Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Appendici

C – Capitolo 8: le risposte degli addetti ai lavori

Texte intégral

Luca Lorenzetti

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Secondo me non è necessario fare una scelta di campo. Dipende molto dall’uso che se ne vuole fare: se si vuole investire del tempo per animare la community dei propri lettori, credo sia bene concentrarsi su uno solo dei due, altrimenti può essere molto impegnativo.

aNobii ha dalla sua una maggiore popolarità in Italia, anche se Goodreads sta prendendo lentamente piede. Per le case editrici italiane interessate a un pubblico anglofono, ad esempio, Goodreads non è da sottovalutare.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Le prime cose che mi vengono in mente: per avere un’opinione di prima mano sui propri libri da parte dei lettori, per creare community, per aggregare persone attorno a temi specifici che vengono trattati all’interno dei libri. Goodreads ha delle ottime features che incentivano le persone a discutere attorno ai libri e agli argomenti in essi trattati. Anche aNobii ha i suoi gruppi, ma Goodreads mi sembra più articolato in questo senso.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Il loro peso non è da valutare in termini di promozione, quanto piuttosto in termini di aggregazione del proprio pubblico attorno ai libri e ai loro autori, attorno a interessi comuni o argomenti specifici.

L’uso dei social network a mio avviso rientra nell’ottica del creare valore attorno ai propri prodotti (in questo caso i libri) e del fidelizzare i propri utenti. La vendita in questo caso non è un obiettivo diretto, bensì una conseguenza.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Una delle politiche che mi piacerebbe fosse adottata in modo più diffuso dalle case editrici è l’invito ai propri autori a essere presenti su questi (e altri) social network, creando un profilo e un contatto diretto con i propri lettori. Una delle cose che ad esempio mi piacciono di Goodreads è la possibilità di creare una pagina per l’autore, che di fatto è pensata come un aggregatore di tutte le sue attività, sia all’interno del social network stesso che più in generale in Rete.

Marco Freccero

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Dal punto di vista di una casa editrice (o di un autore) la risposta migliore arriverà dopo aver dato un’occhiata alla facilità di uso, all’interfaccia, alla popolarità di entrambe. Ma soprattutto alle funzioni che riservano. aNobii ha avuto problemi di velocità e caricamento tali da indurre alcuni utenti a passare al concorrente. Goodreads svela una natura più “partecipativa”. Soprattutto, quest’ultimo offre una serie di soluzioni per l’autore che desidera promuovere da sé i propri libri, e creare attorno al proprio nome un “ecosistema”.

Quando Goodreads offrirà un’interfaccia completamente localizzata in italiano e l’importazione dei libri da aNobii sarà efficiente (al momento non lo è, troppi titoli restano fuori: nel mio caso ben 130, importati con l’opzione migliore, quella .csv), diventerà la piattaforma vincente.

Se si inizia da zero invece, consiglio senza dubbio Goodreads. A meno di rivolgimenti, aNobii rischia un lento declino.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Credo che la casa editrice debba scegliere o l’una o l’altra; il tempo è denaro ed è inutile sprecarlo su tante piattaforme. Meglio scegliere la più efficiente, e lavorare duro su quella. E la scelta giusta credo sia Goodreads.

È importante evitare l’errore di considerare queste soluzioni una semplice vetrina, da usare perché c’è un libro da promuovere. Di solito le case editrice agiscono così, salvo poi abbandonare dopo qualche mese la pagina creata (che sia su un blog o Facebook, non fa differenza).

Prima di agire, domandarsi seriamente:

1) Sappiamo che occorre tempo, e che il dialogo coi lettori deve essere reale?

2) Abbiamo le risorse e la costanza di “durare”?

3) Siamo consapevoli che non si tratta solo di una vetrina, ma di creare una conversazione tra noi e i lettori, tra l’autore e i suoi lettori?

4) Come gestire i malumori, le critiche dure e legittime, i troll e in genere le provocazioni (possono sempre accadere, ed è bene adottare una strategia prima, soprattutto se a gestire la faccenda ci sono più persone)?

