Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Appendici

D – Capitolo 9: le risposte degli editori

Texte intégral

40kITA

Perché per una casa editrice è importante usare Twitter?

Il digitale ridisegna il ruolo dell’editore: se fino a ieri i suoi principali interlocutori sono stati il distributore e la libreria, oggi – grazie al web – si trova direttamente davanti al lettore. Internet è il nuovo spazio dove il lettore incontra il libro e Twitter è uno degli strumenti che l’editore può utilizzare per farsi conoscere e favorire questo incontro.

Quanto Twitter è utile nell’attività promozionale di una casa editrice?

Una strategia di comunicazione online e di web-marketing mirata è indispensabile per ritagliarsi una fetta del mercato digitale, anche perché l’attività online dell’editore ha un’influenza diretta sulla findability dei propri titoli. Twitter è uno degli strumenti che l’editore ha a disposizione per comunicare novità e promozioni e per coinvolgere direttamente il lettore nelle sue iniziative, tramite giveaway, recensioni e passaparola. L’importante è che il canale Twitter non si riduca a uno stream di spot autoreferenziali.

Come dovrebbe una casa editrice usare Twitter?

I lettori digitali sono attivi online, anche perché molti degli e-reader offrono la possibilità di leggere restando sempre connessi alla rete. La discussione sul libro è al centro della community dei lettori e costruisce uno spazio virtuale la cui architettura è governata da regole dettate dal basso. L’editore non deve far altro che entrare a far parte di questa community, ascoltarne le richieste, le esigenze e i suggerimenti, quindi mettersi in gioco in prima persona ed essere propositivo: 40k grazie a Twitter condivide con i suoi lettori contenuti coerenti con la sua linea editoriale, dalle notizie riguardanti generi e autori fino agli aggiornamenti su tecnologia e cultura digitale.

Edizionieo

Perché per una casa editrice è importante usare Twitter?

Perché una casa editrice deve arrivare dritta al cuore del suo pubblico, conoscerlo e ascoltarlo. Twitter è uno strumento di comunicazione formidabile, con la sua immediatezza e velocità stimola il dibattito e lo scambio, arricchendoci e mettendoci a confronto con le voci critiche e le voci più entusiaste. Entrambe le cose sono preziosissime per il nostro lavoro: su Twitter abbiamo trovato una comunità di lettori consapevoli molto più forte e numerosa di quanto ci saremmo aspettati, non meri consumatori di narrativa ma persone diversissime tra loro accomunate dalla coscienza di rappresentare un interlocutore imprescindibile per chi voglia far conoscere nuove voci e raccontare la migliore letteratura. Soprattutto, per noi è importante usare Twitter perché ci divertiamo un mondo. A volte dimentichiamo di rappresentare una casa editrice e ci entusiasmiamo per le nostre letture o per l’ultima bozza del nuovo romanzo.

Quanto Twitter è utile nell’attività promozionale di una casa editrice?

Twitter ha rappresentato per noi la dimostrazione che l’attività promozionale deve comunicare la nostra passione per quello che facciamo e per i libri che proponiamo. Abbiamo a che fare con un pubblico estremamente smaliziato, gente che legge una ventina o più di libri ogni anno e ha maturato una naturale diffidenza per le tecniche di marketing. Persone sempre meno attratte da roboanti fascette e paragoni azzardati, che vivono la letteratura con una profonda capacità di critica. Sanno capire se l’ultima novità ti ha entusiasmato davvero. Attraverso Twitter ci rivolgiamo ai nostri lettori come faremmo con i nostri amici, consigliando l’ultimo libro che ci ha emozionato e cercando di far capire cosa ci ha spinto a pubblicarlo.

Come dovrebbe una casa editrice usare Twitter?

Non credo alle ricette universali né alle best practices. Ogni casa editrice è presente su Twitter con una propria voce e una propria personalità; ma dietro ogni logo si percepisce una persona, un lettore che ha fatto della propria passione un lavoro e che non si stancherebbe mai di parlarne. A volte non sembra nemmeno un lavoro.

Quodlibet_

Perché per una casa editrice è importante usare Twitter?

La parola scritta, che è il cuore del lavoro editoriale, è anche al centro della comunicazione su Twitter (più delle immagini, video, app. ecc.). Una corrispondenza che mette le case editrici in una condizione speciale rispetto ad altre aziende e società. In questo senso la coerenza, nei modi e nei contenuti, tra ciò che si scrive su Twitter e ciò che si pubblica nei libri, è un elemento essenziale di credibilità.

Quanto Twitter è utile nell’attività promozionale di una casa editrice?

