Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Appendici

B – Capitolo 8: le risposte degli editori

Texte intégral

Iperborea Edizioni

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Iperborea è su aNobii dal 2008 e non è registrata su Goodreads, perché finora non ha raggiunto un ampio pubblico in Italia.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Sono comunità molto attive e vivaci che riuniscono appassionati di libri e lettori forti, che sono il nostro pubblico. Ci interessa molto sapere cosa pensano i lettori delle nostre pubblicazioni e far sapere a quelli che ci seguono le novità della casa editrice.

Inoltre ci permettono di tenere d’occhio i titoli più apprezzati e più commentati. Si tratta di un feedback – sebbene limitato a un certo tipo di pubblico (tendenzialmente più giovane della media dei lettori) – molto importante, perfino al momento di importanti scelte editoriali come quando, per dire, si tratta di decidere una ristampa. È successo con Paradiso e inferno dell’islandese Jón Kalman Stefánsson: è un libro meraviglioso ma non facile, e dovevamo decidere se fare una ristampa veloce e scommettere su quel titolo o no. Siamo andati su aNobii e abbiamo visto un profluvio di commenti entusiasti e una media di 5 stelle. L’abbiamo ristampato subito. E ora è tra i libri più venduti di quest’anno, grazie al passaparola, e siamo convinti che aNobii c’entri qualcosa.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Molto utili per i motivi detti sopra, essenzialmente. A un piccolo editore in particolare permettono di raggiungere i propri lettori con immediatezza e capillarità.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Oltre a inserire tutte le novità e a comunicarle nel nostro gruppo come faremmo con una newsletter, è fondamentale il dialogo con i lettori. Molti ci scrivono per ringraziarci per avere pubblicato questo o quel libro che hanno amato molto, o per farci i complimenti per il nostro lavoro. Ma è importante anche per spiegare i motivi di certe scelte, per parlare più approfonditamente di un libro (rispetto alle 1000 battute di una quarta di copertina). Fino a pochi anni fa, gli editori avevano molti intermediari prima di arrivare ai loro lettori: promotori, distributori, librai, ecc. L’unico momento possibile di incontro erano le fiere del libro. Oggi con aNobii e altri social network lo scambio con il lettore è diventato molto più frequente e arricchisce il nostro lavoro e, siamo convinti, anche i nostri libri.

Quintadicopertina

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Entrambi. Personalmente mi piace più Goodreads, dà più possibilità di giocare. Ma aNobii, soprattutto in Italia, è molto più utilizzato ed è più facile conversare con i lettori italiani.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

aNobii e Goodreads sono “terre dei lettori”. Se un editore vuole sapere cosa pensano i lettori dei propri testi, e se vuole confrontarsi con loro, deve esserci. Sapendo che in un certo senso è un ospite: può facilitare la conversazione e la critica, per esempio inserendo le schede dei propri testi, proponendo discussioni a tema o magari promozioni e anteprime, ma sapendosi mettere in secondo piano quando il lettore ha solo voglia di farsi i fatti propri. La casa deve essere su misura per il lettore, che deve essere libero di fare quello che vuole.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Fino ad adesso con Quintadicopertina ci siamo tenuti a margine, per comprendere dinamiche, meccanismi, presenze e opportunità. Ci siamo limitati a inserire le schede, leggere opinioni interessanti sui testi nostri e altrui, prendere spunto, comprendere dove va la lettura (soprattutto le preferenze di chi legge digitale). I gruppi li abbiamo creati da poche settimane, e cominceremo a breve a proporre qualche anteprima a chi vuole conoscerci meglio. Quindi non ti voglio dare quantificazioni rispetto all’attività promozionale: ci interessa poco. L’importante è che il lettore sappia che, se vuole, può trovarci anche lì.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Come sugli altri social network: esserci senza rubare spazio, comprendere cosa vuole il lettore, dare risposte quando richieste, facilitare il dialogo, offrire spunti di conversazione, sapersi mettere da parte. Bisogna anche tenere conto che solo una piccola percentuale di lettori è presente su aNobii e Goodreads, che però sono consultati da un numero estremamente maggiore di lettori non iscritti.

