazione a livello comunitario.

50Più in generale, non si può promuovere la scienza aperta senza riformare radicalmente la proprietà intellettuale. Decenni di rafforzamento ed estensione della proprietà intellettuale hanno creato un contesto giuridico fortemente ostile al progresso della conoscenza.

5. L'Open Access a tutti i costi: OA2020 e PlanS

  • 29 R. Schimmer, K.K. Geschuhn, A. Vogler, Disrupting the subscription journals’ business model for th (...)

51Nel 2015 la Digital Library della Max Planck Society si rese promotrice dell’iniziativa OA2020, pubblicando un white paper29.

52Sul sito Web di riferimento si apprendono le finalità di OA202030:

[…] Per poter usufruire appieno dei benefici offerti da OA e consentire una trasformazione del sistema di diffusione che sia celere, efficiente e a servizio dell’accademia, il corpus di riviste accademiche esistente dovrebbe passare da un accesso ad abbonamento ad un accesso aperto. Studi recenti hanno rivelato che questo processo di transizione può essere realizzato con le risorse attualmente disponibili, senza costi aggiuntivi. Con la presente dichiarazione manifestiamo il nostro interesse verso la promozione di un’iniziativa internazionale finalizzata alla trasformazione OA delle riviste accademiche e condividiamo i seguenti punti fondamentali:
– Il nostro obiettivo è di trasformare la maggior parte delle riviste accademiche dal modello ad abbonamento alla pubblicazione OA, in conformità con le specifiche preferenze di pubblicazione di ciascuna comunità. Al tempo stesso, continuiamo a sostenere altre forme innovative di disseminazione OA.
– Perseguiremo questo obiettivo utilizzando le risorse attualmente investite in abbonamenti per fondi destinati al supporto dei modelli di business OA sostenibili. Di conseguenza, intendiamo riorganizzare il flusso dei fondi per garantire trasparenza, in termini di costi e potenziali risparmi, e per ridurre le barriere alla pubblicazione.
– Invitiamo tutte le parti coinvolte nella pubblicazione accademica, in particolare le università, gli istituti di ricerca, i finanziatori, le biblioteche e gli editori, a collaborare per consentire una transizione veloce ed efficiente a beneficio degli studiosi e della società in generale. […]

53Al momento in cui si scrive 138 istituzioni scientifiche hanno espresso interesse verso l’iniziativa.

54Tuttavia, le basi teoriche di questa politica rimangono fragili. Non si possono comparare i costi di un sistema basato sul mercato attuale (reale) degli abbonamenti a riviste ad accesso chiuso con i costi di un sistema futuro (potenziale) anfibio che si dovrebbe fondare – da quel che si capisce – in parte sul mercato delle riviste ad accesso aperto che chiedono un prezzo per la pubblicazione (c.d. Article Processing Charges o APCs) e in parte su altri modelli economici come quelli che fanno leva sull’investimento diretto delle istituzioni scientifiche no profit (università, enti di ricerca ecc.) senza far pagare agli autori o alle istituzioni di afferenza un prezzo per la pubblicazione. La verità è che nessuno è in grado di prevedere i costi dell’auspicato sistema delle riviste ad accesso aperto finché esso non sarà realizzato. In particolare, non si è in grado di prevedere le dinamiche di prezzo del mercato delle riviste ad accesso aperto che chiedono APCs per la pubblicazione. Le dinamiche di prezzo dipendono dalla struttura del mercato, la quale a sua volta dipende, nel peculiare contesto della comunicazione scientifica, dalla reputazione delle sedi editoriali e dalla valutazione. Ad esempio, se la valutazione in alcuni settori scientifici è basta su liste ordinate per fasce di qualità imposte dallo Stato – come in questo momento in Italia –, la dinamica concorrenziale relativa alle APCs subisce una distorsione.

55Sta di fatto che la rapida transizione che ci si augurava nel 2015 è ben lungi dal compiersi. I grandi editori commerciali continuano a godere di posizione di forza sul mercato e guadagnano contemporaneamente dagli abbonamenti ad accesso chiuso e dalle APCs, giungendo in alcuni casi addirittura a farsi pagare due volte per la stessa pubblicazione (c.d. effetto double dipping delle riviste ibride, cioè le riviste acquistabili con abbonamenti ad accesso chiuso ma che prevedono la pubblicazione in accesso aperto di singoli articoli a fronte del pagamento delle APCs). Di più, i grandi editori commerciali si stanno trasformando in imprese di analisi dei dati con il rischio concreto che la concentrazione del potere di mercato non venga meno ma si sposti dai contenuti (le pubblicazioni) ai servizi (l’analisi dei dati, appunto).