5) Che cosa vogliamo ottenere veramente?

L’ultima domanda (che dovrebbe essere la prima), è la più importante. Se uno vuole vendere e basta, d’accordo. Però è inutile raccontare altro, e non c’è nulla di male a essere schietti. Basta appunto evitare di far credere: è sempre meglio essere sé stessi, anche in modo brutale, senza tanti giri di parole. Trasparenza e onestà sono gli ingredienti che conducono altrove.

Sul web la reputazione di un marchio che si mette in gioco (su Twitter o altrove), è più vulnerabile. Se sono il Signor Nessuno, le figuracce saranno mie e ne farò tesoro. Se sono un editore, peseranno il doppio: perché ho un nome, e le risorse per avere (in teoria) i migliori “consiglieri” sulla piazza, non mi mancano di certo.

Dopo che si è risposto a queste domande, il resto è discesa (non è vero, però è bello crederlo). Occorre ricordare che il web è composto da persone, non numeri. Ecco, l’editore dovrebbe esserci proprio per questo: per le persone.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Se esiste un settore imprevedibile è proprio l’editoria. Per quanti calcoli e strategie si mettano in campo, alla fine il caso, il passaparola faranno il grosso del lavoro. Purché la qualità del libro esista; se il libro fa schifo non andrà lontano.

Al momento, buona parte delle attività di una casa editrice sono volte a promuovere i soliti noti. Scegliere Goodreads e gli altri network sociali, e un loro utilizzo intelligente, offrirà alla casa editrice l’opportunità di mostrare ai lettori, i talenti su cui sta investendo. I costi sono contenuti o addirittura zero, ma attenzione. L’attività promozionale di una casa editrice non può essere un modo differente di piazzare il prodotto-libro; bensì di aiutare i lettori a scoprire il bene-libro.

Se la casa editrice (grande o piccola che sia), comprende che è questa la posta in palio, e accetta la rivoluzione copernicana che comporta (da prodotto-ibro a bene-libro), i vantaggi saranno tangibili e duraturi. Altrimenti, meglio un paginone sul “Corriere della Sera” (se si hanno i soldi per farlo, si capisce…).

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Con intelligenza? Che ovvietà! È vero, però spesso i grandi marchi (e i piccoli non sono da meno), commettono tali e tanti errori che veramente si è portati a chiedersi: ma il buonsenso? L’intelligenza?

Non si tratta affatto di sbarcare su Goodreads o altrove perché così fanno tutti. Ma di decidere di andarci per un obiettivo preciso: lì ci sono delle persone, e abbiamo voglia di conversare con loro.

Naturalmente, questo può sembrare un discorso aulico, di chi fa finta di ignorare come l’editoria sia soprattutto un’industria con fatturati e bollette da pagare (e magari qualche stipendio).

Proprio perché è anche (o soprattutto?) un’industria, è bene che l’editoria comprenda che un certo modo di concepire il libro sta tramontando. Ci saranno sempre i best-seller estivi questo mi pare ovvio, solo che saranno anche in edizione digitale, oltre a quella cartacea. Ma accanto a questo ambito si sta spalancando un oceano di opportunità che senza fretta, e usate a dovere, possono portare risultati interessanti e inattesi.

Intelligenza significa: conversare. E poi: Persone, non numeri. Infine: il libro è un bene.

I problemi non mancheranno e neppure le difficoltà: ma superarle a questo punto potrebbe essere perfino divertente.

Mauro Sandrini

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Tutti e due. Senza alcun dubbio.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Francamente non so rispondere. Secondo me è l’autore che deve usarli in prima persona in modo da permettere un rapporto diretto con la propria comunità di lettori.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Questi social network sono tanto più utili quanto più gli autori della casa editrice partecipano come promotori della conversazione fra i propri lettori. In questo caso la casa editrice si avvantaggia del lavoro, gratuito, che i propri autori fanno in rete. Dovrebbe essere contrattualizzato probabilmente.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

La casa editrice dovrebbe “formare” gli autori che sono ancora renitenti ad adottare questi mezzi.