Baldini Castoldi Dalai Editore

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Al momento solo aNobii, ma Goodreads, da quanto ho visto e letto, potrebbe essere un interessante nuovo strumento da sperimentare.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

È indubbiamente un modo per avvicinarsi ai lettori e per tenere aggiornata la propria produzione attraverso un canale on-line che coinvolge una fascia ampia di lettori, a cui piace tenere traccia delle proprie letture attraverso una libreria digitale, votando, commentando, discutendo o trascrivendo estratti che vogliono condividere o tenere a mente. Dico avvicinarsi, perché spesso un lettore si limita ad andare in libreria, o a guardare le nuove uscite su siti come Ibs, Bol, Amazon ecc. dove in media non si prende la briga di andare a vedere tutto ciò che una casa editrice pubblica o ha pubblicato. aNobii dà uno sguardo d’insieme ai nostri titoli e permette anche a chi non ci conosce di curiosare nella pagina. Da lì, essendo aNobii molto utilizzato, è facile arrivare al nostro sito istituzionale, al nostro blog e alla nostra pagina su Facebook e scoprire gli autori, conoscere anteprime, gli sconti ecc. Al momento, tuttavia, è solo un canale di supporto e di utilizzo piuttosto recente, ma non decisivo per quanto ci riguarda, tanto che molti nostri titoli non sono ancora caricati. Abbiamo un sito, un blog, una pagina Facebook, come dicevo, che sono molto curati e veicolati, ma aggiornare aNobii è quasi un “lavoro a tempo pieno”. Mi capita spesso di dover segnalare un titolo non ancora inserito e di dover mandare la copertina e la descrizione del libro attendendo che divenga disponibile, cosa che richiede chiaramente cura e tempo. Che purtroppo non sempre abbiamo.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Parlo limitatamente ad aNobii, ma sicuramente è un sito utile per promuovere l’attività della casa editrice. Prima di tutto perché permette di avere una visibilità ulteriore, dando anche la possibilità di segnalare un rimando al blog o al sito della casa editrice, nonché di inserire recensioni e approfondimenti sul libro che i lettori altrimenti non conoscerebbero. In rete abbiamo avuto grandi soddisfazioni soprattutto nel caso di generi letterari o libri che è più difficile far recensire da importanti testate giornalistiche, come ad esempio i fantasy, ma anche thriller e autori minori che spesso fanno fatica a farsi notare, a trovare l’attenzione dei giornalisti e, quindi, del pubblico che in molti casi ignora l’esistenza stessa di alcuni titoli sul mercato. Vi sono poi una serie di gruppi a cui è possibile iscriversi. La gente può “aggiungere come vicino” la casa editrice rimanendo costantemente aggiornata sulle ultime uscite, proprio come se fosse un vicino a cui si “ruba” un titolo che ci ispira e che vorremmo leggere o di cui semplicemente vogliamo ricordarci mettendolo nella lista dei desideri. Un titolo a sua volta visibile dai vicini e dagli amici, il che potrebbe portare anche all’inizio di un passaparola, perché no. Ci sono poi possibilità, sempre attraverso i gruppi, di sponsorizzare anteprime, giveaway, segnalare estratti, presentazioni e gli stessi blog spesso “linkano” le loro recensioni, permettendo ai lettori di avere giudizi imparziali, commentare o lasciare il proprio feedback, sebbene a mio avviso la componente di partecipazione sia ancora piuttosto limitata.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Ho visto che Goodreads permette agli editori e agli autori di sponsorizzarsi in modo più attivo e, credo, dietro remunerazione. ANobii nasce per i lettori e tra i lettori. Per esperienza personale, la cosa più importante è fare molta attenzione alle regole di netiquette, che prevedono una certa discrezione e rispetto di chi fa parte del mondo aNobiiano. La libreria deve dare un’idea della produzione, permettere ai lettori di sfogliarla come se si trovassero in una libreria reale, ma l’intento non deve essere commercializzare esplicitamente i propri titoli, o particolari sconti ecc. pena l’essere bannati. È più che altro un sito dove si fa informazione e comunicazione, ma la mera commercializzazione dei propri titoli è vista più come un’intrusione che come un arricchimento. Quando ho aperto una discussione o ho fatto segnalazione all’interno di un gruppo, l’ho sempre fatto dietro richiesta di “autorizzazione” all’ideatore (in certi casi è addirittura obbligatorio il benestare dell’ideatore per aprire una discussione o aggiungere un libro alla collezione). La mia impressione è che non si debba imporre la presenza dell’editore – che può dare fastidio – ma segnalarla in modo intelligente e discreto. È il lettore che deve cercare l’editore in questi mondi e non il contrario. L’editore poi è senz’altro ben disposto a comunicare con il lettore. Al contrario, fatto non trascurabile, aNobii può essere utile per capire come viene accolto e recensito un nostro libro, quali sono i giudizi e il perché di un successo o di un insuccesso. Non da ultimo poi, è possibile intuire quello che il pubblico cerca all’interno di un determinato genere, ciò che reputa ormai passato e scontato, ciò che invece vorrebbe leggere. A volte i lettori guardano anche le uscite straniere, segnalando un interesse potenziale. Nessuno ha la bacchetta magica per capire cosa pubblicare o quale libro sarà un best-seller, ma curiosare in questo senso potrebbe avere i suoi vantaggi. Delle sorte di piccole, inconsapevoli “soffiate” nel genere: mi è capitato di leggere “Basta con le saghe infinite” oppure “Ancora, ancora», oppure “Ma quando esce il seguito?” o ancora “Questa tematica è sempre più merce rara». Naturalmente si tratta di giudizi soggettivi, spesso volubili, ma il lettore ha molta voce in capitolo e per questo non va sottovalutato, ma anzi ascoltato attentamente. Credo ci sia sempre da imparare. Il mondo di aNobii pullula anche di scambi di libri (per chi legge molto, ma non tiene tutto ciò che compra e soprattutto vuole risparmiare), bookcrossing, catene di lettura, e ci sono gruppi che addirittura in determinati periodi come Natale, Pasqua ecc. si regalano un libro scelto dalla lista dei desideri dei partecipanti, il tutto in forma anonima. C’è un sottobosco straordinario di lettori in questo senso e a volte, in modo curioso, è facile apprendere alcune tendenze e opinioni. Com’è stata vissuta la legge Levi, qual è l’opinione diffusa sugli ebook e i libri fatti di carta e inchiostro, e via dicendo. Nel caso degli ebook qualcuno è addirittura ben disposto a mandarti il file via mail senza chiedere nulla in cambio. Un’incognita per il futuro in termini di vendita, tenendo conto della piccola percentuale che ancora hanno sul mercato? Senza dubbio, è pur sempre una tendenza su cui riflettere. Sarebbe bello avere il tempo di leggere anche le proposte di nuovi autori che si mettono in gioco e si espongono al giudizio dei lettori, offrendo un estratto del loro libro o l’intero romanzo a catene di lettura ecc. Non è detto, ma anche tra le pieghe insospettabili di aNobii potrebbe celarsi un nuovo talento!