56Un’iniziativa connessa a OA2020 e dotata di più ampio respiro è rappresentata dal PlanS della CoalitionS31. CoalitionS è costituita da rilevanti istituzioni che finanziano la ricerca scientifica. Il PlanS punta ad accelerare il processo di transizione immaginato da OA2020. I finanziatori della ricerca si propongono di condurre i soggetti finanziati ad applicare l’accesso aperto a tutte le pubblicazioni scientifiche – con esclusione di monografie e capitoli di libri che richiedono un processo di transizione più lungo – a partire dal 2021. Il piano è articolato in dieci punti. Non è questa la sede per un’analisi dettagliata dei singoli punti. Basti rilevare che la CoalitionS si propone di preservare l’elevata qualità delle pubblicazioni scientifiche, assicurare la trasparenza del sistema di pubblicazione, garantire il pluralismo dei modelli di editoria OA nonché basare la valutazione della qualità della pubblicazione sul contenuto e non sulla sede editoriale. Le riviste ibride sono tendenzialmente bandite, a meno che il ricorso al modello ibrido non rientri in un contratto tra editore e istituzione finanziata «trasformativo», cioè che sia nel tempo destinato a trasformarsi da abbonamento ad accesso chiuso a sistema editoriale ad accesso aperto.

  • 32 Non scioglie il nodo la guida esplicativa: «Rights and licensing: The author or the author´s insti (...)
  • 33 V. la parte III infra.

57L’errore di fondo di queste iniziative sta nel considerare l’attuale assetto della legge sul diritto d’autore come un dato acquisito e immutabile. Come rilevato nel precedente paragrafo a proposito delle politiche dell’Unione Europea, l’obbligo di pubblicare in accesso aperto imposto dai finanziatori riuniti nella CoalitionS limita la libertà di pubblicazione dell’autore. Infatti, l’autore è obbligato a pubblicare in una rivista o in una piattaforma OA o, ancora, a depositare immediatamente – senza periodo d’embargo – in un archivio ad accesso aperto quanto pubblicato in accesso chiuso. Può verificarsi che la sede editoriale che sarebbe, a giudizio dell’autore, preferibile, non sia una rivista ad accesso aperto e nello stesso tempo non consenta la ripubblicazione immediata in un archivio ad accesso aperto. In questo caso, l’autore sarà forzato a indirizzarsi verso una rivista ad accesso aperto (o una piattaforma) che non avrebbe altrimenti scelto. Il principio 1 che impone (o raccomanda?) agli autori e alle loro istituzioni di afferenza di mantenere i diritti patrimoniali d’autore sulla pubblicazione presuppone che l’autore goda di piena libertà contrattuale nei confronti dell’editore, cosa che evidentemente non è: l’autore è la parte debole del contratto32. D’altra parte, il riferimento all’istituzione di appartenenza – che in teoria sarebbe dotata di maggior potere contrattuale – presuppone, in capo alla stessa istituzione, o una titolarità primaria (contraria alla libertà accademica dell’autore33) o secondaria (in base a un meccanismo di licenza o cessione dei diritti patrimoniali d’autore) la quale guarda evidentemente solo ad autori afferenti a istituzioni, tagliando fuori i ricercatori indipendenti. Con il principio 10 i finanziatori della CoalitionS si impegnano a valutare il merito intrinseco della pubblicazione e non la sede editoriale (ad esempio, attraverso metriche come l’Impact Factor). Principio inattaccabile in teoria, ma difficile da mettere in pratica nel breve (e forse anche nel medio) periodo.

58Senza una modifica a monte della legge sul diritto d’autore qualsiasi obbligo di pubblicare in accesso aperto si traduce inevitabilmente in una limitazione della libertà scientifica dell’autore.

6. I piani nazionali sulla scienza aperta: cenni

59In alcuni Paesi si stanno elaborando piani nazionali sulla scienza aperta. Esempi vicini di questo approccio sono rappresentati dai piani nazionali olandese e francese34.

60L’idea di elaborare politiche nazionali con piani di azioni concrete e obiettivi misurabili è sensata, se si pensa che la scienza aperta non ha la forza di affermarsi autonomamente e in tempi non troppo dilatati. Tuttavia, un punto cruciale concerne ancora una volta quale concezione si ha del concetto di apertura.