Davide Giansoldati

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Direi nessuno dei due... Goodreads ha pochissimi italiani e un database di libri italiani scandaloso. Potrebbe avere le carte in regola per superare aNobii, ma sembra procedere con il freno a mano tirato. aNobii è pratico, ma lento: lenti i tempi di risposta alle mail, lento il sito e la grafica è sorpassata. Se devo scegliere tra i due opterei per aNobii, al momento attuale è l’unica soluzione.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

È importante per capire cosa pensano i lettori dei propri libri e aprire un dialogo costruttivo.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Poco e niente. Di fatto, non essendoci delle vere e propie fan page, i forum a tema “libro X” o “casa editrice Y” non sempre sono seguiti dalla casa editrice, spesso sono frutto di fan che partono bene ma non tengono nella resistenza. Ci sono su aNobii migliaia di gruppi morti. Su Goodreads non ho nemmeno cercato se ci sono i gruppi: la mia sensazione è che la presenza di italiani sia minuscola.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

In realtà per come sono adesso non dovrebbe usarli. Io ho tra i miei clienti diverse case editrici e cosa possono fare? Si creano un profilo casa editrice, aggiungono i libri ma... a cos’è utile per un utente?

A nulla... giusto a sapere se esce un libro... La shoutbox è inutile per una casa editrice e un forum cattura comunque pochi utenti.

Elisa Sanacore

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

aNobii è orientato sui lettori italiani, Goodreads sui lettori di lingua inglese, anche se sta aumentando la sezione di titoli in lingua italiana. Quindi la scelta di utilizzare uno piuttosto che l’altro dipende dalla linea editoriale di una determinata casa editrice.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Perché può avere un’indicazione, una tra le tante, sulle letture e sulle opinioni dei lettori.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Come sempre, nell’attività promozionale è opportuno sfruttare qualsiasi strumento si ha a disposizione, poiché non esiste per principio uno strumento migliore di altri, almeno nel campo dell’editoria, dove le valutazioni sui libri si basano sulle opinioni e non su parametri scientifici.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Con onestà, direi. Una casa editrice dovrebbe assumere una posizione di osservatore, dovrebbe semplicemente leggere e analizzare ciò che i lettori scrivono riguardo certi titoli e le scelte di lettura che fanno.

Quelli meno onesti, nel caso ci fossero, sono quelli invece che intervengono direttamente orientando le opinioni, a volte direttamente o altre celandosi dietro un nickname.

Cecilia Nono

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Soprattutto se lo scopo è “professionale”, perché non tutti e due?

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Il grande editore ha modo di ottenere un feedback sincero sulle proprie pubblicazioni e su quelle di altri editori, dal momento che molti utenti recensiscono i libri che hanno letto senza filtri. Per il piccolo editore, a ciò si aggiunge la possibilità di far conoscere il proprio catalogo investendo tempo, ma non denaro.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

È un po’ come per Facebook: se usato bene, può essere uno strumento potente, ma in ogni caso l’importante è prima di tutto esserci. Come strumento in sé non consente forse una ampia gamma di operazioni, e non nasce specificamente come mezzo di autopromozione, ma certo non avere un profilo aNobii per un editore è di per sé controproducente, nella misura in cui anche un solo utente lo abbia cercato invano.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Registrare le proprie pubblicazioni, stimolare (e monitorare) recensioni e commenti, frequentare i gruppi correlati alla propria linea editoriale evitando di configurare i propri interventi sotto forma di pubblicità, ma piuttosto intervenendo sugli argomenti di discussione come farebbe un qualsiasi utente, in modo da generare interesse e autorevolezza. C’è poi la pubblicità vera e propria a pagamento, ma ho l’impressione che ciò sia percepito in maniera negativa dagli utenti.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search