Intermezzi Editore

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

1Tutti e due.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

2Per un rapporto diretto con i lettori e per la promozione dei propri libri ed eventi.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

3Molto, specialmente per le piccole e medie case editrici che hanno poco spazio su canali promozionali tradizionali.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Creando un proprio profilo, integrato e collegato con gli altri network che si usano, tenendolo sempre aggiornato, promuovendo i propri libri e eventi anche nei gruppi, coinvolgendo anche gli autori. La nostra casa editrice ha promosso circa un anno fa un’iniziativa che coinvolgeva gli utenti di aNobii, che ha avuto un discreto successo, sia di partecipazione che di risonanza, in quanto anche testate nazionali ne hanno parlato.

Ediciclo

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Solo aNobii, perché il tempo è poco ed è bene concentrarsi meglio su un singolo social network.

2. Perché è importante per una casa editrice usare ANobii e Goodreads?

Una casa editrice può dalla sua partecipazione ad aNobii avere riscontri circa la ricezione del suo catalogo da parte dei lettori forti italiani. Una persona a tempo pieno dedicata ai social network potrebbe lavorare d’intesa con l’ufficio stampa a iniziative promozionali e/o di fidelizzazione dei lettori.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Al momento in una media casa editrice (come Ediciclo: 5 persone compreso l’editore) è difficile che sia davvero “utile”, da questo punto di vista Facebook è di sicuro più incisivo. Tuttavia sarebbe stato sbagliato non aprire un account dato che diverse case editrici l’hanno fatto.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Da “gestore” dell’account a mezzo servizio (sarebbe bene appunto che siano l’ufficio stampa e/o una persona addetta a farlo) immagino un utilizzo ideale di aNobii come un filo diretto tra la casa editrice e il lettore: condivisione delle novità con iniziative ad hoc, creazione di gruppi legati ai generi, organizzazione di concorsi ecc.