61Se il piano nazionale è uno strumento finalizzato a investire risorse nel sistema, a coordinare le iniziative sorte spontaneamente in singole istituzioni all’interno del Paese dando loro strumenti di visibilità e a vagliare nel tempo l’evoluzione dei risultati raggiunti, allora i piani nazionali offrono opportunità di crescita per la scienza aperta intesa come scienza pubblica e democratica.

62Se, all’opposto, il piano nazionale mira a ingabbiare la scienza aperta nel meccanismo valutativo che accentra il potere decisionale e che mette la ricerca al servizio del mercato, dispensando premi e punizioni a istituzioni finanziate e ricercatori, allora non di scienza aperta – al di là delle etichette di facciata – si sta parlando.

63In Italia dove, per le ragioni che saranno meglio approfondite nella parte II, la valutazione di Stato appare un sistema dilagante, il rischio che un piano nazionale sulla scienza aperta diventi ingranaggio della macchina valutativa è più realistico che in altri Paesi.

64Per concludere sul punto, un piano nazionale che sia animato dalla volontà di dischiudere spazi di autonomia e libertà per i ricercatori non può prescindere da una visione della legge sul diritto d’autore.

Notes

1 V., ad es., M. Nielsen, Le nuove vie della scoperta scientifica. Come l’intelligenza collettiva sta cambiando la scienza [trad. di S. Bourlot], Torino, Einaudi, 2012; A. Delfanti, Biohacker. Scienza aperta e società dell’informazione, Milano, Elèuthera, 2013; S. Bartling, S. Friesike (eds.), Opening Science. The Evolving Guide on How the Internet is Changing Research, Collaboration and Scholarly Publishing, Cham-Heidelberg-New York-Dordrecht-London, Springer, 2014; E.R. Gold, Accelerating Translational Research through Open Science: The Neuro Experiment, in PLoS Biol (2016) 14(12): e2001259. doi:10.1371/journal.pbio.2001259; A. Kapczynski, Order Without Intellectual Property Law: Open Science in Influenza, in Cornell Law Review, Vol. 102, No. 6, 2017, Yale Law School, Public Law Research Paper No. 623, https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=3066162; S. Leonelli, La ricerca scientifica nell’era dei Big Data. Cinque modi in cui i Big Data danneggiano la scienza, e come salvarla, Milano, Meltemi, 2018, 23 ss.; B. Rentier, Science Ouverte, le défi de la transparence, Brussels, Académie Royale de Belgique, 2018.

2 J. Willinsky, The Access Principle. The Case for Open Access to Research and Scholarship, Cambridge (MA), The MIT Press, 2006; P. Suber, Open Access, Cambridge (MA), The MIT Press, 2012, https://mitpress.mit.edu/sites/default/files/9780262517638_Open_Access_PDF_Version.pdf

3 S. Harnad, Post-Gutenberg Galaxy: The Fourth Revolution in the Means of Production of Knowledge, 1991, http://cogprints.org/1580/

4 I. Kant, Risposta alla domanda: che cos’è l’illuminismo? [trad. di F. Di Donato, supervisione di M.C. Pievatolo, dall’orig. Beantwortung der Frage: Was ist Aufklärung? in Berlinische Monatsschrift, 04 (Dezember) 1784], 481, in Bollettino Telematico di Filosofia Politica, http://btfp.sp.unipi.it/dida/kant_7/ar01s04.xhtml#a037; M.C. Pievatolo, I padroni del discorso. Platone e la libertà della conoscenza, Pisa, Edizioni PLUS, 2003 http://bfp.sp.unipi.it/ebooks/mcpla.html; F. Di Donato, La scienza e la rete. L’uso pubblico della ragione nell’età del Web, Firenze, Firenze University Press, 2009, http://www.fupress.com/archivio/pdf/3867.pdf

5 R.K. Merton, Science and Technology in a Democratic Order, in Journal of Legal and Political Sociology, 1, 115, 1942; P. Rossi, La nascita della scienza moderna in Europa, Roma-Bari, Laterza, 2007, 26-34; P. David, The Historical Origins of «Open Science». An Essay on Patronage, Reputation and Common Agency Contracting in the Scientific Revolution, Stanford SIEPR Discussion Papers 06-038, December 2007: https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2209188; M.L. Villa, Scienza è democrazia. Come funziona il mondo della ricerca [con postfazione di P. Greco], Milano, Guerini e Associati, 2018, 47 ss.

6 C. Hess, E. Ostrom, A Framework for Analyzing the Knowledge Commons, in C. Hess, E. Ostrom (eds.), Understanding Knowledge as a Commons. From Theory to Practice, Cambridge (Ma), London (England), The MIT Press, 2007, 41.