Non abbiamo sufficienti dati per una risposta di tipo quantitativo, certo Twitter è un modo divertente e agile per suscitare interesse e consolidare l’attenzione dei lettori.

Come dovrebbe una casa editrice usare Twitter?

Offrire contenuti qualitativamente significativi, non appiattirsi sulla pubblicità dei propri prodotti, rilanciare iniziative culturali di valore, dialogare con i lettori e saper ascoltare.

Isbnedizioni

Perché per una casa editrice è importante usare Twitter?

Per Isbn, in questo momento, è fondamentale usare Twitter per comunicare con i lettori e per ricevere importanti feedback. L’apertura dell’account su Twitter risale più o meno al febbraio-marzo 2010. Da allora abbiamo twittato 3348 volte (aggiornato al 23 settembre), seguiamo 406 account e abbiamo 2567 followers. Nell’ultimo anno la nostra attività su Twitter è aumentata in modo considerevole, in più abbiamo collegato anche altri social all’account (Facebook, aNobii, YouTube) che ci permettono di twittare in media 10-15 volte al giorno. Trovo che Twitter sia un social network molto importante, forse il canale più utile per essere informato sulle attività delle altre case editrici e per dare notizie sulle nostre attività: i 140 caratteri non sono per nulla vincolanti, anzi aiutano ad essere sintetici, immediati e convincenti.

Quanto Twitter è utile nell’attività promozionale di una casa editrice?

La modalità di interazione one-to-one o via DM permette di parlare direttamente agli utenti/lettori, riuscendo a intavolare una serie di conversazioni molto interessanti e a fare un’ottima attività di PR e condivisione di informazioni. Alle volte si trasforma in uno strumento di marketing diretto (molti casi di libri comprati dai lettori dopo aver chiacchierato su Twitter), molte altre ancora ci permette di ricevere suggerimenti, consigli e commenti dai lettori, su libri specifici o sull’attività futura.

Come dovrebbe una casa editrice usare Twitter?

Non credo ci sia una ricetta precisa: dipende dalla casa editrice, dall’immagine che vuole dare all’esterno e dal tempo che si può dedicare al mezzo. Credo che però siano quattro i consigli fondamentali per qualsiasi casa editrice che voglia avvicinarsi a Twitter: 1) essere sinceri e rispondere a tutti 2) dire cose interessanti, dirle nel modo giusto 3) cercare di non essere (troppo) autoreferenziali 4) una volta aperto, non abbandonare mail l’account.

Apogeonline

Perché per una casa editrice è importante usare Twitter?

Dare una risposta generica per tutte le case editrici è molto complesso: Twitter è solo uno dei tanti canali a disposizione dell’editore nella comunicazione online e il suo ruolo deve essere integrato all’interno di una più ampia strategia di comunicazione in Rete. Ogni editore, quindi, a seconda del proprio pubblico di lettori e dei propri obiettivi utilizza Twitter in modo diverso.

Quello che posso fare è darti il nostro, parziale, punto di vista.

Per Apogeo la Rete è l’ecosistema attraverso il quale fare incontrare i libri con i lettori e Twitter è in primo luogo questo: un canale e un network di comunicazione in tempo reale attraverso il quale da un lato suggerire ai lettori cose interessanti, dall’altro raccogliere feedback, idee, suggerimenti, notizie e far circolare la cultura e le idee. Ma non solo. Twitter per noi è anche un canale attraverso il quale valorizzare il lavoro dei nostri autori, mettendoli in contatto diretto con altri autori, giornalisti, blogger e lettori. In definitiva, Twitter, con la sua community di utenti iperattivi, informati, connessi, diventa così a volte uno strumento di ricerca a volte una community altre volte un canale per distribuire velocemente notizie, novità e aggiornamenti. Uno spazio per diminuire la distanza tra redazione, autori, libri e lettori.

Quanto Twitter è utile nell’attività promozionale di una casa editrice?

Per Apogeo Twitter è sicuramente molto importante, perché il nocciolo duro dei nostri lettori abita la Rete con naturalezza e si trova a suo agio con gli strumenti di comunicazione che la Rete offre. Ma parlarne in termini di “attività promozionale” può essere fuorviante. Quello che proviamo a fare, attraverso questo e gli altri canali online, è dare “valore” ai nostri lettori. E valore può essere sì, un accesso privilegiato a anteprime, coupon promozionali, offerte commerciali, ma anche e soprattutto contenuti e informazioni utili.

Come dovrebbe una casa editrice usare Twitter?

Ho provato a raccontarti come Apogeo prova a usare Twitter, ma non mi sento di generalizzare. Spero di esserti comunque stata utile :).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search