Las Vegas Edizioni

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

aNobii lo usiamo soprattutto come archivio per i nostri libri e per permettere ai lettori di inserire i nostri libri nelle loro librerie con più facilità ed eventualmente di lasciarci commenti che per noi sono fondamentali. Goodreads è secondo me un ottimo social network. Per ora abbiamo solo inserito i dati dei libri ma ci piacerebbe sfruttare meglio i gruppi.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

aNobii e Goodreads sono ottimi per sondare i gusti e i pareri dei lettori senza filtri. Non li puoi condizionare e li “spii” nel loro habitat naturale. È anche molto interessante capire cos’altro leggono i lettori oltre ai nostri libri.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Nell’attività promozionale i social network sono fondamentali: devo dire che la cosa che funziona di più è quando un libro diventa virale. Tante persone segnalano o hanno in libreria un determinato libro, quindi lo aggiungono altre persone.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Secondo me oltre a inserire i dati corretti dei libri (cosa che li rende maggiormente rintracciabili) bisognerebbe dare molta attenzione ai gruppi e ai pareri dei lettori. Il loro giudizio è soggettivo e può essere messo in discussione, ma vale sempre la pena di capire perché a un lettore non è piaciuto un determinato libro. Quale mezzo migliore dei social network?

:duepunti Edizioni

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Noi, come molti, abbiamo scoperto prima aNobii come utenti-bibliofili, un po’ per il piacere (e la vanità) di mettere in mostra i nostri libri (quelli che entrano in redazione, di lavoro, di amici, di grandi e piccole passioni), e solo dopo lo abbiamo considerato un “canale” per coinvolgere i nostri lettori e far conoscere ancora di più il nostro catalogo/biblioteca aprendo un “gruppo” a questo scopo.

Nei confronti di Goodreads siamo ancora all’inizio. In questo momento lo stiamo valutando confrontandolo con aNobii. È una fase di studio, non voglio essere ingeneroso nei confronti di una piattaforma leggermente più legnosa della prima.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

Una casa editrice può scegliere tante strategie per incontrare i propri lettori (vecchi e nuovi... e soprattutto futuri). Noi adoperiamo “consapevolmente” Facebook e Twitter da un po’ di tempo, e il lato aggressive-marketing non ci interessa, per aNobii e Goodreads le cose sono diverse: non si possono veicolare messaggi che non siano legati a propri libri, anzi a libri che una casa editrice può andare a scovare nelle librerie dei lettori che hanno già fatto una scelta. In questi termini questi ultimi due social network sono qualcosa di diverso da una semplice statistica, ma servono a far riflettere. “Siamo riusciti a condividere le nostre passioni?”

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Credo che i lettori che scelgono di stare su aNobii e Goodreads non vogliano essere aggrediti, magari di tanto in tanto sono incuriositi. In ogni caso non credo sia uno strumento di direct-marketing (almeno, per noi non è così). Non ci piace “vendere fumo” e siamo sempre più felici di ricevere suggestioni piuttosto che fare semplice promozione (travestita magari dall’illusione di una vicinanza, di una interattività che fa presto a rivelarsi molto banale).

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Ritengo che ogni casa editrice sia un progetto. Alcuni editori hanno una personalità più spiccata di altri e comunicano, a volte, ben oltre quello che sta dentro i loro libri. Alcuni funzionano davvero come agenzie di comunicazione, i loro messaggi sono forti, diretti, persino astuti e “furbetti”. Altri sono una vera e propria “nebulosa”, e i loro libri rispecchiano anche questo. Parlano per noi i nostri libri, e su aNobii e Goodreads ad ascoltare ci sono i nostri lettori, quelli che abbiamo convinto e quelli che abbiamo deluso. Ad ogni modo sia chiaro che questi strumenti non sono “la verità”, sono prova dimostrativa esatta, sono luoghi di incontro tra le pagine. Il futuro ci prospetta una sempre maggiore interazione (o illusione di interazione) e il modo e le abitudini del leggere cambieranno ancora e ancora: non si tratta di una rincorsa alla moda del momento, semplicemente mantenere una propensione all’ascolto che per larga parte influenza le nostre scelte (in modo imprevedibile, nascosto… ma non si tratta di indagini di mercato).