7 Questa sembra la visione della Commissione UE (almeno della Commissione Junker e del commissario Moedas). V. European Commission, Open Innovation, Open Science, Open to the World. A vision for Europe, Luxembourg, Publications Office of the European Union, 2016.

8 H. Chesbrough, Open Innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology, Boston (MA), Harvard Business School Press, 2003.

9 Suber, Open Access, cit., 1 ss., spec. 4.

10 L. Lessig, Free culture: How big media uses technology and the law to lock down culture and control creativity, New York, Penguin, 2004, 282 ss., http://www.free-culture.cc/freeculture.pdf

11 R.M. Stallman, Free Software, Free Society. Selected Essays of Richard M. Stallman, II ed., Free Software Foundation, Boston (MA), 2010, https://archive.org/details/FreeSoftwareFreeSociety-SelectedEssaysOfRichardM.Stallman2nd

12 Il celeberrimo manifesto di questa politica è rappresentato dal rapporto commissionato dal presidente Roosvelt a Vannevar Bush. Nelle pagine del suo rapporto Bush insisteva sul fatto che la nuova conoscenza può essere prodotta solo attraverso una robusta ricerca di base copiosamente finanziata dallo Stato. Questo impegno dello Stato doveva condurre, attraverso il potenziamento di college, università̀ e istituti di ricerca, a formare un’estesa classe di giovani scienziati. I frutti della ricerca di base, non protetti da segreti militari, dovevano essere resi pubblici e disponibili al mondo. Sullo Stato sarebbe ricaduta la responsabilità̀ di alimentare costantemente la ricerca di base mentre alle industrie sarebbe toccato sviluppare la ricerca applicata attingendo al sapere pubblico e reclutando gli scienziati formati nei college e nelle università̀: V. Bush, Manifesto per la rinascita di una nazione. Scienza, la frontiera infinita [trad. dall’orig. Science The Endless Frontier - A Report to the President by Vannevar Bush, Director of the Office of Scientific Research and Development, July 1945 (United States Government Printing Office, Washington: 1945), www.nsf.gov/od/lpa/nsf50/vbush1945.htm], con introduzione di P. Greco, Torino, Bollati Boringhieri, 2013.

13 J.C. Guédon, La lunga ombra di Oldenburg: i bibliotecari, i ricercatori, gli editori e il controllo dell’editoria scientifica [trad. di M.C. Pievatolo M.C., Casalini B., F. Di Donato, dall’orig. In Oldenburg’s Long Shadow: Librarians, Research Scientists, Publishers, and the Control of Scientific Publishing, Association of Research Libraries, 2001, http://www.arl.org/storage/documents/publications/in-oldenburgs-long-shadow.pdf], Bollettino Telematico di Filosofia Politica, http://eprints.rclis.org/5636/1/oldenburg.htm

14 J.H. Reichman, R. Okediji, When Copyright Law and Science Collide: Empowering Digitally Integrated Research Methods on a Global Scale, in Minnesota Law Review, Vol. 96, No. 4; Minnesota Legal Studies Research Paper 12-54, 2012, SSRN: http://ssrn.com/abstract=2149218

15 R. Caso, La scienza aperta contro la mercificazione della ricerca?, in Riv. critica dir. privato, 2016, 243, working paper La scienza aperta contro la mercificazione della ricerca accademica?, The Trento Law and Technology Research Group. Research Papers Series; nr. 28, 2016, Trento, http://hdl.handle.net/11572/142760

16 Lessig, Free culture, cit.; J. Boyle, Public Domain. Enclosing the Commons of the Mind, New Haven & London, Yale University Press, 2008, http://thepublicdomain.org/thepublicdomain1.pdf

17 In ambito europeo v. l’art. 7 della Direttiva 96/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 marzo 1996, relativa alla tutela giuridica delle banche di dati e l’art. 6 della Direttiva 2001/29/CE del Parlamento e del Consiglio del 22 maggio 2001 sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione.

18 M. Weber, La scienza come professione, in Id., Il lavoro intellettuale come professione. Due saggi [trad. di A. Giolitti dall’orig. Politik als Beruf, Wissenschaft als Beruf, Berlin], 1919, Torino, Giulio Einaudi editore, 1966, 4.

19 V., ad es., E. Schrecker, The Lost Soul of Higer Education, Corporatization, The Assault on Academic Freedom, and the End of American University, New York-London, The New Press, 2010; H. Radder (ed.), The Commodification of Academic Research, Pittsburgh Pa., University of Pittsburgh Press, 2010; nella letteratura italiana v. D. Borrelli, Contro l’ideologia della valutazione. L’ANVUR e l’arte della rottamazione dell’università, Milano, Juvence, 2015; F. Bertoni, Universitaly. La cultura in scatola, Roma-Bari, Laterza, 2016; J.C. De Martin, Università futura. Tra democrazia e bit, Torino, Codice edizioni, 2017, spec. 47 ss.

20 B. Bodó, Pirates in the Library. An Inquiry into the Guerilla Open Access Movement (July 6, 2016). Paper prepared for the 8th Annual Workshop of the International Society for the History and Theory of Intellectual Property, CREATe, University of Glangaow, UK, July 6-8, 2016., SSRN: https://ssrn.com/abstract=2816925 or http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.2816925

21 V., ad es., R. Darnton, Il futuro del libro [trad. di A. Bottini dell’orig. The Case for Books. Past, Present and Future, 2009], Milano, Adelphi, 2011, 23 ss.

22 A. Swartz, Guerilla Open Access Manifesto, Eremo, Italy, 2008, https://archive.org/stream/GuerillaOpenAccessManifesto/Goamjuly2008_djvu.txt

23 V. Raccomandazione della Commissione del 17 luglio 2012 sull’accesso all’informazione scientifica e sulla sua conservazione (2012/417/UE) sostituita dalla Raccomandazione (UE) 2018/790 della Commissione del 25 aprile 2018 sull’accesso all’informazione scientifica e sulla sua conservazione.

24 Si pensi all’European Open Science Cloud (EOSC) quale parte della strategia per il Mercato Unico digitale: https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/european-open-science-cloud

25 Il riferimento è in questo momento soprattutto all’Open Science Policy Platform (OSPP) https://ec.europa.eu/research/openscience/index.cfm?pg=open-science-policy-platform

26 Si allude, nemmeno a dirlo, agli Stati Uniti e in particolare al modello tenuto a battesimo per le politiche di public access dei National Institutes of Health (NIH).

27 V. il titolo III del Regolamento (UE) n. 1290/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’ 11 dicembre 2013 , che stabilisce le norme in materia di partecipazione e diffusione nell’ambito del programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) - Orizzonte 2020 e che abroga il regolamento (CE) n. 1906/2006.

28 V. infra cap. 5.

29 R. Schimmer, K.K. Geschuhn, A. Vogler, Disrupting the subscription journals’ business model for the necessary large-scale transformation to open access. A Max Planck Digital Library Open Access Policy White Paper, 2015, doi:10.17617/1.3, http://hdl.handle.net/11858/00-001M-0000-0026-C274-7

30 https://oa2020.org/

31 https://www.coalition-s.org/

32 Non scioglie il nodo la guida esplicativa: «Rights and licensing: The author or the author´s institution shall retain their copyright. Licenses to publish that are granted to a publisher must allow the author/institution to make either the Version of Record (VoR), the Author’s Accepted Manuscript (AAM), or both versions available under an open license (as defined below) via an Open Access repository, immediately upon publication.
Where possible, cOAlition S members will ensure by way of funding contracts or agreements that the authors or their institutions retain copyright as well as the rights that are necessary to make a version (either the VoR, the AAM, or both) immediately available under an open license (as defined below). To this end, cOAlition S will develop or adopt a model ‘License to Publish’ for their grantees.
The public must be granted a worldwide, royalty-free, non-exclusive, irrevocable license to share (i.e., copy and redistribute the material in any medium or format) and adapt (i.e., remix, transform, and build upon the material) the article for any purpose, including commercial, provided proper attribution is given to the author. cOAlition S recommends using Creative Commons licenses (CC) and requires the use of the Creative Commons Attribution (CC BY) 4.0 license by default. The following exceptions apply:
– cOAlition S will, as secondary alternatives, accept the use of the CC BY-SA 4.0 license, and use of the public domain dedication, CC0.
– cOAlition S members may approve the use of the CC BY-ND license for individual articles, provided that this is explicitly requested and justified by the grantee.
– Third-party content included in a publication (for example images or graphics) is not affected by these requirements».

33 V. la parte III infra.

34 V. Nei Paesi Bassi il «National Plan Open Science» https://www.openscience.nl/en/national-platform-open-science/national-plan-open-science; in Francia «Le Plan national pour la science ouverte: les résultats de la recherche scientifique ouverts à tous, sans entrave, sans délai, sans paiement» del 2018, https://cache.media.enseignementsup-recherche.gouv.fr/file/Actus/67/2/PLAN_NATIONAL_SCIENCE_OUVERTE_978672.pdf

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search