Marco Valerio Edizioni

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

4Entrambi. Dove ci sono i nostri lettori ci siamo anche noi, senza preferenze. Con qualche fatica maggiore per quanto riguarda aNobii, poiché talvolta lo staff di questo sito pare convinto di conoscere la catalogazione, i titoli e gli isbn dei nostri libri meglio di noi e risponde magari piccato alla segnalazione di errori. Un po’ di concorrenza non fa male e aiuta entrambi a migliorare.

5Il discorso della presenza sui social network andrebbe tuttavia affrontato più in generale. La presenza delle nuove piattaforme di social network ha imposto di fatto alle aziende, a tutte le aziende, una presenza, talvolta anche faticosa in termini di impegno umano e costi, nel nome della partecipazione e del coinvolgimento degli utenti o dei clienti.

6In realtà, molto spesso, queste presenze si rivelano estremamente fallaci, quand’anche pateticamente controproducenti. È chiaro che, se un produttore di musica potrà trovare in MySpace un pubblico attento, così non è per una casa editrice di saggistica specializzata. Facebook può rivelarsi importante ma molto difficile da gestire: ne sia prova che il nostro profilo è seguitissimo, con centinaia di richieste di amicizia in lista d’attesa che non possiamo soddisfare, avendo superato la fatidica soglia dei 5000 contatti, mentre la corrispondente pagina non raccoglie gli stessi consensi, pur essendo perfettamente sincronizzata.

7La presenza sui social network è praticamente una necessità, per ragioni di brand, della quale peraltro le aziende farebbero anche volentieri a meno, poiché i vantaggi spesso non sono commisurati allo sforzo. Diverso potrebbe, ma ci limitiamo a dire potrebbe, essere l’approccio con le community specializzate di lettori. Anche in questo caso, tuttavia, il processo non è ancora compiuto. È chiaro che se una casa editrice non ha una propria presenza autonoma sul web, o perlomeno non ha un blog attivo e seguito, aNobii e Goodreads sono una grande opportunità.

8Nel nostro caso, avendo un sito partecipativo, che riassume la funzione di vetrina e di blog, la presenza su aNobii e Goodreads non è francamente strategica e rappresenta appena l’un per cento del flusso di contatto con i nostri lettori. Ci auguriamo che possa crescere.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

9Importante al momento non lo è. Come abbiamo scritto sopra, le due piattaforme non superano insieme l’uno per cento del flusso di contatti con i nostri lettori, che ci seguono attivamente tramite altri canali web. Sicuramente, per ragioni di brand, una media casa editrice non può esimersi da una presenza.

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Al momento ancora poco.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Attendiamo che siano aNobii e Goodreads a trovare e proporre spunti che rendano più appetibile uno sforzo che vada oltre la mera presenza istituzionale.

Voland

1. aNobii o Goodreads? O tutti e due?

Su aNobii sono già da qualche anno con la libreria, Goodreads non lo conosco.

2. Perché è importante per una casa editrice usare aNobii e Goodreads?

È un pubblico forte quello di aNobii, che ama i libri, che è spesso attento. Ed è gratuito, cosa molto importante. Io ho messo tutti i nostri libri ma ho l’impressione che dovremmo usare questo strumento di più e meglio. Ma il tempo e quello che è e la fatica tanta (siamo in 5 e pubblichiamo 25 libri l’anno).

3. Quanto aNobii e Goodreads sono utili nell’attività promozionale di una casa editrice?

Sono convinta che Internet sia fondamentale per le case editrici: tutti i mezzi promozionali sono utili, soprattutto per libri come i miei, io li definisco libri per lettori veri. Non sono libri consolatori, e hanno bisogno di un po’ di tempo per essere apprezzati e conosciuti.

4. Come una casa editrice dovrebbe usare aNobii e Goodreads?

Si dovrebbero mettere più recensioni, notizie sul libro, maggiori informazioni.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search